T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Unisciti al forum, è facile e veloce

T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Teoria sul classe D/T

Andare in basso

Teoria sul classe D/T Empty Teoria sul classe D/T

Messaggio Da mobius Gio 4 Giu 2009 - 21:57

Ciao,
Sapete (e so che lo sapete) dove recuperare articoli esplicativi sul funzionamento del chip Tripath e del classe D e in cosa si differenzia rispetto agli altri sistemi di amplificazione?

Ho provato a leggere gli articoli presenti su videohifi. Qualcuno mi sembra piacevole da leggere, qualcuno quasi del tutto incomprensibile : http://www.videohifi.com/15_TAMP7.htm ...
mobius
mobius
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 27.12.08
Numero di messaggi : 501
Località : Napoli
Impianto : Sorgenti : Marantz CD-40 / Squeezebox 3
Ampli: Teac A-H01 / Fenice 20 / Trends 10.1 / Breeze TPA3116
Diffusori : Vienna Acoustics Haydn / Mosscade 502


Torna in alto Andare in basso

Teoria sul classe D/T Empty Re: Teoria sul classe D/T

Messaggio Da Barone Rosso Gio 4 Giu 2009 - 22:12

Di link non ne ho.

Ma funzionano circa come gli alimentatori switching, infatti qualcuno li chiama amplificatori switching.

Di principio si basano su una modulazione ad impulsi, vedi questo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Pulse-width_modulation

Come base mi sembra abbastanza chiara.

E col filtro di uscita, la famosa bobina, bloccano tutte le alte frequenze lasciando solo il segnale audio.
Barone Rosso
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8036
Località :
Provincia : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Torna in alto Andare in basso

Teoria sul classe D/T Empty Re: Teoria sul classe D/T

Messaggio Da mobius Gio 4 Giu 2009 - 23:04

Grazie del link, non è proprio facilissimo da capire... se ho ben inteso ogni frequenza viene digitalizzata (ma senza tirare in ballo logiche binarie) soltanto in termini di campionatura digitale e successivamente ricomposta in uscita, l'insieme di queste operazioni ha altissima efficienza elettrica oltre a evitare i danni della distorsione dell'amplificazione analogica.... interessante e da approfondire.
mobius
mobius
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 27.12.08
Numero di messaggi : 501
Località : Napoli
Impianto : Sorgenti : Marantz CD-40 / Squeezebox 3
Ampli: Teac A-H01 / Fenice 20 / Trends 10.1 / Breeze TPA3116
Diffusori : Vienna Acoustics Haydn / Mosscade 502


Torna in alto Andare in basso

Teoria sul classe D/T Empty Re: Teoria sul classe D/T

Messaggio Da Barone Rosso Gio 4 Giu 2009 - 23:10

@mobius ha scritto:Grazie del link, non è proprio facilissimo da capire... se ho ben inteso ogni frequenza viene digitalizzata (ma senza tirare in ballo logiche binarie) soltanto in termini di campionatura digitale e successivamente ricomposta in uscita, l'insieme di queste operazioni ha altissima efficienza elettrica oltre a evitare i danni della distorsione dell'amplificazione analogica.... interessante e da approfondire.

Non è una digitalizzazione in senso classico: infatti quello che fanno non ha nulla ha che vedere con la logica binaria.

Ma si tratta piu che altro di un procedimento di modulazione che, come hai detto, facilita il pilotaggio dello stadio di potenza e elimina molti problemi di distorsione.
Barone Rosso
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8036
Località :
Provincia : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Torna in alto Andare in basso

Teoria sul classe D/T Empty Re: Teoria sul classe D/T

Messaggio Da mobius Gio 4 Giu 2009 - 23:15

@Barone Rosso ha scritto:
Ma si tratta piu che altro di un procedimento di modulazione che, come hai detto, facilita il pilotaggio dello stadio di potenza e elimina molti problemi di distorsione.

Si, è la prima volta che leggo di qualcosa del genere. Una logica elettrico-impulsiva ma non collegata all'algebra binaria.. In ogni caso, se ne dibatte già qui :

http://t-class.niceboard.org/hifi-in-generale-f9/spiegazione-tecnica-classe-d-t2863.htm

Ricordavo ci fosse un thread del genere...
mobius
mobius
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 27.12.08
Numero di messaggi : 501
Località : Napoli
Impianto : Sorgenti : Marantz CD-40 / Squeezebox 3
Ampli: Teac A-H01 / Fenice 20 / Trends 10.1 / Breeze TPA3116
Diffusori : Vienna Acoustics Haydn / Mosscade 502


Torna in alto Andare in basso

Teoria sul classe D/T Empty Re: Teoria sul classe D/T

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.