T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Unisciti al forum, è facile e veloce

T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Recensione Arylic S10

Andare in basso

Recensione Arylic S10 Empty Recensione Arylic S10

Messaggio Da flamminifra Lun 30 Mag 2022 - 1:31

Cari tutti, segnalo la mia breve recensione di questo streamer che ero molto curioso di provare e che mi ha stupito a livello di rapporto qualita'/prezzo (parliamo di un oggetto che costa circa 90€). Non so se qualcun altro di voi ha avuto modo di valutarlo... a me e' piaciuto!

Copio e incollo nel seguito per chi fosse interessato.

Arylic S10: lo streamer versatile e ben suonante ad un prezzo sorprendente

Ormai la transizione verso la musica liquida non è più una novità: dagli adolescenti che si avvicinano per la prima volta alla passione per l’alta fedeltà, fino ad arrivare agli audiofili di vecchio stampo appassionati di vinile, nessuna categoria sembra esente dalla curiosità e dall’attrazione di ascoltare i propri brani in streaming dal proprio smartphone comodamente seduti sul proprio divano. Mentre per le nuove generazioni tale esperienza risulta abbastanza normale, per gli audiofili stagionati l’ascolto di musica liquida è spesso accompagnato da un certo scetticismo legato alla possibile perdita di qualità, soprattutto se si usano dispositivi economici che usano connessioni wireless. A scanso di equivoci, quindi, diciamo subito che le attuali tecnologie di streaming su rete wifi domestica consentono di instradare musica anche in formati “lossless” ad alta risoluzione senza alcuna perdita di qualità. La compressione cosiddetta “lossy” (quindi con potenziale perdita di qualità) si ha quando si utilizzano connessioni Bluetooth (specie quelle di vecchia generazione), oppure – ovviamente – quando si riproducono file MP3, soprattutto se con bitrate limitati (tipo quelli a 128Kbps).

Venendo all’oggetto di questa prova, si tratta di uno streamer dal prezzo accessibile a tutti, che può trasformare qualsiasi impianto stereo anche “vintage” in uno di ultima generazione, con la possibilità di riprodurre file musicali nei formati più svariati (compresi WAV/FLAC HD fino a 24bit 192kHz) memorizzati su hard disk portatili, NAS casalinghe, o direttamente dai vostri servizi di streaming preferiti (Qobuz, Tidal, Deezer, Spotify, Amazon Music, ecc.). L’Arylic S10 e’ un oggetto versatile dotato di una propria app, denominata 4STREAM, con supporto DLNA e AirPlay (tra gli altri protocolli), possibilità di connessione wireless (WiFi e Bluetooth 5.0) e cablata (Ethernet), porta USB, oltre che ingressi e uscite analogiche. Davvero interessante la possibilità di streaming multi-room, finora retaggio di apparecchi di marchi famosi e altra caratura.

Il dispositivo si presenta come uno scatolotto nero di dimensioni e peso contenuto, dall’aspetto sobrio ed elegante, soprattutto per via della parte superiore lucida, che dà subito una sensazione di maggiore qualità e solidità (non è proprio leggerissimo grazie al robusto chassis metallico) rispetto a tanti dispositivi apparentemente comparabili provenienti dal paese del sol levante. La dotazione comprende cavetteria audio basilare per la connessione audio analogica (mini-jack / RCA), oltre che telecomando ed alimentatore. Il packaging appare curato ed il tutto trasmette la missione della giovane azienda Arylic, con sede in Germania, di imporsi in un mercato in cui c’è forte concorrenza di prodotti prevalentemente di bassa qualità e versatilità. In tale contesto, Arylic propone un prodotto di cui molti appassionati sentivano la mancanza: uno streamer versatile, di qualità, e dal prezzo contenuto, che spicca tra le varie “cineserie” a basso costo, spesso dotate di sola connessione Bluetooth, e al tempo stesso non costa come i prodotti di marchi blasonati dell’alta fedeltà. Insomma, Arylic si inserisce in un segmento di mercato rimasto sorprendentemente scoperto, il che rappresenta per chi scrive una strategia commerciale vincente.

Terminato l’unboxing e giochicchiato con la configurazione dell’app (la prima cosa che accade è che il prodotto aggiorna subito il firmware all’ultima versione disponibile), sono stato subito curioso di ascoltare come suonasse, che era per me il dubbio più grande, dopo tante delusioni. Ebbene, il suono è stato una piacevolissima sorpresa: anche grazie al DAC di buona qualità, il risultato è stato oltre le aspettative, con un suono molto piacevole, esteso, dinamico e dettagliato. Chiaramente non possiamo paragonare il risultato a prodotti dal costo oltre 10 volte superiore di stampo audiofilo, ma anche gli appassionati non rimarranno delusi. Nel caso non si fosse pienamente soddisfatti del risultato nel proprio impianto, l’oggetto rimane comunque interessante come soluzione di “ripiego” per ascolti rilassati o di sottofondo, magari in multi-room, quando non si ha tempo o voglia di smanettare con CD e vinili. Personalmente ho provato il dispositivo in diverse configurazioni e con vari generi musicali, senza mai rimanere deluso del risultato. Ho usato prevalentemente i servizi di Amazon Music HD, ma anche lo streaming FLAC (lossless) sempre in HD da hard disk e NAS con protocollo DLNA, oltre che il Bluetooth sia da smartphone che da smart TV, per connetterla all’impianto HiFi senza cavi (interessante possibilità di impiego del dispositivo). L’app 4STREAM funziona abbastanza bene e consente di integrare tutti i servizi di streaming musicale da un’unica interfaccia utente semplice e coesa, anche se personalmente avrei preferito la possibilità di usare alcune altre app, come quella Amazon oppure Youtube Music, per lo streaming diretto WiFi. La cosa è sempre fattibile passando alla connessione Bluetooth o addirittura cablata, usando l’ingresso analogico.

Per gli smanettoni più smaliziati, esiste anche la possibilità di effettuare un fine-tuning dei parametri (equalizzatore, DSP, ecc.) tramite un’applicazione Windows proprietaria che sfrutta la possibilità di connessione al PC tramite porta USB per configurare il dispositivo in base ai propri gusti ed esigenze.

Alcuni potrebbero lamentare l’assenza delle connessioni analogiche RCA e delle uscite digitali per l’impiego di un DAC esterno, ma ad un prodotto in questa fascia di prezzo è davvero difficile chiedere di più. Nel caso si avessero queste esigenze particolari, segnalo che Arylic offre altri prodotti interessanti, di classe e prezzo superiori, come ad esempio l’S50, che mi riservo di provare in un prossimo futuro.

Link alla recensione: https://francescoflammini.com/hi-fi/arylic-s10-lo-streamer-versatile-e-ben-suonante-ad-un-prezzo-sorprendente/
flamminifra
flamminifra
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi

Data d'iscrizione : 29.09.09
Numero di messaggi : 10
Località : Scauri (LT)
Impianto : http://francescoflammini.com/hi-fi/

http://www.francescoflammini.com/hi-fi/

Torna in alto Andare in basso

Recensione Arylic S10 Empty Re: Recensione Arylic S10

Messaggio Da flamminifra Lun 30 Mag 2022 - 9:42

Dimenticavo, il link al prodotto sul sito web Arylic:

https://www.arylic.com/products/s10-wireless-preamplifier

E qualche foto:

Recensione Arylic S10 619wfm10
Recensione Arylic S10 20220511
Recensione Arylic S10 20220510
flamminifra
flamminifra
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi

Data d'iscrizione : 29.09.09
Numero di messaggi : 10
Località : Scauri (LT)
Impianto : http://francescoflammini.com/hi-fi/

http://www.francescoflammini.com/hi-fi/

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.