T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Vendo preamplificatore FX Audio TUBE-01 40€
Oggi alle 9:44 am Da Charli48

» Consiglio Cuffie In Ear
Oggi alle 9:33 am Da Diesellolle

» Tweak Whaferdale Diamond 9.6
Oggi alle 9:32 am Da TOC1981

» distanza crossover
Oggi alle 9:15 am Da dinamanu

» R39 by Bellino
Oggi alle 8:57 am Da Falco Maurizio

» Amplificatore con TDA2050
Oggi alle 8:26 am Da dinamanu

» ALIENTEK D8
Oggi alle 8:19 am Da giucam61

» scanspeak sta' un pezzo avanti!
Oggi alle 8:07 am Da dinamanu

» Emulatore Raspberry PI
Oggi alle 7:55 am Da almo70

»  [BS+ss] Vendo dac Yulong ADA1 con inclusa scheda wi fi
Oggi alle 7:08 am Da turo91

» wtfplay
Ieri alle 8:02 pm Da pallapippo

» Costruire casse per full range vintage.
Ieri alle 5:56 pm Da natale55

» Lettore ALL IN ONE definitivo
Ieri alle 5:19 pm Da RAIS

» Technics SL 1200 Mk2
Ieri alle 5:16 pm Da RAIS

» Software APM Tool Lite
Ieri alle 4:46 pm Da gubos

» Nuova alimentazione per Virtue One
Ieri alle 4:19 pm Da silver surfer

» LP HiFi News Analogue Test Record +Thorens Td 295 mk4 + Ortofon 2M Blue
Ieri alle 1:30 pm Da Ark

» Conoscete questo valvolare 300b??
Ieri alle 12:30 pm Da Giovanni duck

» Vendo finale Icepower 125 asx2 €240 + s.s.
Ieri alle 6:50 am Da chiccoevani

» case per tpa3116
Lun Mag 22, 2017 10:27 pm Da Giovanni duck

» Entrare nel mondo DIY, ma quale chip usare?
Lun Mag 22, 2017 8:52 pm Da mt196

» Chromecast audio... aiuto per usarlo al meglio, adesso solo polvere
Lun Mag 22, 2017 8:35 pm Da nerone

» INDIPENDENTEMENTE DALLA CLASSE DI FUNZIONAMENTO ...
Lun Mag 22, 2017 6:58 pm Da giucam61

» Valvolare kt88
Lun Mag 22, 2017 5:28 pm Da Giovanni duck

» BC acoustique
Lun Mag 22, 2017 5:03 pm Da kalium

» (NA) Triangle Mimimun
Lun Mag 22, 2017 4:49 pm Da sonic63

» Alimentazione TCC
Lun Mag 22, 2017 4:12 pm Da mt196

» Nuovo TAMP
Lun Mag 22, 2017 12:04 pm Da antted

» Problema con cavo rca
Lun Mag 22, 2017 11:58 am Da quizface

» Quale preamplificatore-dac?
Lun Mag 22, 2017 8:40 am Da giucam61

Statistiche
Abbiamo 10819 membri registrati
L'ultimo utente registrato è bresaola

I nostri membri hanno inviato un totale di 786829 messaggi in 51128 argomenti
I postatori più attivi della settimana
dinamanu
 
giucam61
 
Giovanni duck
 
sportyerre
 
silver surfer
 
nerone
 
mecoc
 
Seti
 
gubos
 
RAIS
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19630)
 
schwantz34 (15503)
 
Silver Black (15459)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10261)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8997)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 60 utenti in linea: 10 Registrati, 1 Nascosto e 49 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

bresaola, Diesellolle, dinamanu, Falco Maurizio, GGiovanni, Giovanni_14, magistercylindrus, natale55, pallapippo, Tinomn

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun Mag 25, 2015 1:01 pm
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Pagina 11 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... , 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Fernando Micelli il Mer Giu 22, 2011 10:32 pm

@piero7 ha scritto:

Ma na bella birra fresca, non è meglio co sta calura? Laughing
'rcamiseria se non è meglio!

E sono stra sicuro che si sente... e di certo MEGLIO!

Guarda, faccio subito la prova e senza resistenze, anzi no...
una ce nè: l'anta del frigo... mi resiste, la str...

ahh, aperta!

Piero, alla tua... Ok


Fernando Micelli
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 29.04.11
Numero di messaggi : 1317
Località : Maruggio (TA)
Impianto : Amplificatore Mosfet 250 + Casse 4,5 vie

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  sonic63 il Mer Giu 22, 2011 10:33 pm

@piero7 ha scritto:invece di mettersi a tagliare un cavo, basta aprire l'RCA uno dei propri cavi e saldare in parallelo due resistenze in parallelo da 6800ohm o una della metà di questo valore (3400ohm) e provare, si fa prima Laughing

Mo sapete che faccio? Metto un po' di resistenze dentro al pre, dentro al finale e qualcuna l'appoggio sulle pure casse. Chissa che influenza avranno sul suono? Glasses

Ma na bella birra fresca, non è meglio co sta calura? Laughing
per la birra fresca sono d'accordissimo Beer Beer

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5350
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Metallar0 il Mer Giu 22, 2011 10:39 pm

@Stentor ha scritto:
@Metallar0 ha scritto:
Risposta: NO.
Cosi mi fate preoccupare! Shocked
io utilizzo lo 007 fra dac e pre e fra pre e finale( è più di un mese che li utilizzo,l'ho utilizzato per almeno un anno sul mio vecchio amplificatore)...
che danni potrebbe fare??
in tal caso stacco tutto e mi autocostruisco altri cavi più "classici"...

Autocostruisci o comprati cavi normali ..... questi progetti sono imho del tutto inutili oltre che filosoficamente assurdi: un cavo deve trasmettere il più integro possibile il segnale ...altro che metterci resistenze !!!!!
ok,allora a breve mi autocostruisco un altro paio di cavi!
avatar
Metallar0
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 06.03.11
Numero di messaggi : 1615
Località : Roma
Provincia (Città) : Roma (Ostia)
Impianto : Sorgente digitale: Prism Sound Orpheus
Sorgente analogica: Hitachi ht 50 s, Systemdek IIX+Linn Basik LX V Plus
Monitor: RCF Mytho 8
Cuffie: Beyerdynamic Dt 990 pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Fernando Micelli il Mer Giu 22, 2011 10:58 pm

SuperSonic

hai proprio ragione. E' una materia ingarbugliatissima quella dei cavi e degli ascolti.

Provo a chiarire almeno la mia di posizione

1 - Ritengo quel cavo un inutile carico che costringe al super lavoro l'uscita della sorgente.

2 - Non sono convinto che non si senta perchè, il alcuni casi, potrebbe far aumentare
la distorsione complessiva ed anche far variare la risposta in frequenza (leggi avere più bassi
o meno bassi)


3 - Questa distorsione e queste alterazioni nella risposta a qualcune potrebbero piacere, Ma
non si può dire che qualcusa sia migliorata, anzi tecnicamente è peggiorata

4 - Quel super esperto si autodefinisce "talebano del suono" e ne ha tutti i motivi per
farlo. Su tante cose siamo in accordo, su questa no.
La domanda "chi ha ragione" era retorica. Era per dire che esiste chi diminuisce il carico
e... sente meglio. Qui invece c'è chi lo aumenta di molto e... sente meglio!
Tu non ti chiedi, retoricamente,: "Chi ha ragione?"

5 - Io di prove ne ho fatte, milioni di milioni, ed in verità mi sono seccato. Sai perchè?
Perchè quello che per una persona è macroscopico, eclatante, superlativo quando l'ho
voluto provare mi ha deluso. Differenze magari pure reali ma minime nella quantità.

Vedi, è questo il nòcciolo... Quanto!
In virtù di questo "Quanto" si sparano le più emerite fesserie, si spendo anche capitali,
si rinuncia ad una parte dello spettro audio, ... perchè cosi "si sente meglio!!!"

E lì io chiedo: QUANTO?

