T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11753 utenti, con i loro 818643 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

Condividi

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
grande stefano

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
Zio sei stato chiarissimo.
Molto pertinenti le tue osservazioni. A questo punto conviene,sicuramente, andarle prima a sentire e non procedere con acquisti al buio. Convengo sul fatto che, esteticamente, non siano molto affascinanti ma un'estetica non proprio impeccabile è,a mio parere, barattabile con un ottimo suono a buon prezzo. Pur avendo una stanza, 5x4, dedicata, 80/100 cm dal muro di fondo per la mia situazione sono tanti, me le troverei in faccia. Aggiungo che pure a corrente il mio ampli non sta benissimo, a memoria mi pare che sia una 60ina di watt. Intrigante invece il suono delle dipolo che descrivi.
P.S. Grazie molte x la disponibilità, se del caso, a farmi sentire le tue dipolo.

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
@falky2012 ha scritto:
Zio sei stato chiarissimo.
Aggiungo che pure a corrente il mio ampli non sta benissimo, a memoria mi pare che sia una 60ina di watt.

Io le mie le ho provate con un finale Naim Nap 100 ed andavano molto bene, Naim ha una ottima capacità di pilotaggio.
Attenzione che non parlo di potenza, ma di corrente e pilotaggio.
Il buon Natale ha un amplificatore da 40W che è un fiume in piena per quanto riguarda l'erogazione di corrente... ma qui chiudo perchè sto parlando di altre cose non inenrenti a questo 3D.

Ascoltale!! E poi ci farai sapere...

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
@Zio ha scritto:
Personalmente non ho mai notato differenze così eclatanti con cambiamenti minimi nell'arredamento, evidentemente il mio ambiente è forse meno ostico.
Bello comunque il fatto che tu abbia risolto ed un bravo agli utenti che ti hanno dato indicazioni preziose.

Io ho provato a spostare di pochi millimetri la posizione dei miei diffusori ma non ho trovato alcuna differenza da prima, se non che mia moglie mi ha dato del pirla per le prove che stavo facendo... ma ci sono abituato...

Se hai trovato delle Dipol-One usate, prendile!! Subito!! Io non avrei dubbi!

Lasciamo stare le mogli, che se no sono guai....se non senti differenze, sei fortunato, vuol dire che hai un ambiente equilibrato, oppure sei sfortunato e non hai un impianto molto rivelatore...ma propendo per la prima ipotesi Smile

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
@Tonyartemide ha scritto:

Lasciamo stare le mogli, che se no sono guai....se non senti differenze, sei fortunato, vuol dire che hai un ambiente equilibrato, oppure sei sfortunato e non hai un impianto molto rivelatore...ma propendo per la prima ipotesi Smile

Oppure non ho abbastanza orecchio per sentire le differenze... Crying or Very sad

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
@salvatoreborzellino ha scritto:
Ho seguito con interesse questo 3d, sono contento che si sia risolto. La soluzione del problema fa veramente riflettere!


Ok

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
Dopo aver "riflettuto" sul problema, ho apportato ulteriore modifiche alla mia sala ascolto.
Ho pensato: se da una parte, lato finestra, una tenda assorbe al punto da spostare il fuoco, non è' che dall altro lato, dove ho una libreria piena zeppa di libri, magari c e' troppo assorbimento?
Sicche' ho tirato giù tutti i libri e, all ascolto, la scena si è' decisamente irrobustita restituendo una focalizzazione ferma.
Senza nessun tipo di pretesa, e chiedendo conferma anche a chi ha maggiore dimestichezza con ii concetti di acustica, mi sento di dire che le pareti laterali, ai fini di una buona messa a fuoco, devono essere trattate, tra parti assorbenti e riflettenti, in modo equilibrato e in proporzione simile.
Psicoacustica o uovo di Colombo?

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
Dimenticavo: libreria piena zeppa di libri mai letti;)

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
Per mia esperienza le librerie piene di libri sono il miglior trattamento acustico!

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
@p.cristallini: la stanza l ho trattata: bass traps negli angoli di fianco ai diffusori, pannelli assorbenti su soffitto e pannelli diffusori sulla parete dietro il punto d ascolto. Tappetone, tende e libreria completano il tutto.

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
La stanza dev'essere normale, equilibrata, ben arredata, simmetrica
seppur non uguale.
Le superfici molto riflettenti o molto assorbenti non devono mai essere troppo estese,
mai una parete così e una cosà,
gli spazi pieni e gli spazi vuoti ben distribuiti,
simmetrica nella capacità, non nella forma,
molto varia, mai materiali monotoni, mai tutto legno o tutto libri o tutto tende
ecc ecc

Poi occorrono precauzioni in base al tipo di casse e loro collocazione,
bipolari, bass-reflex condotto dietro o condotto davanti,
non solo la distanza con la parete di fondo e di lato è importante,
ma anche la presenza/assenza di oggetti morbidi o rigidi,
rientranze e spigoli.
Il punto d'ascolto è pure delicato,
se molto vicino alla parete retrostante o se molto lontano ....
nel primo caso la parete deve essere ben assorbente, nel secondo caso è piacevole
che sia moderatamente riflettente, ma non priva d'oggetti,
molte riflessioni sono sempre meglio di una sola grande riflessione.

Varietà in tutto, quindi: forma, materiali, disposizione .......

Comunque la regola di base è: statisticamente simmetrica seppur differente.
Quel che ti mancava.

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
@valterneri: dando ordine hai spiegato e riassunto, con estrema chiarezza e proprieta', le regole base per ottenere un acustica quanto più' corretta e gradevole.

Post veramente utile per tutti e che, DEVE, farci ragionare e, soprattutto - rimossa ogni pigrizia o waf - imporci di intervenire per comprendere, e intelligentemente modificare, la risposta del nostro ambiente personale.
In armonia con la benvenuta soluzione alla mia perdita di fuoco, la morale, qundi, e' di agire sull'ambiente, tassativamente e preliminarmente, prima di lanciarsi in acquisti compulsivi spaccaportafoglio.
Dico solo - magari attirando critiche - che nella mia stanza recentemente, sempre allo scopo di fare e rifare prove, ho sganciato le focal 826 e ho connesso due bookshelf piccoli della Sony, rimasuglio di un vecchio all in one surround (prezzo 20 euro al mercatino), prive di connettori d'entrata e con solo un cavettino sottilissimo pluriraccordato e poi, a propria volta, agganciato ai cavi di potenza.
Posizionate sopra alle focal, con il timore che alla prima accensione saltassero perché magari non reggevano l ampli, ecco che ne è uscito un suono inaspettato.
La scena era ampia esattamente come con le focal e la voce era robusta esattamente come con le focal. Certo era tutto più sottile, ma può anche andare a gusti, è più squillante, ma neanche troppo, al punto che le ho tenute su per un po' per apprezzarne la diversa sonorità.
Le stesse cassettine le avevo, in passato, messe in camera di mio figlio con un risultato assai sgradevole, risultato che, ovviamente, ci si aspetta da prodotti consumer di quel tipo.
Non sono più, quindi, così sicuro che i miglioramenti siano direttamente proporzionali al costo dei diffusori.
Sono invece sempre più certo che l ambiente gioca il 70% della partita audiofila.




descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
@falky2012 ha scritto:
@valterneri: dando ordine hai spiegato e riassunto, con estrema chiarezza e proprieta', le regole base   per ottenere un acustica  quanto più' corretta e gradevole.

Post veramente utile per tutti e che, DEVE, farci ragionare e, soprattutto - rimossa ogni pigrizia o waf - imporci di intervenire per comprendere, e intelligentemente modificare, la risposta del nostro ambiente personale.
In armonia con la benvenuta soluzione alla mia perdita di fuoco, la morale, qundi, e' di agire sull'ambiente, tassativamente e preliminarmente,  prima di lanciarsi in acquisti compulsivi spaccaportafoglio.
Dico solo - magari attirando critiche - che nella mia stanza recentemente, sempre allo scopo di fare e rifare prove, ho sganciato le focal 826 e ho connesso due bookshelf piccoli della Sony, rimasuglio di un vecchio all in one surround (prezzo 20 euro al mercatino), prive di connettori d'entrata e con solo un cavettino sottilissimo pluriraccordato e poi, a propria volta, agganciato  ai cavi di potenza.
Posizionate sopra alle focal, con il timore che alla prima accensione saltassero perché magari non reggevano l ampli, ecco che ne è uscito un suono inaspettato.
La scena era ampia esattamente come con le focal e la voce era robusta esattamente come con le focal. Certo era tutto più sottile, ma può anche andare a gusti, è più squillante, ma neanche troppo, al punto che le ho tenute su per un po' per apprezzarne la diversa sonorità.
Le stesse cassettine le avevo, in passato, messe in camera di mio figlio con un risultato assai sgradevole, risultato  che, ovviamente, ci si aspetta da prodotti consumer di quel tipo.
Non sono più, quindi, così sicuro che i miglioramenti siano direttamente proporzionali al costo dei diffusori.
Sono invece sempre più certo che l ambiente gioca il 70% della partita audiofila.



Quoto,quoto,quoto.
Ho avuto una esperienza molto simile alla tua.
Ok

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
@valterneri ha scritto:
La stanza dev'essere normale, equilibrata, ben arredata, simmetrica
seppur non uguale.
Le superfici molto riflettenti o molto assorbenti non devono mai essere troppo estese,
mai una parete così e una cosà,
gli spazi pieni e gli spazi vuoti ben distribuiti,
simmetrica nella capacità, non nella forma,
molto varia, mai materiali monotoni, mai tutto legno o tutto libri o tutto tende
ecc ecc

Poi occorrono precauzioni in base al tipo di casse e loro collocazione,
bipolari, bass-reflex condotto dietro o condotto davanti,
non solo la distanza con la parete di fondo e di lato è importante,
ma anche la presenza/assenza di oggetti morbidi o rigidi,
rientranze e spigoli.
Il punto d'ascolto è pure delicato,
se molto vicino alla parete retrostante o se molto lontano ....
nel primo caso la parete deve essere ben assorbente, nel secondo caso è piacevole
che sia moderatamente riflettente, ma non priva d'oggetti,
molte riflessioni sono sempre meglio di una sola grande riflessione.

Varietà in tutto, quindi: forma, materiali, disposizione .......

Comunque la regola di base è: statisticamente simmetrica seppur differente.
Quel che ti mancava.

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
Io ho un ambiente penso giustamente assortito, il lato opposto ai diffusori presenta un divano a 3 posti, una poltrona, un grandissimo quadro in tela rigorosamente senza vetro. Inoltre, la mia perfidia audiofila, mi ha fatto mettere dei pezzettini di neoprene dietro le cornici.....di tutti e 3 i quadri della stanza.
Lato diffusori: il contrario, vetrinetta + schermo tv 46 pollici, appoggiato su cassapanca di legno ed orientabile, cosa molto importante. la giusta angolazione serve molto. sempre su questo lato, gli altri 2 quadri in tela, piuttosto grandi.
Lato porta: un grande arazzo a muro, un tavolo e 4 sedie.
Lato finestra: tenda medio-pesante con calata.
Non mi posso lamentare....
Poi conta la disposizione dei diffusori, molto variabile in base al tipo, io ho dei reflex posteriori e mi trovo bene a 35-50 cm dalla parete posteriore, distanti dalle laterali circa 1,3-1,5 mt.

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
@Tonyartemide ha scritto:
... un grandissimo quadro in tela, rigorosamente senza vetro ...

il "rigorosamente" è inopportuno,

un vetro, alcuni vetri leggeri ....
nell'acustica mediterranea ben bilanciata, non devono mancare,
assorbono più i bassi che gli acuti, anzi, tendono a rifletterli,
cosa che manca a tutto il resto.
Legno leggero, divani, tappeti, pannelli ecc
tendono a mangiarli,
troppe cose dell'arredamento sono a loro sfavore, il vetro li aiuta,
altrimenti l'ambiente diviene si frenato, ma troppo sugli acuti.

Intonaco e polistirolo sono perfetti,
nella seppur grande riflettenza del primo e seppur poca assorbenza del secondo,
non squilibrano l'equalizzazione ambientale.

Ovvero: occorre esser cauti coi materiali squilibranti.


Ancora:
il materiale acustico perfetto
è quello che assorbe o riflette in egual misura tutte le frequenze,
escluso polistirolo e intonaco, non esiste,
ecco perché occorre la dieta mediterranea ben variata.


PS: lo so!
tra due mesi qualcuno scriverà che io ho consigliato di appiccicare
la pasta al pomodoro sui muri! Sad Sad

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
@valterneri ha scritto:
@Tonyartemide ha scritto:
... un grandissimo quadro in tela, rigorosamente senza vetro ...

il "rigorosamente" è inopportuno,

un vetro, alcuni vetri leggeri ....
nell'acustica mediterranea ben bilanciata, non devono mancare,
assorbono più i bassi che gli acuti, anzi, tendono a rifletterli,
cosa che manca a tutto il resto.
Legno leggero, divani, tappeti, pannelli ecc
tendono a mangiarli,
troppe cose dell'arredamento sono a loro sfavore, il vetro li aiuta,
altrimenti l'ambiente diviene si frenato, ma troppo sugli acuti.

Intonaco e polistirolo sono perfetti,
nella seppur grande riflettenza del primo e seppur poca assorbenza del secondo,
non squilibrano l'equalizzazione ambientale.

Ovvero: occorre esser cauti coi materiali squilibranti.


Ancora:
il materiale acustico perfetto
è quello che assorbe o riflette in egual misura tutte le frequenze,
escluso polistirolo e intonaco, non esiste,
ecco perché occorre la dieta mediterranea ben variata.


PS: lo so!
tra due mesi qualcuno scriverà che io ho consigliato di appiccicare
la pasta al pomodoro sui muri! Sad Sad

Condivido tutto, ma vorrei precisare che io di vetri ho: un tv 46 p. , una vetrinetta antica, due finestre. Proprio per questo, noto che la tenda troppo chiusa, affievolisce il suono, soprattutto i bassi, ma basta aprirla quasi tutta per sfruttare i vetri

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
Aggiungo che ho un tappeto 180x150, pavimento in marmo, sono arrivato al punto che spostando il tappeto di qualche cm, cambia il suono, lo metto qualche cm più vicino con CD aspri, più lontano per CD morbidi

descriptionRe: Incomprensibile perdita di fuoco dei diffusori

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum