T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11751 utenti, con i loro 818596 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Una storia di cavi

Condividi

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@fritznet ha scritto:

quello che non mi è chiaro, è come potrebbero "sporcare" il segnale microscopiche porzioni di R L e C parassite presenti nei cavi, quando appena dopo i cavi di potenza hai un crossover con componenti che usano tolleranze che arrivano, nel migliore delle ipotesi, al 5%, quindi con una variabilità, rispetto ai dati di progetto, di parecchi ordini di grandezza superiori... per tacere della deriva termica dei resistori, e del fatto che, come saprai, nelle induttanze del crossover, decine, centinaia di metri di rame solitamente non si usa rame OFC...

premesso che la piattina rosso e nero si da evitare come la peste ,il cavo interagisce con l'ampli ,specialmente la sua induttanza non la capacita come erroneamente riportato...,ci possono essere causa ossidazione (anche all'ofc dovute alla guaina in pvc ,i sui gas tossici per altro corrodono il rame , quindi non acquistateli!)  la formazione di micro diodi quindi acquistate SEMPRE cavi ofc stagnati   che oltretutto i disturbi ad alta frequenza (si quel cavo e' una bella antenna magari meglio se schermato perche il vostro ampli controreazionato li mettera' all'ingresso)saranno costretti a passare nello stagno meno performante Cool
Per quanto riguarda il filtro hai ragione comunque si usa il filo pieno che non crea troppi problemi e le induttanze in serie lavorano a frequenze basse ,alla fine ci vuole un po' di buon senso e meno pippe prendetevi un Supra e vivete felici

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
lo uso  da un quarto di secolo un supra, tra l'altro... Laughing Laughing Laughing

le mie erano domande più che altro per capire le motivazioni di angel2000, sui cavi ho le mie convinzioni già da un pò Smile

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
immagino... ti ho quotato come spunto x equilibrare un po' chi ci legge Wink

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@dinamanu ha scritto:
immagino... ti ho quotato come spunto x equilibrare un po' chi ci legge Wink



Oki

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@Angel2000 ha scritto:
@sportyerre ha scritto:


Senza contare che la supercazzola prematurata ha perso i contatti col tarapia tapioco!

va bhè, su quello sei esperto più tu SmileSmileSmile


"ma anche l'intreccio di fili è già utile per minimizzare l'effetto pelle"

Questa affermazione è farina del tuo sacco o hai qualche fonte credibile che lo conferma?
..che poi va a finire che qualcuno ci crede

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@fritznet ha scritto:
lo uso  da un quarto di secolo un supra, tra l'altro... Laughing Laughing Laughing

le mie erano domande più che altro per capire le motivazioni di angel2000, sui cavi ho le mie convinzioni già da un pò Smile

azz, allora volevi sapere se io ho valide motivazioni?
Validissime direi, non so tu, ma io i cavi audiphile li uso da trent'anni, e se li uso credo che ne ho sperimentato pro e contro, quindi se sei anche tu uno che ne fa uso, forse dovresti essere meno scettico , almeno così sembrava prima che dinamanu mettesse un po d'ordine nella discussione. Se rispondo è solo per dire quale'è il mio punto di vista e contribuire alla discussione che serve sempre a confrontare le proprie esperienze
Ps.: i cavi intrecciati per minimizzare l'effetto pelle sono in produzione da trent'anni credo, mica lo dico io

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
Il fatto che si vendano ed esistano da trent'anni, a mio avviso, vale poco, così come vale poco dire "li ho provati", l'effetto placebo è dietro l'angolo in questi casi. Io vorrei sentire il parere di qualche ingegnere elettronico/telecomunicazioni , fisico teorico etc Hehe con numeri formule e teorie alla mano.

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@bob80 ha scritto:
Il fatto che si vendano ed esistano da trent'anni, a mio avviso, vale poco, così come vale poco dire "li ho provati", l'effetto placebo è dietro l'angolo in questi casi. Io vorrei sentire il parere di qualche ingegnere elettronico/telecomunicazioni , fisico teorico etc Hehe con numeri formule e teorie alla mano.



bob... il bello che poi ci sono impallinati come questo che ascoltano usando l'alimentatore del silkepil della mamma... non sarà certo il caso di angel2000... ma di quel coglione del mulo si però Smile

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@lello64 ha scritto:
@bob80 ha scritto:
Il fatto che si vendano ed esistano da trent'anni, a mio avviso, vale poco, così come vale poco dire "li ho provati", l'effetto placebo è dietro l'angolo in questi casi. Io vorrei sentire il parere di qualche ingegnere elettronico/telecomunicazioni , fisico teorico etc Hehe con numeri formule e teorie alla mano.



bob... il bello che poi ci sono impallinati come questo che ascoltano usando l'alimentatore del silkepil della mamma... non sarà certo il caso di angel2000... ma di quel coglione del mulo si però Smile


Non meno impallinati di quelli che comprano cavi da 200 euro al metro Very Happy
Io ad ora uso uno switching da portatile per il breeze e un caricabatterie da cellulare (5V/2A) per il DAC. I cavi nel mio impianto del cavolo sono stati la prima cosa che ho 'migliorato' ma non certo per avere migliorie acustiche bensì perché mi piace il fai da te e il budget investito è stato inferiore a 10 euro.

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@bob80 ha scritto:
Il fatto che si vendano ed esistano da trent'anni, a mio avviso, vale poco, così come vale poco dire "li ho provati", l'effetto placebo è dietro l'angolo in questi casi. Io vorrei sentire il parere di qualche ingegnere elettronico/telecomunicazioni , fisico teorico etc Hehe con numeri formule e teorie alla mano.

Ciao,  se vuoi farti un'idea, il web è pieno di formule e di discussioni, ma non è obbligatorio usare cavi buoni, basta anche il doppino rosso e nero dell'elettrauto sotto casa, se non si ha nessuna velleità audiofila (x+y), tra quello e i cavi hig end c'è un mondo da scoprire.

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@Angel2000 ha scritto:
@bob80 ha scritto:
Il fatto che si vendano ed esistano da trent'anni, a mio avviso, vale poco, così come vale poco dire "li ho provati", l'effetto placebo è dietro l'angolo in questi casi. Io vorrei sentire il parere di qualche ingegnere elettronico/telecomunicazioni , fisico teorico etc Hehe con numeri formule e teorie alla mano.

Ciao,  se vuoi farti un'idea, il web è pieno di formule e di discussioni, ma non è obbligatorio usare cavi buoni, basta anche il doppino rosso e nero dell'elettrauto sotto casa, se non si ha nessuna velleità audiofila (x+y), tra quello e i cavi hig end c'è un mondo da scoprire.


Questo è chiaro, però personalmente valuto sempre se il gioco vale la candela: avere cavi mostruosi porta realmente a differenze udibili (nemmeno rilevabili tramite strumenti)? Passare dal doppino rosso a qualcos'altro di decente forse si, ma per il resto sono scettico. Se qualcuno mi bendasse e mi facesse sentire cavi diversi che suonano diversamente cambierei subito la mia opinione.

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@bob80 ha scritto:
@Angel2000 ha scritto:

Ciao,  se vuoi farti un'idea, il web è pieno di formule e di discussioni, ma non è obbligatorio usare cavi buoni, basta anche il doppino rosso e nero dell'elettrauto sotto casa, se non si ha nessuna velleità audiofila (x+y), tra quello e i cavi hig end c'è un mondo da scoprire.


Questo è chiaro, però personalmente valuto sempre se il gioco vale la candela: avere cavi mostruosi porta realmente a differenze udibili (nemmeno rilevabili tramite strumenti)? Passare dal doppino rosso a qualcos'altro di decente forse si, ma per il resto sono scettico. Se qualcuno mi bendasse e mi facesse sentire cavi diversi che suonano diversamente cambierei subito la mia opinione.

come sempre la verità è nel mezzo, un buon set di cavi per un buon impianto, che non sia nè costoso e nè troppo invadente, è sempre auspicabile. Per quanto riguarda l'ascolto, credo che se vai in un buon centro dove si vendono elettroniche (purtroppo sempre meno da qualche anno a questa parte) , il gestore ti farà ascoltare qualche cavo, magari confrontandolo con altri. Io così feci ed ero scettico come te. Da allora ho sempre migliorato i miei cavi, ma senza spendere cifre mostruose, a volte sono molto più abbordabili di quello che si crede.

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
è bellissima questa storia del doppino rosso nero
come se ci fosse uno standard
come se ci fosse solo un produttore
o un solo tipo di rame o di spessore
il doppino rosso nero come il demonio
per inciso è tanto che uso casse attive e quando mi è servito un cavo di potenza per collegare casse passive mi sono servito di altro
per cui io personalmente doppini rossi e neri non li vedo dagli anni 70 e non devo difenderli
ma li vedo come un simbolo del cambiamento che nasce con la caduta di un mercato e la ricerca di qualcos'altro per mungere quello che rimane da un branco di devastati mentali superstiti

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@lello64 ha scritto:
è bellissima questa storia del doppino rosso nero
come se ci fosse uno standard
come se ci fosse solo un produttore
o un solo tipo di rame o di spessore
il doppino rosso nero come il demonio
per inciso è tanto che uso casse attive e quando mi è servito un cavo di potenza per collegare casse passive mi sono servito di altro
per cui io personalmente doppini rossi e neri non li vedo dagli anni 70 e non devo difenderli
ma li vedo come un simbolo del cambiamento che nasce con la caduta di un mercato e la ricerca di qualcos'altro per mungere quello che rimane da un branco di devastati mentali superstiti
il doppino del tuo avatar , ma sappi che la globalizzazione è anche un bene se può mettere a disposizione materiali buoni a tutti, poi uno si fa spremere se vuole, io cerco di prendere il possibile senza farmi fregare

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
io invece lo difenderei il doppino rosso-nero, chissà quanti inversioni di polarità ha evitato Hehe







descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@sportyerre ha scritto:


"ma anche l'intreccio di fili è già utile per minimizzare l'effetto pelle"

Questa affermazione è farina del tuo sacco o hai qualche fonte credibile che lo conferma?
..che poi va a finire che qualcuno ci crede


UP

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@fritznet ha scritto:
io invece lo difenderei il doppino rosso-nero, chissà quanti inversioni di polarità ha evitato Hehe




Se poi invece dell'isolante rosso e nero usi quello trasparente puoi moltiplicare almeno per 5 il prezzo

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@fritznet ha scritto:
io invece lo difenderei il doppino rosso-nero, chissà quanti inversioni di polarità ha evitato Hehe










E mettici anche i numerosi milanisti tra gli audiofili Hehe

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@enrico massa ha scritto:
@fritznet ha scritto:
io invece lo difenderei il doppino rosso-nero, chissà quanti inversioni di polarità ha evitato Hehe










E mettici anche i numerosi milanisti tra gli audiofili Hehe


Hehe Hehe Hehe

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@sportyerre ha scritto:
@fritznet ha scritto:
io invece lo difenderei il doppino rosso-nero, chissà quanti inversioni di polarità ha evitato Hehe




Se poi invece dell'isolante rosso e nero usi quello trasparente puoi moltiplicare almeno per 5 il prezzo


Aspè,ho comprato un rotolo da 5mx2.5mmq a 4€,non mi sembra tanto Mmm

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@enrico massa ha scritto:
@sportyerre ha scritto:


Se poi invece dell'isolante rosso e nero usi quello trasparente puoi moltiplicare almeno per 5 il prezzo


Aspè,ho comprato un rotolo da 5mx2.5mmq a 4€,non mi sembra tanto Mmm


Sarà pieno di olio di palma

Laughing

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
Effetto pelle su cavi di piccola sezione...mah Shocked

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
A me piu che effetto pelle mi sta scendendo l'effetto palle.....du palle con sti cavi,secondo me in termini di alimentazione un buon cavo serve ma non credo che i cavi di collegamento casse tirino fuori dinanica dettaglio e microdettaglio ariosita palcoscenico allargato ecc ecc dipende dalle elettroniche che si usano e dalle tracce come sono state incise quidi resto dell'idea che come piu di uno ha gia detto fino a quando non mi si dimostra che cambiando i cavi si stravolge il suono,spendere soldi x i cavi sia secondario,ovviamente deve essere ben dimensionato

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
Io uso solo cavi che vengono arrotolati esclusivamente nel verso in cui sono prodotti e li sbobbino sempre nel verso contrario. Quando li collego mantengo il verso di collegamento.

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
@rx78 ha scritto:
A me piu che effetto pelle mi sta scendendo l'effetto palle.....du palle con sti cavi,secondo me in termini di alimentazione un buon cavo serve ma non credo che i cavi di collegamento casse tirino fuori dinanica dettaglio e microdettaglio ariosita palcoscenico allargato ecc ecc dipende dalle elettroniche che si usano e dalle tracce come sono state incise quidi resto dell'idea che come piu di uno ha gia detto fino a quando non mi si dimostra che cambiando i cavi si stravolge il suono,spendere soldi x i cavi sia secondario,ovviamente deve essere ben dimensionato


come non quotarti Laughing

descriptionRe: Una storia di cavi

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum