T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» quale classe T economico più musicale?
Oggi alle 11:40 Da nerone

» Caterham Seven Exclusive
Oggi alle 10:47 Da giucam61

»  Quale amplificatore classe T
Oggi alle 9:36 Da andzoff

» Consiglio lettore Blu-ray
Oggi alle 9:21 Da gianni1879

» Chi mi aiuta con un filtro notch?
Oggi alle 9:20 Da Zio

» Il numero uno ci ha lasciati...
Oggi alle 8:29 Da giucam61

» NuforceDDa 120
Oggi alle 8:16 Da giucam61

» POPU VENUS
Oggi alle 7:55 Da gigetto

» Scelta amplificatore, mi aiutate?
Oggi alle 7:42 Da gigetto

» Quale Gira ?
Oggi alle 0:01 Da kalium

» Qualche consiglio [Darkvoice 336+DT990]
Ieri alle 23:31 Da IlTossico

» ALIENTEK D8
Ieri alle 21:07 Da nerone

» Riparazione Elettrocompaniet ECI 1
Ieri alle 20:57 Da anto.123

» abrahamsen audio
Ieri alle 19:57 Da giucam61

» Cambio diffussori da scaffale max 500euro
Ieri alle 16:22 Da giucam61

» Ho dato una svecchiata al layout del forum
Ieri alle 15:09 Da RAIS

» Costruzione impianto audio...soundbar, 2.1 o 5.1?
Ieri alle 14:07 Da nerone

» Quale ampli per Douk dac e diffusori Bellino?
Ieri alle 12:03 Da Giovanni duck

» Gallo Acoustics
Dom 23 Apr 2017 - 23:09 Da danidani1

» Consiglio cuffie in-ear
Dom 23 Apr 2017 - 20:11 Da uncletoma

» Cascame di cotone FONOASSORBENTE
Dom 23 Apr 2017 - 19:35 Da Aunktintaun

» Valvole finali 6l6/5881
Dom 23 Apr 2017 - 19:01 Da Aunktintaun

» USB no 24?
Dom 23 Apr 2017 - 9:56 Da dankan73

» Rip DSD
Dom 23 Apr 2017 - 0:47 Da Calbas

» Longhin silver wave
Sab 22 Apr 2017 - 20:31 Da dinamanu

» Jamo S 626
Sab 22 Apr 2017 - 19:29 Da giucam61

» Non riesco ad ascoltare più il CD....
Sab 22 Apr 2017 - 19:26 Da giucam61

» impianto entry -level
Sab 22 Apr 2017 - 18:44 Da Motogiullare

» Mo-gu S800 - piccolo e combattivo
Sab 22 Apr 2017 - 16:22 Da Motogiullare

» Stato dell'arte e piccolo impianto per musica liquida e Giradischi
Sab 22 Apr 2017 - 0:39 Da giucam61

Statistiche
Abbiamo 10763 membri registrati
L'ultimo utente registrato è AF

I nostri membri hanno inviato un totale di 784341 messaggi in 50982 argomenti
I postatori più attivi della settimana
giucam61
 
gigetto
 
nerone
 
gianni1879
 
Egidio Catini
 
Zio
 
anto.123
 
dinamanu
 
Seti
 
Silver Black
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19630)
 
schwantz34 (15499)
 
Silver Black (15455)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10261)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8914)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 60 utenti in linea :: 3 Registrati, 0 Nascosti e 57 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

enrico massa, nerone, raf980

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking

Preamplificatore

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Preamplificatore

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar 12 Ago 2008 - 13:44

Considerando che il T-Amp (così come i suoi “cugini in scatola più pregiata”) dispone di una sola uscita, ritengo opportuno inserire uno specifico argomento riguardante il preamplificatore.
Innanzitutto è a mio avviso opportuno sottolineare che una delle ragioni della totale assenza di rumore che caratterizza i vari classe T è proprio l’assenza di componenti aggiuntivi al circuito di amplificazione (selettori d’ingresso ecc.). Pertanto, qualora si desideri usufruire di più fonti, sarebbe consigliabile staccare e riattaccare i relativi cavi di segnale, anziché ricorrere ad un preamplificatore o ad un selettore d’ingresso.
Per quanto riguarda la fonte analogica, l’utilizzo di un preamplificatore specifico è invece indispensabile: in questo caso conviene tenere il pre phono sempre collegato al giradischi e, all’occorrenza, staccare dall’amplificatore il cavo di segnale del lettore CD/DVD o di altra fonte e collegarvi il pre phono.
Disponendo del T-Amp della Sonic Impact, per facilitare tale operazione utilizzo due adattatori a cui tengo sempre collegati i relativi cavi di segnale, in modo da staccare e riattaccare direttamente gli adattatori (più comodi e rapidi degli RCA, sempre connessi agli adattatori stessi).
Infine, sempre per quanto riguarda il pre phono, secondo me non conviene spendere una fortuna: io ho acquistato l’economicissimo TProgress PM-06 da 36 euro e va davvero alla grande (tecnicamente perfetto e con totale assenza di rumore, inclusi i classici disturbi subsonici che spesso affliggono anche pre molto costosi…)
lol!
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  MaurArte il Mar 12 Ago 2008 - 14:23

Andrea,hai mai sentito un pre a valvole fatto con criterio connesso ad un T-AMP (possibilmente modificato con condensatori in ingresso che facciano passare tutto il contenuto audio, potenziometro di qualita' decorosa, connettori adeguati etc. etc.)?
avatar
MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7251
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  pincellone il Mar 12 Ago 2008 - 14:31

@Andrea Gianelli ha scritto:
Considerando che il T-Amp (così come i suoi “cugini in scatola più pregiata”) dispone di una sola uscita, ritengo opportuno inserire uno specifico argomento riguardante il preamplificatore.
Innanzitutto è a mio avviso opportuno sottolineare che una delle ragioni della totale assenza di rumore che caratterizza i vari classe T è proprio l’assenza di componenti aggiuntivi al circuito di amplificazione (selettori d’ingresso ecc.). Pertanto, qualora si desideri usufruire di più fonti, sarebbe consigliabile staccare e riattaccare i relativi cavi di segnale, anziché ricorrere ad un preamplificatore o ad un selettore d’ingresso.
Per quanto riguarda la fonte analogica, l’utilizzo di un preamplificatore specifico è invece indispensabile: in questo caso conviene tenere il pre phono sempre collegato al giradischi e, all’occorrenza, staccare dall’amplificatore il cavo di segnale del lettore CD/DVD o di altra fonte e collegarvi il pre phono.
Disponendo del T-Amp della Sonic Impact, per facilitare tale operazione utilizzo due adattatori a cui tengo sempre collegati i relativi cavi di segnale, in modo da staccare e riattaccare direttamente gli adattatori (più comodi e rapidi degli RCA, sempre connessi agli adattatori stessi).
Infine, sempre per quanto riguarda il pre phono, secondo me non conviene spendere una fortuna: io ho acquistato l’economicissimo TProgress PM-06 da 36 euro e va davvero alla grande (tecnicamente perfetto e con totale assenza di rumore, inclusi i classici disturbi subsonici che spesso affliggono anche pre molto costosi…)
lol!



Attacca, stacca, riattacca, quanto tempo sprecato per nulla...

usa uno di questi e non avrai nessun problema di perdita di qualita' del segnale. Provare per credere.

http://cgi.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?ViewItem&rd=1&item=110277674869&ssPageName=STRK:MEWA:IT&ih=001

http://cgi.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?ViewItem&rd=1&item=250281044237&ssPageName=STRK:MEWA:IT&ih=015
avatar
pincellone
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 14.06.08
Numero di messaggi : 2867
Località : Troppo lontano da casa mia...
Occupazione/Hobby : Cercare di migliorare le cose
Provincia (Città) : Tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero
Impianto : Si sente bene, almeno per me.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar 12 Ago 2008 - 14:50

Grazie per l'info Smile
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  mgiombi il Mar 12 Ago 2008 - 15:22

@MaurArte ha scritto:Andrea,hai mai sentito un pre a valvole fatto con criterio connesso ad un T-AMP (possibilmente modificato con condensatori in ingresso che facciano passare tutto il contenuto audio, potenziometro di qualita' decorosa, connettori adeguati etc. etc.)?
Ciao; sono diverse volte che suggerisci l'utilizzo di un pre a valvole...potresti indicare qualcosa di pronto? Oppure è indispensabile autocostruirsi qualcosa?
Attualmente uso un pre passivo (Albarry AP3) e ne sono soddisfatto: il carattere del TA 10.1 che uso non mi pare modificato a differenza di quanto avvertivo con altri pre attivi; se lo conosci, suggeriresti qualche modifica particolare?
avatar
mgiombi
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 19.02.08
Numero di messaggi : 3107
Località : Pesaro
Provincia (Città) : Sinusoidale
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar 12 Ago 2008 - 15:38

Da un punto di vista tecnico sono a mio avviso preferibili soluzioni a stato solido, in particolare a circuiti integrati, più affidabili ed esenti da rumore.
Le valvole in sè non offrono alcun vantaggio, neppure dal punto di vista della qualità sonora, la quale non dipende mai dal singolo componente (valvola, transistor o mosfet che sia) ma dall'intero progetto: esistono ottimi valvolari, ottimi circuiti a transistor o mosfet e pessimi esempi dell'uno e dell'altro tipo.
Tra l'altro l'elettronica a stato solido ha semplificato di molto la progettazione, riducendo le dimensioni e i costi, il tutto con un risultato sonoro più certo ed una maggiore affidabilità nel tempo.
Ad ogni modo se state cercando un preamplificatore ben fatto, potete trovarlo qui: http://www.maurarte.com



Ultima modifica di Andrea Gianelli il Mar 12 Ago 2008 - 15:49, modificato 3 volte
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  pincellone il Mar 12 Ago 2008 - 15:42

@Andrea Gianelli ha scritto:
Da un punto di vista tecnico sono a mio avviso preferibili soluzioni a stato solido, in particolare a circuiti integrati, più affidabili ed esenti da rumore.
Le valvole in sè non offrono alcun vantaggio, neppure dal punto di vista della qualità sonora, la quale non dipende mai dal singolo componente (valvola, transistor o mosfet che sia) ma dall'intero progetto: esistono ottimi valvolari, ottimi circuiti a transistor o mosfet e pessimi esempi dell'uno e dell'altro tipo.
Tra l'altro l'elettronica a stato solido ha semplificato di molto la progettazione, riducendo le dimensioni e i costi, il tutto con un risultato sonoro più certo ed una maggiore affidabilità nel tempo.


Straquoto! Very Happy
avatar
pincellone
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 14.06.08
Numero di messaggi : 2867
Località : Troppo lontano da casa mia...
Occupazione/Hobby : Cercare di migliorare le cose
Provincia (Città) : Tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero
Impianto : Si sente bene, almeno per me.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar 12 Ago 2008 - 15:50

Grazie per il feedback Very Happy
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  MaurArte il Mar 12 Ago 2008 - 15:58

Le valvole permettono di ottenere risultati molto elevati con circuitazioni piuttosto semplici.
Naturalmente anche con dispositivi a stato solido si possono ottenere risultati degli di nota.
Gli integrati (operazionali) a mio avviso fanno molti danni. In un qualsiasi lettore cd sostituendo gli operazionali in uscita con circuitazioni non controreazionate sia a tubi o a discreti si ha un notevole incremento della qualita'.
Mi e' passato per le mani questo:
http://cgi.ebay.it/IMPROVED-6N3-5670-396A-2C51-AUDIO-TUBE-PREAMPLIFIER-KIT_W0QQitemZ120259794149QQihZ002QQcategoryZ12050QQcmdZViewItemQQ_trksidZp1742.m153.l1262
e' un classico: catodo comune+inseguitore catodico. Questa configurazione permette di avere una bassa impedenza di uscita che permette di pilotare al meglio un finale.
Con qualche aggiustamento ed un buon trasfo di alimentazione ha reso felice un T-ampista convinto.
avatar
MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7251
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar 12 Ago 2008 - 16:55

@MaurArte ha scritto:Gli integrati (operazionali) a mio avviso fanno molti danni. In un qualsiasi lettore cd sostituendo gli operazionali in uscita con circuitazioni non controreazionate sia a tubi o a discreti si ha un notevole incremento della qualita'.
Sono per mia natura possibilista, ma da un punto di vista squisitamente elettrico non vedo come possano fare danni Shocked.
Quanto alle circuitazioni non controreazionate ( :confused: ) ti confesso di essere molto scettico: la controreazione ha risolto moltissimi problemi e grattacapi nel campo della progettazione elettronica, per non parlare della specificità del settore hi-fi...non a caso i valvolari single-ended "non controreazionati" (uso le virgolette perchè è una "falsità" da un punto di vista tecnico: controreazioni sono sempre presenti, anche se viene a mancare la controreazione ad anello, importantissima in quanto determina la linearità e lo smorzamento dell'amplificatore!) al banco di prova si comportano in modo pessimo :no: .
Tieni presente che il segreto del T-Amp sta proprio in una geniale e innovativa soluzione a livello di controreazione: se vuoi posso inviarti il pdf del brevetto.
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  MaurArte il Mar 12 Ago 2008 - 17:17

Quanto alle circuitazioni non controreazionate ( :confused: ) ti confesso di essere molto scettico: la controreazione ha risolto moltissimi problemi e grattacapi nel campo della progettazione elettronica, per non parlare della specificità del settore hi-fi...non a caso i valvolari single-ended "non controreazionati" (uso le virgolette perchè è una "falsità" da un punto di vista tecnico: controreazioni sono sempre presenti, anche se viene a mancare la controreazione ad anello, importantissima in quanto determina la linearità e lo smorzamento dell'amplificatore!) al banco di prova si comportano in modo pessimo :no: .

Se fai misure su un qualunque pre del tipo che ho descritto nel precedente post (parlo di pre non di amplificatori integrati o finali dove i problemi di anello aperto possono creare non linearita' ed altro) non controreazionato vedrai che la linearita' e' garantita ben oltre i limiti audio classici dei 20Hz 20KHz.
La controreazione in campo audio va sempre usata con parsimonia e solo localmente.
Che poi sia fondamentale in elettronica non ci piove.
avatar
MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7251
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  Andrea Gianelli il Mer 13 Ago 2008 - 14:18

Ciao Maurizio, innanzitutto grazie per il gradito feedback e le utili precisazioni.
Data l'indiscutibile cura costruttiva delle tue realizzazioni, non ho alcun dubbio sulla validità delle misure così come sulla bontà progettuale che sta a monte.
Molto gradita la chiara distinzione di approccio tra pre e amplificatori integrati o finali (dove appunto i problemi di anello aperto possono creare non linearità ed altro). Non a caso i buoni integrati nipponici della seconda metà degli anni settanta (Sansui per primo) e primi anni ottanta (ad esempio Akai) ricorrevano ad un anello di controreazione in continua (DC Servo). Tale soluzione garantiva una buona linearità, soprattutto alle basse frequenze, ma il rovescio della medaglia era una certa "lentezza". Ebbene l'ingegner Tripathi e il suo team hanno brillantemente risolto questi problemi ricorrendo ad una controreazione di tipo sigma-delta che, detto in modo semplice e un po' "brutale", fotografa costantemente la situazione reale commisurandola con quella ideale al fine di garantire in uscita un segnale pressochè identico a quello in ingresso: il risultato, ben noto al nostro orecchio, è un suono corretto, ricco di contenuto armonico ma mai "colorato", dettagliato e nel contempo col giusto calore, morbidezza, spazio e, finalmente, "velocità" nei transienti.
A tale circuitazione, già presente nei chip Tripath, la Fenice 100 (basata sul chip TA2022 anzichè il più noto 2024) aggiunge un DC Servo in uscita. E guarda caso il basso è più "ruffiano" ma più lento...
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  MaurArte il Mer 13 Ago 2008 - 14:48

I nipponici negli anni 70 ed 80 utilizzavanoo tassi di retroazione elevatissimi. In quegli anni la qualita' del suono era secondaria e quello che faceva la differenza era la risposta in frequenza 0-1MHz e la distorsione del 0,00001%. Altra consuetudine era quella di limitare la corrente in uscita per...risparmiare sui trasfo di alimentazione e evitare rotture sui finali.Il problema principale della controreazione totale nei tradizionali classe A o AB e' la lentezza e mancanza di dinamica.
Il TA2022 suona "morbido" su tutte le schede che ho sentito (Fenice e 41Hz).Lavorando sul filtro in uscita,alimentazione e ingressi ho limitato la morbidezza ed il suono sembra ora molto simile a quello del TA2024.L'utilizzo dei trasfo toroidali peggiora le prestazioni di questo chip.Probabilmente la qualita' della 220 che ci fornisce l'ENEL e' talmente scarsa da mettere in crisi questa tipologia di trasformatori
avatar
MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7251
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Preamplificatore

Messaggio  Andrea Gianelli il Mer 13 Ago 2008 - 15:07

Pienamente d'accordo, anche se il mio vecchio Akai AM-U310 non suonava affatto male, anzi... ovviamente era presente quella lentezza di cui parli e una minor capacità dinamica di quella a cui ci abituato il T-Amp e i suoi "cuginetti in scatola più pregiata". In proposito posso confermarti la limitata corrente in uscita: i segnali più evidenti erano i led azzurri di indicazione della potenza in uscita che, alzando il volume, perdevano di luminosità Shocked e, alzando oltre, la "prontezza" con cui intervenivano i dispositivi di protezione che bloccavano il suono per farlo poi ripartire di botto e così via (meno male che le vecchie casse Philips col mitico woofer Bombardon da 12" avevano una tenuta in potenza pazzesca, a fronte dei 25 watt dichiarati), costringendo ad intervenire prontamente sul controllo del volume per evitare seri guai.
Condivido in pieno anche le tue riflessioni sull'alimentazione: non a caso uso una normale batteria per auto, che ricarico di tanto in tanto (ad amplificatore spento e cavo di alimentazione disinserito).
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum