T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» ciò solo 200 euri.... le scinte e il cinesino.... oppure...
Oggi alle 2:17 Da Kha-Jinn

» Diffusori alta efficienza e potenza
Oggi alle 1:21 Da valterneri

» consiglio dac nuovo max 200 euro
Ieri alle 23:21 Da dinamanu

» Sony uhp h1
Ieri alle 23:18 Da Zio

» cosa manca....il giradischi!
Ieri alle 20:32 Da athxp

» Dansal Audio Promozioni sconti riservati al T Forum
Ieri alle 19:38 Da RAIS

» Suggerimenti primo impianto giradischi, ampli e casse
Ieri alle 19:34 Da giucam61

» Funzionamento Giradischi Dual 1224 - Non si sente
Ieri alle 19:32 Da Masterix

» La sintesi - Un curioso caso
Ieri alle 19:19 Da lello64

» dipolo glass by Gaddari
Ieri alle 17:49 Da embty2002

» musica liquida
Ieri alle 16:43 Da primula

» Denon PMA-700z
Ieri alle 16:16 Da pim

» Lettore audio portatile Dodocool DA106
Ieri alle 14:57 Da silver surfer

» Galactron pre + finale
Ieri alle 14:53 Da verderame

» Nad c 352
Ieri alle 14:53 Da verderame

» Consiglio AMP/Cuffie
Ieri alle 12:14 Da mumps

» classe d scheda amplificata
Ieri alle 11:50 Da danilopace

» (VI) Fx audio d802
Ieri alle 8:56 Da velelfo

» prezzo da fare ad un amico x mio impianto ventennale
Gio 14 Dic 2017 - 23:34 Da primula

» Indiana Line Diva 552 (VT)
Gio 14 Dic 2017 - 23:06 Da mumps

» Fiio e10 vs d03k
Gio 14 Dic 2017 - 21:21 Da ninja77

» * QUESITO: Ampli valvola con Trasformatore uscita insolito
Gio 14 Dic 2017 - 20:40 Da Riccardo Giuliani

» Diffusori attivi 200/300 euro
Gio 14 Dic 2017 - 19:13 Da Lorenzo90

» Volume bassissimo: colpa del pre-phono?
Gio 14 Dic 2017 - 17:22 Da giucam61

» Regolazione volume remota con telecomando
Gio 14 Dic 2017 - 15:01 Da Skizzoide

» Potenziometro per cuffie
Gio 14 Dic 2017 - 14:57 Da nerone

» TA2024 molto economico
Gio 14 Dic 2017 - 14:31 Da focal12

» handshell completa giradischi Sony PS LX 3
Gio 14 Dic 2017 - 13:39 Da valterneri

» SMSL M7: il dac definitivo alla portata di tutti?
Gio 14 Dic 2017 - 13:00 Da giucam61

»  GUASTO SU LETTORE SACD CAYIN SCD50T
Gio 14 Dic 2017 - 11:18 Da Niflan53

Statistiche
Abbiamo 11229 membri registrati
L'ultimo utente registrato è avantrax

I nostri membri hanno inviato un totale di 802492 messaggi in 52002 argomenti
I postatori più attivi della settimana
Masterix
 
giucam61
 
mumps
 
lello64
 
nerone
 
pim
 
joe1976
 
primula
 
sportyerre
 
dinamanu
 

I postatori più attivi del mese
giucam61
 
Masterix
 
lello64
 
mumps
 
joe1976
 
ftalien77
 
nerone
 
dinamanu
 
pim
 
GP9
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15534)
 
Silver Black (15495)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
fritznet (9308)
 
wasky (9229)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 27 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 27 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  LEPORELLO il Mer 14 Nov 2012 - 14:33

Oggi decido di "fare sul serio" e proporre un ascolto davvero fuori dal comune e impegnativo

l' opera in questione è mastodontica ed ha occupato varie fasi della carriera di questo straordinario compositore,l' "inventore" della musica seriale o meglio conosciuta come dodecafonica

non voglio annoiare e annoiarmi facendo lunghe analisi e descrizioni delle quali troverete sicuramente testimonianze più importanti in rete

taglio quindi corto:

la musica seriale slegò definitivamente il compositore da certi vincoli in quanto appunto prevedeva la non ripetizione di una "nota" in una determinata "serie" - cosa invece alquanto comune fino ad allora - aprendo così nuovi orizzonti espressivi

ovviamente ho semplificato molto poichè all' ascolto risulterà lampante

una premonizione di ciò si ebbe già anni addietro,a partire da certe "dissonanze" mozartiane e beethoveniane sino all' atonalismo "primordiale" del tristan und isolde di wagner

esistono varie buone esecuzioni, boulez, solti, rosbaud

per avvicinarsi al maestro austriaco consiglio di partire dalla notte trasfigurata, pelleas und melisande e gurrelieder, passando poi ai 5 pezzi per orchestra, variazioni per orchestra op. 31 e ai quartetti, concerti per piano e violino e sinfonia da camera n. 2 per poi approdare a un sopravvissuto di varsavia che molto ha in comune con l' opera qui citata

solo così si potrà comprendere il tortuoso percorso artistico che ha portato prima alla dodecafonia e successivamente a una parziale negazione/rivisitazione di essa da parte della nuova scuola di vienna capitanata da boulez,xenaxys, ligeti ecc. che preferirono seguire le orme del grande allievo di schoenberg, il grandissimo anton webern

buon ascolto

LEPORELLO
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 18.05.12
Numero di messaggi : 694
Località : L' universo
Occupazione/Hobby : Artista...un tempo...forse
Provincia (Città) : rilassato
Impianto : il mio orecchio e il mio cervello

Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  Vella il Mer 14 Nov 2012 - 15:22

Sono interessatissimo all'argomento!!!
Qualche tempo fa mi sono avventurato nell'argomento, partendo da Shoemberg e Webern, e scartando Berg che prorpio non mi piace.
Ma l'ho fatto da profano assoluto, quindi un pò a caso; però con grande soddisfazione.
Poi mi sono spostato verso Ligeti e Varese, auindi tecnicamente fuori dalla musica seriale ma pur sempre in qualche modo atonale.

Ti chiedo: potresti stilare una decina di dischi "essenziali", simbolici del tragitto da Shoemberg al superamento di Shoemberg?
E qualche opera che faceva "presagire" Shoemberg, se esiste?
Insomma, qualcosa con un filo conduttore?
avatar
Vella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 29.12.10
Numero di messaggi : 3992
Località : Milano
Occupazione/Hobby : finanza/tra un pò scrivo un romanzo
Impianto :
Spoiler:
Asus eeebox+Lubuntu/MPD - Rega Planet 2000 - Benchmark DAC1USB - Electrocompaniet EC3 - Electrocompaniet AW 120 DMB - Duevel Planets - Sennheiser HD600
Chord USB Silver Plus - Mogami 2964 - Atlas Element Integra - WireWorld Stratus 5(2) - QED Anniversary Silver XT Anniversary


Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  LEPORELLO il Mer 14 Nov 2012 - 16:44

@Vella ha scritto:Sono interessatissimo all'argomento!!!
Qualche tempo fa mi sono avventurato nell'argomento, partendo da Shoemberg e Webern, e scartando Berg che prorpio non mi piace.
Ma l'ho fatto da profano assoluto, quindi un pò a caso; però con grande soddisfazione.
Poi mi sono spostato verso Ligeti e Varese, auindi tecnicamente fuori dalla musica seriale ma pur sempre in qualche modo atonale.

Ti chiedo: potresti stilare una decina di dischi "essenziali", simbolici del tragitto da Shoemberg al superamento di Shoemberg?
E qualche opera che faceva "presagire" Shoemberg, se esiste?
Insomma, qualcosa con un filo conduttore?

ciao

non sono bravo a fare liste e classifiche, però come ho detto sopra l' ideale sarebbe partire dal tristano di wagner, passando poi per mahler e hugo wolf e approdare alla seconda scuola di vienna e a quella di darmstad (boulez,stockhausen...)

a mio avviso il punto di svolta si ebbe con webern, che già nei suoi cinque pezzi per orchestra si spinse oltre e così proseguì fino alla cantata op. 31, la seconda e ultima

schoenberg era allievo ideale di mahler, e se ascolti l' incompiuta decima di quest' ultimo ci sono dissonanze premonitrici e allo stesso tempo influenzate a loro volta dai tre "pupilli" e certe nuove sperimentazioni

emblematico spartiacque tra "vecchia forma". e nuova concezione è proprio la passacaglia op. 1 di webern, la più straordinaria opera prima mai scritta forse, anche se aveva già composto altro

il germe di tutto comunque risiede negli ultimi mozart e beethoven da camera, quartetti, quintetti (mozart) e sonate per piano (beethoven)

il punto di arrivo è appunto per ora il proseguimento del serialismo particolare di darmstad, boulez ne è un icona vivente nel bene e nel male, anche se personalmente gli preferisco kurtag, ligeti, xenaxis e certo stockhausen (gruppen)

non appena ho tempo comunque cercherò di approfondire la cosa, ci sono stati importanti esponenti pure in italia, a partire da malipiero, pizzetti, nono, berio,maerna, dallapiccola e il più recente manzoni

penderecki e part sono casi particolari che pure meriterebbero grande attenzione, purtroppo devo scrivere al ralllentatore da tablet, scusate gli errori

LEPORELLO
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 18.05.12
Numero di messaggi : 694
Località : L' universo
Occupazione/Hobby : Artista...un tempo...forse
Provincia (Città) : rilassato
Impianto : il mio orecchio e il mio cervello

Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  fritznet il Mer 14 Nov 2012 - 17:18

@Vella ha scritto:Sono interessatissimo all'argomento!!!
Qualche tempo fa mi sono avventurato nell'argomento, partendo da Shoemberg e Webern, e scartando Berg che prorpio non mi piace.
Ma l'ho fatto da profano assoluto, quindi un pò a caso; però con grande soddisfazione.
Poi mi sono spostato verso Ligeti e Varese, auindi tecnicamente fuori dalla musica seriale ma pur sempre in qualche modo atonale.

Ti chiedo: potresti stilare una decina di dischi "essenziali", simbolici del tragitto da Shoemberg al superamento di Shoemberg?
E qualche opera che faceva "presagire" Shoemberg, se esiste?
Insomma, qualcosa con un filo conduttore?

Posso?

Arnold Schönberg
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 9308
Località : Gniva
Provincia (Città) : nibiruland
Impianto : lol-fi


Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  Vella il Mer 14 Nov 2012 - 17:23

@fritznet ha scritto:
@Vella ha scritto:Sono interessatissimo all'argomento!!!
Qualche tempo fa mi sono avventurato nell'argomento, partendo da Shoemberg e Webern, e scartando Berg che prorpio non mi piace.
Ma l'ho fatto da profano assoluto, quindi un pò a caso; però con grande soddisfazione.
Poi mi sono spostato verso Ligeti e Varese, auindi tecnicamente fuori dalla musica seriale ma pur sempre in qualche modo atonale.

Ti chiedo: potresti stilare una decina di dischi "essenziali", simbolici del tragitto da Shoemberg al superamento di Shoemberg?
E qualche opera che faceva "presagire" Shoemberg, se esiste?
Insomma, qualcosa con un filo conduttore?

Posso?

Arnold Schönberg

Minchiazza che figura di merda imperiale!!!!!!
Mi sembrava a occhio che ci fosse qualcosa che non andava, di dissonante...
avatar
Vella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 29.12.10
Numero di messaggi : 3992
Località : Milano
Occupazione/Hobby : finanza/tra un pò scrivo un romanzo
Impianto :
Spoiler:
Asus eeebox+Lubuntu/MPD - Rega Planet 2000 - Benchmark DAC1USB - Electrocompaniet EC3 - Electrocompaniet AW 120 DMB - Duevel Planets - Sennheiser HD600
Chord USB Silver Plus - Mogami 2964 - Atlas Element Integra - WireWorld Stratus 5(2) - QED Anniversary Silver XT Anniversary


Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  fritznet il Mer 14 Nov 2012 - 17:30

@Vella ha scritto:
...
cut
...

Minchiazza che figura di merda imperiale!!!!!!
Mi sembrava a occhio che ci fosse qualcosa che non andava, di dissonante...

Per così poco, dai, solo che mi era venuto il dubbio che stessi parlando di un altro, e allora mi sono permesso.
In effetti è un pò dissonante, giustamente Very Happy
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 9308
Località : Gniva
Provincia (Città) : nibiruland
Impianto : lol-fi


Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  luigigi il Mer 14 Nov 2012 - 18:11

@LEPORELLO ha scritto:
@Vella ha scritto:Sono interessatissimo all'argomento!!!
Qualche tempo fa mi sono avventurato nell'argomento, partendo da Shoemberg e Webern, e scartando Berg che prorpio non mi piace.
Ma l'ho fatto da profano assoluto, quindi un pò a caso; però con grande soddisfazione.
Poi mi sono spostato verso Ligeti e Varese, auindi tecnicamente fuori dalla musica seriale ma pur sempre in qualche modo atonale.

Ti chiedo: potresti stilare una decina di dischi "essenziali", simbolici del tragitto da Shoemberg al superamento di Shoemberg?
E qualche opera che faceva "presagire" Shoemberg, se esiste?
Insomma, qualcosa con un filo conduttore?

ciao

non sono bravo a fare liste e classifiche, però come ho detto sopra l' ideale sarebbe partire dal tristano di wagner, passando poi per mahler e hugo wolf e approdare alla seconda scuola di vienna e a quella di darmstad (boulez,stockhausen...)

a mio avviso il punto di svolta si ebbe con webern, che già nei suoi cinque pezzi per orchestra si spinse oltre e così proseguì fino alla cantata op. 31, la seconda e ultima

schoenberg era allievo ideale di mahler, e se ascolti l' incompiuta decima di quest' ultimo ci sono dissonanze premonitrici e allo stesso tempo influenzate a loro volta dai tre "pupilli" e certe nuove sperimentazioni

emblematico spartiacque tra "vecchia forma". e nuova concezione è proprio la passacaglia op. 1 di webern, la più straordinaria opera prima mai scritta forse, anche se aveva già composto altro

il germe di tutto comunque risiede negli ultimi mozart e beethoven da camera, quartetti, quintetti (mozart) e sonate per piano (beethoven)

il punto di arrivo è appunto per ora il proseguimento del serialismo particolare di darmstad, boulez ne è un icona vivente nel bene e nel male, anche se personalmente gli preferisco kurtag, ligeti, xenaxis e certo stockhausen (gruppen)

non appena ho tempo comunque cercherò di approfondire la cosa, ci sono stati importanti esponenti pure in italia, a partire da malipiero, pizzetti, nono, berio,maerna, dallapiccola e il più recente manzoni

penderecki e part sono casi particolari che pure meriterebbero grande attenzione, purtroppo devo scrivere al ralllentatore da tablet, scusate gli errori
Grande ... ma per quel che ricordo di aver sentito Penderecki (e mi sembra anche Kodaly) me li rocrdo più come .... neoclassici.. non so se il termine calzi e se poi lo siano, ma vado a memoria... attendiamo tue riflessioni Glasses
avatar
luigigi
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 06.02.12
Numero di messaggi : 2731
Località : Padania inferiore
Occupazione/Hobby : Formatore , tecnico commerciale, chitarrista
Provincia (Città) : Lodi
Impianto : Dac R2R Soekis elaborato Ciro - CJ PV 10 (A?) - Am Audio A 50 -Magneplanar 1.6 - Cavi Pierpabass - Kimbre timbre -Qed silver - Supra -

http://digilander.libero.it/MSQuintet/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  LEPORELLO il Gio 15 Nov 2012 - 13:42

ciao Luigi

naturalmente ho citato pure compositori che sono stati semplicemente "sfiorati" da tale "fenomeno"
il nostro Malipiero in primis

kodaly comunque ha ben poco a che vedere con penderecki, diciamo che aveva molto più in comune con Bela Bartok, seppur quest' ultimo andò molto più a fondo con i suoi quartetti e altri lavori da camera che includevano pure l' utilizzo di strumenti a percussione (sonata per due pianoforti e percussioni, musica per archi percussioni e celesta e concerto per orchestra nell' orchestrale, bluebeard's castle nell' "operistica" o pseudo - tale)

insomma, il forte influsso della musica popolare e folcloristica funzionò da stimolo per altre ambizioni, mentre nel primo era piu fine a se stesso

di penderecki ci sono vari periodi e stili, diciamo che st luke passion sintetizza al meglio un pò tutto nel bene e nel male

fritzet

che te ne frega della "forma" ? l' importante non è come, piuttosto cosa si scrive
se si ha qualcosa da dire arriva lo stesso, non preoccuparti

anche perchè. badare troppo all' "ordine" spesso denota grande confusione mentale e poche idee Hehe
l' importante è ascoltare nel caso della musica


LEPORELLO
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 18.05.12
Numero di messaggi : 694
Località : L' universo
Occupazione/Hobby : Artista...un tempo...forse
Provincia (Città) : rilassato
Impianto : il mio orecchio e il mio cervello

Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  luigigi il Gio 15 Nov 2012 - 15:27

@LEPORELLO ha scritto:ciao Luigi

naturalmente ho citato pure compositori che sono stati semplicemente "sfiorati" da tale "fenomeno"
il nostro Malipiero in primis

kodaly comunque ha ben poco a che vedere con penderecki, diciamo che aveva molto più in comune con Bela Bartok, seppur quest' ultimo andò molto più a fondo con i suoi quartetti e altri lavori da camera che includevano pure l' utilizzo di strumenti a percussione (sonata per due pianoforti e percussioni, musica per archi percussioni e celesta e concerto per orchestra nell' orchestrale, bluebeard's castle nell' "operistica" o pseudo - tale)

insomma, il forte influsso della musica popolare e folcloristica funzionò da stimolo per altre ambizioni, mentre nel primo era piu fine a se stesso

di penderecki ci sono vari periodi e stili, diciamo che st luke passion sintetizza al meglio un pò tutto nel bene e nel male



Ciao Leporello.... vedrò di procurarmelo.... Bartok mi piace assai ... anzi, ho uno strano comportamento con la musica del '900. Adoro Stravinsky, Prokofiev Bartok... anzi ultimamente ascolto "quasi" solo quello ... poi ho un blocco sui contemporanei ... nun gliela faccio... non ci sono ancora arrivato. A §Lodi fanno anche una rassegna credo abbastanza importante "ContemporaneaMente" ... ho assistito a, o pravato ad assistere, a due concerti. Al terzo brano sono andato a farmi una birra. Mi son sentito un biforlco, ma ero più soddisfatto..... Beer

p.s. che ne pensi di Arvo PArt ? mi piace parecchio ...
avatar
luigigi
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 06.02.12
Numero di messaggi : 2731
Località : Padania inferiore
Occupazione/Hobby : Formatore , tecnico commerciale, chitarrista
Provincia (Città) : Lodi
Impianto : Dac R2R Soekis elaborato Ciro - CJ PV 10 (A?) - Am Audio A 50 -Magneplanar 1.6 - Cavi Pierpabass - Kimbre timbre -Qed silver - Supra -

http://digilander.libero.it/MSQuintet/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  LEPORELLO il Ven 16 Nov 2012 - 13:24

@luigigi ha scritto:
@LEPORELLO ha scritto:ciao Luigi

naturalmente ho citato pure compositori che sono stati semplicemente "sfiorati" da tale "fenomeno"
il nostro Malipiero in primis

kodaly comunque ha ben poco a che vedere con penderecki, diciamo che aveva molto più in comune con Bela Bartok, seppur quest' ultimo andò molto più a fondo con i suoi quartetti e altri lavori da camera che includevano pure l' utilizzo di strumenti a percussione (sonata per due pianoforti e percussioni, musica per archi percussioni e celesta e concerto per orchestra nell' orchestrale, bluebeard's castle nell' "operistica" o pseudo - tale)

insomma, il forte influsso della musica popolare e folcloristica funzionò da stimolo per altre ambizioni, mentre nel primo era piu fine a se stesso

di penderecki ci sono vari periodi e stili, diciamo che st luke passion sintetizza al meglio un pò tutto nel bene e nel male



Ciao Leporello.... vedrò di procurarmelo.... Bartok mi piace assai ... anzi, ho uno strano comportamento con la musica del '900. Adoro Stravinsky, Prokofiev Bartok... anzi ultimamente ascolto "quasi" solo quello ... poi ho un blocco sui contemporanei ... nun gliela faccio... non ci sono ancora arrivato. A §Lodi fanno anche una rassegna credo abbastanza importante "ContemporaneaMente" ... ho assistito a, o pravato ad assistere, a due concerti. Al terzo brano sono andato a farmi una birra. Mi son sentito un biforlco, ma ero più soddisfatto..... Beer

p.s. che ne pensi di Arvo PArt ? mi piace parecchio ...

lo stimo come compositore ma gli preferisco di gran lunga il già. citato penderecki o rimanendo sul "semplice profondo" gorecki , parti dalla sua sinfonia n. 3 nel caso

della passione secondo luca - vero capolavoro - esiste un' ottima registrazione di penderecki stesso, poi ovviamente ti potrai spingere pure più indietro sino a "threni..." o ai coevi lavori di xenaxis e ligeti

sulla "contemporanea" c' è. ovviamente molta speculazione e pochi sono gli artisti con un vero messaggio come al solito, il gusto personale e il tuo background ti guideranno nell' eventuale scelta, io non posso aiutarti più di tanto poichè evito volutamente di ascoltare molti compositori viventi per ragioni più o meno valide che non sto qui a spiegare

bartok ? grande genio, asseriva inoltre giustamente che non si può insegnare composizione, a mio avviso i suoi quartetti sono gli unici a rimanere sulla impervia strada tracciata da beethoven e proseguirne idealmente certi nobili intenti

LEPORELLO
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 18.05.12
Numero di messaggi : 694
Località : L' universo
Occupazione/Hobby : Artista...un tempo...forse
Provincia (Città) : rilassato
Impianto : il mio orecchio e il mio cervello

Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  Vella il Ven 23 Nov 2012 - 10:12

Rieccoci.

Mi dareste un consiglio su uno o due lavori fondamentali per:
Penderecky
Kodaly
Kurtag

Grazie
avatar
Vella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 29.12.10
Numero di messaggi : 3992
Località : Milano
Occupazione/Hobby : finanza/tra un pò scrivo un romanzo
Impianto :
Spoiler:
Asus eeebox+Lubuntu/MPD - Rega Planet 2000 - Benchmark DAC1USB - Electrocompaniet EC3 - Electrocompaniet AW 120 DMB - Duevel Planets - Sennheiser HD600
Chord USB Silver Plus - Mogami 2964 - Atlas Element Integra - WireWorld Stratus 5(2) - QED Anniversary Silver XT Anniversary


Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  luigigi il Ven 23 Nov 2012 - 10:53

@Vella ha scritto:Rieccoci.

Mi dareste un consiglio su uno o due lavori fondamentali per:
Penderecky
Kodaly
Kurtag

Grazie
Ciao... posso dirti quello che ho io (stasera..) ... per sapere se è fondamentale o meno .... meglio il nostro Leporello
avatar
luigigi
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 06.02.12
Numero di messaggi : 2731
Località : Padania inferiore
Occupazione/Hobby : Formatore , tecnico commerciale, chitarrista
Provincia (Città) : Lodi
Impianto : Dac R2R Soekis elaborato Ciro - CJ PV 10 (A?) - Am Audio A 50 -Magneplanar 1.6 - Cavi Pierpabass - Kimbre timbre -Qed silver - Supra -

http://digilander.libero.it/MSQuintet/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  LEPORELLO il Ven 23 Nov 2012 - 13:48

@Vella ha scritto:Rieccoci.

Mi dareste un consiglio su uno o due lavori fondamentali per:
Penderecky
Kodaly
Kurtag

Grazie


Per quanto mi riguarda ti posso dire i miei preferiti - che non è detto che siano "fondamentali" Laughing

di Penderecki st luke passion diretta dall' autore, threni per le vittime di hiroshima,dies irae,un requiem polacco, il paradiso perduto e polymorphia
notevoli anche il concerto per violino n. 2 e le otto sinfonie

kodaly
psalmus hungaricus, missa brevis e se proprio vuoi la popolare hary janos suite diretta da fricsay possibilmente

kurtag

stele, omaggio a Luigi Nono credo che Abbado li abbia incisi entrambi, quantomeno il primo dovrei averlo su cd

LEPORELLO
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 18.05.12
Numero di messaggi : 694
Località : L' universo
Occupazione/Hobby : Artista...un tempo...forse
Provincia (Città) : rilassato
Impianto : il mio orecchio e il mio cervello

Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  Vella il Ven 23 Nov 2012 - 14:46

Grazie, parto con la ricerca
avatar
Vella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 29.12.10
Numero di messaggi : 3992
Località : Milano
Occupazione/Hobby : finanza/tra un pò scrivo un romanzo
Impianto :
Spoiler:
Asus eeebox+Lubuntu/MPD - Rega Planet 2000 - Benchmark DAC1USB - Electrocompaniet EC3 - Electrocompaniet AW 120 DMB - Duevel Planets - Sennheiser HD600
Chord USB Silver Plus - Mogami 2964 - Atlas Element Integra - WireWorld Stratus 5(2) - QED Anniversary Silver XT Anniversary


Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  Vella il Ven 23 Nov 2012 - 14:47

@luigigi ha scritto:
@Vella ha scritto:Rieccoci.

Mi dareste un consiglio su uno o due lavori fondamentali per:
Penderecky
Kodaly
Kurtag

Grazie
Ciao... posso dirti quello che ho io (stasera..) ... per sapere se è fondamentale o meno .... meglio il nostro Leporello

Dimmi dimmi
avatar
Vella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 29.12.10
Numero di messaggi : 3992
Località : Milano
Occupazione/Hobby : finanza/tra un pò scrivo un romanzo
Impianto :
Spoiler:
Asus eeebox+Lubuntu/MPD - Rega Planet 2000 - Benchmark DAC1USB - Electrocompaniet EC3 - Electrocompaniet AW 120 DMB - Duevel Planets - Sennheiser HD600
Chord USB Silver Plus - Mogami 2964 - Atlas Element Integra - WireWorld Stratus 5(2) - QED Anniversary Silver XT Anniversary


Tornare in alto Andare in basso

Re: Schoenberg, Mose e Aronne e la dodecafonia

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum