T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
Smsl ad18Oggi alle 21:45giucam61
POPU VENUS Oggi alle 8:07giucam61
ALIENTEK D8Oggi alle 0:38giucam61
sky in wi fiIeri alle 17:21gigihrt
queIeri alle 14:11Allen smithee
simulazione largabandaGio 23 Mar 2017 - 22:05fritznet
(BA) Hi Face Two 70 euro.Gio 23 Mar 2017 - 18:16kryptos
Nuovi cavi potenzaGio 23 Mar 2017 - 16:19fabe-r
impianto entry -levelGio 23 Mar 2017 - 11:33zolugne
Primo giradischiGio 23 Mar 2017 - 0:25giucam61
(NA) Triangle MimimunMer 22 Mar 2017 - 13:17sonic63
PC per la musicaMar 21 Mar 2017 - 17:45Snap
Sondaggio
Ti piace il nuovo stile del T-Forum?
Sì, meglio questo nuovo
50% / 17
No, era meglio quello vecchio
50% / 17
I postatori più attivi della settimana
80 Messaggi - 26%
63 Messaggi - 21%
45 Messaggi - 15%
21 Messaggi - 7%
18 Messaggi - 6%
18 Messaggi - 6%
17 Messaggi - 6%
16 Messaggi - 5%
15 Messaggi - 5%
14 Messaggi - 5%
I postatori più attivi del mese
278 Messaggi - 22%
236 Messaggi - 19%
142 Messaggi - 11%
135 Messaggi - 11%
111 Messaggi - 9%
80 Messaggi - 6%
77 Messaggi - 6%
68 Messaggi - 5%
65 Messaggi - 5%
61 Messaggi - 5%
Migliori postatori
Stentor (20392)
20392 Messaggi - 15%
DACCLOR65 (19630)
19630 Messaggi - 15%
schwantz34 (15499)
15499 Messaggi - 12%
Silver Black (15428)
15428 Messaggi - 11%
nd1967 (12803)
12803 Messaggi - 10%
flovato (12509)
12509 Messaggi - 9%
10260 Messaggi - 8%
piero7 (9854)
9854 Messaggi - 7%
wasky (9229)
9229 Messaggi - 7%
fritznet (8852)
8852 Messaggi - 7%
Chi è in linea
In totale ci sono 66 utenti in linea :: 9 Registrati, 0 Nascosti e 57 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Aunktintaun, elenesther, ginaccio, giucam61, mc64, Sandrogall, Sestante, talbain, wolfman

Vedere la lista completa

Flusso RSS

Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
Bru
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 09.02.14
Numero di messaggi : 237
Località : Milano
Occupazione/Hobby : Rocker rimasto agli anni 70
Provincia (Città) : milano
Impianto : (non specificato)

Sean Costello, un grandissimo chitarrista poco conosciuto

il Lun 16 Giu 2014 - 15:20
Vi copio incollo un mio articolo su Sean Costello, un artista che adoro, sperando di farvelo conoscere.


Un chitarrista insolito, che preferiva suonare la canzone prima di suonare la chitarra. "All I've ever wanted to do was play the guitar well. I've been fortunate to be able to make a living doing it, and I plan to keep it up for the rest of my life."

 
Sean Costello: una vita troppo breve
Vorrei parlarvi di un personaggio poco conosciuto in Italia, che a mio parere è stato uno dei migliori chitarristi blues degli ultimi anni: Sean Costello. Nato nel 1979 a Filadelfia, ma cresciuto ad Atlanta, città dove trascorre la sua intera esistenza, Sean inizia a suonare la chitarra all'età di 9 anni, come autodidatta.
A 14 anni, nel 1994, vince il "the Beale Street Blues Society's talent award", un premio dedicato ai giovani talenti.
Nel 1996, a soli 17 anni, pubblica il suo album di esordio, "Call the Cops", ottimo lavoro dove la metà dei brani sono firmati di suo pugno e il resto è dedicato a una rilettura di classici del blues, come "Anna Lee," "Take A Little Walk With Me," "Sit Down Baby".
Sebbene trattasi di un lavoro giovanile, troviamo in esso già tanti elementi del mondo di Costello: il suo tipico sapore retrò, echi provenienti dagli anni '50 e sonorità dimenticate, netto segno di distinzione e originalità e non la classica sottomissione ed emulazione tipica dell'esordiente a mostri sacri come SRV o Clapton.
A differenza di altri virtuosi dello strumento, come Bonamassa per esempio, Costello parte da molto più lontano e la chitarra è sempre funzionale al brano.
Il suo stile chitarristico è privo di autocompiacimento e la tecnica non è mai fine a se stessa; non c'è la necessità di stupire, la chitarra è al servizio della canzone e del suo "feel", con economia di note, ampio spazio a vuoti e pause e respiro al "tone". Un les paul 54, il suono asciutto e diretto dei P90, nessuna distorsione o effetti speciali, Costello è un piatto senza condimenti, viscerale e verace.
Nei due anni seguenti alla pubblicazione di "Call the Cop", lo vediamo in tour con Susan Tedeschi, come chitarra solista, e compare nell'album "Just Won't Burn" della bella signora.
Dopo tanti palchi e tour, nel 2000 esce "Cuttin' In", il suo secondo lavoro, che si rivela subito un successo all'interno della comunità degli appassionati del blues, tanto da vincere la nomination W.C. Handy Award come miglior album di esordio.
Rispetto al precedente "Call the Cops", si avverte subito una diversa attenzione a particolari e sfumature sonore, segno di un nuovo percorso di ricerca musicale. Il materiale spazia all'interno del panorama blues, dalle influenze texane al jump blues, fino ai toni caraibici di un funky calypso come "Goombay Rock".
Favolosa la rilettura del classico di Otis Rush, “Double Trouble”, riportata alla sua essenza originaria dopo la sfarzosa intepretazione di Clapton.
Del 2001 è il terzo lavoro, "Moanin' for Molasses", album che lo consacra definitivamente come uno dei migliori chitarristi blues della nuova generazione. Costello si butta a capofitto nella tradizione di Chicago e New Orleans, rileggendo materiale di Jimmy Rogers, Buddy Guy, Jody Williams, J.B. Lenoir e Otis Rush.
Con la ballata "“I Want You So Bad” di James Brown e "You Can't Win With a Losing Hand" di Johnnie Taylor inizia invece un percorso attraverso il soul e il R&B che troverà sfocio nei progetti successivi.
La voce di Costello è più matura e potente, mentre lo stile chitarristico è sempre asciutto e incisivo, totalmente al servizio dei brani e senza compromessi; non a caso, questi vengono tutti contenuti sotto i quattro se non i tre minuti di durata.
Nel 2004 esce "Sean Costello", ma la casa discografica fallisce pochi mesi dopo l'uscita del disco, che non gode quindi di alcuna promozione.
Prodotto da Steve Rosenthal, l'album è una miscela di soul, funk e rock. Il repertorio spazia da Johnny Taylor ad Al Green, compresa una ispirata versione di "Simple Twist of Fate" del vecchio Dylan.
Nel disco compaiono alcuni ospiti, il più importante di tutti è l'ex batterista della Band, Levon Helm, coautore con Costello della bellissima ballata "Don't pass me by". Sette sono i pezzi firmati da Costello e tutti mettono in luce il suo talento in veste di songwriter, a partire dal ritmo trascinante e ballabile del take di apertura "No half Steppin".
Nel febbraio del 2008 esce quello che a mio parere è il suo gioiellino,"We Can Get Together", prodotto dallo stesso Costello, l'album della maturità, carico di blues e rimandi soul, uno dei pochi dischi recenti che ho macinato come facevo diversi anni fa.Nove pezzi portano la firma di Costello, mentre due sono dei traditional totalmente riarrangiati con il suo marchio di fabbrica.
Il clima va dalla ruggine di "Hard Luck Woman" e "Anytime You Want" al ritmo funkeggiante di "Can't let go", dagli echi alla Stones di "Same Old Game" alla marcetta funebre con sezione di fiati di "Told me a lie".
La straziante "Have you no shame" mette in risalto anche le doti vocali del chitarrista, il traditional "Going Home" viene trasportato in un  gospel funkeggiante, mentre "How in the Devil" ci catapulta nel puro stile Chicago.
Un lavoro completo e definitivo, sotto tutti i punti di vista; un testamento giovanile. Purtroppo, dopo solo due mesi dall'uscita del disco, il 18 aprile del 2008, il giorno prima del suo ventinovesimo compleanno, Costello viene trovato morto in un hotel di Atlanta. Come al solito, la causa è una delle peggiori nemiche del rock n roll, la stessa che uccise Hendrix, la Joplin e tanti altri: overdose da stupefacenti.
Come è riportato nelle testimonianze sul suo myspace, Costello ebbe la fortuna di guadagnare il rispetto dei suoi idoli e l'opportunità di dividere il palco con i suoi mentori:  B.B. King, Buddy Guy, James Cotton, Pinetop Perkins e Bo Diddley tra i tanti.
Un chitarrista insolito, che preferiva suonare la canzone prima di suonare la chitarra.
 "All I've ever wanted to do was play the guitar well. I've been fortunate to be able to make a living doing it, and I plan to keep it up for the rest of my life."
Qui potete ascoltare alcuni suoi brani:  
http://www.myspace.com/seancostello
Sul tubo potete invece trovare diversi suoi video, ammirare la sua tecnica e la sua splendida Les Paul del 54.
Qui alcuni estratti di un concerto in un piccolo pub di New York:





Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum