T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Consiglio diffusori DIY tra progetti di Alberto Bellino
Oggi a 17:27 Da macgnaffio

» ALIENTEK D8
Oggi a 17:08 Da dtraina

» [va + s.s.] Cerco Royd Merlin o Sapphire II
Oggi a 16:55 Da thechain

» Valore potenziomentro da sostituire
Oggi a 16:02 Da Roman91

» Consiglio Cuffie In Ear
Oggi a 15:32 Da sportyerre

» Consiglio diffusori economici :)
Oggi a 15:09 Da Egidio Catini

» Ho due ore buche...mi faccio un flexy !!!
Oggi a 14:28 Da dtraina

» quale alimentatore già pronto all'uso per un TPA 3116?
Oggi a 14:22 Da nautilo

» l'impedenza delle cambridge sx60 - simil-gainclone
Oggi a 14:21 Da Sregio

» Consiglio per sistema audio per portatile
Oggi a 14:13 Da audiogian

» impianto entry -level
Oggi a 13:17 Da Kha-Jinn

» Le mie Vitriol personalizzate ed autocostruite
Oggi a 12:40 Da Luca Marchetti

» Io li pulisco cosi!
Oggi a 12:24 Da Aunktintaun

» Essential 2 puntina
Oggi a 10:20 Da Dieci13

» Info su largabanda
Oggi a 9:31 Da Luca Marchetti

» Lottando con raspberry e volumio
Oggi a 0:56 Da dtraina

» alimentazione alternativa low cost per Raspy
Oggi a 0:54 Da dtraina

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Ieri a 23:53 Da fritznet

» Autocostruzione casse
Ieri a 22:55 Da dinamanu

» Marantz PM6006, Marantz PM Ki Pearl Lite e Advance Acoustic X-i75
Ieri a 19:46 Da CHAOSFERE

» fissa lettore CD
Ieri a 17:59 Da gigetto

» Vi - Ampli Lo scherzo valvolare pcl 82 - Euro 250
Ieri a 16:40 Da Alessandro Borgo

» Mc Elac unifi Bs U5 slim (unifii ub 5 slim)
Ieri a 15:23 Da Massimo

» Aiutate un povero noob, primo impianto
Ieri a 14:30 Da Zealot87

» Sansui AU555A : pareri ?
Ieri a 14:25 Da yak66

» mini hi fi con diffusori a eccitazione tattile piu' sub woofer
Ieri a 13:42 Da tamerlano

» Little dot mk 1+ modifica condensatori
Ieri a 12:59 Da dinamanu

» Network player, quale?
Ieri a 12:10 Da sportyerre

» AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finale
Ieri a 11:06 Da ringhio76

» INDIPENDENTEMENTE DALLA CLASSE DI FUNZIONAMENTO ...
Ieri a 6:22 Da natale55

» Gabris amp Calypso
Dom 26 Feb 2017 - 23:23 Da giucam61

» (CH)Vendo Nikon 35mm afd f2 e 50mm afd 1.8
Dom 26 Feb 2017 - 20:49 Da kurt10

» Alimentatore lineare "tuttofare" secondo voi?
Dom 26 Feb 2017 - 19:17 Da Snap

» Cavo ottico G&BL HRSQ060 5610
Dom 26 Feb 2017 - 19:15 Da wolfman

» Vendo cavo HDMI G&BL
Dom 26 Feb 2017 - 19:12 Da wolfman

» Vendo cavi speaker Ricable U40
Dom 26 Feb 2017 - 19:10 Da wolfman

» Consigli per un novizio!
Dom 26 Feb 2017 - 19:03 Da markriv

» [GE] Vendo AUDIOPHONICS U-Sabre USB DAC 24Bit/96kHz SA9023 I serie - € 20
Dom 26 Feb 2017 - 18:19 Da Smanetton

» [GE] WireWorld Pulse minijack / RCA - € 23
Dom 26 Feb 2017 - 16:58 Da scontin

» Collegamento bi-wiring Marantz PM5005
Dom 26 Feb 2017 - 16:17 Da ToniRM

» Cambio diffussori da scaffale max 500euro
Dom 26 Feb 2017 - 14:23 Da Egidio Catini

» [PU+RN] Svendo altoparlanti, nuovi e usati tra tweeter, medi e woofer
Dom 26 Feb 2017 - 14:01 Da Rino88ex

» Problema Ampli.
Dom 26 Feb 2017 - 10:20 Da Smanetton

» Pulsante antivandalo da pannello
Dom 26 Feb 2017 - 10:02 Da Charli48

» Oje Cavetto Anema 'e Core, nun mme scetà (valter)
Sab 25 Feb 2017 - 21:21 Da Calbas

» [GE] Vendo Nuforce STA 100
Sab 25 Feb 2017 - 19:12 Da scontin

» MOD per Scyte Kro Craft rev B - come moddare un bestbuy con pochi euro !
Sab 25 Feb 2017 - 17:26 Da Snap

» Breeze Audio TPA3116 a 20 euro spedizione compresa
Sab 25 Feb 2017 - 17:22 Da alexdelli

» Sos cd
Sab 25 Feb 2017 - 17:22 Da gigetto

» Testina Sanyo tp 625 help
Sab 25 Feb 2017 - 15:38 Da beppe61

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

77% 77% [ 156 ]
23% 23% [ 47 ]

Totale dei voti : 203

I postatori più attivi della settimana
dinamanu
 
CHAOSFERE
 
giucam61
 
scontin
 
Kha-Jinn
 
alexdelli
 
GP9
 
thechain
 
dtraina
 
Seti
 

I postatori più attivi del mese
CHAOSFERE
 
Snap
 
giucam61
 
Kha-Jinn
 
lello64
 
fritznet
 
dinamanu
 
TODD 80
 
GP9
 
alexdelli
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15499)
 
Silver Black (15403)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10260)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8791)
 

Statistiche
Abbiamo 10638 membri registrati
L'ultimo utente registrato è mecoc

I nostri membri hanno inviato un totale di 779592 messaggi in 50695 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 74 utenti in linea :: 9 Registrati, 0 Nascosti e 65 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Aunktintaun, Dieci13, dtraina, elleeffe, Masterix, mauz, Snap, tdk240, Tinomn

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  florin il Dom 24 Gen 2010 - 22:27

@madqwerty ha scritto:

cosa non ho mai capito io è l'utilità intrinseca di un collegamento a ponte,
che raddoppia la tensione utile in uscita ma non la corrente massima erogabile
(sempre limitata a quello del singolo ampli)

P=VxI=(VxV)/R


Ultima modifica di florin il Lun 25 Gen 2010 - 10:37, modificato 1 volta

florin
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 05.02.09
Numero di messaggi : 3236
Località : torino
Impianto : marantz cd4000 tweakkato,ampli truepath autocostruito,Dynamite 8,dac Florini+WaveIO in I2S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 0:43

@florin ha scritto:
@madqwerty ha scritto:
cosa non ho mai capito io è l'utilità intrinseca di un collegamento a ponte,
che raddoppia la tensione utile in uscita ma non la corrente massima erogabile
(sempre limitata a quello del singolo ampli)
P=UxI=UxU/R
continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing


Ultima modifica di madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 17:11, modificato 1 volta

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  Fabio il Lun 25 Gen 2010 - 1:14

@madqwerty ha scritto:continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing
Ci sono casi in cui hai limitazioni rispetto alla tensione di alimentazione disponibile o a quella sopportata dal finale, che pur potendo erogare più corrente, con quella tesione su quel carico più di tot non può esprimere.
Esempio classico, i 12V e i 4Ohm delle autoradio.
Oppure lo schiribizzo di voler realizzare, che so, un chipamp con più integrati in sinergia, come se ne vedono in giro con paralleli e ponti.
Non ultimo l'eventualita che due finali con componentistica dimensionata per un 1/4 della tensione, ma con erogazione di corrente sufficente, abbatta sensibilmente i costi.
Basta guardare quanto costano dei condensatori da 25 V e quelli da 80V.
Resta inteso che il finale a ponte aumenta la potenza ma degrada in relazione le altre prestazioni.


Ultima modifica di Fabio il Lun 25 Gen 2010 - 1:20, modificato 1 volta

Fabio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.11.08
Numero di messaggi : 2516
Località : Roma
Occupazione/Hobby : informatico aziendale / ozio
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : in firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  albamaiuscola il Lun 25 Gen 2010 - 1:23

@Fabio ha scritto:
@madqwerty ha scritto:continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing
Ci sono casi in cui hai limitazioni rispetto alla tensione di alimentazione disponibile o a quella sopportata dal finale, che pur potendo erogare più corrente con quella tesione su quel carico più di tanto non può esprimere.
Esempio calssico, i 12V e i 4Ohm delle autoradio, oppure il voler realizzare, che so, un chipamp con più integrati in sinergia, come se ne vedono in giro con paralleli e ponti.
Resta inteso che il finale a ponte aumenta la potenza ma degrada in relazione le altre prestazioni.

Giusto. Peggiora in modo sensibile il controllo dei driver. In particolare se questi scendono abbastanza come impedenza, sono problemi. Già sono pochi i finali in grado di gestire i 2Ohm, se poi vengono messi a ponte il loro limite massimo diventano i 4. Figuriamoci che accade ad un ampli che è dato a 4...

Che poi vi siano diffusori che ci arrivano, ai 2Ohm, è un altro paio di maniche, il dato è più che altro riguardante la bontà e le capacità di gestire i driver del finale.

albamaiuscola
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.12.08
Numero di messaggi : 2505
Località : x
Impianto : x

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 9:36

@albamaiuscola ha scritto:
@Fabio ha scritto:
@madqwerty ha scritto:continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing
Ci sono casi in cui hai limitazioni rispetto alla tensione di alimentazione disponibile o a quella sopportata dal finale, che pur potendo erogare più corrente con quella tesione su quel carico più di tanto non può esprimere.
Esempio calssico, i 12V e i 4Ohm delle autoradio, oppure il voler realizzare, che so, un chipamp con più integrati in sinergia, come se ne vedono in giro con paralleli e ponti.
Resta inteso che il finale a ponte aumenta la potenza ma degrada in relazione le altre prestazioni.

Giusto. Peggiora in modo sensibile il controllo dei driver
è qui che volevo arrivare (e anche fermarmi perchè sono OT)
salvo casi eccezionali/voluti dal progetto (vedi esempio di Fabio) un ampli mediamente finisce prima la corrente, della tensione (mi si perdoni la trattazione da pescinvendolo Embarassed )
specialmente i ChipAmp National, noti per non essere dei mostri di erogazione di corrente (in rapporto alla loro potenza)
eppure in molti su DiyAudio sostengono che gli LM a ponte suonino "meglio" degli LM montati "single ended" ..


Ultima modifica di madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 17:12, modificato 1 volta

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  florin il Lun 25 Gen 2010 - 10:59

@madqwerty ha scritto:
continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing

Sai meglio di me, che collegando in ponte 2 finali si arriva a quadruplicare la potenza in uscita con lo stesso alimentatore,il sistema è anche ecologico,cosa vuoi di più?L'unico inconveniente è che si devono raddoppiare il numero dei finali.La corrente assorbita/erogata non si può aumentare,ma basta il raddoppio della tensiune in uscita.

florin
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 05.02.09
Numero di messaggi : 3236
Località : torino
Impianto : marantz cd4000 tweakkato,ampli truepath autocostruito,Dynamite 8,dac Florini+WaveIO in I2S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 11:22

@florin ha scritto:
@madqwerty ha scritto:
continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing

Sai meglio di me, che collegando in ponte 2 finali si arriva a quadruplicare la potenza in uscita con lo stesso alimentatore,il sistema è anche ecologico,cosa vuoi di più?L'unico inconveniente è che si devono raddoppiare il numero dei finali.La corrente assorbita/erogata non si può aumentare,ma basta il raddoppio della tensione in uscita.

è proprio questa tua frase che non mi convince..
se raddoppio la tensione sul carico, sommando le due tensioni "apparenti" e opposte generate dai due singoli stadi,
necessariamente raddoppio anche la corrente che scorre nel carico...
quindi, a parità di tensione erogata, ogni singolo finale dovrà erogare il doppio della corrente,
rispetto alla pari tensione erogata da ognuno di loro se usato single-ended...
è un po' lo stesso discorso che fa Albamaiuscola, se vuoi 2 ampli a ponte ben funzionanti su (supponiamo) 4 ohm,
bisogna prima sincerarsi che questo ampli (usato single-ended) sia in grado di funzionare bene con 2 ohm..

e la prova andrebbe fatta perchè è più probabile che un ampli vada in crisi per mancanza di corrente erogabile, piuttosto che per mancanza di dinamica di tensione in uscita.. o no Wink

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  florin il Lun 25 Gen 2010 - 11:53

@madqwerty ha scritto:
se raddoppio la tensione sul carico, sommando le due tensioni "apparenti" e opposte generate dai due singoli stadi,
necessariamente raddoppio anche la corrente che scorre nel carico...

La corrente che scorre nel carico non si raddoppia,un ampli amplifica la sinusoide positiva l'altro è in ''stand by'',il primo passa in ''stand by'' e il secondo amplifica la sinusoide negativa .Come si raddoppia la corrente?

florin
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 05.02.09
Numero di messaggi : 3236
Località : torino
Impianto : marantz cd4000 tweakkato,ampli truepath autocostruito,Dynamite 8,dac Florini+WaveIO in I2S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 12:53

@florin ha scritto:La corrente che scorre nel carico non si raddoppia,un ampli amplifica la sinusoide positiva l'altro è in ''stand by'',il primo passa in ''stand by'' e il secondo amplifica la sinusoide negativa .Come si raddoppia la corrente?
mmh, non credo funzioni così il giochino.. I see
quello che descrivi tu mi pare essere il classico schema push/pull in classe B,
gli ampli a ponte se non erro vanno interpretati come un push/pull in classe A, entrambi sono sempre attivi (uno eroga l'altro assorbe, sulla semionda contraria si scambiano di ruolo, ma sempre entrambi attivi..)
(anche perchè se uno dei due è in stanby, non può assorbire corrente, quindi corrente non scorre quindi potenza=0 Wink )

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  florin il Lun 25 Gen 2010 - 13:43

@madqwerty ha scritto:
(anche perchè se uno dei due è in stanby, non può assorbire corrente, quindi corrente non scorre quindi potenza=0 Wink )

Con questa affermazione sono d'accordo,ma quando si fanno i calcoli, la corrente non c'entra niente,solo la tensione d'uscita e ricordati che in collegamento in ponte si usa di solito un impedenza doppia per il diffusore per non mettere in crisi l'alimentatore(sale anche la corrente?).

florin
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 05.02.09
Numero di messaggi : 3236
Località : torino
Impianto : marantz cd4000 tweakkato,ampli truepath autocostruito,Dynamite 8,dac Florini+WaveIO in I2S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  Fabio il Lun 25 Gen 2010 - 18:11

Non vorrei inventarmi l'acqua calda, ma non capiscco perchè vi accapigliate, corrente e tensione sono due facce della stessa medaglia e sono dirrettamente proporzionali per un dato carico.
Considerando i loro valori efficaci, per comodita di rappresentazione grafica, la potenza si ottiene con:
W= V x I = ( V x V )/ R= I x I x R
L'amplificatore collegato a ponte con un altro è come se vedesse un'impedenza dimezzata e raddoppia la corrente.
Il carico da parte sua e come se vedesse una tensione doppia, da qui l'aumento di corrente del finale.
In tutte e tre le espressioni il risultato da una potenza quadrupla, poi bisogna vedere se il finale e l'alimentazione ce la fanno a erogare quella corrente senza che si sbraghi la tensione per le cadute che aumentano o non si fonda qualcosa.


Ultima modifica di Fabio il Mar 26 Gen 2010 - 1:29, modificato 1 volta

Fabio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.11.08
Numero di messaggi : 2516
Località : Roma
Occupazione/Hobby : informatico aziendale / ozio
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : in firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 21:00

@Fabio ha scritto:L'amplificatore collegato a ponte con un altro è come se vedesse un'impedenza dimezzata e raddoppia la corrente.
esatto! Smile
e quindi è più facile che la finisca prima, quindi deve averne disponibile in eccesso se usato da solo (o funzionare "bene" a impedenza dimezzata) per sfruttare appieno il ponte..
(la discussione era partita da un kama-bay, che come tutti i cippini non è certamente un mostro di erogazione di corrente, e può tranquillamente andare in crisi anche da solo, idem l'LM3886 nel suo contesto, di cui però ho letto bene su DiyAudio, se usato a ponte.. pour parlez Very Happy )

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  hawui1 il Lun 25 Gen 2010 - 23:29

Un amplificatore collegato a ponte vede un'impedenza di carico che è metà di quella effettiva.. quindi con un altoparlante da 4 ohm l'amplificatore si comporta pari pari come se avesse un carico da 2ohm in uscita.. quindi la corrente aumenta rispetto all'amplificatore connesso direttamente allo stesso carico..
Quanto alla corrente massima erogabile, non è detto che sia quella che fornisce la massima potenza.. per dire, se un amplificatore eroga massimo 100W su 4 ohm.. in quelle condizioni dovrà erogare 5 ampere.. ma magari la sua circuitazione limita la corrente quando questa raggiunge i 15 ampere.. e i 100W massimi sono dati dal clipping in tensione.. (questo succede spesso con amplificatori studiati per le basse impedenze)
Quindi collegando questo amplificatore a ponte con un esemplare gemello si raggiungono tranquillamente i 400W su 4 ohm visto che ciascun amplificatore erogherà 10 ampere .. Viceversa un amplificatore che ha una limitazione piuttosto ristretta potrebbe non raggiungere affatto detta potenza.. mettiamo l'amplificatore di cui sopra.. se fosse limitato a 7 ampere, pur erogando sempre i suoi bravi 100W su 4 ohm.. collegato a ponte con un esemplare gemello non darebbe più di 200W..
E' da considerare anche che non tutti gli amplificatori vedono di buon grado la riduzione dell'impedenza di carico.. alcuni iniziano ad autooscillare e magari si guastano.. inoltre anche il fattore di smorzamento si dimezza..

hawui1
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 14.12.09
Numero di messaggi : 177
Località : Prato (PO)
Impianto : YAMAHA-Pioneer

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum