T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11776 utenti, con i loro 820036 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Condividi

descriptionAmante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
Ciao a tutti, sono nuovo, mi chiamo Francesco ho 23 anni e amo la musica da sempre praticamente.
Ascolto i più svariati generi dall'elettronica all'house commerciale passando per il rock, metal, pop, dub step, drum and bass, ecc
Per farmi alcuni nomi direi:
30 Seconds To Mars, Blink182, Bon Jovi, Chevelle, Coldplay, Deadmau5, Deftones, Eminem, Evanescence, Foo Fighters, Incubus, Green Day, Radiohead, Skrillex, David Guetta, Muse, Metallica, Phoenix, The Killers, Stateless, Red Hot CL, Queens Of The Stone Age, Massive Attack, e davvero tantissimi altri.

Naturalmente sono quasi tutti mp3 320k aquistati da itunes, ma ora avverto la necessità di assemblarmi un ottimo impianto HI FI con 2 diffusori passivi, un amplificatore e un lettore CD. Sarà la volta buona che acquisterò molti album originali con qualità superiore al pur sempre ottimo mp3 320k.

La mia paura è che 2 casse non bastino per avere dei buoni bassi visto che moltissima musica che ascolto ha bisogno di un basso vivo per non rendere monotono e poco avvincente l'ascolto.

Altra cosa che ho letto e che se non si posizionano bene i due diffusori si rischia di non sfruttarli a dovere.
La mia stanza è rettangolare e sarà un 2.3m di larghezza e un 5/6m di lunghezza. Io però l'ascolto lo potrei effettuare da seduto al pc oppure da steso sul letto, insomma non ho una posizione per ascoltare, quindi dove li dovrei posizionare? Avevo pensato ai due angoli opposti della stanza in diagonale, ma poi avrei il problema dei fili, quindi non so proprio come fare. Le poggerei o sul mobile oppure su qualche supporto a parete visto che vorrei ottimizzare al massimo lo spazio non comprando dei supporti a pavimento.

Come cifra vorrei rimanere entro i 6/700€.

per quanto riguarda il lettore CD pensavo al Teac CDP650CD visto che ha anche l'entrata USB, magari in futuro potrà tornarmi utile..
mentre come amplificatore pensavo a tipo un TEAC AG-790 per rimanere nella stessa casa del lettore, inoltre in giro si dice sia ottimo per quel prezzo. L'alternativa sarebbe Marantz PM5004 o Denon PMA720AE.

Discorso diffusori mi sembrano interessanti le Indiana Tesi 260. Salendo però di un 50€ ci sono le Monitor Audio Bronze BX2 che sovrastano su tutto le indiana (almeno leggendo le caratteristiche).
Ben più economiche sono le Tannoy Mercury V1i che a differenza del modello V1 sembrano ulteriormente migliorate sul lato risposta di frequenza, prendendo un range ancora piu ampio rispetto alle Monitor Audio, naturalmente sempre su carta..

Aspetto un vostro prezioso consiglio.

Buona domenica a tutti Smile e grazie mille


descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
L'ampli teac ha anche il sintonizzatore, ascolti musica dalla radio? Altrimenti potresti prendere altro, premesso che non ho mai ascoltato il teac, ho ascoltato invece il denon e per quel prezzo ne vale veramente la pena oppure potresti prendere in considerazione anche lo yamaha as 300, però entrambi sono senza sintonizzatore (ma oramai ci sono le web radio ). Stessa cosa per il lettore cd, se l'impianto verrà posizionato vicino al pc perché non sfrutti il lettore interno? Ti basta comprare un DAC per meno di 100 euri e tutto quello che risparmi lo puoi investire nei diffusori; naturalmente prendendo dei diffusori da scaffale non puoi aspettarti dei bassi molto profondi ma se hai la possibilità potresti optare per quelli da pavimento (anche perché se dopo li metti su dei supporti quelli da scaffale ti occuperanno lo stesso spazio di quelli da pavimento) che sicuramente ti daranno una risposta in frequenza maggiore sulle note basse. Per il posizionamento metterle in diagonale è sbagliato devi trovare il modo di metterle sullo stesso lato. Spero di averti chiarito qualche dubbio  Smile

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
Come sopra...
taglia il costo del CD player, inizia ad usare un PC per la musica liquida e metti quello che risparmi sui diffusori... Wink

_________________
Gianni
Tra i piaceri della vita, solo all'amore la musica è seconda. Ma l'amore stesso è musica. Puskin Aleksandr

descriptionimpianto stereo base

more_horiz
ampli nad 316bee €350- casse indiana line tesi260 €220- scheda audio asus usb xonar u3 €30 - tptale € 600 - io ce l'ho a casa e va benissimo oltre le aspettative,bassi belli profondi e frenati (ovviamente non da sub) immagine splendida definizione ottima,dopo un mesetto che lo usi inizia a dare il meglio di se,non comprare il cd usa il pc ,scarica in flac e non in mp3 e usa foobar come player multimediale, tra qualche anno i cd scompariranno e poi costano un botto,non spendere soldi per cavi e altri accessori,per sentire un impianto entry level con il pc come sorgente bastano componenti economici,ciao, non ti pentirai.

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
grazie ragazzi per le risposte preziose. allora parto dall'inizio:
la radio non mi interessa. come ampli appunto avevo pensato proprio al denon 720ae. le casse prendo le M Audio BX2 mentre per quanto riguarda il lettore cd, io voglio un impianto hi fi totalmente indipendente dal pc. per questo la mia intenzione è acquistare lettore cd e album.
Quindi quale lettore merita?
Inoltre non avendo lo spazio come ho detto prima di avere dei supporti da pavimento per i diffusori, dovrei attaccarli alla parete con cosa?

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
@Frafra91 ha scritto:
grazie ragazzi per le risposte preziose. allora parto dall'inizio:
la radio non mi interessa. come ampli appunto avevo pensato proprio al denon 720ae. le casse prendo le M Audio BX2 mentre per quanto riguarda il lettore cd, io voglio un impianto hi fi totalmente indipendente dal pc. per questo la mia intenzione è acquistare lettore cd e album.
Quindi quale lettore merita?
Inoltre non avendo lo spazio come ho detto prima di avere dei supporti da pavimento per i diffusori, dovrei attaccarli alla parete con cosa?


alloar perchè non dirottarsi su cocktail x 10 . puoi partire addirittura solo con lui . ha un'ampli interno da 30 w x canale . è un lettore cd . è uno storage , puo' leggere chiavette usb . puoi caricare al suo interno tutto cio' che vuoi se gli metti un hard disk sata da 3'5 , puoi inserire hard disk fino a 2 tera e dulcis in fundo se è collegato alla rete ( il mio è collegato wifi ). dimenticavo ha un dac interno molto performante puoi sentire tutte le radio del mondo in streaming .
usa il resto del budget x le casse , poi potrai ampliare il tutto con un ampli + performante , ma con calma

io adesso l'ho collegato al mio ampli a valvole

per i diffusori , potresti mettere 2 mensoline, ma occhio al peso , oppure buttati sull'autocostruzione. esempio dei piccoli monovia , non sono affatto da trascurare

http://www.cocktailaudio.it/cocktail-audio-x10/

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
i diffusori non vanno attaccati alla parete, a meno che non siano progettati appositamente, anzi dovrebbero essere distanziati dalla parete per dare il meglio di se, quindi puoi prendere diffusori che costano un casino ma se posizionati in modo sbagliato suoneranno peggio di diffusori economici posizionati bene, spero di averti chiarito il concetto. Ripeto che secondo me non è una buona soluzione spendere soldi per un lettore cd, se prendi un DAC e lo colleghi al pc non avrai una qualità inferiore, anzi sarà pari se non addirittura superiore a quella di un lettore cd economico.

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
@Frafra91 ha scritto:
Ciao a tutti, sono nuovo, mi chiamo Francesco ho 23 anni e amo la musica da sempre praticamente.
Ascolto i più svariati generi dall'elettronica all'house commerciale passando per il rock, metal, pop, dub step, drum and bass, ecc
Per farmi alcuni nomi direi:
30 Seconds To Mars, Blink182, Bon Jovi, Chevelle, Coldplay, Deadmau5, Deftones, Eminem, Evanescence, Foo Fighters, Incubus, Green Day, Radiohead, Skrillex, David Guetta, Muse, Metallica, Phoenix, The Killers, Stateless, Red Hot CL, Queens Of The Stone Age, Massive Attack, e davvero tantissimi altri.

Naturalmente sono quasi tutti mp3 320k aquistati da itunes, ma ora avverto la necessità di assemblarmi un ottimo impianto HI FI con 2 diffusori passivi, un amplificatore e un lettore CD. Sarà la volta buona che acquisterò molti album originali con qualità superiore al pur sempre ottimo mp3 320k.

La mia paura è che 2 casse non bastino per avere dei buoni bassi visto che moltissima musica che ascolto ha bisogno di un basso vivo per non rendere monotono e poco avvincente l'ascolto.

Altra cosa che ho letto e che se non si posizionano bene i due diffusori si rischia di non sfruttarli a dovere.
La mia stanza è rettangolare e sarà un 2.3m di larghezza e un 5/6m di lunghezza. Io però l'ascolto lo potrei effettuare da seduto al pc oppure da steso sul letto, insomma non ho una posizione per ascoltare, quindi dove li dovrei posizionare? Avevo pensato ai due angoli opposti della stanza in diagonale, ma poi avrei il problema dei fili, quindi non so proprio come fare. Le poggerei o sul mobile oppure su qualche supporto a parete visto che vorrei ottimizzare al massimo lo spazio non comprando dei supporti a pavimento.

Come cifra vorrei rimanere entro i 6/700€.

per quanto riguarda il lettore CD pensavo al Teac CDP650CD visto che ha anche l'entrata USB, magari in futuro potrà tornarmi utile..
mentre come amplificatore pensavo a tipo un TEAC AG-790 per rimanere nella stessa casa del lettore, inoltre in giro si dice sia ottimo per quel prezzo. L'alternativa sarebbe Marantz PM5004 o Denon PMA720AE.

Discorso diffusori mi sembrano interessanti le Indiana Tesi 260. Salendo però di un 50€ ci sono le Monitor Audio Bronze BX2 che sovrastano su tutto le indiana (almeno leggendo le caratteristiche).
Ben più economiche sono le Tannoy Mercury V1i che a differenza del modello V1 sembrano ulteriormente migliorate sul lato risposta di frequenza, prendendo un range ancora piu ampio rispetto alle Monitor Audio, naturalmente sempre su carta..

Aspetto un vostro prezioso consiglio.

Buona domenica a tutti :)e grazie mille




Ciao, e compimenti per l'entusiasmo. Smile

Dunque, inanzitutto i diffusori in diagonale, per favore NO. Almeno, se vuoi partire con il piede giusto!
Il tuo ambiente è "bruttino" per proporzioni (è molto allungato), e per darti i migliori consigli servirebbe vederlo in un disegno, a grandi linee. Compresa la mobilia principale.
Per questo , aspetto tue info.

Saltando ai consigli per gli acquisti (che butto lì, senza sapere come è il tuo ambiente, per ora...) noto che ascolti musica parecchio pompata sui bassi, e comunque tendenzialmente Rock, Pop, HipHop. Insomma, musica elettronica, che richiede in primis ampie capacità dinamiche alle basse frequenze, e poi un decente equilibrio generale.

In attesa della pianta della stanza, presumo che comunque vada piazzerai i diffusori vicino agli angoli (ma NON in diagonale).
In quella posizione possono suonare decentemente, e con buona cattiveria, le Indiana Line DJ310.
Le provai qui: http://autocostruzione.altervista.org/RadiotehnicaSM-300_VS_IL_DJ310.html
Con la musica classica e jazz, non sono assolutamenteun granchè, ma con la musica che ascolti tu (e presumendo "come" ti piace ascoltarla) piazzandole vicino ad una parete sapranno dare le giuste emozioni. Te le consiglio0 perché nascono per stare vicino ad una parete, e non capita facilmente con altri prodotti.
In realtà sono appena uscite di listino, e sono rimaste le "DJ308" (hanno woofer da 20cm, anziché 25). Io proverei a cercare le "310" che si trovano come rimanenza  attorno ai 300 euro la coppia.

Come amplificatore, per non ascoltarle in clipping (distorsione) te ne consiglio uno abbastanza tosto; come per esempio il seguente, che a quel prezzo è un buon affare:
http://www.lyrics.it/index.php?route=product/product&product_id=478

Come cd player, in gamma economica , e con le tue esigenze, più o meno tutti si equivalgono; il seguente è un buon  oggetto:
http://www.lyrics.it/index.php?route=product/product&path=79_25&product_id=1482&sort=p.price&order=ASC

Indiana Line DJ 310 + Aeron A4 + Cd-player Cambridge audio = circa 800 euro.
Pressione sonora e dinamica assicurate. Inoltre sono oggetti, per quanto non "audiophile", sicuramente molto ben pensati per le tue esigenze, e che possono garantire belle emozioni con la musica che tu ascolti.
Per le DJ310, se vuoi, sento direttamente l'ufficio vendite di Indiana Line, se sono ancora disponibili. Senza impegno!

E' solo un esempio. Smile

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
Le M-Audio sono monitor attivi e non serve l'amplificatore, ma un preamplificatore. A questo punto basta un DAC con uscita pre amplificata collegata direttamente ai monitor.

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
@LUCIANO TADDEI ha scritto:
ampli nad 316bee €350- casse indiana line tesi260 €220- scheda audio asus usb xonar  u3 €30 - tptale € 600 - io ce l'ho a casa e va benissimo oltre le aspettative,bassi belli profondi e frenati (ovviamente non da sub) immagine splendida definizione ottima,dopo un mesetto che lo usi inizia a dare il meglio di se,non comprare il cd usa il pc ,scarica in flac e non in mp3 e usa foobar come player multimediale, tra qualche anno i cd scompariranno e poi costano un botto,non spendere soldi per cavi e altri accessori,per sentire un impianto entry level con il pc come sorgente bastano componenti economici,ciao, non ti pentirai.

Dubito sulla scomparsa dei cd, stanno ritornando i dischi in vinile, addirittura alcuni produttori stanno rimettendo in catalogo i giradischi.

descriptionfuturo dell'hifi

more_horiz
certo non scompariranno del tutto ma rimarranno un mercato di nicchia come adesso per il vinile e i giradischi,io ascolto musica liquida da ormai diversi anni e compro cd saltuariamente,quando voglio ascoltare benissimo qualche album che già conosco,il futuro è questo,addirittura si avranno archivi on line dove ognuno potrà ascoltare quello che vuole,certo non sarà il massimo ma così è e sarà sempre di più.con l'evoluzione della tecnologia si raggiungeranno risultati impensabili ora,ovviamente la catena hifi deve essere elevata ma non necessariamente stratosferica,del resto è impensabile che un cd possa costare 25/30 e passa euro quando la stessa musica la puoi ascoltare ad un livello accettabile a 1/3 del prezzo (anche meno),la differenza tra un cd originale e uno fatto in casa nel migliore dei modi non giustifica la differenza di prezzo nell'ascolto con sistemi hifi di fascia media o bassa,diverso il discorso se si parla di hi-end ma appunto un mercato di nicchia dove i prezzi sono dettati da altre logiche di mercato e dalla passione di pochi fans dell'hifi tradizionale disposti a tutto pur di avere quelle sfumature di ascolto che solo supporti fisici di qualità possono dare. ciao Luciano

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
@LUCIANO TADDEI ha scritto:
certo non scompariranno del tutto ma rimarranno un mercato di nicchia come adesso per il vinile e i giradischi,io ascolto musica liquida da ormai diversi anni e compro cd saltuariamente,quando voglio ascoltare benissimo qualche album che già conosco,il futuro è questo,addirittura si avranno archivi on line dove ognuno potrà ascoltare quello che vuole,certo non sarà il massimo ma così è e sarà sempre di più.con l'evoluzione della tecnologia si raggiungeranno risultati impensabili ora,ovviamente la catena hifi deve essere elevata ma non necessariamente stratosferica,del resto è impensabile che un cd possa costare 25/30 e passa euro quando la stessa musica la puoi ascoltare ad un livello accettabile a 1/3 del prezzo (anche meno),la differenza tra un cd originale e uno fatto in casa nel migliore dei modi non giustifica la differenza di prezzo nell'ascolto con sistemi hifi di fascia media o bassa,diverso il discorso se si parla di hi-end ma appunto un mercato di nicchia dove i prezzi sono dettati da altre logiche di mercato e dalla passione di pochi fans dell'hifi tradizionale disposti a tutto pur di avere quelle sfumature di ascolto che solo supporti fisici di qualità possono dare. ciao Luciano


L'importante è che la musica liquida non sia in formato MP3 (ossia con perdita di informazioni); quello va bene in macchina od alle cuffiette......
Insomma, l'importante per un impianto HiFi (anche di fascia bassa) è che i formati musicali siano LOSSLESS (senza perdita di informazioni, tipo .flac o .wav)

Ciao!

descriptionmusica liquida

more_horiz
dipende molto cosa e da dove scarichi, classica jazz pop acustico deve essere rigorosamente losses ,musica elettronica rock può anche essere in mp3 320 kb, anche se per avere flac o waw perfetti bisognerebbe partire dal cd originale,vi sono però alcuni siti dai quali è possibile scaricare buoni cd, spesso però sono flac taroccati ottenuti artificialmente aumentando il campionamento ,non ho capito bene come funziona ma l'ho letto da qualche parte, devo dire anche che io ascolto molto radio satellitari come swiss jazz e credo che non possa superare i 192 kb in mp3 eppure l'ascolto è molto godibile e profondo sia come scena che come dettaglio,sarà sicuramente sapientemente equalizzato e processato da dsp potenti ma l'ascolto è buono, penso che la psicoacustica sia una materia ancora inesplorata e possa darci notevoli sorprese in futuro, comunque ogni audiofilo dovrebbe avere in memoria un termine di paragone realistico come un concerto a teatro o un ascolto in qualche locale di un quartetto jazz dal vivo,ma basta anche una banda paesana che passa per le vie del paese per avere una idea di cosa è la musica senza nessuna distorsione e senza fastiose colorazioni date dall'ambiente e dalle elettroniche,alla fine però poi ognuno trova la sua dimensione nell'ascolto della musica come in ogni aspetto della vita, ciao e buona serata.

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
@LUCIANO TADDEI ha scritto:
dipende molto cosa e da dove scarichi, classica jazz pop acustico deve essere rigorosamente losses ,musica elettronica rock può anche essere in mp3 320 kb, anche se per avere flac o waw perfetti bisognerebbe partire dal cd originale,vi sono però alcuni siti dai quali è possibile scaricare buoni cd, spesso però sono flac taroccati ottenuti artificialmente aumentando il campionamento ,non ho capito bene come funziona ma l'ho letto da qualche parte, devo dire anche che io ascolto molto radio satellitari come swiss jazz e credo che non possa superare i 192 kb in mp3 eppure l'ascolto è molto godibile e profondo sia come scena che come dettaglio,sarà sicuramente sapientemente equalizzato e processato da dsp potenti ma l'ascolto è buono, penso che la psicoacustica sia una materia ancora inesplorata e possa darci notevoli sorprese in futuro, comunque ogni audiofilo dovrebbe avere in memoria un termine di paragone realistico come un concerto a teatro o un ascolto in qualche locale di un quartetto jazz dal vivo,ma basta anche una banda paesana che passa per le vie del paese per avere una idea di cosa è la musica senza nessuna distorsione e senza fastiose colorazioni date dall'ambiente e dalle elettroniche,alla fine però poi ognuno trova la sua dimensione nell'ascolto della musica come in ogni aspetto della vita, ciao e buona serata.

In linea di massima sono d'accordo.
In ogni caso, FLAC non è di per se garanzia di migliore qualità di un altro tipo di file lossless, ma è semplicemente un eccellente maniera per comprimere al massimo, e senza perdite di informazioni, una traccia musicale.
E la frequenza di campionamento da SOLO il potenziale qualitativo, ma non la qualità effettiva; ho molti file FLAC a 48Khz-24 bit che vanno meglio di alcuni 192-24! Dipende tutto dall'equilibrio del mixaggio e dalla quantità di compressione inserita.

Ciao!

descriptionmusica liquida

more_horiz
scusami,approfitto della tua competenza per togliermi alcuni dubbi irrisolti nelle mie scarse conoscenze tecniche: i files riprodotti dal mio vecchio sony vaio usato solo per l'ascolto della musica e mandati alla scheda audio esterna creative sound blaster x-fi sono flac o mp3 320 kb... la scheda è settata per 24bit/48khz oltre non va... ma perchè in origine dei files è così o per limiti della scheda? se poi riproduco musica con qualità inferiore le riproduzione avverà sempre con la caratteristica originaria o comunque verrà elaborata con i settaggi "migliori"? ti chiedo questo perchè settando la scheda audio con parametri inferiori sento un peggioramento del suono anche con files che in teoria non dovrebbero beneficiare di una qualità di conversione migliore.il miglioramento rispetto al dac interno al pc è notevole ma esso è dovuto all'utilizzo dell'uscita usb che va al dac o alla mancata uscita cuffia preamplificata analogica che va all'ampli? o a entrambe le cose? scusami ma dopo anni di ascolto con lp o cd ho scoperto la musica liquida che mi aiuta molto nelle mie ore di lavoro a casa durante il giorno e la notte,sono disabile e effettuo il telelavoro in un call center internazionale,non ho possibilità di partecipare a mostre e convegni su hifi o simili, mi farebbe molto piacere un chiarimento sulla musica riprodotta digitalmente dal pc o altri formati multimediali per sapere dove posso arrivare con la qualità della riproduzione audio,in conclusione della mia domanda:la musica riprodotta dal mio stereo tramite pc è paragonabile ad un impianto simile dotato di cd player sui 300/400 € rimanendo inalterati i componenti a valle? ampli nad316bee e casse wharfedale vr400 o indiana line tesi 260? in teoria ovviamente,le variabili sono molte ma solo considerando la sorgente? tieni conto che il valore è 350 ampli 250 casse 50 scheda audio 40 cavi,avevo un cd nad nuovissimo 315bee ma l'ho dato indietro perchè troppo cupo e poco dettagliato in cambio delle wharfedale che mi hanno deluso alquanto,meglio le piccole indiana line,più veloci dettagliate,bassi profondi e frenati,scena ampia e profonda, vengo da un precedente impianto sub + satelliti bose di notevole valore quindi non mi manca esperienza di bassi profondi e di impatto ma per 250€ non mi aspettavo tale qualità dalle piccole ma robuste indiana, notevoli come precisione e fedeltà anche a basso volume di notte,veramente una piacevole sorpresa! allora,la musica liquida di qualità riprodotta dal pc pur con l'ausilio di scheda audio esterna può competere con sorgenti cd di qualità media nell'ambito di impianti di fascia medio/bassa sia pur di ispirazione hifi come il mio?

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
@LUCIANO TADDEI ha scritto:
scusami,approfitto della tua competenza per togliermi alcuni dubbi irrisolti nelle mie scarse conoscenze tecniche: i files riprodotti dal mio vecchio sony vaio usato solo per l'ascolto della musica e mandati alla scheda audio esterna creative sound blaster x-fi sono flac o mp3 320 kb... la scheda è settata per 24bit/48khz oltre non va... ma perchè in origine dei files è così o per limiti della scheda? se poi riproduco musica con qualità inferiore le riproduzione avverà sempre con la caratteristica originaria o comunque verrà elaborata con i settaggi "migliori"? ti chiedo questo perchè settando la scheda audio con parametri inferiori sento un peggioramento del suono anche con files che in teoria non dovrebbero beneficiare di una qualità di conversione migliore.il miglioramento rispetto al dac interno al pc è notevole ma esso è dovuto all'utilizzo dell'uscita usb che va al dac o alla mancata uscita cuffia preamplificata analogica che va all'ampli? o a entrambe le cose? scusami ma dopo anni di ascolto con lp o cd ho scoperto la musica liquida che mi aiuta molto nelle mie ore di lavoro a casa durante il giorno e la notte,sono disabile e effettuo il telelavoro in un call center internazionale,non ho possibilità di partecipare a mostre e convegni su hifi o simili, mi farebbe molto piacere un chiarimento sulla musica riprodotta digitalmente dal pc o altri formati multimediali per sapere dove posso arrivare con la qualità della riproduzione audio,in conclusione della mia domanda:la musica riprodotta dal mio stereo tramite pc è paragonabile ad un impianto simile dotato di cd player sui 300/400 € rimanendo inalterati i componenti a valle? ampli nad316bee e casse wharfedale vr400 o indiana line tesi 260? in teoria ovviamente,le variabili sono molte ma solo considerando la sorgente? tieni conto che il valore è 350 ampli 250 casse 50 scheda audio 40 cavi,avevo un cd nad nuovissimo 315bee ma l'ho dato indietro perchè troppo cupo e poco dettagliato in cambio delle wharfedale che mi hanno deluso alquanto,meglio le piccole indiana line,più veloci dettagliate,bassi profondi e frenati,scena ampia e profonda, vengo da un precedente impianto sub + satelliti bose di notevole valore quindi non mi manca esperienza di bassi profondi e di impatto ma per 250€ non mi aspettavo tale qualità dalle piccole ma robuste indiana, notevoli come precisione e fedeltà anche a basso volume di notte,veramente una piacevole sorpresa! allora,la musica liquida di qualità riprodotta dal pc pur con l'ausilio di scheda audio esterna può competere con sorgenti cd di qualità media nell'ambito di impianti di fascia medio/bassa sia pur di ispirazione hifi come il mio?


Per risponderti a tutto in maniera esauriente ci vorrebbe una giornata! Smile

Faccio una serie di considerazioni, che indirettamente rispondono alle tue domande:
1) In ambito HiFi un impianto deve essere in grado di poter riprodurre frequenze fino a circa 20000hz. Devi sapere che , sostanzialmente, se adotto una frequenza di campionamento di 48000hz (48Khz), la massima frequenza riproducibile teorica è esattamente la metà. 24Khz. Con i file "Cd-audio" la frequenza di campionamento è 44.1Khz, quindi in teoria si raggiungono i 22Khz circa riproducibili. Capirai che se abbasso la frequenza di campionamento sotto una certa soglia, la massima frequenza riproducibile si abbasserà sotto i fatidici 20 Khz. Ecco perché se usi una frequenza di campionamento di 16Khz, la risposta del file msuicale verrà drasticamente tagliata sopra gli 8Khz! E lo senti chiaramente come una grande perdita di qualità......
2) la qualità di un files musicale dipende IN PRIMIS dalla bravura dei tecnici che hanno fatto la registrazione/mixaggio/equalizzazione/compressione dinamica. Ovviamente il potenziale MASSIMO della qualità dipende dalla natura del file, inteso come "informazione digitale". Ecco che aumentando la frequenza di campionamento (la minima per un file campionato in PCM, per un sistema HiFi, è 44.1Khz), ed aumentando la profondità della singola informazione (la minima per un sistema HiFi campionato in PCM è 16bit) si aumenta il potenziale massimo qualitativo del file musicale.
Per farti un esempio pratico (a spanne), potrai capire che di per se la frequenza di campionamento equivale alla cilindrata di un motore: non è detto che uno di cilindrata 3000 sia più potente di uno di cilindrata 1600; metti che, per esempio, quest'ultimo sia quello di una Formula 1 attuale, ed il primo di una vettura stradale. Wink. La cilindrata ci da solo il potenziale massimo che il motore POTREBBE avere. Esattamente come la frequenza di campionamento; con il solo paletto di non andare sotto i 44.1Khz.
3) sopra si è parlato di files campionati in PCM; essi possono essere anche compressi (come per esempio i FLAC) ma senza perdita di informazioni (lossless). I files MP3 (per esempio) utilizzano invece solo il 20% delle informazioni registrate! Quindi , non li considero HiFi a priori, anche se possono risultare piacevoli. Vengono utilizzati semplicemente perché hanno dimensione molto ridotta; più vengono compressi, più informazioni "lasciano per strada". Il loro limite qualitativo è spesso poco influenzato dalla frequenza del DAC della scheda audio. In ogni caso è sempre bene NON andare sotto i 44.1Khz.
4) la scheda audio di qualsiasi PC dispone, ovviamente, di un convertitore D/A interno; ossia di un DAC. Questo perché deve trasformare il segnale digitale dei files audio in analogico, al fine di essere amplificato e riprodotto dal nostro impianto. Durante questo processo, sostanzialmente esistono 2 tipi principali di funzionamento:
4A) alcuni DAC (per scelta del costruttore) applicano una frequenza di conversione del file digitale (qualunque frequenza di sampling esso abbia) ad un valore predeterminato, che tu decidi dal pannello di controllo (classica situazione delle schede audio integrate, ma non solo). Se tu abbassi troppo la frequenza di campionamento alla quale la scheda elabora il files ovviamente perdi qualità. Non andare mai sotto i 44.1Khz; tendenzialmente consiglio di utilizzare il valore più alto possibile.
4B) Altri DAC invece (sia esterni, che di alcune scheda audio di impostazione "professionale")  cambiano la loro frequenza di campionamento in maniera automatica, in base al file che leggono. Questa è la migliore soluzione.
5) per migliorare il suono di una scheda audio integrata in un PC ci sono due modi:
5A) esistono ormai tantissimi DAC esterni con ingresso USB; hanno prezzo ridotto e prestazioni, fino a pochi anni fa impensabili. Se di marchio affidabile, faranno fare un salto di qualità enorme al suono del tuo PC. Per esempio: Cambridge audio DACMAGIC100 , Cambridge audio DACMAGIC PLUS (questo ha anche controllo di volume ed uscita cuffia) . Nello specifico, questi Cambridge, sono tra i migliori "entry level" in assoluto.
5B) esistono moltissime scheda audio di alta qualità; sia interne (per pc desktop) sia esterne su bus USB (sia per PC desktop, che per notebook); a differenza dei DAC che nominavo al punto 5A , dispongono anche di ingresso microfonico ed altri ingressi. Queste possono costare anche meno dei DAC esterni, ma non è detto che suonino sempre al loro livello. In ogni caso migliorano parecchio la qualità audio delle schede integrate nel PC. Un esempio economico è la E-MU 0204USB, mentre uno un po' più costoso è la ASUS XONAR ESSENCE ONE.
Detta tra di noi, se non hai bisogno di un ingresso microfonico, tieniti sui DAC esterni, tipo quelli del punto 5A; con questi sei tranquillamente al livello di un cd-player da 6-700 euro! Ovviamente dipende anche dai files che ascolti.....

Ciao!

descriptionRe: Amante della musica alla ricerca del primo VERO IMPIANTO HI FI

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum