T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Cambio diffussori da scaffale max 500euro
Oggi alle 20:11 Da natale55

» Amplificatori t-amp principalmente per musica in stereofonia e per l'home theatre
Oggi alle 19:49 Da andzoff

» Mo-gu S800 - piccolo e combattivo
Oggi alle 19:37 Da andzoff

» Qualche consiglio [Darkvoice 336+DT990]
Oggi alle 19:00 Da IlTossico

» Quale Gira ?
Oggi alle 18:32 Da Motogiullare

» quale classe T economico più musicale?
Oggi alle 17:11 Da giucam61

» trasformare portatile vaio in media center per monitor fullhd e impianto hifi
Oggi alle 14:53 Da Sigmud

» Caterham Seven Exclusive
Oggi alle 10:47 Da giucam61

»  Quale amplificatore classe T
Oggi alle 9:36 Da andzoff

» Consiglio lettore Blu-ray
Oggi alle 9:21 Da gianni1879

» Chi mi aiuta con un filtro notch?
Oggi alle 9:20 Da Zio

» Il numero uno ci ha lasciati...
Oggi alle 8:29 Da giucam61

» NuforceDDa 120
Oggi alle 8:16 Da giucam61

» POPU VENUS
Oggi alle 7:55 Da gigetto

» Scelta amplificatore, mi aiutate?
Oggi alle 7:42 Da gigetto

» ALIENTEK D8
Ieri alle 21:07 Da nerone

» Riparazione Elettrocompaniet ECI 1
Ieri alle 20:57 Da anto.123

» abrahamsen audio
Ieri alle 19:57 Da giucam61

» Ho dato una svecchiata al layout del forum
Ieri alle 15:09 Da RAIS

» Costruzione impianto audio...soundbar, 2.1 o 5.1?
Ieri alle 14:07 Da nerone

» Quale ampli per Douk dac e diffusori Bellino?
Ieri alle 12:03 Da Giovanni duck

» Gallo Acoustics
Dom 23 Apr 2017 - 23:09 Da danidani1

» Consiglio cuffie in-ear
Dom 23 Apr 2017 - 20:11 Da uncletoma

» Cascame di cotone FONOASSORBENTE
Dom 23 Apr 2017 - 19:35 Da Aunktintaun

» Valvole finali 6l6/5881
Dom 23 Apr 2017 - 19:01 Da Aunktintaun

» USB no 24?
Dom 23 Apr 2017 - 9:56 Da dankan73

» Rip DSD
Dom 23 Apr 2017 - 0:47 Da Calbas

» Longhin silver wave
Sab 22 Apr 2017 - 20:31 Da dinamanu

» Jamo S 626
Sab 22 Apr 2017 - 19:29 Da giucam61

» Non riesco ad ascoltare più il CD....
Sab 22 Apr 2017 - 19:26 Da giucam61

Statistiche
Abbiamo 10763 membri registrati
L'ultimo utente registrato è AF

I nostri membri hanno inviato un totale di 784356 messaggi in 50983 argomenti
I postatori più attivi della settimana
giucam61
 
gigetto
 
nerone
 
gianni1879
 
Egidio Catini
 
Zio
 
anto.123
 
dinamanu
 
Seti
 
natale55
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19630)
 
schwantz34 (15499)
 
Silver Black (15455)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10261)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8914)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 65 utenti in linea :: 9 Registrati, 1 Nascosto e 55 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

arthur barras, brico, enrico massa, giapel, M@uro, MASSIMILIANO PRIVITERA, micio_mao, santidonau, Seti

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking

Cerri, il successo è questione d'orecchio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cerri, il successo è questione d'orecchio

Messaggio  nd1967 il Lun 11 Apr 2011 - 12:14

Gran bella intervista.

dal link
http://www.corriere.it/cultura/11_aprile_11/franco-cerri-di-paolo-di-stefano_439e03a2-640f-11e0-a775-19c5c2b0b4ec.shtml

IO RICORDO - MEMORIE D'AUTORE

Cerri, il successo è questione d'orecchio

«A una festa Kramer mi disse: hai orecchio. Iniziai così. Ma il successo popolare arrivò con l'uomo in ammollo»

«È bello vedere crescere i ragazzi». La voce di Franco Cerri è la voce gentile di un signore in giacca e cravatta, dal sorriso dolce e dal fisico asciutto. I ragazzi sono quelli della Civica Scuola di Jazz, fondata a Milano da Cerri nel 1987: è un edificio luminoso nei pressi di Porta Romana. In corridoio i ragazzi si muovono rispettosi, si vedono sui loro visi gli sguardi dell'ammirazione. «Cosa farei se non ci fosse la scuola... ». Sulle pareti bianche dell'aula N, che lasciano passare il suono vicino di un sax, c'è un ritaglio di una decina d'anni fa con papà Franco, il chitarrista jazz più famoso d'Italia, e suo figlio Stefano. Stefano suonava ormai il basso elettrico, ma era partito dalla chitarra pop e dalla passione per i Beatles: «È cresciuto pian piano. Una sera, un amico dell'altro mio figlio, Nicola, mi chiese se conoscevo i brani dei Beatles, Stefano si alzò, tornò con una chitarra e cominciò a suonare e a canticchiare. Io non sapevo che suonasse. Rimasi a bocca aperta: quello era mio figlio!». La conversione di Stefano al jazz fu molto lenta: «A un certo punto Memo Remigi lo ingaggiò per una tournée. Una sera Stefano mi telefona dalla Sicilia e mi dice: "Papà, papà, ho sentito Charlie Parker, avevi ragione!" Da allora siamo stati molto insieme a suonare, suonare con un figlio è una grande emozione...». Stefano è morto a cinquant'anni il 24 novembre 2000, per una malattia fulminante: «Io ho avuto un tumore, poi si ammalò lui. Un giorno mi telefonò e mi disse: "Sai papà, adesso, oltre alla musica, abbiamo un'altra cosa in comune...". "Non scherzare", gli dissi. "Me l'hanno diagnosticato mezz'ora fa", mi rispose».
Eppure oggi, nonostante gli occhi che si inumidiscono, la serenità di Franco Cerri non è un inganno. «Sono credente, con tutto il rispetto, credo che esista..., però non ho nessuna ammirazione per la Chiesa: è fatta di politici, e dei politici mi vergogno. L'idea che ci sia la destra e la sinistra, ma manchi il buon senso mi offende... Sono impiegati dello Stato che dovrebbero fare seriamente il proprio lavoro e che invece sono diventati padroni sulla pelle della gente. Poi ci si meraviglia che i ragazzi non credono più a niente...». Ma non c'è nulla per fortuna che riesca a intaccare il suo buonumore: «Voglio continuare a suonare finché dura, voglio ringiovanire. Ho voglia di ridere, sento in me il ragazzo, e le gambe, la testa, le mani funzionano ancora. Il giorno in cui non mi ricorderò più un percorso armonico, attaccherò al chiodo la mia ragazza preferita». Che è la chitarra. Ride. Mercoledì il Teatro Strehler dedicherà una serata al suo mondo. Davanti a un bloc notes pieno di aneddoti, storie, ritratti, atmosfere, un buon giornalista deve saper scegliere, ma stavolta è davvero difficile. Milano anni 30: «Papà aveva perso la mano sinistra, tre dita della destra e un occhio nel '17, durante un'esercitazione militare. Mamma era un'operaia, una bella ragazza. Le chiedevano: "Uhé, bionda, com'è che sei andata a prenderti quello lì?". Lei rispondeva: "Ma è così gentile". In effetti non li ho mai sentiti litigare, i miei».

Fu papà Mario a regalargli la prima chitarra, acquistata per 78 lire. Era il settembre 1943. In realtà, Franco lavorava da tempo. A 14 anni era già muratore: «Mi dicevano: "Uhei, pinèla, porta qui la molta", ma ero magro e fragile, e ci cadevo sopra. E poi pativo il freddo. Avevo sentito dire che offrivano lavoro alla Montecatini. Un giorno mi chiedono di fare l'ascensorista per la presidenza. Nel mio piccolo, avevo il senso dell'educazione, e per non voltar le spalle al presidente schiacciando il bottone, ho passato giorni ad allenarmi. Il primo giorno, arriva Donegani, gli dico: "Buongiorno presidente", e cerco il bottone senza girarmi, ma non lo trovo... Mi guardò, capì, si mise a ridere e arrossendo fui costretto a girarmi. Io sono cresciuto così, nella timidezza, nell'insicurezza, nella paura di tutto. Ma oggi di educazione ne vedo poca in giro». Grazie alla benevolenza di un ufficiale, il giovane Cerri viene arruolato in Marina, ma è solo uno spettatore della guerra. Ricorda la sua città in macerie: «Già suonicchiavo per una radio tedesca, la notte tornavo tardi a casa e dalla paura certe volte mi veniva l'itterizia».

Il dopoguerra «è stato un bel momento di poesia». Cerri è un autodidatta della chitarra, trova un aiuto nell'amico del cuore Giampiero Boneschi, già pianista e futuro compositore e direttore d'orchestra: «Non conoscevo le note e odiavo con tutte le mie forze l'idea del solfeggio. Quando mettevo insieme tre o quattro note, telefonavo a Giampiero per sapere cos'erano. Mi diceva: è un re minore, e io gli rispondevo: e che cosa vuol dire?». Il miracolo avviene in una festa da ballo, dopo la liberazione: «Nei cortili la gente riprendeva a ballare per festeggiare. Un giorno, mi trovavo con un gruppo di amici a Porta Genova, sotto una casa di ringhiera, dove si ballava e si giocava alle bocce. Suonavamo brani di moda, tipo "Solo me ne vo' per la città". A un certo punto arriva Gorni Kramer, con la sua fisarmonica: "Chi di voi conosce brani americani?", chiede con la sua erre moscia. Si avvicina a me: "Tu cosa sai?". "Pochino" rispondo. "Dai, vieni qui", prende una sedia, si siede accanto a me e comincio a suonare con lui. Da svenimento! Dopo una mezz'ora mi dà una pacca sulla spalla: "Bravo, ragazzo, tu hai la paletta"». Hai orecchio. Tornato a casa, di notte, il ragazzo sveglia i suoi: «Papà, mamma, ho suonato con Kramer!». «Sì, sì, va' a letto che è tardi», gli risponde suo padre. «Mia madre sognava che diventassi fattorino di fiducia». Il secondo incontro con Kramer è un nuovo colpo di fortuna, passano 24 ore e Cerri si trova a suonare nell'orchestra del suo idolo: «Ho sempre pensato che nella vita devi essere al posto giusto nel momento giusto, e io ho avuto questa fortuna». Una fortuna anche aver incontrato, in quegli anni, il Quartetto Cetra e Natalino Otto. Un sogno: «La musica classica interpreta, il jazz inventa, dà la "ghega" in altro modo».

Di lì a poco, nel '49, un altro incontro insperato. Ti piacerebbe suonare con Django Reinhardt?, gli chiede un impresario. Django era il chitarrista belga che aveva suonato con Duke Ellington. Anche lui un mito. «Suonava in maniera divina, anche se gli mancavano il mignolo e l'anulare della sinistra, per un incidente che aveva avuto da giovane. Lo accompagnavo con la bava alla bocca, senza aver fatto nessuna prova. Una cosa pazzesca, c'era con noi anche il grande violinista Stéphane Grappelli: un contratto di due mesi al Club Astoria, ma dopo 15 giorni ci mandarono via, perché i clienti non capivano: saranno anche bravi, dicevano, ma non sono le cose che piacciono a noi...». E poi Chet Baker, tromba cool, una vita perduta nella droga. Cerri ricorda una serata in cui l'orchestra gli diceva «Soffia, Chet, soffia», ma Baker restava in piedi, barcollante, la testa china, senza reagire: «Fu arrestato alla Bussola, alla fine di una serata. Dalla prigione mi telefonò un giorno per dirmi: "Sarebbe bello suonare ancora insieme". Suonammo ancora al Santa Tecla. Una volta gli domandai come aveva fatto a cadere nella droga. Mi raccontò che aveva suonato con Charlie Parker: "Lui per me era Dio, e se Dio si droga, il minimo è che lo faccia anch'io"».

Dal '54, la Rai diventa casa sua. Recita e balla con Renato Rascel. Scrive per il Quartetto Cetra. Suona con Carosone, Arigliano, Peter Van Wood, Mina («aveva la paletta anche lei ed era una gran bella donna»). Continua a suonare con i big del jazz internazionale: Billie Holiday, Gerry Mulligan, Dizzy Gillespie, Lee Konitz. Ma il successo popolare, quello che fa girare lo sguardo al grande pubblico quando lo si vede circolare in autobus, non arriva con il trionfo americano alla Philharmonic Hall di New York, con le incisioni, le composizioni, i concerti. Il successo popolare arriva con «l'uomo in ammollo», il famoso spot pubblicitario del Bio Presto, durato dal '68 per oltre un decennio: «Non mi sono arricchito. Con quel che guadagnavo pagavo l'affitto e le scarpe nuove per i ragazzi. In compenso, in metrò dovevo salire con la mano sulla faccia per nascondermi, mi seccava che mi indicassero, ridendo... A quei tempi spendevo un sacco di soldi in taxi».

Paolo Di Stefano
11 aprile 2011

_________________
Bisogna assomigliare alle parole che si dicono. Forse non parola per parola, ma insomma ci siamo capiti [Saltatempo di Stefano Benni]
Chi non sa ridere non è una persona seria [Fryderyk Chopin]
avatar
nd1967
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 12803
Località : Cavaion Veronese (VR)
Occupazione/Hobby : Musica, Fotografia, Hi-Fi, Fumetti, Libri, Cinema
Provincia (Città) : Verona
Impianto : Preamplificatore Sonus Mirus AAVT
Finale TA 3020 by Vincenzo
Lettore CD Micromega Stage 2
Giradischi Project 6.9
Diffusori Dynavoice Challenger M-65 EX



http://www.google.com/+AndreaTramonte

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cerri, il successo è questione d'orecchio

Messaggio  daniele il Lun 11 Apr 2011 - 13:18

Commovente



daniele
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 09.09.08
Numero di messaggi : 1720
Località : Via della Povertà
Occupazione/Hobby : Desolation Row
Impianto : Nad c565 bee
Leak Stereo 20
PRE Croft Micro
DAC Lampizator
Spendor Ls3/5a


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cerri, il successo è questione d'orecchio

Messaggio  Vella il Lun 11 Apr 2011 - 13:26

@daniele ha scritto:Commovente


Mi ahi preceduto di un attimo.
Quando leggo delle vite di quella generazione mi commuovo sempre anch'io, e visto quello che mi gira intorno oggi li invidio anche.
Grazie per averla postata
avatar
Vella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 29.12.10
Numero di messaggi : 3992
Località : Milano
Occupazione/Hobby : finanza/tra un pò scrivo un romanzo
Impianto :
Spoiler:
Asus eeebox+Lubuntu/MPD - Rega Planet 2000 - Benchmark DAC1USB - Electrocompaniet EC3 - Electrocompaniet AW 120 DMB - Duevel Planets - Sennheiser HD600
Chord USB Silver Plus - Mogami 2964 - Atlas Element Integra - WireWorld Stratus 5(2) - QED Anniversary Silver XT Anniversary


Tornare in alto Andare in basso

Memoria d'artista - Franco Cerri

Messaggio  Finez il Lun 11 Apr 2011 - 15:26

Un post che non vuole recensire un disco o un brano, ma un artista che ho personalmente conosciuto molti anni fa, quando ebbi l'occasione di discutere con lui in camerino dopo una bella esibizione con il sassofonista Gianni Basso e suo figlio Stefano al basso.

Pochi minuti fa ho letto questo articolo sul Corriere, e visto i 5 minuti di video della sua intervista.

Ritengo sia un uomo straordinario, di un'eleganza ed una umanità fuori dal comune.
Ricordo l'emozione quando gli chiesi delle serate a suonare con il grandissimo Django Reinhardt. "Ubriacante" lo definì...

Rimarrà sempre nel mio cuore, volevo condividere con voi questa emozione. Oki


avatar
Finez
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 07.05.10
Numero di messaggi : 708
Località : Verona
Occupazione/Hobby : Imprenditore / Hobby orologeria, auto, cinema
Provincia (Città) : Dipende, il più delle volte sereno :-)
Impianto : In firma...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cerri, il successo è questione d'orecchio

Messaggio  flovato il Lun 11 Apr 2011 - 15:29

@Finez ha scritto:...volevo condividere con voi questa emozione. Oki

Ci sei riuscito, complimenti. Ok
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cerri, il successo è questione d'orecchio

Messaggio  nd1967 il Lun 11 Apr 2011 - 15:32

@Finez ha scritto:Rimarrà sempre nel mio cuore, volevo condividere con voi questa emozione. Oki

Grazie della condivisione

P.S. ho spostato qui il tuo messaggio in quanto l'articolo lo avevo già postato io Wink

_________________
Bisogna assomigliare alle parole che si dicono. Forse non parola per parola, ma insomma ci siamo capiti [Saltatempo di Stefano Benni]
Chi non sa ridere non è una persona seria [Fryderyk Chopin]
avatar
nd1967
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 12803
Località : Cavaion Veronese (VR)
Occupazione/Hobby : Musica, Fotografia, Hi-Fi, Fumetti, Libri, Cinema
Provincia (Città) : Verona
Impianto : Preamplificatore Sonus Mirus AAVT
Finale TA 3020 by Vincenzo
Lettore CD Micromega Stage 2
Giradischi Project 6.9
Diffusori Dynavoice Challenger M-65 EX



http://www.google.com/+AndreaTramonte

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cerri, il successo è questione d'orecchio

Messaggio  Finez il Lun 11 Apr 2011 - 15:34

@nd1967 ha scritto:Gran bella intervista.

dal link
http://www.corriere.it/cultura/11_aprile_11/franco-cerri-di-paolo-di-stefano_439e03a2-640f-11e0-a775-19c5c2b0b4ec.shtml

Carissimo Nd, ho visto ora con piacere che mi avevi preceduto.... Smile

@nd1967 ha scritto:Grazie della condivisione
P.S. ho spostato qui il tuo messaggio in quanto l'articolo lo avevo già postato io
Hai fatto benissimo Ok
avatar
Finez
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 07.05.10
Numero di messaggi : 708
Località : Verona
Occupazione/Hobby : Imprenditore / Hobby orologeria, auto, cinema
Provincia (Città) : Dipende, il più delle volte sereno :-)
Impianto : In firma...

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum