T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» ALIENTEK D8
Ieri alle 23:56 Da giucam61

» Software APM Tool Lite
Ieri alle 20:03 Da natale55

» Cavi di potenza non intrecciati o twistati
Ieri alle 14:36 Da nerone

» Gabris amp Calypso
Ieri alle 12:02 Da giucam61

» Rega Vs roksan kandy k3
Ieri alle 11:58 Da GP9

» Crescendo by Airtech
Ieri alle 11:50 Da giucam61

» Dac Mini 2496 [AK4393 - AK4396]
Ieri alle 10:28 Da evil81

» Chi mi aiuta con un filtro notch?
Ieri alle 9:49 Da giucam61

» DENAFRIPS ARES R2R DAC
Ieri alle 9:39 Da giucam61

» (Veneto) VENDO PMC TB-2SAII
Ieri alle 9:09 Da simonluka

» (Veneto) VENDO CHARIO CONSTELLATION PHOENIX
Ieri alle 9:08 Da simonluka

» aiuto per dissipatori per alimentatore lt3080 lt3083
Ven 28 Apr 2017 - 21:59 Da edo357mag

» Amplificatori t-amp principalmente per musica in stereofonia e per l'home theatre
Ven 28 Apr 2017 - 19:57 Da davidcop68

» Cambio diffussori da scaffale max 500euro
Ven 28 Apr 2017 - 19:54 Da natale55

» Pioneer a 209r Ne vale la pena???
Ven 28 Apr 2017 - 18:55 Da MaurArte

» ixtreamer
Ven 28 Apr 2017 - 18:00 Da erduca

» Mo-gu S800 - piccolo e combattivo
Ven 28 Apr 2017 - 17:08 Da Motogiullare

» Rip DSD
Ven 28 Apr 2017 - 15:04 Da Calbas

» Dynamat questo sconosciuto....
Ven 28 Apr 2017 - 15:03 Da dinamanu

» I cavi di potenza, questi sconosciuti
Ven 28 Apr 2017 - 14:28 Da Aunktintaun

» Quale Gira ?
Ven 28 Apr 2017 - 13:50 Da kalium

» (PU) Vendo DAC JOB DA24/96 GOLDMUND ALIZE made in Svizzera 300,00
Ven 28 Apr 2017 - 8:18 Da alessandro1

» Vendo Ampli FDA IAMD V200 90€
Ven 28 Apr 2017 - 8:05 Da memory_man

» Musica liquida: che fare?
Ven 28 Apr 2017 - 1:41 Da mauretto

» [CB + s.s.] Vendo vinili: ampia scelta
Ven 28 Apr 2017 - 1:21 Da gannjunior

» (MI) Lista vinile in vendita
Ven 28 Apr 2017 - 1:12 Da gannjunior

» Rimetto in vendita tutti i miei Blu-Ray
Ven 28 Apr 2017 - 0:35 Da gannjunior

» Neofita,quale amp per B&W 805matrix
Gio 27 Apr 2017 - 22:55 Da Odos

» Consiglio cuffie in-ear
Gio 27 Apr 2017 - 21:16 Da uncletoma

» Project Carbon Esprit 2M Red su Subito
Gio 27 Apr 2017 - 16:57 Da mumps

Statistiche
Abbiamo 10771 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Pitt

I nostri membri hanno inviato un totale di 784660 messaggi in 51000 argomenti
I postatori più attivi del mese
giucam61
 
Aunktintaun
 
dinamanu
 
nerone
 
fritznet
 
Seti
 
kalium
 
Calbas
 
CHAOSFERE
 
Motogiullare
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19630)
 
schwantz34 (15499)
 
Silver Black (15455)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10261)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8923)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 32 utenti in linea :: 0 Registrato, 0 Nascosti e 32 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking

clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Pagina 1 di 4 1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  robertopisa il Lun 26 Mag 2014 - 22:00

Questa sera l'impianto va che è una bellezza. Inizio con The Smashing Pumpkins, poi passo a Madredeus e, infine, per non farmi mancare nulla, Requiem di Mozart. Esecuzione di Labadie, arrivo al brano Lux AEterna: alla fine del brano, decido di confrontare subito quest'esecuzione con quella della Scottish Chamber Orchestra.

Prendo l'iPad e scelgo quindi il brano Lux AEterna del Requiem della SCO. Dico a me stesso: dunque, la solista e le voci del coro della SCO sono più asciutte di Labadie, mentre l'esecuzione di Labadie è più ricca e grassa; però l'esecuzione della SCO, pur essendo più asciutta ha un tono ambrato molto piacevole... questo per un bel po'... poi getto lo sguardo sull'iPad e mi accorgo che, per un mio errore, sto risentendo di nuovo Labadie...

Avrei potuto giurarci che mi sembrava di sentire un'esecuzione completamente diversa da Labadie e, invece, era sempre lo stesso brano di prima. Avrei potuto scommetterci 100 euro che era un'esecuzione diversa ma invece era solo un effetto placebo, perché il brano era lo stesso, stesso impianto e stessa posizione d'ascolto... Questo mi fa molto riflettere quando facciamo i confronti da soli sul suono dei vari DAC, cavi, ecc....
avatar
robertopisa
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 08.04.10
Numero di messaggi : 1657
Provincia (Città) : Pisa
Impianto :
premi per vedere:


Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  alessandro1 il Lun 26 Mag 2014 - 22:15

Ho sempre letto tue cose molto ponderate, questa è un' altra tra tante  Clap 
avatar
alessandro1
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 31.01.12
Numero di messaggi : 3616
Provincia (Città) : PU
Impianto : Sorgente - Bristle Blocks 112
Ampli - Megablocks + Unico Plus -
Cavi - Duplo e play doh (DIY) su progetto Tony Wolf
diffusori - Stabilo 880 Woody
il resto è diy montessoriano


Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  Zio il Lun 26 Mag 2014 - 22:24

Quanta verità nelle tue parole!

E' per lo stesso motivo che non ho ancora chiuso le scatole del crossover delle mie casse autocostruite. Ogni volta che le ascolto ritengo necessario fare ritocchi, ma è una storia mai finita...
avatar
Zio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 06.04.13
Numero di messaggi : 2684
Provincia (Città) : Parma e Verona
Impianto :
Clicca se sei curioso:
Impianto in uso:
- Notebook con Foobar su W7
- Netbook con Daphile
- Douk DAC
- Marantz SR-4400
- Advance Acoustic MAA 406
- Dipolo Diy
- Cavi segnale RCA Diy very cheap
- Cavi potenza TNT Star Diy
- SUB JBL Diy per prima ottava
Nel cassetto:
- Yarland M34 con KT66
- Abletec ALC240
- Luxman C-03
- Breeze Audio TPA3116
- Marantz CD-67 SE
- Thorens TD180 con Goldring 10-20
- EQ YAMAHA EQ-500
- DAC Tascam us144 mkii
- Scythe SCBKS-1100 Kro Craft
- qualche altoparlante
- componenti per Crossover a volontà...
- Notebook con REW e microfono


Clicca se NON sei curioso:
Ma se non sei curioso...
perchè hai cliccato!!





Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  GPDB il Lun 26 Mag 2014 - 23:36

Quanto è vero!

GPDB
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 03.03.11
Numero di messaggi : 155
Località : Conegliano
Provincia (Città) : Conegliano
Impianto : Yamaha RX-V2067 +Energy RVS-1&2 & 2xES8
Hypex + JBL-HP420
NuForce DIA + KRO CRAFT revB
Alessandro MS1i

Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  robertopisa il Lun 26 Mag 2014 - 23:39

Purtroppo ho lo stesso problema con il trattamento acustico... ogni volta dico ho finito e poi c'è sempre qualcosa da migliorare...

I progettisti seri del pro audio, fanno uscire dopo molti mesi i prodotti perché prima li fanno girare tra alcuni studi per avere feedback. Infatti, arrivati a un certo punto uno non è più in grado di discriminare.

Nel nostro piccolo, quando sono venuti dei forumisti a sentire il mio impianto, Federico, Lorenzo ecc, mi è sempre stato utile ricevere le loro impressioni...

-R
avatar
robertopisa
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 08.04.10
Numero di messaggi : 1657
Provincia (Città) : Pisa
Impianto :
premi per vedere:


Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  donluca il Mar 27 Mag 2014 - 2:11

@robertopisa ha scritto:[...]

Eh, io è da un pezzo che lo vado dicendo ma ogni volta poi saltano fuori gli integralisti dei cavi, i San Tommaso "ma te hai toccato con mano la differenza?" e guai anche solo a nominare prove double blind perchè te se magnano vivo.

Alla fine è una bella passione la nostra, penso sia giusto che ognuno la viva come meglio crede.
avatar
donluca
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 07.11.11
Numero di messaggi : 3652
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Visionario informatico
Provincia (Città) : Roma
Impianto :
Spoiler:
Impianto principale:
Lettore SACD/DVDA: Yamaha S2700
Giradischi: Pro-ject Debut Carbon
Testina: Ortofon Super OM40
Pre Phono: NVA Phono 1
Pre-Amplificatore: Eden Passive Preamplifier
Finale: Advance Acoustics MAA406
Diffusori: Castle Conway 3 (moddati con dadi ciechi)

Impianto in camera:
Sorgente: iMac 27"
DAC: T.C. electronic Desktop Konnekt 6 (da moddare)
Giradischi: Rotel RP-900
Testina: Ortofon 2M Red
Pre Phono: Cambridge P540
Amplificatori: troppi (attualmente Sansui AU-217 II, rigenerato, da moddare)
Diffusori: Quad L-ite (da cambiare)
Amplificatore cuffie: Perreaux SXH2
Cuffie: HiFiMan HE-400, AKG K601, Creative Aurvana Live!, Xears XE200Pro, AKG Q460


http://16bitaudiophileproject.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  fritznet il Mar 27 Mag 2014 - 7:30

Il fatto è che non è solo suggestione, come vado invano ripetendo al mulo da mesi, in base a studi recenti sull'orecchio interno, pare che il ruolo della membrana tettoriale sia quello di vero e proprio equalizzatore, e pare anche che sia volontariamente alterabile, quando poniamo attenzione ad una determinata gamma di frequenze, quindi il nostro focus deliberato su una gamma di frequenze o su un aspetto singolo degli eventi musicali (ad esempio i decadimenti temporali, AKA microcontrasto  Laughing ), fa si che veramente la risposta in frequenza cambi, perchè cambia la risposta in frequenza del nostro sistema percettivo.

Molto di più che semplice suggestione.

http://neuroscience.uth.tmc.edu/s2/chapter12.html
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8923
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi


Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  robertopisa il Mar 27 Mag 2014 - 9:27

Probabilmente quando percepiamo un cambiamento è una combinazione della nostra percezione e di un effettivo cambiamento nel suono. In effetti c'è anche l'adattabilità della nostra specie, che ci ha aiutato nell'evoluzione e ci fa sembrare familiare qualunque ambiente dopo un po'. Questo anche contribuisce a farci adattare al nostro impianto, come scrive fritznet sopra. Quante volte è capitato di aumentare volontariamente la propria percezione uditiva con il parlato in un ambiente rumoroso?

Purtroppo questo mi rende sempre un po' scettico verso le recensioni dei singoli. Se da un lato le caratteristiche tecniche non dicono tutto della qualità sonora, oramai si sa, è anche vero che il singolo recensore che si tiene un mese un oggetto sta valutando in realtà la sua capacità di adattamento a quel suono. Ci sarebbe bisogno di avere diversi recensori o persone molto allenate. Se ci pensate è lo stesso problema di valutare la qualità dei vini, per esempio.

Nel mio caso, è stato ancora peggio perché non ho cambiato nulla se non leggermente la posizione della testa, che fa differenza ma non al punto da pensare che lo stesso brano ascoltato due volte siano due brani diversi. Un po' d'orecchio allenato ce l'ho, è questo che mi ha mandato in crisi... concordo con donluca, alla fine è una passione e vogliamo divertirci.... infatti a me piacevano entrambi i brani Laughing
avatar
robertopisa
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 08.04.10
Numero di messaggi : 1657
Provincia (Città) : Pisa
Impianto :
premi per vedere:


Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  pallapippo il Mar 27 Mag 2014 - 9:48

@robertopisa ha scritto:Probabilmente quando percepiamo un cambiamento è una combinazione della nostra percezione e di un effettivo cambiamento nel suono. In effetti c'è anche l'adattabilità della nostra specie, che ci ha aiutato nell'evoluzione e ci fa sembrare familiare qualunque ambiente dopo un po'. Questo anche contribuisce a farci adattare al nostro impianto, come scrive fritznet sopra. Quante volte è capitato di aumentare volontariamente la propria percezione uditiva con il parlato in un ambiente rumoroso?

Purtroppo questo mi rende sempre un po' scettico verso le recensioni dei singoli. Se da un lato le caratteristiche tecniche non dicono tutto della qualità sonora, oramai si sa, è anche vero che il singolo recensore che si tiene un mese un oggetto sta valutando in realtà la sua capacità di adattamento a quel suono. Ci sarebbe bisogno di avere diversi recensori o persone molto allenate.
 Ok Si dice che certi componenti necessitino di un periodo di rodaggio. Può essere possibile: ma ritengo che in realtà buona parte delle volte del rodaggio vero necessitino le nostre orecchie, che hanno bisogno di tempo per adattarsi e quindi per "capire" ed apprezzare qualcosa che lì per lì appariva "estraneo" e meno gradevole.

Hello
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5053
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: Geek Out 450;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  lukyluke il Mar 27 Mag 2014 - 9:51

Quanto hai descritto ritengo sia una esperienza che molti di noi hanno fatto, sono molte le condizioni a contorno che cambiano la nostra percezione, non solo di tipo fisiologico come proposto nell'articolo citato da Switter, ma penso anche psicologico. Come mi pare di aver descritto solo con delle prove a doppio cieco e con un rilevamento statistico si riesce ad avere dei dati congrui. D'altra parte alla fine quello che fà la differenza è ciò che ci piace, per cui viva l'Hi-Fun... ovviamente IMHO...
avatar
lukyluke
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 04.10.12
Numero di messaggi : 703
Località : Pont Canavese
Occupazione/Hobby : Automotive/Elettronica, fotografia, trekking... ecc...
Provincia (Città) : Torino
Impianto : vari..

Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  luigigi il Mar 27 Mag 2014 - 13:46

@robertopisa ha scritto:Questa sera l'impianto va che è una bellezza. Inizio con The Smashing Pumpkins, poi passo a Madredeus e, infine, per non farmi mancare nulla, Requiem di Mozart. Esecuzione di Labadie, arrivo al brano Lux AEterna: alla fine del brano, decido di confrontare subito quest'esecuzione con quella della Scottish Chamber Orchestra.

Prendo l'iPad e scelgo quindi il brano Lux AEterna del Requiem della SCO. Dico a me stesso: dunque, la solista e le voci del coro della SCO sono più asciutte di Labadie, mentre l'esecuzione di Labadie è più ricca e grassa; però l'esecuzione della SCO, pur essendo più asciutta ha un tono ambrato molto piacevole... questo per un bel po'... poi getto lo sguardo sull'iPad e mi accorgo che, per un mio errore, sto risentendo di nuovo Labadie...

Avrei potuto giurarci che mi sembrava di sentire un'esecuzione completamente diversa da Labadie e, invece, era sempre lo stesso brano di prima. Avrei potuto scommetterci 100 euro che era un'esecuzione diversa ma invece era solo un effetto placebo, perché il brano era lo stesso, stesso impianto e stessa posizione d'ascolto... Questo mi fa molto riflettere quando facciamo i confronti da soli sul suono dei vari DAC, cavi, ecc....
sei il mio idolo
avatar
luigigi
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 06.02.12
Numero di messaggi : 2692
Località : Padania inferiore
Occupazione/Hobby : Formatore , tecnico commerciale, chitarrista
Provincia (Città) : Lodi
Impianto : Dac R2R Soekis elaborato Ciro - CJ PV 10 (A?) - Am Audio A 50 -Magneplanar 1.6 - Cavi Pierpabass - Kimbre timbre -Qed silver - Supra -

http://digilander.libero.it/MSQuintet/

Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  mako il Mar 27 Mag 2014 - 13:52

Questi sono veri passi avanti...
Chissà magari psicologicamente entra in gioco l' attenzione selettiva della nostra coscienza. Potrebbe essere possibile anche che un fenomeno visivo che si manifesta riguardo a figure bistabili abbia un corrispondente a livello uditivo.
Per quanto riguarda il primo fenomeno non è difficile accorgersi che per esempio in un club affollato riusciamo ad ascoltare un nostro amico in mezzo ad una massa di stimoli che si sovrappongono. Mi chiedo quanto una selezione quantitativa di questo tipo possa considerarsi anche qualitativa nel momento in cui cerchiamo di stare attenti a certi timbri vocali piuttosto che altri filtrando sostanzialmente ciò che ascoltiamo.
Il secondo fenomeno invece è interessante per quanto riguarda l' impossibilità o per lo meno l' estrema difficoltà di mantenere l' attenzione su una figura in uno stimolo che ne contiene effettivamente due possibili. E' da affiancare anche il fenomeno di completamento per cui il nostro cervello tende come a completare confini che in realtà non sono presenti nello stimolo.
Non sono un esperto ma solo un osservatore affascinato dalle conquiste delle neuroscienze, prendete ciò che dico con le pinze;)
avatar
mako
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 23.10.13
Numero di messaggi : 705
Provincia (Città) : L'Alguer
Impianto : si riparte da zero

Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  robertopisa il Mar 27 Mag 2014 - 17:10

Ma de che', mi sa che sono un cojones... faccio tanto per migliorare il trattamento acustico della mia stanza, poi cervello+orecchie si adattano dopo un po' e lo considerano normale. Meglio che ascolto e mi godo la musica, tanto oramai quello che potevo fare l'ho fatto Laughing

@luigigi ha scritto:sei il mio idolo
avatar
robertopisa
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 08.04.10
Numero di messaggi : 1657
Provincia (Città) : Pisa
Impianto :
premi per vedere:


Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  robertopisa il Mar 27 Mag 2014 - 17:11

Mi si sono incrociati gli occhi, questo 3D sta diventando pericoloso per me Smile
-R

@mako ha scritto:Questi sono veri passi avanti...
Chissà magari psicologicamente entra in gioco l' attenzione selettiva della nostra coscienza. Potrebbe essere possibile anche che un fenomeno visivo che si manifesta riguardo a figure bistabili abbia un corrispondente a livello uditivo.
Per quanto riguarda il primo fenomeno non è difficile accorgersi che per esempio in un club affollato riusciamo ad ascoltare un nostro amico in mezzo ad una massa di stimoli che si sovrappongono. Mi chiedo quanto una selezione quantitativa di questo tipo possa considerarsi anche qualitativa nel momento in cui cerchiamo di stare attenti a certi timbri vocali piuttosto che altri filtrando sostanzialmente ciò che ascoltiamo.
Il secondo fenomeno invece è interessante per quanto riguarda l' impossibilità o per lo meno l' estrema difficoltà di mantenere l' attenzione su una figura in uno stimolo che ne contiene effettivamente due possibili. E' da affiancare anche il fenomeno di completamento per cui il nostro cervello tende come a completare confini che in realtà non sono presenti nello stimolo.
Non sono un esperto ma solo un osservatore affascinato dalle conquiste delle neuroscienze, prendete ciò che dico con le pinze;)
avatar
robertopisa
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 08.04.10
Numero di messaggi : 1657
Provincia (Città) : Pisa
Impianto :
premi per vedere:


Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  Marco Ravich il Mar 27 Mag 2014 - 17:15

Ecco perché si dovrebbe sempre usare il metodo ABX per fare i confronti...
avatar
Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3942
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  mako il Mar 27 Mag 2014 - 17:28

[quote="robertopisa"]Mi si sono incrociati gli occhi, questo 3D sta diventando pericoloso per me Smile
-R

attento sono simboli subliminali Wink
avatar
mako
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 23.10.13
Numero di messaggi : 705
Provincia (Città) : L'Alguer
Impianto : si riparte da zero

Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  mako il Mar 27 Mag 2014 - 17:31

@fritznet ha scritto:Il fatto è che non è solo suggestione, come vado invano ripetendo al mulo da mesi,  in base a studi recenti sull'orecchio interno, pare che il ruolo della membrana tettoriale sia quello di vero e proprio equalizzatore, e pare anche che sia volontariamente alterabile, quando poniamo attenzione ad una determinata gamma di frequenze, quindi il nostro focus deliberato su una gamma di frequenze o su un aspetto singolo degli eventi musicali (ad esempio i decadimenti temporali, AKA microcontrasto  Laughing ), fa si che veramente la risposta in frequenza cambi, perchè cambia la risposta in frequenza del nostro sistema percettivo.

Molto di più che semplice suggestione.

http://neuroscience.uth.tmc.edu/s2/chapter12.html

Non avevo letto il tuo post...queste "nuove" scienze stanno guadagnando terreno eh?!
avatar
mako
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 23.10.13
Numero di messaggi : 705
Provincia (Città) : L'Alguer
Impianto : si riparte da zero

Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  Zio il Mar 27 Mag 2014 - 17:48

@Marco Ravich ha scritto:Ecco perché si dovrebbe sempre usare il metodo ABX per fare i confronti...

Perdona la mia ignoranza, ma cosa è il metodo ABX?
avatar
Zio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 06.04.13
Numero di messaggi : 2684
Provincia (Città) : Parma e Verona
Impianto :
Clicca se sei curioso:
Impianto in uso:
- Notebook con Foobar su W7
- Netbook con Daphile
- Douk DAC
- Marantz SR-4400
- Advance Acoustic MAA 406
- Dipolo Diy
- Cavi segnale RCA Diy very cheap
- Cavi potenza TNT Star Diy
- SUB JBL Diy per prima ottava
Nel cassetto:
- Yarland M34 con KT66
- Abletec ALC240
- Luxman C-03
- Breeze Audio TPA3116
- Marantz CD-67 SE
- Thorens TD180 con Goldring 10-20
- EQ YAMAHA EQ-500
- DAC Tascam us144 mkii
- Scythe SCBKS-1100 Kro Craft
- qualche altoparlante
- componenti per Crossover a volontà...
- Notebook con REW e microfono


Clicca se NON sei curioso:
Ma se non sei curioso...
perchè hai cliccato!!





Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  portnoy1965 il Mar 27 Mag 2014 - 18:10

@Zio ha scritto:
@Marco Ravich ha scritto:Ecco perché si dovrebbe sempre usare il metodo ABX per fare i confronti...

Perdona la mia ignoranza, ma cosa è il metodo ABX?

Giusta osservazione !!

Io sono rimasto all'ABS..

Spiega spiega  Smile 
avatar
portnoy1965
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 11.05.12
Numero di messaggi : 689
Località : prato
Occupazione/Hobby : Come Filini e Fantozzi / Lettura Cinema
Provincia (Città) : Prato (Prato)
Impianto :
Spoiler:


Technics SL1200Mk2
Pc/Foobar2000
Lettore CD: Marantz CD6005
Dac Gold Note Dac 7
Roksan Kandy K2
Yamaha RX V1073
Yamaha CA 610
Diffusori:
Q Acoustics 3050 + 3090 + SVS SB 1000
Cavi: In rame
Cuffie:
Sennheiser HD 598
Beyerdynamic DT 990
Koss Porta Pro
Jvc HA-S400




Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  fritznet il Mar 27 Mag 2014 - 19:06

@mako ha scritto:

Non avevo letto il tuo post...queste "nuove" scienze stanno guadagnando terreno eh?!

Pensa che (magari lo sai già  Hehe )  l'orecchio interno oltre a trasdurre i suoni e i rumori in impulsi nervosi, emette esso stesso dei suoni, anche questa è una scoperta recente, come la funzione della membrana tettoriale, o meglio, del fatto che sia modificabile a volontà, la funzione base credo sia nota da parecchio.

Perchè "nuove" ?
Credo che le basi della neurologia siano state poste nell'800 o giù di lì, era ironico, presumo? Wink


@ zio, @ portnoy ABX è la metodica delle prove in doppio cieco:

http://it.wikipedia.org/wiki/Alta_fedelt%C3%A0

alla voce: VAlutazione della fedeltà etc.
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8923
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi


Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  beppe61 il Mar 27 Mag 2014 - 19:30

@fritznet ha scritto:
Pensa che (magari lo sai già  Hehe )  l'orecchio interno oltre a trasdurre i suoni e i rumori in impulsi nervosi, emette esso stesso dei suoni

Proprio come le testine dei giradischi, ed ecco dimostrata un'altra volta la superiorita' dell'analogico...   Smile Smile Smile 
 Hello

beppe61
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 11.07.10
Numero di messaggi : 1601
Località : .
Provincia (Città) : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  mako il Mar 27 Mag 2014 - 20:08

@fritznet ha scritto:
@mako ha scritto:

Non avevo letto il tuo post...queste "nuove" scienze stanno guadagnando terreno eh?!

Pensa che (magari lo sai già  Hehe )  l'orecchio interno oltre a trasdurre i suoni e i rumori in impulsi nervosi, emette esso stesso dei suoni, anche questa è una scoperta recente, come la funzione della membrana tettoriale, o meglio, del fatto che sia modificabile a volontà, la funzione base credo sia nota da parecchio.

Perchè "nuove" ?
Credo che le basi della neurologia siano state poste nell'800 o giù di lì, era ironico, presumo? Wink


@ zio, @ portnoy  ABX è la metodica delle prove in doppio cieco:

http://it.wikipedia.org/wiki/Alta_fedelt%C3%A0

alla voce: VAlutazione della fedeltà etc.



Sì le basi neurologiche non sono recentissime anzi... ma il costituirsi di uno spettro abbastanza florido e solido di discipline neuroscientifiche risale a tempi abbastanza recenti. In sostanza si sono sviluppate le tecnologie utili a fornire un enorme quantità di dati sempre più specifici, cosa che in passato non era possibile. In pratica c'è stata un' esplosione scientifica
Interessante la questione sull' udito, stanno apparendo risultati che dimostrano la non esclusiva passività dei sensi, un loro carattere attivo...nei prossimi decenni ne vedremo delle belle
avatar
mako
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 23.10.13
Numero di messaggi : 705
Provincia (Città) : L'Alguer
Impianto : si riparte da zero

Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  fritznet il Mar 27 Mag 2014 - 20:30

@beppe61 ha scritto:
@fritznet ha scritto:
Pensa che (magari lo sai già Hehe ) l'orecchio interno oltre a trasdurre i suoni e i rumori in impulsi nervosi, emette esso stesso dei suoni

Proprio come le testine dei giradischi, ed ecco dimostrata un'altra volta la superiorita' dell'analogico... Smile Smile Smile
Hello

vero, chissà se anche i microfoni emettono dei suoni mentre trasducono Mmm

va chiesto al Valter Laughing

@mako ha scritto:
Sì le basi neurologiche non sono recentissime anzi... ma il costituirsi di uno spettro abbastanza florido e solido di discipline neuroscientifiche risale a tempi abbastanza recenti. In sostanza si sono sviluppate le tecnologie utili a fornire un enorme quantità di dati sempre più specifici, cosa che in passato non era possibile. In pratica c'è stata un' esplosione scientifica
Interessante la questione sull' udito, stanno apparendo risultati che dimostrano la non esclusiva passività dei sensi, un loro carattere attivo...nei prossimi decenni ne vedremo delle belle

Non sono molto addentro alle tematiche (anche qui purtroppo lacune a profusione sui basilari ad es. biochimica, anatomia etc) ma sono argomenti terribilmente interessanti, e anche da profano ho avuto la stessa impressione, ovvero che la tecnologia stia aiutando anche la scienza e non solo l'evoluzione dei telefonini  Sad  Laughing 
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8923
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi


Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  portnoy1965 il Mar 27 Mag 2014 - 21:42

@fritznet ha scritto:
@mako ha scritto:

Non avevo letto il tuo post...queste "nuove" scienze stanno guadagnando terreno eh?!

Pensa che (magari lo sai già  Hehe )  l'orecchio interno oltre a trasdurre i suoni e i rumori in impulsi nervosi, emette esso stesso dei suoni, anche questa è una scoperta recente, come la funzione della membrana tettoriale, o meglio, del fatto che sia modificabile a volontà, la funzione base credo sia nota da parecchio.

Perchè "nuove" ?
Credo che le basi della neurologia siano state poste nell'800 o giù di lì, era ironico, presumo? Wink


@ zio, @ portnoy  ABX è la metodica delle prove in doppio cieco:

http://it.wikipedia.org/wiki/Alta_fedelt%C3%A0

alla voce: VAlutazione della fedeltà etc.

Come nel vino insomma  Smile 
avatar
portnoy1965
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 11.05.12
Numero di messaggi : 689
Località : prato
Occupazione/Hobby : Come Filini e Fantozzi / Lettura Cinema
Provincia (Città) : Prato (Prato)
Impianto :
Spoiler:


Technics SL1200Mk2
Pc/Foobar2000
Lettore CD: Marantz CD6005
Dac Gold Note Dac 7
Roksan Kandy K2
Yamaha RX V1073
Yamaha CA 610
Diffusori:
Q Acoustics 3050 + 3090 + SVS SB 1000
Cavi: In rame
Cuffie:
Sennheiser HD 598
Beyerdynamic DT 990
Koss Porta Pro
Jvc HA-S400




Tornare in alto Andare in basso

Re: clamoroso autogoal ascoltando Requiem di Mozart

Messaggio  mako il Mar 27 Mag 2014 - 23:05



Come nel vino insomma  Smile [/quote]

Assolutamente sì, se poi pensi che tra i somelieur si parla anche di palato assoluto...
avatar
mako
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 23.10.13
Numero di messaggi : 705
Provincia (Città) : L'Alguer
Impianto : si riparte da zero

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 4 1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum