T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11751 utenti, con i loro 818577 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

Condividi

descriptionMusica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
La storia, le discussioni, i fautori, i detrattori, gli indifferenti... Sul La a 432 Hz sono già "inciampato" in numerose occasioni.
Ma ieri mi sono ritrovato a parlare con un musicista (assai bravo, peraltro!) entusiasta e fautore del La a 432 Hz. E, al di là di ragioni emotive, storiche e citazioni dei Pitagorici, non ha saputo darmi riferimenti di ricerche "scientifiche" in merito alla "bontà di questa frequenza rispetto allo standard attuale di 440 Hz.
Di ragioni new age in merito ne ho già lette tante.
Qualcuno può darmi indicazioni di ricerche serie sugli eventuali effetti benefici/positivi di questa accordatura?
Qualcuno, con spirito "neutro" ha fatto degli esperimenti di ascolti comparati?
Grazie!

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
Io non posso esserti molto di aiuto, ma se cerchi su google "frequenze di schumann 432hz" trovi informazioni in merito, ma forse già le conosci... e cerchi approfondimenti...
In questo caso non posso esserti di aiuto.

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@Smanetton ha scritto:
La storia, le discussioni, i fautori, i detrattori, gli indifferenti... Sul La a 432 Hz sono già "inciampato" in numerose occasioni.
Ma ieri mi sono ritrovato a parlare con un musicista (assai bravo, peraltro!) entusiasta e fautore del La a 432 Hz. E, al di là di ragioni emotive, storiche e citazioni dei Pitagorici, non ha saputo darmi riferimenti di ricerche "scientifiche" in merito alla "bontà di questa frequenza rispetto allo standard attuale di 440 Hz.
Di ragioni new age in merito ne ho già lette tante.
Qualcuno può darmi indicazioni di ricerche serie sugli eventuali effetti benefici/positivi di questa accordatura?
Qualcuno, con spirito "neutro" ha fatto degli esperimenti di ascolti comparati?
Grazie!


Il fenomeno dell'accordatura inferiore ai 440 hz è cominciato diversi anno orsono  e precisamente negli anni settanta circa con l'interpretazione filologica della musica antica rinascimentale e barocca e se sei andato a guardare le indicazioni che ti hanno dato su Wiki sai bene che non esisteva un diapason fisso in quei secoli.
La musica antica richiede per essere eseguita in maniera filogica e cito Harnoncourt che è stato uno dei grandi maestri a tal proposito , strumenti ad  arco per esempio  e archetti che hanno caratteristiche diverse dai moderni  e vuoi per le corde in budello e per la tensione dei crini
e vuoi per avere una sonorità più consona al periodo. In questa ottica I liutai hanno cominciato a lavorare in tal senso costruendo strumenti con tensioni più morbide  .
Di conseguenza il La a 440 risultava troppo alto e tecnicamente adatto a strumenti moderni più evoluti che sopportavano maggior tensione .
Da qui nasce l'esigenza strettamente musicale e tecnica costruttiva di adottare un diapason più basso per far suonare questi strumenti in modo più rudimentale possiamo dire e più adatto a tale musica rivalutata dalle indicazioni degli antichi trattati per il lato estetico interpretativo e per l'aspetto costruttivo degli strumenti .
In seguito le accordature al di sotto del La 440 da 432 a 438 sono state utilizzate anche da altri musicisti in altri contesti e nella musica classica contemporanea per ricercare alcuni effetti e nella musica rock con chitarre distorte e nella musica country con chitarre acustiche e anche nella musica vocale per ottenere questi effetti particolari che rendono il timbro per la formazione degli armonici  che si creano diverso dal tradizionale.
Ascolti brani di musica antica con strumenti filologici e di primo acchito senti una acidità maggiore nel complesso strumentale e una ricchezza armonica che dà origine a timbri molto diversi dai tradizionali moderni dopo ascolti ripetuti e così con le altre musiche di altra natura.
Il fenomeno è stato preso di balzo dai chitarristi già esperti nelle accordature aperte e dagli strumentisti a fiato nella musica jazz esempio per oscillare attorno e sotto il La codificato.
La nostra epoca che sta rivisitando tutto il passato in minor tempo rispetto alle epoche precedenti ha il vantaggio di poter sperimentare e fare proprie esperienze antiche e di portarle in contesti moderni a velocità superiore vista la mole di informazioni preesistente.
Il musicista sperimenta e se ritiene interessante una accordatura la utilizza per ottenere quel sound che ha in testa ed esprimerlo portandolo fuori dallo strumento o dagli strumenti e ottenere quel timbro particolare o quel colore nuovo.
Le  teorie new age sono semplicemente mode e le teorie scientifiche riguardano la fisica-acustica .

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
provata con l' elettrica , interessante ma niente di che'.... la spaziatura della tastiera andrebbe rivista appositamente ,
la vedo ottima x l'acustica

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
Da ignorante ho cercato notizie in rete ed ho trovato solo siti gestiti da DROGATI!
Laughing Laughing

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@Olegol ha scritto:
Il fenomeno dell'accordatura inferiore ai 440 hz è cominciato diversi anno orsono

Grazie, Olegol, per la chiara e precisa spiegazione. Saprò farne tesoro nelle geremiadi komplottistiche che mi capita di sentire ogni tanto da parte di entusiasti della new age (che ormai ha oltre quarant'anni e andrebbe chiamata middle age Hehe ).
Il miglior articolo che ho trovato in rete è questo:
Musica a 432 Hz una bufala?, scritto dal musicologo Bruce Haynes (sembra che sia una autorità in materia...).

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@dinamanu ha scritto:
provata con l' elettrica , interessante ma niente di che'....  la spaziatura della tastiera andrebbe rivista appositamente ,
la vedo ottima x l'acustica

Un album che mi acchiappa sempre è "Francisco Tarrega: Guitar Music" suonato da Mats Bergstrom con una chitarra accordata sul La a 432 Hz.

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
x quello che  ricordo il risultato e' gradevole decisamente armonioso, un bel suono

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@Smanetton ha scritto:
@dinamanu ha scritto:
provata con l' elettrica , interessante ma niente di che'....  la spaziatura della tastiera andrebbe rivista appositamente ,
la vedo ottima x l'acustica

Un album che mi acchiappa sempre è "Francisco Tarrega: Guitar Music" suonato da Mats Bergstrom con una chitarra accordata sul La a 432 Hz.


In questo disco della Naxos ha usato una chitarra di moderna liuteria costruita sul prototipo di uno strumento del 1800 che mal sopporta il La a 440 per la sua forma e il diapason alias lunghezza della corda più corta e come altre interpretazioni dedicate ai vari periodi storici, lo strumento rende meglio con questa accordatura più bassa e acquista un colore diverso e caratterizzante rispetto a uno strumento tradizionale e contemporaneamente fa una ricerca musicologica e filologica rispettando i canoni dell'epoca presa in considerazione.
Naturalmente il suono dello strumento ascoltato dal vivo, risulta molto meno potente e per il diapason inferiore e per le caratteristiche dello strumento che risulta essere più piccolo e con una forma più allungata e meno rotonda della chitarra classica moderna ma registrato ha un fascino di altri tempi che lo rende particolare.
Negli archi , nei flauti a becco e nei clavicembali che eseguono musica antica è una costante l'utilizzo del diapason inferiore ma non necessariamente 432 ed essendo strumenti regolabili la stessa intonazione varia a seconda delle esigenze.
Nei flauti si cambia la testata come in altri strumenti a fiato antichi mentre negli altri strumenti si tirano le corde a pacere .
Oggi le tastiere elettroniche o gli stessi accordatori digitali hanno la scelta del diapason dopo l'avvento della spinta musicologica e filologica di cui ho detto perchè l'orecchio è molto variabile e come tale un diapason di riferimento non può essere una imposizione teorica ma un suggerimento che il musicista varia se lo ritiene opportune a seconda delle esigenze artistiche.

Complimenti per l'ascolto del disco che effettivamente merita anche se a volte lo scotto da pagare è una carenza dinamica nel suono già piccolo di suo ma che la registrazione aiuta a nascondere.
Sei un buongustaio Laughing

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
avere la scala piu corta (diapason) non c'entra con l'accordatura piu bassa 432hz, quella riguarda l'intervallo delle note e cioe' la spaziatura nella tastiera che andrebbe costruita appositamente per i 432hz .
La Gibson ha una scala piu corta della fender per esempio ,questo gli conferisce meno  kg di  trazione delle corde cioe' sono piu morbide al tatto ed un timbro piu scuro

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@dinamanu ha scritto:
avere la scala piu corta (diapason) non c'entra con l'accordatura piu bassa 432hz, quella riguarda l'intervallo delle note e cioe' la spaziatura nella tastiera che andrebbe costruita appositamente per i 432hz .
La Gibson ha una scala piu corta della fender per esempio ,questo gli conferisce meno  kg di  trazione delle corde cioe' sono piu morbide al tatto ed un timbro piu scuro



In uno strumento elettrico le cose sono molto diverse per la struttura solid-body come hai giustamente evidenziato , mentre nelle chitarre classiche che sono vuote , il diapason corto e la costruzione della cassa e del resto dello strumento adeguata a quello, presuppongono una tensione minore della corda indipendentemente dai 432 e relativa spaziatura e per questo si opta per un accordatura meno tirata e quindi con un La inferiore per farla risuonare e vibrare  meglio diminuendo la trazione  complessiva  delle corde che altrimenti sarebbe troppo tesa  e  come conseguenza il timbro acquista più morbidezza e diventa più scuro se vuoi usare questo termine , per la  maggior ricchezza di armonici della gamma bassa e la frequenza di risonanza alla quale si adatta la  chitarra di liuteria .
Più lo strumento è piccolo in toto, diapason compreso,e più squilla alzando il valore del La.

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@Olegol ha scritto:
@Smanetton ha scritto:

Un album che mi acchiappa sempre è "Francisco Tarrega: Guitar Music" suonato da Mats Bergstrom con una chitarra accordata sul La a 432 Hz.


In questo disco della Naxos  ha usato una chitarra di moderna liuteria  costruita sul prototipo di uno strumento del 1800   che mal sopporta il La a 440 per la sua forma e il diapason alias lunghezza della corda più corta e come altre interpretazioni dedicate ai vari periodi storici, lo strumento rende meglio con questa accordatura più bassa e acquista un colore diverso e caratterizzante rispetto a uno strumento tradizionale e contemporaneamente fa una ricerca musicologica e filologica rispettando i canoni dell'epoca presa in considerazione.
Naturalmente il suono dello strumento ascoltato dal vivo, risulta molto meno potente e per il diapason inferiore e per le caratteristiche dello strumento che risulta essere più piccolo e con una forma più allungata e meno rotonda della chitarra classica moderna ma registrato ha un fascino di altri tempi che lo rende particolare.
Negli archi , nei flauti a becco e nei clavicembali che eseguono musica antica è una costante l'utilizzo del diapason inferiore ma non necessariamente 432 ed essendo strumenti regolabili la stessa intonazione varia a seconda delle esigenze.
Nei flauti si cambia la testata come in altri strumenti a fiato antichi mentre negli altri strumenti si tirano le corde a pacere .
Oggi le tastiere elettroniche o gli stessi accordatori digitali hanno la scelta del diapason dopo l'avvento della spinta musicologica e filologica di cui ho detto perchè l'orecchio è molto variabile e come tale un diapason di riferimento  non può essere una imposizione teorica ma un suggerimento che il musicista varia se lo ritiene opportune a seconda delle esigenze artistiche.

Complimenti per l'ascolto del disco che effettivamente merita anche se a volte lo scotto da pagare è una carenza dinamica nel suono già piccolo di suo ma che  la registrazione aiuta a nascondere.
Sei un buongustaio  Laughing



Retifica: la chitarra di Bergstom è a 435Hz di La.

Guitar by Lars Jönsson, Dalarö, Sweden, 2002, after an instrument by Antonio de Torres, Almería, Spain, 1888
(# SE 114, previously owned by Francisco Tárrega, now in the collection of Sheldon Urlik)
Strings: Savarez Corum Alliance, high tension
a = 435 Hz

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
non e' proprio corretto , non cambia nulla tra l'elettrica o una acustica ,se si vogliono diminuire i kg di trazione si ricorre solo accorciando la scala ,abbassando di poco il la a 432 non cambia nulla nella trazione .....Per modificare la timbrica ed anche la trazione si fa' come il buon hendrix accordando un semitono sotto ! si che le cose cambiano ,poi si possono usare anche accordature alternative come in Sol degli Stones o alcune open degli ledzepp o le metal dropD

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@Olegol ha scritto:
Retifica: la chitarra di Bergstom è a 435Hz di La.

Chiedo venia, la memoria mi ha giocato un brutto scherzo. Very Happy

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@dinamanu ha scritto:
non e' proprio corretto , non cambia nulla tra l'elettrica o una acustica ,se si vogliono diminuire i kg di trazione  si ricorre solo accorciando la scala ,abbassando di poco il la a 432  non cambia nulla nella trazione .....Per modificare la timbrica ed anche la trazione si fa' come il buon hendrix  accordando un semitono sotto ! si che le cose cambiano ,poi si possono usare anche accordature alternative come in Sol degli Stones  o alcune open degli ledzepp  o le metal dropD



Diciamo le stesse cose in maniera diversa.
Romanillos (che è un liutaio famoso) sule chitarre Torres di fine ottocento , parla di "giusta tensione delle corde" che è quel rapporto che si crea fra lunghezza del diapason, rigidezza della tavola e sua curvatura, risonanza dello spazio cavo della chitarra, risonanza o intonazione della tavola. Quando tali rapporti sono giusti, nel momento in cui la corda si mette in vibrazione lo strumento agevola, grazie alle specifiche risonanze, il movimento oscillatorio cosicchè il suono esce con più spontaneità e immediatezza e la sua durata viene prolungata maggiormente.

Tutti i liutai hanno le loro teorie a tal proposito tanto è vero che Roy Courtnall parte da una lunghezza vibrante di 604 mm per arrivare a 650 mm. Sanchez arriva anche a 660 mm. ma forse il dato in questione è "la corda vibrante a 635 mm per un LA 432 hz usato in molte chitarre romantiche invece di 650- 660 per le chitarre moderne .

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
Non del tutto...scusami se sono stato un po' pignolo ma mi diletto molto a lavorare sulle chitarre e so esattamente come costruirle

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@dinamanu ha scritto:
Non del tutto...scusami se sono stato un po' pignolo ma mi diletto molto a lavorare sulle chitarre e so esattamente come costruirle


Le Fender e le Gibson sono un tipo di chitarra , le classiche un altro tipo di chitarra che a livello costruttivo non sono neanche parenti .
Romanillos, Sanchez , Ramirez e altri costruiscono strumenti secondo la lunghezza del diapason che varia da 605 a 660 con un margine di 55mm e quindi adattano le tensioni e l'accordatura richiesta mentre le altre citate hanno diapason standard di 647,70 per la prima e 628,65 mm per la seconda che rimangono sempre quelli .

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@Olegol & Dinamanu
Mi piace un sacco la discussione che avete intavolato. Ok
Visto che abitate vicini, chissà come sarebbe se vi trovaste a fare un brainstorming di persona.
O una jam session tipo quella di White, The Edge e Page in "It Might Get Loud"... Cool

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
Diapason chitarre (alcuni modelli molto diffusi)

20.7"  = 527 mm - alcuni modelli di Rickenbacker
22.5"   = 572 mm - alcuni modelli di musicmaster e jaguar a scala ridotta
22.75" = 578 mm - le Gibson con scala 3/4 e il modello  Melody Maker
24"      = 610 mm - diversi modelli fender come mustang jaguar e altri
24.75" = 629 mm - la maggior parte dele chitarre gibson e rikenbacker
25"     = 635 mm - chitarre Paul Reed Smith
25.5"  = 648 mm - la scala più in uso per le chitarre. strato, tele ecc
27"- 30" = 685-762 mm chitarre baritone

Nelle chitarre questa lunghezza è in genere compresa in un campo di valori in uso sin dagli inizi della liuteria elettrica e derivante da quella classica, ed è frutto di sperimentazioni fatte per ottenere il giusto equilibrio tra lunghezza, spessore, tensione, e timbro delle corde.

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@CHAOSFERE ha scritto:
Diapason chitarre (alcuni modelli molto diffusi)

20.7"  = 527 mm - alcuni modelli di Rickenbacker
22.5"   = 572 mm - alcuni modelli di musicmaster e jaguar a scala ridotta
22.75" = 578 mm - le Gibson con scala 3/4 e il modello  Melody Maker
24"      = 610 mm - diversi modelli fender come mustang jaguar e altri
24.75" = 629 mm - la maggior parte dele chitarre gibson e rikenbacker
25"     = 635 mm - chitarre Paul Reed Smith
25.5"  = 648 mm - la scala più in uso per le chitarre. strato, tele ecc
27"- 30" = 685-762 mm chitarre baritone

Nelle chitarre questa lunghezza è in genere compresa in un campo di valori in uso sin dagli inizi della liuteria elettrica e derivante da quella classica, ed è frutto di sperimentazioni fatte per ottenere il giusto equilibrio tra lunghezza, spessore, tensione, e timbro delle corde.


Ok

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
ti sbagli non cambia nulla tra i tipi di chitarre funzionano tutte esattamente con lo stesso principio , specialmente per il discorso che stavamo facendo e cioe' la scala e 432hz .
MA cosa stai dicendo la gibson e la fender vengono prodotti con varie scale, la Byrdland ha una scala  23.5 e comunque puoi fartela della scala che vuoi ...difatti quella che ho progettato io ha una scala particolarmente corta e dipende se vuoi due ottave di estensione
Una qualsiasi chitarra jazz risuona il piano armonico come una classica ed e' anche elettrificata...le acustiche della Martin risalgono la fine del 800 non fare lo spocchioso con le classiche grazie, stai parlando di cose che non conosci

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
Il tema sull'accordatura a 432 hz per il "LA" degli strumenti musicali, ha molte opinioni ......
L’attuale frequenza di 440 hz per la nota LA entrò in vigore e divenne uno standard nel 1955. I motivi di tale scelta credo vadano ricercati nelle caratteristiche fisiche degli strumenti stessi. Evidentemente accordare uno strumento od addirittura una intera orchestra risulta più semplice.
I sostenitori dei 432 hz si dividono principalmente in due grandi gruppi o movimenti che dir si voglia: quello dello "Schiller Institute" (rappresentante il mondo della musica classica ed acustica) e quello "AUMega Music Revolution" fondato da Ananda M. Bosman che (per ora) si occupa soltanto di musica elettronica.
Per lo "Schiller" il discorso è molto semplice: basta accordare lo strumento sulla frequenza desiderata per ottenere il risultato voluto.
Al contrario "Bosman" afferma che non solo la frequenza di partenza è importante ma lo sono anche le altre che seguono, infatti ha sviluppato una scala che rispetta i numeri del "Pentaedro di Siepinski" (rappresentazione della matematica dell'8 che sarebbe la frequenza fondamentale che sta alla base della vita stessa).
Quindi per gli strumenti acustici basta mantenere il rapporto della "scala equabile" (non potendo fare altrimenti: significherebbe riproggettare gli strumenti).







descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@CHAOSFERE ha scritto:
Il tema sull'accordatura a 432 hz per il "LA" degli strumenti musicali, ha molte opinioni ......
..."AUMega Music Revolution" fondato da Ananda M. Bosman...

Grazie!
Nel mio vagabondare in rete alla ricerca di informazioni sono già capitato nel sito di Ananda Bosnam. Onore a questo tizio che è riuscito a far quadrare il cerchio con paragoni geometrici e matematici veramente creativi.
Il fatto che ha bisogno dell'elettronica per generare i suoni secondo la sua teoria la dice lunga sulla "naturalità" di essa. Hehe
In ogni caso tutti buoni stimoli per continuare a mantenere la plasticità delle mie sinapsi. Cool

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
@dinamanu ha scritto:
ti sbagli non cambia nulla tra i tipi di chitarre funzionano tutte esattamente con lo stesso principio , specialmente per il discorso che stavamo facendo e cioe' la scala e 432hz .
MA cosa stai dicendo la gibson e la fender vengono prodotti con varie scale, la Byrdland ha una scala  23.5 e comunque puoi fartela della scala che vuoi ...difatti quella che ho progettato io ha una scala particolarmente corta e dipende se vuoi due ottave di estensione
Una qualsiasi chitarra jazz risuona il piano armonico come una classica ed e' anche elettrificata...le acustiche della Martin risalgono la fine del 800 non fare lo spocchioso con le classiche grazie, stai parlando di cose che non conosci



I miei riferimenti erano alla standard Les paul a alla Stratocaster per la lunghezza del diapason ovvero della corda vibrante.
432 Hz non è una scala ma una frequenza alla quale gli strumenti andranno accordati indipendentemente dal resto .
Gli unici strumenti che io conosco, costruiti e progettati per essere accordati al di sotto dello standard 440hz, sono copie di strumenti antichi fabbricati da liutai moderni.
Che poi qualsiasi strumento possa essere utilizzato al di sotto dell'accordatura di riferimento fino a un tono ed oltre è un altra questione che non c'entra con l'argomento proposto inizialmente.

descriptionRe: Musica con La a 432 Hz. Informazioni e o esperienze?

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum