T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» Diffusori per exposure 3010s2d
Oggi alle 13:03 Da Bolorock84

» ciò solo 200 euri.... le scinte e il cinesino.... oppure...
Oggi alle 12:55 Da ftalien77

» 24-Bit vs. 16-Bit Audio Test su un campione di 140 persone.
Oggi alle 12:35 Da ftalien77

» Consiglio impianto per diffusori KEF Coda 70
Oggi alle 12:20 Da Masterix

» Il brano che in assoluto fa "cantare"meglio il vostro impianto!!!
Oggi alle 11:34 Da ftalien77

» Vostre esperienze di inversione di polarità
Oggi alle 11:18 Da lello64

» Ipotesi Preamplificatore per finale NAD
Oggi alle 9:19 Da nerone

» Stormy Weather - Disco non in vendita
Oggi alle 9:11 Da ftalien77

» handshell completa giradischi Sony PS LX 3
Oggi alle 6:20 Da mistervolt

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Ieri alle 23:43 Da giucam61

» Rip DSD
Ieri alle 23:03 Da uncletoma

» SMSL M7: il dac definitivo alla portata di tutti?
Ieri alle 22:25 Da pallapippo

» ALIENTEK D8 vs Nad3020 vs altro
Ieri alle 21:07 Da p.cristallini

» Consiglio Primo impianto HiFi
Ieri alle 19:57 Da Kha-Jinn

» Mettere i diffusori "sdraiati". Controindicazioni?
Ieri alle 19:01 Da Albert^ONE

» Un aiuto per una profana totale!
Ieri alle 18:48 Da Albert^ONE

» [MI + sped] Amplificatore per cuffie Yulong A28 classe A bilanciato garanzia perfetto
Ieri alle 16:00 Da vale69

» Grace Jones - Hurricane/Dub
Ieri alle 15:17 Da ftalien77

» Douk DAC (XMOS+PCM5102/DSD1796): ne vale la pena?
Ieri alle 14:18 Da nelson1

» Minidisc & Batteria
Ieri alle 14:13 Da livio151

» FX 802 vs Bantam Monoblock vs Nad 325BEE
Ieri alle 12:04 Da Pinve

» Topic'it, nuova applicazione mobile per il T-Forum
Ieri alle 11:35 Da uncletoma

» ALLO – THE BOSS PLAYER
Ieri alle 11:05 Da kalium

» hi-fi jvc mx-g7
Ieri alle 0:45 Da lello64

» [Vendo] Marantz PM6005
Sab 21 Ott 2017 - 19:20 Da Kha-Jinn

» INDIPENDENTEMENTE DALLA CLASSE DI FUNZIONAMENTO ...
Sab 21 Ott 2017 - 17:22 Da giucam61

» Tang Band w1-2121s
Sab 21 Ott 2017 - 17:13 Da kawa

» Vendo ampli con dac NuPrime IDA 8
Sab 21 Ott 2017 - 16:36 Da silver surfer

» Charles Mingus ‎– Mingus Ah Um
Sab 21 Ott 2017 - 13:38 Da andy65

» Appello per driver
Ven 20 Ott 2017 - 23:56 Da Olegol

Statistiche
Abbiamo 11091 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Bolorock84

I nostri membri hanno inviato un totale di 797827 messaggi in 51721 argomenti
I postatori più attivi della settimana
ftalien77
 
lello64
 
giucam61
 
Masterix
 
nerone
 
Marcochi
 
sound4me
 
Kha-Jinn
 
mistervolt
 
Bolorock84
 

I postatori più attivi del mese
lello64
 
giucam61
 
dinamanu
 
nerone
 
ftalien77
 
Masterix
 
Kha-Jinn
 
sound4me
 
Albert^ONE
 
kalium
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15533)
 
Silver Black (15487)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9205)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 79 utenti in linea: 5 Registrati, 1 Nascosto e 73 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

bru.b, enrico massa, Masterix, nicola.corro, turo91

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Ven 26 Giu 2015 - 18:14

Per soddisfare le richieste e le esigenze di molti possessori del TPA 3116 nelle varie versioni ,ho deciso di pubblicare questo tutorial che passo-passo indica e raffigura le varie modifiche da eseguire sulle schede prese in considerazione.
le schede prese in considerazione sono 2.
TPA 3116 Blu e Breeze.




La scheda Blu , nella foto presa a prestito da diyaudio.com ,si presta molto bene ad essere utilizzata come finale in abbinamento a preamplificatori mentre la Breeze ,completa di box e finita è più adatta ad essere utilizzata come integratino .
Sinceramente parlando e visti i risultati, consiglio sempre l'uso di un preamplificatore ma visto che molti di voi possiedono l'integratino pronto ,andremo a effettuare una serie di modifiche dettagliate per far rendere al meglio questi amplificatori con chip 3116 Texas Instruments.
Essendo un tipo di chip amplificatore già preamplificato , il risultato migliore sarebbe l'abbinamento con un  buffer a guadagno unitario 1:1 e cioè senza guadagno ma con un buon preamplificatore valvolare per esempio,con guadagno medio basso ,si riesce comunque a fare esprimere al meglio il 3116 con risultati soddisfacenti e di alto rapporto qualità-prezzo una volta concluse e applicate le modifiche.
Cominciamo con la scheda blu.
Presenta di default componenti non adeguati : induttanze non dimensionate a sufficienza e con valore relativo,condensatori di ingresso Dc decoupling mediocri,condensatori nella rete Zobel o Emi output mediocri e condensatori di bootstrap altrettanto mediocri e inadeguati come caratteristiche , condensatori elettrolitici onboard DC power caps di valore eccessivo e di pessima qualità.
Iniziamo la modifica togliendo tutti i condensatori di ingresso che sono 4 +1 relativo al ponte al centro  e che andremo a sostituire con altrettanti di valore adeguato da 2,2 uf per avere una corretta risposta in frequenza.
I due sul positivo possono essere del tipo mkp (polipropilene) Mundorf, Arcotronics che sono ottimi oppure Claritycap che sono eccellenti   e sono responsabili del timbro generale dell'ampli perchè sono quelli che influenzano maggiormente il sound.
I due sul negativo e sul ponte possono essere Wima  mkt(poliestere) 63V  Arcotrnics 63V per mantenere le dimensioni degli originali e degli spazi da 5mm.
Nulla vieta che anche i 3 mkt possano essere sostituiti da altrettanti mkp ma le dimensioni diventano ingombranti e il risultato non proporzionato allo sforzo.

http://www.ebay.it/itm/171632712269?_trksid=p2060353.m2749.l2649&ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT

http://www.tme.eu/it/details/mks2-2.2u_50-r/condensatori-al-poliestere-tht/wima/mks2b042201f00ko00/

Eseguita questa modifica, andiamo a rimuovere i 2 condensatori elettolitici da 1000uF  DC e li sostituiamo con altrettanti di valore compreso fra 330uF se optiamo per il tipo os-con (perchè 470 non disponibile) 25V oppure Panasonic FM o FR da 470uf 35v a bassissima induttanza .
Gli FR sono di nuova produzione e hanno le stesse caratteristiche della serie FM alla metà del prezzo.
https://it.rs-online.com/web/p/condensatori-elettrolitici/7396825/?searchTerm=EEUFR1E471L&relevancy-data=636F3D3226696E3D4931384E4B6E6F776E41734D504E266C753D6974266D6D3D6D61746368616C6C7061727469616C26706D3D5E5B5C707B4C7D5C707B4E647D2D2C2F255C2E5D2B2426706F3D313326736E3D592673743D4D414E5F504152545F4E554D4245522677633D424F5448267573743D454555465231453437314C26

http://it.rs-online.com/web/p/products/7955581/

Nelle realizzazioni con amplificatori digitali i condensatori onboard dovrebbero essere il piu' possibile a bassa induttanza per andare incontro alle esigenze  del chip che lavorando in alta frequenza e ad impulsi ,predilige questo tipo di caps che risultano essere più veloci nel rispondere alle sollecitazioni immediate e quindi più adatti allo scopo e naturalmente più performanti .
Dopodichè andremo a sostituire i caps di bootstrap con altrettanti usati nelle alimentazioni a impulsi e adatti allo scopo ma con valori e tensioni di lavori almeno di 250 V.
Questi caps sono ceramici e quindi meno stabili ma se usiamo valori elevati le sollecitazioni sono minime e si comportano nel modo corretto tosando in modo adeguato il segnale di uscita dal chip.
Il valore è 0,22 e il tipo è X7R  con tensione  da 250v  di Murata o Tdk in versione con reofori o in versione smd.
http://it.rs-online.com/web/p/products/7492213/

http://it.rs-online.com/web/p/products/7407789/

Una volta terminata questa fase, dobbiamo inserire il circuito di snubber che non è presente nella scheda in origine ma nel datasheet Texas Instruments.
Giriamo la scheda e inseriamo nelle saldature sotto,un cap da 330pF sempre del tipo X7R 250V e una resistenza da 10 Ohm in serie ,per ogni cap presente sopra che manderemo a massa grattando la scheda nel punto scelto per far uscire la parte ramata come in foto.

http://it.rs-online.com/web/p/products/6197813/

Andranno posizionati ai lati esterni di sinistra e destra di ciascun cap presente dal lato sopra.




Terminata questa fase dovremmo rimuovere il connettore di alimentazione e posizionarlo sotto per fare spazio alle bobine che essendo più grandi di dimensione ,necessitano di più spazio.
Non dimentichiamo di isolare quelle parti che rimangono scoperte ,come i reofori delle resistenze aggiunte da 10 Ohm sotto la scheda e le saldature  rimaste nude   del connettore di ingresso di Alimentazione 24V una volta girato,con dello smalto trasparente per unghie di qualità sufficiente al nostro scopo comprandolo a poco prezzo nei negozi Cinesi che vendono di tutto.
A questo punto arriva la parte più difficile e cioè la rimozione dell induttanze .
Aggiungere stagno da un lato e cercare con la stazione saldante di dissaldare quella parte.
Una volta dissaldata sollevarla leggermente e da sotto andare a dissaldare l'altro lato facendo attenzione a non rovinare la piazzola e a non insistere troppo col calore del saldatore.
Una volta dissaldata la prima bobina aspettare che si freddi la scheda e poi procedere con la seconda e via via di seguito.
A questo punto inserire le nuove induttanze sovradimensionate e per correnti elevate (almeno 10-15 A) del valore consono all'impedenza dei diffusori.
Se gli stessi sono da 4 ohm inserire ind. da 10uH e se da 8 ohm inserire ind. da 20uH
Va da se che l'impedenza reale non è mai 4 oppure 8 ma variabile e quindì ,si possono anche usare induttanze di valore medio e cioè 15uH volendo e sperimentare quelle da 20 su diffusori da 4 e viceversa.
Quelle migliori in assoluto sono le Coilcraft  perchè sono anche schermate e hanno prestazioni eccellenti ma anche le altre (TME, BOURNS,MURATA ) danno ottimi risultati.

http://www.mouser.com/ds/2/597/ser2900-270685.pdf

http://www.tme.eu/it/details/dtmss-16_0.01_15-v/induttori-ad-anello/feryster/

http://www.tme.eu/it/details/5502-rc/induttori-verticali/bourns/

http://it.rs-online.com/web/p/products/7360946/


http://it.rs-online.com/web/p/products/7157156/

L'importante è che siano ad elevata corrente di saturazione ;più  è elevata e meglio lavorano  essendo le sollecitazioni presenti minime.
A questo punto occorre sistemare anche lo stadio EMI Output  con la sostituzione dei caps da 0,68uF con wima dello stesso valore oppure Ero-vishai1830 mkp che sono eccellenti e di grandi prestazioni  a piacere di dimensione adeguata e passo 5mm e 63V circa.

http://www.tme.eu/it/details/mks2-680n_63/condensatori-al-poliestere-tht/wima/mks2c036801e00kssd/

Una volta terminate queste operazioni la scheda è finita e va montata e testata con alimentazione attiva ,controllando che  nello stadio di uscita diffusori non ci sia corrente  inserendo i puntali del tester nei connettori e verificando la corrente che dovrebbe approssimarsi sul valore 0 oppure vicino nell'ordine di qualche millivolt.
Inserire la scheda in un box con alimentazione interna oppure senza alimentazione interna.
Nel caso si opti per l'alimentazione interna consiglio di mantenere lo stadio alimentazione a sinistra vista davanti e lo stadio di uscita con relativo cablaggio a  destra separando ulteriormente il box (volendo) da un traferro in alluminio per ridurre le interferenze .
Alcune di queste schede presentano un led onboard mentre altre no.
Nel caso sia presente toglierlo prima dell'inserimento delle bobine e far partire 2 fili intrecciati che andranno sul frontale del box con un nuovo led altrimenti se non presente, partire dal connettore di alimentazione  con 2 cavi intrecciati  e aggiungere una resistenza di circa 1000 Ohm fino a 1200 Ohm da un lato del led per correggere la tensione e posizionare il tutto .
Altra cosa che si potrebbe fare è migliorare la dissipazione con un dissipatore più dimensionato oppure aggiungere con relativa colla dissipante termica,un ulteriore dissipatore in altezza come in foto aumentando l'estensione  verso l'alto visto che il calore si propaga  in tale direzione in  modo da mantenere freddo il chip il più possibile.
A questo punto la scheda è pronta in attesa di essere alimentata a dovere con un approfondimento in materia specifico alla fine di tutte le modifiche.
il Gain lo vedremo poi nell' utilizzo col preamplificatore .
Inizialmente è settato a 26dB da default.

For 20db: R1=5.6K, R2 Open, Input impedance = 60k,
For 26db: R1=20K, R2=100k, input impedance = 30k, input coupling caps = 3.3uf
For 32db: R1=39k, R2=100k, input impedance = 15k, input coupling caps = 5.6uf
For 36db" R1=47k, R2=75k, input impedance = 6k,


La scheda soffre all'accensione e allo spegnimento del cosiddetto effetto bump che non è niente di preoccupante ma se risulta fastidioso si può utilizzare il Giancarlo circuito che consiste in uno schemino  che ritarda l'accensione di qualche secondo e il bump viene ridotto o eliminato ma solo all'accensione.

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/bump10.jpg

Alla fine di tutto il lavoro la scheda si presenta così:




avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  PHIL MASNAGH il Ven 26 Giu 2015 - 19:18

GRAAAANDE OLEGOOOOL...!!!

Ho gia copiaincollato il tutto e mi farò un bel PDF da studiarmi con calma. Ora stopperuscire e non ho davvero dato nemmeno una lettura. Ma so già che quel ch'è scritto è oro colato... Sì insomma robba bbuona di cui fidarsi ciecamiente Oki

Grazie ancora. So in love

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  kalium il Ven 26 Giu 2015 - 19:40

Ora aspettiamo il tutorial per il Breeze!
avatar
kalium
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 27.10.09
Numero di messaggi : 2505
Località : toscana
Provincia (Città) : erratico
Impianto : PC con Foobar 2000
Preamp Bottlehead Quickie
Breeze modificato
cavi di segnale Atlas element integra
Cavi di potenza Tellurium q Black
Dac Douk
cavi di alimentazione Supra Lorad e Merlin Tarantula
ciabatta filtrata Bada LB 5600

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Ven 26 Giu 2015 - 20:25

kalium ha scritto:Ora aspettiamo il tutorial per il Breeze!

Il tutorial è diviso in 3 parti con l'ultima dedicata agli alimentatori e ai vari abbinamenti con preamplificatori e ai risultati sonori verificati con abbinamenti ad altre elettroniche di indubbio valore.
Ancora qualche giorno e tutto sarà pronto.
Ora mi riposo. Laughing
avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  teskio74 il Ven 26 Giu 2015 - 20:44

Olegol ti ringrazio per la guida davvero ben fatta Laughing bravo complimenti Laughing
Potresti cerchiare sulla scheda modificata i vari componenti che hai sostituito specificando quali sono come raffigurato nella prima immagine?
Grazie mille Laughing
avatar
teskio74
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 09.05.15
Numero di messaggi : 55
Occupazione/Hobby : ...ci devo pensare
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Work in Progress...

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Ven 26 Giu 2015 - 21:22

teskio74 ha scritto:Olegol ti ringrazio per la guida davvero ben fatta Laughing  bravo complimenti Laughing
Potresti cerchiare  sulla scheda modificata i vari componenti che hai sostituito specificando quali sono come raffigurato nella prima immagine?
Grazie mille Laughing

Se leggi attentamente e verifiche le foto e la terminologia lo rilevi da solo.
avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  teskio74 il Sab 27 Giu 2015 - 9:02

Olegol ha scritto:
teskio74 ha scritto:Olegol ti ringrazio per la guida davvero ben fatta Laughing  bravo complimenti Laughing
Potresti cerchiare  sulla scheda modificata i vari componenti che hai sostituito specificando quali sono come raffigurato nella prima immagine?
Grazie mille Laughing

Se leggi attentamente e verifiche le foto e la terminologia lo rilevi da solo.

Speriamo bene... Laughing ho paura di sbagliare Embarassed
avatar
teskio74
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 09.05.15
Numero di messaggi : 55
Occupazione/Hobby : ...ci devo pensare
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Work in Progress...

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Sab 27 Giu 2015 - 10:14

teskio74 ha scritto:
Olegol ha scritto:

Se leggi attentamente e verifiche le foto e la terminologia lo rilevi da solo.

Speriamo bene... Laughing ho paura di sbagliare Embarassed

In soldoni ,guardando l'ultima foto della scheda finita e quella iniziale sono stati cambiati e sostituiti i condensatori di ingresso decoupling caps ai lati che sono 4 e il centrale e sono 4+1,
il dissipatore è stato migliorato ,i 2caps ai lati del dissipatore dc power caps , i 4 caps subito dopo il chip di bootstrap , le induttanze e i 4 caps in uscita Emi filter.
In aggiunta è stato inserito lo snubber sotto la scheda ma puoi anche non metterlo se diventa complicato.Praticamente 7 variazioni
avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Blixa il Sab 27 Giu 2015 - 11:07

Chapeau Ok Ok Ok
Grazie Oleg!! Very Happy Very Happy
Mi permetto una proposta alla Moderazione, sempre se tutti siano d'accordo: segnalare questo thread e i seguenti come Importanti, in modo che restino subito visibili in cima alla sezione.
Olegol, ma un'uscita cuffie nel tpa è fattibile o non c'è margine di lavoro?
avatar
Blixa
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 14.08.14
Numero di messaggi : 435
Provincia (Città) : alessandria
Impianto : Pazienza e tolleranza finita da anni.

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Sab 27 Giu 2015 - 11:32

Blixa ha scritto:Chapeau Ok Ok Ok
Grazie Oleg!!  Very Happy  Very Happy
Mi permetto una proposta alla Moderazione, sempre se tutti siano d'accordo: segnalare questo thread e i seguenti come Importanti, in modo che restino subito visibili in cima alla sezione.
Olegol, ma un'uscita cuffie nel tpa è fattibile o non c'è margine di lavoro?

Occorre un circuito dedicato
avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Sab 27 Giu 2015 - 11:34

Olegol ha scritto:Per soddisfare le richieste e le esigenze di molti possessori del TPA 3116 nelle varie versioni ,ho deciso di pubblicare questo tutorial che passo-passo indica e raffigura le varie modifiche da eseguire sulle schede prese in considerazione.
le schede prese in considerazione sono 2.
TPA 3116 Blu e Breeze.




La scheda Blu , nella foto presa a prestito da diyaudio.com ,si presta molto bene ad essere utilizzata come finale in abbinamento a preamplificatori mentre la Breeze ,completa di box e finita è più adatta ad essere utilizzata come integratino .
Sinceramente parlando e visti i risultati, consiglio sempre l'uso di un preamplificatore ma visto che molti di voi possiedono l'integratino pronto ,andremo a effettuare una serie di modifiche dettagliate per far rendere al meglio questi amplificatori con chip 3116 Texas Instruments.
Essendo un tipo di chip amplificatore già preamplificato , il risultato migliore sarebbe l'abbinamento con un  buffer a guadagno unitario 1:1 e cioè senza guadagno ma con un buon preamplificatore valvolare per esempio,con guadagno medio basso ,si riesce comunque a fare esprimere al meglio il 3116 con risultati soddisfacenti e di alto rapporto qualità-prezzo una volta concluse e applicate le modifiche.
Cominciamo con la scheda blu.
Presenta di default componenti non adeguati : induttanze non dimensionate a sufficienza e con valore relativo,condensatori di ingresso Dc decoupling mediocri,condensatori nella rete Zobel o Emi output mediocri e condensatori di bootstrap altrettanto mediocri e inadeguati come caratteristiche , condensatori elettrolitici onboard DC power caps di valore eccessivo e di pessima qualità.
Iniziamo la modifica togliendo tutti i condensatori di ingresso che sono 4 +1 relativo al ponte al centro  e che andremo a sostituire con altrettanti di valore adeguato da 2,2 uf per avere una corretta risposta in frequenza.
I due sul positivo possono essere del tipo mkp (polipropilene) Mundorf, Arcotronics che sono ottimi oppure Claritycap che sono eccellenti   e sono responsabili del timbro generale dell'ampli perchè sono quelli che influenzano maggiormente il sound.
I due sul negativo e sul ponte possono essere Wima  mkt(poliestere) 63V  Arcotrnics 63V per mantenere le dimensioni degli originali e degli spazi da 5mm.
Nulla vieta che anche i 3 mkt possano essere sostituiti da altrettanti mkp ma le dimensioni diventano ingombranti e il risultato non proporzionato allo sforzo.

http://www.ebay.it/itm/171632712269?_trksid=p2060353.m2749.l2649&ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT

http://www.tme.eu/it/details/mks2-2.2u_50-r/condensatori-al-poliestere-tht/wima/mks2b042201f00ko00/

Eseguita questa modifica, andiamo a rimuovere i 2 condensatori elettolitici da 1000uF  DC e li sostituiamo con altrettanti di valore compreso fra 330uF se optiamo per il tipo os-con (perchè 470 non disponibile) 25V oppure Panasonic FM o FR da 470uf 35v a bassissima induttanza .
Gli FR sono di nuova produzione e hanno le stesse caratteristiche della serie FM alla metà del prezzo.
https://it.rs-online.com/web/p/condensatori-elettrolitici/7396825/?searchTerm=EEUFR1E471L&relevancy-data=636F3D3226696E3D4931384E4B6E6F776E41734D504E266C753D6974266D6D3D6D61746368616C6C7061727469616C26706D3D5E5B5C707B4C7D5C707B4E647D2D2C2F255C2E5D2B2426706F3D313326736E3D592673743D4D414E5F504152545F4E554D4245522677633D424F5448267573743D454555465231453437314C26

http://it.rs-online.com/web/p/products/7955581/

Nelle realizzazioni con amplificatori digitali i condensatori onboard dovrebbero essere il piu' possibile a bassa induttanza per andare incontro alle esigenze  del chip che lavorando in alta frequenza e ad impulsi ,predilige questo tipo di caps che risultano essere più veloci nel rispondere alle sollecitazioni immediate e quindi più adatti allo scopo e naturalmente più performanti .
Dopodichè andremo a sostituire i caps di bootstrap con altrettanti usati nelle alimentazioni a impulsi e adatti allo scopo ma con valori e tensioni di lavori almeno di 250 V.
Questi caps sono ceramici e quindi meno stabili ma se usiamo valori elevati le sollecitazioni sono minime e si comportano nel modo corretto tosando in modo adeguato il segnale di uscita dal chip.
Il valore è 0,22 e il tipo è X7R  con tensione  da 250v  di Murata o Tdk in versione con reofori o in versione smd.
http://it.rs-online.com/web/p/products/7492213/

http://it.rs-online.com/web/p/products/7407789/

Una volta terminata questa fase, dobbiamo inserire il circuito di snubber che non è presente nella scheda in origine ma nel datasheet Texas Instruments.
Giriamo la scheda e inseriamo nelle saldature sotto,un cap da 330pF sempre del tipo X7R 250V e una resistenza da 10 Ohm in serie ,per ogni cap presente sopra che manderemo a massa grattando la scheda nel punto scelto per far uscire la parte ramata come in foto.

http://it.rs-online.com/web/p/products/6197813/

Andranno posizionati ai lati esterni di sinistra e destra di ciascun cap presente dal lato sopra.




Terminata questa fase dovremmo rimuovere il connettore di alimentazione e posizionarlo sotto per fare spazio alle bobine che essendo più grandi di dimensione ,necessitano di più spazio.
Non dimentichiamo di isolare quelle parti che rimangono scoperte ,come i reofori delle resistenze aggiunte da 10 Ohm sotto la scheda e le saldature  rimaste nude   del connettore di ingresso di Alimentazione 24V una volta girato,con dello smalto trasparente per unghie di qualità sufficiente al nostro scopo comprandolo a poco prezzo nei negozi Cinesi che vendono di tutto.
A questo punto arriva la parte più difficile e cioè la rimozione dell induttanze .
Aggiungere stagno da un lato e cercare con la stazione saldante di dissaldare quella parte.
Una volta dissaldata sollevarla leggermente e da sotto andare a dissaldare l'altro lato facendo attenzione a non rovinare la piazzola e a non insistere troppo col calore del saldatore.
Una volta dissaldata la prima bobina aspettare che si freddi la scheda e poi procedere con la seconda e via via di seguito.
A questo punto inserire le nuove induttanze sovradimensionate e per correnti elevate (almeno 10-15 A) del valore consono all'impedenza dei diffusori.
Se gli stessi sono da 4 ohm inserire ind. da 10uH e se da 8 ohm inserire ind. da 20uH
Va da se che l'impedenza reale non è mai 4 oppure 8 ma variabile e quindì ,si possono anche usare induttanze di valore medio e cioè 15uH volendo e sperimentare quelle da 20 su diffusori da 4 e viceversa.
Quelle migliori in assoluto sono le Coilcraft  perchè sono anche schermate e hanno prestazioni eccellenti ma anche le altre (TME, BOURNS,MURATA ) danno ottimi risultati.

http://www.mouser.com/ds/2/597/ser2900-270685.pdf

http://www.tme.eu/it/details/dtmss-16_0.01_15-v/induttori-ad-anello/feryster/

http://www.tme.eu/it/details/5502-rc/induttori-verticali/bourns/

http://it.rs-online.com/web/p/products/7360946/


http://it.rs-online.com/web/p/products/7157156/

L'importante è che siano ad elevata corrente di saturazione ;più  è elevata e meglio lavorano  essendo le sollecitazioni presenti minime.
A questo punto occorre sistemare anche lo stadio EMI Output  con la sostituzione dei caps da 0,68uF con wima dello stesso valore oppure Ero-vishai1830 mkp che sono eccellenti e di grandi prestazioni  a piacere di dimensione adeguata e passo 5mm e 63V circa.

http://www.tme.eu/it/details/mks2-680n_63/condensatori-al-poliestere-tht/wima/mks2c036801e00kssd/

Una volta terminate queste operazioni la scheda è finita e va montata e testata con alimentazione attiva ,controllando che  nello stadio di uscita diffusori non ci sia corrente  inserendo i puntali del tester nei connettori e verificando la corrente che dovrebbe approssimarsi sul valore 0 oppure vicino nell'ordine di qualche millivolt.
Inserire la scheda in un box con alimentazione interna oppure senza alimentazione interna.
Nel caso si opti per l'alimentazione interna consiglio di mantenere lo stadio alimentazione a sinistra vista davanti e lo stadio di uscita con relativo cablaggio a  destra separando ulteriormente il box (volendo) da un traferro in alluminio per ridurre le interferenze .
Alcune di queste schede presentano un led onboard mentre altre no.
Nel caso sia presente toglierlo prima dell'inserimento delle bobine e far partire 2 fili intrecciati che andranno sul frontale del box con un nuovo led altrimenti se non presente, partire dal connettore di alimentazione  con 2 cavi intrecciati  e aggiungere una resistenza di circa 1000 Ohm fino a 1200 Ohm da un lato del led per correggere la tensione e posizionare il tutto .
Altra cosa che si potrebbe fare è migliorare la dissipazione con un dissipatore più dimensionato oppure aggiungere con relativa colla dissipante termica,un ulteriore dissipatore in altezza come in foto aumentando l'estensione  verso l'alto visto che il calore si propaga  in tale direzione in  modo da mantenere freddo il chip il più possibile.
A questo punto la scheda è pronta in attesa di essere alimentata a dovere con un approfondimento in materia specifico alla fine di tutte le modifiche.
il Gain lo vedremo poi nell' utilizzo col preamplificatore .
Inizialmente è settato a 26dB da default.

For 20db: R1=5.6K, R2 Open, Input impedance = 60k,
For 26db: R1=20K, R2=100k, input impedance = 30k, input coupling caps = 3.3uf
For 32db: R1=39k, R2=100k, input impedance = 15k, input coupling caps = 5.6uf
For 36db" R1=47k, R2=75k, input impedance = 6k,


La scheda soffre all'accensione e allo spegnimento del cosiddetto effetto bump che non è niente di preoccupante ma se risulta fastidioso si può utilizzare il Giancarlo circuito che consiste in uno schemino  che ritarda l'accensione di qualche secondo e il bump viene ridotto o eliminato ma solo all'accensione.

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/bump10.jpg

Alla fine di tutto il lavoro la scheda si presenta così:






Parte2

Breeze



Il Breeze esiste in 2 versioni e cioè finito con box e solo scheda.
Se l'utilizzo è quello di integrato autonomo  è consigliabile il prodotto finito per il prezzo abbordabile  altrimenti se si pensa di utilizzarlo col pre, oppure di inserirlo in un box che permetta l'inserimento di più ingressi e l'alimentazione interna optare per la sola scheda che  è più facile da modificare non rimanendo vincolata alle misure del box stesso.
Cominciamo a rimuovere i 2 wima o presunti tali di bypass e i 5 elettrolitici sugli ingressi cerchiati in blu.
In questa scheda i 2 wima fungono da bypass per 2 elettrolitici e di fatto i caps sono sempre 5 .
Inserire 3 wima o arcotronics da 2.2 63volt nella postazione 235 lasciando libere le altre 2.
Inserire 2 mkp Mundorf da 250volt oppure Arcotronics oppure Icel oppure Claritycap (solo con scheda senza box)da 2,2uF al posto dei wima presunti.
Alla fine di tutto il risultato è questo cercando di sistemare il meglio possibile i 2 sul positivo .





Sostituire  il potenziometro con alps da 20k stando attenti a non rovinare le piazzole.
Il filo di massa che circonda il pot dovrebbe andare a massa ma di fatto non ci va per l'anodizzazione del box che è isolato.
Per ovviare a questo incoveniente grattare la superficie dove il cavo appoggia per renderla nuda e far si che avvenga il contatto con lo stesso filo
come in foto.

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/dscn2620.jpg

A questo punto occorre ritoccare il guadagno che risulta troppo elevato e sensibile ai disturbi.
Inseriamo una resistenza con reofori su quella preesistente da 39 k per arrivare a 20 e quindi portiamo il guadagno a 26db se la resistenza ha valore 393 che si evince guardandola con una lente.
In molti casi hanno montato 473 che è 47k e a questo punto meglio toglierla e sostituirla con una nuova smd del valore appropriato e consigliato 20k



Terminato lo stadio di ingresso andiamo a togliere sotto la scheda i caps di bootstrap inserendo ,come in foto, quelli elencati sopra e cioè Murata o Tdk da 0,22uF 250v X7R in versione con reofori o smd.
Poi aggiungere il circuito di snubber anti interferenze con un cap smd da 330pf e una resistenza da 10ohm come da foto .









Andiamo nello stadio finale Emi o rete di Zobel   e sostituiamo i caps da 0,68uF con altrettanti Wima oppure Ero 1830 mkp  da 63v per le dimensioni corrette e il passo 5mm

Le induttanze potrebbero essere mantenute anche se sono da 22uH .
Come alternativa migliore montare queste
http://www.tme.eu/it/details/5502-rc/induttori-verticali/bourns/

che sono piccole e ottime e possono essere adeguate ai valori richiesti per i vari diffusori.
Sostituire tutti i 10 caps di filtro di booster con altrettanti  possibilmente os-con da 330 oppure Panasonic FM o FR da 470uF 25v che costano meno e hanno le stesse caratteristiche degli altri e cioè bassissima induttanza e grande velocità e risposta di conseguenza .

http://it.rs-online.com/web/p/products/7955581/   os
http://it.rs-online.com/web/p/products/5261553/   fm
http://it.rs-online.com/web/p/products/7396825/   fr


Nel Breeze l'effetto loudness accentuato e la scarsa pulizia sono dovuti al potenziometro non adatto e ai caps di boostrap oltremodo inadeguati-e non ultimo  il guadagno elevatissimo formato da 2 resistenze di 100K e addirittura 473 e cioè 47k invece di 39k .
Occorre sostituire la res R1 con una smd da 39k oppure ancora meglio da 20k per avere  26 db.



A questo punto punto se si opta per la scheda breeze nuda togliere il potenziometro oppure cortocircuitarlo(ingresso e uscita per ambedue i canali) .

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/dsc_0010.jpg

Nella  scheda Breeze senza box è più facile inserire caps in ingresso più grandi di dimensione e ,una volta inserita in un box hifi2000 di  dimensioni adeguate mantenere la sezione alimentazione a sinistra e il resto a destra il più possibile distanziati semmai con un traferro di alluminio al centro oppure schermare il box con carta adesiva ramata .
Inoltre è possibile aggiungere un buon Alps  R27 logaritmico da 50K montato sul box da collegare poi alla scheda e selettori vari e alimentazione interna per un buon progetto non più vincolato dalle dimensioni mini del box originale con un risultato migliore sotto molti aspetti.( praticità, potenziometro adeguato,componenti adattati meglio )
Consiglio inoltre di procurarsi nei negozi cinesi dello smalto trasparente da usare all' occorrenza per isolare ,una volta saldate, alcune saldature in punti delicati come quelle in foto che sono sotto il dissipatore nel Breeze e vicini alle bobine .

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/gain14.jpg



Arrivati a questo punto si presenta così:

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/dscn2625.jpg



" />

avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO PARTE 1-2-3

Messaggio  Olegol il Sab 27 Giu 2015 - 12:45

Per soddisfare le richieste e le esigenze di molti possessori del TPA 3116 nelle varie versioni ,ho deciso di pubblicare questo tutorial che passo-passo indica e raffigura le varie modifiche da eseguire sulle schede prese in considerazione.
le schede prese in considerazione sono 2.
TPA 3116 Blu e Breeze.




La scheda Blu , nella foto presa a prestito da diyaudio.com ,si presta molto bene ad essere utilizzata come finale in abbinamento a preamplificatori mentre la Breeze ,completa di box e finita è più adatta ad essere utilizzata come integratino .
Sinceramente parlando e visti i risultati, consiglio sempre l'uso di un preamplificatore ma visto che molti di voi possiedono l'integratino pronto ,andremo a effettuare una serie di modifiche dettagliate per far rendere al meglio questi amplificatori con chip 3116 Texas Instruments.
Essendo un tipo di chip amplificatore già preamplificato , il risultato migliore sarebbe l'abbinamento con un  buffer a guadagno unitario 1:1 e cioè senza guadagno ma con un buon preamplificatore valvolare per esempio,con guadagno medio basso ,si riesce comunque a fare esprimere al meglio il 3116 con risultati soddisfacenti e di alto rapporto qualità-prezzo una volta concluse e applicate le modifiche.
Cominciamo con la scheda blu.
Presenta di default componenti non adeguati : induttanze non dimensionate a sufficienza e con valore relativo,condensatori di ingresso Dc decoupling mediocri,condensatori nella rete Zobel o Emi output mediocri e condensatori di bootstrap altrettanto mediocri e inadeguati come caratteristiche , condensatori elettrolitici onboard DC power caps di valore eccessivo e di pessima qualità.
Iniziamo la modifica togliendo tutti i condensatori di ingresso che sono 4 +1 relativo al ponte al centro  e che andremo a sostituire con altrettanti di valore adeguato da 2,2 uf per avere una corretta risposta in frequenza.
I due sul positivo possono essere del tipo mkp (polipropilene) Mundorf, Arcotronics che sono ottimi oppure Claritycap che sono eccellenti   e sono responsabili del timbro generale dell'ampli perchè sono quelli che influenzano maggiormente il sound.
I due sul negativo e sul ponte possono essere Wima  mkt(poliestere) 63V  Arcotrnics 63V per mantenere le dimensioni degli originali e degli spazi da 5mm.
Nulla vieta che anche i 3 mkt possano essere sostituiti da altrettanti mkp ma le dimensioni diventano ingombranti e il risultato non proporzionato allo sforzo.

http://www.ebay.it/itm/171632712269?_trksid=p2060353.m2749.l2649&ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT

http://www.tme.eu/it/details/mks2-2.2u_50-r/condensatori-al-poliestere-tht/wima/mks2b042201f00ko00/

Eseguita questa modifica, andiamo a rimuovere i 2 condensatori elettolitici da 1000uF  DC e li sostituiamo con altrettanti di valore compreso fra 330uF se optiamo per il tipo os-con (perchè 470 non disponibile) 25V oppure Panasonic FM o FR da 470uf 35v a bassissima induttanza .
Gli FR sono di nuova produzione e hanno le stesse caratteristiche della serie FM alla metà del prezzo.
https://it.rs-online.com/web/p/condensatori-elettrolitici/7396825/?searchTerm=EEUFR1E471L&relevancy-data=636F3D3226696E3D4931384E4B6E6F776E41734D504E266C753D6974266D6D3D6D61746368616C6C7061727469616C26706D3D5E5B5C707B4C7D5C707B4E647D2D2C2F255C2E5D2B2426706F3D313326736E3D592673743D4D414E5F504152545F4E554D4245522677633D424F5448267573743D454555465231453437314C26

http://it.rs-online.com/web/p/products/7955581/

Nelle realizzazioni con amplificatori digitali i condensatori onboard dovrebbero essere il piu' possibile a bassa induttanza per andare incontro alle esigenze  del chip che lavorando in alta frequenza e ad impulsi ,predilige questo tipo di caps che risultano essere più veloci nel rispondere alle sollecitazioni immediate e quindi più adatti allo scopo e naturalmente più performanti .
Dopodichè andremo a sostituire i caps di bootstrap con altrettanti usati nelle alimentazioni a impulsi e adatti allo scopo ma con valori e tensioni di lavori almeno di 250 V.
Questi caps sono ceramici e quindi meno stabili ma se usiamo valori elevati le sollecitazioni sono minime e si comportano nel modo corretto tosando in modo adeguato il segnale di uscita dal chip.
Il valore è 0,22 e il tipo è X7R  con tensione  da 250v  di Murata o Tdk in versione con reofori o in versione smd.
http://it.rs-online.com/web/p/products/7492213/

http://it.rs-online.com/web/p/products/7407789/

Una volta terminata questa fase, dobbiamo inserire il circuito di snubber che non è presente nella scheda in origine ma nel datasheet Texas Instruments.
Giriamo la scheda e inseriamo nelle saldature sotto,un cap da 330pF sempre del tipo X7R 250V e una resistenza da 10 Ohm in serie ,per ogni cap presente sopra che manderemo a massa grattando la scheda nel punto scelto per far uscire la parte ramata come in foto.

http://it.rs-online.com/web/p/products/6197813/

Andranno posizionati ai lati esterni di sinistra e destra di ciascun cap presente dal lato sopra.




Terminata questa fase dovremmo rimuovere il connettore di alimentazione e posizionarlo sotto per fare spazio alle bobine che essendo più grandi di dimensione ,necessitano di più spazio.
Non dimentichiamo di isolare quelle parti che rimangono scoperte ,come i reofori delle resistenze aggiunte da 10 Ohm sotto la scheda e le saldature  rimaste nude   del connettore di ingresso di Alimentazione 24V una volta girato,con dello smalto trasparente per unghie di qualità sufficiente al nostro scopo comprandolo a poco prezzo nei negozi Cinesi che vendono di tutto.
A questo punto arriva la parte più difficile e cioè la rimozione dell induttanze .
Aggiungere stagno da un lato e cercare con la stazione saldante di dissaldare quella parte.
Una volta dissaldata sollevarla leggermente e da sotto andare a dissaldare l'altro lato facendo attenzione a non rovinare la piazzola e a non insistere troppo col calore del saldatore.
Una volta dissaldata la prima bobina aspettare che si freddi la scheda e poi procedere con la seconda e via via di seguito.
A questo punto inserire le nuove induttanze sovradimensionate e per correnti elevate (almeno 10-15 A) del valore consono all'impedenza dei diffusori.
Se gli stessi sono da 4 ohm inserire ind. da 10uH e se da 8 ohm inserire ind. da 20uH
Va da se che l'impedenza reale non è mai 4 oppure 8 ma variabile e quindì ,si possono anche usare induttanze di valore medio e cioè 15uH volendo e sperimentare quelle da 20 su diffusori da 4 e viceversa.
Quelle migliori in assoluto sono le Coilcraft  perchè sono anche schermate e hanno prestazioni eccellenti ma anche le altre (TME, BOURNS,MURATA ) danno ottimi risultati.

http://www.mouser.com/ds/2/597/ser2900-270685.pdf

http://www.tme.eu/it/details/dtmss-16_0.01_15-v/induttori-ad-anello/feryster/

http://www.tme.eu/it/details/5502-rc/induttori-verticali/bourns/

http://it.rs-online.com/web/p/products/7360946/


http://it.rs-online.com/web/p/products/7157156/

L'importante è che siano ad elevata corrente di saturazione ;più  è elevata e meglio lavorano  essendo le sollecitazioni presenti minime.
A questo punto occorre sistemare anche lo stadio EMI Output  con la sostituzione dei caps da 0,68uF con wima dello stesso valore oppure Ero-vishai1830 mkp che sono eccellenti e di grandi prestazioni  a piacere di dimensione adeguata e passo 5mm e 63V circa.

http://www.tme.eu/it/details/mks2-680n_63/condensatori-al-poliestere-tht/wima/mks2c036801e00kssd/

Una volta terminate queste operazioni la scheda è finita e va montata e testata con alimentazione attiva ,controllando che  nello stadio di uscita diffusori non ci sia corrente  inserendo i puntali del tester nei connettori e verificando la corrente che dovrebbe approssimarsi sul valore 0 oppure vicino nell'ordine di qualche millivolt.
Inserire la scheda in un box con alimentazione interna oppure senza alimentazione interna.
Nel caso si opti per l'alimentazione interna consiglio di mantenere lo stadio alimentazione a sinistra vista davanti e lo stadio di uscita con relativo cablaggio a  destra separando ulteriormente il box (volendo) da un traferro in alluminio per ridurre le interferenze .
Alcune di queste schede presentano un led onboard mentre altre no.
Nel caso sia presente toglierlo prima dell'inserimento delle bobine e far partire 2 fili intrecciati che andranno sul frontale del box con un nuovo led altrimenti se non presente, partire dal connettore di alimentazione  con 2 cavi intrecciati  e aggiungere una resistenza di circa 1000 Ohm fino a 1200 Ohm da un lato del led per correggere la tensione e posizionare il tutto .
Altra cosa che si potrebbe fare è migliorare la dissipazione con un dissipatore più dimensionato oppure aggiungere con relativa colla dissipante termica,un ulteriore dissipatore in altezza come in foto aumentando l'estensione  verso l'alto visto che il calore si propaga  in tale direzione in  modo da mantenere freddo il chip il più possibile.
A questo punto la scheda è pronta in attesa di essere alimentata a dovere con un approfondimento in materia specifico alla fine di tutte le modifiche.
il Gain lo vedremo poi nell' utilizzo col preamplificatore .
Inizialmente è settato a 26dB da default.

For 20db: R1=5.6K, R2 Open, Input impedance = 60k,
For 26db: R1=20K, R2=100k, input impedance = 30k, input coupling caps = 3.3uf
For 32db: R1=39k, R2=100k, input impedance = 15k, input coupling caps = 5.6uf
For 36db" R1=47k, R2=75k, input impedance = 6k,


La scheda soffre all'accensione e allo spegnimento del cosiddetto effetto bump che non è niente di preoccupante ma se risulta fastidioso si può utilizzare il Giancarlo circuito che consiste in uno schemino  che ritarda l'accensione di qualche secondo e il bump viene ridotto o eliminato ma solo all'accensione.

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/bump10.jpg

Alla fine di tutto il lavoro la scheda si presenta così:




[/quote]


Parte2

Breeze



Il Breeze esiste in 2 versioni e cioè finito con box e solo scheda.
Se l'utilizzo è quello di integrato autonomo  è consigliabile il prodotto finito per il prezzo abbordabile  altrimenti se si pensa di utilizzarlo col pre, oppure di inserirlo in un box che permetta l'inserimento di più ingressi e l'alimentazione interna optare per la sola scheda che  è più facile da modificare non rimanendo vincolata alle misure del box stesso.
Cominciamo a rimuovere i 2 wima o presunti tali di bypass e i 5 elettrolitici sugli ingressi cerchiati in blu.
In questa scheda i 2 wima fungono da bypass per 2 elettrolitici e di fatto i caps sono sempre 5 .
Inserire 3 wima o arcotronics da 2.2 63volt nella postazione 235 lasciando libere le altre 2.
Inserire 2 mkp Mundorf da 250volt oppure Arcotronics oppure Icel oppure Claritycap (solo con scheda senza box)da 2,2uF al posto dei wima presunti.
Alla fine di tutto il risultato è questo cercando di sistemare il meglio possibile i 2 sul positivo .





Sostituire  il potenziometro con alps da 20k stando attenti a non rovinare le piazzole.
Il filo di massa che circonda il pot dovrebbe andare a massa ma di fatto non ci va per l'anodizzazione del box che è isolato.
Per ovviare a questo incoveniente grattare la superficie dove il cavo appoggia per renderla nuda e far si che avvenga il contatto con lo stesso filo
come in foto.

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/dscn2620.jpg

A questo punto occorre ritoccare il guadagno che risulta troppo elevato e sensibile ai disturbi.
Inseriamo una resistenza con reofori su quella preesistente da 39 k per arrivare a 20 e quindi portiamo il guadagno a 26db se la resistenza ha valore 393 che si evince guardandola con una lente.
In molti casi hanno montato 473 che è 47k e a questo punto meglio toglierla e sostituirla con una nuova smd del valore appropriato e consigliato 20k



Terminato lo stadio di ingresso andiamo a togliere sotto la scheda i caps di bootstrap inserendo ,come in foto, quelli elencati sopra e cioè Murata o Tdk da 0,22uF 250v X7R in versione con reofori o smd.
Poi aggiungere il circuito di snubber anti interferenze con un cap smd da 330pf e una resistenza da 10ohm come da foto .









Andiamo nello stadio finale Emi o rete di Zobel   e sostituiamo i caps da 0,68uF con altrettanti Wima oppure Ero 1830 mkp  da 63v per le dimensioni corrette e il passo 5mm

Le induttanze potrebbero essere mantenute anche se sono da 22uH .
Come alternativa migliore montare queste
http://www.tme.eu/it/details/5502-rc/induttori-verticali/bourns/

che sono piccole e ottime e possono essere adeguate ai valori richiesti per i vari diffusori.
Sostituire tutti i 10 caps di filtro di booster con altrettanti  possibilmente os-con da 330 oppure Panasonic FM o FR da 470uF 25v che costano meno e hanno le stesse caratteristiche degli altri e cioè bassissima induttanza e grande velocità e risposta di conseguenza .

http://it.rs-online.com/web/p/products/7955581/   os
http://it.rs-online.com/web/p/products/5261553/   fm
http://it.rs-online.com/web/p/products/7396825/   fr


Nel Breeze l'effetto loudness accentuato e la scarsa pulizia sono dovuti al potenziometro non adatto e ai caps di boostrap oltremodo inadeguati-e non ultimo  il guadagno elevatissimo formato da 2 resistenze di 100K e addirittura 473 e cioè 47k invece di 39k .
Occorre sostituire la res R1 con una smd da 39k oppure ancora meglio da 20k per avere  26 db.



A questo punto punto se si opta per la scheda breeze nuda togliere il potenziometro oppure cortocircuitarlo(ingresso e uscita per ambedue i canali) .

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/dsc_0010.jpg

Nella  scheda Breeze senza box è più facile inserire caps in ingresso più grandi di dimensione e ,una volta inserita in un box hifi2000 di  dimensioni adeguate mantenere la sezione alimentazione a sinistra e il resto a destra il più possibile distanziati semmai con un traferro di alluminio al centro oppure schermare il box con carta adesiva ramata .
Inoltre è possibile aggiungere un buon Alps  R27 logaritmico da 50K montato sul box da collegare poi alla scheda e selettori vari e alimentazione interna per un buon progetto non più vincolato dalle dimensioni mini del box originale con un risultato migliore sotto molti aspetti.( praticità, potenziometro adeguato,componenti adattati meglio )
Consiglio inoltre di procurarsi nei negozi cinesi dello smalto trasparente da usare all' occorrenza per isolare ,una volta saldate, alcune saldature in punti delicati come quelle in foto che sono sotto il dissipatore nel Breeze e vicini alle bobine .

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/gain14.jpg



Arrivati a questo punto si presenta così:

http://i18.servimg.com/u/f18/19/17/39/25/dscn2625.jpg



" />

[/quote]


Parte3

Alimentazione e considerazioni

Veniamo ora all'alimentazione che deve essere il più possibile di alta qualità-
A tal riguardo ci sono 3 opzioni che si possono scegliere.
Optare per un alimentatore lineare come questo quasi pronto :

http://www.ebay.it/itm/271704353705?ssPageName=STRK:MESINDXX:IT&_trksid=p3984.m1436.l2649

oppure utilizzare una schedina come questa con trasformatore a parte


http://www.ebay.it/itm/201238725753?ssPageName=STRK:MESINDXX:IT&_trksid=p3984.m1436.l2649


http://www.ebay.it/itm/171826706477?ssPageName=STRK:MESINDXX:IT&_trksid=p3984.m1436.l2649

e qualche ritocco nella sostituzione dei condensatori con Panasonic o Nichicon da 4700uf 35V almeno oppure fare da zero una alimentazione non stabilizzata con un trasformatore da circa 150watt, un ponte da 12-14 Ampere  e i vari condensatori di filtro da 10000uf 2x 4700 oppure 2x 10000uF sempre Panasonic o Nichicon di qualità e da 0,1uf di bypass.
Il trasformatore deve avere un secondario di15-16 volt e non oltre.
Personalmente preferisco sempre alimentazioni stabilizzate .
L'alimentazione switching non viene presa in considerazione perchè quelle universali non sono adatte allo scopo e quelle nate per l'audio sono troppo costose e quindi la scelta non si pone neanche.
L'alimentatore dovrebbe avere una buona corrente di almeno 4 A ed erogare  una tensione variabile da 20 a 22 volts .
Nulla vieta di utilizzare 24 o 25 volts ma siamo al limite e lo sono anche i caps oscon per esempio perchè di tensione superiore non ci sono e gli altri caps sempre da 25 installati per esigenze di altezza nel Breeze e quindi direi di mantenerla attorno ai valori indicati .
Nella scheda i caps possono essere da 35 per stare sul sicuro perchè non vincolati dalle misure
La tensione potrebbe essere anche più bassa ma il chip non rende come deve e dopo svariate prove quella che risulta più adatta si attesta dai 18 ai 22 volt
Nel caso dell'alimentatore pronto si cambia il trimmer interno con uno da 2,2 k e si sostituiscono i caps di filtro con altrettanti Nichicon o panasonic da 3900 o 4700 x 4 35v e si regola il trimmer a da 18 a 22 a piacere mentre nel caso della schedina si sostituiscono i 2 caps con altri di valore 4700uF 35V O 50V ancora meglio più performanti e con un ulteriore cap di bypass da 0,1 e si regola sempre il trimmer per arrivare al valore indicato sopra e nel caso si costruisca in toto cercare di utilizzare un trasformatore che non superi 16 volt   per avere in uscita circa 20-21 volt per  un margine di sicurezza di 4 V nel caso di picchi della rete.
Se inseriamo l'alimentazione nel box cercare di mantenere la stessa alla sinistra con connettore dietro e i cavi tutti da quel lato e lontani mentre la scheda e il resto e cioè potenziometro , ingressi e uscite a destra in modo che siano ben distanziate le 2 cose.
Con la scheda Breeze montata su altro case potete aggiungere ulteriori ingressi con un selettore oppure con un commutatore Miyama se 2 input sono sufficienti.

http://www.tme.eu/it/details/ms500if/interruttori-a-leva/miyama/

Inoltre si puo'  sostituire il potenziometro con un Alps della serie r27 che è ben altra cosa rispetto al piccolino in plastica .
Personalmente preferisco la soluzione scheda più trasformatore da 220watt 19volt e la sostituzione nella scheda dei caps con Nichicon oppure Panasonic  

Veniamo ora all'analisi del sound post modifiche :

La scheda suona in maniera corretta e cioè senza esaltazione di nessuna parte dello spettro con dinamica appropriata e tipico sound caldo delle realizzazioni a mosfet con buona liquidità in gamma media e ottimo controllo sui bassi , dettaglio quanto basta e sempre musicale e cioè priva di fatica di ascolto.
Il Breeze ha le stesse caratteristiche una volta settato al meglio il guadagno che è responsabile del  loudness e della timbrica alterata essendo la sensibilità troppo elevata per creare l'effetto stupore ma in realtà non adatto a esigenze di ascolto più consone al chip che alla fine di tutto ha ottime caratteristiche sonore indipendentemente dal prezzo.
Buona alimentazione lineare, guadagno, impedenza e componenti adeguati sono caratteristiche che vanno bilanciatE per far rendere al meglio il chip e metterlo in condizione di rendere per quello che sono le sue caratteristiche e non per storpiarlo.
Le schede sono state testate con preamplificatore TVC passivo di eccellente costruzione, preamplificatore valvolare Sonic Frontiers e Kometa russo e con diffusori Tannoy monitor   per verificare gli abbinamenti e la correttezza timbrica e il risultato ,


Per quanto riguarda la scheda utilizzata come finale consiglio questo pre valvolare
http://www.ebay.it/itm/171830631140?ssPageName=STRK:MESINDXX:VRI&_trksid=p3984.m1436.l2661

oppure quest'altro

http://www.ebay.pl/itm/171822695073?ssPageName=STRK:MESELX:IT&_trksid=p3984.m1558.l2649

che sono costruiti molto bene e lavorano altrettanto  bene e non sono cineserie ma costruiti con cura.
Con una spesa minima potrete avere un pre con sole 2 valvole che potrà essere abbinato alla scheda con risultati sorprendenti.
La ecc88 oppure 6n23 alias 6922 è una valvola raffinata con un guadagno medio che si abbina bene a molti ampli e anche al nostro ed è abbastanza universale e in questo circuito srpp l'impedenza di uscita è piuttosto bassa e quindi adatta allo scopo.
A questo punto si tratta di verificare il gain ed eventualmente abbassarlo a 20 db   eliminando le 2 resistenze e sostituendo solo quella di destra nella scheda con 5,6k oppure lasciare le cose come stanno mantenendo  il guadagno di default se il risultato se l'interfacciamento è buono .
SuL Breeze occorre abbassarlo almeno a 26 o 20  ancora meglio allo stesso modo togliendo le suddette resistenze e sostituendole con i valori adeguati

For 20db: R1=5.6K, R2 Open, Input impedance = 60k,
For 26db: R1=20K, R2=100k, input impedance = 30k, input coupling caps = 3.3uf
For 32db: R1=39k, R2=100k, input impedance = 15k, input coupling caps = 5.6uf
For 36db" R1=47k, R2=75k, input impedance = 6k,

A questo punto bypassare il potenziometro del Breeze se si utilizzerà col preamplificatore saldando insieme ingresso e uscita di ambedue i canali come indicato in foto  senza toglierlo  



Il circuito con ecc88 è del tipo Srpp semplice con bassa impedenza  e con lunga vita dei tubi e   sopratutto ben suonante.


L'altro con tubi 6111WA è una derivazione del famoso Audionote e valido anch'esso e sinceramente per un pre completo di trasformatore 70 euro sono una cifra irrisoria rispetto ai risultati e alle prestazioni.
In seguito e in base agli abbinamenti, si potranno sostituire i condensatori in uscita che nel circuito con ecc88 sono Ero mkt con altri mkp oppure carta-olio  e nell'altro con mkp,carta-olio,mkt visto che quelli inseriti sono di carta metallizzata per ottenere alla fine il sound che più si desidera e secondo le esigenze dopo le verifiche di sorta.
Nelle circuitazioni valvolari si ottengono diversi risultati con i vari caps e anche gli mkt ,a volte, danno ottimi risultati.
Anche nella disposizione del pre dentro al box mantenere l'alimentazione a sinistra e la scheda amplificatrice a destra con il cablaggio di segnale sempre alla destra e con cavo monofilare argentato e ricoperto in teflon possibilmente per il segnale mentre per l'alimentazione optare per un cavo adeguato che sopporti almeno 300V  .Intrecciare sempre i cavi fra loro e nel caso si utilizzi un box hifi200 nascondere il cablaggio nelle fessure dei pannelli laterali.
Volendo si potrà aggiungere un selettore per diversi ingressi di buona qualità oppure semplicemente un commutatore Miyama se 2 ingressi sono sufficienti  e naturalmente un potenziometro Alps da 50K logaritmico.



Inserire sul fondo del box un foglio gommato per isolare e procedere al montaggio con distanziatori di materiale plastico o teflon e verificare che nel box ci siano fessure adeguate nella parte superiore per l'aerazione del calore che si forma.
Sconsiglio di posizionare i tubi all'esterno per l'aumento dell'effetto antenna essendo molto ricettivi  e consiglio di inserire un cap sull'alimentazione AC da 0,1uF 400v per eliminare disturbi di rete presenti nella gamma dei 50 hz circa.
A conti fatti, con pre e scheda Tpa e materiale vario ,con un esborso totale di circa 200-220 euro  avrete un eccellente binomio pre-finale finito con un rapporto qualità prezzo eccellente che vi darà grandi soddisfazioni per molti anni a venire e con una capacità di pilotaggio adeguata alla maggior parte di diffusori odierni .
Un buon matrix dac o un buon marantz cd 6005 e il gioco è fatto con un impianto ben suonante , godibile, musicale e performante e una spesa contenuta ma con qualità  notevole.
Spero di essere stato esauriente.

A presto
avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  teskio74 il Sab 27 Giu 2015 - 22:49

Olegol ha scritto:
teskio74 ha scritto:

Speriamo bene... Laughing ho paura di sbagliare Embarassed

In soldoni ,guardando l'ultima foto della scheda finita  e quella iniziale  sono stati cambiati e sostituiti i condensatori di ingresso decoupling caps ai lati che sono 4 e il centrale e sono 4+1,
il dissipatore è stato migliorato ,i 2caps ai lati del dissipatore dc power caps , i 4 caps subito dopo il chip di bootstrap , le induttanze e i 4 caps in uscita Emi filter.
In aggiunta è stato inserito lo snubber sotto la scheda ma puoi anche non metterlo se diventa complicato.Praticamente 7 variazioni

Eh eh.....ti piace vincere facile Laughing
avatar
teskio74
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 09.05.15
Numero di messaggi : 55
Occupazione/Hobby : ...ci devo pensare
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Work in Progress...

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  kalium il Dom 28 Giu 2015 - 13:30

GRANDISSIMO OLEGOL ! uno dei due pre sarà il mio prossimo upgrade
avatar
kalium
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 27.10.09
Numero di messaggi : 2505
Località : toscana
Provincia (Città) : erratico
Impianto : PC con Foobar 2000
Preamp Bottlehead Quickie
Breeze modificato
cavi di segnale Atlas element integra
Cavi di potenza Tellurium q Black
Dac Douk
cavi di alimentazione Supra Lorad e Merlin Tarantula
ciabatta filtrata Bada LB 5600

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Dom 28 Giu 2015 - 13:53

kalium ha scritto:GRANDISSIMO OLEGOL ! uno dei due pre sarà il mio prossimo upgrade

Oki
avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  ghiglie il Lun 29 Giu 2015 - 11:49

Da stampare e conservare. Grazie!
avatar
ghiglie
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 29.07.11
Numero di messaggi : 1860
Località : Dal Canavese al Conero.
Occupazione/Hobby : oompa loompa dell'IT
Provincia (Città) : AN, TO, Roma
Impianto :
Spoiler:

Play:LMS+squeezeplay-R2(AtomD510M0@Gentoo) + GeekPulse Infinity 2V0 -> Breeze TPA3116 Fullmod/MAEL19v -> Scythe Kro Craft
Pause: JLSounds XMOS/4396/noDAC , HiFimeDIY Sabre9023 U2[/url]

HP: DT990Pro, SuperLux HD-681, HD-668B
Sansa Clip+ RockBox / Koss PortaPro /Xears XE200Pro Bamboo / JVC HA-S400 / Rock Zircon / KZ ATE&ATE-S


Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Mar 30 Giu 2015 - 10:57

ghiglie ha scritto:Da stampare e conservare. Grazie!



Per chi vuole approfondire o semplicemente leggere guardate su:

http://www.diyaudio.com/wiki/TPA3116D2_Boards

Non dimenticate di salvare .

avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  PHIL MASNAGH il Mar 30 Giu 2015 - 14:35

Grazie ancora Olegol. Salvata e tradotta. Oki

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  teskio74 il Mar 30 Giu 2015 - 15:07

Preferisco la tua Olegol perché io "illinglese" non lo mastico molto.. Laughing
Grazie ancora.
avatar
teskio74
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 09.05.15
Numero di messaggi : 55
Occupazione/Hobby : ...ci devo pensare
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Work in Progress...

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Mar 30 Giu 2015 - 23:48

teskio74 ha scritto:Preferisco la tua Olegol perché io "illinglese" non lo mastico molto.. Laughing
Grazie ancora.


Oki
avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Sab 4 Lug 2015 - 12:45

Olegol ha scritto:
teskio74 ha scritto:Preferisco la tua Olegol perché io "illinglese" non lo mastico molto.. Laughing
Grazie ancora.


Oki

Lo traduci col traduttore. Laughing
avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Dom 5 Lug 2015 - 13:22

Olegol ha scritto:
Olegol ha scritto:


Oki

Lo traduci col traduttore. Laughing

Google traduttore più o meno Laughing
avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Ma il costo del materiale per queste modifiche?

Messaggio  Roberto Contin il Mar 5 Apr 2016 - 10:20

Io vorrei sapere quanto sarebbe la spesa dei materiali....
In base a questo deciderei se è opportuna o no la modifica.
avatar
Roberto Contin
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 21.03.16
Numero di messaggi : 29
Località : Campolongo Maggiore (VE)
Occupazione/Hobby : Designer/Hifi
Provincia (Città) : Venezia
Impianto : Fenice 20 MKII
KroKraft Speaker Rev. B
Fiio Q1 DAC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Olegol il Mar 5 Apr 2016 - 12:36

Roberto Contin ha scritto:Io vorrei sapere quanto sarebbe la spesa dei materiali....
In base a questo deciderei se è opportuna o no la modifica.

Vai sul tutorial completo e così potrai informarti di tutto.



http://www.tforumhifi.com/t48121p275-tutorial-modifiche-tpa-3116-completo#753815
avatar
Olegol
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 15.03.15
Numero di messaggi : 784
Provincia (Città) : RIMINI
Impianto : SPACE CYCLIC

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 Parte1

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum