T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11751 utenti, con i loro 818576 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Condividi

descriptionAutoradio Classe D: Pioneer MVH-280FD

more_horiz
Qualcuno, oltre me, lo ha provato?

Molta potenza in uscita, ligio quindi a quanto specificato nelle descrizione ufficiali. Sicuramente quasi il doppio di un autoradio MOSFET in classe A/B.

Ma veniamo al dunque: molta potenza ma, a quanto ho personalmente notato dopo prove attente di ascolto, segnale audio in clipping già al 60% del volume massimo.

Enfatizzazione di gamma bassa e medio/alta ma poco controllo delle subsoniche. Ciare da 150W praticamente sulla via del tramonto dopo due giorni di ascolto con distorsione da bobina sofferente.

A poco è servito il passa-alto conservativo a 24dB sotto gli 80Hz, che dovrebbe prevenire escursioni incontrollate.

Il farting di su altoparlanti seri (prove eseguite anche su altoparlanti Focal) dopo dieci minuti di ascolto non posso accettarlo da un prodotto che, è evidente, si presenta ben progettato e molto innovativo.

Ho avuto anche l'impressione che si arrivi, dopo aver sforzato un pò l'amplificatore integrato, ad un surriscaldamento interno nonostante l'evidente sforzo del produttore nel rendere efficiente l'intero circuito.

Chi possiede o ha provato questo autoradio? Mi addentrerò a controllare se lo stadio di preamplificazione prevede condensatori ceramici SMD che potrebbero contribuire al clipping ed ai medi taglienti.

Suono tutto sommato piacevole, ma è poco piacevole il rischio costante di danneggiare qualcosa con un clipping a mio avviso dannoso quando si parla di potenze elevate.

Anche casse robuste come le Ciare CW170 sono quasi fritte dopo due giorni di ascolto casuale. E dire che hanno resistito ad ogni tipo di prova ed abuso su amplificatori ben più potenti sia in ambito Car che in quello Home.

descriptionRe: Autoradio Classe D: Pioneer MVH-280FD

more_horiz
I generi ascoltati per le prove sono stati Pop e Rock, principalmente Red Hot Chili Peppers ma anche qualcosina di precedente alla Loudness War.

Equalizzazioni imposte a zero, enfatizzazioni sui bassi azzerate e passa-alto sempre presente a non meno di 80Hz.

Controllerò il comportamento delle Ciare CW170 con un amplificatore differente per constatare se hanno subito danni alla bobina (il timore è un farting costante sotto i 100Hz).

descriptionRe: Autoradio Classe D: Pioneer MVH-280FD

more_horiz
In attesa di pareri freschi da chi possiede questa o altre autoradio in Classe D, ho controllato per bene lo schema completo del modello in questione e condivido alcune informazioni con la speranza che possano essere utili.

Dunque, i condensatori di accoppiamento sono ceramici. Quattro SMD ceramici da 0,47uF ciascuno. Direi che si può partire da questa informazione per migliorare il suono di tutta la catena audio.

Mi chiedo per quale motivo non sono stati adoperati quattro piccoli Mylar da 0,47uF per un percorso così cruciale e delicato.. Embarassed



Piccolo problema: sono SMD in package 0603. Saldare un poliestere in questa posizione sarà piuttosto difficile. Parliamo di pochi millimetri utili.

descriptionRe: Autoradio Classe D: Pioneer MVH-280FD

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum