T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Consiglio preamplificatore lesahifi
Oggi alle 10:24 Da dinamanu

» Consiglio: impianto si o no e cosa (poco spazio, max 600€)
Oggi alle 9:31 Da dinamanu

» Blood Sweat Tears
Ieri alle 23:21 Da andy65

» Quali album per iniziare ad ascoltare jazz?
Ieri alle 21:22 Da lello64

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Ieri alle 19:54 Da giatz83

» Gilmour, Live at Pompeii
Ieri alle 19:31 Da fuscusmic

» SMSL M7: il dac definitivo alla portata di tutti?
Ieri alle 18:54 Da Nadir81

» Primo Impianto Hi-Fi
Ieri alle 18:01 Da dinamanu

» Technics SU-V2A
Ieri alle 15:50 Da Massimo Cogo

» JAZZ - È morto Hank Jones
Ieri alle 15:21 Da Albert^ONE

» Rimetto in vendita tutti i miei Blu-Ray
Ieri alle 12:07 Da wolfman

» ciò solo 200 euri.... le scinte e il cinesino.... oppure...
Mar 19 Set 2017 - 23:56 Da dinamanu

» [GE] CMoyy DIY potenziato - 60 € s.s. incluse
Mar 19 Set 2017 - 23:26 Da sh4d3

» The Oscar Peterson Trio - We Get Requests
Mar 19 Set 2017 - 21:29 Da andy65

» [cerco]Lettore CD da usare come meccanica
Mar 19 Set 2017 - 20:29 Da rattaman

» [NA] Vendo Wadia 151 Power Dac - 350 euro spedito
Mar 19 Set 2017 - 17:57 Da MrTheCarbon

» YAMAHA WX-A50 Qualcuno l'ha sentito?
Mar 19 Set 2017 - 17:02 Da Baron Birra

» [Vendo] SuperPro 707 DAC USB 3
Mar 19 Set 2017 - 16:49 Da dmnet75

» [MI + sped] Amplificatore per cuffie Yulong A28 classe A bilanciato garanzia perfetto
Mar 19 Set 2017 - 15:22 Da vale69

» Consiglio su amplificatore stereo
Mar 19 Set 2017 - 15:03 Da zermak

» Cyrus 3
Mar 19 Set 2017 - 14:40 Da Pinve

» Quale AB là posto del D8 ?
Mar 19 Set 2017 - 14:21 Da dinamanu

» Charlie Haden che mito!
Mar 19 Set 2017 - 14:01 Da andy65

» Napoli Centrale
Mar 19 Set 2017 - 12:29 Da Ivan

» potenza Alientek D8 / FX 802
Mar 19 Set 2017 - 7:56 Da stefa

» Ricordando Miles Davis
Lun 18 Set 2017 - 22:23 Da andy65

» Marcus Miller Panther
Lun 18 Set 2017 - 22:20 Da andy65

» Vangelis - Blade runner
Lun 18 Set 2017 - 21:12 Da sportyerre

» Buste viniliche
Lun 18 Set 2017 - 20:40 Da andy65

» Bill Evans arruginito.....
Lun 18 Set 2017 - 20:33 Da andy65

Statistiche
Abbiamo 11023 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Celestino Benazzi

I nostri membri hanno inviato un totale di 795070 messaggi in 51557 argomenti
I postatori più attivi della settimana
dinamanu
 
lello64
 
giucam61
 
nerone
 
andy65
 
Nadir81
 
Kha-Jinn
 
giatz83
 
pallapippo
 
Baron Birra
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15512)
 
Silver Black (15477)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9180)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 75 utenti in linea: 5 Registrati, 2 Nascosti e 68 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

dieggs, dinamanu, francossido, Nadir81, potowatax

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  florin il Dom 24 Gen 2010 - 22:27

madqwerty ha scritto:

cosa non ho mai capito io è l'utilità intrinseca di un collegamento a ponte,
che raddoppia la tensione utile in uscita ma non la corrente massima erogabile
(sempre limitata a quello del singolo ampli)

P=VxI=(VxV)/R


Ultima modifica di florin il Lun 25 Gen 2010 - 10:37, modificato 1 volta
avatar
florin
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 05.02.09
Numero di messaggi : 3236
Località : torino
Impianto : marantz cd4000 tweakkato,ampli truepath autocostruito,Dynamite 8,dac Florini+WaveIO in I2S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 0:43

florin ha scritto:
madqwerty ha scritto:
cosa non ho mai capito io è l'utilità intrinseca di un collegamento a ponte,
che raddoppia la tensione utile in uscita ma non la corrente massima erogabile
(sempre limitata a quello del singolo ampli)
P=UxI=UxU/R
continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing


Ultima modifica di madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 17:11, modificato 1 volta
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  Fabio il Lun 25 Gen 2010 - 1:14

madqwerty ha scritto:continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing
Ci sono casi in cui hai limitazioni rispetto alla tensione di alimentazione disponibile o a quella sopportata dal finale, che pur potendo erogare più corrente, con quella tesione su quel carico più di tot non può esprimere.
Esempio classico, i 12V e i 4Ohm delle autoradio.
Oppure lo schiribizzo di voler realizzare, che so, un chipamp con più integrati in sinergia, come se ne vedono in giro con paralleli e ponti.
Non ultimo l'eventualita che due finali con componentistica dimensionata per un 1/4 della tensione, ma con erogazione di corrente sufficente, abbatta sensibilmente i costi.
Basta guardare quanto costano dei condensatori da 25 V e quelli da 80V.
Resta inteso che il finale a ponte aumenta la potenza ma degrada in relazione le altre prestazioni.


Ultima modifica di Fabio il Lun 25 Gen 2010 - 1:20, modificato 1 volta
avatar
Fabio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.11.08
Numero di messaggi : 2516
Località : Roma
Occupazione/Hobby : informatico aziendale / ozio
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : in firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  albamaiuscola il Lun 25 Gen 2010 - 1:23

Fabio ha scritto:
madqwerty ha scritto:continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing
Ci sono casi in cui hai limitazioni rispetto alla tensione di alimentazione disponibile o a quella sopportata dal finale, che pur potendo erogare più corrente con quella tesione su quel carico più di tanto non può esprimere.
Esempio calssico, i 12V e i 4Ohm delle autoradio, oppure il voler realizzare, che so, un chipamp con più integrati in sinergia, come se ne vedono in giro con paralleli e ponti.
Resta inteso che il finale a ponte aumenta la potenza ma degrada in relazione le altre prestazioni.

Giusto. Peggiora in modo sensibile il controllo dei driver. In particolare se questi scendono abbastanza come impedenza, sono problemi. Già sono pochi i finali in grado di gestire i 2Ohm, se poi vengono messi a ponte il loro limite massimo diventano i 4. Figuriamoci che accade ad un ampli che è dato a 4...

Che poi vi siano diffusori che ci arrivano, ai 2Ohm, è un altro paio di maniche, il dato è più che altro riguardante la bontà e le capacità di gestire i driver del finale.

albamaiuscola
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.12.08
Numero di messaggi : 2505
Località : x
Impianto : x

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 9:36

albamaiuscola ha scritto:
Fabio ha scritto:
madqwerty ha scritto:continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing
Ci sono casi in cui hai limitazioni rispetto alla tensione di alimentazione disponibile o a quella sopportata dal finale, che pur potendo erogare più corrente con quella tesione su quel carico più di tanto non può esprimere.
Esempio calssico, i 12V e i 4Ohm delle autoradio, oppure il voler realizzare, che so, un chipamp con più integrati in sinergia, come se ne vedono in giro con paralleli e ponti.
Resta inteso che il finale a ponte aumenta la potenza ma degrada in relazione le altre prestazioni.

Giusto. Peggiora in modo sensibile il controllo dei driver
è qui che volevo arrivare (e anche fermarmi perchè sono OT)
salvo casi eccezionali/voluti dal progetto (vedi esempio di Fabio) un ampli mediamente finisce prima la corrente, della tensione (mi si perdoni la trattazione da pescinvendolo Embarassed )
specialmente i ChipAmp National, noti per non essere dei mostri di erogazione di corrente (in rapporto alla loro potenza)
eppure in molti su DiyAudio sostengono che gli LM a ponte suonino "meglio" degli LM montati "single ended" ..


Ultima modifica di madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 17:12, modificato 1 volta
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  florin il Lun 25 Gen 2010 - 10:59

madqwerty ha scritto:
continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing

Sai meglio di me, che collegando in ponte 2 finali si arriva a quadruplicare la potenza in uscita con lo stesso alimentatore,il sistema è anche ecologico,cosa vuoi di più?L'unico inconveniente è che si devono raddoppiare il numero dei finali.La corrente assorbita/erogata non si può aumentare,ma basta il raddoppio della tensiune in uscita.
avatar
florin
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 05.02.09
Numero di messaggi : 3236
Località : torino
Impianto : marantz cd4000 tweakkato,ampli truepath autocostruito,Dynamite 8,dac Florini+WaveIO in I2S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 11:22

florin ha scritto:
madqwerty ha scritto:
continua a non tornarmi..
se con 2 ampli a ponte aumenti la tensione sul carico,
aumenterai anche la corrente che devono assorbire/erogare,
ma questa non può essere superiore a quella che erogherebbe/assorbirebbe ogni singolo ampli usato "normale"..
oppure no? Laughing

Sai meglio di me, che collegando in ponte 2 finali si arriva a quadruplicare la potenza in uscita con lo stesso alimentatore,il sistema è anche ecologico,cosa vuoi di più?L'unico inconveniente è che si devono raddoppiare il numero dei finali.La corrente assorbita/erogata non si può aumentare,ma basta il raddoppio della tensione in uscita.

è proprio questa tua frase che non mi convince..
se raddoppio la tensione sul carico, sommando le due tensioni "apparenti" e opposte generate dai due singoli stadi,
necessariamente raddoppio anche la corrente che scorre nel carico...
quindi, a parità di tensione erogata, ogni singolo finale dovrà erogare il doppio della corrente,
rispetto alla pari tensione erogata da ognuno di loro se usato single-ended...
è un po' lo stesso discorso che fa Albamaiuscola, se vuoi 2 ampli a ponte ben funzionanti su (supponiamo) 4 ohm,
bisogna prima sincerarsi che questo ampli (usato single-ended) sia in grado di funzionare bene con 2 ohm..

e la prova andrebbe fatta perchè è più probabile che un ampli vada in crisi per mancanza di corrente erogabile, piuttosto che per mancanza di dinamica di tensione in uscita.. o no Wink
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  florin il Lun 25 Gen 2010 - 11:53

madqwerty ha scritto:
se raddoppio la tensione sul carico, sommando le due tensioni "apparenti" e opposte generate dai due singoli stadi,
necessariamente raddoppio anche la corrente che scorre nel carico...

La corrente che scorre nel carico non si raddoppia,un ampli amplifica la sinusoide positiva l'altro è in ''stand by'',il primo passa in ''stand by'' e il secondo amplifica la sinusoide negativa .Come si raddoppia la corrente?
avatar
florin
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 05.02.09
Numero di messaggi : 3236
Località : torino
Impianto : marantz cd4000 tweakkato,ampli truepath autocostruito,Dynamite 8,dac Florini+WaveIO in I2S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 12:53

florin ha scritto:La corrente che scorre nel carico non si raddoppia,un ampli amplifica la sinusoide positiva l'altro è in ''stand by'',il primo passa in ''stand by'' e il secondo amplifica la sinusoide negativa .Come si raddoppia la corrente?
mmh, non credo funzioni così il giochino.. I see
quello che descrivi tu mi pare essere il classico schema push/pull in classe B,
gli ampli a ponte se non erro vanno interpretati come un push/pull in classe A, entrambi sono sempre attivi (uno eroga l'altro assorbe, sulla semionda contraria si scambiano di ruolo, ma sempre entrambi attivi..)
(anche perchè se uno dei due è in stanby, non può assorbire corrente, quindi corrente non scorre quindi potenza=0 Wink )
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  florin il Lun 25 Gen 2010 - 13:43

madqwerty ha scritto:
(anche perchè se uno dei due è in stanby, non può assorbire corrente, quindi corrente non scorre quindi potenza=0 Wink )

Con questa affermazione sono d'accordo,ma quando si fanno i calcoli, la corrente non c'entra niente,solo la tensione d'uscita e ricordati che in collegamento in ponte si usa di solito un impedenza doppia per il diffusore per non mettere in crisi l'alimentatore(sale anche la corrente?).
avatar
florin
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 05.02.09
Numero di messaggi : 3236
Località : torino
Impianto : marantz cd4000 tweakkato,ampli truepath autocostruito,Dynamite 8,dac Florini+WaveIO in I2S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  Fabio il Lun 25 Gen 2010 - 18:11

Non vorrei inventarmi l'acqua calda, ma non capiscco perchè vi accapigliate, corrente e tensione sono due facce della stessa medaglia e sono dirrettamente proporzionali per un dato carico.
Considerando i loro valori efficaci, per comodita di rappresentazione grafica, la potenza si ottiene con:
W= V x I = ( V x V )/ R= I x I x R
L'amplificatore collegato a ponte con un altro è come se vedesse un'impedenza dimezzata e raddoppia la corrente.
Il carico da parte sua e come se vedesse una tensione doppia, da qui l'aumento di corrente del finale.
In tutte e tre le espressioni il risultato da una potenza quadrupla, poi bisogna vedere se il finale e l'alimentazione ce la fanno a erogare quella corrente senza che si sbraghi la tensione per le cadute che aumentano o non si fonda qualcosa.


Ultima modifica di Fabio il Mar 26 Gen 2010 - 1:29, modificato 1 volta
avatar
Fabio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.11.08
Numero di messaggi : 2516
Località : Roma
Occupazione/Hobby : informatico aziendale / ozio
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : in firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  madqwerty il Lun 25 Gen 2010 - 21:00

Fabio ha scritto:L'amplificatore collegato a ponte con un altro è come se vedesse un'impedenza dimezzata e raddoppia la corrente.
esatto! Smile
e quindi è più facile che la finisca prima, quindi deve averne disponibile in eccesso se usato da solo (o funzionare "bene" a impedenza dimezzata) per sfruttare appieno il ponte..
(la discussione era partita da un kama-bay, che come tutti i cippini non è certamente un mostro di erogazione di corrente, e può tranquillamente andare in crisi anche da solo, idem l'LM3886 nel suo contesto, di cui però ho letto bene su DiyAudio, se usato a ponte.. pour parlez Very Happy )
avatar
madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  hawui1 il Lun 25 Gen 2010 - 23:29

Un amplificatore collegato a ponte vede un'impedenza di carico che è metà di quella effettiva.. quindi con un altoparlante da 4 ohm l'amplificatore si comporta pari pari come se avesse un carico da 2ohm in uscita.. quindi la corrente aumenta rispetto all'amplificatore connesso direttamente allo stesso carico..
Quanto alla corrente massima erogabile, non è detto che sia quella che fornisce la massima potenza.. per dire, se un amplificatore eroga massimo 100W su 4 ohm.. in quelle condizioni dovrà erogare 5 ampere.. ma magari la sua circuitazione limita la corrente quando questa raggiunge i 15 ampere.. e i 100W massimi sono dati dal clipping in tensione.. (questo succede spesso con amplificatori studiati per le basse impedenze)
Quindi collegando questo amplificatore a ponte con un esemplare gemello si raggiungono tranquillamente i 400W su 4 ohm visto che ciascun amplificatore erogherà 10 ampere .. Viceversa un amplificatore che ha una limitazione piuttosto ristretta potrebbe non raggiungere affatto detta potenza.. mettiamo l'amplificatore di cui sopra.. se fosse limitato a 7 ampere, pur erogando sempre i suoi bravi 100W su 4 ohm.. collegato a ponte con un esemplare gemello non darebbe più di 200W..
E' da considerare anche che non tutti gli amplificatori vedono di buon grado la riduzione dell'impedenza di carico.. alcuni iniziano ad autooscillare e magari si guastano.. inoltre anche il fattore di smorzamento si dimezza..
avatar
hawui1
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 14.12.09
Numero di messaggi : 177
Località : Prato (PO)
Impianto : YAMAHA-Pioneer

Tornare in alto Andare in basso

Re: Considerazioni sulla configurazione a ponte di due finali

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum