T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» (GE) Trasformatore toroidale 230 V~ 2 x 45 V 2 x 3.33 A 300 VA Sedlbauer.
Oggi a 14:44 Da scontin

» upgrade 2500 max
Oggi a 14:36 Da titonic

» R.I.P GREG LAKE
Oggi a 13:58 Da CHAOSFERE

» Antenna FM
Oggi a 13:37 Da fritznet

» Dac per Koss PortaPro?
Oggi a 13:22 Da mako

» Madame Butterfly
Oggi a 13:22 Da valterneri

» TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO
Oggi a 12:39 Da Angel2000

» Una storia di cavi
Oggi a 12:25 Da Suono56

» El GORDO - una torre senza filtri, si può?
Oggi a 12:23 Da Angel2000

» Cuffie bestbuy 150€ no amplificatore
Oggi a 11:50 Da bob80

» Diffusore bookshelf a due vie con woofer caricato in doppio carico Asimmetrico a vista (DCAAV)
Oggi a 11:45 Da ricky84

» Consigli per impianto 2.1
Oggi a 11:23 Da giucam61

» AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finale
Oggi a 11:01 Da giucam61

» Cavo ad Y RCA per Subwoofer
Oggi a 10:54 Da Masterix

» Collegare più sorgenti al T-Amp
Oggi a 10:51 Da CHAOSFERE

» [NO] vendo pre+finale valvole classe A
Oggi a 8:23 Da gigetto

» Confronto tra Breeze full mod. vs Drok ta2024b pareri personali e riflessioni
Oggi a 0:33 Da RAMONE67

» Amplificatore per Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B, quale migliore?
Ieri a 23:52 Da giucam61

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Ieri a 23:43 Da CHAOSFERE

» L'ho fatto, le ho distrutte :D
Ieri a 21:08 Da zimone-89

» Daphile - Audiophile Music Server & Player OS
Ieri a 20:53 Da dinamanu

»  il trends tamp è oggi un oggetto superato?
Ieri a 19:18 Da alexandros

» Quale ampli per le mie Dynaudio M20
Ieri a 18:13 Da dinamanu

» AUDIOLAB 8000SE
Ieri a 16:31 Da Gabriele Barnabei

» Casse acustiche quali?b&w 684 o IL tesi 560?
Ieri a 16:26 Da rx78

» impianto entry -level
Ieri a 11:12 Da giucam61

» fissa lettore CD
Ieri a 10:54 Da giucam61

» jbl lsr 305 vs krk rokit 6 g3
Ieri a 8:41 Da luigigi

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri a 7:57 Da gigetto

» CAIMAN SEG
Ieri a 0:42 Da Zio

» (NA) Amplificatore Kingrex con DAC usb e uscita cuffie €270+ sped.
Ieri a 0:20 Da sonic63

» Daphile in ram
Mar 6 Dic 2016 - 23:58 Da ghiglie

» Aiuto lenco L75s
Mar 6 Dic 2016 - 20:36 Da Angel2000

» Ho preso le grado sr80e e vi porto un po' di impressioni
Mar 6 Dic 2016 - 19:02 Da dinamanu

» Alimentatore Muse i25w Ta2021 quale connettore?
Mar 6 Dic 2016 - 18:22 Da Tasso

» Messaggio per Valterneri NAD90
Mar 6 Dic 2016 - 18:05 Da enrico massa

» [to]Vincent sp 997 finali mono
Mar 6 Dic 2016 - 14:51 Da krell2

» OLD AKG K141 MONITOR E LITTLE DOT MK II V3.0
Mar 6 Dic 2016 - 14:47 Da sportyerre

» [AN] Teac UD-H01
Mar 6 Dic 2016 - 14:27 Da Masterix

» Player hi fi
Mar 6 Dic 2016 - 11:38 Da santidonau

» ultimo nato (mau 749 R.I.P)
Mar 6 Dic 2016 - 6:01 Da Tommaso Cantalice

» Alternativa a Volumio: Moode Audio!
Lun 5 Dic 2016 - 22:40 Da eddy1963

» Vendo 2XFostex FE83EN Euro 110 con enclosures bookshelf
Lun 5 Dic 2016 - 22:14 Da potowatax

» Amplificatore per chiudere il cerchio
Lun 5 Dic 2016 - 21:05 Da Sistox

» Giradischi - quesiti & consigli
Lun 5 Dic 2016 - 19:25 Da dinamanu

» nuove diva 262
Lun 5 Dic 2016 - 19:00 Da CHAOSFERE

» [NA] VENDO Monoblock Icepower 500a con Alimentazione Lineare + Cavi + Filtri di rete [700 euro)
Lun 5 Dic 2016 - 17:48 Da MrTheCarbon

» JRiver 22
Lun 5 Dic 2016 - 15:57 Da gigihrt

» Cd conviene ripararlo o....
Lun 5 Dic 2016 - 8:44 Da gigetto

» Quale cavo ottico per il CD?
Lun 5 Dic 2016 - 8:43 Da gigetto

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

76% 76% [ 148 ]
24% 24% [ 47 ]

Totale dei voti : 195

I postatori più attivi della settimana
CHAOSFERE
 
fritznet
 
lello64
 
dinamanu
 
rx78
 
giucam61
 
gigetto
 
savi
 
mako
 
Angel2000
 

I postatori più attivi del mese
dinamanu
 
CHAOSFERE
 
lello64
 
Angel2000
 
giucam61
 
fritznet
 
rx78
 
gigetto
 
R!ck
 
natale55
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15486)
 
Silver Black (15375)
 
nd1967 (12784)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10217)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8495)
 

Statistiche
Abbiamo 10369 membri registrati
L'ultimo utente registrato è titonic

I nostri membri hanno inviato un totale di 769443 messaggi in 50061 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 76 utenti in linea :: 9 Registrati, 1 Nascosto e 66 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Angel2000, dieggs, emmeci, finemanca, meraviglia, MrTheCarbon, raf980, Rino88ex, Seo360

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Furl  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

I file a 24/192 non servono a nulla

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  mah(x) il Dom 9 Nov 2014 - 22:56

rispolvero questo thread, che scorgo solo adesso....

da musicista, conosco perfettamente l'effetto che la sovrapposizione di suoni appartenenti a registri differenti producono sulla nostra percezione..si potrebbe anche menzionare il metodo di accordatura del pianoforte, basato sui battimenti prodotti oltre che dalle note anche dagli armonici di queste ultime...

questo per dire che limitarsi a considerare la banda udibile come unico parametro per giudicare se una larghezza di banda di 96 o addirittura 192 khz sia necessaria, a parte le giuste considerazioni già riportate riguardo il rumore di quantizzazione, fa perdere di vista l'effetto che tali frequenze "ultrasoniche" - nell'interazione con quelle più basse - producono, questo sì, nel campo delle frequenze percepibili...

gli armonici di un colpo di piatti in orchestra arrivano a sfiorare i 90/100 khz, se è vero che non udremo quelle frequenze percepiremo di certo i battimenti e gli armonici prodotti per differenza di frequenza nella nostra banda udibile - se correttamente registrati..altrimenti sentiremo i nostri cari CD, ad oggi il supporto audio più limitato, e anche il più longevo paradossalmente, mai esistito... Smile

mah(x)
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 02.01.11
Numero di messaggi : 112
Località : napoli
Impianto : AM AUDIO PA25 e SonusFaber Concerto

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  fritznet il Lun 10 Nov 2014 - 6:20

@mah(x) ha scritto:rispolvero questo thread, che scorgo solo adesso....

da musicista, conosco perfettamente l'effetto che la sovrapposizione di suoni appartenenti a registri differenti producono sulla nostra percezione..si potrebbe anche menzionare il metodo di accordatura del pianoforte, basato sui battimenti prodotti oltre che dalle note anche dagli armonici di queste ultime...

questo per dire che limitarsi a considerare la banda udibile come unico parametro per giudicare se una larghezza di banda di 96 o addirittura 192 khz sia necessaria, a parte le giuste considerazioni già riportate riguardo il rumore di quantizzazione, fa perdere di vista l'effetto che tali frequenze "ultrasoniche" - nell'interazione con quelle più basse - producono, questo sì, nel campo delle frequenze percepibili...

gli armonici di un colpo di piatti in orchestra arrivano a sfiorare i 90/100 khz, se è vero che non udremo quelle frequenze percepiremo di certo i battimenti e gli armonici prodotti per differenza di frequenza nella nostra banda udibile - se correttamente registrati..altrimenti sentiremo i nostri cari CD, ad oggi il supporto audio più limitato, e anche il più longevo paradossalmente, mai esistito... Smile

D'accordissimo su tutto, e a mio umile parere è anche trascurata l'inevitabile approssimazione del formato redbook nei confronti delle variazioni di ampiezza del segnale.


Sul primato dei CD come supporto audio "più longevo" ho qualche perplessità, al momento credo sia ancora di qualche decennio indietro rispetto al disco in vinile Smile

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8495
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale


Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  sonic63 il Lun 10 Nov 2014 - 9:02

@mah(x) ha scritto:rispolvero questo thread, che scorgo solo adesso....

da musicista, conosco perfettamente l'effetto che la sovrapposizione di suoni appartenenti a registri differenti producono sulla nostra percezione..si potrebbe anche menzionare il metodo di accordatura del pianoforte, basato sui battimenti prodotti oltre che dalle note anche dagli armonici di queste ultime...

questo per dire che limitarsi a considerare la banda udibile come unico parametro per giudicare se una larghezza di banda di 96 o addirittura 192 khz sia necessaria, a parte le giuste considerazioni già riportate riguardo il rumore di quantizzazione, fa perdere di vista l'effetto che tali frequenze "ultrasoniche" - nell'interazione con quelle più basse - producono, questo sì, nel campo delle frequenze percepibili...

gli armonici di un colpo di piatti in orchestra arrivano a sfiorare i 90/100 khz, se è vero che non udremo quelle frequenze percepiremo di certo i battimenti e gli armonici prodotti per differenza di frequenza nella nostra banda udibile - se correttamente registrati..altrimenti sentiremo i nostri cari CD, ad oggi il supporto audio più limitato, e anche il più longevo paradossalmente, mai esistito... Smile

Se nell'esecuzione del brano musicale ci sono battimenti tra armoniche di ordine elevato prodotte da più strumenti, che generano altre frequenze che ricadono nei canonici 20Hz-20KHz (lo stesso fenomeno che origina la distorsione d' intermodulazione degli amplificatori) allora queste frequenze "nuove", suonate da nessuno, è evidente che sono già registrate nel supporto.
Riprodurle due volte, la prima perchè già prodotte(e registrate) durante l'esecuzione reale, la seconda perchè ri-ricreate da nuovi battimenti sarebbe, secondo me, solo un'ulteriore distorsione del segnale originale.
Hello

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5133
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  valterneri il Lun 10 Nov 2014 - 10:06


valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3609
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  fritznet il Lun 10 Nov 2014 - 10:17

Valter quei microfoni lì son proprio scarsi, se te ne avanza un paio e li vuoi buttare, vengo a prenderli io, ti risparmio il viaggio in discarica Very Happy

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8495
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale


Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  Marco Ravich il Lun 10 Nov 2014 - 10:22

@Barone Rosso ha scritto:
@Marco Ravich ha scritto:Ah, volevo sottolineare un'altra cosa a mio avviso importante: pare che sia il pianeta in cui viviamo che il corpo umano "risuonino" alla frequenza di 8Hz, per cui i multipli di questa (es. 48, 96, ecc KHz) risultano "più compatibili" con noi.

Una frequenza di 8Hz non la tira fuori neppure una gran cassa acustica.

Seriamente un HiFi, anche quello da 20'000€, ha dei limiti paurosi in fatto di riproduzione, quindi il pensare agli 8Hz o ai 96KHz (sempre che questo affermazioni abbiano un fondamento) non ha nessun senso, sarebbe come mettere i copertoni da F1 ad una fiat panda  Razz  .

Un paio di settimane fa mi sono sentito una prova su un organo da chiesa in una sala semivuota, e la differenza con un hifi è abissale, in fatto di spazialità linearità bassi ecc..., quindi prima risolvi tutti gli altri problemi ... e solo alla fine pensa ai dettagli.
Scusa, forse non hai letto bene: ho affermato che frequenze _multiple_ di 8Hz sono più "naturali", non ho mai sostenuto che l'impianto debba riprodurre da 8Hz (anche perché credo sia inutibile) a 96KHz !
(anche perché sennò avrei dovuto dire che un vero impianto hifi dovrebbe riprodurre TUTTE le frequenze)

Ribadisco che secondo me dovrebbero fermarsi con le frequenze (96 va bene) e cominciare a raddoppiare i bits (auspicabilmente fino a 64).

Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3935
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  sportyerre il Lun 10 Nov 2014 - 10:26

@sonic63 ha scritto:

Se nell'esecuzione del brano musicale ci sono battimenti tra armoniche di ordine elevato prodotte da più strumenti, che generano altre frequenze che ricadono nei canonici  20Hz-20KHz (lo stesso fenomeno che origina la distorsione d' intermodulazione degli amplificatori) allora queste frequenze "nuove", suonate da nessuno, è evidente che sono già registrate nel supporto.
Riprodurle due volte, la prima perchè già prodotte(e registrate) durante l'esecuzione reale, la seconda perchè ri-ricreate da nuovi battimenti sarebbe, secondo me, solo un'ulteriore distorsione del segnale originale.
Hello

Si, quoto

sportyerre
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 14.02.11
Numero di messaggi : 1288
Località : Milano
Occupazione/Hobby : R&D
Provincia (Città) : MI
Impianto : Fili di rame, 230V ENEL, Cyrus II + PSX, Pioneer BDP450, Thorens 166 BC +Cyrus Arm + Sumiko pearl, V-Dac II, DAC707, Velodyne CHT8, Cambridge Audio MinX11, Rega Ear MKII, Philips Fidelio X2, Superlux 681

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  valterneri il Lun 10 Nov 2014 - 10:28

@fritznet ha scritto:Valter quei microfoni lì son proprio scarsi, se te ne avanza un paio e li vuoi buttare,
vengo a prenderli io, ti risparmio il viaggio in discarica  Very Happy
Li ho già buttati in discarica, ora si registra tutto solo con l'iPhone,
ne ho già comprati 60 per l'Aida.

valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3609
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  Marco Ravich il Lun 10 Nov 2014 - 10:31

Interessante articolo sulle frequenze "inudibili" (ambito documentaristico):
http://www.wildmountainechoes.com/equipment/options-for-recording-ultrasounds/

Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3935
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  fritznet il Lun 10 Nov 2014 - 10:38

@valterneri ha scritto:
@fritznet ha scritto:Valter quei microfoni lì son proprio scarsi, se te ne avanza un paio e li vuoi buttare,
vengo a prenderli io, ti risparmio il viaggio in discarica  Very Happy
Li ho già buttati in discarica, ora si registra tutto solo con l'iPhone,
ne ho già comprati 60 per l'Aida.

Spero che la casa delle mele morsicate ti abbia fatto uno sconto Laughing


fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8495
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale


Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  fritznet il Lun 10 Nov 2014 - 10:41

@sportyerre ha scritto:
@sonic63 ha scritto:

Se nell'esecuzione del brano musicale ci sono battimenti tra armoniche di ordine elevato prodotte da più strumenti, che generano altre frequenze che ricadono nei canonici  20Hz-20KHz (lo stesso fenomeno che origina la distorsione d' intermodulazione degli amplificatori) allora queste frequenze "nuove", suonate da nessuno, è evidente che sono già registrate nel supporto.
Riprodurle due volte, la prima perchè già prodotte(e registrate) durante l'esecuzione reale, la seconda perchè ri-ricreate da nuovi battimenti sarebbe, secondo me, solo un'ulteriore distorsione del segnale originale.
Hello

Si, quoto

Scusate, così a naso, i battimenti registrati ok, ma per riprodurli due volte ci vorrebbero le stesse condizioni, ovvero un sistema in grado di salire molto in F.

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8495
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale


Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  sportyerre il Lun 10 Nov 2014 - 10:58

@fritznet ha scritto:
@sportyerre ha scritto:

Si, quoto

Scusate, così a naso, i battimenti registrati ok, ma per riprodurli due volte ci vorrebbero le stesse condizioni, ovvero un sistema in grado di salire molto in F.

..per non parlare poi dell'uovo e della gallina
Laughing

Certo, da qui l'inutilità delle frequenze da pipistrelli

sportyerre
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 14.02.11
Numero di messaggi : 1288
Località : Milano
Occupazione/Hobby : R&D
Provincia (Città) : MI
Impianto : Fili di rame, 230V ENEL, Cyrus II + PSX, Pioneer BDP450, Thorens 166 BC +Cyrus Arm + Sumiko pearl, V-Dac II, DAC707, Velodyne CHT8, Cambridge Audio MinX11, Rega Ear MKII, Philips Fidelio X2, Superlux 681

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  valterneri il Lun 10 Nov 2014 - 11:10

@sportyerre ha scritto:
@sonic63 ha scritto:Se nell'esecuzione del brano musicale ci sono battimenti tra armoniche ... che generano altre frequenze che ricadono nei 20-20K ....
queste frequenze "nuove" è evidente che sono già registrate nel supporto.
Riprodurle due volte ..... solo un'ulteriore distorsione del segnale originale.

Si, quoto

In natura il suono non ha né battimenti né intermodulazione,
i primi appaiono quando si sommano acusticamente o elettricamente
due suoni vicini in frequenza, in una membrana avviene la somma,
ma tolta la membrana dal punto, in quel punto avviene solo un incrocio di passaggio,
le onde rimangono libere e separate, altrimenti ogni punto nell'aria diverrebbe
un nuovo punto di emissione sferica della frequenza di battimento.

Consideriamo quindi il battimento presente in natura solo perché
non c'è alcun modo di non subirlo nel misurare l'onda elastica.

La distorsione d'intermodulazione nell'aria invece non esiste assolutamente,
perché nasce solo dall'imprecisione del sistema di rilevamento e di misura.
Anche il nostro udito ne è affetto,
ma il nostro sistema uditivo lo considera naturale perché ha imparato a conviverci.

Quindi "l'intermodulazione naturale che da ambienza e naturalezza"
se esiste nasce durante l'ascolto e non deve nascere durante la registrazione,
ma .... l'ascolto viene dopo la registrazione e non in sala concerto.

Riletto sotto questa luce il post di Mah(x) torna ad essere rilevante.

valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3609
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  sonic63 il Lun 10 Nov 2014 - 11:24

@fritznet ha scritto:
@sportyerre ha scritto:

Si, quoto

Scusate, così a naso, i battimenti registrati ok, ma per riprodurli due volte ci vorrebbero le stesse condizioni, ovvero un sistema in grado di salire molto in F.
Infatti, io rispondevo che ritenere indispensabile poter registrare sul supporto frequenza di 2-3 ottave (e oltre, si è parlato di 100Khz) superiori alla "banda audio" per la motivazione discussa è inutile e, secondo me, deleterio.
Che poi il discorso sia puramente accademico è senz'altro vero.
Giacchè quelle frequenze bisogna poterle registrare.
E poi bisogna farle entrare nel supporto.
Impossibile farlo sul Cd per ovvi motivi teorici.
Ma non è che nel caso dell' elleppì le cose vadano meglio(anzi), in aggiunta bisogna anche poterle meccanicamente leggere.
Possono entrare solo in formati con altissima frequenza di campionamento, ma poi bisogna riprodurli, e anche con le giuste relazioni di fase.
Secondo me si aggiunge solo distorsione (di frequenza) e distorsione (di tempo).
Hello

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5133
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  sonic63 il Lun 10 Nov 2014 - 12:18

@valterneri ha scritto:
@sportyerre ha scritto:

Si, quoto

In natura il suono non ha né battimenti né intermodulazione,
i primi appaiono quando si sommano acusticamente o elettricamente
due suoni vicini in frequenza, in una membrana avviene la somma,
ma tolta la membrana dal punto, in quel punto avviene solo un incrocio di passaggio,
le onde rimangono libere e separate, altrimenti ogni punto nell'aria diverrebbe
un nuovo punto di emissione sferica della frequenza di battimento.

Consideriamo quindi il battimento presente in natura solo perché
non c'è alcun modo di non subirlo nel misurare l'onda elastica.

La distorsione d'intermodulazione nell'aria invece non esiste assolutamente,
perché nasce solo dall'imprecisione del sistema di rilevamento e di misura.
Anche il nostro udito ne è affetto,
ma il nostro sistema uditivo lo considera naturale perché ha imparato a conviverci.

Quindi "l'intermodulazione naturale che da ambienza e naturalezza"
se esiste nasce durante l'ascolto e non deve nascere durante la registrazione,
ma .... l'ascolto viene dopo la registrazione e non in sala concerto.

Riletto sotto questa luce il post di Mah(x) torna ad essere rilevante.

In natura il battimento esiste, e non si genera affatto nel sistema di misura.
Non riguarda affatto solo due frequenze vicine ma qualsiasi coppia (o più ) di frequenze, per quanto siano lontane.
In ogni caso, comunque, la membrana del  timpano lo sente e lo "sente" il microfono(per fortuna).

Ho citato l'intermodulazione solo come esempio di un fenomeno  simile.

L' "intermodulazione naturale " che dà "ambienza e naturalezza" come scrivi, non esiste, l'ambienza  è il risultato di corrette relazioni di fase tra i suoni che l'impianto deve mantenere così come sono state registrate.
Secondo il mio modestissimo parere dire che: "l'intermodulazione naturale che da ambienza e naturalezza" se esiste nasce durante l'ascolto e non deve nascere durante la registrazione," è come dire che l'ambienza di una registrazione effettuata al Concertgebouw di Amsterdam sarebbe quella dell'ambiente in cui ascolto
per fortuna non è così.
Hello

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5133
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  fritznet il Lun 10 Nov 2014 - 15:11

@sonic63 ha scritto:


In natura il battimento esiste, e non si genera affatto nel sistema di misura.
Non riguarda affatto solo due frequenze vicine ma qualsiasi coppia (o più ) di frequenze, per quanto siano lontane.
In ogni caso, comunque, la membrana del  timpano lo sente e lo "sente" il microfono(per fortuna).

Ho citato l'intermodulazione solo come esempio di un fenomeno  simile.

L' "intermodulazione naturale " che dà "ambienza e naturalezza" come scrivi, non esiste, l'ambienza  è il risultato di corrette relazioni di fase tra i suoni che l'impianto deve mantenere così come sono state registrate.
Secondo il mio modestissimo parere dire che: "l'intermodulazione naturale che da ambienza e naturalezza" se esiste nasce durante l'ascolto e non deve nascere durante la registrazione," è come dire che l'ambienza di una registrazione effettuata al Concertgebouw di Amsterdam sarebbe quella dell'ambiente in cui ascolto
per fortuna non è così.
Hello

Anche io sono convinto che i battimenti esistano "a priori" ogni volta che due suoni ( o due frequenze) vengono riprodotte contemporaneamente ( nello stesso ambiente), non ho mai considerato che questo invece possa accadere solo "a posteriori" se aggiungiamo un microfono o una orecchia (o due Very Happy ), la cosa mi lascia un pò spiazzato Very Happy

Ma allora le interferenze (costruttive e distruttive)?
Anch'esse esistono solo se le misuriamo?

Per quello che riguarda l'ambienza poi, ero convinto che fosse semplicemente dovuta al particolare "colore" e quantità di riverbero (più le risonanze proprie dell'ambiente) che ogni ambiente non pesantemente trattato possiede...

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8495
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale


Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  sonic63 il Lun 10 Nov 2014 - 15:44

@fritznet ha scritto:
@sonic63 ha scritto:


In natura il battimento esiste, e non si genera affatto nel sistema di misura.
Non riguarda affatto solo due frequenze vicine ma qualsiasi coppia (o più ) di frequenze, per quanto siano lontane.
In ogni caso, comunque, la membrana del  timpano lo sente e lo "sente" il microfono(per fortuna).

Ho citato l'intermodulazione solo come esempio di un fenomeno  simile.

L' "intermodulazione naturale " che dà "ambienza e naturalezza" come scrivi, non esiste, l'ambienza  è il risultato di corrette relazioni di fase tra i suoni che l'impianto deve mantenere così come sono state registrate.
Secondo il mio modestissimo parere dire che: "l'intermodulazione naturale che da ambienza e naturalezza" se esiste nasce durante l'ascolto e non deve nascere durante la registrazione," è come dire che l'ambienza di una registrazione effettuata al Concertgebouw di Amsterdam sarebbe quella dell'ambiente in cui ascolto
per fortuna non è così.
Hello

Anche io sono convinto che i battimenti esistano "a priori" ogni volta che due suoni ( o due frequenze)  vengono riprodotte contemporaneamente ( nello stesso ambiente), non ho mai considerato che questo invece possa accadere  solo "a posteriori" se aggiungiamo un microfono o una orecchia (o due Very Happy ), la cosa mi lascia un pò spiazzato Very Happy

Ma allora le interferenze (costruttive e distruttive)?
Anch'esse esistono solo se le misuriamo?

Per quello che riguarda l'ambienza poi, ero convinto che fosse semplicemente dovuta al particolare "colore" e quantità  di riverbero (più le risonanze proprie dell'ambiente)  che ogni ambiente non pesantemente trattato  possiede...

Per supporre che i battimenti tra onde sonore non esistono in natura bisognerebbe accettare il fatto che due corpi ognuno con la sua energia si incontrano e le loro energie non interagisco, il che non può essere.
Basta pensare a quello che succede andando in barca, le onde prodotte dal moto della barca si scontrano con le onde del mare generando altre onde, credo che sia un'esperienza che tutti abbiamo potuto osservare.

Riguardo all' "ambienza" credo che bisogna chiarire il significato che si dà alla parola.
Che io sappia, magari sbaglio, l'ambienza è contenuta nella registrazione (quando c'è) ed è data dalle riflessioni prodotte dall'ambiente durante la performance musicale e catturate dai microfoni.
Le riflessioni prodotte dall'ambiente di ascolto sono un'altra cosa , per es. possono creare la sensazione di un suono molto arretrato rispetto ai diffusori e/o la sensazione di un fronte sonore esteso lateralmente ben oltre i diffusori.
Credo che siano due cose da chiamare con nomi diversi, provocate dallo stesso fenomeno acustico(le riflessioni nell'ambiente) ma in momenti e ambienti profondamente diversi.
Per quanto riguarda la mia esperienza personale posso dire che molte registrazioni hanno un'ambienza molto accentuata(naturalmente è necessario che l'impianto e l'ambiente d'ascolto non la mortifichino), le prime che mi vengono in mente sono alcune registrazioni della Fonè, la registrazione dei Weavers alla Carnegie Hall, alcune registrazioni Audioquest di Robert Lucas.
In alcuni casi (con il mio impianto, con impianti migliori sicuramente l'ambienza della registrazione sarà ancora più evidente) è netta la sensazione di trovarsi in un'altro ambiente.
Ma certo su questo argomento Valterneri saprà dirci meglio dato che è il suo lavoro.
Hello




sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5133
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  fritznet il Lun 10 Nov 2014 - 17:30

Certo, anche io intendo "ambienza" come una caratteristica
(naturale o artificiale) voluta, legata all'esecuzione o
aggiunta dopo, non sicuramente i difetti dell'acustica
ambientale dell'ambiente di ascolto.
La definizione che ho usato sopra è in effetti ambigua.

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8495
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale


Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  valterneri il Lun 10 Nov 2014 - 17:54

Aiuto aiuto! Sono in crisi psicologica nera!

Un po' perché sto registrando da 7 ore Soprano Baritono Pianoforte
e più che i battimenti ho gli sbattimenti,
un po' perché sui battimenti e sull'intermodulazione non trovo nella memoria
nessun straccio di aneddoto da raccontare!

valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3609
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  mah(x) il Lun 10 Nov 2014 - 18:08

sono contento di aver fornito materia di discussione...

a proposito di suoni ricreati dall'intermodulazione delle frequenze vorrei ricordare quel fenomeno conosciuto come "terzo suono di Tartini", dal nome del celebre compositore e violinista...eseguendo due note su uno strumento si genererà una terza nota, sempre più grave delle due, che avra frequenza f2 - f1, in pratica qualcosa di simile alla distorsione per differenza di frequenza...

si tratta di un suono che esiste, è oggettivo e non viene creato dall'apparato uditivo...ovviamemte anche quest'ultimo, a sua volta, interferisce con altri suoni creando ulteriori suoni - ovviamente sempre più deboli...

cito questo fenomeno, che magari appartiene già al bagaglio "audiofilo" di molti di voi, per riflettere che riguardo temi come questi non si dovrebbe ragionare per assiomi...è chiaro che, trattandosi di suoni oggettivi, quelli derivanti da intermodulazione verranno anch'essi registrati, ma in ogni caso non sarà la stessa cosa che avere lo stesso campo sonoro originale - altrimenti ascoltando il live dovremmo soffrire del "doppio ascolto" di questi suoni come riporta Sonic63 nel suo post, ed è evidente che le cose non vanno così  Smile

se aggiungiamo che l'orecchio umano, poi, ama "costruirsi" i suoni - è il caso delle fondamentali delle ultime corde del pianoforte, che lo strumento fisicamente "non può" emettere e che vengono ricostruite dalla nostra percezione, come pure nel caso dei nostri modesti ambienti di ascolto dove maggiori lunghezze d'onda non trovano fisicamente lo spazio per propagarsi - allora immagino che le cose vadano in modo un tantino più complicato...è possibile che nello spazio di frequenze cosiddette "inudibili" accadano molte più cose, e necessarie per la realisticità dell'ascolto, di quel che possiamo immaginare...

riguardo la spazialità, poi...non pensavo qualcuno credesse ancora che il campo sonoro delle registrazioni in commercio sia quello della sala originale - quando di sala si tratta...

escludendo registrazioni cosiddette "per audiofili" che si vantano di riprese particolari - e che personalmente non trovo interessanti - vi assicuro, da addetto ai lavori, che quello che accade a valle dei microfoni durante e dopo una registrazione potrebbe far passare la voglia di spendere tanti soldi in sistemi audio...

ma su questo magari apriamo un altro thread... Very Happy

mah(x)
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 02.01.11
Numero di messaggi : 112
Località : napoli
Impianto : AM AUDIO PA25 e SonusFaber Concerto

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  valterneri il Lun 10 Nov 2014 - 18:22

@mah(x) ha scritto:... vi assicuro che quello che accade a valle dei microfoni durante e dopo una registrazione
potrebbe far passare la voglia di spendere tanti soldi in sistemi audio...

ma su questo magari apriamo un altro thread... Very Happy
NO! Per carità!
Sarebbe come entrare a curiosare nella cucina di un ristorante cinese.

valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3609
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  paolofb65 il Lun 10 Nov 2014 - 18:45

Tempo fa qualcuno aveva postato il collegamento a questa intervista,purtroppo ho salvato il documento ma non i riferimenti spero di non commettere abusi postandola,eventualmente cancellate. Hello


“Ingegnere, Lei è generalmente propenso ad usare ‘vecchie’ macchine anziche utilizzare i nuovi ritrovati tecnologici. Lei è forse un pò lunatico o è una sorta di Amish, che rifiuta il progresso tecnologico?
Cosa c’é che non va, secondo lei, nella conversione 24 bit/192 KHz e HDCD oppure nei SACD?
“Ecco cosa posso rispondere: esistono due tipi di risoluzione, analogica e digitale. Possiamo parlare in linguaggio digitare e concludere che l’informazione digitale può avere ad esempio un campione della lunghezza di 16 bit. Il chip che deve leggere questa informazione deve operare a 16 bit, ma quest’ultimo è in grado di convertire in una risultante Onda sinusoidale con la stessa accuratezza presente nel dominio digitale? Ecco la questione chiave!
I bits sono la più piccola informazione che interviene nel processo, e qui vorrei portare un esempio con le macchine fotografiche digitali. In genere si preferisce acquistare una CANON D30 da 8megapixel anziche una KODAK tascabile da 100 euro e 10megapixel. Il numero di pixel di quest’ultima è maggiore rispetto alla CANON, ma tutto viene perduto fra compressioni e firmware,bassa qualità delle lenti ed accuratezza degli stadi d’alimentazione etc.
Nella riproduzione musicale, i nostri cd sono incisi a 16 bits, non importa che DAC usiamo, sono sempre 16 bits. Ciò significa che possiamo riprodurre un segnale di di 2 Volts pp con la risoluzione di 2 /65500 di volts.
Allora perché gli economici DVD player con una risoluzione reale di 24bits non sono immediatamente superiori?
Semplicemente perché aumentare la risoluzione digitale non ha alcuna possibilità reale di entrare in gioco.
Il fatto è che, perlando “digitalmente” , un chip possa leggere una informazione a 24bits, non garantisce affatto la restituzione di un segnale analogico della stessa risoluzione e dettaglio. Vi sono troppe cose che entrano in gioco ad esempio la frequenza di Clock, la stabilità degli stadi di alimentazione e dello stadio analogico; tutti questi circuiti hanno la capacità di riprodurre un segnale con un’accuratezza diciamo del 0.01% che equivale 1/10000, il che è molto lontano da 1/65500 che è la risoluzione del DAC a 16 bit; ma mooooolto più lontano di un DAC a 24bit, che equivalrebbe a 2 24 potenza, ovvero 2X655008 ( due per 65500 elevato all’ottava potenza) Risultato: un numero con 49 cifre!!!!!!!
Una spiegazione non matematica si può rendere se si prende ad esempio una comune moderna stampante.Alcuni produttori possono vantare su alcune loro stampanti una risoluzione di 20.000 punti per pollice. Questo potrebbe anche essere vero per la risoluzione della testa di stampa ed il relativo software; ma il risultato “analogico” sarà ben diverso. La goccia di inchiostro rilasciata dal singolo uggello dalla testa di stampa si spanderà su una superficie della carta 10 volte maggiore, in seconda ipotesi, la struttura della trama della carta è dieci volte maggiore di quanto una risoluzione a 20.000dpi richiederebbe. Sicché la limitazione risiede nell’interazione fra carta e testa di stampa, e non nella capacità di risoluzione di quest’ultima. Per non citare la precisione dei movimenti sulle guide su cui scorre detta testa o la temperatura degl’ugelli,la pressione atmosferica, la temperatura e l’umidità, etc etc.
Per cui, chi dice e promette una risoluzione udibile a 24bits effettiva, vuol dire che è in grado di realizzare un dispostivo capace della risoluzione di una centibilionesima parte di Volt!
Non è molto serio affermare ciò, e va preso tutto col beneficio di successive verifiche, di là da venire.
Sicche cari audiofili, non c’é correlazione tra l’aumento della risoluzione digitale oltre 16 bits, e la qualità del suono; o almeno non è immediatamente garantito con poca spesa. Suggerisco in fine di concentrarci piuttosto sullo sfruttamento migliore dei Bits che abbiamo, invece di preoccuparci di quelli che non abbiamo.

paolofb65
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 03.04.11
Numero di messaggi : 317
Occupazione/Hobby : Impiegato/slotcar-audio
Provincia (Città) : La Spezia
Impianto : Sorgenti:WD TV Live, LG BD550, Maranz cd 6002. Ampli: Trends Ta 10.1 moddato, Breeze Audio TPA3116, SMSL SA 60, SMSL SA-S3 Onkyo TX SR 608. Diffusori Magnat Quantum 551 - B&W DM 580. Cavi diy low cost (Mogami Stentor - Tasker)

Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  fritznet il Lun 10 Nov 2014 - 18:52

@mah(x) ha scritto:


riguardo la spazialità, poi...non pensavo qualcuno credesse ancora che il campo sonoro delle registrazioni in commercio sia quello della sala originale - quando di sala si tratta...

escludendo registrazioni cosiddette "per audiofili" che si vantano di riprese particolari - e che personalmente non trovo interessanti - vi assicuro, da addetto ai lavori, che quello che accade a valle dei microfoni durante e dopo una registrazione potrebbe far passare la voglia di spendere tanti soldi in sistemi audio...

ma su questo magari apriamo un altro thread... Very Happy

Non ti stai riferendo a me, vero? Laughing
Penso di sapere, a grandi linee, quello che accade durante e dopo la "registrazione" etc, anche se non da addetto ai lavori, ma da appassionato diciamo non di primissimo pelo.

Ho parlato di "naturale o artificiale" partendo dal presupposto che "si sappia" che l'ambienza viene spesso (ma non sempre) aggiunta in fase di produzione, mi spiaceva però generalizzare...

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8495
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale


Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  fritznet il Lun 10 Nov 2014 - 19:05

@valterneri ha scritto:
@mah(x) ha scritto:... vi assicuro che quello che accade a valle dei microfoni durante e dopo una registrazione
potrebbe far passare la voglia di spendere tanti soldi in sistemi audio...

ma su questo magari apriamo un altro thread... Very Happy
NO! Per carità!
Sarebbe come entrare a curiosare nella cucina di un ristorante cinese.

Ma no, perchè, se c'è gente che passa pomeriggi a cambiare cavi per sentire stravolgimenti del suono, o che sente differenze nel suono cambiando spine RCA, perchè privarci di questo spunto di riflessione? Very Happy

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8495
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale


Tornare in alto Andare in basso

Re: I file a 24/192 non servono a nulla

Messaggio  mah(x) il Lun 10 Nov 2014 - 20:09

@fritznet ha scritto:
@mah(x) ha scritto:


riguardo la spazialità, poi...non pensavo qualcuno credesse ancora che il campo sonoro delle registrazioni in commercio sia quello della sala originale - quando di sala si tratta...

escludendo registrazioni cosiddette "per audiofili" che si vantano di riprese particolari - e che personalmente non trovo interessanti - vi assicuro, da addetto ai lavori, che quello che accade a valle dei microfoni durante e dopo una registrazione potrebbe far passare la voglia di spendere tanti soldi in sistemi audio...

ma su questo magari apriamo un altro thread... Very Happy

Non ti stai riferendo a me, vero?  Laughing
Penso di sapere, a grandi linee, quello che accade durante e dopo la "registrazione"  etc, anche se non da addetto ai lavori, ma da appassionato diciamo non di primissimo pelo.

Ho parlato di "naturale o artificiale" partendo dal presupposto che "si sappia" che l'ambienza viene spesso (ma non sempre) aggiunta in fase di produzione, mi spiaceva però generalizzare...

Very Happy
il fatto è che sono diventato molto cinico riguardo le questioni inerenti il cosiddetto "campo sonoro"...

ma ricordo anche un articolo di francesco nuti, qualche miliardo di anni fa su Audio Review - che bei tempi, maledizione - molto illuminante riguardo le pretese che potevano aversi circa l'ambiente sonoro originale ricostruito dal nostro impianto hifi...ricordo ancora che l'articolo concludeva affermando che la riproduzione di alta qualità audio non può porsi la restituzione del campo sonoro originale, che non può che andare irrimediabilmente perduto, quanto piuttosto "la certezza dell'ascolto" che è cosa ben diversa....

...che bei tempi...in copertina c'erano ancora i magnetofoni a bobine Shocked

mah(x)
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 02.01.11
Numero di messaggi : 112
Località : napoli
Impianto : AM AUDIO PA25 e SonusFaber Concerto

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum