T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.

Unisciti al forum, è facile e veloce

T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Muse M15 EX2 TA2024 in prova

Andare in basso

Muse M15 EX2 TA2024 in prova Empty Muse M15 EX2 TA2024 in prova

Messaggio Da connessuto Lun 11 Ott 2010 - 12:29

Mi è stato inviato per errore da Savebase su Ebay il Muse in oggetto e lo sto ascoltando un bel po' (l'alimentatore è un 12V 5A cinese di una leggerezza inquietante), in attesa che mi arrivi il Muse M20 EX2 con TA2020 che avevo ordinato.
Dopo aver letto la gran quantità di entusiastiche recensioni sugli ampli in classe T e di persone che avevano messo in cantina NAD e Rotel preferendo il T-amp, ero convinto che, rispetto al Yamaha RX-V357, avrei avuto un grande miglioramento nell'ascolto della mia musica preferita. Invece con mia grande delusione devo dire che così non è stato.
Premettendo che non sono un audiofilo, sono rimasto favorevolmente colpito dal fatto che il Muse riesce a dare sufficiente pressione sonora alle Wharfedale Diamond 8.2 con solo 86 dB di sensibilità (mai superato la metà corsa del potenziometro) e che tutto sommato i bassi non sono così carenti come riscontrato da molti utenti... certo, i miei diffusori non sono il massimo a tal riguardo.
La stanza dove ascolto la musica è di circa 13 m2 e i diffusori non sono collocati come dovrebbero, quindi non ho potuto godere di grande spazialità e collocazione dell'immagine sonora... ma certo non posso dare la colpa all'ampli.
Quello che ho riscontrato rispetto al Yamaha è un modesto aumento del timbro e una discreta esaltazione dei toni medio alti. I bassi come ho già detto sono rimasti pressoché invariati.
Il Muse non mi è sembrato capace di dare più risoluzione di quanto già non facesse il Yamaha e gli alti a volte risultano fastidiosi ascoltando rock (Temple Of The Dog, Jar Of Flies degli Alice In Chains, Nursery Crime dei Genesis, Script For A Jester's Tear dei Marillion).
Quello che mi è piaciuto molto è l'aumentata naturalezza della voce del Boss in Thunder Road (Born To Run) e del folletto Ian Anderson in Wond'ring Aloud (Aqualung dei Jethro Tull), mentre per le voci femminili non ho avvertito grandi cambiamenti (Noa, Billie Holliday, Tuck & Patty). Molto piacevole è stato anche l'ascolto di Unplugged degli Alice In Chains.
Pochissima differenza ascoltando i reference disc Marantz e XLO (mi manca il Burmester)
Che dire... forse nel Yamaha c'è un processore di derivazione Tripath ;-)
connessuto
connessuto
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 28.09.10
Numero di messaggi : 317
Provincia : Venezia
Impianto :
Spoiler:
CD Player: Harman-Kardon HD755 / NAD C 545BEE
DAC: scheda cinese con WM8761 + TE7022
Pre: kit clone Naim NAC42.5 / cinesata con PGA2311
Ampli: cineserie varie con TA2024, TA2020, TK2050, TPA3116 / Dune dun-59050 / Luxman L-210
Diffusori: Wharfedale Crystal 2-30 / Dynavoice Definition DM-6
Cuffie: Superlux 662f

Muse M15 EX2 TA2024 in prova Spazzacamino Muse M15 EX2 TA2024 in prova Spazzacamino


http://www.flickr.com/photos/benth0s

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.