Beh, basta. La birra fa il suo dovere... e mo' me ne vado a nanna. Beer
Bye.
Sleep

Fernando Micelli
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 29.04.11
Numero di messaggi : 1317
Località : Maruggio (TA)
Impianto : Amplificatore Mosfet 250 + Casse 4,5 vie

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  tino84 il Gio Giu 23, 2011 7:46 am

@Fernando Micelli ha scritto:
Beh, basta. La birra fa il suo dovere.... Beer
Bye.

e io lì chiedo: ma QUANTO la birra fa il suo dovere? Very Happy Very Happy Laughing
(si scherza Razz )

tino84
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 27.11.09
Numero di messaggi : 3467
Località : Gorizia
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Marco Ravich il Gio Giu 23, 2011 7:51 am

Anch'io sono un talebano: come cavi di potenza uso dei sat (2 per polo) senza neanche twistarli !
avatar
Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3942
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  schwantz34 il Gio Giu 23, 2011 8:35 am

@Marco Ravich ha scritto:Anch'io sono un talebano

ah si? salutami il mullah Omar allora!

avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15503
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Switters il Gio Giu 23, 2011 8:56 am

@Fernando Micelli ha scritto:
1 - Ritengo quel cavo un inutile carico che costringe al super lavoro l'uscita della sorgente.

Perdona la mia ignoranza ma sono curioso e mi piace capire, perché costringerebbe a un super lavoro l'uscita?

Inoltre: tra l'ipotesi che non cambia nulla perché le resistenze sono bypassate dal cat5, e quella che le resistenze potrebbero costituire un adattamento di impedenza, non mi ci raccapezzo più... Very Happy
Le resistenze sono inifluenti o no? Oppure sono irrilevanti sotto un certo aspetto ma non sotto un altro?

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Stentor il Gio Giu 23, 2011 9:29 am

@Switters ha scritto:
@Fernando Micelli ha scritto:
1 - Ritengo quel cavo un inutile carico che costringe al super lavoro l'uscita della sorgente.

Perdona la mia ignoranza ma sono curioso e mi piace capire, perché costringerebbe a un super lavoro l'uscita?

Inoltre: tra l'ipotesi che non cambia nulla perché le resistenze sono bypassate dal cat5, e quella che le resistenze potrebbero costituire un adattamento di impedenza, non mi ci raccapezzo più... Very Happy
Le resistenze sono inifluenti o no? Oppure sono irrilevanti sotto un certo aspetto ma non sotto un altro?

Più che altro sono assurde ...come è assurdo che a qualcuno sia venuto in mente di metterle Wink

Pensaci bene ...il cavo deve solo collegare facendo perdere il meno possibile al segnale ...... che senso ha metterci dei componenti all'interno? .... se servissero li avrebbero messi negli ingressi e nelle uscite delle elettroniche....

Possibile che nessuno lo faccia (mit a parte ...ma per furbescamente equalizzare il suono ..infatti i cavi Mit sono in genere dolci e tondoni) e invece sarebbe la soluzione ad ogni male?

Hehe Hehe Hehe Hehe

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Switters il Gio Giu 23, 2011 9:57 am

@Stentor ha scritto:
Più che altro sono assurde ...come è assurdo che a qualcuno sia venuto in mente di metterle Wink

Pensaci bene ...il cavo deve solo collegare facendo perdere il meno possibile al segnale ...... che senso ha metterci dei componenti all'interno? .... se servissero li avrebbero messi negli ingressi e nelle uscite delle elettroniche....

Possibile che nessuno lo faccia (mit a parte ...ma per furbescamente equalizzare il suono ..infatti i cavi Mit sono in genere dolci e tondoni) e invece sarebbe la soluzione ad ogni male?

Hehe Hehe Hehe Hehe

Ok, da un certo punto di vista "tecnico" sono assurde/inifluenti perché sono bypassate. Ma sotto il discorso del variare l'impedenza vista dalle uscite/ingressi?
Premetto che a me non interessa tanto la questione "cavi e loro importanza" quanto il capire la questione da un punto di vista elettrico. Anzi, dai "punti di vista", visto che per il momento ce ne sono almeno due Smile Smile

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  sonic63 il Gio Giu 23, 2011 10:37 am

@Switters ha scritto:

Ok, da un certo punto di vista "tecnico" sono assurde/inifluenti perché sono bypassate. Ma sotto il discorso del variare l'impedenza vista dalle uscite/ingressi?
Premetto che a me non interessa tanto la questione "cavi e loro importanza" quanto il capire la questione da un punto di vista elettrico. Anzi, dai "punti di vista", visto che per il momento ce ne sono almeno due Smile Smile

Il punto di vista elettrico è uno: le due resistenze sono in parallelo all' uscita dell'apparecchio a monte e all'ingrsso di quello a valle.

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5350
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Switters il Gio Giu 23, 2011 10:40 am

@sonic63 ha scritto:
@Switters ha scritto:
Ok, da un certo punto di vista "tecnico" sono assurde/inifluenti perché sono bypassate. Ma sotto il discorso del variare l'impedenza vista dalle uscite/ingressi?
Premetto che a me non interessa tanto la questione "cavi e loro importanza" quanto il capire la questione da un punto di vista elettrico. Anzi, dai "punti di vista", visto che per il momento ce ne sono almeno due Smile Smile

Il punto di vista elettrico è uno solo : le due resistenze sono in parallelo all' uscita dell'apparecchio a monte e all'ingresso di quello a valle.

Questione di terminologia Smile

Quelli da te descritti io li considero "fatti", che da qualcuno vengono interpretati arrivando alla conclusione che le due resistenze sono ininfluenti (e questo, secondo me, è un "punto di vista"), da qualcun altro vengono invece considerati sotto l'aspetto dell'impedenza vista dalle uscite/ingressi (e questo, sempre secondo me, è un secondo "punto di vista").

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  sonic63 il Gio Giu 23, 2011 10:51 am

@Switters ha scritto:
@sonic63 ha scritto:
@Switters ha scritto:
Ok, da un certo punto di vista "tecnico" sono assurde/inifluenti perché sono bypassate. Ma sotto il discorso del variare l'impedenza vista dalle uscite/ingressi?
Premetto che a me non interessa tanto la questione "cavi e loro importanza" quanto il capire la questione da un punto di vista elettrico. Anzi, dai "punti di vista", visto che per il momento ce ne sono almeno due Smile Smile

Il punto di vista elettrico è uno solo : le due resistenze sono in parallelo all' uscita dell'apparecchio a monte e all'ingresso di quello a valle.

Questione di terminologia Smile

Quelli da te descritti io li considero "fatti", che da qualcuno vengono interpretati arrivando alla conclusione che le due resistenze sono ininfluenti (e questo, secondo me, è un "punto di vista"), da qualcun altro vengono invece considerati sotto l'aspetto dell'impedenza vista dalle uscite/ingressi (e questo, sempre secondo me, è un secondo "punto di vista").
secondo me le resistenze sono sicuramente influenti, poi in ogni accoppiamento sorgente - carico daranno risultati diversi.


Ultima modifica di sonic63 il Gio Giu 23, 2011 12:28 pm, modificato 1 volta

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5350
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  sonic63 il Gio Giu 23, 2011 11:08 am

@Fernando Micelli ha scritto:SuperSonic

hai proprio ragione. E' una materia ingarbugliatissima quella dei cavi e degli ascolti.

Provo a chiarire almeno la mia di posizione

1 - Ritengo quel cavo un inutile carico che costringe al super lavoro l'uscita della sorgente.

2 - Non sono convinto che non si senta perchè, il alcuni casi, potrebbe far aumentare
la distorsione complessiva ed anche far variare la risposta in frequenza (leggi avere più bassi
o meno bassi)


3 - Questa distorsione e queste alterazioni nella risposta a qualcune potrebbero piacere, Ma
non si può dire che qualcusa sia migliorata, anzi tecnicamente è peggiorata

4 - Quel super esperto si autodefinisce "talebano del suono" e ne ha tutti i motivi per
farlo. Su tante cose siamo in accordo, su questa no.
La domanda "chi ha ragione" era retorica. Era per dire che esiste chi diminuisce il carico
e... sente meglio. Qui invece c'è chi lo aumenta di molto e... sente meglio!
Tu non ti chiedi, retoricamente,: "Chi ha ragione?"

5 - Io di prove ne ho fatte, milioni di milioni, ed in verità mi sono seccato. Sai perchè?
Perchè quello che per una persona è macroscopico, eclatante, superlativo quando l'ho
voluto provare mi ha deluso. Differenze magari pure reali ma minime nella quantità.

Vedi, è questo il nòcciolo... Quanto!
In virtù di questo "Quanto" si sparano le più emerite fesserie, si spendo anche capitali,
si rinuncia ad una parte dello spettro audio, ... perchè cosi "si sente meglio!!!"

E lì io chiedo: QUANTO?

Beh, basta. La birra fa il suo dovere... e mo' me ne vado a nanna. Beer
Bye.
Sleep
Condivido alcune delle tue affermazioni, soprattutto riguardo alle fesserie che vengono scritte un pò dappertutto, io ne leggo tante.
Però non tutti hanno la tua esperienza, nè hanno fatto i milioni e milioni di prove che hai fatto tu, e se per te il "quanto" è un parametro importante e hai il tuo metro per decidere se interessarti o meno a una cosa, non è detto che sia lo stesso per tutti. Il mio "quanto" lo voglio decidere da solo, nel mio impianto, con il mio metro di giudizio.
Se anche io preferissi un suono distorto o privo di acuti devo essere io a decidere.
Allora un appassionato, magari superesperto come te (e ho potuto vedere che in rete ce ne sono davvero tanti!!), se proprio vuole intervenire anche in una discussione che considera una scemenza atomica, dà il suo giudizio, possibilmente sostenendolo con serie e specifiche argomentazioni tecniche, e chiude lì il discorso.
Non è necessario nè richiesto che stia lì a convincere gli altri che stanno perdendo il loro tempo ,che si mettono a provare delle sciocchezze e via altre argomentazioni assolutamente soggettive.

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5350
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  cucicu il Gio Giu 23, 2011 11:10 am

se volete provarlo è sempre un'esperienza, ma vi ripeto che l'effetto cambia in base alla sorgente, e laddove nelle mie prove questo era udibile, non era niente di più che un passa-alto
avatar
cucicu
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 25.02.11
Numero di messaggi : 5985
Località : Sicilia centrale
Occupazione/Hobby : Ascolti vari
Provincia (Città) : Lungimirante
Impianto : CD rega planet 2000

AMPLI Marantz PM6006

DIFFUSORI Chario 523R

Tornare in alto Andare in basso

Questi si che son cavi...

Messaggio  Annovif il Gio Giu 23, 2011 11:16 am

.... http://ww2.mitcables.com/ Laughing

(il circuito in mezzo e' lo stesso del 007?)

Buone cose a tutti, Fabio

Annovif
Novizio
Novizio

Data d'iscrizione : 23.01.11
Numero di messaggi : 13
Località : Modena
Impianto : Da definire

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  sonic63 il Gio Giu 23, 2011 11:17 am

@cucicu ha scritto:se volete provarlo è sempre un'esperienza, ma vi ripeto che l'effetto cambia in base alla sorgente, e laddove nelle mie prove questo era udibile, non era niente di più che un passa-alto
secondo me è come ha scritto Fernando, erano i bassi che latitavano.
Tu che impressione hai avuto aumento degli alti o diminuzione dei bassi?

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5350
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  sonic63 il Gio Giu 23, 2011 11:20 am

@Annovif ha scritto:....http://ww2.mitcables.com/ Laughing

(il circuito in mezzo e' lo stesso del 007?)

Buone cose a tutti, Fabio
secondo me non è lo stesso, quello dei MIT sarà molto più complesso, ma comunque è qualcosa di simile, per questo voglio fare qualche prova con lo 007, del resto i MIT sullo scatolotto hanno un selettore di impedenza. Very Happy


Ultima modifica di sonic63 il Gio Giu 23, 2011 11:20 am, modificato 1 volta

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5350
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  cucicu il Gio Giu 23, 2011 11:20 am

@sonic63 ha scritto:
@cucicu ha scritto:se volete provarlo è sempre un'esperienza, ma vi ripeto che l'effetto cambia in base alla sorgente, e laddove nelle mie prove questo era udibile, non era niente di più che un passa-alto
secondo me è come ha scritto Fernando, erano i bassi che latitavano.
Tu che impressione hai avuto aumento degli alti o diminuzione dei bassi?


entrambe le cose, ma soprattutto aumento degli alti, come se la banda passante si fosse spostata a dx di un paio di ottave, ecco perchè l'ho subito rimosso dal mio impiantino
avatar
cucicu
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 25.02.11
Numero di messaggi : 5985
Località : Sicilia centrale
Occupazione/Hobby : Ascolti vari
Provincia (Città) : Lungimirante
Impianto : CD rega planet 2000

AMPLI Marantz PM6006

DIFFUSORI Chario 523R

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  sonic63 il Gio Giu 23, 2011 11:23 am

@cucicu ha scritto:
@sonic63 ha scritto:
@cucicu ha scritto:se volete provarlo è sempre un'esperienza, ma vi ripeto che l'effetto cambia in base alla sorgente, e laddove nelle mie prove questo era udibile, non era niente di più che un passa-alto
secondo me è come ha scritto Fernando, erano i bassi che latitavano.
Tu che impressione hai avuto aumento degli alti o diminuzione dei bassi?


entrambe le cose, ma soprattutto aumento degli alti, come se la banda passante si fosse spostata a dx di un paio di ottave, ecco perchè l'ho subito rimosso dal mio impiantino
Banda passante spostata a dx intendi verso le alte frequenze?
Scusami, ma sai quant'è un'ottava? Very Happy

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5350
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  sonic63 il Gio Giu 23, 2011 1:13 pm

@Fernando Micelli ha scritto:

Ma...
se si fosse in presenza di una uscita "di collettore" oppure di "anodo" in caso di
un front end a valvole, un tale carico sposterebbe non poco il punto di lavoro
dei dispositivi finali e questa cosa SI SENTIREBBE e pure molto e sarebbe ben
misurabile! Shocked

In questa situazione la prima cosa che aumenterebbe sarebbe la distorsione di
seconda armonica.

Ora, c'è tanta gente che gradisce questa forma di distorsione trovandola eufonica
e molti attribuiscono a questa caratteristica distorsione il famoso "suono delle
valvole" le quali, notoriamente, distorcono e neanche poco in questo modo.
Smile

Per quanto ne sò io in un circuito di segnale a valvole il carico sull' uscita NON può spostare il punto di lavoro della valvola.

Allora, giusto perchè non si finisce mai di imparare, vorrei capire, secondo te, come questo spostamento avverebbe, come si potrebbe sentire e come si potrebbe misurare.

Che con un carico maggiore lo stadio a valvole potrebbe distorcere è vero, ma per avere difficoltà a pilotare un carico di 3.400 Ohm, dovrebbe essere uno stadio a valvole abbastanza scarso, purtroppo ce ne sono in giro parecchi, Sad e in questo sono d'accordo con te.

La distorsione di seconda armonica si produrrebbe solo nel caso di un triodo, un pentodo produrrebbe distorsione di ordine superiore.

Però bada bene che quella prodotta da un triodo in questo caso non sarebbe la distorsione di seconda armonica "buona" che tu citi, quella che gli amanti degli apparecchi a valvole del dopoguerra Laughing chiamano "il caldo suono delle valvole" (gonfio e lento secondo me).
La distorsione di seconda armonica prodotta per sovraccarico dello stadio è generata dalla tosatura di una delle semionde ed all'ascolto è comunque fastidiosa .
A proposito: non è affatto vero che le valvole: " distorcono e neanche poco in questo modo."
Le valvole come qualsiasi componente attivo distorce se vuoi farlo distorcere.
Hai fatto bene aggiungere il "notoriamente" perchè quella è la chiave per leggere i giudizi dati dagli esperti della rete. Very Happy Very Happy

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5350
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Albert^ONE il Gio Giu 23, 2011 1:38 pm

Signori,tutti abbiamo molte perplessità sulle cose scritte dal signor Delle Curti,ma a quanto pare i suoi cavi da 2 lire suonano bene,equiparandosi se non superando cavi dal costo di diverse centinaia di euro Wink

Sarebbe interessante analizzare e calcolare l'impedenza del bipolo(quadripolo prendendo in considerazione sia Zi che Zo) che si viene a creare.
Purtroppo ahimè! non ho le capacità,nei calcoli sono stato sempre negato,quando ero studente alle superiori avevo altro a cui pensare,adesso capisco il mio prof di elettronica che mi diceva di studiare perchè queste cose mi potevano servire in futuro.

Vi posto un pò di formulette di cui purtroppo ho ricordi molto blandi.

http://it.wikipedia.org/wiki/Impedenza
avatar
Albert^ONE
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.10.10
Numero di messaggi : 5364
Località : Lanciano(ch) Abruzzo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  madqwerty il Gio Giu 23, 2011 2:02 pm

@Albert^ONE ha scritto:
Sarebbe interessante analizzare e calcolare l'impedenza del bipolo(quadripolo prendendo in considerazione sia Zi che Zo) che si viene a creare.
il mio primo precedente intervento (che parzialmente trattava questo argomento) non era del tutto corretto, ce riprovo Razz

Impedenza vista dalla sorgente = 3400 ohm // Zin ricevente
siccome "Zin ricevente" solitamente è molto maggiore di 3.4K , il parallelo tra i 2 valori è "comandato" dai 3.4K e quindi si avvicina (per difetto) a 3400ohm

Impedenza vista dal ricevente (guardando indietro sulla sorgente) = 3400 ohm // Zout sorgente
Zout sorgente solitamente è abbastanza inferiore a 3400ohm, per lo stato solido c'è un mezzo standard di 600ohm ma poi si può scendere anche di parecchio, quindi il parallelo tra i 2 valori è "comandato" dall'impendenza di uscita della sorgente, e quindi si avvicina (per difetto) a Zout della sorgente
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Albert^ONE il Gio Giu 23, 2011 2:39 pm

si,diciamo che l'impedenza standard è sui 600 ohm,ma in una lezione del mio prof di telecomunicazioni,lui affermava che in molti casi alcuni circuiti necessitano di un adattamento di impedenza e alcuni valori degli esempi fatti sulla lavagna,guarda caso si aggiravano sui 1,8-4 Kohm. Wink
Cmq è un discorso molto articolato,ricordo che ci siamo portati dietro questo argomento per 3 mesi in quanto il mio prof diceva che questa è la base per tutti i circuiti elettronici e di telecomunicazioni. Smile
avatar
Albert^ONE
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.10.10
Numero di messaggi : 5364
Località : Lanciano(ch) Abruzzo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  madqwerty il Gio Giu 23, 2011 3:04 pm

cosa ti sei dimenticato Wink è che il prof ti avrà anche raccontato che,
per poter parlare di impedenze caratteristiche,
equazioni d'onda (diretta e riflessa)
linee di trasmissione a parametri distribuiti,
e in definitiva di adattamento di impedenza,

è necessario che la lunghezza della linea di tx abbia lo stesso ordine di grandezza della lunghezza d'onda del segnale che lo attraversa Wink
poi ho letto in giro che va già bene considerare questo modello quando L-linea = lambda / 4

quindi, "didatticamente" parlando, applicare questi concetti nell' HiFi (che trasporta segnali a bassa frequenza, mal che vada media frequenza se vogliamo parlare di disturbi, o dell'intimo funzionamento della classe D) non ha alcun fondamento teorico-didattico Wink

bisogna prenderla con filosofia, visto che l'elettronica non ci arriva Hehe Hehe Hehe
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il cavo Epigenetico di Roberto delle Curti

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 11 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... , 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum