T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» musica a basso volume
Oggi alle 11:53 Da sportyerre

» Fosco Marain, Stefano Bollani e Massimo Altomare - Gnòsi delle Fànfole (2007)
Oggi alle 11:51 Da Fabio.Paolucci

» ciò solo 200 euri.... le scinte e il cinesino.... oppure...
Oggi alle 11:42 Da mumps

» B&W 805 e Muse m20 domande
Oggi alle 11:20 Da giucam61

»  GUASTO SU LETTORE SACD CAYIN SCD50T
Oggi alle 10:30 Da enrant69

» Diffusori attivi 200/300 euro
Oggi alle 10:29 Da eddy1963

» cosa manca....il giradischi!
Oggi alle 10:17 Da Masterix

» dipolo glass by Gaddari
Oggi alle 9:30 Da adriano gaddari

» Pre e finale Rotel
Oggi alle 9:26 Da giucam61

» Vendo coppia diffusori Monitor Audio Bronze BX2
Oggi alle 9:02 Da silver surfer

» CAIMAN SEG
Oggi alle 7:58 Da gubos

» Sony uhp h1
Oggi alle 6:44 Da Luca Marchetti

» handshell completa giradischi Sony PS LX 3
Oggi alle 1:02 Da valterneri

» Vendo lettore CD Rega Planet 2000 - 350 euro
Ieri alle 23:13 Da elarghi

» Vendo DOUK AUDIO DSD 1796+ xmos-u8 USB DAC 384k/32bit
Ieri alle 23:06 Da Olegol

» (TO) - vendo lettore cd NAD C521bee
Ieri alle 22:54 Da landrupp

» consiglio su nuovi vinili 180g e ristampe
Ieri alle 21:56 Da mistervolt

» Vendo preamplificatore Akai PR A04
Ieri alle 20:39 Da solitario

» L'invasione dei cloni!
Ieri alle 19:37 Da sound4me

» (TO) - Vendo Canton Quinto 530 black
Ieri alle 18:57 Da landrupp

» Sabaj A3 vs altri...(AD18, D8)
Ieri alle 18:29 Da il mascetti

» Modifica su qualsiasi lettore cd
Ieri alle 17:45 Da nerone

» SMSL M7: il dac definitivo alla portata di tutti?
Ieri alle 16:38 Da pallapippo

» Scelta ampli per Monitor Audio
Ieri alle 15:56 Da mannaiaeva

» [PA] Vendo Giradischi Project genie rpm 1.3
Ieri alle 15:12 Da Giovanni Bonacini

» Sansui AU 919...chi me ne parla?
Ieri alle 13:36 Da lello64

» Far suonare 2 bose 802
Ieri alle 13:24 Da nikko75

» musica liquida
Lun 11 Dic 2017 - 22:40 Da Masterix

» Acquisto impianto all in one- differenza udibile tra 16/44 e 24/96?!
Lun 11 Dic 2017 - 22:37 Da primula

» Diffusori per onkyo a-9010
Lun 11 Dic 2017 - 22:35 Da filippoaceto

Statistiche
Abbiamo 11219 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Misery

I nostri membri hanno inviato un totale di 802222 messaggi in 51980 argomenti
I postatori più attivi della settimana
Masterix
 
lello64
 
giucam61
 
pim
 
nerone
 
joe1976
 
nikko75
 
Luchino
 
sportyerre
 
silver surfer
 

I postatori più attivi del mese
giucam61
 
Masterix
 
lello64
 
mumps
 
joe1976
 
ftalien77
 
GP9
 
nerone
 
pim
 
dinamanu
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15534)
 
Silver Black (15495)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
fritznet (9307)
 
wasky (9229)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 67 utenti in linea: 8 Registrati, 0 Nascosti e 59 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

dieggs, filippoaceto, Luchino, mauretto, Misery, mumps, p.cristallini, thepescator

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Subwoofer in ambito HiFi

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

E' necessario un subwoofer per ascoltare Musica?

14% 14% 
[ 16 ]
86% 86% 
[ 99 ]
 
Totale dei voti : 115

Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  Silver Black il Mer 19 Ago 2009 - 2:10

Secondo voi un subwoofer è necessario in ambito puramente HiFi (solo Musica, no cinema quindi)?
Io ho sempre pensato di no e se ce ne fosse bisogno c'è qualche lacuna da qualche parte nella propria catena: ambiente, diffusori o ampli.

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il gruppo di fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.facebook.com/groups/lucegrafia
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15495
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Sviluppatore software - Istruttore di Muay Thai - Personal Trainer
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro






http://www.silvercybertech.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  kingbowser il Mer 19 Ago 2009 - 7:31

sarò controcorrente ma io ho messo sì, ed ora spiego il perché

l'unica riproduzione veramente fedele (a parte auricolari e cuffie) proviene da una sorgente puntiforme - leggasi un unico fullrange

Per motivi fisici un altoparlante non può riprodurre tutto lo spettro audio, è un fattore a lui intrinseco (un problema che comunque può essere più o meno attenuato con delle "scatole" ben fatte, che sfruttino anche l'azione posteriore, ma in questo modo la storia della sorgente puntiforme va a farsi benedire)
Sempre per motivi fisici, però, è risaputo che la sorgente delle onde acustiche "lente" (i bassi, l'appunto) non è individuabile dal nostro orecchio (sono quindi "omnidirezionali").

Per questo trovo che due fullrange che si occupano delle frequenze 80∼21kHz accoppiati ad un sub centrale (fatto bene, magari in configurazione infinite baffle che IMO è la migliore, soprattutto con altoparlanti ad hoc) che si occupa delle frequenze inferiori sia la soluzione più audiofila. Purtroppo l'infinite baffle è praticamente irrealizzabile, quindi un sub (meglio a cassa chiusa, che è comunque di difficile realizzazione) è ciò che va meglio.

Gli altoparlanti devono essere di qualità (AlNiCo se possibile) e devono essere supportati da una cassa ben ingegnerizzata che gli stia intorno.
No tagli di frequenza per i fullrange, ma un filtro attivo ben studiato a monte dell'amplificazione per il subwoofer (in tutto serve una configurazione trial mono, tre ampli che lavorino sinergicamente).

Questo è il mio punto di vista, ed è più "fisico" che audiofilo, quindi mi scuso se andrò a cozzare con opinioni altrui.

PS: bel thread, pensavo prima o poi di aprirne uno simile
avatar
kingbowser
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 14.04.09
Numero di messaggi : 1176
Località : Aosta
Impianto : iMac & PlayStation scph-1002, sure board TK2050, diffusori fulrange autocostruiti con TB W4 657B (da verniciare)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  bonghittu il Mer 19 Ago 2009 - 9:23

@Silver Black ha scritto:Secondo voi un subwoofer è necessario in ambito puramente HiFi (solo Musica, no cinema quindi)?

Rifiutando per principio i dogmi dovrei rispondere "dipende" Smile
Per come la vedo io il subwoofer deve servire per aggiungere solo
quello che altrimenti non ci sarebbe o sarebbe troppo attenuato
perdendo quindi in immagine complessiva.
Purtroppo l'abuso di questi ultimi anni lo ha trasformato in un oggetto
"terribile" ma in passato il suo uso era considerato normale in
diversi casi. Ovviamente si trattava di prodotti di qualita'
e non di oggetti da supermercato. Ho ascoltato impianti molto
equilibrati dove il sub faceva il suo lavoro ma lungi dal ritenerla
la condizione piu' facile. Bisogna considerarlo alla stregua di
qualunque altro componente e configurarlo di conseguenza.

Conviene spendere 500 euro per arrivare sino ai 20Hz?
Anche qui e' un problema molto relativo. Con diffusori
bookshelf di piccoli dimensioni puo' essere una sostituzione
valida in attesa di un passaggio a torri di qualita'.
Anche vecchi diffusori a sospensione pneumatica sono
piu' limitati rispetto ai moderni bassreflex e, a meno
di arrivare a dimensioni assai impegnative e potenze
elevate, e' molto difficile immaginare di arrivare piatti
a frequenze di area sub.
Si tratta quindi di scegliere tra due compromessi, due
diffusori e incompleti o sub.

Non e' un caso che i primi usi "HIFI" dei sub siano stati
negli studi di registrazione (durante la registrazione
dell'album "Pretzel Logic" venne utilizzato un sub concepito
adhoc).

Tirando due conclusioni credo che sia giusto rimuovere
i dogmi e valutare attentamente alla prova di ascolto
e nel proprio ambiente.
avatar
bonghittu
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.04.09
Numero di messaggi : 3520
Località : Mammarranca River (CA)
Impianto :
Spoiler:
LG BP125 - SuperPro 707 + NAD C350 + Mosscade 502




Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  Barone Rosso il Mer 19 Ago 2009 - 9:59

No

1) La direzionalità dei bassi si sente.

2) Il subwoofer ha un suono non naturale.

3) Distrugge l'informazione stereofonica e il timbro degli strumenti.

4) Ricordatevi che esistono anche le armoniche superiori e che un colpo di batteria oltre ai bassi ha anche moltissimi acuti sincronizzati coi bassi, il subwoofer singolo distrugge la sincronizzazione bassi - acuti (questo fenomeno è molto evidente all'ascolto).

quindi se volete i bassi e un suono di qualità i subwoofer devono essere due, e con un crossover ben progettato.

Spendere 500 euro .... no, al massimo spendeteli per un paio di torri di alto livello.


Ultima modifica di Barone Rosso il Mer 19 Ago 2009 - 10:03, modificato 1 volta
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8036
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  schwantz34 il Mer 19 Ago 2009 - 10:03

@Barone Rosso ha scritto:
1) La direzionalità dei bassi si sente.

2) Il subwoofer ha un suono non naturale.

ciao a todos ,
1) Io francamente non son riuscito ad individuare da dove provenivano le basse frequenze con un sub ,mai .
2) A me non pare , poi magari sbaglio
avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15534
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  Barone Rosso il Mer 19 Ago 2009 - 10:06

@schwantz34 ha scritto:
@Barone Rosso ha scritto:
1) La direzionalità dei bassi si sente.

2) Il subwoofer ha un suono non naturale.

ciao a todos ,
1) Io francamente non son riuscito ad individuare da dove provenivano le basse frequenze con un sub ,mai .
2) A me non pare , poi magari sbaglio

La sinusoide prodotta da un sub non è direzionale, ma non si tratta neppure di un suono naturale.

Non ho mai sentito uno strumento acustico dal vivo suonare come un sub.

I punti principali sono il 3 e il 4


Infine se uno ascolta solo musica elettronica & super compressa probabilmente finisce per apprezzare un sub che compensa i limiti delle registrazioni.
Poi un suono da sub potrebbe anche piacere a molti.


Ultima modifica di Barone Rosso il Mer 19 Ago 2009 - 11:03, modificato 1 volta
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8036
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  bonghittu il Mer 19 Ago 2009 - 10:46

@Barone Rosso ha scritto:

Poi un suono da sub potrebbe anche piacere a molti.

Certo, e' una questione di gusti personali, mica siamo tutti
uguali. Concordo sul fatto che la miglior configurazione sia
quella stereofonica ma laddove non e' possibile si puo'
raggiungere un ragionevole compromesso con una sola
unita'. L'importante e' farsi guidare da nient'altro che il
proprio udito dimenticandosi di quanto letto o sentito.
Naturalmente se non si ha la pazienza di configurarlo
e' meglio lasciar perdere, si rischia di non arrivare mai
a un risultato ragionevole.

E' chiaro che parliamo sempre di compromessi
da utilizzare in segmenti di mercato entry level e
in ambienti un po' sacrificati.
avatar
bonghittu
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.04.09
Numero di messaggi : 3520
Località : Mammarranca River (CA)
Impianto :
Spoiler:
LG BP125 - SuperPro 707 + NAD C350 + Mosscade 502




Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  QUALITY SOUND il Mer 19 Ago 2009 - 10:57

@Silver Black ha scritto:Secondo voi un subwoofer è necessario in ambito puramente HiFi (solo Musica, no cinema quindi)?
Io ho sempre pensato di no e se ce ne fosse bisogno c'è qualche lacuna da qualche parte nella propria catena: ambiente, diffusori o ampli.
Caro Sergio,
Il subwoofer e' un componente concepito(al di la dell'utilizzo 5+1/sourrond/dts/dolby quindi uso spettacolare e sicuramente falsato)per riprodurre le frequenze + basse del programma musicale dove lo speaker ha delle carenze nel riprodurle

QUALITY SOUND
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi

Data d'iscrizione : 01.03.09
Numero di messaggi : 853
Località : NAPOLI
Impianto : Comunicazione non indispensabile

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  QUALITY SOUND il Mer 19 Ago 2009 - 11:01

@kingbowser ha scritto:sarò controcorrente ma io ho messo sì, ed ora spiego il perché

l'unica riproduzione veramente fedele (a parte auricolari e cuffie) proviene da una sorgente puntiforme - leggasi un unico fullrange

Per motivi fisici un altoparlante non può riprodurre tutto lo spettro audio, è un fattore a lui intrinseco (un problema che comunque può essere più o meno attenuato con delle "scatole" ben fatte, che sfruttino anche l'azione posteriore, ma in questo modo la storia della sorgente puntiforme va a farsi benedire)
Sempre per motivi fisici, però, è risaputo che la sorgente delle onde acustiche "lente" (i bassi, l'appunto) non è individuabile dal nostro orecchio (sono quindi "omnidirezionali").

Per questo trovo che due fullrange che si occupano delle frequenze 80∼21kHz accoppiati ad un sub centrale (fatto bene, magari in configurazione infinite baffle che IMO è la migliore, soprattutto con altoparlanti ad hoc) che si occupa delle frequenze inferiori sia la soluzione più audiofila. Purtroppo l'infinite baffle è praticamente irrealizzabile, quindi un sub (meglio a cassa chiusa, che è comunque di difficile realizzazione) è ciò che va meglio.

Gli altoparlanti devono essere di qualità (AlNiCo se possibile) e devono essere supportati da una cassa ben ingegnerizzata che gli stia intorno.
No tagli di frequenza per i fullrange, ma un filtro attivo ben studiato a monte dell'amplificazione per il subwoofer (in tutto serve una configurazione trial mono, tre ampli che lavorino sinergicamente).

Questo è il mio punto di vista, ed è più "fisico" che audiofilo, quindi mi scuso se andrò a cozzare con opinioni altrui.

PS: bel thread, pensavo prima o poi di aprirne uno simile
Vero!! l'ideale sarebbe la sorgente puntiforme! ma e' solo teorica in quanto non possibile costruire uno speaker con queste caratteristiche per tutto lo spettro audio)
Vero anche che le frequenze al di sotto di una certa soglia non sono direzionali.

QUALITY SOUND
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi

Data d'iscrizione : 01.03.09
Numero di messaggi : 853
Località : NAPOLI
Impianto : Comunicazione non indispensabile

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  QUALITY SOUND il Mer 19 Ago 2009 - 11:04

@bonghittu ha scritto:
@Silver Black ha scritto:Secondo voi un subwoofer è necessario in ambito puramente HiFi (solo Musica, no cinema quindi)?

Rifiutando per principio i dogmi dovrei rispondere "dipende" Smile
Per come la vedo io il subwoofer deve servire per aggiungere solo
quello che altrimenti non ci sarebbe o sarebbe troppo attenuato
perdendo quindi in immagine complessiva.
Purtroppo l'abuso di questi ultimi anni lo ha trasformato in un oggetto
"terribile" ma in passato il suo uso era considerato normale in
diversi casi. Ovviamente si trattava di prodotti di qualita'
e non di oggetti da supermercato. Ho ascoltato impianti molto
equilibrati dove il sub faceva il suo lavoro ma lungi dal ritenerla
la condizione piu' facile. Bisogna considerarlo alla stregua di
qualunque altro componente e configurarlo di conseguenza.

Conviene spendere 500 euro per arrivare sino ai 20Hz?
.
L'orecchio umano non arriva a sentire 20 hz
Poi c'e' da dire anche che i dischi in vinile sono tagliati a 50 hz

QUALITY SOUND
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi

Data d'iscrizione : 01.03.09
Numero di messaggi : 853
Località : NAPOLI
Impianto : Comunicazione non indispensabile

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  QUALITY SOUND il Mer 19 Ago 2009 - 11:06

@Barone Rosso ha scritto:No

1) La direzionalità dei bassi si sente.

2) Il subwoofer ha un suono non naturale.

3) Distrugge l'informazione stereofonica e il timbro degli strumenti.

4) Ricordatevi che esistono anche le armoniche superiori e che un colpo di batteria oltre ai bassi ha anche moltissimi acuti sincronizzati coi bassi, il subwoofer singolo distrugge la sincronizzazione bassi - acuti (questo fenomeno è molto evidente all'ascolto).

quindi se volete i bassi e un suono di qualità i subwoofer devono essere due, e con un crossover ben progettato.

Spendere 500 euro .... no, al massimo spendeteli per un paio di torri di alto livello.
Vero!! i subwoofer devono essere 2 monofonici passivi(senza amplifier all'interno)

QUALITY SOUND
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi

Data d'iscrizione : 01.03.09
Numero di messaggi : 853
Località : NAPOLI
Impianto : Comunicazione non indispensabile

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  QUALITY SOUND il Mer 19 Ago 2009 - 11:12

@Barone Rosso ha scritto:
@schwantz34 ha scritto:
@Barone Rosso ha scritto:
1) La direzionalità dei bassi si sente.

2) Il subwoofer ha un suono non naturale.

ciao a todos ,
1) Io francamente non son riuscito ad individuare da dove provenivano le basse frequenze con un sub ,mai .
2) A me non pare , poi magari sbaglio

La sinusoide prodotta da un sub non è direzionale, ma non si tratta neppure di un suono naturale.

Non ho mai sentito uno strumento acustico dal vivo suonare come un sub.

I punti principali sono il 3 e il 4


Infine se uno ascolta solo musica elettronica & super compressa probabilmente finisce per apprezzare un sub che compensa i limiti delle registrazioni.
Poi un suono da sub potrebbe anche piacere a molti.
I benefici di 2 subwoofer monofonici sono molteplici:
Consente al sistema di riprodurre frequenze piu' basse
Allegerisce sicuramente il carico dei drivers e dei crossovers degli speakers principali ottenendo cosi' anche una minore distorsione udibile facilmente(la condizione pero' e che i due subwoofer siano buoni,molto buoni..)

QUALITY SOUND
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi

Data d'iscrizione : 01.03.09
Numero di messaggi : 853
Località : NAPOLI
Impianto : Comunicazione non indispensabile

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  Barone Rosso il Mer 19 Ago 2009 - 11:27

@bonghittu ha scritto:
@Barone Rosso ha scritto:

Poi un suono da sub potrebbe anche piacere a molti.

Certo, e' una questione di gusti personali, mica siamo tutti
uguali. Concordo sul fatto che la miglior configurazione sia
quella stereofonica ma laddove non e' possibile si puo'
raggiungere un ragionevole compromesso con una sola
unita'. L'importante e' farsi guidare da nient'altro che il
proprio udito dimenticandosi di quanto letto o sentito.
Naturalmente se non si ha la pazienza di configurarlo
e' meglio lasciar perdere, si rischia di non arrivare mai
a un risultato ragionevole.

E' chiaro che parliamo sempre di compromessi
da utilizzare in segmenti di mercato entry level e
in ambienti un po' sacrificati.

Per chi ascolta solo musica elettronica (tecno house trance e tutti i sotto generi) il sub diventa fondamentale, anche perché si tratta di musica fatta per essere ascoltata solo dallo stereo.

Quindi oltre ai gusti conta anche il genere di musica.

Pero devo anche dire che degli acuti e medi ben bilanciati coi bassi danno un ottima resa anche a questo tipo di generi.


Per la musica acustica serve molta precisione ed un amplificatore capace di dare un ottimo effetto di spazialità e volume (quindi classe T forever).
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8036
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  bonghittu il Mer 19 Ago 2009 - 11:47

@QUALITY SOUND ha scritto:
L'orecchio umano non arriva a sentire 20 hz
Poi c'e' da dire anche che i dischi in vinile sono tagliati a 50 hz

Vada per 25Hz (che ho la fortuna di riuscire a percepire senza troppe
difficolta').....

Per il Vinile, per ora non mi pongo il problema Smile
avatar
bonghittu
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.04.09
Numero di messaggi : 3520
Località : Mammarranca River (CA)
Impianto :
Spoiler:
LG BP125 - SuperPro 707 + NAD C350 + Mosscade 502




Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  Silver Black il Mer 19 Ago 2009 - 12:22

Secondo me si sentono anche sotto i 20 Hz... ovviamente non con l'orecchio ma con il corpo. Basta una mano sul divano che vibra (oppure le nostre chiappe!) e la sensazione di un rullante "sismico" o un esplosione in un film si fa molto più coinvolgente.

I pareri che avete espresso rappresentano proprio i miei dubbi contrastanti... forse non ho un sub all'altezza (in cassa chiusa, ma amplificato da 150 W, con 2 woofer da 20, di cui uno passivo) ma mi sembra che rovini l'articolazione dei bassi che l'accoppiata VT + Proson è in grado di offrirmi.

Forse avrei dovuto fare il sondaggio in questo modo:

Secondo te un sub nell'alscolto di Musica è:
- superfluo
- utile
- necessario

Ma ho voluto decidere per il sì e per il no per semplificare ulteriormente senza troppi compromessi!

Al mio rientro dalle vacanze proverò a connettere il sub al VT e a tararlo empiricamente (a orecchio e a... chiappe!). Vedremo...

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il gruppo di fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.facebook.com/groups/lucegrafia
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15495
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Sviluppatore software - Istruttore di Muay Thai - Personal Trainer
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro






http://www.silvercybertech.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  bonghittu il Mer 19 Ago 2009 - 12:42

@Silver Black ha scritto:
ma mi sembra che rovini l'articolazione dei bassi che l'accoppiata VT + Proson è in grado di offrirmi.

Il test sara' la prova migliore. Che subwoofer usi?
avatar
bonghittu
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.04.09
Numero di messaggi : 3520
Località : Mammarranca River (CA)
Impianto :
Spoiler:
LG BP125 - SuperPro 707 + NAD C350 + Mosscade 502




Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  piero7 il Mer 19 Ago 2009 - 13:01

Le frequenze bassissime non le senti con le orecchie ma con il corpo...

Serve? Dipende. Lasciando perdere le esigenze particolari (techno e video) con casse concepite per scendere, ma scendere bene in basso, ne fai a meno tranquillamente a meno. Altro problema è l'ambiente. Per esprimersi bene una coppia di casse anche in basso hanno bisogno di spazio. Se l'ambiente è piccolo non renderanno come in un ambiente grande in basso. In casi come questo, e nel caso di casse piccine il sub aiuta, azzolina se aiuta!

Uno o due? Tu is megl che uan! Ma, se come nel mio caso, lo tengo tagliato elettronicamente a 50hz con pendenza a ripida, uno basta e avanza, ed hai un tabernacolo di meno da sistemare in salotto.

Le basse e bassissime frequenze sono un mucchio di aria da spostare, quindi servono coni belli grossi. Ti accorgi della necessità di un sub in molti sistemi ascoltando, ad esempio, la toccata e fuga di Bach. L'organo a canne senza grossi coni che scendono in basso è vuoto e leggero.

La sistemazione in ambiente è un altro impiccio del sub.

E vogliamo parlare di cosa poi debba pilotare quel sub? Passivo, collegato allo stesso ampli che pilota i satelliti è incoerente, invasivo o, peggio insignificante. La morte di un sub è un crossover attivo ed un ampli di grande potenza (ma davvero grande). Dalle mie prove serve potenza almeno doppia collegata al sub rispetto a quella che pilota le casse per avere la certezza di poter alzare il volume e non perderti il sub per strada. In quelli commerciali c'è la possibilità di invertire la fase in step diversi. Comodo ma non indispensabile, inverti le polarità ed hai lo stesso risultato, e gli step intermedi della fase, almeno dalle mie prove, non servono proprio a nulla.

Insomma, se sei in un ambiente piccolo, hai casse che non scendono sia per dimensioni che per efficienza in basso, vuoi sentire l'organo ed avere il punch, il sub è una mano santa.

Attualmente utilizzo un Velodyne da 250watt col suo telecomando (comodissimo) per aiutare i 10cm delle minima con ottima soddisfazione. Prima avevo due HS250 della Ciare in pushpull pilotati dal Pioneer C90 (400watt su 4ohm) con crossover elettronico autocostruito. I cannoni in bronzo sparati dall'incisione 1812 erano m-e-m-o-r-a-b-i-l-i! Avete presente il bombardamento di Beirut? lol!

Un sub è da consigliare? Dipende ...
avatar
piero7
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 06.06.09
Numero di messaggi : 9854
Località : Somewhere over the rainbow
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  QUALITY SOUND il Mer 19 Ago 2009 - 13:16

@piero7 ha scritto:Le frequenze bassissime non le senti con le orecchie ma con il corpo...

Serve? Dipende. Lasciando perdere le esigenze particolari (techno e video) con casse concepite per scendere, ma scendere bene in basso, ne fai a meno tranquillamente a meno. Altro problema è l'ambiente. Per esprimersi bene una coppia di casse anche in basso hanno bisogno di spazio. Se l'ambiente è piccolo non renderanno come in un ambiente grande in basso. In casi come questo, e nel caso di casse piccine il sub aiuta, azzolina se aiuta!

Uno o due? Tu is megl che uan! Ma, se come nel mio caso, lo tengo tagliato elettronicamente a 50hz con pendenza a ripida, uno basta e avanza, ed hai un tabernacolo di meno da sistemare in salotto.

Le basse e bassissime frequenze sono un mucchio di aria da spostare, quindi servono coni belli grossi. Ti accorgi della necessità di un sub in molti sistemi ascoltando, ad esempio, la toccata e fuga di Bach. L'organo a canne senza grossi coni che scendono in basso è vuoto e leggero.

La sistemazione in ambiente è un altro impiccio del sub.

E vogliamo parlare di cosa poi debba pilotare quel sub? Passivo, collegato allo stesso ampli che pilota i satelliti è incoerente, invasivo o, peggio insignificante. La morte di un sub è un crossover attivo ed un ampli di grande potenza (ma davvero grande). Dalle mie prove serve potenza almeno doppia collegata al sub rispetto a quella che pilota le casse per avere la certezza di poter alzare il volume e non perderti il sub per strada. In quelli commerciali c'è la possibilità di invertire la fase in step diversi. Comodo ma non indispensabile, inverti le polarità ed hai lo stesso risultato, e gli step intermedi della fase, almeno dalle mie prove, non servono proprio a nulla.

Insomma, se sei in un ambiente piccolo, hai casse che non scendono sia per dimensioni che per efficienza in basso, vuoi sentire l'organo ed avere il punch, il sub è una mano santa.

Attualmente utilizzo un Velodyne da 250watt col suo telecomando (comodissimo) per aiutare i 10cm delle minima con ottima soddisfazione. Prima avevo due HS250 della Ciare in pushpull pilotati dal Pioneer C90 (400watt su 4ohm) con crossover elettronico autocostruito. I cannoni in bronzo sparati dall'incisione 1812 erano m-e-m-o-r-a-b-i-l-i! Avete presente il bombardamento di Beirut? lol!

Un sub è da consigliare? Dipende ...

Tale la consideriamo la soluzione ottimale per two channels:

AMPLI LEFT out + e - inserito (in)SUBWOOFER LEFT in + e - poi
uscita(out)SUBWOOFER LEFT inserito(in) SPEAKER LEFT

AMPLI RIGHT out + e - inserito (in)SUBWOOFER RIGHT in + e - poi
uscita(out)SUBWOOFER RIGHT inserito(in) SPEAKER RIGHT

I subwoofer sono monofonici passivi e all'interno hanno un crossover

QUALITY SOUND
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi

Data d'iscrizione : 01.03.09
Numero di messaggi : 853
Località : NAPOLI
Impianto : Comunicazione non indispensabile

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  MaurArte il Mer 19 Ago 2009 - 13:30

A mio avviso il Sub deve essere amplificato,con fase,frequenza di taglio e volume regolabile.
Non consiglio i Sub non amplificati e con crossover passante.
Come scrive piero7 l'ampli del sub deve essere di wattaggio generoso e molto ben smorzato.
Il posizionamento in ambiente è critico e può richiedere molto tempo
avatar
MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7311
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  Andrea Gianelli il Mer 19 Ago 2009 - 13:50

@Silver Black ha scritto:Secondo voi un subwoofer è necessario in ambito puramente HiFi (solo Musica, no cinema quindi)?
Io ho sempre pensato di no e se ce ne fosse bisogno c'è qualche lacuna da qualche parte nella propria catena: ambiente, diffusori o ampli.
Hello Ottima riflessione, caro Sergio. Ovviamente pienamente condivisa: mi sono già espresso più volte sull'argomento e sai bene come la penso. Wink

@QUALITY SOUND ha scritto:L'orecchio umano non arriva a sentire 20 hz
Poi c'e' da dire anche che i dischi in vinile sono tagliati a 50 hz
Hello Altro interessante spunto, questa volta da un progettista. Ebbene, caro Antonio, la seconda è una bella risposta ai molti sostenitori del vinile, ancora convinti che questo abbia una resa più fedele delle basse frequenze rispetto al cd. Ovviamente io la penso come te. Oki
Per quanto riguarda il nostro orecchio, esso percepisce frequenze comprese tra i 20 e i 20.000 Hz, ma solo in spazi aperti e con pressioni acustiche molto elevate. Infatti la frequenza minima riproducibile nel nostro ambiente è 40Hz. Resta il fatto che andare sotto i 20 (diciamo sino a 16) aiuta ad aumentare il realismo, ma si tratta di pura teoria. In proposito dei miei amici, esperti progettisti e costruttori, hanno realizzato in via sperimentale un sistema di altoparlanti in grado di riprodurre in modo lineare dai 16 Hz ai 20 KHz. Risultato? Perfezione assoluta al banco misure, semplicemente inascoltabile (a qualunque volume) in ambiente. Ebbene, escludendo il subwoofer (tagliato ad 80 Hz), il risultato all'orecchio migliorava enormemente, garantendo finalemente un alto livello di fedeltà.
In estrema sintesi, possiamo affermare che, in un ambiente domestico, quel che serve è un sistema in grado di riprodurre (a 0 dB = "curva piatta") dagli 80 Hz ai 20 kHz, lasciando ancora percepire bene le ultrabasse (60Hz a -3dB, 40Hz a -6/8dB e ancora qualcosa intorno ai 30Hz, il famoso "coinvolgimento viscerale"). Dico bene?
Ovviamente qualunque tua precisazione è gradita.


Ultima modifica di Andrea Gianelli il Mer 19 Ago 2009 - 13:54, modificato 1 volta
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  Silver Black il Mer 19 Ago 2009 - 13:51

Ho un altro dubbio che mi avete fatto nascere: il mio sub è ATTIVO (150 W) in cassa chiusa.
Prima quando avevo il T-Amp lo collegavo all'uscita sub dell'Oppo e problemi zero.

Adesso che ho il VirtueTwo, mi conviene collegarlo all'uscita sub di quest'ultimo o sempre all'Oppo direttamente? Non è che collegandolo al VT questo lo amplifica ma essendo già il sub amplificato rompo il VT o il sub?! Orrified Suicide

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il gruppo di fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.facebook.com/groups/lucegrafia
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15495
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Sviluppatore software - Istruttore di Muay Thai - Personal Trainer
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro






http://www.silvercybertech.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  schwantz34 il Mer 19 Ago 2009 - 13:54

io andrei su un subw serio ...e in seconda battuta non capisco perchè si dovrebbe rompere...


Ultima modifica di schwantz34 il Mer 19 Ago 2009 - 13:59, modificato 1 volta
avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15534
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  piero7 il Mer 19 Ago 2009 - 13:56

@QUALITY SOUND ha scritto:

Tale la consideriamo la soluzione ottimale per two channels:

AMPLI LEFT out + e - inserito (in)SUBWOOFER LEFT in + e - poi
uscita(out)SUBWOOFER LEFT inserito(in) SPEAKER LEFT

AMPLI RIGHT out + e - inserito (in)SUBWOOFER RIGHT in + e - poi
uscita(out)SUBWOOFER RIGHT inserito(in) SPEAKER RIGHT

I subwoofer sono monofonici passivi e all'interno hanno un crossover

Non per le mie orecchie. Ho provato a far passare l'ampli che pilota le minima nel sub. Il taglio è perfetto, ma, dato che piloto le minima con ampli valvolari, il crossover elettronico a semiconduttori mi sporca il segnale in maniera inaccettabile per me facendomi perdere tutti i vantaggi delle valvole. Ed ho provato pure il crossover elettronico di AM Audio che costava un sacco di soldi. Si sente che c'è n'altro aggeggio, eccome se si sente. Ed in questa configurazione, ampli che pilota i satelliti libero da tagli, crossover elettronico che taglia in basso un'altro ampli che pilota il sub, non serve manco un grande crossover. A 50/60 hz c'è ben poco di messaggio musicale e tra il crossover AM Audio che costava un sacco di soldi, e quello autocostruito con quattro integrati, non ho percepito differenze. Anche perchè bisognerebbe avere la sensibilità di un elefante per percepire differenze sotto gli 80 hz! Very Happy

Curiosità. Una configurazione del genere l'ho vista ed ascoltata nello stand Audio Note. Ongaku con trombe Avantgarde e la bellezza di sei (dico sei) sub amplificati tagliati dove le trombe non arrivavano. Impatto terrificante! Laughing

Scusa la domanda, ma non capisco l'utilità del crossover passivo se lo tagli elettronicamente. A che serve se non a perdere un po' di guadagno?
avatar
piero7
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 06.06.09
Numero di messaggi : 9854
Località : Somewhere over the rainbow
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  piero7 il Mer 19 Ago 2009 - 14:00

@Silver Black ha scritto:Ho un altro dubbio che mi avete fatto nascere: il mio sub è ATTIVO (150 W) in cassa chiusa.
Prima quando avevo il T-Amp lo collegavo all'uscita sub dell'Oppo e problemi zero.

Adesso che ho il VirtueTwo, mi conviene collegarlo all'uscita sub di quest'ultimo o sempre all'Oppo direttamente? Non è che collegandolo al VT questo lo amplifica ma essendo già il sub amplificato rompo il VT o il sub?! Orrified Suicide

silver, se non senti il sub può essere che l'ampli sia invertente e hai bisogno di invertire le polarità del sub sennò niente bassi Wink
avatar
piero7
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 06.06.09
Numero di messaggi : 9854
Località : Somewhere over the rainbow
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  Andrea Gianelli il Mer 19 Ago 2009 - 14:00

@Silver Black ha scritto:Ho un altro dubbio che mi avete fatto nascere: il mio sub è ATTIVO (150 W) in cassa chiusa.
Prima quando avevo il T-Amp lo collegavo all'uscita sub dell'Oppo e problemi zero.

Adesso che ho il VirtueTwo, mi conviene collegarlo all'uscita sub di quest'ultimo o sempre all'Oppo direttamente? Non è che collegandolo al VT questo lo amplifica ma essendo già il sub amplificato rompo il VT o il sub?! Orrified Suicide
Hello Beh, la risposta ce la siamo data: non collegarlo affatto! Smile
Inutile rischiare, no?
D'altro canto è concettualmente sbagliato usare un sub in cassa chiusa con "satelliti" bass-reflex, laddove le frequenze al di sopra degli 80Hz premiano i buoni sistemi a sospensione pneumatica mentre, al di sotto di tale frequenza, va benissimo anche un sistema accordato, dato che le ultrabasse non richiedono precisione e velocità.
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Subwoofer in ambito HiFi

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum