T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» Sony uhp h1
Oggi alle 0:57 Da Charli48

» Acquisto dussun dove ?
Oggi alle 0:05 Da uncletoma

» Dubbi su Bluetooth
Oggi alle 0:02 Da Kha-Jinn

» Nuovo Douk Dac
Ieri alle 23:55 Da uncletoma

» Consiglio gruppi power metal
Ieri alle 22:59 Da TODD 80

» Consiglio per upgrade diffusori / upgrade impianto
Ieri alle 22:24 Da Kha-Jinn

» Consiglio impianto per diffusori KEF Coda 70
Ieri alle 21:44 Da Kha-Jinn

» consiglio su impianto digital
Ieri alle 21:13 Da Piper

» rumore fastidioso da dove viene?
Ieri alle 21:04 Da MaxBal

» Topic'it, nuova applicazione mobile per il T-Forum
Ieri alle 20:27 Da Luca Marchetti

» Foobar 2000 Darkone 4 come installarla!?
Ieri alle 19:19 Da H. Finn

» Fiio A5
Ieri alle 17:25 Da HeyGio'

» Dac
Ieri alle 17:25 Da ftalien77

» aiuto miglioramento sala d'ascolto
Ieri alle 17:21 Da ftalien77

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri alle 13:46 Da Bluesunshine

» Pre per behringer ep1500
Ieri alle 12:30 Da Pinve

» Feedback positivo per Ghiglie
Ieri alle 11:39 Da ghiglie

» I migliori album del 2017
Ieri alle 11:06 Da CHAOSFERE

» Collegamento behringer
Ieri alle 10:06 Da Masterix

» Douk DAC (XMOS+PCM5102/DSD1796): ne vale la pena?
Dom 15 Ott 2017 - 22:13 Da nelson1

» dac cinese...ammazzagiganti?!
Dom 15 Ott 2017 - 20:38 Da giucam61

» Quale artista Italiano contemporaneo fa CD tecnicamente ben fatti?
Dom 15 Ott 2017 - 20:03 Da settore 7-g

» problema audio con Thorens TD320MKii
Dom 15 Ott 2017 - 18:00 Da Albert^ONE

» Feedback molto positivo per MrTheCarbon
Dom 15 Ott 2017 - 15:45 Da MrTheCarbon

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Dom 15 Ott 2017 - 14:19 Da kalium

» ALIENTEK D8 vs Nad3020 vs altro
Dom 15 Ott 2017 - 11:05 Da pigno

» Cannonball Adderley With Bill Evans ‎– Know What I Mean?
Dom 15 Ott 2017 - 10:54 Da lello64

» Buffer B1 di Nelson Pass (work in progress....)
Dom 15 Ott 2017 - 10:40 Da Tommaso Cantalice

» Audioquest Flx Slip 14/4
Dom 15 Ott 2017 - 9:47 Da ciuchino74

» [MC + sped] Vendo Proac response D28 poco usate
Dom 15 Ott 2017 - 1:40 Da luca72c

Statistiche
Abbiamo 11084 membri registrati
L'ultimo utente registrato è HeyGio'

I nostri membri hanno inviato un totale di 797256 messaggi in 51689 argomenti
I postatori più attivi della settimana
erduca
 
giucam61
 
clipper
 
ftalien77
 
Kha-Jinn
 
Masterix
 
uncletoma
 
Bluesunshine
 
GP9
 
Zio
 

I postatori più attivi del mese
lello64
 
giucam61
 
nerone
 
dinamanu
 
ftalien77
 
Masterix
 
Kha-Jinn
 
Albert^ONE
 
kalium
 
erduca
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15532)
 
Silver Black (15480)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9193)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 23 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 23 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  dude il Dom 11 Ott 2009 - 12:28

Scusa Andrea Gianelli, ho sentito dire che hai un amico direttore d'orchestra? E' vero? Perché non ce ne parli mai? Laughing Laughing Laughing

dude
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 01.06.09
Numero di messaggi : 1275
Località :
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  Andrea Gianelli il Dom 11 Ott 2009 - 12:45

dude ha scritto:Scusa Andrea Gianelli, ho sentito dire che hai un amico direttore d'orchestra? E' vero? Perché non ce ne parli mai? Laughing Laughing Laughing
Perchè è allergico ai forum e vuole tenersi ben al di fuori.
Comunque, se anche tu sei un appassionato di musica classica, posso tenerti aggiornato di eventuali iniziative concertistiche: se vorrai scrivermi al mio indirizzo privato, sarà per me un vero piacere fornirti tutte le info.
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  Edgar il Gio 15 Ott 2009 - 8:14

L'unico vero motivo che starebbe alla base dell'alta fedeltà è quello di poter riprodurre un evento avvenuto in un luogo X ed in un tempo Y in un altro momento e in un altro posto.
La tecnica della stereofonia risale agli anni 30' del secolo passato e anche se si sono fatti passi avanti il principio è sempre quello.
Sembrano ovvietà ma spesso non ci si pensa.
A mio avviso vengono poco tenute in considerazioni tecniche a buon mercato, come quelle utili per prevenire loop di massa ovvero ottimizzare le impedenze degli apparecchi connessi fra di loro e troppo esaltato il bussiness system del cambia e scambia apparecchi.
Ad oggi, sia che si passi per l'autocostruzione ovvero dall'acquisto di prodotti "belli e fatti" si può mettere su un ottimo impianto con una spesa tutto sommato limitata.
Si può anche cercare di pescare nel mercato dell'usato e in ogni caso per avere un buon impianto non ci vogliono miliardi.
Ovviamente tutto questo va contro il mercato della cosiddetta High End che invece vorrebbe un esponenziale esborso di danaro per ottenere buone prestazioni, altrimenti, a detta di chi percorre questa strada, assolutamente non ottenibili.
Purtroppo, e qui ritorno, al discorso iniziale, parecchi cosiddetti audiofili non hanno come obbiettivo l'ascolto della musica ma solo il pavoneggiarsi dietro una pseudocultura che per esempio gli fa rifiutare ciò che è Progressive o Rock e di conseguenza si rifuggiano dietro il paravento di quei marchi di apparecchi che costituiscono, secondo accezione comune, il gotha della produzione audio.
Nulla di più falso, la musica è un patrimonio universale e forse, mi ci metto pure io, si fanno un po' troppe pippe quando si tratta di ascoltarla.
In fondo in questo e in altri campi, se ci si pensa bene la perfezione non esiste.
avatar
Edgar
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 14.07.09
Numero di messaggi : 155
Località : Palermo
Impianto : Sorgente PC AUTOASSEMBLATO - ECO AF4 - PRE COUNTERPOINT SA 3000 - CROSSOVER BHERINGER CX 3400 PRO - FINALI MUSE 100 E NUFORCE REF 9 - DIFFUSORI AUTOCOSTRUITI A 3 VIE

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  Vincenzo il Gio 15 Ott 2009 - 8:31

Pienamente d'accordo su tutto. Ok

Edgar ha scritto:L'unico vero motivo che starebbe alla base dell'alta fedeltà è quello di poter riprodurre un evento avvenuto in un luogo X ed in un tempo Y in un altro momento e in un altro posto.

- Un paradosso spazio-temporale!
- Vuoi dire una di quelle cose che distruggono l'universo?
- Precisamente!


Very Happy

Grande Giove!

Vincenzo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 04.04.09
Numero di messaggi : 3644
Località :
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  Edgar il Gio 15 Ott 2009 - 8:36

Vincenzo ha scritto:Pienamente d'accordo su tutto. Ok

Edgar ha scritto:L'unico vero motivo che starebbe alla base dell'alta fedeltà è quello di poter riprodurre un evento avvenuto in un luogo X ed in un tempo Y in un altro momento e in un altro posto.

- Un paradosso spazio-temporale!
- Vuoi dire una di quelle cose che distruggono l'universo?
- Precisamente!


Very Happy

Grande Giove!

Laughing Laughing Laughing

In ogni caso Vicè io ho scritto riprodurre, il danno orbo si sarebbe palesato se avessi scritto "ricreare"....

Non ci sarebbe nessun Back to the future a salvarci ..... Lol eyes shut Lol eyes shut Lol eyes shut Lol eyes shut
avatar
Edgar
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 14.07.09
Numero di messaggi : 155
Località : Palermo
Impianto : Sorgente PC AUTOASSEMBLATO - ECO AF4 - PRE COUNTERPOINT SA 3000 - CROSSOVER BHERINGER CX 3400 PRO - FINALI MUSE 100 E NUFORCE REF 9 - DIFFUSORI AUTOCOSTRUITI A 3 VIE

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  schwantz34 il Gio 15 Ott 2009 - 8:40

Vincenzo ha scritto:Pienamente d'accordo su tutto. Ok

Edgar ha scritto:L'unico vero motivo che starebbe alla base dell'alta fedeltà è quello di poter riprodurre un evento avvenuto in un luogo X ed in un tempo Y in un altro momento e in un altro posto.

- Un paradosso spazio-temporale!
- Vuoi dire una di quelle cose che distruggono l'universo?
- Precisamente!


Very Happy

Grande Giove!


Smile , Vincenzo , vedo che anche a te quel film piace , ti consiglio , nel caso non ce l'avessi il cofanetto della trilogia ,
ciao!
S.
avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15532
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  thema2000ie il Gio 15 Ott 2009 - 17:39

schwantz34 ha scritto:
Vincenzo ha scritto:Pienamente d'accordo su tutto. Ok

Edgar ha scritto:L'unico vero motivo che starebbe alla base dell'alta fedeltà è quello di poter riprodurre un evento avvenuto in un luogo X ed in un tempo Y in un altro momento e in un altro posto.

- Un paradosso spazio-temporale!
- Vuoi dire una di quelle cose che distruggono l'universo?
- Precisamente!


Very Happy

Grande Giove!


Smile , Vincenzo , vedo che anche a te quel film piace , ti consiglio , nel caso non ce l'avessi il cofanetto della trilogia ,
ciao!
S.
Il mio film preferito (tutta la trilogia)!
avatar
thema2000ie
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 04.06.09
Numero di messaggi : 5002
Località : Via dei Matti, n.0
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  Vincenzo il Gio 15 Ott 2009 - 17:42

Edgar ha scritto:
In ogni caso Vicè io ho scritto riprodurre, il danno orbo si sarebbe palesato se avessi scritto "ricreare"....

Non ci sarebbe nessun Back to the future a salvarci ..... Lol eyes shut Lol eyes shut Lol eyes shut Lol eyes shut

In quel caso ci saremmo ritrovati in un Quantum leap! Hehe

Vincenzo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 04.04.09
Numero di messaggi : 3644
Località :
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  schwantz34 il Gio 15 Ott 2009 - 17:45

Vincenzo ha scritto:

In quel caso ci saremmo ritrovati in un Quantum leap! Hehe

effettivamente ... Hehe

avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15532
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  Andrea Gianelli il Ven 16 Ott 2009 - 11:18

Edgar ha scritto:L'unico vero motivo che starebbe alla base dell'alta fedeltà è quello di poter riprodurre un evento avvenuto in un luogo X ed in un tempo Y in un altro momento e in un altro posto.
La tecnica della stereofonia risale agli anni 30' del secolo passato e anche se si sono fatti passi avanti il principio è sempre quello.
Sembrano ovvietà ma spesso non ci si pensa.
A mio avviso vengono poco tenute in considerazioni tecniche a buon mercato, come quelle utili per prevenire loop di massa ovvero ottimizzare le impedenze degli apparecchi connessi fra di loro e troppo esaltato il bussiness system del cambia e scambia apparecchi.
Ad oggi, sia che si passi per l'autocostruzione ovvero dall'acquisto di prodotti "belli e fatti" si può mettere su un ottimo impianto con una spesa tutto sommato limitata.
Si può anche cercare di pescare nel mercato dell'usato e in ogni caso per avere un buon impianto non ci vogliono miliardi.
Ovviamente tutto questo va contro il mercato della cosiddetta High End che invece vorrebbe un esponenziale esborso di danaro per ottenere buone prestazioni, altrimenti, a detta di chi percorre questa strada, assolutamente non ottenibili.
Purtroppo, e qui ritorno, al discorso iniziale, parecchi cosiddetti audiofili non hanno come obbiettivo l'ascolto della musica ma solo il pavoneggiarsi dietro una pseudocultura che per esempio gli fa rifiutare ciò che è Progressive o Rock e di conseguenza si rifuggiano dietro il paravento di quei marchi di apparecchi che costituiscono, secondo accezione comune, il gotha della produzione audio.
Nulla di più falso, la musica è un patrimonio universale e forse, mi ci metto pure io, si fanno un po' troppe pippe quando si tratta di ascoltarla.
In fondo in questo e in altri campi, se ci si pensa bene la perfezione non esiste.
Hello Caro Edgar, non ho nulla da aggiungere a questa tua riflessione, in linea con quello che da sempre è il mio stesso pensiero, nonchè un prezioso arrichimento e completamento delle riflessioni precedentemente esposte.
Buon ascolto e a presto. Smile
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il vero obiettivo dell’alta fedeltà

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum