T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Joe Jackson: Night & Day

Andare in basso

Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da Artinside il Mar 24 Gen 2012 - 13:51

http://www.ondarock.it/pietremiliari/jackson_nightandday.htm


JOE JACKSON
Night And Day
(A & M) 1982
pop, songwriter
di Claudio Fabretti

Tra i tanti figli degeneri del punk, Joe Jackson è uno di quelli che ha seguito il percorso più accidentato e sorprendente.
Nato nel 1954 a Burton-upon-Trent (Inghilterra) e cresciuto a violino e pianoforte, con tanto di borsa di studio in composizione musicale vinta alla London's Royal Academy of Music, ha fatto di tutto per non diventare un compositore "serio", facendosi travolgere dall'ondata del punk prima e della new wave poi, finendo poi col diventare... un compositore serio (e non solo in ambito pop, come testimoniano le sue recenti incursioni nella Classica).

Un'accelerazione in slalom, il suo avvio di carriera, attraverso pannelli di pop-rock nevrotico e pungente (l'hit "Is She Really Going Out With Him"), pietanze esotiche (dal reggae al calypso) e languori soul ("It's Different For Girls"). Fino al salto carpiato in stile swing di "Jumpin' Jive", dove l'ex "gangster" - come amava definirsi - getta la maschera e si trasforma in raffinato interprete di classici jazz.
Quattro album completamente diversi l'uno dall'altro e un andamento schizofrenico, in cui l'unico punto fermo resta l'eclettismo da cabaret del dinoccolato Jackson, col suo abbigliamento da crooner d'altri tempi e la sua goffa aggressività da rocker mancato. Più d'un tratto in comune con Elvis Costello, verrebbe da dire, se non fosse che quest'ultimo, malgrado gli sforzi, è sempre rimasto fondamentalmente ancorato alla sua "britannicità", mentre Jackson ha trovato oltreoceano la sua terra promessa.

Lo sbarco in America è una folgorazione. "Night And Day", notte e giorno d'irrefrenabili eccitazioni. L'Englishman in New York non è un alieno, ma un viaggiatore curioso, che vuole carpire lo spirito della Grande Mela viaggiando attraverso le sue fumose atmosfere notturne, i suoi chiaroscuri, le sue nevrosi, ma soprattutto le sue cento voci musicali.
Jackson resuscita idealmente le orchestre di Duke Ellington, le melodie di George Gershwin, il soul di Marvin Gaye e i musical di Cole Porter (omaggiato sin dallo stesso titolo del disco). In più, si lascia attrarre dalle fascinazioni latine - la salsa di Eddie Palmieri e Ray Barretto - e dalle possibilità offerte da un "combo" di otto elementi, in cui piano, basso, fiati e percussioni fanno da padrone, ma le nuove tecnologie sonore (synth e drum machine) forgiano un seducente involucro di "pop urbano". Scompaiono così le chitarre, ultimo orpello di quella stagione post-punk che l'irrequieto Jackson si è ormai lasciato alle spalle.
A padroneggiare questo pot-pourri provvedono arrangiamenti raffinatissimi, tanto sontuosi quanto mai sopra le righe.

I nove brani (beati i tempi in cui non rimpinzavano i dischi di riempitivi!) si succedono quasi tutti senza soluzione di continuità, alimentando l'idea di una sorta di concept. Pur diviso in due parti (il lato A, più movimentato, sulla notte, il lato B, più riflessivo, sul giorno) l'album è infatti interamente pervaso da un mood notturno e sinuoso, che contagia fin dalle prime note di "Another World", il carosello percussivo che dà il benvenuto nel "nuovo mondo".
La freschezza dei suoni non nasconde l'occhio critico di Jackson, che usa quasi toni da indagine sociale vagando spaesato per le vie di "Chinatown", al ritmo d'un jazzy-pop orientaleggiante scandito dal piano e dalle percussioni esotiche, camuffandosi da santone ethno-funk à-la Byrne (anche nel vocalismo nevrastenico) per denunciare le aberrazioni della "TV Age" ("Tv rules/ pretty soon you won't be able to turn it off at all"), divenendo egli stesso "Target", bersaglio ("Someone could smile at me then/ shake my hand then gun me down") in una selva di bonghi e congas.
Ma a mandare in gloria l'album è il singolo "Steppin' Out", praticamente la quintessenza dell'anima più lieve e innocente del decennio '80. Una radiosa melodia che si fa largo nel palpitante incedere elettro-pop delle tastiere glamour, tra un piano squillante e una possente linea di basso, alla ricerca di una via d'uscita dall'oppressione della metropoli ("We so tired of all the darkness in our lives/ with no more angry words to say/ can come alive... get into a car and drive/ to another side/ me Babe - Steppin' out/ into the night/ into the light").

Dopo la sbornia del lato A, il "day side" volge alla malinconia, con toni più pensosi e amari.
"Breaking Us In Two" è una languida piano-ballad che echeggia gli Steely Dan di "Rikki Don't Lose That Number", mentre il sardonico jingle salsa di "Cancer" offre il poco rassicurante avviso che "everything gives you cancer".
Le due ballate finali sono una staffilata al cuore. L'epica "Real Men" lambisce un climax quasi "spectoriano" con la sua solenne orchestrazione d'archi (sintetici) e pianoforte a cullare l'invettiva di Jackson contro la "guerra dei sessi". "Slow Song" è un disperato inno al "lento", ultimo baluardo contro la tirannia della musica frenetica e disumana ("And I'm tired of dj's... /I'm gonna tell him to... / Play us a slow song"), ma anche lucido ritratto di solitudine e frustrazione: sette minuti impreziositi dal piano, dall'organo Hammond e da un'intensa performance vocale, che accumula pathos ed esplode nella liberatoria implorazione finale.

Jackson accompagnerà la promozione del disco con roboanti dichiarazioni sulla "morte del rock", anticipando di diversi anni la celebre sortita di Sting.
Quasi vent'anni dopo tenterà il bis con "Night And Day II", ma senza più raggiungere i fasti dell'originale, che resterà anche il suo unico disco ad aver scalato la top ten Usa (4° posto).
Sempre nel 1982, invece, uscirà anche "The Nightfly" di Donald Fagen, altro volo notturno sotto le stelle del jazz. E la lunga notte dell'America tornerà a luccicare ancora.
avatar
Artinside
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 29.01.09
Numero di messaggi : 3182
Località : Sassari
Occupazione/Hobby : Arte Contemporanea
Impianto :
Spoiler:
Sorgente: Jvc xv-n680
Pre: Minimalist autocostruito
Amplificatori: Hifimediy Tk2050 alimentata in AC, Smsl sa-s1 Ta2020, Smsl sa-s2 Ta2024, Helder Audio Ta2024 , S I T amp Ta2024, Sure Ta2024, Sure "Octopus" Tpa 3123, Scythe sda1000, Gainclone Lm1875
Diffusori Esb xl5, Alix Project One
Ampli cuffie: Poppulse mini headphone amp
Cuffie: Grado - Alessandro MS1, Koss Portapro, Jvc ha-fxc51, Monoprice 8320, Jvc Ha-fx34, Awei es-q9, Xkdun Ck-700 etc, etc, etc....


http://www.gavinoganau.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da aschenaz il Mar 24 Gen 2012 - 14:35

Grandissimo Joe Jackson. Smile
Io non avrei scelto Night & Day quale pietra miliare (l'avevo contestato, a suo tempo, anche su Onda Rock e ne era nata una discussione abbastanza animata... Very Happy ), ma rimane comunque un'opera pregevole. Per quanto mi riguarda, il meglio l'ha dato nei primi due album (Look Sharp! e I'm the Man entrambi del '79, due dischi memorabili). Ma, per il resto, tutta la sua discografia (non conosco bene quella più recente, però) è degna di attenzione. Uno da non sottovalutare è anche Jumpin' Jive dell'81, una serie irresistibile di cover jazz & swing degli anni '30/'40: da non riuscire a star fermi!
avatar
aschenaz
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 26.11.10
Numero di messaggi : 566
Località : Reggio Calabria
Impianto : ...
lettore Philips DVP3520
dac SMSL dir9001pcm1793opa2134
ampli SMSL SA36 TA2020/TA2024
diffusori 2 Pi Tower autocostruiti



Torna in alto Andare in basso

Re: Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da Miclaud il Mar 24 Gen 2012 - 15:04

Sto scoprendo Jackson in questo periodo proprio con questo album. Gran bella segnalazione.


A chi può interessare, si dice che il disco "Body & Soul" (credo sia il succesivo) sia uno dei più apprezzati dischi da audiofili; ascoltandolo la cosa non mi stupisce affatto.
avatar
Miclaud
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 03.03.10
Numero di messaggi : 1898
Località : Macerata
Occupazione/Hobby : Informatico/Informatico-Audiofilo-Musicista-Nuotatore-Cazzeggiatore
Provincia (Città) : nervosa pacatezza
Impianto :
-> Voyage MPD rt + WaveIO Xmos
-> Rockna RD2-SE DAC
-> Pre valvolare Sonus Mirus
(a.k.a. Xindak 3200 MKII)

-> B&O IcePower 50ASX2 BTL
Dual Mono

-> ProAc Response D15


http://www.unprogged.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da emmeci il Mar 24 Gen 2012 - 15:26

@Miclaud ha scritto:Sto scoprendo Jackson in questo periodo proprio con questo album. Gran bella segnalazione.


A chi può interessare, si dice che il disco "Body & Soul" (credo sia il succesivo) sia uno dei più apprezzati dischi da audiofili; ascoltandolo la cosa non mi stupisce affatto.

Very Happy Aggiungerei: "Body & Soul" è da un punto di vista audiofilo "l'anello mancate al grande mistero irrisolto ed irrisolvibile" del CD VS Vinile! Nonostante sia una delle prime cose, a livello commerciale, registrato e mixato in digitale... il vinile si sente molto, ma molto meglio! Shocked Vallo a capire! Hehe

Per quanto riguarda Night and Day, ricordo che fu' una vera "sorpresa", conoscevo J.J. dai lavori precedenti ed ero letteralmente innamorato di Look Sharp! e Beat Crazy, ma questo nuovo era una cosa molto diversa, più raffinato ed orientato verso il jazz. Difficile metterli in confronto... Wink

Ciao Mauro
avatar
emmeci
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 11.10.10
Numero di messaggi : 5599
Occupazione/Hobby : Musica, Natura, Fotografia
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Miliardi di elettroni che agitandosi... fanno musica!

Torna in alto Andare in basso

Re: Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da Miclaud il Mar 24 Gen 2012 - 16:58

@emmeci ha scritto:

il vinile si sente molto, ma molto meglio! Shocked Vallo a capire! Hehe


madonna mia Surprised

visto come si sente il cd, dal vinile allora mi aspetterei di provare visioni a sfondo mistici Very Happy
avatar
Miclaud
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 03.03.10
Numero di messaggi : 1898
Località : Macerata
Occupazione/Hobby : Informatico/Informatico-Audiofilo-Musicista-Nuotatore-Cazzeggiatore
Provincia (Città) : nervosa pacatezza
Impianto :
-> Voyage MPD rt + WaveIO Xmos
-> Rockna RD2-SE DAC
-> Pre valvolare Sonus Mirus
(a.k.a. Xindak 3200 MKII)

-> B&O IcePower 50ASX2 BTL
Dual Mono

-> ProAc Response D15


http://www.unprogged.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da Alessandro LXIV il Mar 24 Gen 2012 - 17:11

Me lo regalarono quando uscì, ormai è parte di me, dei miei ricordi.

Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Torna in alto Andare in basso

Re: Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da emmeci il Mar 24 Gen 2012 - 18:20

@Miclaud ha scritto:
@emmeci ha scritto:

il vinile si sente molto, ma molto meglio! Shocked Vallo a capire! Hehe


madonna mia Surprised

visto come si sente il cd, dal vinile allora mi aspetterei di provare visioni a sfondo mistici Very Happy

Laughing Peccato che tu mi sia un po' lontanuccio...altrimenti un caffè ed un ascolto te lo offrivo volentieri, con o senza visioni mistiche! Very Happy
Ciao Mauro
avatar
emmeci
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 11.10.10
Numero di messaggi : 5599
Occupazione/Hobby : Musica, Natura, Fotografia
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Miliardi di elettroni che agitandosi... fanno musica!

Torna in alto Andare in basso

Re: Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da Miclaud il Mar 24 Gen 2012 - 18:49

@emmeci ha scritto:
Laughing Peccato che tu mi sia un po' lontanuccio...altrimenti un caffè ed un ascolto te lo offrivo volentieri, con o senza visioni mistiche! Very Happy
Ciao Mauro


E' vero, ma mai dire mai, anche perché non è la prima volta che siamo d'accordo sui "consigli per gli acquisti" Wink
avatar
Miclaud
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 03.03.10
Numero di messaggi : 1898
Località : Macerata
Occupazione/Hobby : Informatico/Informatico-Audiofilo-Musicista-Nuotatore-Cazzeggiatore
Provincia (Città) : nervosa pacatezza
Impianto :
-> Voyage MPD rt + WaveIO Xmos
-> Rockna RD2-SE DAC
-> Pre valvolare Sonus Mirus
(a.k.a. Xindak 3200 MKII)

-> B&O IcePower 50ASX2 BTL
Dual Mono

-> ProAc Response D15


http://www.unprogged.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da emmeci il Mar 24 Gen 2012 - 19:03

@Miclaud ha scritto:
@emmeci ha scritto:
Laughing Peccato che tu mi sia un po' lontanuccio...altrimenti un caffè ed un ascolto te lo offrivo volentieri, con o senza visioni mistiche! Very Happy
Ciao Mauro


E' vero, ma mai dire mai, anche perché non è la prima volta che siamo d'accordo sui "consigli per gli acquisti" Wink

Ok Bene...se passi per Roma dammi un segnale... digitale, analogico fai tu! Laughing
Ciao Mauro
avatar
emmeci
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 11.10.10
Numero di messaggi : 5599
Occupazione/Hobby : Musica, Natura, Fotografia
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Miliardi di elettroni che agitandosi... fanno musica!

Torna in alto Andare in basso

Re: Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da flovato il Mar 24 Gen 2012 - 19:07

@Artinside ha scritto:
Quasi vent'anni dopo tenterà il bis con "Night And Day II", ma senza più raggiungere i fasti dell'originale, che resterà anche il suo unico disco ad aver scalato la top ten Usa (4° posto).
Sempre nel 1982, invece, uscirà anche "The Nightfly" di Donald Fagen, altro volo notturno sotto le stelle del jazz. E la lunga notte dell'America tornerà a luccicare ancora.

Ma che stai a scherzà... questi so du capolavori senza ombra de dubbio. Ok

Night And Day è un disco fantastico, purtroppo era talmente bello che non è riuscito a ripetersi.
Stesso discorso anche per Christopher Cross, con l'aiutino della voce di Michael McDonald‎ dei Doobie Brothers ha fatto prima di lui un'altra meraviglia.

Diverso il discorso per il buon Donald Fagen visto qualche anno fa in concerto con il suo amico Walter Becker... quando si mettono a suonare gli Steely Dan non si tratta di un disco ma di un'epopea musicale vera e propria, inarrivabili.
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Torna in alto Andare in basso

Re: Joe Jackson: Night & Day

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum