T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11775 utenti, con i loro 820006 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Cavo coax

Condividi

descriptionCavo coax

more_horiz
Ciao a tutti guardavo i cavi coassiali ma non capisco, ce ne sono più tipi? Cioè quelli che trasportano audio e video, quelli solo video e non audio? Nn ho capito bene.. o sono tutti uguali? Se me ne servisse uno per l'audio che caratteristiche dovrebbe avere? Grazie

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
75ohm ...come quello video Wink

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
Quindi basta che sia 75 ohm poi altre caratteristiche nn servono dunque.. bene grazie

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
Avrai sicuramente in casa un economico cavo AV rosso/nero /giallo, fai delle prove con il giallo. Io sto utilizzando un cavo d'antenna che usavo in un vecchio impianto HT, anche se molti dicono che fanno la differenza, non spenderci molto, servono impianti costosi e rivelatori per percepirle
Ovviamente IMHO Wink

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
Per un segnale digitale non c'è impianto rivelatore che tenga, un cavo vale l'altro.

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
@Kha-Jinn ha scritto:
Per un segnale digitale non c'è impianto rivelatore che tenga, un cavo vale l'altro.


Non sono d'accordo, la differenza tra cavi di diversa qualità si sente, ovviamente se l'impianto te la fà sentire.

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
@sonic63 ha scritto:
@Kha-Jinn ha scritto:
Per un segnale digitale non c'è impianto rivelatore che tenga, un cavo vale l'altro.


Non sono d'accordo, la differenza tra cavi di diversa qualità si sente, ovviamente se l'impianto te la fà sentire.


descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
anche la lunghezza incide.....

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
@Luca Marchetti ha scritto:
Ciao a tutti guardavo i cavi coassiali ma non capisco, ce ne sono più tipi? Cioè quelli che trasportano audio e video, quelli solo video e non audio? Nn ho capito bene.. o sono tutti uguali? Se me ne servisse uno per l'audio che caratteristiche dovrebbe avere? Grazie

che cosa devi/vuoi collegare?

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
ci collegherei un lettore bluray entry level sulle 100 euro cavo lungo max mezzo metro visto la vicinanza degli apparecchi

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
@sonic63 ha scritto:
@Kha-Jinn ha scritto:
Per un segnale digitale non c'è impianto rivelatore che tenga, un cavo vale l'altro.


Non sono d'accordo, la differenza tra cavi di diversa qualità si sente, ovviamente se l'impianto te la fà sentire.

Non metto in dubbio che con un segnale digitale cambiando cavo sia possibile sentire delle differenze, la questione è se tali differenze esistono solo nella testa di chi ascolta o nel mondo reale. Io dico la prima.

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
@Luca Marchetti ha scritto:
ci collegherei un lettore bluray entry level sulle  100 euro cavo lungo max mezzo metro visto la vicinanza degli apparecchi


prendilo da 1mt,il costo è quasi uguale e un domani dovessi cambiare qualche componente o disposizione rischi che sia troppo corto
...con conseguenti smadonnamenti Laughing

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
@Kha-Jinn ha scritto:
@sonic63 ha scritto:
@Kha-Jinn ha scritto:
Per un segnale digitale non c'è impianto rivelatore che tenga, un cavo vale l'altro.


Non sono d'accordo, la differenza tra cavi di diversa qualità si sente, ovviamente se l'impianto te la fà sentire.

Non metto in dubbio che con un segnale digitale cambiando cavo sia possibile sentire delle differenze, la questione è se tali differenze esistono solo nella testa di chi ascolta o nel mondo reale. Io dico la prima.


Dalle tante prove che ho fatto la differenza si sente e non credo proprio che sia nella mia testa, anche perchè i riscontri sono oggettivi e quindi io dico la seconda.

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
@sonic63 ha scritto:

Dalle tante prove  che ho fatto la differenza si sente e non credo proprio che sia nella mia testa, anche perchè i riscontri sono oggettivi e quindi io dico la seconda.



a questo punto non seguo più;
parlando di segnali digitali, ovvero uni e zeri e presumendo che il cavo appropriato al segnale che deve trasferire e che lo faccia senza rilevanti perdite, il che per una distanza di 50 / 100 cm non è poi tanto impossibile, tu ritieni che sia oggettivamente dimostrabile (oltre che udibile) un decadimento del segnale originariamente presente in ingresso rispetto a quello in uscita in funzione del tipo di cavo impiegato?

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
ilproblema si chiama jitter e la linea di trasmissione a 75ohm non e' mai rispettata

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
@sonic63 ha scritto:
@Kha-Jinn ha scritto:
Per un segnale digitale non c'è impianto rivelatore che tenga, un cavo vale l'altro.


Non sono d'accordo, la differenza tra cavi di diversa qualità si sente, ovviamente se l'impianto te la fà sentire.


Mi farebbe veramente cosa gradita se gentilmente mi puoi spiegare la differenza non solo d'ascolto, ma scientificamente e supportata da informazioni tecniche.

Ti chiedo questo perché quanto da te affermato, esula dalla mia conoscenza scientifica e dal mio percepire.

Per l’impedenza dei cavi, io solitamente ne tengo conto nei sistemi di trasmissione ad alta frequenza (AF).
L’impedenza del cavo deve essere rigorosamente rispettata, per non creare disaccoppiamento tra il TX e l’antenna.
Per verificare le onde stazionarie e di conseguenza il perfetto allineamento, della linea d’alimentazione si usa il Rosmetro, mentre in bassa frequenza onestamente non saprei che dire ??

Un buon fine settimana a tutto il forum.

.

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz

@dinamanu ha scritto:
ilproblema si chiama jitter e la linea di trasmissione a 75ohm non e' mai rispettata



Ma questo non vuol dire che il segnale analogico in uscita dal dispositivo che riceve i segnali "jitterati" ne abbia poi delle variazioni.
Perché -se ci sono- devo essere misurabili, e non ho ancora letto qualcuno che riporti delle misure credibili al riguardo, ovvero che influenzino l'udito.

Ti faccio un esempio di un intervento che è molto più invasivo:
dalla traccia di un vinile digitalizzato io tolgo i "cilck" a mano, cioè elimino brutalmente da 6 a 12 campioni di una traccia 16/44; che sono circa 0.2 millisecondi.
Non esiste nessun orecchio ne di uomo ne di animale in grado di percepire la variazione.
Oltretutto stiamo parlando di musica riprodotta, cioè un fenomeno acustico che è sottoposto a numerose variabili ambientali, microclimatiche, elettriche, biologiche (funzionamento della percezione), che hanno ordini di grandezza molto superiori eppure nessuno se ne accorge; la conclusione è ovvia.


descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
e' un problema di timing degli impulsi del segnale digitale ,e' una storia vecchia di 25 anni fa' c'e' una marea di letturatura scentifica in rete , sotto i 10  picosecondi dovrebbe essere contenuto il jitter ma ti va bene se stai sotto ai 100ps,
spdf non nasce come protocollo di comunicazione ma come una sorta  backdoor alla philips dato che non c'e' controllo del timing cioe' del clock tra il trasmettitore ed il ricevitore, poi di solito e' anche  implementato alla cazz ....difficile trovare il trasformatore della Pulse ed psu separato

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
Mi pare di ricordare che pochi picosecondi è il tempo che impiega un transistore veloce a cambiare di stato,
1 campione (dico 1) a 44KHz dura 22uS = 22.000.000 pS
non credo che 100pS cambino qualcosa all'ascolto.

In compenso per evitare variazioni insignificanti bisogna spendere un pacco di soldi, per far diventare degli apparecchi che funzionano a frequenze audio o  MF precisi come dei radar militari che lavorano sui satelliti.

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
Ma esattamente come fa un cavo a variare il jitter? Mi verrebbe da dire che è più compito del trasmettitore nonché della bontà del clock del ricevitore.

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
La spiegazione tecnica sarebbe interessante, ma secondo me poco cambia; io sostengo che proprio la musica digitale ha cambiato le carte in tavola:
abbiamo gli studi di Dolby che testimoniano come il rumore possa essere spostato in una zona che dove non è avvertibile, la stessa cosa la fa il dithering, via digitale si può fare di tutto e di più sul segnale senza perdere la completezza dell'informazione; gli MP3 addirittura ne fanno sparire una parte consistente, eppure qualcuno dice che si può arrivare ad un livello di compressione (eliminazione dei dati) senza che sia avvertibile la differenza.

Di fronte a queste tecniche così invasive e accettate da tutti, come è possibile ritenere che fenomeni infinitesimali possano variare l'ascolto?
Del resto tutte le diatribe nascono proprio perchè alcuni hanno provato e non trovano differenze, altri si e la questione diventa impossibile da provare in modo inequivocabile.

Ma in fondo se uno cambia i cavi e poi è contento poco importa: come per i vestiti ognuno è libero di sentirsi soddisfatto come crede. Quello che combatto è la diffusione di mode truffaldine, fatte solo per imbrogliare le persone e vendere a prezzi assurdi materiale che rende tanto come quello comune; quindi il mio è un discorso generale: se uno vuol comperare il cavo da 15E invece che 5 non è un gran danno, ma se casca nella paranoia si svena per niente.



descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
che posso dirvi fate domande e vi date anche le risposte.....

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
Ma no, non so la risposta, come si forma il jitter sul segnale del cavo lo intuisco, ma sarei interessato a sapere come un disturbo piccolissimo possa diventare udibile.

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
@dinamanu ha scritto:
che posso dirvi fate domande e vi date anche le risposte.....

In realtà sarei curioso di sapere la risposta, si presuppone che siamo qui per scambiare opinioni e informazioni, no?

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
@Snap ha scritto:
@sonic63 ha scritto:

Dalle tante prove  che ho fatto la differenza si sente e non credo proprio che sia nella mia testa, anche perchè i riscontri sono oggettivi e quindi io dico la seconda.



a questo punto non seguo più;  
parlando di segnali digitali, ovvero uni e zeri  e presumendo che il cavo appropriato al segnale che deve trasferire  e che lo faccia senza rilevanti perdite, il che per una distanza di 50 / 100 cm non è poi tanto impossibile,  tu ritieni che sia oggettivamente dimostrabile (oltre che udibile)  un decadimento del segnale originariamente presente in ingresso rispetto a quello in uscita in funzione del tipo di cavo impiegato?

   

Ti avrei risposto prima, ma poi ho pensato che  sarebbe stato meglio mettere qualche foto, ma solo stasera ho trovato il tempo per farle.
Lungo i cavi digitali non viaggiano "uni e zeri" ma onde quadre, e le onde hanno il brutto difetto di essere fenomeni fisici e quindi possono essere distorti.
Il dac per ricostruire la forma d'onda analogica originale ha bisogno di un riferimento temporale(il momento in cui è stato rilevato il campione), se il ricevitore non acquisisce i campioni con il corretto ritmo il segnale analogico sarà distorto.
Se le onde quadre che viaggiano lungo il cavo digitale non sono corrette nei fronti di salita e nella lunghezza del pulsazione il ricevitore viene tratto in inganno acquisendo un timing sbagliato.
Allora per darti un riscontro oggettivo ho preso 4-5 cavi coassiali tra quelli che ho e li ho collegati, uno alla volta ovviamente, tra un generatore di frequenze SIGLENT e un'apparecchio YOKOGAWA TA320 che è un "time interval analyzer" cioè un'analizzatore degli intervalli di tempo, tra le sue funzioni ha quella di misurare il periodo di un'onda. In sostanza acquisisce un certo numero(32.000) di campioni(onde quadre) e ci dice di quanto e in che quantità si discostano dal valore standard(cioè il periodo della frequenza che usiamo), migliore è la trasmissione lungo il cavo più precisi saranno i campioni, se il cavo è una schifezza i campioni avranno una dispersione molto più alta.
E' quello che ci serve... se i campioni non arrivano al ricevitore con un intervallo preciso avremo la distorsione di cui parlavamo prima(il famigerato jitter).
Metto due foto: il cavo peggiore e il migliore.
Il peggiore è un cavetto cinese di quelli "Component" per collegare tv e DVD o play station, in pratica quello, che è marchiato giallo, per il segnale video.
Il migliore è un cavo per strumenti di misura.
questo è il cavo peggiore:

Il segnale ha una frequenza di 1,8Mhz, più o meno quella del segnale che esce dalla S/pdif, il livello è di 500mVpp.
Sull'asse orizzontale il periodo dell'onda, in verticale la densità dei campioni per ogni periodo.
Il periodo di un'onda a 1,8Mhz è 555,5periodico nS e infatti il valore medio è quasi giusto, ma ci sono variazioni di poco più di 9nS in più e in meno(cioè il valore p-p riportato in basso).

Questo il migliore:

Le variazioni sono di circa 2,2nS
Aggiungo che se diminuisco il livello del segnale in ingresso e/o alzo la soglia del trigger(la tensione a cui lo strumento riconosce il segnale) la situazione per il cavo peggiore peggiora:

I valori minimo e massimo del periodo sono simili, ma ci sono molti più campioni spostati alle estremità.
Viceversa se il segnale è più forte e/o il livello del trigger più basso il risultato è migliore(capisci che queste cose dipendono dalla bontà di uscita digitale e dac)
Tieni conto che queste della misura sono condizioni favorevoli per il cavo(collegato tra due strumenti di misura), se misuri quello che viene fuori dall'uscita digitale di un lettore economico è uno sfacelo(con buona pace di quelli che: "comprati un dvd da mercatone tanto quello che conta è il dac...").
E dovresti vedere quello che succede facendo le misure mentre sottopongo diversi tipi di cavo a disturbi vari, anche nell'immunità ai disturbi si vede, oggettivamente, la resa di un cavo migliore.
E all'ascolto io la differenza la sento.

descriptionRe: Cavo coax

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum