T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11775 utenti, con i loro 820012 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Cavi.. ma vale la pena ?

Condividi

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@giammo ha scritto:
NON SPENDERE SOLDI IN CAVI!! RAME RAME E RAME, BASTA!! E POI devi rodare bene i DIFFUSORI, certi hanno bisogno di parecchie ore per suonare come dovrebbero. Ricordati che poi se con l'eq. FLAT e i toni esclusi senti ancora asprezze in gamma alta ecc, sicuramente per la maggior parte dei casi il problema è dei diffusori! La cosa più importante di TUTTA LA CATENA AUDIO, IMPARA, SONO I DIFFUSORI! Cool I love you Il cuore pulsante di quello che ascolti, LA VOCE VERA DEL TUO IMPIANTO AUDIO! CIAO Very Happy


Aggiungo che anche in questa sventurata ipotesi se con il controllo di toni trovi un compromesso per te soddisfacente ....usali !!!

I controlli di tono li han fatti per quello .....è la follia audiofila che li ha progressivamente tolti dai pre ...ma se serve perché non utilizzarli? Io alla bisogna lo faccio Very Happy

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
alla bisogna .......anch'io Very Happy

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@Fernando Micelli ha scritto:
@Stentor ha scritto:

E' impossibile ...un cavo non fa nulla .....è un componente passivo che a volte equalizza per sottrazione il suono. Un cavo con tanti bassi è per forza di cose velato sugli alti.

Straquoto!
Una affermazione da scolpire sulla soglia della sala di ascolto di ogni audiofilo serio.
Basta con la "magia" dei cavi. Aprite gli occhi!

Ma se questo fosse vero
l'influenza sul suono dei cavi sarebbe misurabilisima
e invece qui stanno a volte a consumar pagine nello scrivere che la non
misurabilità non significa trasparenza!
C'è quindi qualcos'altro che questi cavi fanno?

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
Mi permetto di dare il mio piccolo contributo, da persona assolutamente non esperta, anche se bazzico l'hi-fi da diversi anni, ma con alterne fortune...

Rispondo quindi a studiohifi sottolineando una cosa: se tu e tuo cognato non sentite la differenza tra il tuo impianto ed uno dal costo 7-8- volte superiore, i motivi possono essere tanti. State confrontando due impianti, e in ognuno dei due potrebbero essere dei problemi, delle sinergie non perfette tra i vari componenti, cavi compresi (ma non sono i maggiori responsabili, secondo me).
Il "buon suono", quello che ti piace, quello che ti fa stare incollato alla sedia senza la necessità di doverti alzare per abbassare il volume....il suono corretto ed equilibrato...non lo fa il prezzo dei componenti, ma la sinergia che c'è tra di essi. E considera che il componete forse più importante, ancora più importante dei diffusori, è l'AMBIENTE DI ASCOLTO!!!!
Stranamente su questo forum non se ne parla mai, si disquisisce solo di elettroniche (e lo faccio spesso anche io)...quello che si chiede al neofita, quando viene a chiedere consigli, è al massimo la dimensione della stanza. Che secondo me alla fine c'entra soltanto se devi ascoltare musica stando seduto dall'altra parte della stanza, che magari è un mega salone da 100mq...ovvero un caso assai raro...
Secondo la mia esperienza è molto più importante come è fatta la stanza (rettangolare, quadrata, tonda), cosa c'è dentro (mobilio, tendaggi, tappeti,...) e soprattutto come è posizionato l'impianto, con le casse alla giusta distanza tra loro e tra le pareti della stanza.
Una volta sistemati i due impianti nelle stesse condizioni (quindi anche nella stessa stanza), si possono confrontare....
Vabbè, certo tra un compattone ed un impianto hi-fi la differenza la si sente comunque e dovunque (più o meno), ma tra due impianti anche dal costo molto diverso, io non sarei così sicuro sul vincitore.

Esempio: mio zio ha un impianto con diffusori B&W DM6, pre Quad 22, finale stereo Quad 606, giradischi Thorens, registratore a bobine Revox, cose così.....svariate migliaia di Euro per un impianto non solo male assortito e mal collegato (utilizza piattine rosso-nere come cavi), ma assolutamente mal posizionato, in una stanza di circa 5-6mq, con le casse messe a 90° tra di loro!!!!!! Si sente DA SCHIFO!!!!
Il valore del mio impianto non arriva a 1000 Euro e si sente 1000 volte meglio...

Tutto questo per dire: l'impianto è messo nelle migliori condizioni di esprimersi?

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
a questo punto tanto vale farsi un bell'impianto per cuffia, per subentrate ragioni condominiali a volte non posso far esprimere i diffusori come vorrei e devo dire che ho riscoperto e apprezzo molto questo "ripiego", nonostante tutto riesce a venirmi la pelle d'oca anche ascoltando con quelle robe sulle orecchie... Smile

anche se ieri mi sono concesso "immigrant song" a tutto volume in maniera tradizionale... Very Happy che goduria!

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@valterneri ha scritto:
@Fernando Micelli ha scritto:

Straquoto!
Una affermazione da scolpire sulla soglia della sala di ascolto di ogni audiofilo serio.
Basta con la "magia" dei cavi. Aprite gli occhi!

Ma se questo fosse vero
l'influenza sul suono dei cavi sarebbe misurabilisima
e invece qui stanno a volte a consumar pagine nello scrivere che la non
misurabilità non significa trasparenza!
C'è quindi qualcos'altro che questi cavi fanno?


descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@valterneri ha scritto:
@Fernando Micelli ha scritto:

Straquoto!
Una affermazione da scolpire sulla soglia della sala di ascolto di ogni audiofilo serio.
Basta con la "magia" dei cavi. Aprite gli occhi!

Ma se questo fosse vero
l'influenza sul suono dei cavi sarebbe misurabilisima


IMHO (e sottolineo IMHO) l'influenza dei cavi E' MISURABILISSIMA
L'unica volta in vita mia in cui ho sentito differenze cambiando un cavo, risale a quando mi sono costruito un cavo da 5 metri per chitarra, con RG58 e due buoni Jack Tasker (ho speso moooooooolto di più per i Jack che per il cavo).
La differenza con un discreto cavo preassemblato era abissale. Alti molto più presenti. Bassi uguali (strano, eh? Laughing ).
Poi non l'ho più usato perché di acuti ne aveva troppi, ma questo è un altro paio di manche.
Non sono nemmeno riuscito a sentire la differenza tra un flac riprodotto dal mio rDac via USB (foobar, asio e menate varie) e lo stesso brano suonato da CD , letto con una meccanica di un lettore DVD da 20 euro e passato al dac con un cavo audio di vent'anni fa, lungo un metro, via spdif....

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@Guitarfabius ha scritto:
@valterneri ha scritto:

Ma se questo fosse vero
l'influenza sul suono dei cavi sarebbe misurabilisima


IMHO (e sottolineo IMHO) l'influenza dei cavi E' MISURABILISSIMA
Non sono nemmeno riuscito a sentire la differenza tra un flac riprodotto dal mio rDac via USB (foobar, asio e menate varie) e lo stesso brano suonato da CD , letto con una meccanica di un lettore DVD da 20 euro e passato al dac con un cavo audio di vent'anni fa, lungo un metro, via spdif....


Non c'è da meravigliarsi, sfido chiunque a sentire la differenza all'ascolto con un cavo piuttosto che con un altro collegato a componenti che non hanno la capacità, sia per loro costruzione che per errato interfacciamento elettrico, di mettere in evidenza le diverse peculiarità del cavo stesso.

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
Provo a rispondere a danilopace... scusa se magari risulto impreciso ma provo lo stesso a mettercela tutta.
In sostanza la mia perplessità nasce proprio dalle "mancate" differenze tra i due impianti che non riesco correttamente ad intrerpretare.
Un impianto con dynavoice 3/7, onix a65, cd onix, dac onix e cavi per svariate centinaia di euro (di segnale, di potenza e di alimentazione) è assolutamente confrontabilissimo con il mio. E' effettivamente più profondo sui bassi ma in alcuni casi perde dei dettagli che invece con il mio riesco a cogliere.
Ho provato anche un impianto con cd oppo, ampli onix (non stereo) e casse B&W e cavetteria ancora più costosa (se possibile) ma non mi ha trasmesso niente di positivo: se dovessi sintetizzare direi confuso ed impreciso.
Eppure B&W da un lato e dynaudio dall'altro sono osannate e sulla carta dovrebbero essere molto più performanti delle mie JBL.
Gli ambienti sono tradizionali e molto simili voglio dire sale di circa 30-35 mq con qualche arredo a muro, un divano, qualche mensola etc. ma niente di strano!
Da qui nasceva il mio dubbio... faccio bene a comprare un cavo di potenza più ricercato? o la differenza tra una macchina che fa da 0 a 100 in 9.61'' e l'altra che ci impiega 9.63'' è praticamente impercettibile ?

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@studiohifi ha scritto:
Provo a rispondere a danilopace... scusa se magari risulto impreciso ma provo lo stesso a mettercela tutta.
In sostanza la mia perplessità nasce proprio dalle "mancate" differenze tra i due impianti che non riesco correttamente ad intrerpretare.
Un impianto con dynavoice 3/7, onix a65, cd onix, dac onix e cavi per svariate centinaia di euro (di segnale, di potenza e di alimentazione) è assolutamente confrontabilissimo con il mio. E' effettivamente più profondo sui bassi ma in alcuni casi perde dei dettagli che invece con il mio riesco a cogliere.
Ho provato anche un impianto con cd oppo, ampli onix (non stereo) e casse B&W e cavetteria ancora più costosa (se possibile) ma non mi ha trasmesso niente di positivo: se dovessi sintetizzare direi confuso ed impreciso.
Eppure B&W da un lato e dynaudio dall'altro sono osannate e sulla carta dovrebbero essere molto più performanti delle mie JBL.
Gli ambienti sono tradizionali e molto simili voglio dire sale di circa 30-35 mq con qualche arredo a muro, un divano, qualche mensola etc. ma niente di strano!
Da qui nasceva il mio dubbio... faccio bene a comprare un cavo di potenza più ricercato? o la differenza tra una macchina che fa da 0 a 100 in 9.61'' e l'altra che ci impiega 9.63'' è praticamente impercettibile ?


Guarda, continuo ad essere convinto che è davvero difficile capire perchè non senti grandi differenze tra i due impianti...dovresti fare tantissime prove...Al di là dell'ambiente di ascolto, tieni presente che la sinergia tra i componenti dell'impianto coinvolge tantissimi parametri. Entrano in gioco concetti tipo sensibilità efficienza, guadagno, impedenza, potenza, ecc.....tutte grandezze "elettriche" misurabili....In alcuni casi gli abbinamenti sono sbagliati e il risultato si sente...in altri casi può succedere che un abbinamento è in teoria sbagliato sulla carta, e magari stupisce all'ascolto......Va a capire il perchè! Ci sono diffusori che, sulla carta, sono poco efficienti e non dovrebbero muoversi (in teoria) se pilotati da un t-amp da 10 watt. Nella realtà può capitare che suonino benissimo.
Gli abbinanenti vanno provati e quindi non è detto che un impianto fatto di componenti costosi debba suonare meglio di uno più economico.

Con il mio intervento volevo solo dire di stare attento con i cavi, perchè rischi di spendere dei gran soldi per niente. Un buon cavo sicuramente consente a un buon impianto di esprimersi al meglio...ma cercare di adattare il suono dell'impianto ai propri gusti cambiando i cavi....direi che non solo è concettualmente sbagliato, ma anche rischioso (per il portafoglio). Se il problema è di un altro componente (diffusori prima di tutto, poi ampli, poi sorgente), con un ottimo cavo potresti addirittura sentire peggio, perchè un buon cavo è un cavo che non taglia niente e lascia passare tutto il messaggio sonoro, anche le magagne...

Tornando al tuo caso, tu lamenti una certa mancanza di bassi...ripeto il concetto: non è detto che un buon cavo faccia comparire dei bassi che, magari, non ci sono...Bisogna verificare se la colpa è della casse (che magari non scendono troppo), dell'ampli o, perchè no, dell'ambiente di ascolto...

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
Fatti prestare e prova la cavetteria sul tuo impianto.

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@studiohifi ha scritto:
Provo a rispondere a danilopace... scusa se magari risulto impreciso ma provo lo stesso a mettercela tutta.
In sostanza la mia perplessità nasce proprio dalle "mancate" differenze tra i due impianti che non riesco correttamente ad intrerpretare.
Un impianto con dynavoice 3/7, onix a65, cd onix, dac onix e cavi per svariate centinaia di euro (di segnale, di potenza e di alimentazione) è assolutamente confrontabilissimo con il mio. E' effettivamente più profondo sui bassi ma in alcuni casi perde dei dettagli che invece con il mio riesco a cogliere.
Ho provato anche un impianto con cd oppo, ampli onix (non stereo) e casse B&W e cavetteria ancora più costosa (se possibile) ma non mi ha trasmesso niente di positivo: se dovessi sintetizzare direi confuso ed impreciso.
Eppure B&W da un lato e dynaudio dall'altro sono osannate e sulla carta dovrebbero essere molto più performanti delle mie JBL.
Gli ambienti sono tradizionali e molto simili voglio dire sale di circa 30-35 mq con qualche arredo a muro, un divano, qualche mensola etc. ma niente di strano!
Da qui nasceva il mio dubbio... faccio bene a comprare un cavo di potenza più ricercato? o la differenza tra una macchina che fa da 0 a 100 in 9.61'' e l'altra che ci impiega 9.63'' è praticamente impercettibile ?


L'HiFi è una cosa, l'alta fedeltà un'altra. Anche se paradossalmente fanno parte dello stesso albero. L'HiFi può sentirla anche un un compattone da 50€ o con un lettore portatile MP3 e un paio di cuffie. L'alta fedelta no! Chè presuppone la ricerca del suono più fedele alla realtà (registrazione audio).
Il fatto che un sistema non ti trasmetta molto rispetto ad un altro è la scarsa attitudine all'ascolto. Bisogna abitarsi ad un certo tipo di ascolto per sentire delle differenze apprezzabili su certi paramentri. Se poi della profondità, del soundstage, focalizzazione, ecc. non ti importa nulla, allora qualunque cassa da 200/300 € va bene. Inutile spenderci soldi. Idem dicasi per ampli, sorgente e cavi vari.
I tempi che hai citato non hanno nulla a che vedere con i cavi (non una gara d'atletica). Un cavo di alimentazione da 5 euro e uno da 1.000 € fanno passare sempre e comunque 230V e aggiungo sempre alla stessa velocità Very Happy Idem per cavi di potenza e segnale. Scusami se mi permetto ma dovresti riordinare le idee su quello che vuoi dall'impianto e non solo.

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@valterneri ha scritto:
@Fernando Micelli ha scritto:

...
Basta con la "magia" dei cavi. Aprite gli occhi!

Ma se questo fosse vero
l'influenza sul suono dei cavi sarebbe misurabilisima
e invece qui stanno a volte a consumar pagine nello scrivere che la non
misurabilità non significa trasparenza!
C'è quindi qualcos'altro che questi cavi fanno?


Per iniziare a capire cosa può succedere, prova ad acquistare l'ultimo numero di audioreview e a leggere l'articolo di Giussani Wink

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@SaNdMaN ha scritto:

L'HiFi è una cosa, l'alta fedeltà un'altra. Anche se paradossalmente fanno parte dello stesso albero. L'HiFi può sentirla anche un un compattone da 50€ o con un lettore portatile MP3 e un paio di cuffie. L'alta fedelta no! Chè presuppone la ricerca del suono più fedele alla realtà (registrazione audio).
Il fatto che un sistema non ti trasmetta molto rispetto ad un altro è la scarsa attitudine all'ascolto. Bisogna abitarsi ad un certo tipo di ascolto per sentire delle differenze apprezzabili su certi paramentri. Se poi della profondità, del soundstage, focalizzazione, ecc. non ti importa nulla, allora qualunque cassa da 200/300 € va bene. Inutile spenderci soldi. Idem dicasi per ampli, sorgente e cavi vari.
I tempi che hai citato non hanno nulla a che vedere con i cavi (non una gara d'atletica). Un cavo di alimentazione da 5 euro e uno da 1.000 € fanno passare sempre e comunque 230V e aggiungo sempre alla stessa velocità Very Happy Idem per cavi di potenza e segnale. Scusami se mi permetto ma dovresti riordinare le idee su quello che vuoi dall'impianto e non solo.

Ciao Alessandro con tutta la stima che ci "allega", ma vedi che HIFI e Alta fedeltà è la stessa cosa, forse intendevi HIFI e HI END? Ma a parte i dettagli, che sono comprensibili dai postumi del compleanno Laughing Laughing
E' anche vero che viviamo di compromessi, in altra discussione parlano che il vinile suona meglio, di la parlano che Spotify e company sia il presente e il futuro, quì parliamo del cavo da 30 o da 100€, il compromesso a volte lo fa il portafoglio, non dimentichiamolo...

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@Soligo60 ha scritto:
@SaNdMaN ha scritto:

L'HiFi è una cosa, l'alta fedeltà un'altra. Anche se paradossalmente fanno parte dello stesso albero. L'HiFi può sentirla anche un un compattone da 50€ o con un lettore portatile MP3 e un paio di cuffie. L'alta fedelta no! Chè presuppone la ricerca del suono più fedele alla realtà (registrazione audio).
Il fatto che un sistema non ti trasmetta molto rispetto ad un altro è la scarsa attitudine all'ascolto. Bisogna abitarsi ad un certo tipo di ascolto per sentire delle differenze apprezzabili su certi paramentri. Se poi della profondità, del soundstage, focalizzazione, ecc. non ti importa nulla, allora qualunque cassa da 200/300 € va bene. Inutile spenderci soldi. Idem dicasi per ampli, sorgente e cavi vari.
I tempi che hai citato non hanno nulla a che vedere con i cavi (non una gara d'atletica). Un cavo di alimentazione da 5 euro e uno da 1.000 € fanno passare sempre e comunque 230V e aggiungo sempre alla stessa velocità Very Happy Idem per cavi di potenza e segnale. Scusami se mi permetto ma dovresti riordinare le idee su quello che vuoi dall'impianto e non solo.

Ciao Alessandro con tutta la stima che ci "allega", ma vedi che HIFI e Alta fedeltà è la stessa cosa, forse intendevi HIFI e HI END? Ma a parte i dettagli, che sono comprensibili dai postumi del compleanno Laughing Laughing
E' anche vero che viviamo di compromessi, in altra discussione parlano che il vinile suona meglio, di la parlano che Spotify e company sia il presente e il futuro, quì parliamo del cavo da 30 o da 100€, il compromesso a volte lo fa il portafoglio, non dimentichiamolo...


Sì Claudio hai ragione. Mi riferivo all'alta fedeltà (HiFi) e all'Hi-End. Purtroppo oggi c'ho il cervello masticcato Laughing
Che viviamo di compromessi è indubbio. Questo però non vale solo per la nostra passione ma anche per tutto ciò che facciamo nella vita. Non voglio però filosofeggiare su un argomento, dove l'audio, in questo caso, la fa da padrone.
Condivido comunque le tue parole e la stima che, credimi, è reciproca Ok

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
Obligado....
Comunque è storia che la ricerca continui a cercare il cavo o il piedino magico...

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@danilopace ha scritto:

......
. E considera che il componete forse più importante, ancora più importante dei diffusori, è l'AMBIENTE DI ASCOLTO!!!!
Stranamente su questo forum non se ne parla mai, si disquisisce solo di elettroniche (e lo faccio spesso anche io)..

.....



Flaso!!!!
Lo si ripete continuamente, e c'é anche una sezione dedicata!
Con un fior fior di corso sulla misurazione ambientale.

http://www.tforumhifi.com/f64-ambiente-d-ascolto

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@Soligo60 ha scritto:
Obligado....
Comunque è storia che la ricerca continui a cercare il cavo o il piedino magico...


Claudio, mi trovo spesso d'accordo con le tue affermazione. Il che mi preoccupa. Non vorrei stesse per nascere una storia d'amore che mia moglie mal digerirebbe Laughing Cavi, piedini, ecc. ho sempre pensato che sono "affinamenti" di un impianto che ha delle basi solide ed è ben consolidato. Non sarà certo il cavo da 300€ a far cambiare carattere ad un diffusore o ad un amplificatore.
Detto questo, prima ancora della sorgente e dell'amplficatore, la "ricerca" del suono che poggia su pilastri ben saldi, va fatto sui DIFFUSORI e sull'AMBIENTE. Il resto sono solo chiacchere da quattro amici al bar Ok

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@SaNdMaN ha scritto:
@Soligo60 ha scritto:
Obligado....
Comunque è storia che la ricerca continui a cercare il cavo o il piedino magico...


Claudio, mi trovo spesso d'accordo con le tue affermazione. Il che mi preoccupa. Non vorrei stesse per nascere una storia d'amore che mia moglie mal digerirebbe Laughing Cavi, piedini, ecc. ho sempre pensato che sono "affinamenti" di un impianto che ha delle basi solide ed è ben consolidato. Non sarà certo il cavo da 300€ a far cambiare carattere ad un diffusore o ad un amplificatore.
Detto questo, prima ancora della sorgente e dell'amplficatore, la "ricerca" del suono che poggia su pilastri ben saldi, va fatto sui DIFFUSORI e sull'AMBIENTE. Il resto sono solo chiacchere da quattro amici al bar Ok


CVD

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@Vella ha scritto:
@SaNdMaN ha scritto:


Claudio, mi trovo spesso d'accordo con le tue affermazione. Il che mi preoccupa. Non vorrei stesse per nascere una storia d'amore che mia moglie mal digerirebbe Laughing Cavi, piedini, ecc. ho sempre pensato che sono "affinamenti" di un impianto che ha delle basi solide ed è ben consolidato. Non sarà certo il cavo da 300€ a far cambiare carattere ad un diffusore o ad un amplificatore.
Detto questo, prima ancora della sorgente e dell'amplficatore, la "ricerca" del suono che poggia su pilastri ben saldi, va fatto sui DIFFUSORI e sull'AMBIENTE. Il resto sono solo chiacchere da quattro amici al bar Ok


CVD


quod erat demonstrandum Ok

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@SaNdMaN ha scritto:


Claudio, mi trovo spesso d'accordo con le tue affermazione. Il che mi preoccupa. Non vorrei stesse per nascere una storia d'amore che mia moglie mal digerirebbe Laughing Cavi, piedini, ecc. ho sempre pensato che sono "affinamenti" di un impianto che ha delle basi solide ed è ben consolidato. Non sarà certo il cavo da 300€ a far cambiare carattere ad un diffusore o ad un amplificatore.
Detto questo, prima ancora della sorgente e dell'amplficatore, la "ricerca" del suono che poggia su pilastri ben saldi, va fatto sui DIFFUSORI e sull'AMBIENTE. Il resto sono solo chiacchere da quattro amici al bar Ok


Credo che meglio di così non poteva essere detto!

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@Claudiohi-fi ha scritto:


Non c'è da meravigliarsi, sfido chiunque a sentire la differenza all'ascolto con un cavo piuttosto che con un altro collegato a componenti che non hanno la capacità, sia per loro costruzione che per errato interfacciamento elettrico, di mettere in evidenza le diverse peculiarità del cavo stesso.


Uh, dimenticavo... non sono nemmeno riuscito a sentire differenze tra un "cavo normale" e un Nordost Walhalla inserito in un impianto Cd Exposure, Pre Exposure, due finali monolitici Exposure su casse Totem (totale sfiora i 30K)

ho proprio un orecchio schifoso... aver suonato la chitarra per 25 anni mi ha rovinato l'udito...
che poi.... mi spiegate perché se cambio casse sento differenze in tutti gli impianti, se cambio ampli pure, se cambio cd o dac non ne parliamo, se cambio cavi no, perché non ho un impianto all'altezza? Ah, cosa intendi per errato interfacciamento elettrico?

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
guitarfabius, suoni la chitarra elettrica?
se si, hai mai provato a sentire la differenza tra un cavo, per dirne uno, della proel, con un fender custom shop?
Te lo dico perchè a parità di chitarra e amplificatore (fender nocaster + fender champion 5 w) la differenza tra i due cavi è enorme

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@Guitarfabius ha scritto:

ho proprio un orecchio schifoso... aver suonato la chitarra per 25 anni mi ha rovinato l'udito...
che poi.... mi spiegate perché se cambio casse sento differenze in tutti gli impianti, se cambio ampli pure, se cambio cd o dac non ne parliamo, se cambio cavi no, perché non ho un impianto all'altezza? Ah, cosa intendi per errato interfacciamento elettrico?

Non sò che dirti, anch'io sono uno di quelli che ammette di non sentire la velatura anzjchè il palco che si sposta in avanti oppure indietro, ma in alcuni casi ho sentito tranquillamente migliorare la sonorità o il dettaglio anche sostituendo i cavi. E' già stato detto che l'alimentazione a 230 V non cambia con un cavo anzichè un altro, ma nell'audio non è così...

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
@daniele ha scritto:
guitarfabius, suoni la chitarra elettrica?
se si, hai mai provato a sentire la differenza tra un cavo, per dirne uno, della proel, con un fender custom shop?
Te lo dico perchè a parità di chitarra e amplificatore (fender nocaster + fender champion 5 w) la differenza tra i due cavi è enorme


Questo te lo sottoscrivo a lettere cubitali marchiate col sangue. Prova a mettere due jack a caso ai capi di 5 mt di RG58, poi i fai sapere....
Ma non potrebbe essere altrimenti.... Se poi vuoi fare un'altra prova, vedrai che le differenze tra i cavi aumentano all'aumentare della lunghezza degli stessi....

descriptionRe: Cavi.. ma vale la pena ?

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum