T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Multipresa filtrata cablaggio a stella
Oggi alle 20:45 Da MUSMECI ROBERTO

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Oggi alle 20:39 Da andy65

» il dubbio...
Oggi alle 20:35 Da Kha-Jinn

» Audiojam-2
Oggi alle 20:06 Da CHAOSFERE

» Pre per behringer ep1500
Oggi alle 19:36 Da valterneri

» Arcam FMJ A19
Oggi alle 18:07 Da Kha-Jinn

» SMSL M7: il dac definitivo alla portata di tutti?
Oggi alle 17:56 Da Nadir81

» Teac AX-501
Oggi alle 17:37 Da dinamanu

» Fx-Audio D802
Oggi alle 17:34 Da giucam61

» Un incredibile diluvio sonoro lungo 11 minuti!
Oggi alle 17:24 Da giucam61

» Steely Dan
Oggi alle 17:16 Da giucam61

» Marantz PM6006 da Amazon UK (Home AV Direct)
Oggi alle 16:43 Da diechirico

» pre-amplificatore McIntosh C220 [MI-MB]
Oggi alle 14:41 Da wings

» Smontare i pioli reggi protezione casse
Oggi alle 10:40 Da angelo1968

» Nuovo Douk Dac
Oggi alle 1:39 Da uncletoma

» Emu 1212m pci ex
Ieri alle 23:07 Da franz 01

» Nuova alimentazione per Virtue One
Ieri alle 20:37 Da Albert^ONE

» Behringer ep1500
Ieri alle 19:32 Da dinamanu

» BILL EVANS: La magia di un trio riscoperto
Ieri alle 18:56 Da magistercylindrus

» [SS+sped] Cabinet Ciare H07 per PH 250
Ieri alle 18:45 Da Aunktintaun

» ciò solo 200 euri.... le scinte e il cinesino.... oppure...
Ieri alle 18:11 Da lello64

» Lista JAZZ BOX SET in vendita
Sab 23 Set 2017 - 23:47 Da andy65

» AMPLIFICATORI VINTAGE
Sab 23 Set 2017 - 23:45 Da nerone

» Consiglio: impianto si o no e cosa (poco spazio, max 600€)
Sab 23 Set 2017 - 19:20 Da dinamanu

» Spyro Gyra
Sab 23 Set 2017 - 18:51 Da andy65

» l'audiofilo chi e' secondo voi?
Sab 23 Set 2017 - 17:48 Da Kha-Jinn

» Gegè Telesforo - Nu Joy
Sab 23 Set 2017 - 16:45 Da potowatax

» Wynton Marsalis
Sab 23 Set 2017 - 14:45 Da andy65

» ECM Selected Recording
Sab 23 Set 2017 - 14:32 Da andy65

» LP jazz a Roma da non perdere
Sab 23 Set 2017 - 14:25 Da andy65

Statistiche
Abbiamo 11031 membri registrati
L'ultimo utente registrato è MUSMECI ROBERTO

I nostri membri hanno inviato un totale di 795445 messaggi in 51581 argomenti
I postatori più attivi della settimana
giucam61
 
Kha-Jinn
 
dinamanu
 
iperv
 
Alessandro Marchese
 
Collins
 
lello64
 
Pinve
 
mauz
 
uncletoma
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15512)
 
Silver Black (15478)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9181)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 64 utenti in linea: 8 Registrati, 1 Nascosto e 55 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

andy65, dinamanu, H. Finn, Kha-Jinn, MUSMECI ROBERTO, nerone, potowatax, vito

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


La musica on line? Ora è meglio del cd

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La musica on line? Ora è meglio del cd

Messaggio  nd1967 il Lun 22 Set 2008 - 12:30

Vi riporto questo articolo da l'Unità
http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=79209
Voi cosa ne dite?
La musica on line? Ora è meglio del cd
di Toni De Marchi

Liquida. Qualcuno la chiama così, musica liquida. Forse scambiando il mezzo per il messaggio, se ci passate la citazione. Cioè sostituendo il contenuto - la musica - al suo supporto, che sia un disco, un cd o altro. Certo, è un bel calembour logico. Ma giustificato. Qui parliamo di gente nata con il disco nero di vinile, che ha già dovuto sopportare il passaggio al cd (con le sue successive declinazioni, dal Sacd al dvd audio) e che ora scopre che la musica (quella riprodotta) perde la fisicità feticistica del mezzo ma resta musica. Anzi, nella perdita spesso acquista in qualità. Intendiamoci: nulla a che fare con gli mp3 e analoghi, quei formati digitali che hanno cambiato il mondo mettendo le canzoni negli iPod e hanno aperto la strada che porterà alla scomparsa definitiva dei negozi di dischi. L’mp3 nasce per essere usato con il computer, dove al massimo uno usa due altoparlanti da venti euro e la qualità non è neppure un optional: non c’è.

Di usare queste registrazioni per gli ascolti seri, fatti con impianti di riproduzione che possono arrivare a costare anche molte decine di migliaia di euro, non se ne parla. Ma da qualche mese la musica - è proprio il caso di dirlo - è cambiata. Sono nati molti «negozi» on line che vendono registrazioni in formati digitali dai nomi improbabili come Aiff, Flac o Wav che sono la copia esatta, bit per bit, della registrazione originale. Anzi, persino la tanto lodata (o esecrata, il dibattito dura da vent’anni) «cd quality» sta per diventare un ricordo del passato. Senza il disco sarà possibile vendere on line registrazioni di qualità nettamente superiore: i «master recording» le registrazioni usate per produrre i dischi. A prezzi ragionevoli. Ad esempio, il Spem in alium di Thomas Tallin della Linn Records si compera per 12 euro in mp3, 14 in qualità cd e 27 euro per lo «studio master».

A questa prima rivoluzione se ne aggiunge un’altra: per riprodurre queste registrazioni non serve più né il computer, né il lettore cd. «Ci vorrà un po’ di tempo perché la transizione si faccia - spiega Luca Gombi, di Suono e Comunicazione, un distributore di prodotti audiofili presente al TopAudio di Milano - ma è inevitabile e anche naturale. Il futuro della musica è la rete e l’hard disk» e ci mostra uno dei prodotti hardware che accompagneranno questa transizione dal disco al bit. Si chiama HDX, lo costruisce Naim (un marchio inglese, ben noto agli appassionati). Sembra un lettore di cd ma non lo è: c’è il cassetto del cd ma dietro ci sta un registratore che copia il cd è lo archivia in due hard disk. Serve per chi ha una bella raccolta di dischi da trasformare. Tutta la nuova musica probabilmente verrà dalla rete e a quel punto il cassetto del cd resterà chiuso per sempre.

Il TopAudio è la mecca degli audiofili italiani, con pellegrinaggio obbligatorio a Milano a metà settembre. «Quest’anno ci sono 150 aziende con 720 marchi - spiega Raffaella Oldani, organizzatrice del salone - e solo nel primo giorno abbiamo registrato più visitatori di quanti non fossero in totale una decina di anni fa». «La nostra mission è di far capire al pubblico che l’audio e il video non è solo quello delle scatole dei centri commerciali» aggiunge Giuseppe Fasulo, segretario dell’Apaf, l’associazione degli operatori del settore. E che qui non ci siano «le scatole», cioè il mordi e fuggi della grande distribuzione lo si vede un po’ dappertutto. Ad esempio nella sala in penombra di Audio Natali, un nome storico dell’hi-end (cioè dell’altissima qualità e prezzo di conseguenza), dove si ascolta l’incredibile suono dei nuovi diffusori elettrostatici Martin Logan, americani, che in una scatola non ci stanno tanto bene: sono alti quasi un metro e settanta e per averli bisogna sganciare più di 20mila euro. «Sono appena usciti e già hanno vinto premi dappertutto - chiosa Luca Natali a Monaco, Berlino, New York. Un successo incredibile». C’è da crederci: la gente che esce dalla saletta ha gli occhi lucidi per l’emozione.

Ma tanta gente non vuol dire per forza che il settore stia benissimo. «Di visitatori sotto i trent’anni quasi non ce n’è - commenta Giovanni Nasta, uno dei pochi produttori italiani che ha saputo imporsi sul mercato internazionale con i diffusori Opera e le elettroniche Unison Research - le facce sono sempre le stesse e quando un mercato invecchia è un brutto segno». D’altronde basta guardare dove si fermano. I vecchi giradischi con la puntina fanno ancora l’en plein dell’interesse e, nell’era del wireless, cavi che costano mille euro al metro sono l’oggetto del desiderio. Mentre non sono tantissimi quelli che fanno domande su quei prodotti che prefigurano la rivoluzione prossima ventura del discless, del senza disco. Eppure al TopAudio ce n’è un bel numero. Altre al Naim ci sono quelli dell’inglese Linn o della statunitense McIntosh e molti altri ancora. E già qualcuno propone macchine per colmare il gap tra il low-fi della musica da computer e il nuovo hi-fi discless, come un oggetto chiamato upsampler della britannica dCS, che ci mostra Federica Pozzi di Audio Graffiti. Fa una cosa molto complicata tecnicamente ma molto semplice concettualmente: trasforma file musicali di formati non proprio eccellenti in file di qualità estrema. Funziona, non funziona?

_________________
Bisogna assomigliare alle parole che si dicono. Forse non parola per parola, ma insomma ci siamo capiti [Saltatempo di Stefano Benni]
Chi non sa ridere non è una persona seria [Fryderyk Chopin]
avatar
nd1967
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 12803
Località : Cavaion Veronese (VR)
Occupazione/Hobby : Musica, Fotografia, Hi-Fi, Fumetti, Libri, Cinema
Provincia (Città) : Verona
Impianto : Preamplificatore Sonus Mirus AAVT
Finale TA 3020 by Vincenzo
Lettore CD Micromega Stage 2
Giradischi Project 6.9
Diffusori Dynavoice Challenger M-65 EX



http://www.google.com/+AndreaTramonte

Tornare in alto Andare in basso

Re: La musica on line? Ora è meglio del cd

Messaggio  Silver Black il Lun 22 Set 2008 - 17:31

Mi spiace, ma questo errore di ortografia fa perdere di credibilità a tutto l'articolo e a chi lo scrive:

un registratore che copia il cd è lo archivia in due hard disk

Parlando dell'articolo a me va benissimo un supporto non rotante, come l'SSD, o anche come l'hdd ma solo se è silenzioso e sopratutto affidabile. Invece non mi va il supporto "rete", perchè la mia musica voglio averla io. Metti che io voglia ascoltare musica, non esiste che non possa farlo perchè la connessione è down. Crazy

Queste sono solo MODE. Il CD non morirà mai e se morirà verrà sostituito da dischi a stato solido. Questo è il mio pensiero.

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15478
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro






http://www.silvercybertech.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La musica on line? Ora è meglio del cd

Messaggio  mgiombi il Lun 22 Set 2008 - 17:42

Silver Black ha scritto:Mi spiace, ma questo errore di ortografia fa perdere di credibilità a tutto l'articolo e a chi lo scrive:
un registratore che copia il cd è lo archivia in due hard disk
Eh eh... Smile ... hai visto il commento di Lucio sulla mailing list? Come dargli torto?
avatar
mgiombi
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 19.02.08
Numero di messaggi : 3107
Località : Pesaro
Provincia (Città) : Sinusoidale
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: La musica on line? Ora è meglio del cd

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum