T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Steely Dan
Oggi alle 0:07 Da andy65

» BILL EVANS: La magia di un trio riscoperto
Oggi alle 0:03 Da andy65

» Lista JAZZ BOX SET in vendita
Ieri alle 23:47 Da andy65

» AMPLIFICATORI VINTAGE
Ieri alle 23:45 Da nerone

» Arcam FMJ A19
Ieri alle 23:33 Da dinamanu

» SMSL M7: il dac definitivo alla portata di tutti?
Ieri alle 23:22 Da Albert^ONE

» il dubbio...
Ieri alle 22:04 Da Pinve

» Nuovo Douk Dac
Ieri alle 20:45 Da uncletoma

» Un incredibile diluvio sonoro lungo 11 minuti!
Ieri alle 19:50 Da enrico massa

» Behringer ep1500
Ieri alle 19:31 Da Collins

» Consiglio: impianto si o no e cosa (poco spazio, max 600€)
Ieri alle 19:20 Da dinamanu

» Spyro Gyra
Ieri alle 18:51 Da andy65

» l'audiofilo chi e' secondo voi?
Ieri alle 17:48 Da Kha-Jinn

» Gegè Telesforo - Nu Joy
Ieri alle 16:45 Da potowatax

» Wynton Marsalis
Ieri alle 14:45 Da andy65

» ECM Selected Recording
Ieri alle 14:32 Da andy65

» LP jazz a Roma da non perdere
Ieri alle 14:25 Da andy65

» Roy Hargrove
Ieri alle 14:09 Da andy65

» Mel Lewis & The Jazz Orchestra - Make Me Smile & Other New Works by Bob Brookmeyer
Ieri alle 14:04 Da andy65

» Bill Evans - From Left to Right
Ieri alle 14:02 Da andy65

» concerti al manzoni di milano
Ieri alle 14:01 Da andy65

» John Coltrane - Giant Steps
Ieri alle 13:58 Da andy65

» ecco l'onesto epigono ...Johnny Winter con Muddy Waters e JL Hooker
Ieri alle 13:44 Da andy65

» Tre magiche chitarre
Ieri alle 11:24 Da Zio

» Consiglio (conferma?) Nuovo Impianto (Budget 400 euro )
Ieri alle 10:43 Da nerone

» Marantz PM6006 da Amazon UK (Home AV Direct)
Ieri alle 9:56 Da giucam61

» CD SPECIALE! Di HANK JONES "blueseggiante" (per amanti jazz alla Oscar Peterson)
Ieri alle 9:33 Da andy65

» [Vendo] Schiit Modi Multibit
Ieri alle 8:47 Da Kha-Jinn

» [Vendo] Marantz PM6005
Ieri alle 8:38 Da Kha-Jinn

» Acid Jazz
Ieri alle 1:35 Da giucam61

Statistiche
Abbiamo 11029 membri registrati
L'ultimo utente registrato è angelo alvarenz

I nostri membri hanno inviato un totale di 795298 messaggi in 51575 argomenti
I postatori più attivi della settimana
dinamanu
 
andy65
 
giucam61
 
lello64
 
nerone
 
Kha-Jinn
 
Nadir81
 
Albert^ONE
 
uncletoma
 
Peppe Guercia
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15512)
 
Silver Black (15477)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9180)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 26 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 26 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  cucicu il Lun 28 Apr 2014 - 10:40

Salve non sono riuscito a trovare uno schema per la protezione contro i cortocircuiti, da implementare in un amplificatore autocostruito, qualcuno mi può aiutare? Ovviamente non mi riferisco alla protezione casse contro la corrente continua ne a circuiti anti-bump di cui si è già ampiamente discusso
Grazie a tutti
avatar
cucicu
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 25.02.11
Numero di messaggi : 5985
Località : Sicilia centrale
Occupazione/Hobby : Ascolti vari
Provincia (Città) : Lungimirante
Impianto : CD rega planet 2000

AMPLI Marantz PM6006

DIFFUSORI Chario 523R

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  valterneri il Lun 28 Apr 2014 - 10:57

cucicu ha scritto:... non sono riuscito a trovare uno schema per la protezione contro i cortocircuiti ...
Perché come circuito a se stante, differente, ma inserito nell'amplificatore
da controllare, non esiste.
E' l'amplificatore stesso che limita la propria corrente, in modo graduale o brusco,
quando la richiesta di corrente a se stesso da parte del carico sale in zona critica.
In pratica il circuito si autolimita, può farlo anche per la temperatura.
Nei normali amplificatori Push-Pull ne hanno l'incarico quei due soliti transistori
"a rovescio", non è mai a relais,
col quale casomai si termina la protezione di sovraccarico per clipping,
ovvero di sovra-pilotaggio.

Credo che la protezione termica sia più utile di quella contro i cortocircuiti,
mentre i cortocircuiti sono solo distrazioni del proprietario incapace
e i carichi bassi sono scelte meditate,
l'aumento della temperatura dei finali ha cause concatenate operative.

Spesso, la protezione contro il sovraccarico, non c'è
per colpa del progettista dilettante che non sa realizzarla,
è un circuito critico e di difficile trasparenza,
nei progetti industriali c'è sempre,
in alcuni progetti "raffinati" non c'è perché in ogni caso limita il ciscuito
nella possibilità di controllo di carichi bassi e difficili.

Uno dei casi più eclatanti è il Quad 405,
su 4 ohm sembra entrare in difficoltà,
se gli togli i due transistori incaricati della protezione
raddoppia la sua capacità e si distrugge dopo mezzora di funzionamento
a tutto fuoco.
avatar
valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3687
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  cucicu il Lun 28 Apr 2014 - 12:05

valterneri ha scritto:
cucicu ha scritto:... non sono riuscito a trovare uno schema per la protezione contro i cortocircuiti ...
Perché come circuito a se stante, differente, ma inserito nell'amplificatore
da controllare, non esiste.
E' l'amplificatore stesso che limita la propria corrente, in modo graduale o brusco,
quando la richiesta di corrente a se stesso da parte del carico sale in zona critica.
In pratica il circuito si autolimita, può farlo anche per la temperatura.
Nei normali amplificatori Push-Pull ne hanno l'incarico quei due soliti transistori
"a rovescio", non è mai a relais,
col quale casomai si termina la protezione di sovraccarico per clipping,
ovvero di sovra-pilotaggio.

Credo che la protezione termica sia più utile di quella contro i cortocircuiti,
mentre i cortocircuiti sono solo distrazioni del proprietario incapace
e i carichi bassi sono scelte meditate,
l'aumento della temperatura dei finali ha cause concatenate operative.

Spesso, la protezione contro il sovraccarico, non c'è
per colpa del progettista dilettante che non sa realizzarla,
è un circuito critico e di difficile trasparenza,
nei progetti industriali c'è sempre,
in alcuni progetti "raffinati" non c'è perché in ogni caso limita il ciscuito
nella possibilità di controllo di carichi bassi e difficili.

Uno dei casi più eclatanti è il Quad 405,
su 4 ohm sembra entrare in difficoltà,
se gli togli i due transistori incaricati della protezione
raddoppia la sua capacità e si distrugge dopo mezzora di funzionamento
a tutto fuoco.

Intanto grazie per la risposta valter ..nel mio caso si tratta di un ampli in classe a (jlh) progettato per carichi da 8ohm quindi 27volt e 1, 2amp come da schema originale.
Non ho inserito l antibump e la protezione per la continua perche non servono ( c'è un condensatore sulle uscite e l alimentatore e' un moltiplicatore di capacita che fa salire la tensione gradualmente). A questo punto mi consigli una protez termica se non ho capito male ? Dove posso trovare istruzioni per realizzarla? Vorrei mettere una sorta di termistore fissato al dissipatore che interrompe l alimentazione se la temp supera i 60 gradi
Grazie per l aiuto
avatar
cucicu
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 25.02.11
Numero di messaggi : 5985
Località : Sicilia centrale
Occupazione/Hobby : Ascolti vari
Provincia (Città) : Lungimirante
Impianto : CD rega planet 2000

AMPLI Marantz PM6006

DIFFUSORI Chario 523R

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  Charli48 il Lun 28 Apr 2014 - 12:29

Sulla baia si trova questo soft start con i termistori che staacano in caso di sovratemperatura.
http://www.ebay.it/itm/New-Version-Auto-Class-A-delay-soft-start-power-protection-board-110V-or-220V-/121141392629?pt=UK_Sound_Vision_Amplifier_Parts&hash=item1c3496f4f5
avatar
Charli48
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 1839
Località : Lombardia
Provincia (Città) : Varese Prov.
Impianto : I miei gingilli
Spoiler:

Sorgente: Oppo DV-983-H
Dac: Schiit Bifrost , Beresford Bushmaster MkI
Preamp. SS : Clone ML JC-2 (John Curl) Classe A
Preamp. Tubi : UTS (Diy HiFi Supply) con E188CC Mullard
Ampli T class: Virtue 2 , Trends TA-10.2 , TA2022 Ibrido
Ampli D class: TPA 3116 con Bluetooth , Abletec ALC180-2300
Ampli Tube : APPJ PA1601A con 6AK5 GE e E84L Siemens
Diffusori: Focal Aria 906
Cuffie: AKG K272HD ,AKG K340



Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  cucicu il Lun 28 Apr 2014 - 14:24

Charli48 ha scritto:Sulla baia si trova questo soft start con i termistori che staacano in caso di sovratemperatura.
http://www.ebay.it/itm/New-Version-Auto-Class-A-delay-soft-start-power-protection-board-110V-or-220V-/121141392629?pt=UK_Sound_Vision_Amplifier_Parts&hash=item1c3496f4f5


ottimo grazie mille!
ma se avessi già i termistori, nello specifico che staccano a 60°, basterebbe collegarli in serie alla 220V?
avatar
cucicu
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 25.02.11
Numero di messaggi : 5985
Località : Sicilia centrale
Occupazione/Hobby : Ascolti vari
Provincia (Città) : Lungimirante
Impianto : CD rega planet 2000

AMPLI Marantz PM6006

DIFFUSORI Chario 523R

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  valterneri il Lun 28 Apr 2014 - 15:29

cucicu ha scritto:... ma se avessi già i termistori, nello specifico che staccano a 60°, basterebbe collegarli in serie alla 220V?
Naturalmente no, se sono effettivamente termistori.
I termistori NTC diminuiscono gradatamente la loro resistenza
al crescere della temperatura, non "staccano",
devono essere impiegati in un circuito che decide di azionare un relais
"ad un certo momento" del decrescere della resistenza corrispondente ai 60°
Esistono dei termofusibili o altro a ripristino volontario o automatico,
ma forse costano meno alcuni mos di scorta da inserire
non appena si fonde il precedente.
Non metterei nessuna protezione, solo un buon circuito e un bel radiatore.

Nel post precedente stavo per srcivere:
" .... se poi l'ampli è SE non saprei,
non ho mai visto protezioni di sovracorrente sugli SE, anche perché gli SE ...
non sono amplificatori ....!"


avatar
valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3687
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  ideafolle il Lun 28 Apr 2014 - 15:50

Crazy  io di solito se trovo le protezioni in corente in uno schema ampli le levo e di corza pure
 Hehe Hehe Hehe .... Mmm  indovinate  Suspect PERCHE'  Glasses

PI. ESSE. non le protezioni delle casse  in caso di aliment. duale Laughing Laughing 
avatar
ideafolle
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.12
Numero di messaggi : 5429
Località : vicini.... vIcini
Occupazione/Hobby : contare gli eu.
Provincia (Città) : SON CHI' ....NE'
Impianto : ......... VEDI AVATAR.

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  cucicu il Lun 28 Apr 2014 - 15:53

valterneri ha scritto:
cucicu ha scritto:... ma se avessi già i termistori, nello specifico che staccano a 60°, basterebbe collegarli in serie alla 220V?
Naturalmente no, se sono effettivamente termistori.
I termistori NTC diminuiscono gradatamente la loro resistenza
al crescere della temperatura, non "staccano",
devono essere impiegati in un circuito che decide di azionare un relais
"ad un certo momento" del decrescere della resistenza corrispondente ai 60°
Esistono dei termofusibili o altro a ripristino volontario o automatico,
ma forse costano meno alcuni mos di scorta da inserire
non appena si fonde il precedente.
Non metterei nessuna protezione, solo un buon circuito e un bel radiatore.

Nel post precedente stavo per srcivere:
" .... se poi l'ampli è SE non saprei,
non ho mai visto protezioni di sovracorrente sugli SE, anche perché gli SE ...
non sono amplificatori ....!"



Intendevo i termofusibili, non i termistori Embarassed in effetti non credo siano necessari ma è solo una precauzione nel caso in cui specialmente in estate l ampli dovesse rimanere acceso senza segnale musicale...
avatar
cucicu
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 25.02.11
Numero di messaggi : 5985
Località : Sicilia centrale
Occupazione/Hobby : Ascolti vari
Provincia (Città) : Lungimirante
Impianto : CD rega planet 2000

AMPLI Marantz PM6006

DIFFUSORI Chario 523R

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  Charli48 il Lun 28 Apr 2014 - 17:31

cucicu ha scritto:
valterneri ha scritto:
Naturalmente no, se sono effettivamente termistori.
I termistori NTC diminuiscono gradatamente la loro resistenza
al crescere della temperatura, non "staccano",
devono essere impiegati in un circuito che decide di azionare un relais
"ad un certo momento" del decrescere della resistenza corrispondente ai 60°
Esistono dei termofusibili o altro a ripristino volontario o automatico,
ma forse costano meno alcuni mos di scorta da inserire
non appena si fonde il precedente.
Non metterei nessuna protezione, solo un buon circuito e un bel radiatore.

Nel post precedente stavo per srcivere:
" .... se poi l'ampli è SE non saprei,
non ho mai visto protezioni di sovracorrente sugli SE, anche perché gli SE ...
non sono amplificatori ....!"



Intendevo i termofusibili, non i termistori Embarassed in effetti non credo siano necessari ma è solo una precauzione nel caso in cui specialmente in estate l ampli dovesse rimanere acceso senza segnale musicale...

Ci sono anche i thermocontatti che possono interrompere i 220Volt direttamente.

http://www.ebay.it/itm/Thermal-Cut-Out-Switch-Norm-Closed-70-Deg-/300876064051?pt=UK_BOI_Electrical_Components_Supplies_ET&hash=item460d9c6533
avatar
Charli48
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 1839
Località : Lombardia
Provincia (Città) : Varese Prov.
Impianto : I miei gingilli
Spoiler:

Sorgente: Oppo DV-983-H
Dac: Schiit Bifrost , Beresford Bushmaster MkI
Preamp. SS : Clone ML JC-2 (John Curl) Classe A
Preamp. Tubi : UTS (Diy HiFi Supply) con E188CC Mullard
Ampli T class: Virtue 2 , Trends TA-10.2 , TA2022 Ibrido
Ampli D class: TPA 3116 con Bluetooth , Abletec ALC180-2300
Ampli Tube : APPJ PA1601A con 6AK5 GE e E84L Siemens
Diffusori: Focal Aria 906
Cuffie: AKG K272HD ,AKG K340



Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  cucicu il Lun 28 Apr 2014 - 17:56

Charli48 ha scritto:
cucicu ha scritto:

Intendevo i termofusibili, non i termistori Embarassed in effetti non credo siano necessari ma è solo una precauzione nel caso in cui specialmente in estate l ampli dovesse rimanere acceso senza segnale musicale...

Ci sono anche i thermocontatti che possono interrompere i 220Volt direttamente.

http://www.ebay.it/itm/Thermal-Cut-Out-Switch-Norm-Closed-70-Deg-/300876064051?pt=UK_BOI_Electrical_Components_Supplies_ET&hash=item460d9c6533

mi sembra la soluzione più adatta! corro a ordinarli
grazie mille charlie Ok 
avatar
cucicu
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 25.02.11
Numero di messaggi : 5985
Località : Sicilia centrale
Occupazione/Hobby : Ascolti vari
Provincia (Città) : Lungimirante
Impianto : CD rega planet 2000

AMPLI Marantz PM6006

DIFFUSORI Chario 523R

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  valvolas il Mar 29 Apr 2014 - 0:59

cuci non essere precipitoso,mentre leggevo questo post ho avuto una visione di te in un
luglio siciliano e mentre ascolti Turrentine,sul piu bello l'ampli si spegne da solo,e sta li bello spento fino a che non si raffredda,che sia premonitrice??  Hehe  Hehe  Hehe  Hehe
avatar
valvolas
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 26.03.11
Numero di messaggi : 5253
Località : Lombardia
Provincia (Città) : Mi
Impianto : Valvolas minimalist classe A by Gigi6c/finale integrato valvolare 6L6-Ecc88 suitcase
by Gigi6c/pre-minimalist V4 /rotel ra-413/pre tube minimalist 6n6P/pretube bymau ecc88/Ecc82 pretty
casse:indiana line 11 50/national SB-22 alnico/Mayu 103 by Hell67 cavi:di tutto..autocostruito (senza la kriptonite di Urano)

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  zedda il Mar 2 Feb 2016 - 17:38

valterneri ha scritto:
cucicu ha scritto:... non sono riuscito a trovare uno schema per la protezione contro i cortocircuiti ...
Perché come circuito a se stante, differente, ma inserito nell'amplificatore
da controllare, non esiste.
E' l'amplificatore stesso che limita la propria corrente, in modo graduale o brusco,
quando la richiesta di corrente a se stesso da parte del carico sale in zona critica.
In pratica il circuito si autolimita, può farlo anche per la temperatura.
Nei normali amplificatori Push-Pull ne hanno l'incarico quei due soliti transistori
"a rovescio", non è mai a relais,
col quale casomai si termina la protezione di sovraccarico per clipping,
ovvero di sovra-pilotaggio.

Credo che la protezione termica sia più utile di quella contro i cortocircuiti,
mentre i cortocircuiti sono solo distrazioni del proprietario incapace
e i carichi bassi sono scelte meditate,
l'aumento della temperatura dei finali ha cause concatenate operative.

Spesso, la protezione contro il sovraccarico, non c'è
per colpa del progettista dilettante che non sa realizzarla,
è un circuito critico e di difficile trasparenza,
nei progetti industriali c'è sempre,
in alcuni progetti "raffinati" non c'è perché in ogni caso limita il ciscuito
nella possibilità di controllo di carichi bassi e difficili.

Uno dei casi più eclatanti è il Quad 405,
su 4 ohm sembra entrare in difficoltà,
se gli togli i due transistori incaricati della protezione
raddoppia la sua capacità e si distrugge dopo mezzora di funzionamento
a tutto fuoco.

Salve Valter Smile
volevo chiederti, se a spanne potresti dirmi dove questi due transistor sono posizionati.

a logica un lato dovrebbe drenare corrente dal segnale in ingresso, e gli altri due terminali dove sono applicati? uno a massa... e l'altro?
visto che ho molto dimestichezza con gli amplificatori, se non esagero con il volume e controllo le temperature, quanto può essere rischioso?
avatar
zedda
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.04.13
Numero di messaggi : 532
Località : itri
Impianto : troppi o troppo pochi... boh...

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  valterneri il Mar 2 Feb 2016 - 23:42

La protezione termica e corrente di cui scrivevo fa parte del relativo progetto
e si applica solo ad amplificatori in classe A AB B
(gli amplificatori SE è meglio farli bruciare Hehe )

E' composta da uno o meglio due transistori che controllano la corrente di bias
dei finali,
se cresce troppo la richiesta di corrente,
e quindi la relativa sovrapproduzione di potenza,
limitano il bias e frenano i transistori, questo è istantaneo,
la protezione termica invece avviene se questi stessi transistori vengono posti
sul radiatore finale,
la sovratemperatura ne limita la corrente di bias che forniscono ai finali.

Sfortunatamente questa protezione non è e non può essere in tempo reale,
se la giunzione BE dei transistori si surriscalda velocemente
la trasmissione del calore al substrato, poi al contenitore, poi al radiatore e
al fine al transistore di controllo è così lenta che arriva spesso tardi.

Nessuna protezione termica "controlla il segnale d'ingresso"
ma esiste una protezione che lo fa, è un correlatore,
paragona ingresso e uscita, se, a parte l'ampiezza, vede differenze
le crede a ragione dovute a distorsione, e limita il segnale d'ingresso,
è un limiter anticlipping a correlazione ingresso-uscita, sta nei professionali.

Gli interruttori termici ad olio come quelli che cucicu ha comprato
sono utili per proteggere l'amplificatore da sovratemperature dovute a
lunghi e pesanti sovraccarichi con esposizione sotto al sole
(amplificazione d'estate all'aperto)
ma non a 60 gradi, che è una normale temperatura d'esercizio,
a 90 o anche oltre ........
nel professionale davanti al pubblico all'amplificatore
viene impartito questo ordine ....
"prima ti fondi e poi ti spengi, Ok?"
non c'è pietà!
avatar
valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3687
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  zedda il Mer 3 Feb 2016 - 9:47

Grazie della risposta Smile anche se non ho capito se rilevano la corrente a monte o a valle della resistenza e soprattutto come...
avatar
zedda
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.04.13
Numero di messaggi : 532
Località : itri
Impianto : troppi o troppo pochi... boh...

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  valterneri il Gio 4 Feb 2016 - 19:05

Io non soffro di alcun tipo di allergia
e le malattie infettive nessuno riesce ad attaccarmele.

Mi ricordo di una piccola nuova gatta di famiglia salvata dall'abbandono di chissàcchì
che aveva sospettabilissimamente tracce di tigna,
tutti in famiglia ne sono rimasti contagiati, ma non io
che per ore ci ho viaggiato assieme tenendola un po' in collo e quasi sempre sul collo
come fosse una sciarpa, per farle passare la paura del viaggio in macchina,
l'ho grattata grattata grattata ma la tigna non mi si è attaccata,
comincio quasi a preoccuparmene, forse sono di plastica e non lo so.

Però ora sono ricoverato nel reparto di terapia intensiva per la disintossicazione
da polvere e acari preistorici nell'ospedale svizzero a sette stelle
dove la mia terribile infermiera personale ......
della quale vi mostro solo un particolare per la privacy ....



si prende cura di me notte e giorno ......
per essere stato giù giù nell'archivio storico cartaceo del mio laboratorio
per trovare lo schema elettrico dimostrativo della protezione anticortocircuito e termica
lottando contro i topi che stavano ormai per mangiarselo perché è carta buona della Philips.

La Philips, negli anni '70 '80, era molto educativa e spiegava molto per insegnare il mestiere
alle nuove orde di "progettisti disfattisti fai da te era meglio se lo faceva un altro" ....
ma dopo la nostra generazione è arrivata la vostra, molto più dannosa,
chissà la prossima come sarà.

Lo schema con protezione è questo,
è facile da capire, è un limitatore di corrente simmetrico:



oppure questo:



come si vede non viene assolutamente misurata la corrente che attraversa i finali
perché misurare significa interferire,
se cresce troppo si limita solo la corrente di pilotaggio, ovvero di bias,
dei finali o dei driver:
se sale la richiesta di corrente, non sale la fornitura di corrente,
se sale la temperatura, scende la corrente,
funziona così:
Q1 e Q2 ricevono un segnale simmetrico da un circuito integrato
e la preamplificano in classe A,
Q3 e Q4, sempre in classe A, preamplificano e pilotano i finali Darlington,
Q5 è un cosiddetto "moltiplicatore Vbe",
controlla la corrente bias dei finali, se lo montate sullo stesso loro radiatore
la corrente di bias sarà in funzione inversa della temperatura degli stessi,
tramite il trimmer si regola il punto medio di lavoro.
Q10 Q 11 Q 12 Q 13 sono i finali,
Q6 Q7 Q8 Q9 sentono la tensione di caduta dei resistori d'uscita, se la corrente istantanea
cresce troppo loro si aprono e deviano la corrente di bias verso massa,
tramite i due trimmer si regola la soglia d'intervento.
Questi circuiti si disinteressano totalmente del segnale musicale d'ingresso
e d'uscita, frenano i finali solo se la corrente e la temperatura salgono eccessivamente.

Tutto questo non passa inosservato, è come avere un amplificatore meno potente
se il carico è di bassa impedenza
o se ascoltate gli U2  mentre vi abbronzate sotto al sole
il 22 di luglio della famosa terribile estate estiva.

Io non ho problemi perché quando vado al mare piove sempre
e agli U2 americani preferisco le V2 tedesche,
fanno meno danno ......


- Valterrr!!! Gli U2 sono irlandesi, non sono americani! -
- Ah! .... ecco perché i tedeschi bombardavano l'Inghilterra,
per farli smettere di suonare! -
avatar
valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3687
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  zedda il Gio 4 Feb 2016 - 22:52

Ti ringrazio per aver spolverato i vecchi cartacei digitali della philips Laughing
Lo so che do l'impressione di uno che si imbarca in progetti senza sapere cosa stia facendo...
Non mi potrei imbarcare a priori perche non ho nemmeno il progetto per la valorizzazione della baia per avallare la costruzione del porto...
Purtroppo non riesco a seguire il circuito e la tua spiegazione dopo essermi soffermato a pensare alle terribili torture che quella spaventosa infermiera puo averti sottoposto Razz

Comunque quello che ho capito è che magari sarebbe piu interessante rivisitare il circuito limitandone l'intervento...
Tu come procederesti su un amplificatore con finali toshiba 2sa1941 2sc5198? (solo 2 per canale)
Sinceramente non ho nemmeno controllato il voltaggio sui finali...
Torna con il fatto che non mi piace l'erogazione in basso... Perche i miei woofer sono da 4 ohm professionali... Forse non eroga abbastanza corrente
avatar
zedda
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.04.13
Numero di messaggi : 532
Località : itri
Impianto : troppi o troppo pochi... boh...

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  zedda il Dom 6 Mar 2016 - 12:12

Chiedo aiuto perche ancora non ho capito questo mosfettino dove si collega... Il suo collettore dove è attaccato? La base? L'emitter? È collegato alle resistenze di emitter dei finali? È collegato sulla base dei finali? Potresti essere piu prolisso perche sono davvero nubbio su queste cose
avatar
zedda
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.04.13
Numero di messaggi : 532
Località : itri
Impianto : troppi o troppo pochi... boh...

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  valterneri il Lun 7 Mar 2016 - 2:55

zedda ha scritto: ... Potresti essere piu prolisso perché ...
E' come chiedere all'acqua di essere un po' più bagnata,
ma è per me la domanda? è questo il 3D?

Se parli della coppia 2SA1491 - 2SC5198, non sono mosfet, ma transistori:
(l'SA è PNP, l'SC è NPN)


Avevi un progetto AB in simmetria quasi complementare che volevi trasformare
in simmetria complementare per poter usare la tua coppia CAR dismessa SA / SC,
è questo il problema?
avatar
valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3687
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  zedda il Lun 7 Mar 2016 - 11:46

valterneri ha scritto:
zedda ha scritto: ... Potresti essere piu prolisso perché ...
E' come chiedere all'acqua di essere un po' più bagnata,
ma è per me la domanda? è questo il 3D?

Se parli della coppia 2SA1491 - 2SC5198, non sono mosfet, ma transistori:
(l'SA è PNP, l'SC è NPN)


Avevi un progetto AB in simmetria quasi complementare che volevi trasformare
in simmetria complementare per poter usare la tua coppia CAR dismessa SA / SC,
è questo il problema?

non volevo scomodare sempre te, mi dispiace costringerti a rispondere a queste ovvietà,Embarassed comunque sarà l'aria piu fresca ma adesso mi è chiaro quale sia il transistorino che rileva la corrente di bias... intercetta la corrente di bias tra l'emettitore e la resistenza di emitter del finale...
almeno credo Smile

detto questo non so come intervenire...
mi ricordo che un amico mi disse, che se uno vuole usare un amplificatore professionale in casa (a volumi tranquilli) puo eliminare direttamente il transistorino di sovracorrente.... Twisted Evil

come intervengo io? che invece ho un sinto che suona troppo fiacco nonostante le notevoli modifiche effettuate:
condensatori di filtro piu grandi
tolto il condensatore di disaccoppiamento sul segnale
cavo di potenza piu grande con passacavo (senza spina sul sinto) e schuko saldata a stagno
nuova ciabatta assemblata con frutti vimar con il cavo che arriva direttamente dentro il quadro elettrico
ingresso diretto sui finali tramite i preout (perciò escludendo selettori,pot,integrati,dsp, ecc ecc)
suona davvero bene... ma "sotto" è davvero fiacco... un basso troppo asciutto...

ci metto una resistenza in serie al transistorino che rileva la corrente di bias?
su che pin metto la resistenza al transistorino? quello collegato vicino la resistenza di emitter?

calcola che dopo ore di funzionamento (in stereo) è appena a una trentina di gradi il dissipatore...
potrebbe essere che lo hanno limitato molto in progetto perche hanno supposto che un utente normale lo usa su tutti e 6 i canali contemporaneamente...
quindi penso che sia fattibile almeno sui canali frontali... non penso che si affatica troppo il trasformatore, che comunque non è niente male...

mentre, il problema di quell'altra scheda semicomplementare, effettivamente è un po piu ingarbugliato... e vorrei fare anche quello... ma non so se otterrò effettivamente benefici
forse suona meglio così... Rolling Eyes

comunque ti ringrazio veramente perchè sei riuscito a infilarmi qualcosa in zucca Wink
avatar
zedda
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.04.13
Numero di messaggi : 532
Località : itri
Impianto : troppi o troppo pochi... boh...

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  valterneri il Lun 7 Mar 2016 - 16:54

"un amico mi disse
che se uno vuole usare un amplificatore professionale in casa (a volumi tranquilli)
può eliminare direttamente il transistorino di sovracorrente .... "


è una affermazione sbagliata,
la limitazione interviene solo nel sovraccarico dell'amplificatore, non ha nessuna
rilevanza né controindicazione a volumi tranquilli,
si potrebbe dire casomai:
"per spremere tutti i Watt possibili è necessario toglierla"

ma questo solo se ti fidi di più dell'amico esperto in rete
che dei progettisti dell'amplificatore professionale.



ho un sinto che suona troppo fiacco nonostante le notevoli modifiche effettuate:
1) condensatori di filtro più grandi


questo forse e a di rado avvicina di pochissimo la potenza massima a quella di picco,
ma siamo sempre in zona vicino alla saturazione, dove non si dovrebbe mai andare.

2) tolto il condensatore di disaccoppiamento sul segnale

non ha nessuna rilevanza

3) cavo di potenza piu grande con passacavo (senza spina sul sinto) e schuko saldata a stagno

rilevanza zero, o  forse meno.

4) nuova ciabatta assemblata con frutti vimar
con il cavo che arriva direttamente dentro il quadro elettrico


rilevanza zero!

5) ingresso diretto sui finali tramite i preout (perciò escludendo selettori, pot, integrati, dsp, ecc ecc)

questo è giusto, appena appena utile
(perché le elettroniche di segnale oggi sono costruite bene)

suona bene ma "sotto" è fiacco... un basso troppo asciutto ...

devi migliorare il rapporto tra casse, ambiente e ascolto.

ci metto una resistenza in serie al transistorino che rileva la corrente di bias?

no.

calcola che dopo ore di funzionamento (in stereo) è appena a una trentina di gradi

vedi se riesci a misurare la corrente di bias e se è possibile aumentarla del 20%
(opera sempre con cautela, ricordati com'era per rimetterla eventualmente com'era)

potrebbe essere che lo hanno limitato molto in progetto perché hanno supposto che ...

no, la limitazione entra in funzione solo ai limiti possibile di potenza, ed è bene che sia così.


mentre quell'altra scheda semicomplementare ... e vorrei fare anche quella ...
ma non so se otterrò effettivamente benefici ....

se è un amplificatore "sperimentale indipendente"
fai bene a farlo, anche se sarà una vergogna sarà divertente farlo,
ma dovresti procurarti:

un multimetro preciso
un oscillatore a bassissima distorsione
un millivoltmeter bf preciso
un misuratore di distorsione
un carico fittizio di adeguata potenza
un oscilloscopio doppia traccia .....

ovviamente costa meno comprare l'amplificatore
l'estetica sarà migliore, l'affidabilità anche, la qualità .........
non esiste un amplificatore autocostruito che possa competere con uno di buona marca
seppur neppure costoso.


Di seguito ti trascrivo un messaggio che stavo scrivendoti questa notte
presupponendo che la domanda fosse solo per costruire l'amplificatore complementare:

La tua esperienza elettronica è troppo debole per riuscire a modificare un circuito
e poi costruirlo e farlo funzionare bene con sicurezza,
ti consiglio di trovare uno schema ampiamente collaudato e costruito
e un circuito modificato è un circuito mai costruito.
In rete esistono troppi circuiti "geniali" mai messi alla prova, mai misurati,
a volte neppure mai costruiti.
Un'altra tua debolezza è l'assenza di strumenti di misura sofisticati.

Inizia a costruire la scatola e l'alimentatore,
predisponendo il giusto spazio, la giusta distanza
e il giusto orientamento del circuito stampato dell'amplificatore,
predisponi anche i finali e i loro radiatori, i collegamenti di uscita
e l'orientamento di quelli d'entrata.
il circuito amplificatore sarà l'ultima cosa ad arrivare, e potrai avere così
anche un banco prova per provarne nel tempo più di uno.

La necessità dei collegamenti corti per alimentare i finali è una stupidaggine,
come lo è quella per uscire alle casse,
il vero punto difficile è il percorso del collegamento di massa.

Non esagerare in nulla, in elettronica esagerare significa sbagliare,
non usare circuiti insoliti e geniali,
se fossero buoni li avrebbero già usati migliaia di volte dagli anni '70 a ora.
avatar
valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3687
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  zedda il Mar 8 Mar 2016 - 11:41

Grazie per la risposta Smile

Comunque mi ero dimenticato di dire che i condensatori gli ho messi solo piu grandi in voltaggio e soprattutto di marca (nichicon o rubycon non ricordo) perche quelli originali erano di una marca strana, e soprattutto mandavano in protezione l'amplificatore, se scuotevi i barilotti si muovevano all'interno...

Comunque aumentando la corrente di bias non rischio di limitare ancora di piu la dinamica se le protezioni intervengono gia prematuramente?
E poi che mi serve rendere piu caldo il dissipatore e sforzare di piu il trasformatore?
E poi del 20% non è un po troppo per le piccole resistenze da 5w?

Non posso proprio intervenire sulla protezione di sovracorrente quindi?
Se uso un termometro laser per controllare i finali mentre testo l'eliminazione del mosfettino di sovracorrente?

Oppure come chiedevo prima non posso limitarne l'intervento della protezione?

Comunque il mio amico mi fece capire che c'era questa remota possibilità... Però non me lo fece fare sull'sta700 perche ha troppo poco alluminio e perche l'avrei usato anche per festicciole...
Pero per un uso casalingo al 100%, magari con woofer pilotabili, si potrebbe eliminare senza incorrere in alcun problema... Forse non si noterebbe differenza... Ma forse si...

Comunque questo marantz ha solo una coppia complementare per canale... Sempre 2sa1941... Resistenza di emitter 0,27 o giu di li...
E dichiara come carico minimo 6 ohm...

Effettivamente ho trombe da 8 ohm e woofer da 4 ohm... Pero niente di difficile da pilotare... Un semplice reflex e filtro del primo ordine...

Percio ho deciso che voglio provarci... Mal che vada ho altri 8 transistor...

Ok l'amplificatore semicomplementare rimarra di certo semicomplementare, almeno finchè non termino gli studi... Intanto assemblo e lo uso cosi...
Anzi probabile per sempre perche forse lo venderò... Ho trovato un acquirente che sembrava essere interessato...
Forse ci faccio anche un bel gruzzoletto perche sembra uno specchietto per allodole con quei condensatoroni itelcond...
avatar
zedda
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.04.13
Numero di messaggi : 532
Località : itri
Impianto : troppi o troppo pochi... boh...

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  zedda il Gio 10 Mar 2016 - 1:05

Ho trovato lo schema dell'amplificatore
Non c'è il circuito per la sovracorrente che mi hai mostrato

Quale potrebbe essere?
avatar
zedda
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.04.13
Numero di messaggi : 532
Località : itri
Impianto : troppi o troppo pochi... boh...

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  valterneri il Gio 10 Mar 2016 - 2:59

E' questo il Marantz?
Questo circuito amplificatore non possiede nessuna limitazione di corrente/potenza
da sovrapilotaggio,
il transistore 310 è l'indispensabile stabilizzatore di Bias in funzione anche della temperatura
e si chiama "moltiplicatore di Vbe",
lo si potrebbe sostituire con 4 diodi e una resistenza
ottenendo però un regolatore meno preciso, perché i diodi, al variare della temperatura,
non hanno la stessa non linearità dei 4 transistori successivi,
questo moltiplicatore è stato realizzato in modo alquanto semplice,
non è compensato né per le deviazioni dell'alimentazione, né per l'instabilità
dell'impedenza interna del transistore al variare della sua temperatura,
però questo Marantz è un amplificatore che né sviluppa potenze elevate,
né lavora in ambienti proibitivi come devono fare quelli professionali
(che per questo sono molto più protetti).

Il transistore 314 è solo un sensore contro la corrente continua in uscita e il 315,
oltre che ubbidire al 314, verrà probabilmente pilotato da un circuito di ritardo all'accensione
e piloterà un relè?
Ma non vedo il resto del circuito e potrei sbagliarmi (a quest'ora poi ... )

Il problema dell'amplificatore "fiacco" potrebbe quindi essere:

hai bisogno di più potenza:
tieni conto che la potenza scorre in modo logaritmico,
quando si vuole ascoltare un po' più forte occorre raddoppiarla,
quindi un po' più forte di 10 watt è 20, di 20 è 40, di 40 è 80 .....
e via di seguito,
quando si vuole ascoltare forte 120 watt spesso non bastano,
anche per un altro motivo:
l'amplificatore entra in crisi per i picchi musicali, l'udito giudica il forte per la media,
e spesso la potenza di picco è 3 volte quella media.

le tue casse non ti si addicono:
accade spesso, il nostro udito cerca la soddisfazione, non la linearità,
ci si può emozionare per i colori di una farfalla,
ma di solito emozionano di più i coni più grandi di 30 centimetri

non hai posizionato bene le tue casse nel tuo ambiente:
è la cosa meno probabile, ma se le posizionerai al meglio
ti avvicinerai gratuitamente alla soluzione del problema

più bassi? ...... più vicine alle pareti o al pavimento, oppure un sub molto sub
più grinta? ...... più vicine al punto d'ascolto e più lontane dalle pareti
più dettaglio e più precisione? ...... più vicine e arredamento più ricco
ecc ecc ecc

zedda ha scritto:... almeno finchè non termino gli studi...
che studi fai?
avatar
valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3687
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  zedda il Gio 10 Mar 2016 - 7:50

Il lato positivo è che ho capito quello che mi avevi spiegato la volta scorsa e per questo ti ringrazio Smile Adesso devo scappare e rispondo in maniera completa tra un oretta Smile
avatar
zedda
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.04.13
Numero di messaggi : 532
Località : itri
Impianto : troppi o troppo pochi... boh...

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  zedda il Gio 10 Mar 2016 - 10:10

Sto usando gli stessi diffusori con un vecchio finale zeck a902 risistemato da me,
segnale tramite i preout del marantz...
I diffusori ora suonano belli corposi... Sempre nei limiti di un 12" accordato a 50hz...
I vumeter anteriori hanno toccato massimo i 15watt... Quindi non sembra un problema di potenza...

La non "non linearitá" dei diodi cosa comporta?
Risolverei in parte il problema o ne andrei a creare altri?
Dici che rimarrá fiacco a vita?
Non è che c'è qualche transistorino che preamplifica male il segnale?
Magari sottodimensionato per pilotare i finali?

Tu come faresti?
Non ci si puo inventare niente?
avatar
zedda
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.04.13
Numero di messaggi : 532
Località : itri
Impianto : troppi o troppo pochi... boh...

Tornare in alto Andare in basso

Re: circuito di protezione contro i cortocircuiti amplificatore

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum