T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Unisciti al forum, è facile e veloce

T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da Marco Ravich Lun 10 Mag 2021 - 10:32

@fileo ha scritto:Anche il discorso della potenza di calcolo del computer è campato in aria: anni fa, su un altro forum lessi di uno che usava un I7 con 8 giga di ram (ora ne metterebbe 32), per riprodurre dei flac 16/44,1, per minimizzare lo stress della CPU.  Suicide
Io, al contrario, conosco un informatico che disattivava i core della CPU per ottimizzare il jitter.
Marco Ravich
Marco Ravich
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 5000
Località : Marche
Provincia : Macerata
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Impianto : i7 4790 > Zoom R16 > Apart CHAMP-2 > DCSk 4mm² > ESB 7/09

i7 7700 > Line6 Toneport UX2 > Quiet A-11T > DCSk 4mm² > Altec 899R

http://www.forart.it/

Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da Firace Lun 10 Mag 2021 - 11:12

@Marco Ravich ha scritto:
@fileo ha scritto:Anche il discorso della potenza di calcolo del computer è campato in aria: anni fa, su un altro forum lessi di uno che usava un I7 con 8 giga di ram (ora ne metterebbe 32), per riprodurre dei flac 16/44,1, per minimizzare lo stress della CPU.  Suicide
Io, al contrario, conosco un informatico che disattivava i core della CPU per ottimizzare il jitter.

se non sbaglio è stato fatto uno studio su questo tema... si trova sicuramente qualcosa online.

Non parliamo di udibilità Wink.. ma il jitter a livello core CPU ha una ricaduta anche a livello applicativo dovuta alla frequenza con cui i core più veloci richiedono paginazione (per svincolare l’indirizzo logico da quello fisico) e quindi (se non ricordo male) legato anche al numero di page-fault (quando non si trova un indirizzo di memoria fisico corrispondente a quello virtuale)
Roba comunque un po' da scoppiati.. meglio restare su un raspberry Cool

Firace
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 15.04.13
Numero di messaggi : 2132
Provincia : void *
Impianto : ♫ ♫





Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da fileo Mar 11 Mag 2021 - 8:23

E' tipico degli appassionati HiFi andare a cercare dei "cavilli" incredibili, forse per far vedere che sono bravi. Certo, ogni elemento può introdurre una piccola variazione, ma bisogna vedere il peso che questa può avere.
C'è gente che ascolta con diffusori che non sono in grado di riprodurre la corretta dinamica di un brano musicale, con amplificatori che vanno in clipping sui transienti, a volumi di ascolto normali, in ambienti di medie dimensioni, però ci si adopera per disattivare alcuni core della CPU, per minimizzare il jitter.

fileo
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 04.04.21
Numero di messaggi : 81
Provincia : Roma
Impianto : Topping E30, pre Audiometric A10P, finale Phonic Max 860, diffusori autocostruiti

Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da Firace Mar 11 Mag 2021 - 8:35

@fileo ha scritto:E' tipico degli appassionati HiFi andare a cercare dei "cavilli" incredibili, forse per far vedere che sono bravi. Certo, ogni elemento può introdurre una piccola variazione, ma bisogna vedere il peso che questa può avere.
C'è gente che ascolta con diffusori che non sono in grado di riprodurre la corretta dinamica di un brano musicale, con amplificatori che vanno in clipping sui transienti, a volumi di ascolto normali, in ambienti di medie dimensioni, però ci si adopera per disattivare alcuni core della CPU, per minimizzare il jitter.

Sono talmente d'accordo che la penso come te..per non parlare dell'ambiente che il più delle volte è trascurato oltre ogni limite immaginabile.
In ogni caso questo tema lo farei rientrare nello stesso calderone.. semplifichiamoci la vita, evitiamo sistemi complessi che necessitano di cura, tuning e particolari configurazioni.

Firace
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 15.04.13
Numero di messaggi : 2132
Provincia : void *
Impianto : ♫ ♫





Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da fileo Mar 11 Mag 2021 - 9:26

Riguardo alla complessità ed alle prestazioni dei SO, ho cominciato a "trafficare" con Linux, ai tempi di windows XP.
La riproduzione audio di XP era una tragedia, perché il famigerato K mixer castrava ogni possibilità di ascolto decente.
In più, in vecchi sistemi Windows tendevano ad "incartarsi" con l'uso, rallentando e piantandosi. L'unica soluzione era il "formattone" periodico, dopo aver provato inutilmente a ripulire il registro.
Viceversa con Linux (ho usato nel corso degli anni diverse versioni di Debian e Ubuntu) ho sempre avuto un'ottima stabilità, e la velocità non calava installando nuove applicazioni.
Ora devo dire che con Win 7 e, maggiormente con win 10, la situazione è molto migliorata.
Comunque, diciamo che un sistema leggero, senza tanti software inutili, male non fa. Sulle release Linux starei attento però anche al supporto: trattandosi di software libero, il cui codice è di pubblico dominio, chiunque può decidere di mettere insieme i pezzi e distribuire una release. Il problema può sorgere quando il gruppo iniziale si scioglie o si riduce, non garantendo più lo sviluppo e l'aggiornamento del software.

fileo
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 04.04.21
Numero di messaggi : 81
Provincia : Roma
Impianto : Topping E30, pre Audiometric A10P, finale Phonic Max 860, diffusori autocostruiti

Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da fileo Mar 11 Mag 2021 - 9:33

Molti utenti hanno paura ad avvicinarsi a Linux, perché sono rimasti agli albori, tipo le prime versioni di slackware, e temono di doversi compilare a mano il kernel e dover lavorare per forza con la linea di comando.
In realtà, l'installazione e la gestione di molte release Linux oggi è semplicissima e sicurissima.
Per chi vuole provare, senza impegnarsi troppo, consiglio di fare il tentativo con un vecchio portatile (quasi tutti ne abbiamo uno in casa). Dico un portatile perché è più facile accostarlo all'impianto HiFi.
Poi, se va bene, si può benissimo prende un mini computer, o un raspberry, che è già più che sufficiente.

fileo
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 04.04.21
Numero di messaggi : 81
Provincia : Roma
Impianto : Topping E30, pre Audiometric A10P, finale Phonic Max 860, diffusori autocostruiti

Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da Firace Mar 11 Mag 2021 - 9:44

Che microsoft abbia fatto passi da gigante nell'ambito della stabilità è fuori dubbio.

Ma nello specifico mi riferisco a distribuzioni dedicate da utilizzare preferibilmente su piattaforme sbc evitando architetture complesse e sistemi desktop.
La strada da seguire è quella della semplificazione.. quando si schiaccia "play" dietro deve esserci virtualmente un controller.. uno stack hw quanto più semplice ed integrato possibile.. meglio se senza software ma se proprio necessario meglio andare verso sistemi embedded.

Magari tra qualche anno troveremo cdp, network player o altri apparati come nas, router, etc. implementati con sistemi desktop e non con sistemi dedicati... mai dire mai.. ma "io" spero di no Wink

Firace
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 15.04.13
Numero di messaggi : 2132
Provincia : void *
Impianto : ♫ ♫





Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da bonghittu Mar 11 Mag 2021 - 13:00

@fileo ha scritto:
C'è gente che ascolta con diffusori che non sono in grado di riprodurre la corretta dinamica di un brano musicale, con amplificatori che vanno in clipping sui transienti, a volumi di ascolto normali, in ambienti di medie dimensioni, però ci si adopera per disattivare alcuni core della CPU, per minimizzare il jitter.

Condivido tutto. Inutile cercare il pelo nell'uovo, un trasporto
deve essere pronto per l'uso e richiedere il minor dispendio
possibile in termini di tempo.
La qualità audio deve essere in capo al DAC e al resto della
catena viceversa qualcosa non sta andando per il verso giusto.




bonghittu
bonghittu
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.04.09
Numero di messaggi : 4106
Località : Poetto Beach(CA)
Provincia : CA
Impianto :
Spoiler:


FARISCA





Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da Firace Mar 11 Mag 2021 - 19:57

@bonghittu ha scritto:
@fileo ha scritto:
C'è gente che ascolta con diffusori che non sono in grado di riprodurre la corretta dinamica di un brano musicale, con amplificatori che vanno in clipping sui transienti, a volumi di ascolto normali, in ambienti di medie dimensioni, però ci si adopera per disattivare alcuni core della CPU, per minimizzare il jitter.

Condivido tutto. Inutile cercare il pelo nell'uovo, un trasporto
deve essere pronto per l'uso e richiedere il minor dispendio
possibile in termini di tempo.
La qualità audio deve essere in capo al DAC e al resto della
catena viceversa qualcosa non sta andando per il verso giusto.


Siamo d'accordo sul fatto che tutto deve essere ben ponderato e che non bisogna eccedere .. così come anche sul fatto che ci sono variabili molto più influenti ed altre che potremmo definire secondarie.
Non sono sicuro però che il trasporto in un normale utilizzo con un DAC (le cui qualità sono tutte da verificare) sia effettivamente secondario.
Per me di secondario ci sono i cavi di interconnessione ma un dispositivo che deve gestire il flusso dati sicuramente può diventare più che influente.. in maniera purtroppo dipendente anche dal DAC che si trova immediatamente a valle.

Nell'era digitale le differenze si sono appiattite, le differenze tra meccaniche, player e streamer sono minime ed è diventato sicuramente più influente lo stadio di conversione d/a.. ma basta pensare al corrispettivo analogico.
La tecnologia in questo caso ci ha aiutato ..

Firace
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 15.04.13
Numero di messaggi : 2132
Provincia : void *
Impianto : ♫ ♫





Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da fileo Mer 12 Mag 2021 - 8:32

Posto i miei "due soldi" di esperienza con meccaniche cd player.
Ho avuto diversi Philips, un Onkyo, due Marantz ed ultimamente un Nad.
Tutti, dico tutti, chi più chi meno, risentivano delle vibrazioni, nel senso che, interponendo tra l'apparecchio ed il piano di appoggio, elementi differenti, come punte e gommini morbidi, il suono cambiava in maniera udibile, non fortissima ma comunque rilevabile. Le prove le ho fatte usando anche mia moglie come cavia, essendo persona totalmente estranea alle fissazioni dell'HiFi, e quindi non influenzabile.
L'unico apparecchio che si dimostrò totalmente insensibile a questo problema, fu uno Studer Revox, che mi prestò un amico per un po' di tempo, ma era una macchina da 18 kg.
Questo è il motivo per cui ho deciso di riversare su hard disk tutta la mia collezione di CD. Visto che a parità di livello del sistema di riproduzione, ho sempre rilevato un suono migliore della musica liquida rispetto al cd audio.
Ricordo che tutti i lettori cd audio effettuano una lettura al volo dei dati, che comporta, in caso di errori di lettura, 'l'interpretazione" di ciò che non è stato rilevato correttamente, mentre l'estrazione delle tracce tramite computer, se effettuata in bit perfect usando un buon software, è garantita corretta al 100% anche con meccaniche informatiche da quattro soldi.
Naturalmente questo permette di "traghettare" il segnale digitale fino all'ingresso del DAC, quello che succede dopo dipende ovviamente dalla qualità di quest'ultimo.

fileo
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 04.04.21
Numero di messaggi : 81
Provincia : Roma
Impianto : Topping E30, pre Audiometric A10P, finale Phonic Max 860, diffusori autocostruiti

Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da root Mer 12 Mag 2021 - 8:42

Sono pienamente d'accordo con fileo, non ho fatto i test di cui parla, ma la musica digitale fruita attraverso un lettore ottico è a mio giudizio oramai inutile, se si guarda solo alle prestazioni

Poi ci sono macchine CD di fascia altissima che magari uno se le ha in casa le utilizza, ma se guardiamo alle prestazioni pure, ossia portare all'ingresso del DAC un flusso dati bit perfect, il lettore CD non ha più senso al giorno d'oggi
root
root
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 30.12.18
Numero di messaggi : 408
Provincia : Roma
Impianto : HP T610 + Daphile
Topping E30
PROTON 222 + HARMAN KARDON CA215 Biamping passivo
Tannoy DU386

Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da Firace Mer 12 Mag 2021 - 9:05

@fileo ha scritto:
Questo è il motivo per cui ho deciso di riversare su hard disk tutta la mia collezione di CD. Visto che a parità di livello del sistema di riproduzione, ho sempre rilevato un suono migliore della musica liquida rispetto al cd audio.

E' per questo che dico la tecnologia ci aiuta Wink.. ma quanto tempo ci è voluto prima di far passare questo messaggio?

@fileo ha scritto:
Naturalmente questo permette di "traghettare" il segnale digitale fino all'ingresso del DAC, quello che succede dopo dipende ovviamente dalla qualità di quest'ultimo.

Questo invece è un punto realmente critico che dipende purtroppo dalla qualità del DAC. Molti fanno viaggiare l'immaginazione un po' troppo e pensano che dietro un ricevitore (usb, coax o ottico) di un DAC economico ci sia un buffer e conseguente reclock.. ma sfortunatamente così non è.. ed è per questo che bisogna provare ad "aiutarlo" a lavorare nella migliore condizione possibile

Firace
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 15.04.13
Numero di messaggi : 2132
Provincia : void *
Impianto : ♫ ♫





Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da fritznet Mar 25 Mag 2021 - 3:57

@fileo ha scritto:Posto i miei "due soldi" di esperienza con meccaniche cd player.
Ho avuto diversi Philips, un Onkyo, due Marantz ed ultimamente un Nad.
Tutti, dico tutti, chi più chi meno, risentivano delle vibrazioni, nel senso che, interponendo tra l'apparecchio ed il piano di appoggio, elementi differenti, come punte e gommini morbidi, il suono cambiava in maniera udibile, non fortissima ma comunque rilevabile. Le prove le ho fatte usando anche mia moglie come cavia, essendo persona totalmente estranea alle fissazioni dell'HiFi, e quindi non influenzabile.
L'unico apparecchio che si dimostrò totalmente insensibile a questo problema, fu uno Studer Revox, che mi prestò un amico per un po' di tempo, ma era una macchina da 18 kg.
Questo è il motivo per cui ho deciso di riversare su hard disk tutta la mia collezione di CD. Visto che a parità di livello del sistema di riproduzione, ho sempre rilevato un suono migliore della musica liquida rispetto al cd audio.
Ricordo che tutti i lettori cd audio effettuano una lettura al volo dei dati, che comporta, in caso di errori di lettura, 'l'interpretazione" di ciò che non è stato rilevato correttamente, mentre l'estrazione delle tracce tramite computer, se effettuata in bit perfect usando un buon software, è garantita corretta al 100% anche con meccaniche informatiche da quattro soldi.
Naturalmente questo permette di "traghettare" il segnale digitale fino all'ingresso del DAC, quello che succede dopo dipende ovviamente dalla qualità di quest'ultimo.

Ho fatto lo stesso percorso ma poi sono tornato ai giradischi Laughing Laughing Laughing

p.s. mai provato jack come server audio?
fritznet
fritznet
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 10015
Località : Grønlænd
Provincia : querceto
Occupazione/Hobby : morto che pialla
Impianto : lol-fi


Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da fileo Mar 25 Mag 2021 - 8:37

@fritznet
Jack è un server audio usato molto nella produzione musicale, perché permette di "comporre" il percorso audio inserendo diverse applicazioni, saltando PulseAudio ed utilizzando Alsa.
Nella riproduzione audio, a meno di avere esigenze particolari di trattamento del segnale, è sufficiente usare direttamente Alsa, tramite MPD o dei player che lo permettono.

La faccenda del vinile è un discorso molto particolare: il suo limite qualitativo è molto elevato ma il risultato finale è fortemente influenzato dalla delicata catena (testina, giradischi, pre phono) che conduce il segnale fino all'amplificatore.
Da non trascurare che per gli appassionati, è molto appagante maneggiare il vinile facendolo ruotare agilmente tra le dita senza piazzare sulla sua delicata superficie "le ditacce unte". In più, ci sono tutte le operazioni di settaggio del complesso braccio testina, che rappresentano una goduria per chi ama smanettare. Per ultimo il vinile è grande, ha la confezione che contiene foto e testi ben leggibili, a differenza del CD, che mette in difficoltà i più attempati, che, causa sopraggiunta presbiopia, non riescono a leggere una mazza, sul minuscolo libretto che li accompagna.
Personalmente, avendo una certa età, ho avuto tutto il tempo necessario per giocare con i vinili e non ne sento la mancanza, anche se, avendo sempre avuto una certa quantità di LP, ho conservato il giradischi, che però uso molto poco.
E' un po' come con la fotografia: ho passato 40 anni a fotografare con reflex che usavano la pellicola, facendo tutte le esperienze possibili in camera oscura: B&N, colore (incluso lo sviluppo delle pellicole), elaborazioni con pellicola fotomeccanica ecc ...
Ho ancora un bellissimo ingranditore professionale smontato nel box, ma non ci penso per niente a rimettermi a trafficare con bacinelle, carta e chimici, ho la mia bella mirrorless full frame, su cui uso anche i vecchi obiettivi, e per "lavorare" le foto uso un software di post produzione.
Tornando a vinili cd ecc ... consiglio il giradischi solo a chi ha a disposizione una discreta collezione di dischi (in buone condizioni). Ora sta tornando in voga, ma, se si parla di nuove incisioni, al 99,9 % il master da cui viene ricavato il disco è digitale e, teoricamente, il risultato migliore lo avremmo riproducendo delle tracce digitali in alta definizione.
Poi c'è chi preferisce comunque il disco, ma se è per questo, conosco appassionati che ascoltavano i vinili registrati con un registratore a bobine, dicendo che suonava meglio. Avrebbe potuto suonare meglio il master originale, qualità del registratore a bobine permettendo, non certo la copia in vinile successivamente riprodotta dal giradischi. Possiamo solo dire che suonava in maniera diversa, e quella persona preferiva quel suono.

fileo
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 04.04.21
Numero di messaggi : 81
Provincia : Roma
Impianto : Topping E30, pre Audiometric A10P, finale Phonic Max 860, diffusori autocostruiti

Torna in alto Andare in basso

Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida - Pagina 2 Empty Re: Riflessione su sistemi operativi, player e musica liquida

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.