T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Unisciti al forum, è facile e veloce

T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Storia ed evoluzione della Classe D

2 partecipanti

Andare in basso

Storia ed evoluzione della Classe D Empty Storia ed evoluzione della Classe D

Messaggio Da Andrea Gianelli Gio 21 Ago 2008 - 12:27

Molto si è detto sulla classe D, troppo spesso confusa e assimilata alla classe T, che, come ho più volte sottolineato, è un passo oltre rispetto alla classe D, in quanto capace di sommare i vantaggi di quest’ultima (efficienza, dimensioni e consumo) e della classe AB (qualità sonora). Tuttavia ci siamo dimenticati (io in primis) di ricordare i precursori della classe D, ovvero coloro che hanno aperto la strada ad una nuova era nella storia degli amplificatori hi-fi: i primi moduli in classe D (denominati ICE Power) furono brevettati ed utilizzati da B&O nei propri diffusori attivi (a partire da Beolab 1 e Beolab 5). Tutti voi ricorderete quel brevetto pubblicizzato come “mille watt in una scatola di fiammiferi”. Ebbene, al di là del solito “ottimismo commerciale” nel riportare i dati tecnici, la potenza di tali moduli (utilizzati nella sezione dei bassi in sistemi multiamplificati) era davvero impressionante.

Nonostante la nota casa danese fondata da Peter Bang e Svend Olufsen a metà degli Anni Venti fosse da sempre famosa per il design e il costo (stratosferico), in quell’occasione fui incuriosito dalla tecnologia adottata, tanto che mi recai (“armato” di cd “Songs in A minor” di Alicia Keys) da Buscemi (storico negozio hi-fi di Milano) per un ascolto. Il risultato fu sconvolgente: nel celebre brano Fallin’, dopo le prime parole di Alicia Keys, l’attacco della batteria è reso come una cannonata, col pedale che è letteralmente un pugno nello stomaco. E’ vero che i Beolab 5 utilizzano un woofer enorme (381 mm), ma è pur vero che esso lavora in cassa chiusa di volume relativamente contenuto (non certo l’ideale dal punto di vista della dinamica e dell’efficienza). Eppure la precisione, la profondità, il controllo e la velocità negli attacchi e nei rilasci erano quanto di meglio mi fosse sino ad allora capitato di ascoltare (e in vita mia di sistemi di altissimo livello e costo proibitivo ne ho ascoltati tanti).

Così suggerii a partenti, amici e conoscenti di provare un ascolto ad occhi chiusi (per non farsi influenzare dall’estetica), ma il suggerimento non ebbe grande seguito: mentre quel giovane fresco di laurea (ma anche di un paio di significative esperienze nel settore commerciale), squattrinato e con pochissimo tempo libero (all’epoca avevo superato la selezione per un master universitario finanziato dal Fondo Sociale Europeo e contemporaneamente lavoravo nel no-profit) cercava di indicare la luna, tutti fissavano il dito. E così, anche per il fatto che tale tecnologia era stata brevettata dalla Bang & Olufsen ed era esclusivamente presente (a costi proibitivi) nei loro prodotti, dedicai il poco tempo libero che mi restava ad ascoltare la musica con i mezzi che avevo a disposizione (Indiana Line TH 370 appena acquistate, ampli a mosfet Technics SU-VX 720, un lettore cd entry level e il giradischi Thorens che è sempre rimasto l’elemento fisso in tutti i sistemi).

Poi, a distanza di qualche anno, il geniale Lucio Cadeddu scopre il T-Amp e ha il coraggio e l’onestà di pubblicarne una esauriente recensione sulla rivista (gratuita e indipendente) che dirige.

Nonostante i soliti “furbi mangiasoldi” abbiano da subito cercato di remare contro, ormai era iniziato un nuovo capitolo nella storia dell’alta fedeltà.
Andrea Gianelli
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Provincia : Milano
Occupazione/Hobby : Consulente
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Torna in alto Andare in basso

Storia ed evoluzione della Classe D Empty Re: Storia ed evoluzione della Classe D

Messaggio Da Silver Black Lun 25 Ago 2008 - 13:44

Estremamente interessante! Non poteva mancare in questo forum, grazie.

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com
Silver Black
Silver Black
Amministratore
Amministratore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 16521
Località : Bassano del Grappa
Provincia : Vicenza
Occupazione/Hobby : Sviluppatore software - Istruttore di Muay Thai / Kick boxing
Impianto :
pre: S.M.S.L. Sanskrit 10th
ampli: Behringer A800 (220 W @ 8 Ohm, 400 W @ 4 Ohm, 800 W in mono)
diffusori: Cerwin Vega XLS-215 (126x43x53.5 cm, 53 Kg cad., 95 db/W/m, 6 Ohm, 2 woofer da 38 cm, midrange da 17 cm, tweeter a cupola a tromba, 500 W, 38 Hz - 20 KHz)
sorgente: Sony BDP-S370 (lettore DVD/Blue-Ray e stazione multimediale streaming via rete cablata)
cavi segnale: Monster Cable MKII
cavi potenza: Qed Micro

Spoiler:

Storia ed evoluzione della Classe D Cerwin12 Storia ed evoluzione della Classe D Smsl_s10

Storia ed evoluzione della Classe D Behrin14


http://www.silvercybertech.com

Torna in alto Andare in basso

Storia ed evoluzione della Classe D Empty Re: Storia ed evoluzione della Classe D

Messaggio Da Andrea Gianelli Lun 25 Ago 2008 - 15:43

@Silver Black ha scritto:Estremamente interessante! Non poteva mancare in questo forum, grazie.
Grazie a te per il feedback Very Happy
Andrea Gianelli
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Provincia : Milano
Occupazione/Hobby : Consulente
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Torna in alto Andare in basso

Storia ed evoluzione della Classe D Empty Re: Storia ed evoluzione della Classe D

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.