T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Unisciti al forum, è facile e veloce

T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

4 partecipanti

Pagina 1 di 2 1, 2  Successivo

Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Mer 25 Gen 2012 - 0:17

Ho fatto delle verifiche con l'induttanzimetro sul trafo di uscita dell'ampli a 50V, che nel mio caso non e' un trasformatore audio ma e' un trasformatore di alimentazione da 220/24 V 40VA

Considerato che i trafo di alimentazione posso saturare con correnti continue se non hanno un nucleo sufficientemente grande, e se i trasformatori saturano, distorcono il segnale audio in modo evidente.
Ma considerato che:
1) piu' e' grande un trasformatore di alimentazione (a parita' di tensioni in/out) piu' crolla la sua induttanza, e un trafo con induttanza troppo bassa taglia i bassi nella risposta in frequenza.
1 bis) piu' e' alta la resistenza ohmica sul primario e piu' e' elevata l'nduttanza.
2) piu' aumenta la corrente sul primario e piu' diminuisce l'induttanza (per un 40W un paio di H vuoto, che crollano a 0,8 H con 100 mA, per un 30W 15 H a vuoto, che crollano a 1H a 100 mA), i trasformatori audio al contrario hanno una induttanza elevata (14 H) che non varia al variare della corrente.
3) piu' e' elevata la tensione sul primario, piu' facilmente satura un trasformatore di alimentazione in presenza di correnti continue che lo percorrono.

Occorre quindi trovare un trafo di alimentazione sufficientemente grande da non saturare, ma sufficientemente elevato come induttanza per non tagliare la risposta ai bassi e soprattutto usare basse tensioni anodiche e basse correnti anodiche a vuoto (bassa potenza di uscita).

Meglio ancora se si riesce a equalizzare il segnale nel pre per compensare il taglio alle basse frequenze.

Voi direte, perche' tutto questo sforzo quando puoi mettere direttamente dei trasformatori audio?

Semplice, perche' i prezzi dei trasformatori di uscita audio sono esagerati, molto superiori al loro reale valore.

Preso dal web:

Trasformatore audio S.E.:

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Fgang1

Trasformatore di alimentazione S.E:

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Fgang2

Trasformatore di alimentazione push - pull:

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Fgang3

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da PHIL MASNAGH Mer 25 Gen 2012 - 9:52

Ottimo. Oki Vorrei integrare il discorso. I lamierini che costituiscono il nucleo dei trasformatori d'alimentazione tradizionali hanno forma di E e di I. Sono montati a strati alternati e si intersecano fra loro. Cioè si ha il primo strato con E a sinistra e I a destra seguito da un altro con E a destra e I a sinistra e via così a formare il nucleo. Mentre in un trasformatore audio, sempre con i ferri tradizionali, si noterà che tutte le E stanno da una parte a formare un pacco compatto, e tutte le I dall'altra. E in mezzo c'è un traferro, cioè una distanza calcolata, mantenuta tale da un isolante dallo spessore calibrato. La presenza del traferro è essenziale per non far saturare il trasformatore se percorso da corrente continua (nel caso dei circuiti a valvole trattasi dell'anodica della o delle valvole finali). Quindi, se vi sentite abbastanza metalmeccanici, una soluzione può essere quella di smontare il pacco lamellare di un trasformatore d'alimentazione tradizionale, e rimontarlo facendo un bel pacco di tutte le E da una parte e uno di tutte le I dall'altra. Ma attenzione: solo per metalmeccanici duri e puri... Shocked


PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Mer 25 Gen 2012 - 10:19

PHIL MASNAGH ha scritto:Ottimo. Oki Vorrei integrare il discorso. I lamierini che costituiscono il nucleo dei trasformatori d'alimentazione tradizionali hanno forma di E e di I. Sono montati a strati alternati e si intersecano fra loro. Cioè si ha il primo strato con E a sinistra e I a destra seguito da un altro con E a destra e I a sinistra e via così a formare il nucleo. Mentre in un trasformatore audio, sempre con i ferri tradizionali, si noterà che tutte le E stanno da una parte a formare un pacco compatto, e tutte le I dall'altra. E in mezzo c'è un traferro, cioè una distanza calcolata, mantenuta tale da un isolante dallo spessore calibrato. La presenza del traferro è essenziale per non far saturare il trasformatore se percorso da corrente continua (nel caso dei circuiti a valvole trattasi dell'anodica della o delle valvole finali). Quindi, se vi sentite abbastanza metalmeccanici, una soluzione può essere quella di smontare il pacco lamellare di un trasformatore d'alimentazione tradizionale, e rimontarlo facendo un bel pacco di tutte le E da una parte e uno di tutte le I dall'altra. Ma attenzione: solo per metalmeccanici duri e puri... Shocked


Il problema e' che i lamierini solitamente sono impregnati di resina ed e' quasi impossibile sfilarli senza distruggere il trasformatore.

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da PHIL MASNAGH Mer 25 Gen 2012 - 11:53

pilovis ha scritto:

Il problema e' che i lamierini solitamente sono impregnati di resina ed e' quasi impossibile sfilarli senza distruggere il trasformatore.[/quote]

Questo è vero. Sad A me è capitato di poterlo fare... Forse sono stato fortunato. Ironic In alternativa, avendo un trasformatorista sotto casa, gli si può chiedere di costruirlo col traferro. Oppure si può disaccoppiare dalla corrente continua mediante un condensatorone, facendo scorrere l'anodica su una resistenza di carico o meglio su un'impedenza, o su tutte e due, che costituiranno il carico anodico della valvola finale. L'altro capo del primario del TA usato come TU può essere collegato a massa o al + dell'alimentazione. Wink

Comunque l'idea di introdurre dei filtri correttivi di banda, per esempio tra la valvola driver e quella finale, può essere interessante anche in funzione di un eventuale correzione della risposta degli altoparlanti all'ampli collegati. In special modo se fossero monovia. Una specie di controllo di toni. Shocked Forse questa manciata di componenti costa meno della soluzione precedente. Hello

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Mer 25 Gen 2012 - 17:34

Rimane il problema piu' grosso che e' quello dell'induttanza molto bassa dei trasformatori di alimentazione.
Bisognerebbe trovare qualche accrocchio strano, tipo serie o parallelo degli avvolgimenti per aumentare l'induttanza del primario, senza variare troppo l'impedenza finale per la valvola.

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da PHIL MASNAGH Gio 26 Gen 2012 - 0:56

pilovis ha scritto:Rimane il problema piu' grosso che e' quello dell'induttanza molto bassa dei trasformatori di alimentazione.
Bisognerebbe trovare qualche accrocchio strano, tipo serie o parallelo degli avvolgimenti per aumentare l'induttanza del primario, senza variare troppo l'impedenza finale per la valvola.

Una soluzione possibile: NON far passare la corrente continua nell'avvolgimento, così non si abbatte l'impedenza. Ci vuole però un'induttanza o una resistenza di potenza come carico anodico. E poi un condensatorone tra l'anodo e un capo del primario del trasformatore d'uscita. L'altro capo sarà connesso alla linea di massa o al positivo di alimentazione (bisogna sentire quale soluzione suona meglio). Però alla fine una domanda mi sorge spontanea: qual'è la differenza di prezzo fra un TU e un TA? Tanto per capire quanto valga la pena spingersi a complicarsi la vita. Hello

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Gio 26 Gen 2012 - 0:59

PHIL MASNAGH ha scritto:
pilovis ha scritto:Rimane il problema piu' grosso che e' quello dell'induttanza molto bassa dei trasformatori di alimentazione.
Bisognerebbe trovare qualche accrocchio strano, tipo serie o parallelo degli avvolgimenti per aumentare l'induttanza del primario, senza variare troppo l'impedenza finale per la valvola.

Una soluzione possibile: NON far passare la corrente continua nell'avvolgimento, così non si abbatte l'impedenza. Ci vuole però un'induttanza o una resistenza di potenza come carico anodico. E poi un condensatorone tra l'anodo e un capo del primario del trasformatore d'uscita. L'altro capo sarà connesso alla linea di massa o al positivo di alimentazione (bisogna sentire quale soluzione suona meglio). Però alla fine una domanda mi sorge spontanea: qual'è la differenza di prezzo fra un TU e un TA? Tanto per capire quanto valga la pena spingersi a complicarsi la vita. Hello

la differenza di prezzo varia da 5:1 a 10:1

Trasformatore da 800 ohm 40W di alimentazione: 18 Euro
Trasformatore di uscita 800 ohm 20W 60 Euro

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da fritznet Gio 26 Gen 2012 - 1:44

pilovis ha scritto:


Il problema e' che i lamierini solitamente sono impregnati di resina ed e' quasi impossibile sfilarli senza distruggere il trasformatore.

Credo che per ogni resina esista il solvente adatto, non credo sia impossibile smontare le lamelle da un trasformatore, forse è più noioso rimetterle assieme tutte allineate.
fritznet
fritznet
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 10085
Località : Grønlænd
Provincia : querceto
Occupazione/Hobby : morto che pialla
Impianto : lol-fi


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Domanda per esperti.

Messaggio Da pilovis Gio 26 Gen 2012 - 12:01

Allora, facciamo il punto:

io ho un trasformatore di alimentazione da 220V con due avvolgimenti secondari separati da 24V, di cui ne uso uno solo per collegarci la cassa acustica.

Posso collegare l'avvolgimento secondario, che non uso, con una resistenza sull'alimentazione per fargli scorrere una corrente continua inversa rispetto a quella che scorre sul primario per annullare la saturazione del nucleo?

Seconda domanda: che corrente devo far passare in questo avvolgimento tenendo conto che nel primario la componente continua e' di 75 mA @ 50V di anodica?

Ultima domanda: non avendo strumentazione a disposizione (oscilloscopio), c'e' un modo empirico per capire la fase del secondario rispetto al primario? Non vorrei fare scorrere corrente in fase con quella del primario e cosi' aumentare la saturazione.

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Gio 26 Gen 2012 - 12:43

Una risposta forse l'ho trovata:

"Colleghi in serie gli avvolgimenti nei due modi possibili e misuri l'induttanza: il collegamento corrispondente all'induttanza minore e' quello in antiserie, cioe' con gli inizi (o le fini) degli avvolgimenti collegati assieme".

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da PHIL MASNAGH Gio 26 Gen 2012 - 13:09

pilovis ha scritto:Allora, facciamo il punto:

io ho un trasformatore di alimentazione da 220V con due avvolgimenti secondari separati da 24V, di cui ne uso uno solo per collegarci la cassa acustica.

Posso collegare l'avvolgimento secondario, che non uso, con una resistenza sull'alimentazione per fargli scorrere una corrente continua inversa rispetto a quella che scorre sul primario per annullare la saturazione del nucleo?

Seconda domanda: che corrente devo far passare in questo avvolgimento tenendo conto che nel primario la componente continua e' di 75 mA @ 50V di anodica?

Ultima domanda: non avendo strumentazione a disposizione (oscilloscopio), c'e' un modo empirico per capire la fase del secondario rispetto al primario? Non vorrei fare scorrere corrente in fase con quella del primario e cosi' aumentare la saturazione.

Tempo fa su Costruire Hi-FI un tipo con un nome francese o greco aveva esposto il suo trasformatore con antisaturazione. Non ricordo bene, ma il concetto era simile al tuo: far scorrere due correnti inverse per annullare la saturescion. Hello

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da sonic63 Gio 26 Gen 2012 - 13:17

PHIL MASNAGH ha scritto:
pilovis ha scritto:Allora, facciamo il punto:

io ho un trasformatore di alimentazione da 220V con due avvolgimenti secondari separati da 24V, di cui ne uso uno solo per collegarci la cassa acustica.

Posso collegare l'avvolgimento secondario, che non uso, con una resistenza sull'alimentazione per fargli scorrere una corrente continua inversa rispetto a quella che scorre sul primario per annullare la saturazione del nucleo?

Seconda domanda: che corrente devo far passare in questo avvolgimento tenendo conto che nel primario la componente continua e' di 75 mA @ 50V di anodica?

Ultima domanda: non avendo strumentazione a disposizione (oscilloscopio), c'e' un modo empirico per capire la fase del secondario rispetto al primario? Non vorrei fare scorrere corrente in fase con quella del primario e cosi' aumentare la saturazione.

Tempo fa su Costruire Hi-FI un tipo con un nome francese o greco aveva esposto il suo trasformatore con antisaturazione. Non ricordo bene, ma il concetto era simile al tuo: far scorrere due correnti inverse per annullare la saturescion. Hello
Si, il tizio in questione è Ari Polisois, che ha riportato su costruire H-F i suoi numerosi esperimenti e prove.
L'idea non è nuova, comunque Polisois l' ha affinata e brevettata.
Forse un metodo empirico per stabilire la fase potrebbe essere quello di mandare un segnale a bassa frequenza sul primario, e osservare il movimento del cono di un woofer sul secondario.
Hello

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5402
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Gio 26 Gen 2012 - 13:21

Un'altro metodo empirico e' quello di collegare una pila da 1,5 volt al secondario e misurare sul primario con un tester in modalita' Vcc la polarita' dell'impulso che si genera quando si chiude il circuito sul primario (attensione alle scosse!).

Comunque io ho fatto con l'induttanzimetro Smile

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Gio 26 Gen 2012 - 14:24

Dopo un po'di smanettamenti e prove, ecco le conclusioni che sono arrivato:

ho tre soluzioni possibili, utilizzando l'avvolgimento secondario non utilizzato:

Soluzione 1):
Alimentare l'avvolgimento secondario con corrente continua opposta a quella del primario e 9 volte piu' elevata, dato che il rapporto di trasformazione e' di 9:1 (spero il ragionamento sia giusto).
La prova sperimentale ha dato risultati deludenti perche' se succhio 0,66A dal trafo dell'alimentatore, lui si siede dato che e' gia' quasi al limite Sad e poi, anche alimentandolo esternamente con un altro alimentatore, si abbassa il volume di uscita e si appiattisce un po' la banda percepibile ad orecchio (devo capire perche').

Soluzione 2):
collegare il secondario non utilizzato in serie e in controfase al primario per farlo attraversare dalla stessa corrente continua (ma opposta?) e quindi aumentare la soglia di saturazione (satura piu' in alto).
In questo modo pero' l'induttanza totale del primario cosi' realizzato crolla del 30%, inficiando ancora di piu' la risposta ai bassi.
In questo caso pero' i bassi si possono equalizzare nel preamplificatore per compensarne l'attenuazione.

Soluzione 3):
collegare il secondario in serie e in fase al primario, in questo modo la corrente continua di saturazione ha un po' piu' di avvolgimento da percorrere e quindi dovrebbe aumentare la saturazione.
Ma in questo modo l'induttanza totale del primario cosi' ottenuto cresce di un 30% migliorando la risposta ai bassi, ma aumenta un po' la distorsione percettibile a tutto volume.

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da PHIL MASNAGH Gio 26 Gen 2012 - 21:49

pilovis ha scritto:Dopo un po'di smanettamenti e prove, ecco le conclusioni che sono arrivato:

ho tre soluzioni possibili, utilizzando l'avvolgimento secondario non utilizzato:

Soluzione 1):
Alimentare l'avvolgimento secondario con corrente continua opposta a quella del primario e 9 volte piu' elevata, dato che il rapporto di trasformazione e' di 9:1 (spero il ragionamento sia giusto).
La prova sperimentale ha dato risultati deludenti perche' se succhio 0,66A dal trafo dell'alimentatore, lui si siede dato che e' gia' quasi al limite Sad e poi, anche alimentandolo esternamente con un altro alimentatore, si abbassa il volume di uscita e si appiattisce un po' la banda percepibile ad orecchio (devo capire perche').

Soluzione 2):
collegare il secondario non utilizzato in serie e in controfase al primario per farlo attraversare dalla stessa corrente continua (ma opposta?) e quindi aumentare la soglia di saturazione (satura piu' in alto).
In questo modo pero' l'induttanza totale del primario cosi' realizzato crolla del 30%, inficiando ancora di piu' la risposta ai bassi.
In questo caso pero' i bassi si possono equalizzare nel preamplificatore per compensarne l'attenuazione.

Soluzione 3):
collegare il secondario in serie e in fase al primario, in questo modo la corrente continua di saturazione ha un po' piu' di avvolgimento da percorrere e quindi dovrebbe aumentare la saturazione.
Ma in questo modo l'induttanza totale del primario cosi' ottenuto cresce di un 30% migliorando la risposta ai bassi, ma aumenta un po' la distorsione percettibile a tutto volume.

Prove interessanti. Oki Non saprei che dire, è un'impresa... Con degli schemi sarebbe tutto più comprensibile... Hello

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Gio 26 Gen 2012 - 22:05

Queste sono rispettivamente le soluzioni 2 e 3:

Clicca sull'immagine per vederla tutta!


Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Ytraf10

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Gio 26 Gen 2012 - 22:12

Io ora sto utilizzando la configurazione 2 (quella a sinistra), che tra tutte sembra avere meno distorsione a pieno volume.

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da PHIL MASNAGH Gio 26 Gen 2012 - 23:08

pilovis ha scritto:Queste sono rispettivamente le soluzioni 2 e 3:

Clicca sull'immagine per vederla tutta!


Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Ytraf10

Suggerisco le seguenti cose:

1) Provare ad invertire i due capi del primario (e di concerto anche la porzione di secondario attraversata dall'anodica). Potrebbe essere che le capacità parassite degli avvolgimenti diano luogo a risposte timbriche diverse nei due casi.

2) Tenere separati primario e secondario. Poi collegare l'intero avvolgimento secondario tra il positivo e il negativo dell'alimentazione. Naturalmente in controsaturazione e con una resistenza limitatrice di corrente in serie, di valore opportuno. Proverei inizialmente con una corrente piccola.

3) Se la corrente sul secondario è piccola vi si può collegare direttamente l'altoparlante, accettando il piccolo offset che ne deriva (il cono ad ampli acceso sarà un po' più avanti oppure indietro rispetto alla posizione naturale che riacquista ad ampli spento).

4) Se di decide di salire con la corrente nel secondario è forse opportuno disaccoppiare l'altoparlante mediante l'uso di un condensatore elettrolitico, by-passato da uno più piccolo non polarizzato.

5) Per quanto riguarda le distorsioni: si può provare a modificare la resistenza di catodo, e provare ad introdurre una resistenza limitatrice di corrente in serie alla griglia 2 (se connessa a pentodo).
Hello

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Gio 26 Gen 2012 - 23:16

PHIL MASNAGH ha scritto:
pilovis ha scritto:Queste sono rispettivamente le soluzioni 2 e 3:

Clicca sull'immagine per vederla tutta!


Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Ytraf10

Suggerisco le seguenti cose:

1) Provare ad invertire i due capi del primario (e di concerto anche la porzione di secondario attraversata dall'anodica). Potrebbe essere che le capacità parassite degli avvolgimenti diano luogo a risposte timbriche diverse nei due casi.

2) Tenere separati primario e secondario. Poi collegare l'intero avvolgimento secondario tra il positivo e il negativo dell'alimentazione. Naturalmente in controsaturazione e con una resistenza limitatrice di corrente in serie, di valore opportuno. Proverei inizialmente con una corrente piccola.

3) Se la corrente sul secondario è piccola vi si può collegare direttamente l'altoparlante, accettando il piccolo offset che ne deriva (il cono ad ampli acceso sarà un po' più avanti oppure indietro rispetto alla posizione naturale che riacquista ad ampli spento).

4) Se di decide di salire con la corrente nel secondario è forse opportuno disaccoppiare l'altoparlante mediante l'uso di un condensatore elettrolitico, by-passato da uno più piccolo non polarizzato.

5) Per quanto riguarda le distorsioni: si può provare a modificare la resistenza di catodo, e provare ad introdurre una resistenza limitatrice di corrente in serie alla griglia 2 (se connessa a pentodo).
Hello

Secondo me la differenza di risposta timbrica e' dovuta a due cose:

nel primo schema la corrente continua sul secondario e' inversa rispetto a quella del primario per cui si sotraggono tra loro diminuendo la saturazione, nell'altro caso invece si sommano aumentando al saturazione.

Poi c'e' l'induttanza che in un caso aumenta (in fase), e nell'altro diminuisce (controfase).

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da PHIL MASNAGH Gio 26 Gen 2012 - 23:29

pilovis ha scritto:
Secondo me la differenza di risposta timbrica e' dovuta a due cose:

nel primo schema la corrente continua sul secondario e' inversa rispetto a quella del primario per cui si sotraggono tra loro diminuendo la saturazione, nell'altro caso invece si sommano aumentando al saturazione.

Poi c'e' l'induttanza che in un caso aumenta (in fase), e nell'altro diminuisce (controfase).

E' certo così. Quindi considera di aumentare la corrente di controsaturazione estendendola all'intero secondario. Credo però che non sia il caso di far passare l'anodica attraverso l'intero trasformatore, quindi sul primario l'anodica, e sul secondario una corrente che stabilirai per mezzo di una resistenza limitatrice. Se non ti piace l'idea che la corrente continua attraversi le bobine mobili degli altoparlanti, ci devi mettere per forza un condensatore in serie agli altoparlanti stessi. La sua capacità influenzerà i toni bassi. Hello

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Gio 26 Gen 2012 - 23:32

Comunque a conclusione di tutte le prove posso dire che il mio tre valvole stereo a 50Vcc con PL504 e trasformatore di uscita con "controreazione" sul secondario come da schema sopra, mi soddisfa pienamente, suono pulito, cristallino e ben presente sui bassi (anche se si potrebbe migliorare), addirittura suona meglio dell'insulto finale con PCL86 a 220 V di anodica che ho costruito qualche settimana fa (ho messo un post su questo forum).


pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da PHIL MASNAGH Gio 26 Gen 2012 - 23:40

pilovis ha scritto:Comunque a conclusione di tutte le prove posso dire che il mio tre valvole stereo a 50Vcc con PL504 e trasformatore di uscita con "controreazione" sul secondario come da schema sopra, mi soddisfa pienamente, suono pulito, cristallino e ben presente sui bassi (anche se si potrebbe migliorare), addirittura suona meglio dell'insulto finale con PCL86 a 220 V di anodica che ho costruito qualche settimana fa (ho messo un post su questo forum).


Ottimo. Oki Ho una PCL86 nel cassetto che aspetta di essere trasformata in un ampli. Comunque, ribadisco: Se vuoi sentire delle differenze prova un'induttanza sui catodi dei driver. Il suono semplicemente si apre. Wink

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da PHIL MASNAGH Ven 27 Gen 2012 - 23:18

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Antisa11

Sfogliando i miei vecchi appunti mi sono venute queste idee.
Il secondario è interamente in serie al catodo. La corrente che lo attraversa è uguale alla corrente anodica, la tensione ovviamente no. R3 va ridimensionata sottraendo al valore originale la resistenza in cc delle due sezioni del secondario, una delle quali in parallelo all'altoparlante. In prima battuta si può lasciare la resistenza originale; può darsi che una resistenza un po' più alta migliori la timbrica.

C'è poi un controllo di polarizzazione per la griglia 2. R1 è una resistenza tampone, e va calcolata in modo che la corrente che attraversa la griglia 2 non ecceda mai il valore indicato dal costruttore. Pena danneggiamento della valvola. Può essere che con l'anodica a 50 volt R1 possa essere omessa. Per R2 non saprei, bisogna sperimentare, comunque da qualche migliaio di Ohm in su. Questa resistenza essendo in parallelo al primario potrebbe anche funzionare da smorzatore di eventuali risonanze che potrebbero insorgere nel primario stesso (considera che un avvolgimento ha una componente resistiva, una induttiva e una capacitiva...) Oki

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Ven 27 Gen 2012 - 23:22

Molto interessante!

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da pilovis Sab 28 Gen 2012 - 10:13

pilovis ha scritto:Dopo un po'di smanettamenti e prove, ecco le conclusioni che sono arrivato:

ho tre soluzioni possibili, utilizzando l'avvolgimento secondario non utilizzato:

Soluzione 1):
Alimentare l'avvolgimento secondario con corrente continua opposta a quella del primario e 9 volte piu' elevata, dato che il rapporto di trasformazione e' di 9:1 (spero il ragionamento sia giusto).
La prova sperimentale ha dato risultati deludenti perche' se succhio 0,66A dal trafo dell'alimentatore, lui si siede dato che e' gia' quasi al limite Sad e poi, anche alimentandolo esternamente con un altro alimentatore, si abbassa il volume di uscita e si appiattisce un po' la banda percepibile ad orecchio (devo capire perche').

Soluzione 2):
collegare il secondario non utilizzato in serie e in controfase al primario per farlo attraversare dalla stessa corrente continua (ma opposta?) e quindi aumentare la soglia di saturazione (satura piu' in alto).
In questo modo pero' l'induttanza totale del primario cosi' realizzato crolla del 30%, inficiando ancora di piu' la risposta ai bassi.
In questo caso pero' i bassi si possono equalizzare nel preamplificatore per compensarne l'attenuazione.

Soluzione 3):
collegare il secondario in serie e in fase al primario, in questo modo la corrente continua di saturazione ha un po' piu' di avvolgimento da percorrere e quindi dovrebbe aumentare la saturazione.
Ma in questo modo l'induttanza totale del primario cosi' ottenuto cresce di un 30% migliorando la risposta ai bassi, ma aumenta un po' la distorsione percettibile a tutto volume.

Ho capito perche' la soluzione 1) abbassa il volume di uscita e appiattisce un po' la banda:
L'alimentatore con le sue capacita' di filtro, che si utilizza per far scorrere la corrente continua di controsaturazione nell'avvolgimento secondario non utilizzato, per i segnali alternati idealmente si comporta come un cortocircuito.
Per cui il segnale di uscita audio che c'e' anche sul quel secondario, si scarica sulla resistenza limitatrice che ha in serie (di basso valore dato che ho usato i 12 V dei filamenti e la corrente e' di 0,66A) tanto piu' quanto piu' e' alta la frequenza del segnale, variando in questo modo il carico che la valvola vede riflesso tramite l'avvolgimento primario del trafo.
Per risolvere il problema occorre quindi un'induttanza di blocco in serie al circuito (tra alimentatore, resistenza limitatrice e il secondario di controsaturazione) e il problema sparisce. Smile

pilovis
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 28.12.11
Numero di messaggi : 547
Località : Nizza Monferrato
Provincia : Valvolare
Occupazione/Hobby : System Administrator (Windows, Linux, Unix, Mac OSx)
Impianto : Valvolare classe A utralineare con 2 x 807 (Zaerix Ldt. London anno 1970) e 2 x 6G6G pentodi audio (National Union Mil. USA anno 1944) come driver, 1 x 5X4 (RCA anno 1953) raddrizzatrice. Progetto personale

Valvolare classe A utralineare con 2 x 6L6G (Fivre ano 1956) finali e 1 x 6N2P (USSR mil. anno 1990) driver, progetto personale.

Valvolare classe A con 2 x PL504 e 2 x ECC82 driver (cathode follower), progetto personale.

Valvolare classe A pseudotriodo con 2 x ECL86, progetto personale.

In costruzione:
Push-Pull mono 10W per chitarra con 2 x PL504 e 2 x 6N2P drivers


Torna in alto Andare in basso

Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E. Empty Re: Considerazioni sull'utilizzo dei trasformatori di alimentazione come trasformatori di uscita S.E.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Successivo

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.