T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Unisciti al forum, è facile e veloce

T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

IAGgroup: il made in Britain

2 partecipanti

Andare in basso

IAGgroup: il made in Britain  Empty IAGgroup: il made in Britain

Messaggio Da arthur dent Lun 29 Apr 2024 - 16:51

In alcuni post, anche nell'ultimo periodo, ho letto ancora di prodotti cinesi a basso costo e di bassa qualità.

Ma forse possiamo cambiare idea.

Questo link è interessante
https://iaggroup.com
Consiglio un'occhiata ai brand del gruppo con sede ad Hong Kong e sede operativa a Shenzhen in China.

Molto interessante scoprire che:
"IAG Group is a proud member of the ‘Made in Britain’ association."

Se un prodotto è valido, o un brand ha una buona reputazione, ci serve ancora un bollino con scritto, in questo caso, "Made in Britain"?

Senza probabilmente mancherà del British PRaT

Ps. Luxman (tra i brand) non mi sembrava britannica.

Buona musica a tutti.
arthur dent
arthur dent
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 01.12.14
Numero di messaggi : 983
Provincia : Ancona
Impianto : sorgenti
amplificatore
casse


Torna in alto Andare in basso

IAGgroup: il made in Britain  Empty Re: IAGgroup: il made in Britain

Messaggio Da embty2002 Lun 29 Apr 2024 - 18:48

Ormai i cinesi si stanno comprando tutto, mi fa specie che gli inglesi si siano sputtanati così il marchio "made in Britain" dopo la Brexit; ma non gli resta altra scelta a quanto pare.
questo per quello che riguarda il microscopico settore economico dei nostri giocattoli, vedrete nei prossimi anni cosa succederà al settore automotive, come vedremo spazzati via gli storici marchi delle auto europee.
embty2002
embty2002
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 29.11.08
Numero di messaggi : 1348
Località : CT
Occupazione/Hobby : non si capisce??!!
Impianto : Motu ultralite mk1 per biamplificazione dipolo, woofer R1524, Eminence Beta 12 LTA. amplificazioni: hypex ucd180 sui woofer,valvolare 6V6 SE UL sui medio-alti.
Analogico: giradischi Thorens TD-150 mkII , fonorivelatore Goldring 1024, pre H06 by Vicè

Torna in alto Andare in basso

IAGgroup: il made in Britain  Empty Re: IAGgroup: il made in Britain

Messaggio Da arthur dent Lun 29 Apr 2024 - 21:56

Ciao.

Più che spazzare via i marchi europei, direi che i marchi europei investono in Cina e, a volte, i capitali cinesi comprano i marchi europei (e non solo).

Pochi giorni fa si parlava della holding Masimo che, dopo aver comprato marchi altrettanto blasonati (tra cui B&W), li sta scorporando.
In realtà molti marchi blasonati sono in cattive acque, spesso sono rilevati per questo.
Ad ogni modo Masimo non è cinese, ma ho citato B&W perché questa azienda ha tenuto la produzione in UK solo per la serie 800, mentre il resto (tra cui le mie CM9) lo fabbrica in Cina.
Cos'è B&W allora? Un brand, con know how e buon mktg. Come Apple, come Armani.

Nel mercato globale è quasi impossibile produrre qualcosa senza assemblare parti di provenienza disparata, su questo non mi permetto nemmeno di criticare.
Si può discutere su quanta sia la percentuale sufficiente per mettere il "made in", ma poco più.

A me premeva sottolineare, proprio qui sul tforum, dove c'è sempre stata più apertura nei confronti dell'HiFi con meno blasone, che possiamo scegliere con gli occhi e con gli orecchi aperti.

Tra due prodotti di produzione cinese forse il brand noto ha valore aggiunto su tenuta del prezzo, o sull'assistenza.
Sulle performance sonore, però, possono esserci sorprese.
arthur dent
arthur dent
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 01.12.14
Numero di messaggi : 983
Provincia : Ancona
Impianto : sorgenti
amplificatore
casse


Torna in alto Andare in basso

IAGgroup: il made in Britain  Empty Re: IAGgroup: il made in Britain

Messaggio Da embty2002 Mar 30 Apr 2024 - 9:07

cerca su youtube il canale "Inglorious Globastard" con Alberto Forchielli e Fabio Scacciavillani, poi ti farai un'idea più precisa della tecnica dei cinesi sull'acquisizione di Know-How.
embty2002
embty2002
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 29.11.08
Numero di messaggi : 1348
Località : CT
Occupazione/Hobby : non si capisce??!!
Impianto : Motu ultralite mk1 per biamplificazione dipolo, woofer R1524, Eminence Beta 12 LTA. amplificazioni: hypex ucd180 sui woofer,valvolare 6V6 SE UL sui medio-alti.
Analogico: giradischi Thorens TD-150 mkII , fonorivelatore Goldring 1024, pre H06 by Vicè

Torna in alto Andare in basso

IAGgroup: il made in Britain  Empty Re: IAGgroup: il made in Britain

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.