T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Unisciti al forum, è facile e veloce

T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

personali conclusioni sul 2024

Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da lukyely Ven 27 Apr 2012 - 23:37

Dopo parecchi mesi di ricerche sul vostro forum , sono entrato un negozio , molto ben fornito per ascoltare come veramente suona il 2024 e metterlo a confronto di ampli in classe A/B.
Anche il negoziante era veramente curioso di sapere come il cosidetto " ammazza giganti " potesse competere con un ampli come Il grandinote o i soliti marantz , rotel ...
Proviamo il mio muse m 15 senza dac collegato ad un lettore cambridge azur 650 e diffusori bookshelf aviano 1 xr , poi il pesante grandinote da 36 w + 36 w dentro la stessa catena .
Appena collegato i lgrandinote ci si accorge subito del disequilibrio dei medi del e soprattutto della carenza dei bassi del t amp . Non voglio dilungarmi ma consiglio vivamente di fare acquisti previo ascolto del proprio t amp facendo particolare attenzione all'alimentazione del nano ( ne abbiamo fatti passare 4 prima di trovarne uno soddisfacente ! ) e ovviamente ai diffusori che anche se non sono ad altissima sensibilità
Provare non costa nulla , o almeno cosi dicono...
PS : già che ci sono , esiste un buon t amp che abbia bassi più corposi del 2024 o è meglio lasciar perdere ?
lukyely
lukyely
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 21.11.11
Numero di messaggi : 22
Località : brescia
Impianto : t-amp 2024

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da andzoff Sab 28 Apr 2012 - 6:17

... lascia perdere!
Comprati il Grandinote (7.800 euro) e vai tranquillo.
Hai capito tutto del T-Amp. personali conclusioni sul 2024 962443
andzoff
andzoff
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 01.07.11
Numero di messaggi : 1223
Località : Roma
Provincia : Roma
Impianto :
Spoiler:

Impianto A
Sorgente: Ricevitore BT sfigato
Alimentatore: Mean Well S-60-24
Ampli: Breeze Audio TPA3116
Diffusori: Scythe KroKraft Rev B

Impianto B
Alimentatore: Alpha Elettronica
Sorgente + Ampli: Nobsound NS 14 Pro
Diffusori: Indiana Line Tesi 204

link all'ali Alpha Elettronica
link al Mo-gu S800
link al Nobsound NS 14 Pro


Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da fritznet Sab 28 Apr 2012 - 6:48

@andzoff ha scritto:... lascia perdere!
Comprati il Grandinote (7.800 euro) e vai tranquillo.
Hai capito tutto del T-Amp. personali conclusioni sul 2024 962443

Hehe Hehe Hehe
fritznet
fritznet
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 10012
Località : Grønlænd
Provincia : querceto
Occupazione/Hobby : morto che pialla
Impianto : lol-fi


Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da bonghittu Sab 28 Apr 2012 - 12:42

@lukyely ha scritto:
PS : già che ci sono , esiste un buon t amp che abbia
bassi più corposi del 2024 o è meglio lasciar perdere ?

Lascia perdere.
bonghittu
bonghittu
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.04.09
Numero di messaggi : 4017
Località : Mammarranca River (CA)
Provincia : CA
Impianto :
Spoiler:


Telefunken RC-880





Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da alessandro1 Sab 28 Apr 2012 - 13:38

@lukyely ha scritto:... disequilibrio dei medi del e soprattutto della carenza dei bassi ...

Mmm sarei stupito del contrario, se qualcosa costa 200 volte di più è plausibile che suoni meglio. Non sono nello stesso tipo di mercato e quindi (a parte rari casi) non hanno nemmeno lo stesso tipo di possibili acquirenti.
alessandro1
alessandro1
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 31.01.12
Numero di messaggi : 3690
Provincia : PU
Impianto : Sorgente - Bristle Blocks 112
Ampli - Megablocks + Unico Plus -
Cavi - Duplo e play doh (DIY) su progetto Tony Wolf
diffusori - Stabilo 880 Woody
il resto è diy montessoriano


Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da Stentor Sab 28 Apr 2012 - 14:26

@lukyely ha scritto:Dopo parecchi mesi di ricerche sul vostro forum , sono entrato un negozio , molto ben fornito per ascoltare come veramente suona il 2024 e metterlo a confronto di ampli in classe A/B.
Anche il negoziante era veramente curioso di sapere come il cosidetto " ammazza giganti " potesse competere con un ampli come Il grandinote o i soliti marantz , rotel ...
Proviamo il mio muse m 15 senza dac collegato ad un lettore cambridge azur 650 e diffusori bookshelf aviano 1 xr , poi il pesante grandinote da 36 w + 36 w dentro la stessa catena .
Appena collegato i lgrandinote ci si accorge subito del disequilibrio dei medi del e soprattutto della carenza dei bassi del t amp . Non voglio dilungarmi ma consiglio vivamente di fare acquisti previo ascolto del proprio t amp facendo particolare attenzione all'alimentazione del nano ( ne abbiamo fatti passare 4 prima di trovarne uno soddisfacente ! ) e ovviamente ai diffusori che anche se non sono ad altissima sensibilità
Provare non costa nulla , o almeno cosi dicono...
PS : già che ci sono , esiste un buon t amp che abbia bassi più corposi del 2024 o è meglio lasciar perdere ?


Il muse suona discretamente anche se di per se non è la migliore implementazione del TA2024

Detto questo sarebbe da verificare la compatibilità del TA2024 con i diffusori utilizzati ..perché non puoi aspettare miracoli dai 6 watt del TA2024 e ci vogliono i diffusori adatti.

Ad esempio potrebbe fare la stessa figura quel grandi note che con soli 36 watt e un fattore di smorzamento non propriamente da record (valori riferiti dal progettista direttamente) potrebbe, con alcuni diffusori, essere sonoramente bastonato da un ampli pro da poche centinaia di euro: questo non vuol dire che l'ampli pro economico sia meglio del grandinote ovviamente.

Per ultimo la differenza di prezzo .... chiedi a Simone che senso ha paragonare un ampli da 30 euro a uno da 8000 ....magari se ci metteva un cambridge da 500 euro la cosa avrebbe avuto più senso Wink

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da excinghios Dom 29 Apr 2012 - 12:43

ok adesso sai che un mercedes SLK va meglio di una fiat panda... Concordo con quanto scritto da altre persone, le prove andrebbero fatte almeno con prodotti dello stesso ordine di grandezza come costo o al massimo un ordine di grandezza in più!

excinghios
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 08.06.11
Numero di messaggi : 324
Località : Ud
Impianto : SMSL SA-S3 T2021B, casse B&W DM601, sorgente cd/dvd LG dei giostrai

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da flovato Dom 29 Apr 2012 - 12:59

Chi dovesse leggere questo 3D potrebbe ricavare un'impressione sbagliata sui T.

Avete già spiegato molto bene il concetto ma provo ad aggiungere qualcosa.
Avendo provato tutti i T in circolazione la mia personale opinione é che un 2050 assemblato bene con un pre a valvole possa regalare grandi emozioni ad un prezzo incredibilmente basso.

200/250 euro sono un prezzo ridicolo e garantiscono musicalità, potenza e capacità di pilotaggio per un ambiente domestico.

Certo se mettiamo a confronto questa soluzione con un buon vintage magari in classe A casca il palco ma se se tratta di ampli nuovi ci sono pochi rivali.

Il 2024 é un mito e rimarrà tale come lo é stata la 500 Fiat negli anni 60 quando motorizzó un'intera nazione.

Da qui a paragonarlo ad una Ferrari ovviamente ce ne passa. Laughing
flovato
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da Stentor Dom 29 Apr 2012 - 13:43

@flovato ha scritto:Chi dovesse leggere questo 3D potrebbe ricavare un'impressione sbagliata sui T.

Avete già spiegato molto bene il concetto ma provo ad aggiungere qualcosa.
Avendo provato tutti i T in circolazione la mia personale opinione é che un 2050 assemblato bene con un pre a valvole possa regalare grandi emozioni ad un prezzo incredibilmente basso.

200/250 euro sono un prezzo ridicolo e garantiscono musicalità, potenza e capacità di pilotaggio per un ambiente domestico.

Certo se mettiamo a confronto questa soluzione con un buon vintage magari in classe A casca il palco ma se se tratta di ampli nuovi ci sono pochi rivali.

Il 2024 é un mito e rimarrà tale come lo é stata la 500 Fiat negli anni 60 quando motorizzó un'intera nazione.

Da qui a paragonarlo ad una Ferrari ovviamente ce ne passa. Laughing

Una Ferrari No ma una Lancia Fulvia coupe si .....é Molto di piú che una semplice 500 ... Naturalmente imho

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da Roberto Mazzolini Lun 30 Apr 2012 - 16:58

@flovato ha scritto:Chi dovesse leggere questo 3D potrebbe ricavare un'impressione sbagliata sui T.

Avete già spiegato molto bene il concetto ma provo ad aggiungere qualcosa.
Avendo provato tutti i T in circolazione la mia personale opinione é che un 2050 assemblato bene con un pre a valvole possa regalare grandi emozioni ad un prezzo incredibilmente basso.

200/250 euro sono un prezzo ridicolo e garantiscono musicalità, potenza e capacità di pilotaggio per un ambiente domestico.

Certo se mettiamo a confronto questa soluzione con un buon vintage magari in classe A casca il palco ma se se tratta di ampli nuovi ci sono pochi rivali.

Il 2024 é un mito e rimarrà tale come lo é stata la 500 Fiat negli anni 60 quando motorizzó un'intera nazione.

Da qui a paragonarlo ad una Ferrari ovviamente ce ne passa. Laughing
Ciao Flovato , fai un esempio di un 2050 assemblato bene e un pre a valvole che con 200/300 euro regalano grandi emozioni..... io ci credo ma un esempio valgono 1000 parole.grazie,ciao
Roberto Mazzolini
Roberto Mazzolini
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 31.01.12
Numero di messaggi : 608
Località : Paderno Dugnano - MI-
Impianto : Bantam Gold-Trends Audio 10.1-10.2- Fiio A1-Sonic Impact 2024 Casse Klipsch RF 52 - Denon AVR 1705 + Casse Dynaudio Image + giradischi Akay-Sony - Philips CD 104- Dvd JVC-

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da flovato Lun 30 Apr 2012 - 17:37

@Roberto Mazzolini ha scritto:
Ciao Flovato , fai un esempio di un 2050 assemblato bene e un pre a valvole che con 200/300 euro regalano grandi emozioni..... io ci credo ma un esempio valgono 1000 parole.grazie,ciao

Un 2050 assemblato da Cucicu o da Yulian o da altri maestri Diyers qui nel forum ti costa da 200 ai 250 euro.
Il forum è un ritrovo di appassionati... alcuni assemblano con maestria perché non approfittarne.

Due esempi di pre che qui vanno molto sono lo Yaqin oppure ti compri un Little Dot, gli fai fare qualche ritocchino sempre da mani esperte e anche con il pre abbiamo fatto.

Adesso viene il difficile... i diffusori.

Qui la faccenda si complica dovresti come sempre (forse lo hai già fatto e io non ho letto Laughing ) fornirci misure, gusti musicali etc.

Sull'usato trovi molto, due belle torri e con 600/700 euro anche qui sei sistemato.

1.200 euro mi sembrano un signor budget e ti ritrovi con un impianto di tutto rispetto.
Certo, ti devi fidare, ma qui nel forum ci conosciamo più o meno tutti... difficile sbagliare. Wink

Ti ho buttato li due nomi ma ci sono altre soluzioni... magari dai un'occhiata al mercatino.
flovato
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da lukyely Lun 30 Apr 2012 - 22:54

Grazie a tutti delle risposte avete assolutamente ragione sul fatto che dovrebbe essere comparato con ampli della stessa fascia di prezzo , ma avevo letto post in cui si diceva che il t amp aveva bassi potenti ma ho constatato che il 2024 non è ha poi così tanti ( alimentato a batteria )
Al negozio ho confrrontato un ampli classe d della project e aveva molti più bassi (prezzo 180 e)
Sicuramente proverò il 2050 grazie per le dritte
lukyely
lukyely
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 21.11.11
Numero di messaggi : 22
Località : brescia
Impianto : t-amp 2024

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da Perocat Mer 2 Mag 2012 - 12:53

@flovato ha scritto:

Il 2024 é un mito e rimarrà tale come lo é stata la 500 Fiat negli anni 60 quando motorizzó un'intera nazione.

Da qui a paragonarlo ad una Ferrari ovviamente ce ne passa. Laughing

Credo che questo dica tutto Oki condivido pienamente!

Perocat
Novizio
Novizio

Data d'iscrizione : 26.04.12
Numero di messaggi : 13
Località : Locarno, Svizzera
Impianto : Marantz SR7005 + Klipsch RF7II, RC64II, RF82, RW-12d

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da Alessandro LXIV Mer 2 Mag 2012 - 16:25

@Perocat ha scritto:
@flovato ha scritto:

Il 2024 é un mito e rimarrà tale come lo é stata la 500 Fiat negli anni 60 quando motorizzó un'intera nazione.

Da qui a paragonarlo ad una Ferrari ovviamente ce ne passa. Laughing

Credo che questo dica tutto Oki condivido pienamente!
Io lo paragonerei più ad una Fiat Dino, non è comunque una Ferrari, ma l'ebrezza del ventro tra i capelli resta....

Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da Cella Mer 2 Mag 2012 - 18:52

@lukyely ha scritto:Grazie a tutti delle risposte avete assolutamente ragione sul fatto che dovrebbe essere comparato con ampli della stessa fascia di prezzo , ma avevo letto post in cui si diceva che il t amp aveva bassi potenti ma ho constatato che il 2024 non è ha poi così tanti ( alimentato a batteria )
Al negozio ho confrrontato un ampli classe d della project e aveva molti più bassi (prezzo 180 e)
Sicuramente proverò il 2050 grazie per le dritte

Io non riscontro una carenza dei bassi, ma in tutta onestà sono pochi gli amplificatori che non ho smontato per apportare modifiche, e quelle in ingresso non mancano mai.

Un paio di condensatori adeguati costano come l'amplificatore di fascia bassa finito, in alcuni casi pure di più. Ovviamente le correnti in uscita non sono paragonabili a quanto farebbe un amplificatore da 30W come quelli che si trovano ovunque in commercio, ma quel che uccide il TA2024 sono i filtri pesanti che la maggior parte dei costruttori impiegano come cross-over.

Pensare che le qualità di un amplificatore si esauriscano con i bassi però mi sembra un problema adolescenziale. In piccoli ambienti e con casse efficienti va bene, in altri casi no.

Io ho preso delle Indiana line che piacevano alla mia fidanzata e le uso con il Bantam o con il Fiio perché con i Tripath hanno una resa penosa. Viceversa con i TA2024 abbino le Klipsch e di bassi mi sembra di udirne pure troppi, come ha voluto il produttore.

All'aperto è addirittura inutile parlarne, ma negli altri casi suonano bene, e non in relazione al loro prezzo, ma un po' di più. Come tutte le catene devono essere equilibrate.

Quando si fanno le registrazioni, quelle stereo, i microfoni si collocano in una fascia tra i 10 e i 15 metri dal basso e non è un caso. Se continuate a fare i paragoni rispetto a ciò che vi piace e non rispetto a una esecuzione dal vivo senza amplificazioni, siete nel campo dell'eufonia.

Con questo non intendo scrivere che potete riprodurre i grandi organi ospitati nelle chiese più importanti, e neppure gli effetti irrealistici che il cinema propone, ma potete rivivere l'emozione che suscita la voce di una cantante, riproducendola come pure le sue corde vocali le avrebbero permesso di fare in natura, non di più.

Se andate oltre questa soglia, con potenze maggiori, i bassi li sentirete meglio, ma non per l'impianto ma per la curva di sensibilità delle vostre orecchie e la rispettive soglie.

Certo è più facile ripetere all'infinito un disco rotto come farebbe qualsiasi politicante per convincervi dell sue ragioni. Mi sembra che l'unico integrato audio inserito nella classifica di quelli che hanno cambiato il mondo sia un Tripath, e questo non significa che sia migliore di quelli arrivati dopo, ma ha segnato la strada. Allo stesso modo la cineseria di turno non permette di apprezzare per intero le potenzialità di questi integrati, infatti il pregio maggiore di Cadeddu non è stato di scoprirne la resa, ma di intuirla a partire da una realizzazione fin troppo economica come quella del T-amp.

Avendoli comprati tutti questi piccoli amplificatori, ne conosco i limiti, ma anche i pregi rispetto alle soluzioni più potenti ai miei livelli di ascolto, e l'ho stabilito risentendo le registrazioni che io stesso ho fatto dal vivo in teatri e studi televisivi.

Si tratta di impressioni empiriche basate sulla memoria, senza ignorare che il punto di ascolto modifica il risultato, dal vivo più che tra le mura domestiche. Le carenze esistono, ma sono limitate a poche combinazioni di note e strumenti e sono enormemente attenuate dai due ambienti, uno molto grande dove c'è l'esibizione di pochi di fronte a molti, e uno ben più piccolo dove di norma si è soli con il proprio impianto.

Io ho avuto a lungo, prima la friggitrice in classe A di Musical Fidelity, poi il Tempest, e non suonavano sempre bene, dovevano raggiungere determinate temperature e a voler esser pignoli non suonavano mai bene, perché progettati per dare tanta corrente ai woofer a discapito del resto, con percorsi segnale lunghissimi, numerosi blocchi, guadagni esasperati e tutte le soluzioni che qualsiasi testo, inclusi quelli scolastici, non raccomanderebbero per una buona amplificazione.

Come la mettete allora? Per me bisogna essere educati ad ascoltare e non dal punto dell'esecutore, ma nella posizione del fruitore, che ha un'altra resa.

Secondo me non bisogna farsi un giudizio troppo affrettato, altrimenti si chiamano suggestioni.
Meno passaggi, è la regola di base. Si registra e si riascolta.

Altrimenti continuerete a propagandare qualcosa che non si regge sulla teoria, che per essere tale oggi, è stata riprodotta, e provata, secondo il metodo scientifico

Cella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 06.04.10
Numero di messaggi : 2715
Impianto : Trends TA-10.2
Kingrex T20U
Topping TP32
Muse MU-T15, MU-15 MK2
SMSL SA-36, SA-36A, SA-S1+, SA-S3+, SA-4S
Audiophonics T-amp, Yuanjing 20, Hlly Tamp-20
Dayton DTA-1, MOKS Fenice 20 MKTII

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da yulian Mer 2 Mag 2012 - 19:39

christian.celona ha scritto:
@lukyely ha scritto:Grazie a tutti delle risposte avete assolutamente ragione sul fatto che dovrebbe essere comparato con ampli della stessa fascia di prezzo , ma avevo letto post in cui si diceva che il t amp aveva bassi potenti ma ho constatato che il 2024 non è ha poi così tanti ( alimentato a batteria )
Al negozio ho confrrontato un ampli classe d della project e aveva molti più bassi (prezzo 180 e)
Sicuramente proverò il 2050 grazie per le dritte

Io non riscontro una carenza dei bassi, ma in tutta onestà sono pochi gli amplificatori che non ho smontato per apportare modifiche, e quelle in ingresso non mancano mai.

Un paio di condensatori adeguati costano come l'amplificatore di fascia bassa finito, in alcuni casi pure di più. Ovviamente le correnti in uscita non sono paragonabili a quanto farebbe un amplificatore da 30W come quelli che si trovano ovunque in commercio, ma quel che uccide il TA2024 sono i filtri pesanti che la maggior parte dei costruttori impiegano come cross-over.

Pensare che le qualità di un amplificatore si esauriscano con i bassi però mi sembra un problema adolescenziale. In piccoli ambienti e con casse efficienti va bene, in altri casi no.

Io ho preso delle Indiana line che piacevano alla mia fidanzata e le uso con il Bantam o con il Fiio perché con i Tripath hanno una resa penosa. Viceversa con i TA2024 abbino le Klipsch e di bassi mi sembra di udirne pure troppi, come ha voluto il produttore.

All'aperto è addirittura inutile parlarne, ma negli altri casi suonano bene, e non in relazione al loro prezzo, ma un po' di più. Come tutte le catene devono essere equilibrate.

Quando si fanno le registrazioni, quelle stereo, i microfoni si collocano in una fascia tra i 10 e i 15 metri dal basso e non è un caso. Se continuate a fare i paragoni rispetto a ciò che vi piace e non rispetto a una esecuzione dal vivo senza amplificazioni, siete nel campo dell'eufonia.

Con questo non intendo scrivere che potete riprodurre i grandi organi ospitati nelle chiese più importanti, e neppure gli effetti irrealistici che il cinema propone, ma potete rivivere l'emozione che suscita la voce di una cantante, riproducendola come pure le sue corde vocali le avrebbero permesso di fare in natura, non di più.

Se andate oltre questa soglia, con potenze maggiori, i bassi li sentirete meglio, ma non per l'impianto ma per la curva di sensibilità delle vostre orecchie e la rispettive soglie.

Certo è più facile ripetere all'infinito un disco rotto come farebbe qualsiasi politicante per convincervi dell sue ragioni. Mi sembra che l'unico integrato audio inserito nella classifica di quelli che hanno cambiato il mondo sia un Tripath, e questo non significa che sia migliore di quelli arrivati dopo, ma ha segnato la strada. Allo stesso modo la cineseria di turno non permette di apprezzare per intero le potenzialità di questi integrati, infatti il pregio maggiore di Cadeddu non è stato di scoprirne la resa, ma di intuirla a partire da una realizzazione fin troppo economica come quella del T-amp.

Avendoli comprati tutti questi piccoli amplificatori, ne conosco i limiti, ma anche i pregi rispetto alle soluzioni più potenti ai miei livelli di ascolto, e l'ho stabilito risentendo le registrazioni che io stesso ho fatto dal vivo in teatri e studi televisivi.

Si tratta di impressioni empiriche basate sulla memoria, senza ignorare che il punto di ascolto modifica il risultato, dal vivo più che tra le mura domestiche. Le carenze esistono, ma sono limitate a poche combinazioni di note e strumenti e sono enormemente attenuate dai due ambienti, uno molto grande dove c'è l'esibizione di pochi di fronte a molti, e uno ben più piccolo dove di norma si è soli con il proprio impianto.

Io ho avuto a lungo, prima la friggitrice in classe A di Musical Fidelity, poi il Tempest, e non suonavano sempre bene, dovevano raggiungere determinate temperature e a voler esser pignoli non suonavano mai bene, perché progettati per dare tanta corrente ai woofer a discapito del resto, con percorsi segnale lunghissimi, numerosi blocchi, guadagni esasperati e tutte le soluzioni che qualsiasi testo, inclusi quelli scolastici, non raccomanderebbero per una buona amplificazione.

Come la mettete allora? Per me bisogna essere educati ad ascoltare e non dal punto dell'esecutore, ma nella posizione del fruitore, che ha un'altra resa.

Secondo me non bisogna farsi un giudizio troppo affrettato, altrimenti si chiamano suggestioni.
Meno passaggi, è la regola di base. Si registra e si riascolta.

Altrimenti continuerete a propagandare qualcosa che non si regge sulla teoria, che per essere tale oggi, è stata riprodotta, e provata, secondo il metodo scientifico


Il concetto è molto semplice e Christian ha centrato il perno del discorso;ci sono ampli che suonano bene e altri no indipendentemente dalla classe a o a.b o digitale o a valvole.. e tutto potenze comprese , dipende da cio 'che si desidera ottenere senza dimenticare che l 'orecchio si deve educare al sound ricreato da elettroniche in un ambiente domestico e con l'affinamento si arriva a ottenere e cercare quello che piu' soddisfa... la Potenza è sempre relativa e proporzionata ai risultati che si desiderano con gli abbinamenti giusti fra i vari componenti.. Ci so no ampli in classe t che abbinati bene suonano altrettanto bene e altri ampli che fanno lo stesso con altri prezzi e altre caratteristiche e tutto quindi diventa sempre relativo e subordinato al nostro orecchio e gusto personale ..Si tratta sempre di trovare il giusto equilibrio e il giusto rapporto qualità-prezzo in quello che si assembla..La classe t permette di ottenere ottimi compromessi sia nel prezzo che nel risultato e uno yaqin moddato abbinato a un 2050 serio forma una coppia che con altre elettroniche verrebbe a costare diverse volte il prezzo dei 2 e quindi rappresenta un vero budget con risultati notevolissimi sotto tutti i punti di vista abbinati a diffusori e lettori o dac di buon livello .
yulian
yulian
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 07.04.10
Numero di messaggi : 1234
Località : cesenatico
Provincia : andantino mosso
Occupazione/Hobby : musicista-insegnante/T-philosophy
Impianto : cd /dvd player lexicon rt 20. preamplificatore electrocompaniet 4/ diffusori amplificati genelec 1032. cavo van den hul 102 e belden 8925


lettore oppo 981, preamplificatore nad s 100 ,diffusori amplificati krk v8 ,cavi van den hul the name ,canare lv61s

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da Cella Mer 2 Mag 2012 - 20:16

Speravo di riuscirci: se potessimo aumentare il guadagno di un TA2024, o se potessimo ricostruire lo stesso integrato con uno stadio in più, a parità di tecnica avremo una resa inferiore; questo è quel che dice la teoria.

Il maggior guadagno o l'aggiunta di stadi peggiorano la resa, perciò soluzioni più potenti basate sulla stessa tecnologia possono suonare più forte, possono attenuare altri problemi di accoppiamento, ma difficilmente suoneranno meglio da un punto di vista elettrico.

Per avere più potenza con la medesima qualità, oltre a un certo limite, dobbiamo disporre di una soluzione diversa. Ed è per questo che tutte le modifiche proposte tendono ad ottimizzare la resa con accorgimenti che abbreviano il percorso, che usano componenti più adatti, fino ai cavi e altro ancora.

Miglioramento la resa per affinamento non per rivoluzione e ad un certo punto arriviamo fin dove si può senza miracoli. Poi sarebbe bello poter spostare la propria attenzione anche sui contenuti facendosi contaminare dai gusti altrui.

Se la socialità si limitasse a stabilire una religione verso il prodotto A o B saremmo finiti.

Cella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 06.04.10
Numero di messaggi : 2715
Impianto : Trends TA-10.2
Kingrex T20U
Topping TP32
Muse MU-T15, MU-15 MK2
SMSL SA-36, SA-36A, SA-S1+, SA-S3+, SA-4S
Audiophonics T-amp, Yuanjing 20, Hlly Tamp-20
Dayton DTA-1, MOKS Fenice 20 MKTII

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da adriano gaddari Mer 2 Mag 2012 - 20:27

@yulian ha scritto:
christian.celona ha scritto:

Io non riscontro una carenza dei bassi, ma in tutta onestà sono pochi gli amplificatori che non ho smontato per apportare modifiche, e quelle in ingresso non mancano mai.

Un paio di condensatori adeguati costano come l'amplificatore di fascia bassa finito, in alcuni casi pure di più. Ovviamente le correnti in uscita non sono paragonabili a quanto farebbe un amplificatore da 30W come quelli che si trovano ovunque in commercio, ma quel che uccide il TA2024 sono i filtri pesanti che la maggior parte dei costruttori impiegano come cross-over.

Pensare che le qualità di un amplificatore si esauriscano con i bassi però mi sembra un problema adolescenziale. In piccoli ambienti e con casse efficienti va bene, in altri casi no.

Io ho preso delle Indiana line che piacevano alla mia fidanzata e le uso con il Bantam o con il Fiio perché con i Tripath hanno una resa penosa. Viceversa con i TA2024 abbino le Klipsch e di bassi mi sembra di udirne pure troppi, come ha voluto il produttore.

All'aperto è addirittura inutile parlarne, ma negli altri casi suonano bene, e non in relazione al loro prezzo, ma un po' di più. Come tutte le catene devono essere equilibrate.

Quando si fanno le registrazioni, quelle stereo, i microfoni si collocano in una fascia tra i 10 e i 15 metri dal basso e non è un caso. Se continuate a fare i paragoni rispetto a ciò che vi piace e non rispetto a una esecuzione dal vivo senza amplificazioni, siete nel campo dell'eufonia.

Con questo non intendo scrivere che potete riprodurre i grandi organi ospitati nelle chiese più importanti, e neppure gli effetti irrealistici che il cinema propone, ma potete rivivere l'emozione che suscita la voce di una cantante, riproducendola come pure le sue corde vocali le avrebbero permesso di fare in natura, non di più.

Se andate oltre questa soglia, con potenze maggiori, i bassi li sentirete meglio, ma non per l'impianto ma per la curva di sensibilità delle vostre orecchie e la rispettive soglie.

Certo è più facile ripetere all'infinito un disco rotto come farebbe qualsiasi politicante per convincervi dell sue ragioni. Mi sembra che l'unico integrato audio inserito nella classifica di quelli che hanno cambiato il mondo sia un Tripath, e questo non significa che sia migliore di quelli arrivati dopo, ma ha segnato la strada. Allo stesso modo la cineseria di turno non permette di apprezzare per intero le potenzialità di questi integrati, infatti il pregio maggiore di Cadeddu non è stato di scoprirne la resa, ma di intuirla a partire da una realizzazione fin troppo economica come quella del T-amp.

Avendoli comprati tutti questi piccoli amplificatori, ne conosco i limiti, ma anche i pregi rispetto alle soluzioni più potenti ai miei livelli di ascolto, e l'ho stabilito risentendo le registrazioni che io stesso ho fatto dal vivo in teatri e studi televisivi.

Si tratta di impressioni empiriche basate sulla memoria, senza ignorare che il punto di ascolto modifica il risultato, dal vivo più che tra le mura domestiche. Le carenze esistono, ma sono limitate a poche combinazioni di note e strumenti e sono enormemente attenuate dai due ambienti, uno molto grande dove c'è l'esibizione di pochi di fronte a molti, e uno ben più piccolo dove di norma si è soli con il proprio impianto.

Io ho avuto a lungo, prima la friggitrice in classe A di Musical Fidelity, poi il Tempest, e non suonavano sempre bene, dovevano raggiungere determinate temperature e a voler esser pignoli non suonavano mai bene, perché progettati per dare tanta corrente ai woofer a discapito del resto, con percorsi segnale lunghissimi, numerosi blocchi, guadagni esasperati e tutte le soluzioni che qualsiasi testo, inclusi quelli scolastici, non raccomanderebbero per una buona amplificazione.

Come la mettete allora? Per me bisogna essere educati ad ascoltare e non dal punto dell'esecutore, ma nella posizione del fruitore, che ha un'altra resa.

Secondo me non bisogna farsi un giudizio troppo affrettato, altrimenti si chiamano suggestioni.
Meno passaggi, è la regola di base. Si registra e si riascolta.

Altrimenti continuerete a propagandare qualcosa che non si regge sulla teoria, che per essere tale oggi, è stata riprodotta, e provata, secondo il metodo scientifico


Il concetto è molto semplice e Christian ha centrato il perno del discorso;ci sono ampli che suonano bene e altri no indipendentemente dalla classe a o a.b o digitale o a valvole.. e tutto potenze comprese , dipende da cio 'che si desidera ottenere senza dimenticare che l 'orecchio si deve educare al sound ricreato da elettroniche in un ambiente domestico e con l'affinamento si arriva a ottenere e cercare quello che piu' soddisfa... la Potenza è sempre relativa e proporzionata ai risultati che si desiderano con gli abbinamenti giusti fra i vari componenti.. Ci so no ampli in classe t che abbinati bene suonano altrettanto bene e altri ampli che fanno lo stesso con altri prezzi e altre caratteristiche e tutto quindi diventa sempre relativo e subordinato al nostro orecchio e gusto personale ..Si tratta sempre di trovare il giusto equilibrio e il giusto rapporto qualità-prezzo in quello che si assembla..La classe t permette di ottenere ottimi compromessi sia nel prezzo che nel risultato e uno yaqin moddato abbinato a un 2050 serio forma una coppia che con altre elettroniche verrebbe a costare diverse volte il prezzo dei 2 e quindi rappresenta un vero budget con risultati notevolissimi sotto tutti i punti di vista abbinati a diffusori e lettori o dac di buon livello .

Ok sono perfettamente d'accordo con Christian e Yulian ,
la qualità audio non sempre è figlia di watt e denaro.

adriano gaddari
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 27.08.11
Numero di messaggi : 1265
Località : nuoro
Provincia : trasparente
Occupazione/Hobby : artigiano del vetro
Impianto : ANALOGICO -lenco l 78 se con plinto in vetro stratificato (avatar )-stanton 681 EE-goldring 2100
phono -- Graham Slee Amp 2 se
DIGITALE -- marantz cd 75II -macbook con audirvana 3 - m2tech
hiface two - Denafrips Ares dac

PRE--music first audio classic -- Itube di Ifi Audio FINALI--mono hypex ucd 180 hxl - trends 10.1
DIFFUSORI--Dipole glass by Gaddari , prog R39 Audiojam2 modificato
ALIMENTAZIONE-furutek ( linea dedicata + ciabatta autocostruita )-- SEGNALE- saec - monster cable - Van Den Hul- Ramm Elite- Rj 142 POTENZA- tellurium blue
CUFFIE-- akg q 701

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da gabriele Gio 3 Mag 2012 - 10:16

quando leggo commenti, come quelli di yulian e christian.celona, mi rendo sempre più conto di quanta qualità ci sia in certi post.... e non solo per il punto di vista, ma per il modo in cui sono esposti. Gli spunti di riflessione, per gente al mio livello, sono davvero tanti... è un piacere leggervi Ok

gabriele
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 12.05.09
Numero di messaggi : 826
Località : Brescia
Impianto : Project RPM-1,LG BD350,Tuner Pioneer F-201,TCC TC-754,Gainclone LM3875/Topping TP21,Canton Quinto 510

Torna in alto Andare in basso

personali conclusioni sul 2024 Empty Re: personali conclusioni sul 2024

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.