T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Consiglio preamplificatore lesahifi
Oggi alle 14:05 Da dinamanu

» [NA] Vendo Wadia 151 Power Dac - 350 euro spedito
Oggi alle 13:50 Da MrTheCarbon

» Consiglio: impianto si o no e cosa (poco spazio, max 600€)
Oggi alle 9:31 Da dinamanu

» Blood Sweat Tears
Ieri alle 23:21 Da andy65

» Quali album per iniziare ad ascoltare jazz?
Ieri alle 21:22 Da lello64

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Ieri alle 19:54 Da giatz83

» Gilmour, Live at Pompeii
Ieri alle 19:31 Da fuscusmic

» SMSL M7: il dac definitivo alla portata di tutti?
Ieri alle 18:54 Da Nadir81

» Primo Impianto Hi-Fi
Ieri alle 18:01 Da dinamanu

» Technics SU-V2A
Ieri alle 15:50 Da Massimo Cogo

» JAZZ - È morto Hank Jones
Ieri alle 15:21 Da Albert^ONE

» Rimetto in vendita tutti i miei Blu-Ray
Ieri alle 12:07 Da wolfman

» ciò solo 200 euri.... le scinte e il cinesino.... oppure...
Mar 19 Set 2017 - 23:56 Da dinamanu

» [GE] CMoyy DIY potenziato - 60 € s.s. incluse
Mar 19 Set 2017 - 23:26 Da sh4d3

» The Oscar Peterson Trio - We Get Requests
Mar 19 Set 2017 - 21:29 Da andy65

» [cerco]Lettore CD da usare come meccanica
Mar 19 Set 2017 - 20:29 Da rattaman

» YAMAHA WX-A50 Qualcuno l'ha sentito?
Mar 19 Set 2017 - 17:02 Da Baron Birra

» [Vendo] SuperPro 707 DAC USB 3
Mar 19 Set 2017 - 16:49 Da dmnet75

» [MI + sped] Amplificatore per cuffie Yulong A28 classe A bilanciato garanzia perfetto
Mar 19 Set 2017 - 15:22 Da vale69

» Consiglio su amplificatore stereo
Mar 19 Set 2017 - 15:03 Da zermak

» Cyrus 3
Mar 19 Set 2017 - 14:40 Da Pinve

» Quale AB là posto del D8 ?
Mar 19 Set 2017 - 14:21 Da dinamanu

» Charlie Haden che mito!
Mar 19 Set 2017 - 14:01 Da andy65

» Napoli Centrale
Mar 19 Set 2017 - 12:29 Da Ivan

» potenza Alientek D8 / FX 802
Mar 19 Set 2017 - 7:56 Da stefa

» Ricordando Miles Davis
Lun 18 Set 2017 - 22:23 Da andy65

» Marcus Miller Panther
Lun 18 Set 2017 - 22:20 Da andy65

» Vangelis - Blade runner
Lun 18 Set 2017 - 21:12 Da sportyerre

» Buste viniliche
Lun 18 Set 2017 - 20:40 Da andy65

» Bill Evans arruginito.....
Lun 18 Set 2017 - 20:33 Da andy65

Statistiche
Abbiamo 11025 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Salvo600

I nostri membri hanno inviato un totale di 795074 messaggi in 51558 argomenti
I postatori più attivi della settimana
dinamanu
 
lello64
 
giucam61
 
nerone
 
andy65
 
Nadir81
 
Kha-Jinn
 
giatz83
 
pallapippo
 
Baron Birra
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15512)
 
Silver Black (15477)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9180)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 64 utenti in linea: 5 Registrati, 0 Nascosti e 59 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

brico, dinamanu, Ducarosso, giatz83, Salvo600

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Potenza e carico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Potenza e carico

Messaggio  Telstar il Sab 15 Mag 2010 - 12:00

Essendo una discussione interessante mi sono permesso di aprire un thread a parte per proseguirla, credo sia di interesse anche per altri.

Telstar ha scritto:
Scusami Oscar, ma il tuo ragionamento NON fila. Da dove deriva che l'alimentazione di un classe A andrebbe dimensionato K2 o K3?
Il fatto che l'impedenza dei tuoi diffusori richiede circa 8x la corrente nominale non vuol dire nulla, quando QUELLA corrente è stata calcolata in fase di progetto. Cosa che NON E' con gli ampli che hai provato (se non sbaglio sei ad un minimo di 1 ohm).

Es. se ho diffusori da 4.9 ohm lineari so quanto cazzo di corrente gli devo dare per avere xx watt senza strozzature.
Più un 10-30% di margine per coprire in primis l'inefficienza del trasformatore (che è dell'ordine dell'8% nei toroidali), etc.
Aumentare ancora mi sembra solamente uno spreco.
CMQ il solo fatto che io avrò un carico prettamente resistivo ed un'impedenza piatta, mi mette al sicuro da un comportamento del genere.

Mi scuso anche io per il lungo OT. Rispondo e poi prometto che non lo faccio più.
Il mio ragionamento stà nel fatto che un diffusore con modulo puramente resistivo e con la fase nulla NON esiste.
Ti ricordo che anche i miei diffusori nella parte medio-alta(dai 150hz in sù) sono isodinamici, quindi quasi puramente resistivi.
Il problema è proprio nel "quasi"...

Hai misurato il modulo? Sarebbe interessante. Teoricamente i pannelli magnetoplanari sono un carico quasi puramente resistivo e hanno un modulo di impedenza molto lineare nel range utile.
Discorso simile per i tweeter (forse nei tuoi siamo ancora più vicini all'ideale)

Ci sono studi che provano che il diffusore "cambia" al variare della pressione sonora emessa, che sia resistivo o meno nel modulo.

Studi che usano solo trasduttori dinamici. CMQ oltre un certo punto tutti i trasduttori cambiano per via della cosiddetta power distortion. Bisognerebbe stare lontani da quel limite (tu invece lo sfori spesso Wink))) ).

Stessa cosa per gli amplificatori: le misure in regime stazionario hanno un senso "Limitato" di interpretazione, non saprei come spiegarmi adesso.

Qui invece sono al 100% daccordo con te. Una singola sinusoide attaccata ad una resistenza (magari da 8 ohm) non dice un bel niente di quanta corrente di picco dovrà erogare l'ampli. Infatti ho citato i dati ricavati da Self (sul 6x 8x volte quella in un carico nominale di 8 ohm, ancora di più con diffusori tosti come i tuoi, ma CALCOLABILE a tavolino)
I segnali multitono sono infinitamente più utili nonché realistici. Ed anche le bistrattate onde quadre.

Se vuoi fare una amplificazione in corrente avrebbe senso solamente per un segnale stazionario(stessa frequenza e stesso livello) e solo per quella. Quindi di che si stà parlando?
Variando questi fattori ne variano così tanti altri che non puoi tenerne conto di tutti.
Già solamente la compressione dinamica che ha l'altoparlante, quella termica, l'acustica della stanza che varia con la pressione sonora... etc.etc.
Come ti ho già detto, lo sai che non sono un amante delle amplificazioni in corrente, soluzione per me dalla coperta troppo corta e ancora più corta rispetto ad un amplificatore tradizionale in tensione ben progettato e dimensionato.

Interessante questa opinione. Sto leggendo proprio un libro sull'amplificazione in corrente e la ritengo interessante per la gamma mediobassa con trasduttori dinamici. La coperta non è più corta di quella degli ampli in tensione. Anzi a me in quel caso i vantaggi sembrano superare gli svantaggi. Non ho ancora fatto prove (ma le farò).

Quindi un classe A per quanto ben progettato e dimensionato, se non dotato di alimentazioni iperdimensionate e stabilizzate in un certo modo, dovrà comunque prima o poi soccombere e commutare in classe AB, oppure metti un bel rivelatore di picco in uscita e da lì monitorizzi e stai attento a non superare la soglia massima per evitare la commutazione, ma mi sembra veramente una cosa fuori dal mondo.

Nono, è una cosa utilissima e infatti pensavo di farla. A parte che un SE non commuterà mai, ma clipperà.
Se riesco ad ottenere l'efficienza che voglio, l'ampli non dovrà mai e poi mai arrivare al limite, vorrebbe dire che ho sbagliato a dimensionarlo dall'inizio (e qui parlo in primis di potenza).
Il mio progetto per il midrange non è ancora partito proprio perché non ho i dati sull'efficienza effettiva dei trasduttori. Posso iniziare dai tweeter (dove ho tutti i dati), e forse lo farò.
avatar
Telstar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 26.02.09
Numero di messaggi : 1691
Località : Milano
Provincia (Città) : Incerto
Impianto : Living:
Fanless PC > Infrasonic Quartet > MSB MVC > Firstwatt F3 + Classé CAP-100
Open baffle 2 vie attive con Beyma e Hemp | Software XO | cavi vari Siltech, DNM, autocostruiti |
Studio:
W7 PC > emu 1212m (Amanero USB work in progress) > audio-gd DAC19DSP > CK2III con finali Rohm > AT W1000X |

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  Oscar il Sab 15 Mag 2010 - 23:59

Ottima idea di aprire un'altro post "specifico". OTTIMO!! Oki
Ti rispondo random, poi appena posso entro nello specifico.
Un amplificatore in corrente è per me una coperta troppo corta e il perchè è semplice: hai presente una lampadina? Bene. Te per fargli fare più luce, cosa aumenti? Il voltaggio o solo l'amperaggio?
Stessa cosa secondo me avviene con i diffusori dinamici(sono dinamici anche gli isodinamici, visto che sono pur sempre una bobina "piatta" immersa in un campo magnetico...).
Quindi un amplificatore in corrente per me è un amplificatore "privo di dinamica" se mi passi il termine.
Un amplificatore in tensione è anche un amplificatore di-in corrente per certi versi.
Altro esempio: tutto quello che misuriamo lo misuriamo in volt
UN motore elettrico come lo piloti? Ti rispondo io: prima in tensione e poi in corrente(ma sempre legata alla tensione).
Ultima cosa: un amplificatore in corrente ha un rendimento ancora più basso di un buon amplificatore in tensione.
Un altoparlante pilotato in corrente deve essere pilotato con una curva della corrente perfettamente uguale al suo modulo di impedenza, se no si rischia di fare peggio del peggio.
Come dire che sottopiloto il wf al picco di risonanza(la corrente è inversamente proporzionale).
Appena mi schiarisco meglio le idee, ti scrivo qualcosa al riguardo.

Invece per i miei diffusori avevo fatto tutte le misure del caso con la Clio molto tempo fà.
Non mi ricordo più dove sono le misure, ma ci metto poco a rifarle tutte, basta che riaccendo la Clio, attacco i cavi e via... quasi...quasi... dammi un pò di giorni e poi ti faccio sapere.
avatar
Oscar
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 12.04.10
Numero di messaggi : 266
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fonico/modificatore
Provincia (Città) : Bastardo dentro
Impianto : lettore cd Sony CDP-X777es modificato,
dac Audio Alchemy DDE3.0 modificato,
pre a valvole Stealth a due telai,
2 finali Forte Audio model3 modificati in biamplificazione verticale
diffusori Infinity RS4.5
Cavi di segnale Audio Note e Cardas, VDH potenza, MIT alimentazione

http://it.groups.yahoo.com/group/Suzuki_DR600/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  iperv il Dom 16 Mag 2010 - 11:22

Molto interessante.

Secondo me per i classe A single ended bisogna attestarsi al progetto.
Il dispositivo assorbirà 2A?
Bene, il trafo dovrà essere in grado di erogare 2A + 20%= 2.4A, arrotondo a 2.5A.
Tanta è sufficiente a garantire il corretto funzionamento dell'ampli.
Certo, 2.5A alla tensione del progetto; esempio:
il mio single ended ha 1 solo bjt npn con carico resistivo per ramo.
Attualmente è polarizzato a 40V e 1.7A.
Il trafo è da 34V.
Allora 34*1.414= 48V; 48V*(1.7A+25%)=(circa)48V*2.1A=100W.
Allora 100W per ramo saranno (sono) sufficienti.
Nella fattispecie utilizzo delle celle crc + moltiplicatore di capacità, che funziona praticamente da regolatore: infatti il voltaggio mi rimane granitico a 40.4V.

Sulla potenza d'uscita:
per mantenere l'esempio, 1.7A*8ohm=13,6V (tensione max sul carico) *1.7A=(circa)23W (Teorici)
Sarebbe un errore calcolare la potenza così: 20V (cioè la metà dell'alimentazione, così è settato l'ampli)
dicevo 20V/8ohm = 2.5A *20V=50W (dove prenderebbe i 2.5A?).
Per questo ampli, dunque, avere una corrente superiore a 2.5A(+20%che fa sempre comodo) sarebbe inutile, a meno di non innalzare anche la tensione, ed è chiaro che tecnicamente sono eccessivi i 40V per una corrente di bias di 1.7A, ma queste scelte sono figlie di compromessi coi quali un autocostruttore deve sempre fare i conti.
Bello quest'argomento Cool


iperv
avatar
iperv
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 17.06.09
Numero di messaggi : 633
Località : Cava d'aliga - Scicli (Rg)
Impianto : Eterogeneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  Telstar il Dom 16 Mag 2010 - 11:49

iperv ha scritto:Molto interessante.

Secondo me per i classe A single ended bisogna attestarsi al progetto.
Il dispositivo assorbirà 2A?
Bene, il trafo dovrà essere in grado di erogare 2A + 20%= 2.4A, arrotondo a 2.5A.
(...)

In effetti anch'io avrei dimensionato così, salvo magari usare un trafo cmq più grosso per averlo di qualità migliore (ma dipende dal caso).

Che bjt usi?

Continua a sfuggirmi la ratio della logica di Oscar relativamente ad un classe A dimensionato per non andare mai in clipping/switchoff.
avatar
Telstar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 26.02.09
Numero di messaggi : 1691
Località : Milano
Provincia (Città) : Incerto
Impianto : Living:
Fanless PC > Infrasonic Quartet > MSB MVC > Firstwatt F3 + Classé CAP-100
Open baffle 2 vie attive con Beyma e Hemp | Software XO | cavi vari Siltech, DNM, autocostruiti |
Studio:
W7 PC > emu 1212m (Amanero USB work in progress) > audio-gd DAC19DSP > CK2III con finali Rohm > AT W1000X |

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  iperv il Dom 16 Mag 2010 - 12:02

Telstar ha scritto:

Che bjt usi?


2sc2500 Toshiba e un VAS a valvole. Al momento ho qualche perplessità, mi sembra un po' tagliato sugli altri... Sad ...devo lavorarci.

Telstar ha scritto:

Continua a sfuggirmi la ratio della logica di Oscar relativamente ad un classe A dimensionato per non andare mai in clipping/switchoff.

In effetti non colgo.
Oscar, batti un colpo Laughing
avatar
iperv
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 17.06.09
Numero di messaggi : 633
Località : Cava d'aliga - Scicli (Rg)
Impianto : Eterogeneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  Oscar il Dom 16 Mag 2010 - 12:10

MII CHE SFIGA!! Avevo fatto un post lunghissimo e invece di postarlo l'ho cancellato! Che pirla!
Comunque riassumendo:
Voi state parlando principalmente di amplificatori in Classe A single ended, che personalmente non sonsidero dei "veri" classe A
Per Classe A io intendo gli amplificatori push-pull
Nei single-ended si parla di polarizzazione, ma sono tutti classe A PER FORZA, se no che amplifichiamo, le semionde?
Al massimo possono essere "leggermente" sbilanciati, tagliando una semionda rispetto all'altra al raggiungimento dei limiti di potenza se non sono perfettamente bilanciati con le tensioni.
Poi ritorno al solito discorso: un modulo perfettamente resistivo non esiste, quindi dobbiamo prevedere di far lavorare il nostro amplificatore anche ad impedenze più basse.
Impedenze più basse vuol dire maggiore corrente e maggiore polarizzazione(oppure una bella polarizzazione dinamica con tempi di recovery lunghissimi alla Krell).
Perchè non esiste solamente il modulo di un diffusore, ma anche la FASE!!
Un messaggio musicale contiene così tante informazioni che non si può paragonare ad un segnale stazionario.
Segnale che variando di intensità e fequenza, solleciterà in vari modi il nostro circuito e tutto il sistema all'unisono.
Senza contare che la sollecitazione varierà con la potenza e il tempo(ebbene sì, anche il tempo)
tutte variabili che se ne dovessimo tenere conto, ritorneremmo a fare un dimensionamento molto maggiore di quello stimato dalle formulette per una condizione stazionaria teorica e non reale.
Avete mai misurato come varia la polarizzazione di un classe A quando soffiate su un dissipatore?
Che fate, ritoccate tutto ogni volta cambiano le condizioni atmosferiche? Oppure mettete dei dissipatori così grandi che l'elettronica faticherà ad andare a regime?
Per questo ed altri motivi, tendo a maggiorare il tutto in modo "deciso"
avatar
Oscar
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 12.04.10
Numero di messaggi : 266
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fonico/modificatore
Provincia (Città) : Bastardo dentro
Impianto : lettore cd Sony CDP-X777es modificato,
dac Audio Alchemy DDE3.0 modificato,
pre a valvole Stealth a due telai,
2 finali Forte Audio model3 modificati in biamplificazione verticale
diffusori Infinity RS4.5
Cavi di segnale Audio Note e Cardas, VDH potenza, MIT alimentazione

http://it.groups.yahoo.com/group/Suzuki_DR600/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  piero7 il Dom 16 Mag 2010 - 12:14

Oscar ha scritto:MII CHE SFIGA!! Avevo fatto un post lunghissimo e invece di postarlo l'ho cancellato! Che pirla!
Comunque riassumendo:
Voi state parlando principalmente di amplificatori in Classe A single ended, che personalmente non sonsidero dei "veri" classe A
Per Classe A io intendo gli amplificatori push-pull
Nei single-ended si parla di polarizzazione, ma sono tutti classe A PER FORZA, se no che amplifichiamo, le semionde?
Al massimo possono essere "leggermente" sbilanciati, tagliando una semionda rispetto all'altra al raggiungimento dei limiti di potenza se non sono perfettamente bilanciati con le tensioni.
Poi ritorno al solito discorso: un modulo perfettamente resistivo non esiste, quindi dobbiamo prevedere di far lavorare il nostro amplificatore anche ad impedenze più basse.
Impedenze più basse vuol dire maggiore corrente e maggiore polarizzazione(oppure una bella polarizzazione dinamica con tempi di recovery lunghissimi alla Krell).
Perchè non esiste solamente il modulo di un diffusore, ma anche la FASE!!
Un messaggio musicale contiene così tante informazioni che non si può paragonare ad un segnale stazionario.
Segnale che variando di intensità e fequenza, solleciterà in vari modi il nostro circuito e tutto il sistema all'unisono.
Senza contare che la sollecitazione varierà con la potenza e il tempo(ebbene sì, anche il tempo)
tutte variabili che se ne dovessimo tenere conto, ritorneremmo a fare un dimensionamento molto maggiore di quello stimato dalle formulette per una condizione stazionaria teorica e non reale.
Avete mai misurato come varia la polarizzazione di un classe A quando soffiate su un dissipatore?
Che fate, ritoccate tutto ogni volta cambiano le condizioni atmosferiche? Oppure mettete dei dissipatori così grandi che l'elettronica faticherà ad andare a regime?
Per questo ed altri motivi, tendo a maggiorare il tutto in modo "deciso"

Shocked Shocked Shocked Shocked Shocked
avatar
piero7
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 06.06.09
Numero di messaggi : 9854
Località : Somewhere over the rainbow
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  Oscar il Dom 16 Mag 2010 - 12:30

Rileggendomi mi accorgo di essermi espresso veramente male.
Mò ci riprovo...
avatar
Oscar
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 12.04.10
Numero di messaggi : 266
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fonico/modificatore
Provincia (Città) : Bastardo dentro
Impianto : lettore cd Sony CDP-X777es modificato,
dac Audio Alchemy DDE3.0 modificato,
pre a valvole Stealth a due telai,
2 finali Forte Audio model3 modificati in biamplificazione verticale
diffusori Infinity RS4.5
Cavi di segnale Audio Note e Cardas, VDH potenza, MIT alimentazione

http://it.groups.yahoo.com/group/Suzuki_DR600/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  iperv il Dom 16 Mag 2010 - 12:34

Oscar ha scritto:MII CHE SFIGA!! Avevo fatto un post lunghissimo e invece di postarlo l'ho cancellato! Che pirla!
Comunque riassumendo:
Voi state parlando principalmente di amplificatori in Classe A single ended, che personalmente non sonsidero dei "veri" classe A
Per Classe A io intendo gli amplificatori push-pull
Nei single-ended si parla di polarizzazione, ma sono tutti classe A PER FORZA, se no che amplifichiamo, le semionde?
Al massimo possono essere "leggermente" sbilanciati, tagliando una semionda rispetto all'altra al raggiungimento dei limiti di potenza se non sono perfettamente bilanciati con le tensioni.
Poi ritorno al solito discorso: un modulo perfettamente resistivo non esiste, quindi dobbiamo prevedere di far lavorare il nostro amplificatore anche ad impedenze più basse.
Impedenze più basse vuol dire maggiore corrente e maggiore polarizzazione(oppure una bella polarizzazione dinamica con tempi di recovery lunghissimi alla Krell).
Perchè non esiste solamente il modulo di un diffusore, ma anche la FASE!!
Un messaggio musicale contiene così tante informazioni che non si può paragonare ad un segnale stazionario.
Segnale che variando di intensità e fequenza, solleciterà in vari modi il nostro circuito e tutto il sistema all'unisono.
Senza contare che la sollecitazione varierà con la potenza e il tempo(ebbene sì, anche il tempo)
tutte variabili che se ne dovessimo tenere conto, ritorneremmo a fare un dimensionamento molto maggiore di quello stimato dalle formulette per una condizione stazionaria teorica e non reale.
Avete mai misurato come varia la polarizzazione di un classe A quando soffiate su un dissipatore?
Che fate, ritoccate tutto ogni volta cambiano le condizioni atmosferiche? Oppure mettete dei dissipatori così grandi che l'elettronica faticherà ad andare a regime?
Per questo ed altri motivi, tendo a maggiorare il tutto in modo "deciso"

Boh, però a me funzionano bene i classe a che mi sono costruito.
E poi se soffi sul dissipatore e ti varia qualcosa sulla polarizzazione probabilmente non si tratta di un progetto valido, dato che in genere si prevede qualche forma di stabilizzazione del dispositivo, proprio contro la variazione del guadagno in funzione della temperatura.
Non so, non riesco a capire.
Ok sul modulo dell'impedenza, ok sulla fase; ma se i diffusori presentano variazioni di fase importanti nel range udibile...beh, non è che risolvi aumentando la corrente, risolvi cambiando diffusori IHMO.
O meglio, non credo si risolva in quel modo: perchè dovrebbe funzionare?
Gli ampli in classeA sono i single ended. (un dispositivo per tutto il segnale)
I push pull sono intrinsecamente dei classeB. (un dispositivo per metà segnale)
Infatti i primi presentano un rendimento max teorico del 25% e assorbimento massimo di corrente a riposo, i secondi efficienza del 50%.
Al limite tiri un po' la polarizzazione e ottieni dei classeAB, in cui entrambi i dspositivi sono sempre accesi, e l'efficienza si abbassa.
Poi è chiaro che si potrebbe disquisire sulla generazione di armoniche di ordine pari o dispari da parte dell'una o dell'altra tipologia, ma si tratta di scelte progettuali.
Mi spieghi meglio 'sta cosa della fase? Col tempo, eh Smile
avatar
iperv
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 17.06.09
Numero di messaggi : 633
Località : Cava d'aliga - Scicli (Rg)
Impianto : Eterogeneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  Telstar il Dom 16 Mag 2010 - 18:08

iperv ha scritto:
Gli ampli in classeA sono i single ended. (un dispositivo per tutto il segnale)
I push pull sono intrinsecamente dei classeB. (un dispositivo per metà segnale)
Infatti i primi presentano un rendimento max teorico del 25% e assorbimento massimo di corrente a riposo, i secondi efficienza del 50%.
Al limite tiri un po' la polarizzazione e ottieni dei classeAB, in cui entrambi i dspositivi sono sempre accesi, e l'efficienza si abbassa.

Anche i classe A possono essere push-pull, se sono dimensionati (e rieccoci Wink ) per non slittare mai in classe B.
In tal caso non si verificherà mai la distorsione di crossover.
La maggior parte dei classe A commerciali per ragioni di efficienza sono di questo tipo (e aggiungo anche con tipologia a simmetria complementare).
avatar
Telstar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 26.02.09
Numero di messaggi : 1691
Località : Milano
Provincia (Città) : Incerto
Impianto : Living:
Fanless PC > Infrasonic Quartet > MSB MVC > Firstwatt F3 + Classé CAP-100
Open baffle 2 vie attive con Beyma e Hemp | Software XO | cavi vari Siltech, DNM, autocostruiti |
Studio:
W7 PC > emu 1212m (Amanero USB work in progress) > audio-gd DAC19DSP > CK2III con finali Rohm > AT W1000X |

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  iperv il Lun 17 Mag 2010 - 0:41

Telstar ha scritto:
iperv ha scritto:
Gli ampli in classeA sono i single ended. (un dispositivo per tutto il segnale)
I push pull sono intrinsecamente dei classeB. (un dispositivo per metà segnale)
Infatti i primi presentano un rendimento max teorico del 25% e assorbimento massimo di corrente a riposo, i secondi efficienza del 50%.
Al limite tiri un po' la polarizzazione e ottieni dei classeAB, in cui entrambi i dspositivi sono sempre accesi, e l'efficienza si abbassa.

Anche i classe A possono essere push-pull, se sono dimensionati (e rieccoci Wink ) per non slittare mai in classe B.
In tal caso non si verificherà mai la distorsione di crossover.
La maggior parte dei classe A commerciali per ragioni di efficienza sono di questo tipo (e aggiungo anche con tipologia a simmetria complementare).


Beh, tecnicamente si tratta di classe AB.
La classe A si ha quando l'intero periodo del segnale viene amplificato da 1 dispositivo.
Col push-pull metà segnale è amplificato da un dispo, metà dall'altro.
A prescindere dalla polarizzazione, quindi, non si tratterà mai di classe A.
Il classe A ha efficienza teorica max del 25%.
Il push-pull sicuramente maggiore.
Il push-pull è classeAB.
Intendo che in un circuito che fino a un certo punto lavora in classe A e poi in classe AB, se si tratta davvero di classe A uno dei due dispositivi non amplificherà assolutamente nulla, ma sarà un carico attivo, e l'altro amplificherà tutto il segnale.
In questo caso, dunque, lavorerà in single ended, non in push pull.
E siamo di nuovo lì.
avatar
iperv
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 17.06.09
Numero di messaggi : 633
Località : Cava d'aliga - Scicli (Rg)
Impianto : Eterogeneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  madqwerty il Lun 17 Mag 2010 - 1:10

iperv ha scritto:
La classe A si ha quando l'intero periodo del segnale viene amplificato da 1 dispositivo.
Col push-pull metà segnale è amplificato da un dispo, metà dall'altro.
mi inserisco a sfregio, e con assai pochi titoli per farlo..
la tua definizione generica di push-pull credo sia in realtà quella di un PP polarizzato in classe AB,
in un PP polarizzato in classe A ognuno dei due dispositivi lavora completamente in zona lineare e amplifica l'intero periodo del segnale,
poi la configurazione circuitale fa sì che questi 2 segnali vengano "sommati" tra loro..
almeno me pare Very Happy
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  Oscar il Lun 17 Mag 2010 - 9:37

madqwerty ha scritto:
iperv ha scritto:
La classe A si ha quando l'intero periodo del segnale viene amplificato da 1 dispositivo.
Col push-pull metà segnale è amplificato da un dispo, metà dall'altro.
mi inserisco a sfregio, e con assai pochi titoli per farlo..
la tua definizione generica di push-pull credo sia in realtà quella di un PP polarizzato in classe AB,
in un PP polarizzato in classe A ognuno dei due dispositivi lavora completamente in zona lineare e amplifica l'intero periodo del segnale,
poi la configurazione circuitale fa sì che questi 2 segnali vengano "sommati" tra loro..
almeno me pare Very Happy

Esattamente

Aggiungo questo link molto ben spiegato e dettagliato:
http://www.itivolta.pa.it:16080/elearning/file.php/4/Lezioni/12-Amplificatori_di_potenza.doc
avatar
Oscar
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 12.04.10
Numero di messaggi : 266
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fonico/modificatore
Provincia (Città) : Bastardo dentro
Impianto : lettore cd Sony CDP-X777es modificato,
dac Audio Alchemy DDE3.0 modificato,
pre a valvole Stealth a due telai,
2 finali Forte Audio model3 modificati in biamplificazione verticale
diffusori Infinity RS4.5
Cavi di segnale Audio Note e Cardas, VDH potenza, MIT alimentazione

http://it.groups.yahoo.com/group/Suzuki_DR600/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  iperv il Lun 17 Mag 2010 - 21:09

Oscar ha scritto:
madqwerty ha scritto:
iperv ha scritto:
La classe A si ha quando l'intero periodo del segnale viene amplificato da 1 dispositivo.
Col push-pull metà segnale è amplificato da un dispo, metà dall'altro.
mi inserisco a sfregio, e con assai pochi titoli per farlo..
la tua definizione generica di push-pull credo sia in realtà quella di un PP polarizzato in classe AB,
in un PP polarizzato in classe A ognuno dei due dispositivi lavora completamente in zona lineare e amplifica l'intero periodo del segnale,
poi la configurazione circuitale fa sì che questi 2 segnali vengano "sommati" tra loro..
almeno me pare Very Happy

Esattamente

Aggiungo questo link molto ben spiegato e dettagliato:
http://www.itivolta.pa.it:16080/elearning/file.php/4/Lezioni/12-Amplificatori_di_potenza.doc

Non capisco:
in questo link è spiegato esattamente quello che ho detto io, tanto che come esempio di classe A viene riportato un single ended con carico resistivo, e come esempio di classe B un push-pull.
Tra l'altro è spiegata anche la polarizzazione in classe AB, proprio come avevo scritto su questo 3D.
Di cosa stiamo parlando?
Forse mi è sfuggito qualcosa.


EDIT: per di più il funzionamento in classe AB del push-pull è spiegato proprio chiaramente.
La classeA, peraltro, ha un rendimento del 25%, non del 20%.
Queste sono argomentazioni che si trovano in qualsiasi libro di elettronica.
avatar
iperv
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 17.06.09
Numero di messaggi : 633
Località : Cava d'aliga - Scicli (Rg)
Impianto : Eterogeneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  madqwerty il Lun 17 Mag 2010 - 21:44

ni..
fa l'esempio di un PP per le classi B e AB simply perchè non può esistere un SE in classe B o AB,
a meno di scegliere quale semionda sentire Laughing
http://www.aikenamps.com/ClassA.htm
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  iperv il Lun 17 Mag 2010 - 21:50

Verissimo.
Quello che dico io è che non può esistere, tecnicamente parlando, un push-pull in classeA, ma che un push-pull sarà sempre in classeAB; tecnicamente potrebbe essere polarizzato in classe B, ma nessuno credo gradisca la distorsione di crossover...
avatar
iperv
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 17.06.09
Numero di messaggi : 633
Località : Cava d'aliga - Scicli (Rg)
Impianto : Eterogeneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  madqwerty il Lun 17 Mag 2010 - 21:57

http://www.aikenamps.com/ClassA.htm (secondo paragrafo) ha scritto:
For audio amplification, a class A amplifier can be either single-ended or push-pull. Now, you might be thinking, how can a push-pull amplifier be class A? Doesn't one side amplify half the waveform and the other side amplify the other half? Isn't this why we use a phase splitter? These are common misconceptions. You can, indeed have a true class A amplifier that operates in push-pull mode. Amplifier class has absolutely nothing to do with output stage topology. If the output tubes on either side of a push-pull pair are biased in class A (halfway between cutoff and saturation), then the current in each side will still flow for the full 360 degrees of the input cycle, just in opposing directions. As one tube's current increases from the midpoint, or idle, bias current, the other tube's current is decreasing by an equal amount. The output transformer sums these oppositely-phased currents to produce the output waveform in the secondary winding. As one side reaches saturation, the other side reaches cutoff, just as they would in a single-ended class A amplifier. Neither side cuts off at the full, unclipped output power of the amplifier. The output power of a push-pull class A amplifier is exactly twice the output power of a single-ended class A amplifier operating under the same conditions of plate voltage, bias, and effective load impedance.
ahimè non ho trovato esempi a stato solido, solo valvole.. continui qc altro Very Happy
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  Telstar il Lun 17 Mag 2010 - 21:58

Credo che ci si stia perdendo sulla terminologia.
Un SE è il cosiddetto classe A pura, perché non può che lavorare in classe A.
Un push-pull può essere polarizzato in classe A (ma sempre classe A è fintanto che non raggiunge la potenza di crossover) oppure in AB (quando rimane in A a lungo è la cosiddetta alta polarizzazione che fa felici gli uomini di marketing).
avatar
Telstar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 26.02.09
Numero di messaggi : 1691
Località : Milano
Provincia (Città) : Incerto
Impianto : Living:
Fanless PC > Infrasonic Quartet > MSB MVC > Firstwatt F3 + Classé CAP-100
Open baffle 2 vie attive con Beyma e Hemp | Software XO | cavi vari Siltech, DNM, autocostruiti |
Studio:
W7 PC > emu 1212m (Amanero USB work in progress) > audio-gd DAC19DSP > CK2III con finali Rohm > AT W1000X |

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  madqwerty il Lun 17 Mag 2010 - 22:00

iperv ha scritto:tecnicamente potrebbe essere polarizzato in classe B, ma nessuno credo gradisca la distorsione di crossover...
per questo esiste la classe AB, che cmq un minimo di distorsione di x-over continua ad averla se non erro,
e la gradiscono volente o nolente in molti.. Wink
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  Telstar il Lun 17 Mag 2010 - 22:02

madqwerty ha scritto:
iperv ha scritto:tecnicamente potrebbe essere polarizzato in classe B, ma nessuno credo gradisca la distorsione di crossover...
per questo esiste la classe AB, che cmq un minimo di distorsione di x-over continua ad averla se non erro,
e la gradiscono volente o nolente in molti.. Wink

Actually, c'è chi come Self sostiene che una polarizzazione in B (sempre) ben fatta ha una distorsione minore di un AB che normalmente switcha in B.

A prescindere, le circuitazioni attuali hanno raggiunto un ottimo livello ed esistono moltissimi ampli in classe AB che suonano benissimo.
avatar
Telstar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 26.02.09
Numero di messaggi : 1691
Località : Milano
Provincia (Città) : Incerto
Impianto : Living:
Fanless PC > Infrasonic Quartet > MSB MVC > Firstwatt F3 + Classé CAP-100
Open baffle 2 vie attive con Beyma e Hemp | Software XO | cavi vari Siltech, DNM, autocostruiti |
Studio:
W7 PC > emu 1212m (Amanero USB work in progress) > audio-gd DAC19DSP > CK2III con finali Rohm > AT W1000X |

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  piero7 il Lun 17 Mag 2010 - 22:39

Telstar ha scritto:Credo che ci si stia perdendo sulla terminologia.
Un SE è il cosiddetto classe A pura, perché non può che lavorare in classe A.

Oki Glasses
avatar
piero7
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 06.06.09
Numero di messaggi : 9854
Località : Somewhere over the rainbow
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  madqwerty il Lun 17 Mag 2010 - 23:30

Telstar ha scritto:
madqwerty ha scritto:
iperv ha scritto:tecnicamente potrebbe essere polarizzato in classe B, ma nessuno credo gradisca la distorsione di crossover...
per questo esiste la classe AB, che cmq un minimo di distorsione di x-over continua ad averla se non erro,
e la gradiscono volente o nolente in molti.. Wink

Actually, c'è chi come Self sostiene che una polarizzazione in B (sempre) ben fatta ha una distorsione minore di un AB che normalmente switcha in B.

A prescindere, le circuitazioni attuali hanno raggiunto un ottimo livello ed esistono moltissimi ampli in classe AB che suonano benissimo.
seguro Smile
e Self chi è? Glasses
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  Telstar il Mar 18 Mag 2010 - 10:00

madqwerty ha scritto:
seguro Smile
e Self chi è? Glasses

Ingegnere capo alla Cambridge da una ventina d'anni nonché autore di diversi testi. Ha una schiera di seguaci e di detrattori.
avatar
Telstar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 26.02.09
Numero di messaggi : 1691
Località : Milano
Provincia (Città) : Incerto
Impianto : Living:
Fanless PC > Infrasonic Quartet > MSB MVC > Firstwatt F3 + Classé CAP-100
Open baffle 2 vie attive con Beyma e Hemp | Software XO | cavi vari Siltech, DNM, autocostruiti |
Studio:
W7 PC > emu 1212m (Amanero USB work in progress) > audio-gd DAC19DSP > CK2III con finali Rohm > AT W1000X |

Tornare in alto Andare in basso

Re: Potenza e carico

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum