T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

L’alta fedeltà nel 2020

Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da Dimapant il Mar 7 Gen 2020 - 18:32

Ciao a tutti, sono nuovo nel forum e un grandissimo appassionato di musica da molti anni.
Con l’avvento del nuovo decennio e dopo aver passato gli ultimi mesi a scandagliare vari forum e siti di riferimento da cui attingere informazioni per creare il mio primo vero impianto ad alta fedeltà, mi sono posto alcune domande che mi hanno fatto rivalutare il senso stesso del gusto musicale di alcune persone e delle loro finalità audiofile( che brutta parola)

ho sempre avuto un buon gusto e un approccio molto tecnico all’ascolto seppur non avendo mai posseduto un impianto(impiantino nel mio caso) ben suonante

La mia vuole anche essere una sorta di riflessione in generale sul buon ascolto perché davvero mi sono ritrovato completamente spiazzato di fronte all’evidenza che si può ottenere davvero molto spendendo molto poco e mi si è aperto un mondo davanti...

Nella mia odissea degli ultimi mesi Sono bazzicato in lidi che probabilmente in questo forum , vista la finalità della sua creazione, non sono neanche considerati.. ma vi sollecito nel farlo, anche solo per capire quale malsana concezione taluni hanno della costruzione sonora e del feticismo annesso ( e per farvi due risate)

Detto questo vi parlo del mio impianto, che secondo il mio parere per un ambiente medio / piccolo suona decisamente bene. Parlo di un salotto di circa 4x3 , distanza dalla fonte circa 2 metri

Tutto è partito con il regalo di un amico che lavora in un mercatino dell’usato, il quale mi ha donato un giradischi Sony ps-lx 60 di qualche anno fa , in ottimo stato compresa la testina originale.

Tralasciando l’oggetto in se , questo Dono Ha portato in me il desiderio di migliorare la catena audio per approcciarmi all’ascolto nella maniera più decorosa possibile e con il budget davvero risicato a mia disposizione pensavo davvero di impazzire e di non riuscire a concludere niente

Poi ho pensato...il giradischi c’è l’ho e pensandoci bene anche un vecchio lettore dvd LG con uscita digitale

Per caso poi ho trovato un vecchio NetBook di circa 10 anni fa in un cassetto.

TOMBOLA

Da buon smanettone , ho fatto un bel formattone del NetBook e installato una copia di LUBUNTU , un ottimo OS leggero in cui successivamente ho installato Foobar 2000

Sorgente per la liquida OK, sorgente per i miei amati cd OK

A questo punto ho pensato: come collego il tutto?

Su Amazon ho trovato un T-Preamp TCC TC-754 Preamplificatore Phono + Linea , dal costo irrisorio di 70 euro circa che a detta di molti è considerato un oggetto paragonabile ad altri di un costo molto più elevato... a quel punto che fai, lo compri ovviamente...

Con questo oggettino ho risolto il discorso dei collegamenti e di Switching tra le sorgenti

Osservando il NetBook mi sono accorto che l’uscita cuffie fa pietà e poi mi serviva anche una entrata digitale per il lettore

Ovviamente controllo ancora su Amazon e dopo varie ricerche trovo un simpatico Dac , che tra l’altro è dello stesso colore dei mobili del salotto(contenta anche la moglie) : il Dac magic 100 dal costo di 150 euro

Ed ecco risolto anche il problema di come massimizzare la resa sonora delle sorgenti

A questo punto si collega il tutto al preamp , compreso il giradischi nell’entrata phono dello stesso

Si ma l’amplificatore? Quale amplificatore....nel posto dove andiamo non servono amplificatori? (Semi cit.)

Ho sempre usato casse amplificate sul pc, ovviamente le solite logitech e altro plasticume vario, e ho pensato che sia per problemi di spazio che di budget avrei optato per delle casse da scaffale attive.. ne avevo sentite alcune da amici e mi sono convinto ( o auto convinto ditemelo voi) che a parità di costo questi monitor attivi bi amplificati, hanno un rapporto , confrontandole con speaker hifi dello stesso prezzo, a loro favorevole. E qui non me lo spiego, come può essere che un monitor da 250 euro sia più prestante di uno classico hifi dello stesso prezzo , tenendo in considerazione anche il fattore amplificazione integrata?

Ho acquistato quindi una coppia di Eris 5 della presonus , dopo averle sentite dal vivo e in alcune comparazioni su YouTube( ovviamente su YouTube non è la stessa cosa ma in linea a di massima con una buona cuffia si percepiscono le differenze)

Posizionate correttamente e isolate dal mobile porta tv suonano direi molto bene considerato il costo. Oltretutto sono state studiate per durare nel tempo e per essere utilizzate diverse ore al giorno. Sono schermate e hanno il tweeter in kevlar, e si possono posizionare ovunque regolando distintamente tagli di frequenze e volumi. Tutto questo ricordo per 250 euro

In conclusione e tenendo fuori il discorso giradischi visto che è stato un regalo:

Pre amp: 70 euro
Dac : 150 euro
Sorgente per liquida (sono sicuro che anche voi avete un portatile in disuso da qualche parte) : 0 euro
Sorgente per digitale (leggi sopra) : 0 euro
speaker : 250 euro

Totale: 470 euro

Ovviamente sono in Piena fascia entry hifi ma sono convinto che se mi fossi approcciato nella maniera diciamo classica avrei speso almeno 3 volte tanto.

La mia visione è la stessa che applico nella vita di tutti in giorni.

Per andare al lavoro uso una yaris del 2005, potrei farlo con un suv ma la mia è comunque comoda, ancora affidabile(essendo giapponese) , e richiede poca benzina

Possiedo ancora un iPhone 6 che sfrutto all 100% e terrò fino a quando non si stuferà lui di me..
anche qui , da buon smanettone potrei farmi un iPhone 11 pro che comunque sfrutterò al 100% come il mio attuale... per fare cosa di più? Foto più carine da caricare su Instagram?

Parafrasando ,Mi chiedo se il godimento dato dall’ascolto davvero richieda un esborso in termini economici così elevato da poter asserire che si , ne è valsa la pena...

Discorso inverso e qui è ancora peggio:
la musica per me è vita, la mia e la nostra colonna sonora....

abbiamo la possibilità oggi di ascoltare buona musica in maniera più che decorosa con un piccolo investimento , possibile che per molti l’unica tipologia di ascolto sia con speaker Bluetooth di scarsa qualità, che magari costano quanto il mio impianto completo?

E poi Ci sono persone all’interno di studi di registrazione che Sfruttano strumentazioni costosissime con l’intento di rendere godibile il risultato finale anche su prodotti di fascia bassissima.... WTF!!


Mi sono reso conto di aver scritto troppo per cui , Voi che ne pensate?







Dimapant
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 07.01.20
Numero di messaggi : 20
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Tecnico Software
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Sorgente: NetBook con Linux e Foobar - Sony Ps-lx60
Pre ampli : T preamp Tcc Tc-754
Dac: Cambridge Dac magic 100
Cavi di segnale: Amazon Basics
Diffusori: Monitor presonus Eris 5

Cuffie: Sennheiser 598cs(modded)
Alessandro Grado MS1


Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da sportyerre il Mar 7 Gen 2020 - 19:01

A parte che tutti qui hanno buon gusto, fino a quando il proprio gusto non viene giudicato da altri Laughing, si può ascoltare bene anche con un investimento minimo, per esempio un paio di "auricolari" cinesi da 15€ e uno smartphone Android da 100€ (che c'è già in casa e quindi costa 0€), fino a quando il virus dell'acquisto compulsivo non ti colpisce, quando arrivi ai cavi speciali e alle ciabatte audiofile sei allo stato finale e non c'è ritorno.
Ok, per la Yaris
Per l'aifon si può fare di meglio mollando Apple

Benvenuto
sportyerre
sportyerre
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 14.02.11
Numero di messaggi : 3865
Località : Milano
Occupazione/Hobby : R&D
Provincia (Città) : MI
Impianto : 230V Enel, Cotton fioc, Cyrus II + PSX, Pioneer BDP450, Thorens 166 BC +Cyrus Arm + Sumiko pearl, Cambridge Audio dacmagic 100 , DAC707 Superpro, Chromecast Audio, Teac TH380 Velodyne CHT8, Cambridge Audio MinX11 e 2 scatole da scarpe autocostruite con scarti trovati in casa.
Cuffie: Rega Ear MKII, Teac Ha-P50; Philips Fidelio X2, Sennheiser HD545 reference, Sennheiser MM450X, Grado SR60e, Fostex T50RP MK3, Sony WH1000 MX3 e un cassetto pieno di KZ e Xiaomi

Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da bru.b il Mar 7 Gen 2020 - 20:44

L'audiofilia è un morbo che ti spinge alla continua ricerca miglioramenti senza mai raggiungere un traguardo..
Altri disturbi affini sono la Fotografia, la passione per gli orologi e per le motociclette.
bru.b
bru.b
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 29.07.09
Numero di messaggi : 1229
Località : Salüt Dal Piemunt
Provincia (Città) : Torino (Ivrea)
Impianto : Diffusori - La Satorique 3
Ampli - Line Magnetic LM-211
Dac - 2x AK4399
Cavi da 60 euro..






Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da Dimapant il Mar 7 Gen 2020 - 20:50

@bru.b ha scritto:L'audiofilia è un morbo che ti spinge alla continua ricerca miglioramenti senza mai raggiungere un traguardo..
Altri disturbi affini sono la Fotografia, la passione per gli orologi e per le motociclette.

Per fortuna che non mi intendo ne di fotografia, ne di orologi e motociclette

Anche La moglie approva! Laughing Una passione bella tosta basta e avanza

Dimapant
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 07.01.20
Numero di messaggi : 20
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Tecnico Software
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Sorgente: NetBook con Linux e Foobar - Sony Ps-lx60
Pre ampli : T preamp Tcc Tc-754
Dac: Cambridge Dac magic 100
Cavi di segnale: Amazon Basics
Diffusori: Monitor presonus Eris 5

Cuffie: Sennheiser 598cs(modded)
Alessandro Grado MS1


Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da Trap il Mar 7 Gen 2020 - 23:09

@bru.b ha scritto:L'audiofilia è un morbo che ti spinge alla continua ricerca miglioramenti senza mai raggiungere un traguardo..
Altri disturbi affini sono la Fotografia, la passione per gli orologi e per le motociclette.

Ciao Smile è molto chiaro il concetto che esprimi...ma dovresti utilizzare il termine audiomania.....Laughing

-filìa [dal gr. ϕιλία «amore, amicizia», frequente in composti]. – Secondo elemento compositivo di vocaboli derivati dal greco o formati modernamente, in cui indica «amicizia, simpatia, favore», o anche «tendenza, affinità» e sim. (es., bibliofilia, francofilia, emofilia). È usato talvolta anche come parola a sé stante, spec. in contrapposto a fobìa.

-manìa [dal gr. -μανία; cfr. manìa]. – Secondo elemento di parole composte derivate dal greco (per es., andromania, metromania), o, più spesso, formate modernamente sul modello greco, indicanti in modo generico un’inclinazione, una tendenza spiccata, eccessiva, che può assumere forme quasi morbose: bibliomania, musicomania; più precisamente, nel linguaggio medico, uno stato patologico di coazione (cleptomania,
piromania)....

E' vero però...le passioni, nel mio caso almeno, spesso portano a sconfinare nella mania (molto moderata) per quanto riguarda la musica e le moto....le fotografie le guardo solo se il soggetto è "particolarmente" interessante Embarassed e gli orologi non mi servono Laughing

Trap
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 04.12.19
Numero di messaggi : 89
Provincia (Città) : Savona
Impianto : audio pro a414 + sub -pre audio research ls7 - pre grundig - cdp mission dad 6

Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da Trap il Mer 8 Gen 2020 - 0:00

@Dimapant ha scritto:
Parafrasando ,Mi chiedo se il godimento dato dall’ascolto davvero richieda un esborso in termini economici così elevato da poter asserire che si , ne è valsa la pena...

Discorso inverso e qui è ancora peggio:
la musica per me è vita, la mia e la nostra colonna sonora....

abbiamo la possibilità oggi di ascoltare buona musica in maniera più che decorosa con un piccolo investimento , possibile che per molti l’unica tipologia di ascolto sia con speaker Bluetooth di scarsa qualità, che magari costano quanto il mio impianto completo?

E poi Ci sono persone all’interno di studi di registrazione che Sfruttano strumentazioni costosissime con l’intento di rendere godibile il risultato finale anche su prodotti di fascia bassissima.... WTF!!

Ciao, hai messo molta carne al fuoco...e ci vorrebbe la treccani (quella che ho citato sopra Laughing ) per riuscire a rispondere ai tuoi quesiti...applicabili, per altro anche ad altri campi delle umane vicende... per cui cercherò di essere estremamente sintetico... Sleep
Quanto è lecito spendere per soddisfare le nostre passioni? ne vale la pena? E' evidente che l'esborso economico è un fattore altamente soggettivo....qual'è per ognuno di noi la soglia dell'elevato?
Per quanto mi riguarda la risposta è sì....se posso permettermelo.   La musica mi emoziona, se mi piace, e se ascoltata bene l'emozione è più forte...anche per me la musica è vita, ma c'è musica e musica, sono molto selettivo....anche sulla qualità della sua riproduzione.
C'è chi è meno esigente sia sulla qualità della musica, sia sulla sua riproduzione e si "accontenta" di altro....ma probabilmente si chiederà come facciamo ad essere così complicati con tutti i nostri ambaradan... quando lui con il suo scatolotto ha risolto tutti i suoi problemi di ascolto....
Le case discografiche sanno che la maggior parte degli ascoltatori potenziali fruiscono della musica su aggeggi poco idonei ad una riproduzione di "qualità"... quindi come giustamente affermi  "sfruttano strumentazioni costosissime con l’intento di rendere godibile il risultato finale anche su prodotti di fascia bassissima...."... è la legge del mercato....(che piaccia o no ... WTF Laughing )

Trap
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 04.12.19
Numero di messaggi : 89
Provincia (Città) : Savona
Impianto : audio pro a414 + sub -pre audio research ls7 - pre grundig - cdp mission dad 6

Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da maxnalesso il Gio 9 Gen 2020 - 6:22

Ciao, io sono iscritto al forum da parecchi anni, ma non scrivo praticamente mai proprio perchè... faccio parte della schiera degli "audiomaniaci", che però col tempo sta passando dalla parte degli "audiofili".
Le esperienze degli ultimi anni, soprattutto nel vintage, mi hanno assolutamente convinto che spendendo poco (meglio... il giusto, perchè il valore delle elettroniche si sa quello che è, non facciamoci prendere in giro ...) si ottieni moltissimo.
Certo, esistono impianti da centinaia di migliaia di euro (e io ne ho ascoltati per bene alcuni) che se ben assemblati e in ambienti corretti, danno quel qualcosa in più alla riproduzione musicale, ma si tratta di passare dal 95% del risultato al 100% spendendo da 2keuro a 200keuro: se non è "follia" questa....
Ma il mercato è libero, e come è già stato detto chi può permettersi di spendere moltissimo può tranquillamente acquistare la Bugatti o la Rolls, a seconda dei gusti, ma una così piccola percentuale di persone non fanno testo in relazione al costo minimo per decretare una buona automobile, ovvero al costo minimo di un buon impianto per ascoltare BENE LA MUSICA (non per farlo ammirare ai propri amici...).
Avremo modo di approfondire l'argomento .....
Ciao,
Max
maxnalesso
maxnalesso
Novizio
Novizio

Data d'iscrizione : 12.10.13
Numero di messaggi : 5
Località : Varese
Provincia (Città) : Varese
Impianto : In evoluzione ... per ora:
Meridian 518 + Wadia X32
Pre Yba2 alternato a Mitsubishi DA-P20
Finale Adcom 555 II
Magneplanar Mg 1.7


Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da ftalien77 il Gio 9 Gen 2020 - 21:01

Ecco io ho due moto in garage (ma una è di mia moglie), ho avuto il periodo fotografico e sto vendendo ora i miei orologi... come vedete le malattie le ho tutte :-P

Ma sto vendendo anche quasi tutto il mio hardware "hifi" per fare qualche upgrade o forse fermarmi con quello che ho.

Se parliamo di ferro che suona è vero che nel vintage si trova di che godere. Ma ricordiamoci che è roba usata. Si può ottenere una prestazione assai soddisfacente a prezzi umani perché quell'oggetto è nato quarant'anni fa, magari è passato per dieci mani, ma lo paghiamo relativamente poco, quindi ok.

C'è anche il discorso mode: gli stereo non sono più di moda.

Io, comunque, non me la sento di "snobbare" gli espertoni. Magari hanno più esperienza di me e colgono sfumature che io non sento.

ftalien77
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 19.04.14
Numero di messaggi : 1390
Provincia (Città) : Bologna
Impianto : Due orecchie.

Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da Dimapant il Ven 10 Gen 2020 - 13:36

Come diceva Max poco più sopra, che ringrazio, le sfumature rientrano in quel 5% in più su una scala da 0 a 100, dove puntare al 95( facciamo 80 nel mio caso) è già un bel traguardo, spendendo poco.

Noi appassionati sappiamo come di certo ottenere una resa decente con una minima spesa o comunque sappiamo dove cercare o fare domande. Non saremmo iscritti qui altrimenti.

L’importante secondo me è rimanere umili e aperti alla scoperta. La saccenza lasciamola in altri lidi, forum , fiere hiend

Comunque se mi regalassero un Mcintosh non è che lo butterei via eh! Very Happy

Dimapant
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 07.01.20
Numero di messaggi : 20
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Tecnico Software
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Sorgente: NetBook con Linux e Foobar - Sony Ps-lx60
Pre ampli : T preamp Tcc Tc-754
Dac: Cambridge Dac magic 100
Cavi di segnale: Amazon Basics
Diffusori: Monitor presonus Eris 5

Cuffie: Sennheiser 598cs(modded)
Alessandro Grado MS1


Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da ftalien77 il Ven 10 Gen 2020 - 14:32

@Dimapant ha scritto:

L’importante secondo me è rimanere umili e aperti alla scoperta. La saccenza lasciamola in altri lidi, forum , fiere hiend


Dillo a me... ho sperimentato cose talmente riprovevoli da ottenere sguardi inorriditi anche qui Laughing Laughing

ftalien77
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 19.04.14
Numero di messaggi : 1390
Provincia (Città) : Bologna
Impianto : Due orecchie.

Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da Trap il Ven 10 Gen 2020 - 19:00

@ftalien77 ha scritto:

Dillo a me... ho sperimentato cose talmente riprovevoli da ottenere sguardi inorriditi anche qui Laughing Laughing
Laughing Laughing ...infatti il "male" si trova nelle menti e negli occhi di chi giudica...non di chi lo fa... Hehe

Trap
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 04.12.19
Numero di messaggi : 89
Provincia (Città) : Savona
Impianto : audio pro a414 + sub -pre audio research ls7 - pre grundig - cdp mission dad 6

Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da ftalien77 il Sab 11 Gen 2020 - 18:57

Laughing

Comunque ora sono contento con una soluzione "quasi semplice" che ha riportato l'intera faccenda all'orgine di ciò che pensavo già anni fa: prima di tutto contano i trasduttori. Nel mio caso alle casse Box 650 pro, povere di bassi, ho affiancato un sub ed ecco che tutto è cambiato in meglio. Al che non sono più risultati necessari l'equalizzatore, il loudness, i toni, eccetera. Non che tutto ciò sia privo di utilità, ancora oggi potrei ottenere un pelo di più in determinate circostanze. Però il sistema in flat, com'è ora, brilla al pari di una stella con incisioni di qualità. Sono quindi al punto che desideravo, cioè laddove si può intervenire con eventuali piccoli aggiustamenti dei toni per coreggere carenze del sistema o dell'ambiente, cosa che reputo assolutamente accettabile.

ftalien77
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 19.04.14
Numero di messaggi : 1390
Provincia (Città) : Bologna
Impianto : Due orecchie.

Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da sportyerre il Sab 11 Gen 2020 - 19:58

Bentornato sulla retta via Laughing
sportyerre
sportyerre
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 14.02.11
Numero di messaggi : 3865
Località : Milano
Occupazione/Hobby : R&D
Provincia (Città) : MI
Impianto : 230V Enel, Cotton fioc, Cyrus II + PSX, Pioneer BDP450, Thorens 166 BC +Cyrus Arm + Sumiko pearl, Cambridge Audio dacmagic 100 , DAC707 Superpro, Chromecast Audio, Teac TH380 Velodyne CHT8, Cambridge Audio MinX11 e 2 scatole da scarpe autocostruite con scarti trovati in casa.
Cuffie: Rega Ear MKII, Teac Ha-P50; Philips Fidelio X2, Sennheiser HD545 reference, Sennheiser MM450X, Grado SR60e, Fostex T50RP MK3, Sony WH1000 MX3 e un cassetto pieno di KZ e Xiaomi

Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da ftalien77 il Dom 12 Gen 2020 - 22:19

Laughing Laughing In verità mi sono divertito molto e devo dire che la percezione dei bassi, con 4 casse, ovvero 4 woofer, di fronte a sé è differente da quella con sub. La prima è fisica, si sente la spintarella addosso anche se il volume non è estremo. Nel caso del sub i bassi sono sempre molto piacevoli, presenti, ma meno fisici a parità di SPL. Per me rimane cosa assolutamente sensata ascoltare con 4 casse o, forse, con diffusori a doppio woofer.

Però amo la semplificazione e la pulizia estetica, quindi va bene così. Inoltre ora posso vendermi le 650b e l'R1000 recuperando un po' di grano!

ftalien77
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 19.04.14
Numero di messaggi : 1390
Provincia (Città) : Bologna
Impianto : Due orecchie.

Torna in alto Andare in basso

L’alta fedeltà nel 2020 Empty Re: L’alta fedeltà nel 2020

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum