T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» Prezzi CD & Liquida - ripensarci ?
Oggi alle 8:24 am Da Pinve

» Poi cambi cavi e... l' impianto diventa un' altro...
Oggi alle 8:19 am Da Pinve

» quattro chiacchere su finali Classe AB vs CLASSE D
Oggi alle 8:13 am Da Pinve

» Problema Denon PMA720 + Monitor Audio Bronze 2 ??
Oggi alle 7:46 am Da timo74

» ma voi ... dove tenete la liquida ?
Oggi alle 7:28 am Da diechirico

» Disaccoppiare diffusori da ripiano libreria
Ieri alle 9:42 pm Da nerone

» Quale scheda classe d con 72v dc e 44 (oppure AC 52 e 31AC) sui 350w a 4 ohm?
Ieri alle 1:52 pm Da Albert^ONE

» Mettere a ponte due finali classe d con alimentatori separati, o due alimentatori insieme
Ieri alle 1:50 pm Da Albert^ONE

» audio youtube e company
Ieri alle 9:51 am Da Fabio Menozzi

» [VENDO] Interfaccia USB Schiit Eitr a 140 + S.S.
Ieri alle 8:42 am Da Nadir81

» Antenna per Grundig R30
Ieri alle 6:09 am Da lello64

» Jlh 1969 - ne vale la pena?
Mar Mag 22, 2018 7:39 pm Da Albert^ONE

» Upgrade Yaquin MC 84 L
Mar Mag 22, 2018 7:32 pm Da Albert^ONE

» POWER LINE
Mar Mag 22, 2018 12:10 pm Da GP9

» alimentazione TPA3116
Mar Mag 22, 2018 9:58 am Da daltanius29877

» Sansui vintage per giradischi, quale?
Lun Mag 21, 2018 9:19 pm Da Briann

» [RM] Amplificatore Cambridge Audio Azur 640A V2.0
Lun Mag 21, 2018 7:16 pm Da diechirico

» Mi/MB Vendo cuffie Sony MDR 1A Hi Res 70 € + sped
Lun Mag 21, 2018 6:55 pm Da Roberto Mazzolini

» Vendo KingRex T20U 130 € Amplificatore Integrato con DAC USB
Lun Mag 21, 2018 6:39 pm Da Roberto Mazzolini

» colony summer metal
Lun Mag 21, 2018 5:40 pm Da CHAOSFERE

» lettore cd guasto o semplicemente da pulire?
Lun Mag 21, 2018 4:55 pm Da Pinve

» scelta impossibile!
Lun Mag 21, 2018 2:46 pm Da Pinve

» L'ho fatto, le ho distrutte :D
Lun Mag 21, 2018 1:01 pm Da Albert^ONE

» Ortofon 2M Blue vs. Goldring 1042
Lun Mag 21, 2018 12:55 pm Da Albert^ONE

» quale stend?
Lun Mag 21, 2018 12:12 pm Da franzfranz

» [Vendo] Grado extension cable originale 4,5 metri - 25 euro + spedizione
Lun Mag 21, 2018 10:43 am Da Nadir81

» [VENDO] Alientek D8 (no ali) 55 euro + spedizione
Lun Mag 21, 2018 10:16 am Da Nadir81

» Vendo amplificatore integrato ibrido Peachtree iNova
Lun Mag 21, 2018 9:32 am Da p.cristallini

» hifi car una passione infinita!
Lun Mag 21, 2018 8:18 am Da lello64

» Quale micro hifi scegliere?
Dom Mag 20, 2018 7:22 pm Da synth

Statistiche
Abbiamo 11648 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Fabio Menozzi

I nostri membri hanno inviato un totale di 812711 messaggi in 52806 argomenti
I postatori più attivi della settimana
Pinve
 
lello64
 
diechirico
 
nerone
 
timo74
 
daltanius29877
 
scontin
 
Albert^ONE
 
antbom
 
Nadir81
 

I postatori più attivi del mese
lello64
 
sportyerre
 
diechirico
 
Nadir81
 
nerone
 
giucam61
 
CHAOSFERE
 
fritznet
 
mumps
 
Pinve
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15630)
 
Silver Black (15528)
 
nd1967 (12810)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10294)
 
piero7 (9854)
 
fritznet (9505)
 
wasky (9229)
 

Chi è online?
In totale ci sono 47 utenti in linea: 8 Registrati, 1 Nascosto e 38 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

antbom, diechirico, dieggs, mumps, pallapippo, Pinve, Ranco57, scontin

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun Mag 25, 2015 1:01 pm
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Pagina 6 di 14 Precedente  1 ... 5, 6, 7 ... 10 ... 14  Seguente

Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  bonghittu il Ven Nov 13, 2009 10:51 am

@wasky ha scritto:
Non devi scusarti ci mancherebbe altro amico mio Smile
ovvio che, le birre le accetto volentieri io metto il bonghetto Laughing

Ottimo programma, un po' di casino non fa male Smile

@wasky ha scritto:
Non esco dal topic perchè c'è stato il qui pro quò tra te e me ma, perchè ormai
privo di interesse visto che si è andati off topic senza definire l'argomento Wink

Hai ragione. Perché ho scritto che ritengo il problema un falso
problema? Semplicemente perché i nostri ambienti sono permeabili
alle basse frequenze. Fine del problema Smile
avatar
bonghittu
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.04.09
Numero di messaggi : 3525
Località : Mammarranca River (CA)
Provincia (Città) : CA
Impianto :
Spoiler:
LG BP125 - BM-7530 + NAD C350 + ProAc EBT




Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  wasky il Ven Nov 13, 2009 11:04 am

Hai PVT Wink

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  Andrea Gianelli il Ven Nov 13, 2009 3:49 pm

Hello Bene, cari amici, eccoci rientrati nel vero argomento della discussione da me creata: la riproduzione delle basse frequenze in ambiente.
Colgo l'occasione per rispondere a bonghittu, ringraziandolo per le dritte ma anche per confermargli che la resa sonora ottenuta non mi spinge assolutamente ad intervenire sull'ambiente. Tra l'altro uno degli obiettivi dei miei meeting e della mia volontaria attività di consulente di hi-fi accessibile è proprio quello di individuare/sperimentare soluzioni compatibili con ogni ambiente domestico. Pertanto la mia sala ha anche questa funzione "dimostrativa".
Dato che ho menzionato Renato Fornasieri, reputo utile in tale sede spendere qualche parola in più sul simpatico e davvero preparatissimo personaggio, che iniziò a studiare lo specifico problema della riproduzione delle basse frequenze nel lontano 1957, per poi trovare diverse soluzioni davvero innovative nel corso della sua lunga e brillante carriera: dal Philips Bombardon in un fustino da detersivo accordato ad hoc sino alle originali applicazioni dellla filosofia del bass-reflex ben note a tutti i conoscitori ed estimatori della produzione Indiana Line. Altre informazioni disponibili al link http://it.wikipedia.org/wiki/Renato_Fornasieri.
Chiusa parentesi, reputo doveroso continuare la riflessione prendendo spunto anche dai vostri preziosi contributi.
Se un grande ambiente migliora (potenzialmente e teoricamente) l'effettiva percezione delle basse frequenze, è pur vero che esso richiede diffusori più grandi e complessi, che siano in grado di scendere molto di più in frequenza con adeguata pressione sonora ma mantenendo nel contempo il giusto smorzamento, indispensabile per ottenere bassi veloci, precisi e definiti (principale ragione tecnica che ha spinto a passare da un grande woofer a due più piccoli).
Pertanto l'ambiente grande ha potenzialità in più ma anche maggiori criticità: anche in questo convengo col buon Lucio Cadeddu sulla maggior facilità nel far suonare bene una stanzetta rispetto ad un ambiente ampio. Infatti i bassi non sono solo questione di frequenza ma anche e soprattutto di percezione relativa: in un ambiente piccolo, senza bisogno di diffusori molto estesi in basso, con una coppia di minidiffusori ben progettati e di qualità si avrà una maggiore probabilità di percepire un suono profondo, completo e fedele. Il tutto con minori sforzi e minor costo.
A questo punto mi fermo, dato che le mie competenze in materia non mi permettono di andare oltre, lasciando la parola a tutti coloro che hanno qualcosa ancora da aggiungere: non c'è una regola universale, ma anche per questo ulteriori contributi saranno particolarmente preziosi e indubbiamente utili a molti.
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  bonghittu il Ven Nov 13, 2009 4:43 pm

@Andrea Gianelli ha scritto:
Colgo l'occasione per rispondere a bonghittu, ringraziandolo per le dritte ma anche per confermargli che la resa sonora ottenuta non mi spinge assolutamente ad intervenire sull'ambiente. Tra l'altro uno degli obiettivi dei miei meeting e della mia volontaria attività di consulente di hi-fi accessibile è proprio quello di individuare/sperimentare soluzioni compatibili con ogni ambiente domestico. Pertanto la mia sala ha anche questa funzione "dimostrativa".

Andrea il mio discorso non voleva mettere in dubbio le tue certezze ma offrirti una
possibilità di migliorare la resa a costo zero in base ad alcune banalissime osservazioni
fotografiche. Non credo che sia un dramma spostare le casse, coprire vetri e specchi
con un drappo in panno. Alla peggio per fare un test puoi usare un lenzuolo in mollettone
o un sacco a pelo aperto. Tutti oggetti semplici da ricoverare una volta terminata la
sessione di ascolto.
Crei l'impronta della cassa con scotch da battiscopa e il gioco e' fatto.
Le tieni cosi' per una settimana e poi ci racconterai come e' andato questo tentativo.
Sic et simpliciter.

@Andrea Gianelli ha scritto:
Chiusa parentesi, reputo doveroso continuare la riflessione prendendo spunto anche dai vostri preziosi contributi.
Se un grande ambiente migliora (potenzialmente e teoricamente) l'effettiva percezione delle basse frequenze, è pur vero che esso richiede diffusori più grandi e complessi, che siano in grado di scendere molto di più in frequenza con adeguata pressione sonora ma mantenendo nel contempo il giusto smorzamento, indispensabile per ottenere bassi veloci, precisi e definiti (principale ragione tecnica che ha spinto a passare da un grande woofer a due più piccoli).
Pertanto l'ambiente grande ha potenzialità in più ma anche maggiori criticità: anche in questo convengo col buon Lucio Cadeddu sulla maggior facilità nel far suonare bene una stanzetta rispetto ad un ambiente ampio. Infatti i bassi non sono solo questione di frequenza ma anche e soprattutto di percezione relativa: in un ambiente piccolo, senza bisogno di diffusori molto estesi in basso, con una coppia di minidiffusori ben progettati e di qualità si avrà una maggiore probabilità di percepire un suono profondo, completo e fedele. Il tutto con minori sforzi e minor costo.

A mio modestissimo avviso la cosa e' molto piu' complicata del semplice dualismo Ambiente grande/piccolo.
Azzardo che cosiderando una fascia abbastanza ampia, diciamo tra i 15 e i 40 Mq (qualitativamente, gli
aspetti da valutare piu' importanti siano

a) Morfologia della pianta

b) Altezza e geometria del soffitto

c) Trattamento delle pareti contrapposte
ai diffusori e del pavimento.

d) Elementi di arredo della stanza ed eventuali
trappole acustiche accordate.

Credo che questi aspetti siano assolutamente
da valutare prima ancora della scelta di tutto
il resto e delle dimensioni stesse dell'ambiente.

Credo comunque che tu abbia frainteso l'editoriale
di LC relativo al posizionamento. Lo dico bonariamente
perché la mia impressione è che l'oggetto principale
fossero una tipologia di diffusori nati con uno scopo
ben preciso: suonare in ambienti di ridotte dimensioni
e senza grandi possibilità di posizionamento (appunto
da libreria). La tesi, a mio avviso condivisibile, e' che se il
diffusore da libreria ha bisogno di stand, punte e contropunte
per poter avere un comportamento decente tanto vale orientarsi
su un diffusore a torre di pari impronta che in se risolve
già molti problemi.
avatar
bonghittu
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.04.09
Numero di messaggi : 3525
Località : Mammarranca River (CA)
Provincia (Città) : CA
Impianto :
Spoiler:
LG BP125 - BM-7530 + NAD C350 + ProAc EBT




Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  wasky il Sab Nov 14, 2009 1:10 pm

E' arrivata la risposta dal mitico Marco59 Very Happy

http://www.costruirehifi.net/forum/viewtopic.php?f=97&t=1510&p=28518&sid=d002b2602c907bd1ed124a3d4de3bad8#p28518

Buoni bassi in cameretta Kiss



Roberto

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  caliber il Sab Nov 14, 2009 1:29 pm

ringrazialo anche da parte nostra Smile
avatar
caliber
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.11.08
Numero di messaggi : 615
Località : Torino
Impianto : Solo DUNE (e DoctorSound DeLuxe x il ripping)

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  bonghittu il Sab Nov 14, 2009 1:40 pm

@wasky ha scritto:
Buoni bassi in cameretta Kiss

Grazie Roberto Coffe Coffe

Propongo agli admin la creazione di una sezione specifica
dedicata all'acustica e all'ambiente, a come migliorarlo fisicamente
e anche a livello sw visto che molti di noi usano come sorgente
il PC study
avatar
bonghittu
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.04.09
Numero di messaggi : 3525
Località : Mammarranca River (CA)
Provincia (Città) : CA
Impianto :
Spoiler:
LG BP125 - BM-7530 + NAD C350 + ProAc EBT




Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  wasky il Sab Nov 14, 2009 1:43 pm

@bonghittu ha scritto:
@wasky ha scritto:
Buoni bassi in cameretta Kiss

Grazie Roberto Coffe Coffe

Propongo agli admin la creazione di una sezione specifica
dedicata all'acustica e all'ambiente, a come migliorarlo fisicamente
e anche a livello sw visto che molti di noi usano come sorgente
il PC study

Aggiungo anche una sezione dedicata alla "Musica Liquida"

Ho notato che, nel topic della misura di ambiente e convoluzione hai risposto solo tu Laughing


Roberto

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  pallapippo il Sab Nov 14, 2009 5:04 pm

@wasky ha scritto:E' arrivata la risposta dal mitico Marco59 Very Happy

http://www.costruirehifi.net/forum/viewtopic.php?f=97&t=1510&p=28518&sid=d002b2602c907bd1ed124a3d4de3bad8#p28518

Buoni bassi in cameretta Kiss



Roberto
Complimenti al tuo amico (ed a te, quindi, quale "procuratore"). Smile

Risposta IMHO esauriente, ben argomentata e comprensibile anche per niubbi dell'acustica Embarassed .

Hello
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5268
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; cavo usb: Audioquest Cinnamon;dac: SMSL M7;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.


cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor";
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.

distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  b.olivaw il Sab Nov 21, 2009 10:07 pm

@marco59 ha scritto:Il mio suggerimento è sempre lo stesso: preferire un allineamento reflex che consenta una bassa frequenza di accordo (con un woofer che lo consenta). In caso contrario (cassa chiusa) il woofer deve essere veramente in gamba.

toh! Wink
avatar
b.olivaw
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 20.12.08
Numero di messaggi : 506
Occupazione/Hobby : Robot
Provincia (Città) : meteoropatico
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  piero7 il Sab Nov 21, 2009 10:25 pm

Ma posso fare una domanda? Ma il senso di parlare di questo qual'è?

Ma l'utente medio che ama ascoltare più o meno bene la sua musica, pensate che si preoccupi della risonanza dell'angolo? Se sente rimbombi sposta le casse (a meno che non ascolti la musica in un loculo, ed in quel caso tutte ste teorie se ne vanno a benedire). Oppure mette un tappeto per terra, o si fa montare delle tende pesanti se ha grandi vetrate etc etc.

Stiamo dimenticando che vivendo in un appartamento e non sull'astronave enterprise, bisogna dar conto a mogli, fidanzate, mamme, coabitanti vari e vicini.

Ma si può solo pensare che io decida:

1) faccio un'analisi ambientale della mia stanza
2) rilevo che le frequenze xxx e yyy son accentuate (o limitate)
3) mi progetto (se son capace) o mi faccio progettare una coppia di casse per compensare quelle accentuazioni

Domanda: ho le capacità per fare l'analisi? Ho la strumentazione e la conoscenza per farlo? Ho le capacità e la conoscenza per progettare (e poi misurare) che la cassa sia filtrata secondo i requisiti di cui sopra?

Laughing E poi, magari, mi attacco co na sure da 20 euro (dopo aver speso na cifra per fare quel di cui sopra) e mi goda la musica? Laughing

E se la mia compagna decide di mettere un vaso ming tang tzu alto 1,5 metri in questa stanza? Rifamo tutto da capo e riadattiamo il crossover? E se entra il gatto e mi cambia la riflessione angolare del medio alto (avendo il pelo lungo, me lo può assorbire il medio alto)? Laughing

Andrea, ma a te, non ti viene un po' da sorridere? Son cose che ho visto (solo in foto) nelle case di alcuni giapponesi malati di trombe, che hanno utilizzato una cantina come cassa per poi sfondare soffitto di questa cantina e muro della stanza per far uscire le bocche delle trombe! Ma quelli so miliardari!!

Noi famo tutto questo per "godere" del suono di una sure da 20 euro o di due casse degli anni 80 trovate in una cantina? Very Happy
avatar
piero7
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 06.06.09
Numero di messaggi : 9854
Località : Somewhere over the rainbow
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  Andrea Gianelli il Dom Nov 22, 2009 1:30 pm

Hello Riflessione interessante e condivisibile, caro Piero: certo che mi viene da sorridere e non solo un po'...
L'obiettivo, meglio trattato nel successivo argomento che ho volutamente intotolato "Diffusori e ambiente", è proprio quello di avere impianti il più possibile "prevedibili" una volta inseriti nel soggiorno di casa nostra, a partire proprio dai diffusori, che dovrebbero essere progettati tenendo conto della logica collocazione che poi essi troveranno nella maggioranza degli ambienti domestici: in libreria, su mensole o appoggiati su un mobile basso nel caso dei "minidiffusori" (di dimensioni più o meno piccole); al suolo (quasi sempre vicino alla parete di fondo se non in un angolo) nel caso di modelli classici o a torre.
Ecco perchè anche a me viene da sorridere nel vedere case stravolte in funzione dell'impianto, quando la ragionevole speranza è appunto che si decida finalmente per una produzione elettroacustica che si adatti ai comuni locali di abitazione (oggi ancor più piccoli e critici rispetto al passato) e non certo il contrario (supporti speciali che costano più delle casse, torri lunghe e strette, per risparmiare spazio, le quali però debbono poi essere allontanate mezzo metro dalle pareti ecc.).
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  piero7 il Dom Nov 22, 2009 1:34 pm

Andrea, a ridosso dei muri nessuna cassa si esprime come dovrebbe, per quanto tu la possa progettare bene con determinati parametri. Senza aria intorno, perdi la parte più importante dell'hifi, che non è solo il bumbum del basso. Quello, in caso di locali in stile loculo, lo rimedio con un sub
avatar
piero7
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 06.06.09
Numero di messaggi : 9854
Località : Somewhere over the rainbow
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  wasky il Dom Nov 22, 2009 1:53 pm

@Andrea Gianelli ha scritto: al suolo (quasi sempre vicino alla parete di fondo se non in un angolo) nel caso di modelli classici o a torre.

Chi consiglia di mettere un diffusore in un angolo e con le due pareti di fianco alla sua emissione polare non ha nessun principio di acustica essendosi creata una enorme tromba Shocked

Bha

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  Andrea Gianelli il Dom Nov 22, 2009 2:40 pm

Invito all'attenta rilettura della risposta di Lucio Cadeddu al mio ultimo intervento: esistono casse pensate per lavorare bene anche in tali condizioni.
Non solo, aggiungo io: all'epoca in cui l'hi-fi era questione tecnica e musicale - costosa solo perchè lo era la produzione (a partire dai singoli componenti) ma non certo per strategie commerciali che hanno reso possibile il proliferare di un mercato parallelo fatto di accessori che costano più dei componenti stessi (vedi supporti) - la collocazione delle casse negli angoli della stanza, sul lato più corto della stessa con inclinazione di 45°, era addirittura raccomandata (basta dare un'occhiata ai vecchi manuali AR o Philips).
Ebbene, non credo proprio che costoro non conoscessero l'acustica, anzi... Forse la conoscevano al punto da essere in grado (a fronte dei mezzi tecnologici di gran lunga più limitati rispetto agli attuali) di costruire casse "home hi-fi" e non "hi-fi a determinate condizioni" (ambienti predisposti, supporti giusti, accessori vari ecc.).
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  wasky il Dom Nov 22, 2009 2:51 pm

Mi spiace Andrea ma, ti mancano le basi sulla emissione polare di un diffusore Smile se mi esprimi questo concetto


_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  robertor il Dom Nov 22, 2009 3:02 pm

e cosa mi dici della scuola inglese, anzi della grande scuola inglese di diffusori?
molti dei diffusori dei sixty erano studiati per essere posizionati ad angolo nel proprio ambiente d'ascolto.
infatti non erano come immaginiamo noi oggi il diffusore classico dalla forma a parallelepipedo.
tromba o no suonavano, nel loro contesto naturale quindi amplificazioni valvolari e alta sensibilità.
mi sembra alquanto logico che se poniamo un parallelepipedo magari bass reflex nell'angolo della nostra stanza il risultato sarà deludente.

mi sembra tanto un 3D di chi ascolta l'impianto e non la musica che l'impianto riproduce.
avatar
robertor
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 17.06.08
Numero di messaggi : 4049
Località : Budapest
Provincia (Città) : quasi sempre grigio
Impianto :
Spoiler:
InDiscreto Phono
Shure M75
Buffer B1


http://www.anitavillaetyek.hu

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  caliber il Dom Nov 22, 2009 3:11 pm

@Andrea Gianelli ha scritto:
Invito all'attenta rilettura della risposta di Lucio Cadeddu al mio ultimo intervento: esistono casse pensate per lavorare bene anche in tali condizioni.
ecco l'attenta lettura:

...basta sfogliare i vecchi cataloghi Linn e Naim per rendersi conto che tutti i loro diffusori, non preoccupandosi minimamente della tridimensionalità dell'immagine virtuale, erano progettati per dare il massimo quando addossati alla parete posteriore...

Cos'è che ancora non è chiaro?
(p.s. comunque tnt non è la bibbia e Cadeddu non è il profeta, è un sito di divulgazione e di cavolate anche li ne ho lette tante)
avatar
caliber
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.11.08
Numero di messaggi : 615
Località : Torino
Impianto : Solo DUNE (e DoctorSound DeLuxe x il ripping)

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  wasky il Dom Nov 22, 2009 3:34 pm

@robertor ha scritto:mi sembra tanto un 3D di chi ascolta l'impianto e non la musica che l'impianto riproduce.

Chi vuole ascoltare bene la musica tiene in considerazione in primis la scelta del diffusore e qui, rientra un pò di cultura e di conoscenza dei fenomeni acustici del proprio ambiente e come fare per saperlo ? Facile misurarlo affidandosi ad un professionista ma, 150 € di misure sono troppe meglio il Cavo che costa 2000 € ma, è bagnato in olio di serpente

Parli di diffusori agli albori dell'audio e dedicati ad ambienti molto diversi dai nostri attuali, inoltre pensati per suonare con quella sistemazione ( vedi gli ampi Baffle e le dimensioni no proprio da monolocale ) nessun paragone possibile con gli attuali.

Quello che ravvedo io ? Una poca conoscenza della fisica acustica tutto qui, abbiamo provato a parlarne ma sembra tabù Rolling Eyes a domande precise non si sono mai ottenute risposte.

Da quello che leggo nelle considerazioni di Andrea, la Focal ad esempio o la Monitor audio o la Proac dovrebbe fare diversi diffusori, uno da scaffale ikea, uno da tavolinetto in bambù, uno da libreria, uno da terra, uno floorstanding ma da tenere attaccato al muro e uno da tenere staccato

Giusto ?

Promesso non vi rompo più le pall3 con l'ambiente, i diffusori e le misure Oki

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  Andrea Gianelli il Dom Nov 22, 2009 3:37 pm

@robertor ha scritto:e cosa mi dici della scuola inglese, anzi della grande scuola inglese di diffusori?
molti dei diffusori dei sixty erano studiati per essere posizionati ad angolo nel proprio ambiente d'ascolto.
infatti non erano come immaginiamo noi oggi il diffusore classico dalla forma a parallelepipedo.
tromba o no suonavano, nel loro contesto naturale quindi amplificazioni valvolari e alta sensibilità.
mi sembra alquanto logico che se poniamo un parallelepipedo magari bass reflex nell'angolo della nostra stanza il risultato sarà deludente.

mi sembra tanto un 3D di chi ascolta l'impianto e non la musica che l'impianto riproduce.
Hello Caro Rob, senza scomodare la scuola inglese, ecco cosa suggeriva la Philips:

Mio padre aveva collocato le sue GL-562 seguendo esattamente queste indicazioni e, in tale posizione, quei diffusori lavoravano al massimo delle loro potenzialità.
Ovviamente sono d'accordo con te, a partire dall'approccio: anzi, sai cosa faccio? Spengo il pc, mi prendo un tè e, fino all'ora di cena, ascolto un bel po' di musica, come sempre dimenticandomi dell'impianto. Wink
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  schwantz34 il Dom Nov 22, 2009 3:43 pm

ragazzi , non ci crederete , ma ho al telefono Rod Stewart che mi chiede un recapito di Andrea G . , deve approntare un impiantino per la cameretta del figlio adolescente ... Smile

si scherza eh Andrea ... Smile , giusto per stemperare ...
avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15630
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  piero7 il Dom Nov 22, 2009 3:51 pm

@Andrea Gianelli ha scritto:
@robertor ha scritto:e cosa mi dici della scuola inglese, anzi della grande scuola inglese di diffusori?
molti dei diffusori dei sixty erano studiati per essere posizionati ad angolo nel proprio ambiente d'ascolto.
infatti non erano come immaginiamo noi oggi il diffusore classico dalla forma a parallelepipedo.
tromba o no suonavano, nel loro contesto naturale quindi amplificazioni valvolari e alta sensibilità.
mi sembra alquanto logico che se poniamo un parallelepipedo magari bass reflex nell'angolo della nostra stanza il risultato sarà deludente.

mi sembra tanto un 3D di chi ascolta l'impianto e non la musica che l'impianto riproduce.
Hello Caro Rob, senza scomodare la scuola inglese, ecco cosa suggeriva la Philips:

Mio padre aveva collocato le sue GL-562 seguendo esattamente queste indicazioni e, in tale posizione, quei diffusori lavoravano al massimo delle loro potenzialità.
Ovviamente sono d'accordo con te, a partire dall'approccio: anzi, sai cosa faccio? Spengo il pc, mi prendo un tè e, fino all'ora di cena, ascolto un bel po' di musica, come sempre dimenticandomi dell'impianto. Wink

Infatti, s'è vista la fine che ha fatto la philps in questo settore, e comunque, stiamo parlando di preistoria, quando i parametri di ascolto erano diametralmente opposti a quelli che utilizziamo oggi.

Continuo a non capire questa amore sfrenato per il passato, come se nel passato, ci fossero le risposte a tutti i problemi del presente. Dimenticando che all'epoca, ci si accontentava di ascoltare "Parlami d'amore marù" che gracchiasse da una tromba di un grammofono o da una radio in modulazione d'ampiezza (l'FM non esisteva) che aveva la stessa banda passante di un telefono.

Mi chiedo quali siano i tuoi parametri Andrea di ascolto. Perchè con le casse messe negli angoli, temo siano per davvero una cosa diversa da quello che intendo io (e probabilmente anche roberto) quando ci siediamo per ascoltare la musica che ci piace.
avatar
piero7
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 06.06.09
Numero di messaggi : 9854
Località : Somewhere over the rainbow
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  wasky il Dom Nov 22, 2009 4:06 pm

@piero7 ha scritto:Infatti, s'è vista la fine che ha fatto la philps in questo settore, e comunque, stiamo parlando di preistoria, quando i parametri di ascolto erano diametralmente opposti a quelli che utilizziamo oggi.

Quello che mi chiedo è: Ma cosa può aver capito dal trsto scritto in quella lingua Laughing


Mi avesse citato che sò un VOT della Altec con un baffle ipotizzato per un funzionamento simile ok ma, cazzo davvero mi porti come esempio dei Philips Laughing diciamo che un pò mi viene il sorrisino


Continuo a non capire questa amore sfrenato per il passato, come se nel passato, ci fossero le risposte a tutti i problemi del presente. Dimenticando che all'epoca, ci si accontentava di ascoltare "Parlami d'amore marù" che gracchiasse da una tromba di un grammofono o da una radio in modulazione d'ampiezza (l'FM non esisteva) che aveva la stessa banda passante di un telefono.

Non c'erano inoltre i materiali e i know how di oggi Piero cazzo ma, se il bombardon era un ottimo woofer sto cristiano se ne faceva fare 2 da un professionista

http://www.audioreview.it/VB/showthread.php?t=11461

Mi chiedo quali siano i tuoi parametri Andrea di ascolto. Perchè con le casse messe negli angoli, temo siano per davvero una cosa diversa da quello che intendo io (e probabilmente anche roberto) quando ci siediamo per ascoltare la musica che ci piace.


Me li stò chiedendo anche io Piero ma, non riesco a capire neppure quale possa essere la sua conoscenza se mi cita woofer a "corsa lunga" Sad

Non insisto perchè, sembra quasi una persecuzione da parte mia nei suoi confronti e a volte penso che mi offendo anche da solo a partecipare


Shut up

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  caliber il Dom Nov 22, 2009 4:26 pm

@wasky ha scritto:
Shut up

Si ma se non partecipi chi legge questo thread (ed altri) ed è dotato di una mentalità un minimo elastica quali conclusioni trarrebbe?
Esprimere le proprie considerazioni sulla base di esperienze e conoscenze tecnico-scientifiche è linfa vitale in un forum, aiuta l'utente a non crearsi preconcetti e verità assolute e alimenta la voglia di capire.
Sperare castronerie, essere gentilmente contraddetti e continuare testardi con i propri preconcetti (manipolando a proprio piacere anche le risposte dei propri hi-fi hero) serve a...
scusate, non mi viene in mente nulla Smile
avatar
caliber
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.11.08
Numero di messaggi : 615
Località : Torino
Impianto : Solo DUNE (e DoctorSound DeLuxe x il ripping)

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  schwantz34 il Dom Nov 22, 2009 4:35 pm

BAAAAAAAAAAAASTAAAAAAAAA! PIANTATELA DI PERSEGUITARE ANDREA!!!!!! NON FATELO SCAPPARE VIA ! Smile
avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15630
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: La riproduzione delle basse frequenze nel nostro ambiente

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 6 di 14 Precedente  1 ... 5, 6, 7 ... 10 ... 14  Seguente

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum