T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» CERCO Alientek d8
Oggi a 17:33 Da dtraina

» Trova le differenze...
Oggi a 17:32 Da beppe61

» Ho comprato due nuovi gingilli, cosa ci costruisco attorno?
Oggi a 17:27 Da dinamanu

» Partitore resistivo per collegamento amplificatore-cuffie
Oggi a 17:24 Da franzfranz

» The Ten Biggest Lies in Audio
Oggi a 17:08 Da Kha-Jinn

» Quali diffusori Low Cost?
Oggi a 16:57 Da Kha-Jinn

» Venture Electronics VE Monk
Oggi a 16:48 Da sportyerre

» Consigli per impianto entry level
Oggi a 16:46 Da riccardik

» collegamento pc - ampli - diffusori
Oggi a 16:03 Da Masterix

» Testina Sanyo tp 625 help
Oggi a 14:24 Da p.cristallini

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Oggi a 12:38 Da CHAOSFERE

» Autocostruzione casse
Oggi a 12:34 Da dinamanu

» partiamo da zero ma proprio zero?
Oggi a 9:18 Da alexdelli

» Lottando con raspberry e volumio
Oggi a 9:16 Da dtraina

» (GE) Vendo DAC per Raspberry IQAudio Pi-DAC+ e Pi-CASE+ (Matt Black) - € 35
Oggi a 9:06 Da dtraina

» Cuffia chiusa economica
Oggi a 1:46 Da sportyerre

» Ampli+DAC+bluetooth tutto-in-uno: Sabaj Audio A2?
Ieri a 19:59 Da GP9

» Consiglio su impianto ta2024
Ieri a 19:03 Da dinamanu

» TUTORIAL VIDEO INSTALLAZIONE VOLUMIO PER RASPBERRY PI
Ieri a 18:49 Da nelson1

» Player hi fi
Ieri a 18:35 Da nelson1

» Cavi component Hama 1,5m.
Ieri a 18:13 Da wolfman

» Consigliatemi un buon all in One...Alientek oppure...
Ieri a 13:40 Da dtraina

» WarmTone - nuova macchina per stampare i dischi in vinile
Ieri a 13:01 Da dinamanu

» SKETCH ARDUINO PER CONTROLLO SERVOMOTORI
Ieri a 12:27 Da audiomaniaco

» Collegamento MacBook Air e ampli
Ieri a 11:11 Da Fazz

» Cambio diffussori da scaffale max 500euro
Ieri a 5:45 Da natale55

» Lettore cd Nad
Ieri a 2:04 Da dtraina

» Supporti Giradischi
Ieri a 0:15 Da fritznet

» Che Jazz state ascoltando?
Ven 17 Feb 2017 - 22:21 Da domar

» mini hi fi con diffusori a eccitazione tattile piu' sub woofer
Ven 17 Feb 2017 - 20:35 Da tamerlano

» Le mie Vitriol personalizzate ed autocostruite
Ven 17 Feb 2017 - 19:33 Da CHAOSFERE

» Foobar2000 x Android e Flac+CUE
Ven 17 Feb 2017 - 17:32 Da chopper77

» Cuffie Sennheiser con filo o WiFi?
Ven 17 Feb 2017 - 17:30 Da chopper77

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ven 17 Feb 2017 - 14:25 Da antbom

» A/D D/A
Ven 17 Feb 2017 - 13:48 Da p.cristallini

» Pre Audiolab 8200Q
Ven 17 Feb 2017 - 11:48 Da sound4me

» Riparare Emu 1212m.
Ven 17 Feb 2017 - 10:22 Da Nekro

» DAC wireless/wirelessizzato?
Ven 17 Feb 2017 - 10:11 Da Gert87

» Royd A7 Serie II
Ven 17 Feb 2017 - 9:43 Da thechain

» ANCORA SUI FILTRI tANNOY
Ven 17 Feb 2017 - 9:09 Da Wolf

» ALIENTEK D8
Ven 17 Feb 2017 - 9:02 Da metalgta

» Collybia Mambo Player HIFI: Setup e alimentatori
Ven 17 Feb 2017 - 0:23 Da mikelangeloz

» Amplificatore per vecchi diffusori Pioneer CS-444
Gio 16 Feb 2017 - 23:34 Da lollo

» disco "bassoso"
Gio 16 Feb 2017 - 23:04 Da fritznet

» Un aiuto per migliorare il mio impianto...
Gio 16 Feb 2017 - 22:21 Da nelson1

» Vendo (o scambio) Klipsch Heresy HIP-2
Gio 16 Feb 2017 - 21:06 Da dtraina

» Collegare computer ad ampli in wireless
Gio 16 Feb 2017 - 15:49 Da Snap

» Consigli Tangent ampster bt
Gio 16 Feb 2017 - 13:40 Da Zio Luca

» [BS+ss] Vendo DAP Hisound studio 6
Gio 16 Feb 2017 - 11:41 Da turo91

» EntryLevel, 300€?
Gio 16 Feb 2017 - 11:01 Da CHAOSFERE

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

77% 77% [ 156 ]
23% 23% [ 47 ]

Totale dei voti : 203

I postatori più attivi della settimana
CHAOSFERE
 
Snap
 
giucam61
 
Aunktintaun
 
natale55
 
GP9
 
TODD 80
 
dinamanu
 
Kha-Jinn
 
dtraina
 

I postatori più attivi del mese
CHAOSFERE
 
Snap
 
giucam61
 
fritznet
 
TODD 80
 
dinamanu
 
Kha-Jinn
 
natale55
 
sportyerre
 
sonic63
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15499)
 
Silver Black (15402)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10252)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8766)
 

Statistiche
Abbiamo 10612 membri registrati
L'ultimo utente registrato è gmarconi2

I nostri membri hanno inviato un totale di 778514 messaggi in 50631 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 73 utenti in linea :: 8 Registrati, 1 Nascosto e 64 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

dinamanu, dtraina, enrico massa, franzfranz, pallapippo, puglies, silentscreambt, Snap

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  Barone Rosso il Mer 7 Lug 2010 - 21:18

Sul numero di luglio di le scienze è stato pubblicato un breve articolo che mostra dei test sui vini e su come il gusto di sommelier e consumatori sia influenzato dal prezzo.
http://lescienze.espresso.repubblica.it/edicola_mese/Le_Scienze/1343879

L'articolo esiste anche in versione on-line (oltre a quella cartacea (PM))
http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2010/06/28/neurogastronomia-il-vino-costoso-e-piu-buono/

In poche parole vengono decritti due test:
Nel primo viene fatto un test in doppio cieco su dei vini (di prezzi differenti) fatti assaggiare a gente non esperta e a dei sommelier.
Il risultato è che la gente non esperta tende a preferire i vini economici mentre i sommelier quelli costosi (ma con un margine di incertezza troppo alto), comunque non sembrano esistere reali differenze di apprezzamento fra i vini costosi e quelli economici.

Nel secondo test viene fatto su dei sorgetti a cui vene monitorata la reazione del cervello al vino e al prezzo, il risalutato è che il cervello si predispone in modo positivo quando il soggetto crede di aver a che fare con un vino che crede essere costoso mentre si predispone in modo negativo con un vino che si crede economico (sono stati detti dei prezzi sballati).

A questo punto propongo la risonanza magnetica nucleare per gli tutti audiofili coi loro impianti ultra-costosi.
Non penso che nel mondo dell'hi-fi le cose siano molto diverse, ed in particolare fate sempre test in doppio cieco la dove è possibile.


Barone Rosso
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8020
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  audioman il Mer 7 Lug 2010 - 21:26

Ok è la pura verità

audioman
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 27.04.09
Numero di messaggi : 431
Località : Arzano (NA)
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  ytse il Mer 7 Lug 2010 - 21:29

Niente di più vero.
Lo stesso motivo per cui una caramella può avere gli effetti di un farmaco. Effetto placebo.


ytse
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 03.02.10
Numero di messaggi : 173
Località : Roma
Impianto : Topping TP2021 + Klipsch RB51 mkII

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  madqwerty il Mer 7 Lug 2010 - 21:30

morale della favola :
meglio i test sul vino di quelli ai-fai Hehe

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  thema2000ie il Mer 7 Lug 2010 - 21:33

@madqwerty ha scritto:morale della favola :
meglio i test sul vino di quelli ai-fai Hehe
Laughing Laughing Laughing

thema2000ie
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 04.06.09
Numero di messaggi : 5002
Località : Via dei Matti, n.0
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  MaurArte il Mer 7 Lug 2010 - 22:04

@madqwerty ha scritto:morale della favola :
meglio i test sul vino di quelli ai-fai Hehe


STRAQUOTISSIMO Wink Wink Wink Wink Wink Wink

MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7233
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  R!ck il Mer 7 Lug 2010 - 22:23

Una strategia dei prezzi alti in alcuni settori come l'hifi penso sia quasi obbligata.
L'equazione costa di più vale di più vale in particolar modo in settori dove non esistono dei parametri oggettivi per valutare la qualità ed il gusto è appreso culturalmente dal proprio gruppo di riferimento.
In molti casi il prezzo è il metro di riferimento assoluto.
E' un mezzo semplice ed efficace per comunicare il valore dell'oggetto più di qualsiasi brochure o seduta d'ascolto.
Vedere a prezzi troppo bassi o troppo alti rispetto alla volontà di pagare del cliente è pericoloso per la redditività dell'azienda. Il problema è che in certi campi, in particolar modo quelli dei beni voluttuari, (dove pesano fattori diversi dal giudizio oggettivo) non esiste una cultura del valore rispetto al prezzo...esiste solo il prezzo!

Aggiungete al quadro la [url=suggestione]http://www.linkwitzlab.com/frontiers.htm#H[/url] una certa ignoranza ed il quadro è completo

R!ck
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 03.09.09
Numero di messaggi : 4587
Località : Roma
Impianto : -------------

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  x84andrea il Mer 7 Lug 2010 - 23:12

Certamente esiste un bacino di clienti che ha molti soldi e poche orecchie che si fanno infinocchiare catorci a mila euro, quando con 30euro senza usare mastercard hanno qualcosa di simile, e qualche volta va pure meglio!

Sono scelte delle società, certo discutibili, ma se campano vuol dire che esistono queste persone...

Sarebbe da fare questi test ciechi, quando ci riuniamo sarebbe ideale, usando uno switch e una benda, cosi da avere un impressione neutra!

Io mi faccio la birrà in casa, altro che vino....

x84andrea
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 18.05.10
Numero di messaggi : 472
Località : torino
Occupazione/Hobby : ingegnere cosi per dire
Provincia (Città) : comodamente rivoltoso
Impianto : buona parte fatta con le mie mani!

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  R!ck il Mer 7 Lug 2010 - 23:24

Ma perchè davvero pensi che i beni voluttuari vengano acquistati solo dalla gente ricca?
Qual è il costo di scarpe griffate? Credi che chi le compra si ferma un secondo a pensare quanto costa fabbricarle? A chi le compra non interessa tanto l'oggetto in se ma come li fa sentire...come li definisce. E' un'esigenza che l'uomo manifesta da sempre in tutte le culture. E' l'esigenza del superfluo.

R!ck
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 03.09.09
Numero di messaggi : 4587
Località : Roma
Impianto : -------------

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  Silver Black il Gio 8 Lug 2010 - 0:46

@Barone Rosso ha scritto:A questo punto propongo la risonanza magnetica nucleare per gli tutti audiofili coi loro impianti ultra-costosi.
Non penso che nel mondo dell'hi-fi le cose siano molto diverse, ed in particolare fate sempre test in doppio cieco la dove è possibile.

Oki Clap

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati.
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net

Silver Black
Amministratore
Amministratore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15402
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro






http://www.silvercybertech.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  x84andrea il Gio 8 Lug 2010 - 9:47

tre quarti della gente pensa ad apparire, le scarpe costano 100-200-300-400euro, anche un operaio può permettersele, un impianto da 20000euro non credo che ci arrivi, nel senso che prima si deve comprare: scarpe, occhiali, vestiario, macchina sportiva (al max 500 o punto...), cellulare, e sky non deve mancare, e già per questo si hanno uno-due rate da pagare al mese, poi se si deve prendere una casa credo che si deve rinunciare a qualcosa...
Siamo un popolo di "tamarri" noi italiani, basta guardarsi in giro... io quando per un pantalone spendo più di 30euro mi piange il cuore... e se posso compro cose usate, e ti assicuro che ci si veste decentemente anche con cose usate!
Certo dipende dalla filosofia che uno ha, se ce l'ha...

P.S. può darsi che sia io nel torto...

x84andrea
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 18.05.10
Numero di messaggi : 472
Località : torino
Occupazione/Hobby : ingegnere cosi per dire
Provincia (Città) : comodamente rivoltoso
Impianto : buona parte fatta con le mie mani!

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  bru.b il Gio 8 Lug 2010 - 10:42

Sono socio della rivista altroconsumo e vi assicuro che raramente i prodotti più costosi vincono le comparative.
Dalle auto agli aspirapolvere fino ai televisori..
Pensate che la crema solare della coop è risultata la migliore rispetto a prodotti che costavano molto,molto di +.
La famosa col…star è risultata peggiore di quella del lidl..
Tornando ai vini (spumanti) il famoso Berl..chi ha preso bastonate da bottiglie da 4 €..
Ricordo le prime recensioni del Tamp su tnt, quando lo fecero ascoltare nascondendolo fra i vari apli , pre hi-end..
Sempre da altroconsumo, il costo di produzione di un paio di scarpe da ginnastica “fighe” è di 9€.

bru.b
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 29.07.09
Numero di messaggi : 1106
Località : Salüt Dal Piemunt
Provincia (Città) : Torino (Ivrea)
Impianto : Diffusori-Aether audio Timepiece 3.2 mk5
Ampli-Olimpia audio Osmino
Dac- 2x AK4399

Player-Foobar-WD tv live
Cavi - uno rosso ed uno nero..

Camera:
Ampli-Cayin MT12 EL 84 ,
Dac-Gigawork
Cuffia- AKG K340



Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  R!ck il Gio 8 Lug 2010 - 10:44

Sul profilo dell'acquirente degli impianti sopra i 10.000 mi piacerebbe sapere di più.
Ho tanto l'idea che sia gente abbastanza normale e assolutamente non impaccata di soldi per la maggior parte....
Tieni presente che la maggior parte degli appassionati "cavisti" appartiene ad una fascia di gente che ha impianti molto al di sotto di quello che hai descritto.
Sembrerà allucinante e triste ma...una delle scoperte più interessanti che ho fatto è che la gente non usa gli oggetti di lusso solo per apparire con gli altri ma anche per darsi una propria identità. Fa parte del piacere complessivo procurato dall'oggetto.
Oltre al supposto miglioramento qualitativo si gode di sentirsi un esperto, una persona che è al di sopra degli altri nel gusto e nella percezione delle sfumature sonore...

R!ck
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 03.09.09
Numero di messaggi : 4587
Località : Roma
Impianto : -------------

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  MaurArte il Gio 8 Lug 2010 - 10:52

Sono Sommelier AIS e sul vino ci sarebbe molto da scrivere...comunque trovare un vino di qualità a pochi euro è estremamente difficile.
Lo stesso vale per l'audio. Il doppio cieco viene fatto spesso con il vino, assai meno con l'audio. Chissà perchè... Wink

MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7233
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  R!ck il Gio 8 Lug 2010 - 10:53

@bru.b ha scritto:Sono socio della rivista altroconsumo e vi assicuro che raramente i prodotti più costosi vincono le comparative.

Questo è vero perchè se escludiamo le "sole" prodotti di scarsa qualità (che ovviamente sono stigmatizzare) quando un prodotto è al massimo della sua eccellenza si lavora sull'esperienza complessiva di consumo.
Il prezzo ne è parte integrante. Non trascurate il sottile piacere di pagare un pò di più un'oggetto perchè lo si può fare. A chi è pronto a stigmatizzare questo comportamento come esempio della decadenza della civiltà dei consumi, faccio presente che in alcune culturedove il cibo è prezioso ed è molto faticoso procurarselo ci sono delle feste rituali dove il viene esposto in enormi quantità e lasciato marcire per dimostrare a se stessi e agli altri la propria capacità di produrre ricchezza...
Ragazzi il significato degli oggetti va oltre la loro funzione sempre! Bisogna inserire nel valore complessivo dell'oggetto "l'esperienza" che produce l'uso su cui pesano una serie fattori immateriali esterni al prodotto.


R!ck
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 03.09.09
Numero di messaggi : 4587
Località : Roma
Impianto : -------------

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  merkutio il Gio 8 Lug 2010 - 10:56

@R!ck ha scritto:Sul profilo dell'acquirente degli impianti sopra i 10.000 mi piacerebbe sapere di più.
Ho tanto l'idea che sia gente abbastanza normale e assolutamente non impaccata di soldi per la maggior parte....
Tieni presente che la maggior parte degli appassionati "cavisti" appartiene ad una fascia di gente che ha impianti molto al di sotto di quello che hai descritto.
Sembrerà allucinante e triste ma...una delle scoperte più interessanti che ho fatto è che la gente non usa gli oggetti di lusso solo per apparire con gli altri ma anche per darsi una propria identità. Fa parte del piacere complessivo procurato dall'oggetto.
Oltre al supposto miglioramento qualitativo si gode di sentirsi un esperto, una persona che è al di sopra degli altri nel gusto e nella percezione delle sfumature sonore...

perfettamente d'accordo
è sempre un discorso di autogratificazione

merkutio
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 05.05.09
Numero di messaggi : 1673
Località : Bologna
Impianto : Low cost

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  R!ck il Gio 8 Lug 2010 - 11:24

@MaurArte ha scritto:Sono Sommelier AIS e sul vino ci sarebbe molto da scrivere...comunque trovare un vino di qualità a pochi euro è estremamente difficile.
Lo stesso vale per l'audio. Il doppio cieco viene fatto spesso con il vino, assai meno con l'audio. Chissà perchè... Wink

Questo è un'altro punto interessante...la ricerca di un'affordable hifi può essere costosa al pari di un hifi di marca per un utente non esperto in elettronica, elettroacustica e compagnia bella.
Se lo si guarda ad un fine puramente strumentale (sentire bene la musica) direi che è fallimentare se si escludela molla dell' autogratificazione. Che è un sentimento simile a chi compra il cavo esoterico: essere diversi e più smart degli altri che comprano i blasoni....

L'affordable hifi o il diy che ne consegue si traduce mediamente in 150 euro di schedina, 300 euro di materiali e decine di ore sul web ( che hanno un costo visto che è l'unica risorsa veramente non rinnovabile) per farla funzionare e un oggetto quasi sempre non rivendibile.
Oppure nella versione semplificata acquisto di un ampli preassemblato decine di ore di ricerca che culminano con l'acquisto di un prodotto con poco mercato.
Ma in fondo è una passione e i costi pesano ma solo fino ad un certo punto.

Il punto è che per un "affordable hifi" ci vuole una cultura ed una competenza che non è affatto economico formare...e chi non ne dispone si affida al marchio e al prezzo per distinguere per questo l'hifi rimarrà sempre una passione costosa.

R!ck
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 03.09.09
Numero di messaggi : 4587
Località : Roma
Impianto : -------------

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  x84andrea il Gio 8 Lug 2010 - 11:55

mille volte mi sono chiesto se ne valeva la pena, e proprio la gratificazione finale mi ha fatto scegliere l'autocostruzione, un oggetto non è solo un oggetto, ma per chi lo costruisce ha un anima, noi ci leghiamo dei sentimenti, e spesso anche se alla fine abbiamo speso più di quello prefissato non succede nulla.

Sono d'accordo con te r!ck, ma l'intelligenza media è bassa, e "più pagare=più so figo" è spesso una certezza, io voglio pagare il giusto, cioè il costo effettivo più quel tanto di guadagno per l'azienda per continuare a esistere.

Ritornando ai vini ci sarebbe da fare un discorso lungo, che è lo stesso per l'audio, sulla qualità.
Il problema sono sempre i soldi, non si può fare il vino ad un euro al litro, almeno con metodi naturali, se poi però il commercio vuole il vino da un euro ecco che esce fuori un altro prodotto che potremmo chiamarlo succo d'uva alcolico, e una volta arrivato al mercato molta gente dice: "minchia un euro? ne prende 10 litri" (ragazzo del profondo sud amante del nero d'avola), e cosi la cantina che produce un buon vino ma a 3 euro va in crisi, caso mai sul etichetta del vino da un euro c'è scritta la stessa uva...
per non parlare delle lavorazioni...

Lo stesso succede per l'audio, le gente si compra i sistemi compatti, con scritte super bass, 1000w, super,extra, ipod, mp3,mp4,mp5, e chi ne ha più ne metta!!! e si fanno prendere in giro dalle grandi marche.

Dobbiamo ribbellarci a questa industria, è nostro compito informare questa gente sbadata, chi è più esperto deve mettere a disposizione le sue abilità!

Ma alla fine è un sogno :-)


x84andrea
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 18.05.10
Numero di messaggi : 472
Località : torino
Occupazione/Hobby : ingegnere cosi per dire
Provincia (Città) : comodamente rivoltoso
Impianto : buona parte fatta con le mie mani!

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  wasky il Gio 8 Lug 2010 - 12:22

Bene le premesse ci sono e allora vi chiedo

quando facciamo un test ABX da me e come partecipanti poniamo sullo switch regolati per ottenere le stessa SPL


T-Amp TA2024
Thomann Amp TA 450
ADCOM GFA 5300


Io dico che vince il secondo e voi ?



Roberto

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger

wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  MaurArte il Gio 8 Lug 2010 - 12:30

@wasky ha scritto:Bene le premesse ci sono e allora vi chiedo

quando facciamo un test ABX da me e come partecipanti poniamo sullo switch regolati per ottenere le stessa SPL


T-Amp TA2024
Thomann Amp TA 450
ADCOM GFA 5300


Io dico che vince il secondo e voi ?


Roberto
Ci vogliono casse più efficenti per fare un test congruo Robè.
Con le Klipshorn,le JBL4333 e le Voice of Theatre non so in quanti capirebbero qualcosa (test gia fatti,cene gia vinte Hehe )


MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7233
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  x84andrea il Gio 8 Lug 2010 - 12:36

lasciamo giudicare le nostre orecchie!
io posso portare quel che ho fatto io e ho a roma, cioè un gainclone, le casse rcf, e un cavo d'alimentazione :-), il resto è al paese.
allora organiziamo!

x84andrea
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 18.05.10
Numero di messaggi : 472
Località : torino
Occupazione/Hobby : ingegnere cosi per dire
Provincia (Città) : comodamente rivoltoso
Impianto : buona parte fatta con le mie mani!

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vino costoso è più buono; ovvero: l'importanza del test in doppio cieco

Messaggio  wasky il Gio 8 Lug 2010 - 13:23

@MaurArte ha scritto:

Ci vogliono casse più efficenti per fare un test congruo Robè.
Con le Klipshorn,le JBL4333 e le Voice of Theatre non so in quanti capirebbero qualcosa (test gia fatti,cene gia vinte Hehe )


Mauri è un pò come mettere il pieno di V power su una DAF Laughing mo tu me citi dei diffusori che ok sono sensibili ma ce ne vuole sia per pilotarli che per acquistarli

Facciamo la cosa inversa allora cerchiamo di spingerli al massimo con i pochi watt del T e i primi 15 in classe A del mio

Ho ascoltato le Altec VOTT una sola volta decentemente in un salone di 120 mq connesse a due Reference A50 e A20

Mi sono fatto la pipp@ ovviamente Smile

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger

wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum