T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Importanza del Delay in un dipolo....

Andare in basso

Importanza del Delay in un dipolo....

Messaggio Da embty2002 il Lun 9 Ott 2017 - 11:07

....e forse anche in una cassa chiusa classica.
chiamo in adunanza i dipolisti del forum, in primis Zio, per raccontare un'altra puntata sullo sviluppo dei miei dipolo in amplificazione attiva con scheda audio
MOTU+foobar+DSP Allocator.
sono sempre con i woofer A&D R1524 da 15", i medio-alti i Focal PC 165 da car audio.
quest'ultimi sono stati rognosi nel pilotaggio con la breeze, perciò ho seguito il consiglio di un caro amico,
e mi sono fatto costruire un bel valvolare SE in UL con le 6V6 e trasformatori James Audio.
con l'uscita 4ohm di quest'ultimi ho risolto tutti i problemi che avevo riguardo una certa lentezza del medio-basso,
che a quanto pare non era da imputare al woofer da 15 pilotato da un'ottima hypex UCD180; bensì alla breeze tpa 3116
che non ha alcuna capacità di pilotaggio su driver da 4ohm IMHO.
nonostante l'inserimento di un buffer valvolare musical fidelity, la breeze non ce la fa a muovere anche driver piccoli da 6,5"
perchè i 4 ohm non li gestisce proprio. Archiviata la Breeze Don't know
sui tweeter ho il buffer musical fidelity con una 2024, e lì va bene.
tornando al crossover attivo DSP Allocator, il delay che avevo inserito era di 0,20 millesimi, calcolato in base a una differenza di distanza tra woofer e
coassiale focal sul punto d'ascolto di circa cm7. ma c'era ancora qualcosina che..... Mmm
il mio amico mi suggerisce di usare il metodo del white noise ad orecchio per trovare il delay giusto.
praticamente, trovatevi un file white noise abbastanza lungo (2-3 minuti) accendete solo i woofer e mid e cercate il delay giusto sul mid
che dovrebbe essere comunque vicino al calcolo geometrico che da me era risultato di circa cm7; alla fine era di 0,30 millisecondi pari a circa cm 10
anzichè 7, c'ero già andato vicino col metro.... Wink
poi si spengono i woofer e si accendono i tweeter, quindi si lasciano accesi solo i mid e tweeter.
si mette sui tweeter un delay di partenza di 0,30 in quanto in un coassiale non può essere meno del mid, come punto sorgente praticamente corrispondono secondo logica; e si procede con l'ascolto del white noise e il risultato ottimale è di 0,35 millisecondi; cio è dovuto al fatto che il tweeter in un coassiale come il mio è circa un paio di centimetri più in avanti rispetto al centro del mid.
come si fa a capire con un white noise a capire qual è il delay corretto ad orecchio, vi starete chiedendo?
in realtà a parole, come ho letto in una guida, non è facile da spiegare ma ci proverò...
quando i due driver non sono allineati temporamente, il white noise si sente distintamente da ambedue come se fossero ognuno per conto suo;
aumentando progressivamente il valore delay sul driver superiore ad un certo punto si avvertirà una specie di suono di "ribollire", fatemi passare il termine Embarassed ,e i driver suoneranno come se fossero uno solo.
se siete andati oltre la soglia corretta, come in un effetto doppler, il "ribbollimento" sarà sparito e i driver suoneranno di nuovo separati.
ma attenzione, basta molto poco per uscire dal corretto binario; nel caso della prova woofer-mid un settaggio di appena 0,40 ms contro i corretti 0,30 ms e il "ribbollimento" spariva...
gli effetti di questa corretta misurazione fatta ad orecchio: una scena più profonda e un medio basso molto più coerente; migliora un poco tutto il sistema Kiss
questo è uno dei vantaggi della multiamplificazione attiva che ormai per me è irrinunciabile; io non lo so come facciano con i crossover passivi a correggere questi errori temporali, sono completamente ignorante in materia, però mi sento di incoraggiare chi voglia cimentarsi con la multi amplificazione attiva da pc.
in fondo ci vogliono solo mouse ed orecchio, prima che il microfono di misurazione Wink
avatar
embty2002
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.11.08
Numero di messaggi : 960
Località : CT
Occupazione/Hobby : non si capisce??!!
Impianto : Motu ultralite mk1 per biamplificazione dipolo, woofer R1524, Eminence Beta 12 LTA. amplificazioni: hypex ucd180 sui woofer,valvolare 6V6 SE UL sui medio-alti.
Analogico: giradischi Thorens TD-150 mkII , fonorivelatore Goldring 1024, pre H06 by Vicè

Torna in alto Andare in basso

Re: Importanza del Delay in un dipolo....

Messaggio Da sportyerre il Lun 9 Ott 2017 - 11:25

@embty2002 ha scritto: io non lo so come facciano con i crossover passivi  a correggere questi errori temporali

Si fa prima ad allineare "fisicamente" gli altoparlanti.
Aggiungo anche che nella zona di transizione del crossover passivo c'è uno sfasamento non trascurabile che ha un effetto simile. Qui si vede la differenza tra un crossover "alla buona" ed uno fatto bene e su misura.

...altrimenti si passa al full range Very Happy
avatar
sportyerre
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 14.02.11
Numero di messaggi : 2564
Località : Milano
Occupazione/Hobby : R&D
Provincia (Città) : MI
Impianto : 230V Enel, Cotton fioc, Cyrus II + PSX, Pioneer BDP450, Thorens 166 BC +Cyrus Arm + Sumiko pearl, Cambridge Audio dacmagic 100 , DAC707 Superpro, Chromecast Audio, Teac TH380 Velodyne CHT8, Cambridge Audio MinX11 e 2 scatole da scarpe autocostruite con scarti trovati in casa
Rega Ear MKII, Teac Ha-P50; Philips Fidelio X2, Sennheiser HD545 reference, Sennheiser MM450X, Grado SR60e, Fostex T50RP MK3 e un cassetto pieno di KZ e Xiaomi

Torna in alto Andare in basso

Re: Importanza del Delay in un dipolo....

Messaggio Da Zio il Lun 9 Ott 2017 - 14:06

@embty2002 ha scritto:
chiamo in adunanza i dipolisti del forum, in primis Zio...
Ciao embty2002, tu mi chiami e io arrivo! Laughing Laughing
Tu lo sai che tutto ciò che riguarda i dipolo per me ha un'attrazione particolare!

Ho letto con interesse quanto hai scritto, e non ti nasconto che il prossimo passo sarà un dipolo con 2 woofer da 15" e un fullrange, il tutto con crossover attivo e perchè no, anche un Dirac se serve... Solo che ora ho troppi impegni e non riuscirei a portarlo a temine, quindi per adesso solo teoria...
avatar
Zio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 06.04.13
Numero di messaggi : 2940
Provincia (Città) : Parma e Verona
Impianto :
Clicca se sei curioso:
Impianto in uso:
- Notebook con Foobar su W7
- DAC Denafrips ARES R2R
- Xindak XA3200-MKII
- Advance Acoustic MAA 406
- Dipolo Visaton-Monacor-Fountek Diy
- Cavi segnale RCA Diy very cheap
- Cavi potenza TNT Star Diy
Nel cassetto:
- iXtreamer con passive cooler kit
- Yarland M34 con KT66
- Abletec ALC240
- Breeze Audio TPA3116
- DAC Douk
- Netbook con Daphile
- Marantz SR-4400
- Marantz CD-67 SE
- Luxman C-03
- FX Tube-01
- Thorens TD180 con Goldring 10-20
- EQ Yamaha EQ-500
- DAC Tascam us144 mkii
- MICRO Dipolo Visaton-Monacor Diy
- Scythe SCBKS-1100 Kro Craft
- SUB JBL Diy per prima ottava
- SUB Klipsch KSW-10
- qualche altoparlante
- componenti per Crossover a volontà...
- Notebook con REW e microfono


Clicca se NON sei curioso:
Ma se non sei curioso...
perchè hai cliccato!!





Torna in alto Andare in basso

Re: Importanza del Delay in un dipolo....

Messaggio Da Albert^ONE il Lun 9 Ott 2017 - 14:39

I Delay sono tosti da calcolare, ci vorrebbe strumentazione adatta,camera anecoica e anche personale specializzato, così alla "buona" ti vai a lottare con i mulini a vento come Don Chisciotte. Ok

A me tra l'altro mi piace tutto FLAT,non mi piace giocare con alti, bassi,delay,riverberi,ecc..... Smile
avatar
Albert^ONE
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.10.10
Numero di messaggi : 5723
Località : Lanciano(ch) Abruzzo

Torna in alto Andare in basso

Re: Importanza del Delay in un dipolo....

Messaggio Da embty2002 il Lun 9 Ott 2017 - 17:00

@Zio ha scritto:
@embty2002 ha scritto:
chiamo in adunanza i dipolisti del forum, in primis Zio...
Ciao embty2002, tu mi chiami e io arrivo! Laughing Laughing
Tu lo sai che tutto ciò che riguarda i dipolo per me ha un'attrazione particolare!

Ho letto con interesse quanto hai scritto, e non ti nasconto che il prossimo passo sarà un dipolo con 2 woofer da 15" e un fullrange, il tutto con crossover attivo e perchè no, anche un Dirac se serve... Solo che ora ho troppi impegni e non riuscirei a portarlo a temine, quindi per adesso solo teoria...

Sempre presente Zio Laughing Laughing
il mio primo tentativo fu proprio con un fullrange Audio Nirvana super 8, lo dovevo incrociare per forza a 270hz e per i miei gusti già il woofer 15" tagliato a quella frequenza mi dava fastidio. i focal essendo concepiti per autoradio riescono a scendere tranquillamente per un incrocio a 160hz col woofer, hanno una fs 68hz e qts 0,7.
se scegliessi un fullrange andrei sul collaudato visaton B 200 di cui ho sempre sentito parlare bene, costi permettendo...
come filtro sul DSP Allocator uso un normale 4 ordine con incroci a 160hz e 5500hz, il delay come sopra descritto, niente controfasi, equalizzazioni, effetti....
avatar
embty2002
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.11.08
Numero di messaggi : 960
Località : CT
Occupazione/Hobby : non si capisce??!!
Impianto : Motu ultralite mk1 per biamplificazione dipolo, woofer R1524, Eminence Beta 12 LTA. amplificazioni: hypex ucd180 sui woofer,valvolare 6V6 SE UL sui medio-alti.
Analogico: giradischi Thorens TD-150 mkII , fonorivelatore Goldring 1024, pre H06 by Vicè

Torna in alto Andare in basso

Re: Importanza del Delay in un dipolo....

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum