T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Nuovo ADCOM GFA-565-SE, acquisto
Oggi a 0:09 Da sound4me

» OLD AKG K141 MONITOR E LITTLE DOT MK II V3.0
Ieri a 23:56 Da YAPO

» Primo acquisto cuffie consigli
Ieri a 23:14 Da teskio74

» Pioneer a-30 vs onkyo 9010
Ieri a 22:43 Da micio_mao

» Amplificatore per Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B, quale migliore?
Ieri a 21:32 Da Rikkardo92

» DAC con I2S e DSD
Ieri a 21:26 Da mrcrowley

» Cavo ad Y RCA per Subwoofer
Ieri a 21:24 Da gianni1879

» Nuovo cd lettore+dac
Ieri a 21:08 Da mrcrowley

» Daphile - Audiophile Music Server & Player OS
Ieri a 20:45 Da dinamanu

» Denon PMA 50
Ieri a 20:44 Da giucam61

» Collegare più sorgenti al T-Amp
Ieri a 20:41 Da giucam61

» OP AMP 627
Ieri a 19:24 Da sportyerre

» Fx-Audio D802
Ieri a 19:02 Da Angel2000

» Chiarimenti Per Impianto Audio! Help !
Ieri a 18:36 Da dinamanu

» Cavi segnale AudioOasi Air Straight VB
Ieri a 16:34 Da Enry

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri a 14:12 Da kalium

» Consigli per impianto 2.1
Ieri a 13:38 Da Kha-Jinn

» Pioneer SA-706 non va d'accordo con Canton Quinto 520...
Ieri a 13:28 Da p.cristallini

» AUDIOLAB 8000SE
Ieri a 12:08 Da Gabriele Barnabei

» R.I.P GREG LAKE
Ieri a 11:25 Da scontin

» Una storia di cavi
Ieri a 10:57 Da Angel2000

» Concerto Ian Paice - Pistoia, 8 dicembre
Ieri a 10:50 Da pallapippo

» AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finale
Ieri a 10:11 Da embty2002

» upgrade 2500 max
Ieri a 9:49 Da titonic

» [VENDO] Vinili classica e altro da 4,90 € in su
Ieri a 6:29 Da savi

» [CB + s.s.] Vendo vinili: ampia scelta
Ieri a 6:12 Da savi

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Ieri a 0:36 Da CHAOSFERE

» Chi ben comincia...consigli
Gio 8 Dic 2016 - 23:23 Da p.cristallini

» Madame Butterfly
Gio 8 Dic 2016 - 23:02 Da enrico massa

» RCF Stereo Amplifier AF 6181
Gio 8 Dic 2016 - 22:28 Da Aggeo

» cablaggio interno
Gio 8 Dic 2016 - 21:46 Da Angel2000

» (GE) Trasformatore toroidale 230 V~ 2 x 45 V 2 x 3.33 A 300 VA Sedlbauer.
Gio 8 Dic 2016 - 14:44 Da scontin

» Antenna FM
Gio 8 Dic 2016 - 13:37 Da fritznet

» Dac per Koss PortaPro?
Gio 8 Dic 2016 - 13:22 Da mako

» TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO
Gio 8 Dic 2016 - 12:39 Da Angel2000

» El GORDO - una torre senza filtri, si può?
Gio 8 Dic 2016 - 12:23 Da Angel2000

» Cuffie bestbuy 150€ no amplificatore
Gio 8 Dic 2016 - 11:50 Da bob80

» Diffusore bookshelf a due vie con woofer caricato in doppio carico Asimmetrico a vista (DCAAV)
Gio 8 Dic 2016 - 11:45 Da ricky84

» [NO] vendo pre+finale valvole classe A
Gio 8 Dic 2016 - 8:23 Da gigetto

» Confronto tra Breeze full mod. vs Drok ta2024b pareri personali e riflessioni
Gio 8 Dic 2016 - 0:33 Da RAMONE67

» L'ho fatto, le ho distrutte :D
Mer 7 Dic 2016 - 21:08 Da zimone-89

»  il trends tamp è oggi un oggetto superato?
Mer 7 Dic 2016 - 19:18 Da alexandros

» Quale ampli per le mie Dynaudio M20
Mer 7 Dic 2016 - 18:13 Da dinamanu

» Casse acustiche quali?b&w 684 o IL tesi 560?
Mer 7 Dic 2016 - 16:26 Da rx78

» impianto entry -level
Mer 7 Dic 2016 - 11:12 Da giucam61

» fissa lettore CD
Mer 7 Dic 2016 - 10:54 Da giucam61

» jbl lsr 305 vs krk rokit 6 g3
Mer 7 Dic 2016 - 8:41 Da luigigi

» CAIMAN SEG
Mer 7 Dic 2016 - 0:42 Da Zio

» (NA) Amplificatore Kingrex con DAC usb e uscita cuffie €270+ sped.
Mer 7 Dic 2016 - 0:20 Da sonic63

» Daphile in ram
Mar 6 Dic 2016 - 23:58 Da ghiglie

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

76% 76% [ 148 ]
24% 24% [ 47 ]

Totale dei voti : 195

I postatori più attivi della settimana
CHAOSFERE
 
fritznet
 
lello64
 
dinamanu
 
giucam61
 
rx78
 
Angel2000
 
gigetto
 
schwantz34
 
sportyerre
 

I postatori più attivi del mese
CHAOSFERE
 
dinamanu
 
lello64
 
Angel2000
 
giucam61
 
fritznet
 
gigetto
 
rx78
 
natale55
 
sportyerre
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15496)
 
Silver Black (15375)
 
nd1967 (12784)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10219)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8495)
 

Statistiche
Abbiamo 10374 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Giancarlo Campoli

I nostri membri hanno inviato un totale di 769574 messaggi in 50072 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 66 utenti in linea :: 5 Registrati, 2 Nascosti e 59 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

alessandro1, CHAOSFERE, SGH, sound4me, YAPO

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Furl  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Bambinz il Dom 21 Dic 2014 - 20:50

Grazie mille per i consigli.
Per quanto riguarda il layout, farò i collegamenti il più corti possibili ovviamente.
La rete snubber aggiuntiva la implemento subito Smile

Adesso vado a vedermi la tua soluzione per l'antibump e poi studio qualcosa (dove posso trovarlo?) Smile

Bambinz
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 01.08.13
Numero di messaggi : 147
Località : Svizzera
Occupazione/Hobby : Elettronica
Impianto : Sennheiser HD518

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Giancarlo il Dom 21 Dic 2014 - 21:09

Qui ho messo lo schema con spiegazione (al momento è l'ultimo post):
http://e2e.ti.com/support/amplifiers/audio_amplifiers/f/6/p/209307/1195915#1195915

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Dom 21 Dic 2014 - 21:43

@fritznet ha scritto:
Per l'eventuale group buy per schede ed eventualmente saldature SMD conta che io ci sto  Very Happy

Anch'io. Oki

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Lun 22 Dic 2014 - 1:36

Evaluation board del TPA3116D2 fornita dalla Texas http://www.ti.com/tool/tpa3116d2evm

Emerge che la tensione di alimentazione può variare tra 4.5 e 26 Volt - 8 Ampere.

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Bambinz il Lun 22 Dic 2014 - 7:31

Sisi, avevo visto Smile
8A a 26 volt iniziano a essere delle belle correnti Mad

Per l antibump ho qualche idea, un ibrido tra la mia e quella di giancarlo.

Bambinz
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 01.08.13
Numero di messaggi : 147
Località : Svizzera
Occupazione/Hobby : Elettronica
Impianto : Sennheiser HD518

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Lun 22 Dic 2014 - 9:00

Il mute può forse essere utile quando si commutano gli ingressi. Ma potrebbe anche servire da anti-bump, anche non automatico.

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  clod61 il Mar 23 Dic 2014 - 21:18

interessatissimo Razz Razz Razz

clod61
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 04.04.09
Numero di messaggi : 443
Località : perugia
Occupazione/Hobby : Kitesurf
Provincia (Città) : DIPENDE... (Dal vento)
Impianto : Raspberry 2 volumio + digi + ak4399 dual trafo \ yaquin ms12b '' maurarte '' moddato da Cucicu \ finale

Tas5630 alimentazione lineare sul woofer / 2 finali mono a triodo con le el84 valvo... diffusori alta efficenza autocostruiti cavi di potenza monster cable power line 2 plus \


Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Ven 26 Dic 2014 - 12:53

In questi giorni di ozio parziale mi sono guardato lo schema. Solo parzialmente però, perché tutto in un colpo è troppo per le mie povere, anziane, meningi... A rate conto di guardarlo per bene tutto... Vedremo se ce la faccio...

Innanzi tutto complimenti per la dedizione e per la ripartizione delle capacità in vari punti del circuito  Oki . Guardando lo schema mi sento di dire:

1) Non riesco a leggere i valori di: C35 - C36 - C50 - C51 - C53 - C54 - C68 - C69
2) Così come non riesco ad identificare i pin 1 e 2 di Z1 e Z2. Immagino che Pin1 = + e Pin2 = - è così?
3) Guardando lo schema della Evaluation Board della Texas ho notato che loro hanno messo quattro gruppi RC (330 pF + 10 Ohm in serie) tra i pin d'uscita: OUTPR - OUTNR - OUTPL - OUTNL e la massa. Nel tuo schema non ci sono, ma non so dire se ci vogliano o no. Eventualmente a livello di stampato si possono prevedere, e poi montare o non montare.
4) Io farei anche un comando MUTE manuale. Anche semplicemente mettendo a massa la base del transistor Q1. Può essere utile in molte situazioni, per esempio anche prima dello spegnimento per evitare eventuale bump.

Poi una domanda: nel caso di amplificatore single ended, quindi non a ponte, e ingresso sbilanciato, i condensatori C32 e C34 possono essere omessi e i corrispondenti pin INNR e INNL collegati a massa?

Fine prima parte. Oki

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Ven 26 Dic 2014 - 15:10

Per deduzione il valore dei condensatori da C35 a C69 indicati nel post precedente dovrebbe essere 100 nF. Corrisponde? Oki

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Giancarlo il Sab 27 Dic 2014 - 10:46

@PHIL MASNAGH ha scritto:
3) Guardando lo schema della Evaluation Board della Texas ho notato che loro hanno messo quattro gruppi RC (330 pF + 10 Ohm in serie) tra i pin d'uscita: OUTPR - OUTNR - OUTPL - OUTNL e la massa. Nel tuo schema non ci sono, ma non so dire se ci vogliano o no. Eventualmente a livello di stampato si possono prevedere, e poi montare o non montare.
Ciao PHIL, se vai indietro di una pagina vedrai che ne abbiamo già parlato. Wink

@PHIL MASNAGH ha scritto:
Poi una domanda: nel caso di amplificatore single ended, quindi non a ponte, e ingresso sbilanciato, i condensatori C32 e C34 possono essere omessi e i corrispondenti pin INNR e INNL collegati a massa?
Il chip TPA3116 non può essere montato in single ended, ma solo a ponte, nelle due configurazioni in BTL (a ponte) o in PBTL (ponte di amplificatori in parallelo)
Ricordiamoci che in PBTL, a parità di impedenza del diffusore, non raddoppia la potenza d'uscita, perchè la tensione d'uscita di un BTL o PBTL è sempre la stessa.
Il raddoppio della potenza d'uscita si ha solo dimezzando l'impedenza del diffusore (es: da 4 a 2 ohm), condizione in cui, la connessione in PBTL, consente di gestire il raddoppio della corrente richiesta senza problemi, ovvero senza aumento considerevole della distorsione.
Il PBTL è necessario per pilotare un subwoofer o diffusori poco sensibili, con modulo d'impedenza che scende molto in basso, perché rispetto al BTL "semplice", si ha una maggiore capacità di pilotaggio in corrente.

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Sab 27 Dic 2014 - 11:03

Beh hai ragione, ma forse non hai risposto alle mie domande Wink Oki . Per Single Ended poi mi rifacevo a quanto scritto da Bambinz sullo schema cioè la configurazione BTL. Rimangono poi le possibilità di sincronizzare più dispositivi. Secondo te è una feature interessante?Mmm Oki

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Giancarlo il Sab 27 Dic 2014 - 11:33

@PHIL MASNAGH ha scritto:Beh hai ragione, ma forse non hai risposto alle mie domande Wink Oki . Per Single Ended poi mi rifacevo a quanto scritto da Bambinz sullo schema cioè la configurazione BTL.
Il Single Ended è proprio una configurazione a sé stante, che nel caso di alimentazione singola, richiederebbe l'uso di condensatori elettrolitici d'accoppiamento in uscita e avrebbe una potenza pari ad un quarto, rispetto alla configurazione a ponte (BTL).
Come dicevo nel caso della TPA3116 la configurazione Single Ended non è prevista.
Il Single Ended è ad esempio implementabile con la TK2050.
Se si vogliono eliminare i condensatori di accoppiamento in ingresso, bisogna utilizzare dei costosissimi trasformatori.

@PHIL MASNAGH ha scritto:
Rimangono poi le possibilità di sincronizzare più dispositivi. Secondo te è una feature interessante?Mmm Oki
Teoricamente la sincronizzazione andrebbe implementata quando si utilizzano più chip TPA3116 nello stesso amplificatore e infatti sul datasheet è presente la sincronizzazione Master/Slave tra il chip in BTL (Master) e quello in PBTL (Slave).
Gli amplificatori basati su TPA3116 in 2.1, tipo questo
http://www.aliexpress.com/item/TPA3116-2-1-channel-digital-amplifier-board-100W-50-50W-subwoofer/2020216948.html
dovrebbero quindi avere i due chip sincronizzati.
Nel caso di due chip in PBTL, non ho mai letto/visto realizzazioni che prevedessero la sincronizzazione, ma in effetti, andrebbe fatta.
In ogni caso la sincronizzazione serve a limitare le interferenze a livello RF (in onde medie) e non a migliorare le qualità audio in BF, per cui non credo che chi ha montato due schede in PBTL si sia preoccupato più di tanto di questo aspetto.

A proposito..
L'utente "DUG" du diyaudio.com ha già realizzato schede in PBTL, che vende con il solo chip premontato, ma fa utilizzo di componenti SMD.
Non credo che "DUG" abbia previsto una sincronizzazione tra i chip di diverse schede.

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  kalium il Sab 27 Dic 2014 - 12:12

Ottimo , aspetto con pazienza che sia pronto il primo circuito stampato per comprarne uno , dal canto mio posso solo consigliare di non andare di fretta e studiare bene il circuito mettendoci tutto quello che occorre e studiandolo in modo da essere il più flessibile possibile , anche io penso sia meglio con il potenziometro on board

kalium
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 27.10.09
Numero di messaggi : 2017
Località : toscana
Provincia (Città) : erratico
Impianto : PC con Foobar 2000
Preamp Bottlehead Quickie
Breeze modificato
cavi di segnale Atlas element integra
Cavi di potenza Tellurium q Black
Dac Douk
cavi di alimentazione Supra Lorad e Merlin Tarantula
ciabatta filtrata Bada LB 5600

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Sab 27 Dic 2014 - 14:36

@Giancarlo ha scritto:
Il Single Ended è proprio una configurazione a sé stante, che nel caso di alimentazione singola, richiederebbe l'uso di condensatori elettrolitici d'accoppiamento in uscita e avrebbe una potenza pari ad un quarto, rispetto alla configurazione a ponte (BTL).
Come dicevo nel caso della TPA3116 la configurazione Single Ended non è prevista.
Il Single Ended è ad esempio implementabile con la TK2050.
Se si vogliono eliminare i condensatori di accoppiamento in ingresso, bisogna utilizzare dei costosissimi trasformatori.

Forse mi sono espresso malamente Smile Scusa. Provo a rimediare:

1) Ho usato la dizione Single Ended semplicemente perché l'ho letta sullo schema di Bambinz. Neanche immaginavo si potesse fare SE. Io pensavo che per SE intendesse due amplificatori distinti per ogni chip. Cioè SE=BTL, per semplificare.

2) Io non voglio eliminare il condensatore d'ingresso, ma eventualmente solo quello riferito a massa nella configurazione BTL con ingresso sbilanciato. Nello schema di Bambinz sarebbero il C32 per un canale e il C34 per l'altro. Cheddici, si potrà fare?

3) Da quel che ho capito la sincronizzazione sarà utile in caso di più chip. A cosa serva esattamente non so, probabilmente ad evitare battimenti, e quindi casini, per le inevitabili differenze di frequenza di clock tra un chip e l'altro. Dal momento che hanno previsto la sincronizzazione probabilmente una sua utilità ce l'avrà, forse già a partire da due singoli chip in PBTL dentro un unico case stereo, o nell'esempio che citi di una schedina 50+50+100 W. E da momento che si sta discutendo di disegnare uno stampato ex-novo, reputi sia utile avere anche questa sincronizzabilità?

Interessante la notizia che DUG venda delle schede simili a quelle che si vogliono realizzare qui. Il che potrebbe essere la soluzione ai nostri problemi senza oltre andare... Oki

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Giancarlo il Sab 27 Dic 2014 - 16:25

@PHIL MASNAGH ha scritto:
2) Io non voglio eliminare il condensatore d'ingresso, ma eventualmente solo quello riferito a massa nella configurazione BTL con ingresso sbilanciato. Nello schema di Bambinz sarebbero il C32 per un canale e il C34 per l'altro. Cheddici, si potrà fare?
No, non si può fare, perché tutti e quattro gli ingressi differenziali della TPA3116, compresi quelli riferiti a massa con condensatori (pin 5 INNR, pin 11 INNL), sono polarizzati (BIAS) internamente a 3V.
E' quindi presente una tensione continua sui quattro pin d'ingresso di 3V, che va "isolata" dalla sorgente.
Come già detto precedentemente si può in alternativa usare un trasformatore.
@PHIL MASNAGH ha scritto:
3) Da quel che ho capito la sincronizzazione sarà utile in caso di più chip. A cosa serva esattamente non so, probabilmente ad evitare battimenti, e quindi casini, per le inevitabili differenze di frequenza di clock tra un chip e l'altro. Dal momento che hanno previsto la sincronizzazione probabilmente una sua utilità ce l'avrà, forse già a partire da due singoli chip in PBTL dentro un unico case stereo, o nell'esempio che citi di una schedina 50+50+100 W. E da momento che si sta discutendo di disegnare uno stampato ex-novo, reputi sia utile avere anche questa sincronizzabilità?
La sincronizzazione serve esattamente ad evitare battimenti e come dicevo precedentemente queste interferenze "cadono" in onde medie.
Texas Instruments ha previsto la sincronizzazione perché quando si mettono in commercio apparecchi elettrici, questi devono essere certificati per non produrre interferenze significative agli altri apparati nei dintorni, devono cioè essere approvati dalla FCC - Federal Communications Commission.
Se si pensa di utilizzare una radio in onde medie vicino alla TPA3116, ovviamente sarà il caso di prevedere la sincronizzazione.
Visto e considerato che la sincronizzazione la si ottiene con una sola resistenza collegata tra i due chip, oltre che con la scelta opportuna dei valori delle resistenze collegate ai pin 8 (GAIN/SLV) dei due chip, si può prevedere tale collegamento.


Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Sab 27 Dic 2014 - 17:11

@Giancarlo ha scritto:
No, non si può fare, perché tutti e quattro gli ingressi differenziali della TPA3116, compresi quelli riferiti a massa con condensatori (pin 5 INNR, pin 11 INNL), sono polarizzati (BIAS) internamente a 3V.
.................
Come già detto precedentemente si può in alternativa usare un trasformatore.
................
La sincronizzazione serve esattamente ad evitare battimenti e come dicevo precedentemente queste interferenze "cadono" in onde medie.
Texas Instruments ha previsto la sincronizzazione perché quando si mettono in commercio apparecchi elettrici, questi devono essere certificati per non produrre interferenze significative agli altri apparati nei dintorni, devono cioè essere approvati dalla FCC - Federal Communications Commission.
Se si pensa di utilizzare una radio in onde medie vicino alla TPA3116, ovviamente sarà il caso di prevedere la sincronizzazione.
Visto e considerato che la sincronizzazione la si ottiene con una sola resistenza collegata tra i due chip, oltre che con la scelta opportuna dei valori delle resistenze collegate ai pin 8 (GAIN/SLV) dei due chip, si può prevedere tale collegamento.

Ottimo, bene,GRAZIE, chiarissimo Oki Perfettamente d'accordo sulla sincronizzazione: per quel che costa meglio che ci sia. Così poi otteniamo anche la certificazione FCC  Hola  
Il discorso trasformatore d'ingresso lo lascerei a chi voglia spendere. Un'altra domanda: il condensatore che disaccoppia l'ingresso del differenziale riferito a massa, è necessario sia buono o basta che disaccoppi la CC? Dev'essere uguale a quello dell'altro ramo del differenziale? Rigrazie Oki

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Giancarlo il Sab 27 Dic 2014 - 18:01

@PHIL MASNAGH ha scritto: Un'altra domanda: il condensatore che disaccoppia gli ingressi riferiti a massa, è necessario sia buono o basta che disaccoppi la CC? Dev'essere uguale a quello dell'altro ramo del differenziale? Rigrazie Oki
Bella domanda! Hehe
Ovviamente mettendo 4 cap identici non si sbaglia di sicuro, ma c'è da dire che i cap sul capo caldo sono in serie al segnale, gli altri invece ci danno "solamente" il riferimento verso massa..
4 cap MKP di pregio, avrebbero dimensioni e costi notevoli.
Reputo che la scelta di mettere cap dello stesso valore, ma di tipo diverso sugli ingressi riferiti a massa, sia una scelta sensata.
Opterei per due condensatori di tipo MKP sui capi caldi e due MKT o MKS verso massa.
Tutti e quattro i cap li metterei da 2.2uF e non da 1uF.
Tutto IMHO. Smile


Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Sab 27 Dic 2014 - 19:48

Ho come la sensazione che anche quelli riferiti a massa siano percorsi dal segnale; anche se non sembra il segnale da una parte va e dall'altra viene, credo... Mmm

Altrimenti basterebbe fare uno step di tensione di 3V con semplice partitore resistivo e uno zener o un led appropriato e riferire a quei 3V, senza condensatore nel mezzo, gli ingressi invertenti. Embarassed Scusa se sparo, ma mi piace tanto fare così... Oki

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Giancarlo il Sab 27 Dic 2014 - 20:37

@PHIL MASNAGH ha scritto:Ho come la sensazione che anche quelli riferiti a massa siano percorsi dal segnale; anche se non sembra il segnale da una parte va e dall'altra viene, credo... Mmm
Per semplificare:
I condensatori di accoppiamento sugli ingressi li devi considerare dal punto di vista del segnale audio, come un corto circuito, per cui quelli sul capo caldo sono in serie, gli altri sono un "semplice" bypass verso massa.
@PHIL MASNAGH ha scritto:
Altrimenti basterebbe fare uno step di tensione di 3V con semplice partitore resistivo e uno zener o un led appropriato e riferire a quei 3V, senza condensatore nel mezzo, gli ingressi invertenti. Embarassed Scusa se sparo, ma mi piace tanto fare così... Oki
Mi hai fatto venire in mente che avevo studiato qualcosa del genere in una conversione Analogica/Digitale nell'interfacciamento tra Opamp e ADC, con l'utilizzo di un level shifter.. Mmm

Mai visto comunque fare qualcosa del genere in campo audio..

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Giancarlo il Dom 28 Dic 2014 - 0:07

Per potere utilizzare un solo cap sul solo ingresso non invertente, bisognerebbe sapere se è possibile collegare agli ingressi invertenti e non invertenti della TPA3116, due resistenze di alto valore (es. 100k) verso massa, senza che questo alteri la polarizzazione della TPA stessa.
Non fate prove ovviamente..
Edit: Probabilmente è possibile, perché in PBTL gli ingressi del canale sinistro vengono collegati assieme a massa.

Guardando i datasheet, mi sono accorto che a pag.5 il valore massimo negativo consentito per gli ingressi INPL, INNL, INPR, INNR è di soli -0,3V.
Il valore massimo positivo consentito è invece 6,3V.
Come è possibile?
Collegando una sorgente alla TPA credo sia assolutamente normale che possano giungere picchi negativi sugli ingressi superiori a -0,3V.
Boh..

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Giancarlo il Dom 28 Dic 2014 - 0:41

L'idea che mi è venuta è questa:


In teoria potrebbe funzionare nella sola connessione PBTL, perché in BTL il collegamento sul canale sinistro delle resistenze da 100K verso massa, verrebbero "interpretate" dal chip come configurazione PBTL.

Le resistenze da 100k dovrebbero avere una tolleranza dell'1% (ma anche meno) e andrebbe verificato se l'offset in uscita si mantiene su valori accettabili (<50mV).
Eventualmente sarebbe possibile aggiungere un trimmer da 470ohm/1Kohm tra le due resistenze, con il cursore collegato a massa, in modo tale da poter regolare l'offset.

Ripeto: NON FATE PROVE!

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Dom 28 Dic 2014 - 0:47

Ho ravanto in rete ed ho trovato questa interessante ma chilomentrica discussione in inglese.... Forse quella cui facevi cenno tu. c'è molta roba interessante, e posto tre link a caso tra i molti possibili.

http://www.diyaudio.com/forums/class-d/237086-tpa3116d2-amp-141.html
http://www.diyaudio.com/forums/class-d/237086-tpa3116d2-amp-527.html
http://www.diyaudio.com/forums/class-d/237086-tpa3116d2-amp-534.html

Nel secondo vi è quella che sembrerebbe la "scheda nera" Yuan-Jing. Se le indicazioni scarabocchiate sopra l'immagine sono OK, sarei portato a credere che i due ingressi, differenziali, di ogni stadio siano equipaggiati con condensatori diversi fra loro. Oki

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  PHIL MASNAGH il Dom 28 Dic 2014 - 0:54

@Giancarlo ha scritto:
Guardando i datasheet, mi sono accorto che a pag.5 il valore massimo negativo consentito per gli ingressi INPL, INNL, INPR, INNR è di soli -0,3V.
Il valore massimo positivo consentito è invece 6,3V.
Come è possibile?
Collegando una sorgente alla TPA credo sia assolutamente normale che possano giungere picchi negativi sugli ingressi superiori a -0,3V.
Boh..

Ma no, dai, come potrebbe essere? Una tensione negativa non si genera di per sé se già non è presente nell'alimentatore, almeno credo. Ecco che in caso di pre alimentato con tensione duale questo potrebbe accadere... Mmm

PHIL MASNAGH
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 14.01.12
Numero di messaggi : 986
Località : Novara
Impianto : Roba vecchia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Giancarlo il Dom 28 Dic 2014 - 0:55

@PHIL MASNAGH ha scritto:Ho ravanto in rete ed ho trovato questa interessante ma chilomentrica discussione in inglese.... Forse quella cui facevi cenno tu. c'è molta roba interessante, e posto tre link a caso tra i molti possibili.

http://www.diyaudio.com/forums/class-d/237086-tpa3116d2-amp-141.html
http://www.diyaudio.com/forums/class-d/237086-tpa3116d2-amp-527.html
http://www.diyaudio.com/forums/class-d/237086-tpa3116d2-amp-534.html

Nel secondo vi è quella che sembrerebbe la "scheda nera" Yuan-Jing. Se le indicazioni scarabocchiate sopra l'immagine sono OK, sarei portato a credere che i due ingressi, differenziali, di ogni stadio siano equipaggiati con condensatori diversi fra loro. Oki
Il fatto che i due ingressi differenziali di ogni stadio siano equipaggiati con condensatori diversi fra loro nella "scheda nera" è un fatto noto (del resto sono molti mesi che è in mio possesso Hehe)
Forse però ti sarà sfuggito che durante le mie elucubrazioni ho partorito il mostro, così da cercare di venire incontro alla tua richiesta di avere un solo cap d'accoppiamento per canale.
Ovviamente siamo allo stato embrionale e magari ho preso un abbaglio colossale.. Hehe

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scelta CHIP per autocostruzione amplificatore in classe D

Messaggio  Giancarlo il Dom 28 Dic 2014 - 0:59

@PHIL MASNAGH ha scritto:
Ma no, dai, come potrebbe essere? Una tensione negativa non si genera di per sé se già non è presente nell'alimentatore, almeno credo. Ecco che in caso di pre alimentato con tensione duale questo potrebbe accadere... Mmm
E' proprio questo il mio dubbio.. Ma finora non mi sembra che si siano bruciate TPA per eccesso di segnale negativo in ingresso..

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum