T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11751 utenti, con i loro 818935 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Guarda l'annuncio e se hai i requisiti necessari proponiti come moderatore.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione!

Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

Condividi

descriptionPannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Su richiesta dalla sezione "Meetings" del forum, fornisco maggiori dettagli sui pannelli acustici "t-class" che abbiamo sperimentato l'altra settimana. Oltre a essere efficaci come i pannelli più costosi o ingombranti, possono essere facilmente riposti via quando non ascoltate la musica (il famoso WAF = wife acceptance factor): idealmente ci vorrebbe un'ampia sala dedicata al nostro impianto ma nella maggior parte dei casi ciò non è possibile e i pannelli ci aiutano a compensare i difetti della stanza (senza necessità di installarli a parete).

Premetto che l'idea di questi pannelli è brevettata dalla RPG ma ognuno può farne uso personale (essendo il brevetto pubblico) ma non commerciale. Inoltre, occorrono fare circa 500 o 1000 buchi per pannello per cui è impensabile farli con il trapano di casa: qualcuno proponeva un group buy per farli fare a una ditta che ha una macchina a controllo numerico (CNC), cosa possibile perché i costi sono comunque umani.

I post seguenti toccheranno i seguenti aspetti.

Puntata 1: Come sono fatti i pannelli.

Puntata 2: Come si usano i pannelli.

Puntata 3: Istruzioni per costruirli.

Puntata 4: File con le coordinate dei fori da dare in pasto alla macchina CNC.

Questi pannelli vi cambiano la vita? Non lo so, però prima di cambiare i componenti del vostro impianto perché il suono è troppo aspro oppure rimbomba, provate a vedere se i pannelli alleviano questi difetti: i medi e alti diventano più puliti e dolci quanto basta, il basso si asciuga ma rimane pieno. Non bisogna comunque mai esgerare con un numero eccessivo di pannelli, altrimenti il suono si asciuga troppo.

-Roberto

descriptionPuntata 1: Come sono fatti i pannelli

more_horiz
Il pannello quadrato ha dimensione 60 cm x 60 cm e uno spessore di 3mm. Quello rettangolare ha dimensione 60 cm x 120 cm (stesso spessore di 3mm) ed è il disegno di due pannelli quadrati affiancati.

La versione base è di MDF, quella che si può curvare è di PVC (più costosa). Al posto dell'MDF potete usare altri tipi di materiale e il PVC è disponibile in vari colori: ciò che importa non è il materiale ma il fatto che i fori assorbano il suono (comprimendolo ed espandendolo quando ci passa, così perde energia) e il resto del pannello rifletta. Se volete rinforzare l'assorbimento dei bassi, potete metterci una spugna fonoassorbente sul retro ma francamente a me sembra che non ce ne sia bisogno nella maggior parte dei casi.

Vi mostro alcuni esempi di pannelli. Come potete osservare, non c'è nulla di stratosferico se non il pattern, che funziona piuttosto bene!







Se guardiamo il disegno dei fori, questi seguono una regola (pattern in inglese). Questo pattern non è casuale ma deriva da uno studio sperimentale della RPG ed è brevettato per questo. Perché funziona questo pattern? Non viene spiegato nel brevetto: certamente, se prendete i pannelli diffusori 3D "skyline", questi hanno altezze diverse che seguono una certa regola matematica motivata dalla teoria dei segnali. Probabilmente lo stesso vale per questo pattern, con la differenza che abbiamo un pannello di soli 3mm di spessore mentre i diffusori 3D sono ingombranti.



Se osservate bene il pattern, vedete che c'è anche una freccia che ho evidenziato. Nei miei vari tentativi, ho notato che è preferibile orientarla dalla sorgente sonora verso il punto di ascolto. Indicherò questo orientamento con una freccia nei miei disegni.

Nota: purtroppo in italiano "diffusore" è ambiguo, perché c'è il diffusore acustico (loudspeaker) e il pannello diffusore (diffuser).




descriptionPuntata 2: Come si usano i pannelli

more_horiz
Vi fornisco due configurazioni di base che lavorano su due tipi di riflessione, sulla parete frontale e le due pareti laterali della stanza d'ascolto, ipotizzando che:
- ci sia un tappeto per terra, in modo che non dobbiamo preoccuparci troppo del tappeto e del soffitto;
- la parete posteriore sia abbastanza distante dal punto di ascolto, altrimenti dovete mettere dei pannelli anche dietro.
Le riflessioni frontali sono in blu e quelle laterali in rosso nella figura.




La prima configurazione utilizza 4 pannelli rettangolari e 4 quadrati. Quelli blu e rossi è preferibile sceglierli rettangolari: l'effetto dei blu è di separare meglio i suoni del palcoscenico sonoro (soundstage) mentre quelli rossi hanno lo scopo di aumentare o attenuare la vividezza degli alti (a seconda di come sono orientati) e soprattutto di allargare la scena sonora anche in una stanza piccola. Infine i quattro in grigio possono essere quadrati perché devono annullare l'effetto rimbombo del basso.



La seconda utilizza 2 pannelli rettangolari e 4 quadrati. Praticamente sono spariti i due pannelli posteriori. In genere, se non avete problemi di rimbombo dei bassi, potete evitare di mettere i quattro pannelli grigi dagli angoli. Però forse conviene fare un po' di prove, quelli quadrati in MDF dovrebbero costare poco. Inoltre i blu e i rossi possono essere quadrati se messi alla stessa altezza del medio-alto: francamente però preferisco i rettangolari in quelle posizioni.



Non vi fate intimidire dall'apparente complicazione di sistemare i pannelli. Pensate all'illuminazione mediante luce riflessa e diretta, potete avere contorni e dettagli marcati o ammorbiditi quanto basta. Con il suono, lo scenario è simile, solo che non vediamo ma ascoltiamo :-) Se vi aiuta a ragionare, utilizzate uno specchio stando seduti dal punto di ascolto: quando visualizzate il tweeter del vostro loudspeaker, avete trovato un punto di riflessione laterale.

Con il tempo, capirete come utilizzarli al meglio per accordare la vostra stanza, anche in base alle condizioni del momento (tavolini in mezzo alla stanza oppure, per esempio, anche se sembra comico, temperatura e umidità dell'aria che influiscono, come ben sanno gli ingegneri del suono). Sperimentate con i pannelli e ascoltatene l'effetto sonoro ottenuto, è la parte divertente del nostro hobby. Usate più pannelli quanto basta oppure disponeteli in modo diverso, orientateli appoggiandoli come ritenete opportuno. Se volete potete metterli anche nei punti di riflessione del soffitto, non ho ancora osato tanto perché sono già soddisfatto della confingurazione 1.

Importante: i pannelli piatti non devono essere perfettamente aderenti alla parete, ma occorre lasciare un po' di vuoto dietro, almeno 3 0 4 cm. In poche parole, l'aria deve poter circolare dietro i pannelli.

descriptionPuntata 3: Istruzioni per costruirli

more_horiz
La cosa più semplice da fare è prendere quelli in MDF e appoggiarli alle pareti o ai mobili, per poi riporli da una parte quando non servono. Vedrete che riposti occupano poco spazio e non ci vuole molto tempo a sistemarli con un po' di pratica. È un buon compromesso se non si può trattare la stanza con dei pannelli stabilmente installati sulle pareti.

Passiamo ora ai pannelli in PVC curvati (l'MDF non si può curvare facilmente, rischia di spezzarsi). Il potere di diffusione aumenta rispetto a quelli piatti ma sono più complicati da costruire. Avete principalmente due scelte.

1. Potete utiizzare un telaio da pavimento come illustrato nel disegno allegato. Meglio ancora se li fate basculanti, così potete orientarli anche verso l'alto o il nbasso.



2. Potete farvi costruire dal vostro corniciaio una cornice di dimensione interna 58 x 60 oppure 58 x 120 da fissare a parete: notate che i due cm mancanti causano la curvatura del pannello quando lo inserite. Meglio se fate fare anche due scalanature interne lungo i due lati interni verticali, in modo da incastrarci i bordi laterali del pannello in PVC ed evitare che il pannello esca dalla cornice. Volendo, potete anche far mettere una barra centrale di multistrato dove attaccare quei bracci snodabili che si usano per montare a parete i televisori LCD. In questo modo potete orientare il pannello in tutte le direzioni volute.








Alla fine, ho scelto di farmi preparare i pannelli dai Fratelli Margotto a Cerea (VR) per il punto 1, mentre per il punto 2 sono andato dal mio corniciaio (le cornici le ho pagate 30 euro l'una). Quando sono andato a ritirare i pannelli dai Fratelli Margotto ne ho approfittato per fare qualche foto, visto che producono anche chassis per elettroniche e per loudspeaker.






descriptionPuntata 4: File con le coordinate dei fori da dare in pasto alla macchina CNC

more_horiz
Allego delle immagini su come devono essere i fori per i pannelli quadrati e per quelli rettangolari.





Per istruire una macchina CNC, vi allego anche i file per le quote, ossia le coordinate dei fori in formato testuale, e i file in formato Autocad per chi vuole usare direttamente quest'ultimi.

File da scaricare (ZIP)

http://rapidgator.net/file/26512307/FilePannelli.zip.html

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Ciao, il costo di tutto ?

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Grande Roberto, questo 3d me lo leggo con calma...
Ok

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Ok

descriptionPuntata 2 bis: Come si usano i pannelli (sostituisce la precedente)

more_horiz
Vi fornisco due configurazioni di base che lavorano su due tipi di riflessione, sulla parete frontale e le due pareti laterali della stanza d'ascolto, ipotizzando che:
- ci sia un tappeto per terra, in modo che non dobbiamo preoccuparci troppo del tappeto e del soffitto;
- la parete posteriore sia abbastanza distante dal punto di ascolto, altrimenti dovete mettere dei pannelli anche dietro;
- le porte e finestre sono (soc)chiuse perché quando sono aperte cambiano l'acustica.
Le riflessioni frontali sono in blu e quelle laterali in rosso nella figura.




La prima configurazione utilizza 4 pannelli rettangolari e 4 quadrati. Quelli blu e rossi è preferibile sceglierli rettangolari. L'effetto dei blu è di separare meglio i suoni del palcoscenico sonoro (soundstage) mentre quelli rossi hanno lo scopo di aumentare o attenuare la vividezza degli alti (a seconda di come sono orientati) e soprattutto di allargare la scena sonora anche in una stanza piccola: di solito metto i blu paralleli alla parete mentre uso i rossi per fare tuning del suono, spostandoli un poco di posizione o angolo si apre il suono per esempio). Infine i quattro in grigio possono essere quadrati perché devono annullare l'effetto rimbombo del basso mettendoli nell'angolo parete-parete-pavimento: i due negli angoli della parete frontale controllano anche la spazialità 3D del soundstage mentre i due negli angoli della parete posteriore controllano anche la rotondità di tutto il suono.



La seconda utilizza 2 pannelli rettangolari e 4 quadrati. Praticamente sono spariti i due pannelli posteriori. In genere, se non avete problemi di rimbombo dei bassi, potete evitare di mettere i quattro pannelli grigi dagli angoli. Però forse conviene fare un po' di prove, quelli quadrati in MDF dovrebbero costare poco. Inoltre i blu e i rossi possono essere quadrati se messi alla stessa altezza del medio-alto: francamente però preferisco i rettangolari in quelle posizioni.



Non vi fate intimidire dall'apparente complicazione di sistemare i pannelli. Pensate all'illuminazione mediante luce riflessa e diretta, potete avere contorni e dettagli marcati o ammorbiditi quanto basta. Con il suono, lo scenario è simile, solo che non vediamo ma ascoltiamo :-) Se vi aiuta a ragionare, utilizzate uno specchio stando seduti dal punto di ascolto: quando visualizzate il tweeter del vostro loudspeaker, avete trovato un punto di riflessione laterale.

Con il tempo, capirete come utilizzarli al meglio per accordare la vostra stanza, anche in base alle condizioni del momento (tavolini in mezzo alla stanza oppure, per esempio, anche se sembra comico, temperatura e umidità dell'aria che influiscono, come ben sanno gli ingegneri del suono). Sperimentate con i pannelli e ascoltatene l'effetto sonoro ottenuto, è la parte divertente del nostro hobby. Usate più pannelli quanto basta oppure disponeteli in modo diverso, orientateli appoggiandoli come ritenete opportuno. Se volete potete metterli anche nei punti di riflessione del soffitto, non ho ancora osato tanto perché sono già soddisfatto della confingurazione 1.

Importante: i pannelli piatti non devono essere perfettamente aderenti alla parete, ma occorre lasciare un po' di vuoto dietro, almeno 3 0 4 cm. In poche parole, l'aria deve poter circolare dietro i pannelli.


Ultima modifica di robertopisa il Sab 21 Lug 2012 - 12:52, modificato 1 volta

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Da un breve calcolo, i pannelli MDF 60x60 costano una cinquantina di euro e quelli 60x120 una settantina. Quelli in PVC venti-trenta euro in più. Per gli eventuali telai non ho idea, dipende da quello che uno vuole. Credo che facendo un group buy uno possa ottenere uno sconto, bisogna sentire la ditta. Secondo me, prendendone 4 quadrati e 4 rettangolari in MDF uno potrebbe portarseli con max 400 euro in totale mentre 4 quadrati MDF e 4 rettangolari PVC con max 500 euro. Per un confronto, calcola che un solo pannello 60x120 di quelli originali (rivestiti da tela bianca e con spugna fonoassorbente della RPG nelle foto precedenti) l'ho pagato circa 250 sterline (circa 390 euro).

X Federico e Biagio: grazie

@magnaco ha scritto:
Ciao, il costo di tutto ?

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Grazie a me? Embarassed Ma grazie a te. Smile

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Bello-Bello sto 3D....complimenti Roberto.!

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
c'è mica qualche programma semplice per vedere i tempi di riverbero della stanza senza spendere una follia e necessitare di microfoni a condensatore ,schede audio dedicate etc che dia un idea della risposta in frequenza della stanza e , se si sta lavorando nella giusta direzione???? Please Please

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
@robertopisa ha scritto:
Da un breve calcolo, i pannelli MDF 60x60 costano una cinquantina di euro e quelli 60x120 una settantina. Quelli in PVC venti-trenta euro in più. Per gli eventuali telai non ho idea, dipende da quello che uno vuole. Credo che facendo un group buy uno possa ottenere uno sconto, bisogna sentire la ditta. Secondo me, prendendone 4 quadrati e 4 rettangolari in MDF uno potrebbe portarseli con max 400 euro in totale mentre 4 quadrati MDF e 4 rettangolari PVC con max 500 euro. Per un confronto, calcola che un solo pannello 60x120 di quelli originali (rivestiti da tela bianca e con spugna fonoassorbente della RPG nelle foto precedenti) l'ho pagato circa 250 sterline (circa 390 euro).

X Federico e Biagio: grazie

@magnaco ha scritto:
Ciao, il costo di tutto ?



Roberto si può usare il compensato di legno da 4mm ?. Da come ho potuto capire l'importante sono la disposizione dei fori non del materiale vero?
Un ultima domanda i fori posso essere da 10 o 12 mm, qual'è la differenza??

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
ma sei sicuro della dimensione dei fori dalle foto sembrano fori da 4/6 da 10/12 son più di un centimetro

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Vado a orecchio ma ammetto che sarebbe il caso di fare delle misure... purtroppo per fare delle misure veramente affidabili occorre un'attrezzatura piuttosto costosa. Usarne uno meno professionale non so poi se è tanto meglio dell'orecchio umano...

-R

@gaeo ha scritto:
c'è mica qualche programma semplice per vedere i tempi di riverbero della stanza senza spendere una follia e necessitare di microfoni a condensatore ,schede audio dedicate etc che dia un idea della risposta in frequenza della stanza e , se si sta lavorando nella giusta direzione???? Please Please

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Certo, non credo che faccia differenza cambiare materiale. Può farlo lo spessore secondo me, infatti credo che funzioni diversamente se uno usa del legno da 3-4 cm di spessore per esempio, perché il comportamento del passaggio dell'aria cambia rispetto a uno spessore di 3-4 mm.

Credo i fori da 12mm siano il mezzo pollice, però calcola che con fori da 10mm ci sono 8mm di materiale tra due fori consecutivi: se li porti a 12mm, diventa solo di 4mm e temo che il pannello diventi più fragile, specie se uno vuole curvarlo. Ho l'originale con buchi da 12mm e non trovo differenze particolari rispetto alle copie con 10mm. Usa pure 10mm, è più sicuro se c'è una sbavatura e funziona ugualmente.

@rattaman ha scritto:
Roberto si può usare il compensato di legno da 4mm ?. Da come ho potuto capire l'importante sono la disposizione dei fori non del materiale vero?
Un ultima domanda i fori posso essere da 10 o 12 mm, qual'è la differenza??

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Sì ce l'ho davanti :-)

Non guardare i disegni, dove i buchi non sono proporzionali, ma le prime foto dei pannelli.

-R

@gaeo ha scritto:
ma sei sicuro della dimensione dei fori dalle foto sembrano fori da 4/6 da 10/12 son più di un centimetro

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Grande Roberto, davvero un'ottima guida! Ok

Sai mica se ci sono in rete dei grafici per verificare il comportamento di questi pannelli in base alle frequenze?
Giusto per capire quali frequenze assorbe e quali difonde.

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Ho trovato questi:
www.acousticvision.com.au/RPGDiffusers/RPGResidential/BADPanel/tabid/160/Default.aspx

Il pannello sembra simile, ma i grafici si riferiscono al pannello accoppiato con qualche materiale fonoassorbente.
La geometria ti sembra la stessa dei tuoi?

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz


ok grazie ...cmq credo che se non trovi differenze tra buchi da 12 e 10mm (che sono una bella differenza) non si dovrebbe percepire differenze nemmeno nello spessore di soli 1mm (tra 4 e 3mm)..poi non so ...sono ignorante in materia.

Grazie per le tue informazioni e materiale. Ok

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
visto che ho posticipato la partenza...(non per vacanze Laughing ) lunedi me ne faccio 1 di prova Wink

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
@rattaman ha scritto:
visto che ho posticipato la partenza...(non per vacanze Laughing ) lunedi me ne faccio 1 di prova Wink

Ma hai una macchina cnc in garage o vai di trapano? Hehe

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
@sickshotshow ha scritto:
@rattaman ha scritto:
visto che ho posticipato la partenza...(non per vacanze Laughing ) lunedi me ne faccio 1 di prova Wink

Ma hai una macchina cnc in garage o vai di trapano? Hehe


trapano...anzi fresatrice verticale ...ho fatto di peggio Laughing

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
@rattaman ha scritto:


stupenda opera tra l'arte la natura e la scienza complimenti Clap Clap Clap
Muble me ne fai un paio a tronco di cono ??? Hehe a gratis ovviamente Hehe
p.s. sul gratis sto scherzando

descriptionRe: Pannelli acustici "t-class" per trattamento della stanza d'ascolto

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum