T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
Smsl ad18Ieri alle 21:45giucam61
POPU VENUS Ieri alle 8:07giucam61
ALIENTEK D8Ieri alle 0:38giucam61
Griglie diffusoriVen 24 Mar 2017 - 20:11Luca Marchetti
Kit Buffer 6N3 cineseVen 24 Mar 2017 - 18:04nerone
Autocostruzione casseVen 24 Mar 2017 - 17:46dinamanu
sky in wi fiVen 24 Mar 2017 - 17:21gigihrt
queVen 24 Mar 2017 - 14:11Allen smithee
simulazione largabandaGio 23 Mar 2017 - 22:05fritznet
(BA) Hi Face Two 70 euro.Gio 23 Mar 2017 - 18:16kryptos
Nuovi cavi potenzaGio 23 Mar 2017 - 16:19fabe-r
impianto entry -levelGio 23 Mar 2017 - 11:33zolugne
Primo giradischiGio 23 Mar 2017 - 0:25giucam61
(NA) Triangle MimimunMer 22 Mar 2017 - 13:17sonic63
PC per la musicaMar 21 Mar 2017 - 17:45Snap
Sondaggio
Ti piace il nuovo stile del T-Forum?
Sì, meglio questo nuovo
50% / 17
No, era meglio quello vecchio
50% / 17
I postatori più attivi della settimana
80 Messaggi - 26%
63 Messaggi - 21%
45 Messaggi - 15%
21 Messaggi - 7%
18 Messaggi - 6%
18 Messaggi - 6%
17 Messaggi - 6%
16 Messaggi - 5%
15 Messaggi - 5%
14 Messaggi - 5%
I postatori più attivi del mese
278 Messaggi - 22%
236 Messaggi - 19%
142 Messaggi - 11%
135 Messaggi - 11%
111 Messaggi - 9%
80 Messaggi - 6%
77 Messaggi - 6%
68 Messaggi - 5%
65 Messaggi - 5%
61 Messaggi - 5%
Migliori postatori
Stentor (20392)
20392 Messaggi - 15%
DACCLOR65 (19630)
19630 Messaggi - 15%
schwantz34 (15499)
15499 Messaggi - 12%
Silver Black (15428)
15428 Messaggi - 11%
nd1967 (12803)
12803 Messaggi - 10%
flovato (12509)
12509 Messaggi - 9%
10260 Messaggi - 8%
piero7 (9854)
9854 Messaggi - 7%
wasky (9229)
9229 Messaggi - 7%
fritznet (8852)
8852 Messaggi - 7%
Chi è in linea
In totale ci sono 53 utenti in linea :: 4 Registrati, 2 Nascosti e 47 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Aunktintaun, biiotechano, herzog, landrupp

Vedere la lista completa

Flusso RSS

Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
furio
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 22.10.11
Numero di messaggi : 662
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Ateo praticante / rockettaro impenitente
Provincia (Città) : TO
Impianto : HTPC, Oppo BDP-105, Thorens TD 145MK11,
braccio Grace, pick-up Fideliry Research FR-1 MKII;
Pre monotriodo, finale con Hypex NC400;
Denon AVR3808; Casse tre vie autocostruite

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Ven 27 Gen 2012 - 1:24
@morbo84 ha scritto:Scusate, avrei bisogno di un chiarimento. Cosa esce di preciso dall'uscita SPDIF? Escono i bytes dei file audio pari pari, escono i bytes dei file audio dopo un processo di "decodifica" deterministico (nel senso che ha uno ed un solo possibile risultato), oppure qualcos'altro? Perché, nelle prime due ipotesi, non capisco come possa fare differenza tra una scheda madre od un'altra...

Escono i bit del segnale audio con una codifica per farli passare da due fili ed includere il clock negli stessi due fili.
Due apparecchiature digitali sincrone, per parlarsi devono avere un clock in comune.
Le schede madri dei pc hanno tutte un clock molto irregolare, sporco.
Questa degradazione è detta in gergo "jitter".
Se spari una sequenza di bit corretta come dati ma con jitter, il segnale analogico che ottieni dopo la conversione soffre di una distorsione.
A chi ha potuto ascoltare la differenza, la cosa è insopportabile.
Per cui si comprano accrocchi per evitare il jitter.
Due soluzioni: un DAC di tipo USB asincrono (salva in pancia un po' di dati e poi li ri-sincronizza con un proprio clock) oppure uso del "trasporto": un pezzo di hardware che da USB genera un flusso spdif corretto.
avatar
emmeci
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 11.10.10
Numero di messaggi : 5599
Occupazione/Hobby : Musica, Natura, Fotografia
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Miliardi di elettroni che agitandosi... fanno musica!

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Ven 27 Gen 2012 - 9:07
@furio ha scritto:
@morbo84 ha scritto:Scusate, avrei bisogno di un chiarimento. Cosa esce di preciso dall'uscita SPDIF? Escono i bytes dei file audio pari pari, escono i bytes dei file audio dopo un processo di "decodifica" deterministico (nel senso che ha uno ed un solo possibile risultato), oppure qualcos'altro? Perché, nelle prime due ipotesi, non capisco come possa fare differenza tra una scheda madre od un'altra...

Escono i bit del segnale audio con una codifica per farli passare da due fili ed includere il clock negli stessi due fili.
Due apparecchiature digitali sincrone, per parlarsi devono avere un clock in comune.
Le schede madri dei pc hanno tutte un clock molto irregolare, sporco.
Questa degradazione è detta in gergo "jitter".
Se spari una sequenza di bit corretta come dati ma con jitter, il segnale analogico che ottieni dopo la conversione soffre di una distorsione.
A chi ha potuto ascoltare la differenza, la cosa è insopportabile.
Per cui si comprano accrocchi per evitare il jitter.
Due soluzioni: un DAC di tipo USB asincrono (salva in pancia un po' di dati e poi li ri-sincronizza con un proprio clock) oppure uso del "trasporto": un pezzo di hardware che da USB genera un flusso spdif corretto.

Ok Ottima spiegazione, semplice ma efficace! Anch'io ero un po' scettico sulla questione jitter in uscita dalla MB di un PC...questo fino a quando non ho collegato in spdif il mio VDAC all'uscita della ASUS P5Q... un disastro! Alta distorsione ed addirittura saltuarie perdite di sincroniscmo (buchi!)
Non capisco perchè i costruttori di MB non pongano un pochino più di cura nella relaizzazione delle uscite digitali, non penso costerebbe tantissimo dotarle di un buffer FIFO con clock indipendente.
Mi piacerebbe sapere se allo stato attuale delle cose esistono MB di buon livello da questo punto di vista...
Ciao Mauro
avatar
roby2k
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 27.10.08
Numero di messaggi : 1392
Località : santa maria capua vetere
Provincia (Città) : CE
Impianto : 1) HTPC, scheda audio esi U46XL, pre SRPP di ECC82 con controllo volume a relais 50k, Adcom GFA-545, TDL MC, clone proac 2.5, sistema 3 vie triamplificato.
DRCizzato.

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Ven 27 Gen 2012 - 9:56
@furio ha scritto:
@morbo84 ha scritto:Scusate, avrei bisogno di un chiarimento. Cosa esce di preciso dall'uscita SPDIF? Escono i bytes dei file audio pari pari, escono i bytes dei file audio dopo un processo di "decodifica" deterministico (nel senso che ha uno ed un solo possibile risultato), oppure qualcos'altro? Perché, nelle prime due ipotesi, non capisco come possa fare differenza tra una scheda madre od un'altra...

Escono i bit del segnale audio con una codifica per farli passare da due fili ed includere il clock negli stessi due fili.
Due apparecchiature digitali sincrone, per parlarsi devono avere un clock in comune.
Le schede madri dei pc hanno tutte un clock molto irregolare, sporco.
Questa degradazione è detta in gergo "jitter".
Se spari una sequenza di bit corretta come dati ma con jitter, il segnale analogico che ottieni dopo la conversione soffre di una distorsione.
A chi ha potuto ascoltare la differenza, la cosa è insopportabile.
Per cui si comprano accrocchi per evitare il jitter.
Due soluzioni: un DAC di tipo USB asincrono (salva in pancia un po' di dati e poi li ri-sincronizza con un proprio clock) oppure uso del "trasporto": un pezzo di hardware che da USB genera un flusso spdif corretto.

Davvero un'ottima spiegazione.
Io comunque ho questa:






Collegata tramite s/pdif e penso abbia un'uscita dignitosa. Magari è curata, non saprei.

P.S. Mi è capitato per caso di ascoltare qualche pezzo con il cavo lan scollegato, appena ho un attimo riprovo a staccarlo perchè sembrava che scollegato suonasse meglio.
avatar
furio
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 22.10.11
Numero di messaggi : 662
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Ateo praticante / rockettaro impenitente
Provincia (Città) : TO
Impianto : HTPC, Oppo BDP-105, Thorens TD 145MK11,
braccio Grace, pick-up Fideliry Research FR-1 MKII;
Pre monotriodo, finale con Hypex NC400;
Denon AVR3808; Casse tre vie autocostruite

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Sab 28 Gen 2012 - 2:03
Per un discorso hifi tutte le motherboard suonano piuttosto male.
Al punto che qualsiasi altra soluzione si "sente" subito.
Mi dispiace, è così...
avatar
sandr77
Appassionato
Appassionato
Data d'iscrizione : 23.01.10
Numero di messaggi : 315
Località : provincia Og
Impianto : Notebook - Musiland monitor 01 US-mogami 2534- hlly tamp 10 tweak-tnt cat5- Casse 2 vie in dcaav su stand tnt stubby
Cuffie Sennheiser hd 212 pro
Jvc ha-fx35

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Sab 28 Gen 2012 - 8:46
Per restare in tema (o quasi) del 3ad guardate cosa c'è nella prova settimanale di tnt-audio:
http://www.tnt-audio.com/sorgenti/zotac_nm10.html

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5276
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Sab 28 Gen 2012 - 11:16
@furio ha scritto:
@morbo84 ha scritto:Scusate, avrei bisogno di un chiarimento. Cosa esce di preciso dall'uscita SPDIF? Escono i bytes dei file audio pari pari, escono i bytes dei file audio dopo un processo di "decodifica" deterministico (nel senso che ha uno ed un solo possibile risultato), oppure qualcos'altro? Perché, nelle prime due ipotesi, non capisco come possa fare differenza tra una scheda madre od un'altra...

Escono i bit del segnale audio con una codifica per farli passare da due fili ed includere il clock negli stessi due fili.
Due apparecchiature digitali sincrone, per parlarsi devono avere un clock in comune.
Le schede madri dei pc hanno tutte un clock molto irregolare, sporco.
Questa degradazione è detta in gergo "jitter".
Se spari una sequenza di bit corretta come dati ma con jitter, il segnale analogico che ottieni dopo la conversione soffre di una distorsione.
A chi ha potuto ascoltare la differenza, la cosa è insopportabile.
Per cui si comprano accrocchi per evitare il jitter.
Due soluzioni: un DAC di tipo USB asincrono (salva in pancia un po' di dati e poi li ri-sincronizza con un proprio clock) oppure uso del "trasporto": un pezzo di hardware che da USB genera un flusso spdif corretto.

Non sono un esperto di digitale, ma mi pare che il cavo su cui viaggiano i segnali S/PIF sia uno solo (un coassiale) e non due.
E non mi pare che due apparecchiature digitali sincrone devono avere un clock in comune, ma l'apparecchio a valle (nel nostro caso un DAC) deve agganciare il segnale in ingresso e da quello ricavare il clock, cioè il DAC deve sincronizzarsi sul clock che gli manda la sorgente, che è il clok con cui la sorgente ha aquisito i dati.
Se il DAC ha un buon sistema di decodifica può agganciare anche un segnale non perfetto e ricavarne un clock poco affetto da jitter, naturalmente se il DAC non ha questa possibilità bisogna tenersi il jitter prodotto dalla sorgente.
In sostanza credo che anche una scheda di computer collegata ad un buon DAC può suonare in maniera dignitosissima.
Riguardo al jitter esso non si forma solo nella sorgente, ma può manifestarsi anche a valle di questa, nel DAC stesso, cioè anche un segnale totalmente privo di jitter che entra in un DAC può all'uscita analogica di questo essere distorto per la presenza di jitter nella conversione.
Quindi mi permetto di aggiungere una terza soluzione : un buon DAC.
Hello
avatar
furio
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 22.10.11
Numero di messaggi : 662
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Ateo praticante / rockettaro impenitente
Provincia (Città) : TO
Impianto : HTPC, Oppo BDP-105, Thorens TD 145MK11,
braccio Grace, pick-up Fideliry Research FR-1 MKII;
Pre monotriodo, finale con Hypex NC400;
Denon AVR3808; Casse tre vie autocostruite

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Sab 28 Gen 2012 - 12:01
@sonic63 ha scritto:
Non sono un esperto di digitale, ma mi pare che il cavo su cui viaggiano i segnali S/PIF sia uno solo (un coassiale) e non due.
E non mi pare che due apparecchiature digitali sincrone devono avere un clock in comune, ma l'apparecchio a valle (nel nostro caso un DAC) deve agganciare il segnale in ingresso e da quello ricavare il clock, cioè il DAC deve sincronizzarsi sul clock che gli manda la sorgente, che è il clok con cui la sorgente ha aquisito i dati.
Se il DAC ha un buon sistema di decodifica può agganciare anche un segnale non perfetto e ricavarne un clock poco affetto da jitter, naturalmente se il DAC non ha questa possibilità bisogna tenersi il jitter prodotto dalla sorgente.
In sostanza credo che anche una scheda di computer collegata ad un buon DAC può suonare in maniera dignitosissima.
Riguardo al jitter esso non si forma solo nella sorgente, ma può manifestarsi anche a valle di questa, nel DAC stesso, cioè anche un segnale totalmente privo di jitter che entra in un DAC può all'uscita analogica di questo essere distorto per la presenza di jitter nella conversione.
Quindi mi permetto di aggiungere una terza soluzione : un buon DAC.
Hello

Infatti: il cavo spdif ha due fili e ci devono viaggiare dati e clock.
E' proprio qui che nasce il casino!
Se ci fosse un cavo a parte per il clock la cosa funzionerebbe assai meglio: eventuali fluttuazioni verrebbero compensate e corrette.
In ambito pro c'è un segnale a parte detto word-clock con cui si sincronizzano tutte le apparecchiature a valle a partire dalla sorgente oppure da un generatore di clock autonomo. La cosa va da dio!

Invece con dati e clock in comune la periferica slave si aggancia su quella master: se la master fa schifo, patatrac!
Esistono circuiti appositi di aggancio clock chiamati PLL che dovrebbero ovviare.
Ma lo cosa comunque non da risultati adatti ad una hifi seria.
Infatti negli anni 80-90 comprare un dac esterno anche costosissimo non dava risultati esaltanti: era meglio tenersi il proprio cd player, che se fatto bene al suo interno era sincronizzato decentemente. Aggiungere soldi senza un sync perfetto non dava vantaggi.

Oggi alcuni DAC sono "furbi" abbastanza da ri-clockare (DAC USB asincroni) oppure da tentare un aggiustamento.
Però TUTTI (il 100% dei forumers che ci hanno provato, io incluso) segnalano che usando la spdif di una motherboard e confrontandola con una soluzione accurata (DAC asincrono oppure chiavetta hiface) la differenza è clamorosa.

Poi ognuno può scegliere le limitazioni del suo impianto: io ti scrivo da un PC che ha un paio ci casse monitor Behringer con dac a bordo e collegate alla spdif.
Qui non ho bisogno di qualità eccelsa, ma sul mio impianto valvolare il gap è tremendo.
Lì ci ho speso un po' di soldini e ci ho messo un DAC asincrono (ma presto proverò pure la hiface)

Il DAC asincrono per essere tale deve gestire un buffer di dati audio da qualche secondo, tenerselo in pancia e rigenerare il flusso audio con un suo clock locale.
Si dice asincrono proprio per questo: non è sincronizzato con apparecchiature esterne.
Per gestire il flusso di dati a suo piacimento usa il cavo USB ciucciando solo i dati audio (ed è lui a fare il master chiedendoli al PC a cui è collegato), per fare questo ha bisogno di un collegamento dati, la USB appunto. Non prende il clock da fuori di se stesso.
Se lo attacchi via SPDIF prende il clock dalla SPDIF per definizione di SPDIF. Ergo è una soluzione stupida.
sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5276
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Sab 28 Gen 2012 - 15:01
@furio ha scritto:
@sonic63 ha scritto:
Non sono un esperto di digitale, ma mi pare che il cavo su cui viaggiano i segnali S/PIF sia uno solo (un coassiale) e non due.
E non mi pare che due apparecchiature digitali sincrone devono avere un clock in comune, ma l'apparecchio a valle (nel nostro caso un DAC) deve agganciare il segnale in ingresso e da quello ricavare il clock, cioè il DAC deve sincronizzarsi sul clock che gli manda la sorgente, che è il clok con cui la sorgente ha aquisito i dati.
Se il DAC ha un buon sistema di decodifica può agganciare anche un segnale non perfetto e ricavarne un clock poco affetto da jitter, naturalmente se il DAC non ha questa possibilità bisogna tenersi il jitter prodotto dalla sorgente.
In sostanza credo che anche una scheda di computer collegata ad un buon DAC può suonare in maniera dignitosissima.
Riguardo al jitter esso non si forma solo nella sorgente, ma può manifestarsi anche a valle di questa, nel DAC stesso, cioè anche un segnale totalmente privo di jitter che entra in un DAC può all'uscita analogica di questo essere distorto per la presenza di jitter nella conversione.
Quindi mi permetto di aggiungere una terza soluzione : un buon DAC.
Hello

Infatti: il cavo spdif ha due fili e ci devono viaggiare dati e clock.
E' proprio qui che nasce il casino!
Se ci fosse un cavo a parte per il clock la cosa funzionerebbe assai meglio: eventuali fluttuazioni verrebbero compensate e corrette.
In ambito pro c'è un segnale a parte detto word-clock con cui si sincronizzano tutte le apparecchiature a valle a partire dalla sorgente oppure da un generatore di clock autonomo. La cosa va da dio!

Invece con dati e clock in comune la periferica slave si aggancia su quella master: se la master fa schifo, patatrac!
Esistono circuiti appositi di aggancio clock chiamati PLL che dovrebbero ovviare.
Ma lo cosa comunque non da risultati adatti ad una hifi seria.
Infatti negli anni 80-90 comprare un dac esterno anche costosissimo non dava risultati esaltanti: era meglio tenersi il proprio cd player, che se fatto bene al suo interno era sincronizzato decentemente. Aggiungere soldi senza un sync perfetto non dava vantaggi.

Oggi alcuni DAC sono "furbi" abbastanza da ri-clockare (DAC USB asincroni) oppure da tentare un aggiustamento.
Però TUTTI (il 100% dei forumers che ci hanno provato, io incluso) segnalano che usando la spdif di una motherboard e confrontandola con una soluzione accurata (DAC asincrono oppure chiavetta hiface) la differenza è clamorosa.

Poi ognuno può scegliere le limitazioni del suo impianto: io ti scrivo da un PC che ha un paio ci casse monitor Behringer con dac a bordo e collegate alla spdif.
Qui non ho bisogno di qualità eccelsa, ma sul mio impianto valvolare il gap è tremendo.
Lì ci ho speso un po' di soldini e ci ho messo un DAC asincrono (ma presto proverò pure la hiface)

Il DAC asincrono per essere tale deve gestire un buffer di dati audio da qualche secondo, tenerselo in pancia e rigenerare il flusso audio con un suo clock locale.
Si dice asincrono proprio per questo: non è sincronizzato con apparecchiature esterne.
Per gestire il flusso di dati a suo piacimento usa il cavo USB ciucciando solo i dati audio (ed è lui a fare il master chiedendoli al PC a cui è collegato), per fare questo ha bisogno di un collegamento dati, la USB appunto. Non prende il clock da fuori di se stesso.
Se lo attacchi via SPDIF prende il clock dalla SPDIF per definizione di SPDIF. Ergo è una soluzione stupida.

Scusami se te lo chiedo, ma queste cose che scrivi, cioè convertitori esterni, anche costosissimi, tali che era meglio tenersi il dac interno, che i circuiti di aggancio PLL non danno risultati adatti ad un'hi-fi seria, che il word clock esiste solo in ambito pro, che solo oggi i DAC sono "furbi" e capaci di ridurre il jitter ri-sincronizzando il clock, che prendere il segnale da un'uscita S/PDIF è una cosa stupida, ecc., le scrivi perchè le hai provate ?
Fanno parte della tua esperienza personale?

Davvero ritieni che un DAC purchè abbia un'ingresso USB suoni in maniera ottima.
E che un DAC collegato ad un'uscita S/PDIF faccia schifo e non sia adatto ad un'ascolto Hi-Fi ?
Hello
P.S. mi permetto di sottolineare ancora che il jitter viene misurato anche sulle uscite analogiche del DAC e non solo al suo ingresso.
avatar
furio
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 22.10.11
Numero di messaggi : 662
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Ateo praticante / rockettaro impenitente
Provincia (Città) : TO
Impianto : HTPC, Oppo BDP-105, Thorens TD 145MK11,
braccio Grace, pick-up Fideliry Research FR-1 MKII;
Pre monotriodo, finale con Hypex NC400;
Denon AVR3808; Casse tre vie autocostruite

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Sab 28 Gen 2012 - 16:09
[quote="sonic63"]
@furio ha scritto:
Scusami se te lo chiedo, ma queste cose che scrivi, cioè convertitori esterni, anche costosissimi, tali che era meglio tenersi il dac interno, che i circuiti di aggancio PLL non danno risultati adatti ad un'hi-fi seria, che il word clock esiste solo in ambito pro, che solo oggi i DAC sono "furbi" e capaci di ridurre il jitter ri-sincronizzando il clock, che prendere il segnale da un'uscita S/PDIF è una cosa stupida, ecc., le scrivi perchè le hai provate ?
Fanno parte della tua esperienza personale?

Davvero ritieni che un DAC purchè abbia un'ingresso USB suoni in maniera ottima.
E che un DAC collegato ad un'uscita S/PDIF faccia schifo e non sia adatto ad un'ascolto Hi-Fi ?
Hello
P.S. mi permetto di sottolineare ancora che il jitter viene misurato anche sulle uscite analogiche del DAC e non solo al suo ingresso.

Allora, nell'ordine.
Anni 90: non avevo i soldi e mi ricordo una prova in un negozio tra Micromega e Wadia.
Quindi ricordo molto vago, ma riviste e prove lo confermavano.
Tanto e vero che il mercato dei DAC è partito solo negli ultimi tre anni per la musica liquida.
Prima non se ne vendeva uno neanche in fotografia.
Ed infatti oggi ne esce uno al giorno...

In studio: dagli anni 90 ad oggi il word-clock è uno standard.
TUTTI gli studi digitali (anche quelli piccoli) hanno l'Apogee BigBen e Rosetta o qualcosa di simile.
E' quesi indispensabile con i mixer digitali.
Tante sorgenti, freq. di campionamento diverse, casino bestiale.
Ci DEVE essere il clock di riferimento.

A casa mia ngli ultimi tre mesi: tre PC, uno fisso, un notebook (con cui suono e registro dal vivo con la mia band) ed un Audio-pc appena costruito.
Con due dac diversi tutti e due asincroni (Arcam rDAC e Cambridge DacMagicPlus) il distacco tra USB e spdif diretta è abissale.
Nessuno preferirebbe la connessione spdif - dac.

Molti forumers sostengono che anche con gli USB asincroni una chiavetta hiface faccia fare un altro salto di qualità: questo non lo so e sono pure un po' scettico.
Spero di provarlo presto.

Tutti questi eventi e con la mia esperienza parziale, li interpreto come ti ho detto.
In più ci sono i risultati di test strumentali (recentemente la misura di jitter ideata da AudioReview).
Un banale PLL ha lo stesso jitter del suo ingresso (leggasi: non funziona).

Come fai a dire che il jitter si vede sulle uscite analogiche?
Per me (ma posso sbagliare, come sempre) è una misura di instabilità temporale tra due eventi digitali.
Quando sei in analogico il tempo del clock te lo sei mangiato durante la conversione. O no?
avatar
furio
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 22.10.11
Numero di messaggi : 662
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Ateo praticante / rockettaro impenitente
Provincia (Città) : TO
Impianto : HTPC, Oppo BDP-105, Thorens TD 145MK11,
braccio Grace, pick-up Fideliry Research FR-1 MKII;
Pre monotriodo, finale con Hypex NC400;
Denon AVR3808; Casse tre vie autocostruite

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Sab 28 Gen 2012 - 16:15
Dimenticavo: un dac suona bene se collegato ad un spdif se tale spdif ha un bassissimo jitter.
Pare che nessuna motherboard sia così.
Pare che la hiface invece lo sia ed in modo straordinario (superiore alla concorrenza).

Nota il pare: non ho evidenze strumentali (anche se un test AR potrebbe farlo facilmente...)
avatar
emmeci
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 11.10.10
Numero di messaggi : 5599
Occupazione/Hobby : Musica, Natura, Fotografia
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Miliardi di elettroni che agitandosi... fanno musica!

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Sab 28 Gen 2012 - 16:43
@furio ha scritto:

Come fai a dire che il jitter si vede sulle uscite analogiche?
Per me (ma posso sbagliare, come sempre) è una misura di instabilità temporale tra due eventi digitali.
Quando sei in analogico il tempo del clock te lo sei mangiato durante la conversione. O no?

Rolling Eyes Mmmm guarda i miei studi di telecomunicazioni sono piuttosto remoti ed appannati, ma potrei sottoscrivere che la prima volta che ho sentito parlare di "jitter" era nel dominio delle trasmissioni analalogiche. In pratica una qualsiasi variazione che intervenga nella ampiezza, la frequenza o la fase d iun segnale lo genera. Ricordo che spesso si parlava di "fenomeni atmosferici" quale causa di...
Poi sicuramente lo stesso concetto è stato applicato alle reti/trasmissioni digitali e di questo spesso parliamo.
Posso solo ribadirti che anche per mia esperienza, il segnale che esce dalla spdif delle MB è spesso... una ciofeca!
Ciao Mauro
R!ck
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 03.09.09
Numero di messaggi : 4614
Località : Roma
Impianto : -------------

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Sab 28 Gen 2012 - 16:57
Qui c'è un bell'articoletto sul jitter: Hello
http://www.nexthardware.com/forum/cmp-cmp-cplay/71118-jitter-teoria-analisi-e-misurazioni.html
avatar
furio
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 22.10.11
Numero di messaggi : 662
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Ateo praticante / rockettaro impenitente
Provincia (Città) : TO
Impianto : HTPC, Oppo BDP-105, Thorens TD 145MK11,
braccio Grace, pick-up Fideliry Research FR-1 MKII;
Pre monotriodo, finale con Hypex NC400;
Denon AVR3808; Casse tre vie autocostruite

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Dom 29 Gen 2012 - 15:28
Sempre per approfondire
Un articolo interessante che porta acqua alle mie tesi ma anche a quelle opposte.

http://www.tnt-audio.com/sorgenti/zotac_nm10.html

Una motherboard molto interessante, un ottimo articolo con misure di jitter.
Dimostrazione della relativa pochezza di soluzioni a bordo scheda, ma anche indicazione di dac capaci di "limitare i danni".
Ho letto in fretta ma c'è molto con cui alimentare le nostre discussioni...
Nik
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 10.01.12
Numero di messaggi : 22
Località : roma
Impianto : TC-7510 24K D/A Converter + Virtue TWO (alim. 80W) + indiana line arbour 5.06 + AKG A 601.

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Gio 16 Feb 2012 - 17:05
non sono sicuro di seguirvi in tutti i passaggi del vostro ragionamento, soprattutto quando date giudizi sulla scheda x o sul dac y, almeno a me non è chiaro quando è meglio o peggio Embarassed .

se potreste fare un punto della situazione tipo legenda Razz

avatar
shun0321
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 09.08.12
Numero di messaggi : 40
http://www.phonextra.it

Re: S/PDIF vs periferica usb tipo hiface

il Mer 5 Set 2012 - 2:04
salve a tutti,
io invece non noto nessuna differenza tra hiface two e TOSLINK!!!!!!
Uso un mac Pro, neanche io so spiegarmelo visto che con il mio impianto ampli cuffia si sentono facilmente le differenze tra cavi e player musicali....
Non so spiegarmelo, nessuna differenza, veramente nessuna.
BOH
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum