T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Unisciti al forum, è facile e veloce

T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

5 partecipanti

Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da enrico massa Lun 7 Apr 2014 - 12:29

Il mio amp ROTEL RA414(1979)eroga 35w 8/Ohm e 40/4Ohm.Normalmente questo scarto va da un 30/40% al raddoppio della potenza.Vi chiedo se è un pregio o un difetto.
Allego il manuale di servizio per chi avesse la pazienza di spulciarselo,contiene ovviamente schemi e layout chassis.
Grazie in anticipo a chi volesse rispondere.

P.S. Essendo un pippone,chiedo a chi risponde di usare un linguaggio terra terra Laughing  Embarassed 



http://www.vintageshifi.com/repertoire-pdf/pdf/telecharge.php?pdf=Rotel-RA-314-RA-414-Service-Manual.pdf
enrico massa
enrico massa
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 14.10.13
Numero di messaggi : 1456
Località : roma
Occupazione/Hobby : storia romana/lingua latina
Impianto : il dj308+marantz 1070+thorens 166 mk2+chromecast a.

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da sonic63 Lun 7 Apr 2014 - 13:05

enrico massa ha scritto:Il mio amp ROTEL RA414(1979)eroga 35w 8/Ohm e 40/4Ohm.Normalmente questo scarto va da un 30/40% al raddoppio della potenza.Vi chiedo se è un pregio o un difetto.
Allego il manuale di servizio per chi avesse la pazienza di spulciarselo,contiene ovviamente schemi e layout chassis.
Grazie in anticipo a chi volesse rispondere.

P.S. Essendo un pippone,chiedo a chi risponde di usare un linguaggio terra terra Laughing  Embarassed 



http://www.vintageshifi.com/repertoire-pdf/pdf/telecharge.php?pdf=Rotel-RA-314-RA-414-Service-Manual.pdf

Non è nè un pregio nè un difetto. Per la classe di appartenenza dell'apparecchio è normale che sia così, è una scelta del progettista che cerca di progettare un'apparecchio ben suonante ma non costoso.
Quindi anche se l'erogazione in regime continuo su 4Ohm è limitata non lo è quella in regime impulsivo, dove per brevi istanti sono i condensatori a provvedere l'energia.
La musica è composta prevalentemente da segnali impulsivi, quindi l'ascolto non viene penalizzato molto.
Certo che in un pieno orchestrale o magari in una nota tenuta di basso il limite si sente.
 Hello 

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5402
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da enrico massa Lun 7 Apr 2014 - 13:23

sonic63 ha scritto:
enrico massa ha scritto:Il mio amp ROTEL RA414(1979)eroga 35w 8/Ohm e 40/4Ohm.Normalmente questo scarto va da un 30/40% al raddoppio della potenza.Vi chiedo se è un pregio o un difetto.
Allego il manuale di servizio per chi avesse la pazienza di spulciarselo,contiene ovviamente schemi e layout chassis.
Grazie in anticipo a chi volesse rispondere.

P.S. Essendo un pippone,chiedo a chi risponde di usare un linguaggio terra terra Laughing  Embarassed 



http://www.vintageshifi.com/repertoire-pdf/pdf/telecharge.php?pdf=Rotel-RA-314-RA-414-Service-Manual.pdf

Non è nè un pregio nè un difetto. Per la classe di appartenenza dell'apparecchio è normale che sia così, è una scelta del progettista che cerca di progettare un'apparecchio  ben suonante ma non costoso.
Quindi anche se l'erogazione in regime continuo su 4Ohm è limitata non lo è quella in regime impulsivo, dove per brevi istanti sono i condensatori a provvedere l'energia.
La musica è composta prevalentemente da segnali impulsivi, quindi l'ascolto non viene penalizzato molto.
Certo che in un pieno orchestrale o magari in una nota tenuta di basso il limite si sente.
 Hello 

Intanto grazie,Sonic.
In effetti,nei pieni orchestrali ad alta dinamica avverto il classico suono impastato,mentre la tenuta sui bassi è spettacolare,senza esitazioni,con discesa anche a 30hz pulita e lineare:questo mi complica ulteriormente la comprensione,poiché quoto la tua considerazione sulla probabile esitazione dell'amp alle alte dinamiche.
enrico massa
enrico massa
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 14.10.13
Numero di messaggi : 1456
Località : roma
Occupazione/Hobby : storia romana/lingua latina
Impianto : il dj308+marantz 1070+thorens 166 mk2+chromecast a.

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da Ryuji Mar 8 Apr 2014 - 9:39

enrico massa ha scritto:Il mio amp ROTEL RA414(1979)eroga 35w 8/Ohm e 40/4Ohm.Normalmente questo scarto va da un 30/40% al raddoppio della potenza.Vi chiedo se è un pregio o un difetto.

Non sono un tecnico, ma da quello che sò, sicuramente non si può parlare di pregio.
Il raddoppio della potenza al dimezzarsi del carico è un chiaro segnale delle capacità
dell'amplificatore di erogare corrente e quindi di pilotare diffusori difficili.
Ryuji
Ryuji
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 28.02.10
Numero di messaggi : 77
Provincia : Napoli
Impianto : Sorgente 1: Marantz CD5000 (TDA1549)
Sorgente 2: Giradischi Technics
SL-Q2 + AT95e
Amplificatore: Onix A55
Diffusori: Dynaudio DM 2/7
Cavi: Monster Cable, QED

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da valterneri Mar 8 Apr 2014 - 10:00

[quote="Ryuji"]
enrico massa ha scritto:... sicuramente non si può parlare di pregio.
Il raddoppio della potenza al dimezzarsi del carico è un chiaro segnale delle capacità
dell'amplificatore di erogare corrente e quindi di pilotare diffusori difficili.
Questo che scrivi è giusto, ma è giusto anche quello che ha scritto Sonic,
se ci pensi bene "capacità di erogare corrente per carichi difficili"
è una situazione particolare, se le casse sono da 8 ohm e non elettrostatiche,
è più importante il condensatore del trasformatore.
E' pur sempre un pregio la capacità d'erogare corrente,
ma un amplificatore è un compromesso e altri parametri sono da preferire
se tutti non si possono avere.

Faccio un esempio dei miei soliti esempi:
un cameriere porta pesi, ma un pugile non è adatto a fare il cameriere.
valterneri
valterneri
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 6657
Provincia : abito nel forum
Impianto : un Thorens Debut Carbon

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da Ryuji Mar 8 Apr 2014 - 10:10

Non ho parlato, infatti, di difetto... ma da qui ad essere un pregio, imho, ce ne vuole  Smile 
E' ovvio che la situazione va valutata caso per caso rispetto a diffusori e ambiente  Wink
Ryuji
Ryuji
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 28.02.10
Numero di messaggi : 77
Provincia : Napoli
Impianto : Sorgente 1: Marantz CD5000 (TDA1549)
Sorgente 2: Giradischi Technics
SL-Q2 + AT95e
Amplificatore: Onix A55
Diffusori: Dynaudio DM 2/7
Cavi: Monster Cable, QED

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da valterneri Mar 8 Apr 2014 - 10:20

Ryuji ha scritto:Non ho parlato di difetto...
ma da qui ad essere un pregio, imho, ce ne vuole
Si, è giusto, non è certo di sicuro un pregio,
ma di parametri importanti dentro ad un amplificatore ce ne sono molti
e tutto non si può avere.

Sospetto che nel caso di Enrico, la Rotel abbia, come suo solito,
adottato parametri di valutazione severi:
entrambi i canali -bassissima distorsione ammessa - 20-20000 ......
che altre marche non applicano:
1000 Hz 1% un canale è facile per tutti.

Ma non ho letto i dati per dire questo con sicurezza, è un sospetto di stima.
valterneri
valterneri
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 6657
Provincia : abito nel forum
Impianto : un Thorens Debut Carbon

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da beppe61 Mar 8 Apr 2014 - 10:52

Ciao Enrico, ti offendi se cerco di ampliare la tua domanda iniziale?
Leggendo l'altro 3d sugli altoparlanti in serie o parallelo ho letto da Sportyerre;

..in serie, linea di alimentazione lunga, meglio altoparlanti pilotati in tensione.
Ma lo scopo non è la fedeltà del suono ma quella dell'anima

Mi chiedevo, dopo altre discussioni passate nelle quali si parlava di pilotaggio in corrente
Cosa significa pilotare in corrente?
Cosa significa pilotare in tensione?
Magari con qualche buon'anima che faccia un esempio pratico con nomi e cognomi di amplificatori che fanno l'una o l'altra cosa.

beppe61
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 11.07.10
Numero di messaggi : 2382
Località : .
Provincia : .
Impianto : .

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da enrico massa Mar 8 Apr 2014 - 11:37

valterneri ha scritto:
Ryuji ha scritto:Non ho parlato di difetto...
ma da qui ad essere un pregio, imho, ce ne vuole
Si, è giusto, non è certo di sicuro un pregio,
ma di parametri importanti dentro ad un amplificatore ce ne sono molti
e tutto non si può avere.

Sospetto che nel caso di Enrico, la Rotel abbia, come suo solito,
adottato parametri di valutazione severi:
entrambi i canali -bassissima distorsione ammessa - 20-20000 ......
che altre marche non applicano:
1000 Hz 1% un canale è facile per tutti.

Ma non ho letto i dati per dire questo con sicurezza, è un sospetto di stima.

@Walter. 18w per canale/8Ohm/20-20.000hz=THD 0.05%,quindi mi pare che la tua previsione sia azzeccata.

@Beppe. allarga,allarga non mi offendo Hehe 

@Ryuji.d'accordo,lo scarto minimo è indice di scarsa capicità di pilotaggio  di diffusori tosti.Ma,ripeto,come mai la resa sui bassi è fe-no-me-na-le?È pur vero che le mie casse hanno una sensibilità di 93db,quindi sono molto facili da pilotare,però l'amp dovrebbe soffrire in proporzione alla discesa dell'impedenza,mentre invece avviene il contrario.
Sono sempre piú confuso...
enrico massa
enrico massa
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 14.10.13
Numero di messaggi : 1456
Località : roma
Occupazione/Hobby : storia romana/lingua latina
Impianto : il dj308+marantz 1070+thorens 166 mk2+chromecast a.

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da sonic63 Mar 8 Apr 2014 - 12:07

beppe61 ha scritto:Ciao Enrico, ti offendi se cerco di ampliare la tua domanda iniziale?
..............................................................................
Mi chiedevo, dopo altre discussioni passate nelle quali si parlava di pilotaggio in corrente
Cosa significa pilotare in corrente?
Cosa significa pilotare in tensione?
Magari con qualche buon'anima che faccia un esempio pratico con nomi e cognomi di amplificatori che fanno l'una o l'altra cosa.

Un'amplificatore "pilota in corrente" quando la sua impedenza d'uscita è significativamente più alta dell'impedenza del carico.
"pilota in tensione" quando succede il contrario.
L'unica azienda che io conosco che produce amplificatori in corrente è la ULTRASOUND(italianissima azienda veneta).

Riguardo a pregi e difetti dei due sistemi il discorso è molto lungo e abbastanza complicato.
Poichè il pilotaggio in corrente è particolarmente adatto alle basse frequenze, o meglio con le basse frequenze i suoi pregi superano i difetti, sto sperimentando di pilotare in corrente gli altoparlanti dei miei sub, ma purtroppo sono ancora in alto mare.
 Hello 

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5402
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da beppe61 Mar 8 Apr 2014 - 12:10

sonic63 ha scritto:
beppe61 ha scritto:Ciao Enrico, ti offendi se cerco di ampliare la tua domanda iniziale?
..............................................................................
Mi chiedevo, dopo altre discussioni passate nelle quali si parlava di pilotaggio in corrente
Cosa significa pilotare in corrente?
Cosa significa pilotare in tensione?
Magari con qualche buon'anima che faccia un esempio pratico con nomi e cognomi di amplificatori che fanno l'una o l'altra cosa.

Un'amplificatore "pilota in corrente" quando la sua impedenza d'uscita è significativamente più alta dell'impedenza del carico.
"pilota in tensione" quando succede il contrario.
L'unica azienda che io conosco che produce amplificatori in corrente è la ULTRASOUND(italianissima azienda veneta).

Riguardo a pregi e difetti dei due sistemi il discorso è molto lungo e abbastanza complicato.
Poichè il pilotaggio in corrente è particolarmente adatto alle basse frequenze, o meglio con le basse frequenze i suoi pregi superano i difetti, sto sperimentando  di  pilotare in corrente gli altoparlanti dei miei sub, ma purtroppo sono ancora in alto mare.
 Hello 

Grazie mille Ciro della spiegazione  Hello

beppe61
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 11.07.10
Numero di messaggi : 2382
Località : .
Provincia : .
Impianto : .

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da Ryuji Mar 8 Apr 2014 - 12:52

enrico massa ha scritto:
@Ryuji.d'accordo,lo scarto minimo è indice di scarsa capicità di pilotaggio  di diffusori tosti.Ma,ripeto,come mai la resa sui bassi è fe-no-me-na-le?È pur vero che le mie casse hanno una sensibilità di 93db,quindi sono molto facili da pilotare,però l'amp dovrebbe soffrire in proporzione alla discesa dell'impedenza,mentre invece avviene il contrario.
Sono sempre piú confuso...

Il mio era un discorso di massima, i tuoi diffusori evidentemente sono un carico facile.
Ryuji
Ryuji
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 28.02.10
Numero di messaggi : 77
Provincia : Napoli
Impianto : Sorgente 1: Marantz CD5000 (TDA1549)
Sorgente 2: Giradischi Technics
SL-Q2 + AT95e
Amplificatore: Onix A55
Diffusori: Dynaudio DM 2/7
Cavi: Monster Cable, QED

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da sonic63 Mar 8 Apr 2014 - 18:43

enrico massa ha scritto:
valterneri ha scritto:
Si, è giusto, non è certo di sicuro un pregio,
ma di parametri importanti dentro ad un amplificatore ce ne sono molti
e tutto non si può avere.

Sospetto che nel caso di Enrico, la Rotel abbia, come suo solito,
adottato parametri di valutazione severi:
entrambi i canali -bassissima distorsione ammessa - 20-20000 ......
che altre marche non applicano:
1000 Hz 1% un canale è facile per tutti.

Ma non ho letto i dati per dire questo con sicurezza, è un sospetto di stima.

@Walter. 18w per canale/8Ohm/20-20.000hz=THD 0.05%,quindi mi pare che la tua previsione sia azzeccata.

@Beppe. allarga,allarga non mi offendo Hehe 

@Ryuji.d'accordo,lo scarto minimo è indice di scarsa capicità di pilotaggio  di diffusori tosti.Ma,ripeto,come mai la resa sui bassi è fe-no-me-na-le?È pur vero che le mie casse hanno una sensibilità di 93db,quindi sono molto facili da pilotare,però l'amp dovrebbe soffrire in proporzione alla discesa dell'impedenza,mentre invece avviene il contrario.
Sono sempre piú confuso...

La scarsa capacità a pilotare diffusori ostici del tuo ampli non è un difetto.
Sarebbe come dire che un'utilitaria è sbagliata (o difettosa) perchè non arriva a 230Kmh!!
E' stato progettato per essere collegato a diffusori della sua classe, inoltre ai suoi tempi i diffusori erano più facili da pilotare (grossi woofer, frontali ampi, crossover semplici) rispetto a quelli che sarebbero venuti poi (quando si sono spacciate solenni minchiate per il non plus ultra; e sui depliants e nelle recensioni diffusori mal progettati diventavano "Hi-end"-chiuso O.T.-).
Infatti la facilità di pilotaggio dei tuoi diffusori e la loro buona sensibilità lo mettono in condizione di suonare bene anche se il rapporto W4/W8 non si avvicina neanche lontanamente all'ideale 2.
Grazie alla buona sensibilità ascolti ad un livello soddisfacente ma che non impegna eccessivamente l'ampli nei picchi.
Per quanto riguarda i bassi devi considerare che l'orecchio umano a quelle frequenze tollera una quantità di distorsione molto più alta di quella tollerabile alle alte frequenze.
In parole povere è molto semplice accorgersi della distorsione sull'acuto di una soprano, molto più difficile su una nota di contrabbasso. Anzi una piccola dose di distorsione di seconda armonica ci fà sembrare il suono più potente e più profondo di quello che è.
E questo sicuramente aiuta ad apprezzare il suono dell'ampli e a godersi la musica.
Naturalmente con questo non voglio dire che non ci senti, ma che queste nostre caratteristiche fisiologiche venivano, e vengono tuttora, tenute in conto dai progettisti.
Il clippaggio "di corrente" ha conseguenze sonore diverse da quelle del clippaggio "di tensione" è questo lo rende più sopportabile.
 Hello 

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5402
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da enrico massa Mar 8 Apr 2014 - 18:53

sonic63 ha scritto:
enrico massa ha scritto:

@Walter. 18w per canale/8Ohm/20-20.000hz=THD 0.05%,quindi mi pare che la tua previsione sia azzeccata.

@Beppe. allarga,allarga non mi offendo Hehe 

@Ryuji.d'accordo,lo scarto minimo è indice di scarsa capicità di pilotaggio  di diffusori tosti.Ma,ripeto,come mai la resa sui bassi è fe-no-me-na-le?È pur vero che le mie casse hanno una sensibilità di 93db,quindi sono molto facili da pilotare,però l'amp dovrebbe soffrire in proporzione alla discesa dell'impedenza,mentre invece avviene il contrario.
Sono sempre piú confuso...

La scarsa capacità a pilotare diffusori ostici del tuo ampli non è un difetto.
Sarebbe come dire che un'utilitaria è sbagliata (o difettosa) perchè non arriva a 230Kmh!!
E' stato progettato per essere collegato a diffusori della sua classe, inoltre ai suoi tempi i diffusori erano più facili da pilotare (grossi woofer, frontali ampi, crossover semplici) rispetto a quelli che sarebbero venuti poi (quando si sono spacciate solenni minchiate per il non plus ultra; e sui depliants e nelle recensioni diffusori mal progettati diventavano "Hi-end"-chiuso O.T.-).
Infatti la facilità di pilotaggio dei tuoi diffusori e la loro buona sensibilità lo mettono in condizione di suonare bene anche se il rapporto W4/W8 non si avvicina neanche lontanamente all'ideale 2.
Grazie alla buona sensibilità ascolti ad un livello soddisfacente ma che non impegna eccessivamente l'ampli nei picchi.
Per quanto riguarda i bassi devi considerare che l'orecchio umano a quelle frequenze tollera una quantità di distorsione molto più alta di quella tollerabile alle alte frequenze.
In parole povere è molto semplice accorgersi della distorsione sull'acuto di una soprano, molto più difficile su una nota di contrabbasso. Anzi una piccola dose di distorsione di seconda armonica ci fà sembrare il suono più potente e più profondo di quello che è.
E questo sicuramente aiuta ad apprezzare il suono dell'ampli e a godersi la musica.
Naturalmente con questo non voglio dire che non ci senti, ma che queste nostre caratteristiche fisiologiche venivano, e vengono tuttora, tenute in conto dai progettisti.
Il clippaggio "di corrente" ha conseguenze sonore diverse da quelle del clippaggio "di tensione"  è questo lo rende più sopportabile.
 Hello 

 Clap  Clap  Clap  Clap  Clap 

Stragrazie,Sonic,spiegazione semplice ed impeccabile,a prova di pippone Laughing quale sono e fui,finalmente ho capito Idea
enrico massa
enrico massa
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 14.10.13
Numero di messaggi : 1456
Località : roma
Occupazione/Hobby : storia romana/lingua latina
Impianto : il dj308+marantz 1070+thorens 166 mk2+chromecast a.

Torna in alto Andare in basso

Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm Empty Re: Amplificatore con differenza di potenza minima 4/8Ohm

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.