T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11777 utenti, con i loro 820067 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Condividi

descriptionT-Project 15: THE WALL "Class A" costruzione e recensione

more_horiz
Ciao a tutti. Come da titolo, siccome ancora nessuno lo ha fatto a meno di qualche commento qua e la, volevo realizzare un 3D esclusivamente riguardante il THE WALL. Tutto quello che scriverò è esclusivamente quello che è a mia conoscenza, se dirò qualcosa che non corrisponde al vero non arrabbiatevi, ma commentate e correggietemi.
Il THE WALL, per chi non lo sa, nasce da un idea di zio Bruno (ideafolle) che a sua volta ha modificato il progetto originale di gigi. Di questo progetto, se ne è parlato molto abbondantemente e per chi lo volesse, per farsi una cultura, può cercare questo titolo,  Amplificatore in pura Classe "A" Single Ended. Dopo mesi e mesi di discussione ne è venuto fuori questo progetto, appunto realizzato da zio Bruno. Mentre scrivo queste righe, sono a conoscenza di essere il fortunato possessore del quarto modello in tutta Italia, tre realizzati da zio Bruno e uno da me (sicuramente quelli di zio suonano meglio). Se ci fossero altre persone che lo hanno realizzato, potranno scrivere le loro impressioni.
La prima foto, mostra l'ampli già finito ma più avanti ci saranno le foto di schemi, particolari di collegamenti e tutto il resto, affinchè tutti possano divertirsi a realizzare questo ampli davvero dinamico, potente a dispetto dei suoi 5 watt e cosa non ultima, filosofia minimalist, pochi componenti messi al posto giusto. Come suona lo scriveremo alla fine.





Il tutto è iniziato da questi schemi. Mi raccomando per quanto riguarda l'alimentazione, zio Bruno dice che all’ 80% è lui che fornisce il meglio a questo ampli. Io, nel mio, non ho utilizzato roba esoterica. Materiale comune che trovate nel vostro negoziante di fiducia. Per i componenti mi sono servito quasi interamente da http://www.tme.eu/it/ si trovano in Polonia ma il sito è interamente in italiano i prezzi sono più convenienti dei negozianti di Torino, pensate che un buv20 qua lo pago 18€ mentre sul sito 9€.                            I collegamenti vanno fatti come da schema ne più ne meno. I condensatori di uscita, sono collegati proprio così, al contrario, con il meno verso out.




La dissipazione di calore è da curare in modo meticoloso. Io all'inizio ho fatto una strage di componenti e poi mi sono deciso a mettere quei bei dissipatori che vedete in foto, ne ho messi in totale 4 da 19cmx10cmx5cm a coppie di due, esistono anche da 38 o 40 cm vedete voi in base ai costi. Per montare i componenti sui dissipatori, ho usato una L in alluminio 50mmx50mmx5mm. Anche qui lo spessore non deve essere inferiore ai 5mm pena fusione componenti che scaldano come una stufa a pellet.







I collegamenti fra i componenti principali, è stato fatto in aria con filo di rame rigido da 1mm. Solo la parte alimentazione e le batterie di condensatori è stata fatta su basetta mille fori, solo per mia comodità. Il IRFP150 dell’alimentatore, è stato montato da solo su un dissipatore di fortuna che avevo e che comunque è bello spesso, questo perché anche lui scalda un bel pò e ha bisogno di dissipazione. Per non sbagliare gli ho montato una bella ventola di recupero che avevo e anche ai lati. Quelle cose blu in foto non sono nient’altro che ventole per hard disk che combaciano perfettamente per grandezza al dissipatore. Quando si accende l’apparecchio, l’alimentatore ci mette circa 2 minuti a entrare a regime e la tensione sale da 0 volt a 35 volt in maniera lenta e graduata, questo per evitare il bump sulle casse e non stressare i finali. Il trimmer serve a regolare la V/2 ovvero la metà della tensione d’ingresso. La V/2 si misura tra il negativo e l’uscita, prima della batteria di condensatori. Regoliamo dunque il trimmer fino ad ottenere 17,5 volt circa. La misura va fatta sia subito e sia circa un’ora dopo di funzionamento. L’alimentazione fornita alle ventole è un alimentatore switching 12 volt 3A, così non ho problemi di disturbi sull’alimentatore dell’amplificatore. La temperatura senza ventole era abbastanza alta invece così e molto contenuta.



Il frontale, il coperchio e il retro realizzati da una lastra di alluminio da 50x50 cm comprato da un fornitore di alluminio. L’interruttore e la presa IEC filtrata, è stata gentilmente offerta da un alimentatore PC non più funzionante. Il led rosso l’ho collegato a un ramo dell’alimentazione con una resistenza da 1200 Ohm, solo dopo ho pensato a mettere anche quella dell’altro ramo ma ormai è tardi.
In questo momento l’ampli pilota due bestie da 116 cm di altezza con woofer da 25 caricate in bass reflex. Il sub in foto non è collegato. Le due casse forniscono da sole i bassi profondi.



Questo amplificatore a dispetto della sua nomina di 5 Watt, suona che è una meraviglia. Il suono esce pulito e potente. I bassi pompano alla grande e i medio alti ariosi e aperti. Il paragone lo sto facendo con un Harman Kardon PM655 dato per 60 Watt su 8 ohm, questo amplificatore era molto conosciuto dagli audiofili anni 80. Il PM655 sicuramente sprigiona una potenza maggiore ma è opaco sui medio alti e alla lunga diventa monotono. Il THE WALL invece mi ha lasciato a bocca aperta per la sua dinamica e ripeto a dispetto dei 5 watt (teorici a questo punto) quando alzo il volume pompa alla grande.
Sicuramente adesso c’è l’euforia di un nuovo arrivato ma con calma farò prove e prove (ovviamente acustiche ad orecchio) e più avanti vi farò sapere i commenti a freddo.

P.S.
I costi totali per la realizzazione circa €uro 200. Euro più euro meno. Si può tranquillamente paragonare ad amplificatori blasonati dal costo di migliaia di euri. A Milano in una fiera un ampli con filosofia minimalist era venduto a 5000 euro e vi posso assicurare che siamo lì.

descriptionRe: T-Project 15: THE WALL "Class A" costruzione e recensione

more_horiz
Commenti al progetto e ulteriori note tecniche qui:
http://www.tforumhifi.com/t40025-the-wall-class-a-commenti-al-progetto

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum