T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Qualche consiglio [Darkvoice 336+DT990]
Oggi alle 0:09 Da IlTossico

» ALIENTEK D8
Ieri alle 23:52 Da giucam61

» Chi mi aiuta con un filtro notch?
Ieri alle 23:50 Da giucam61

» Quale Gira ?
Ieri alle 23:47 Da p.cristallini

» Clip... altro che Klipsh
Ieri alle 23:29 Da franzfranz

» Consiglio cuffie in-ear
Ieri alle 23:16 Da sportyerre

» Nuovo TAMP
Ieri alle 22:07 Da antted

» Cambio diffussori da scaffale max 500euro
Ieri alle 20:11 Da natale55

» Amplificatori t-amp principalmente per musica in stereofonia e per l'home theatre
Ieri alle 19:49 Da andzoff

» Mo-gu S800 - piccolo e combattivo
Ieri alle 19:37 Da andzoff

» quale classe T economico più musicale?
Ieri alle 17:11 Da giucam61

» trasformare portatile vaio in media center per monitor fullhd e impianto hifi
Ieri alle 14:53 Da Sigmud

» Caterham Seven Exclusive
Ieri alle 10:47 Da giucam61

»  Quale amplificatore classe T
Ieri alle 9:36 Da andzoff

» Consiglio lettore Blu-ray
Ieri alle 9:21 Da gianni1879

» Il numero uno ci ha lasciati...
Ieri alle 8:29 Da giucam61

» NuforceDDa 120
Ieri alle 8:16 Da giucam61

» POPU VENUS
Ieri alle 7:55 Da gigetto

» Scelta amplificatore, mi aiutate?
Ieri alle 7:42 Da gigetto

» Riparazione Elettrocompaniet ECI 1
Lun 24 Apr 2017 - 20:57 Da anto.123

» abrahamsen audio
Lun 24 Apr 2017 - 19:57 Da giucam61

» Ho dato una svecchiata al layout del forum
Lun 24 Apr 2017 - 15:09 Da RAIS

» Costruzione impianto audio...soundbar, 2.1 o 5.1?
Lun 24 Apr 2017 - 14:07 Da nerone

» Quale ampli per Douk dac e diffusori Bellino?
Lun 24 Apr 2017 - 12:03 Da Giovanni duck

» Gallo Acoustics
Dom 23 Apr 2017 - 23:09 Da danidani1

» Cascame di cotone FONOASSORBENTE
Dom 23 Apr 2017 - 19:35 Da Aunktintaun

» Valvole finali 6l6/5881
Dom 23 Apr 2017 - 19:01 Da Aunktintaun

» USB no 24?
Dom 23 Apr 2017 - 9:56 Da dankan73

» Rip DSD
Dom 23 Apr 2017 - 0:47 Da Calbas

» Longhin silver wave
Sab 22 Apr 2017 - 20:31 Da dinamanu

Statistiche
Abbiamo 10763 membri registrati
L'ultimo utente registrato è AF

I nostri membri hanno inviato un totale di 784374 messaggi in 50984 argomenti
I postatori più attivi della settimana
giucam61
 
gigetto
 
nerone
 
gianni1879
 
uncletoma
 
Egidio Catini
 
Zio
 
anto.123
 
Seti
 
dinamanu
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19630)
 
schwantz34 (15499)
 
Silver Black (15455)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10261)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8915)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 27 utenti in linea :: 2 Registrati, 1 Nascosto e 24 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

fritznet, micio_mao

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking

Storia ed evoluzione della Classe D

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Storia ed evoluzione della Classe D

Messaggio  Andrea Gianelli il Gio 21 Ago 2008 - 12:27

Molto si è detto sulla classe D, troppo spesso confusa e assimilata alla classe T, che, come ho più volte sottolineato, è un passo oltre rispetto alla classe D, in quanto capace di sommare i vantaggi di quest’ultima (efficienza, dimensioni e consumo) e della classe AB (qualità sonora). Tuttavia ci siamo dimenticati (io in primis) di ricordare i precursori della classe D, ovvero coloro che hanno aperto la strada ad una nuova era nella storia degli amplificatori hi-fi: i primi moduli in classe D (denominati ICE Power) furono brevettati ed utilizzati da B&O nei propri diffusori attivi (a partire da Beolab 1 e Beolab 5). Tutti voi ricorderete quel brevetto pubblicizzato come “mille watt in una scatola di fiammiferi”. Ebbene, al di là del solito “ottimismo commerciale” nel riportare i dati tecnici, la potenza di tali moduli (utilizzati nella sezione dei bassi in sistemi multiamplificati) era davvero impressionante.

Nonostante la nota casa danese fondata da Peter Bang e Svend Olufsen a metà degli Anni Venti fosse da sempre famosa per il design e il costo (stratosferico), in quell’occasione fui incuriosito dalla tecnologia adottata, tanto che mi recai (“armato” di cd “Songs in A minor” di Alicia Keys) da Buscemi (storico negozio hi-fi di Milano) per un ascolto. Il risultato fu sconvolgente: nel celebre brano Fallin’, dopo le prime parole di Alicia Keys, l’attacco della batteria è reso come una cannonata, col pedale che è letteralmente un pugno nello stomaco. E’ vero che i Beolab 5 utilizzano un woofer enorme (381 mm), ma è pur vero che esso lavora in cassa chiusa di volume relativamente contenuto (non certo l’ideale dal punto di vista della dinamica e dell’efficienza). Eppure la precisione, la profondità, il controllo e la velocità negli attacchi e nei rilasci erano quanto di meglio mi fosse sino ad allora capitato di ascoltare (e in vita mia di sistemi di altissimo livello e costo proibitivo ne ho ascoltati tanti).

Così suggerii a partenti, amici e conoscenti di provare un ascolto ad occhi chiusi (per non farsi influenzare dall’estetica), ma il suggerimento non ebbe grande seguito: mentre quel giovane fresco di laurea (ma anche di un paio di significative esperienze nel settore commerciale), squattrinato e con pochissimo tempo libero (all’epoca avevo superato la selezione per un master universitario finanziato dal Fondo Sociale Europeo e contemporaneamente lavoravo nel no-profit) cercava di indicare la luna, tutti fissavano il dito. E così, anche per il fatto che tale tecnologia era stata brevettata dalla Bang & Olufsen ed era esclusivamente presente (a costi proibitivi) nei loro prodotti, dedicai il poco tempo libero che mi restava ad ascoltare la musica con i mezzi che avevo a disposizione (Indiana Line TH 370 appena acquistate, ampli a mosfet Technics SU-VX 720, un lettore cd entry level e il giradischi Thorens che è sempre rimasto l’elemento fisso in tutti i sistemi).

Poi, a distanza di qualche anno, il geniale Lucio Cadeddu scopre il T-Amp e ha il coraggio e l’onestà di pubblicarne una esauriente recensione sulla rivista (gratuita e indipendente) che dirige.

Nonostante i soliti “furbi mangiasoldi” abbiano da subito cercato di remare contro, ormai era iniziato un nuovo capitolo nella storia dell’alta fedeltà.
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia ed evoluzione della Classe D

Messaggio  Silver Black il Lun 25 Ago 2008 - 13:44

Estremamente interessante! Non poteva mancare in questo forum, grazie.

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15455
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro






http://www.silvercybertech.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia ed evoluzione della Classe D

Messaggio  Andrea Gianelli il Lun 25 Ago 2008 - 15:43

@Silver Black ha scritto:Estremamente interessante! Non poteva mancare in questo forum, grazie.
Grazie a te per il feedback Very Happy
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum