T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Primo acquisto cuffie consigli
Oggi a 17:35 Da lello64

» Pioneer a-30 vs onkyo 9010
Oggi a 17:29 Da giucam61

» (GE) Diffusori Kef Coda 9.2 euro 140
Oggi a 17:14 Da antbom

» upgrade 2500 max
Oggi a 16:14 Da natale55

» Autocostruzione PRE
Oggi a 15:44 Da viper

» [BO][TR][PG] Vendo Hifiman HE500
Oggi a 15:39 Da Dexterdm

» [BO][TR][PG] Vendo Schiit Bifrost Uber usb 2gen
Oggi a 15:35 Da Dexterdm

» Nuovo ADCOM GFA-565-SE, acquisto
Oggi a 12:02 Da sound4me

» Pioneer SA-706 non va d'accordo con Canton Quinto 520...
Oggi a 11:49 Da p.cristallini

» Amplificatore per Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B, quale migliore?
Oggi a 11:44 Da giucam61

» Consigli per impianto 2.1
Oggi a 11:40 Da giucam61

» Denon PMA 50
Oggi a 10:22 Da Enry

» Madame Butterfly
Oggi a 9:53 Da luigigi

» OLD AKG K141 MONITOR E LITTLE DOT MK II V3.0
Ieri a 23:56 Da YAPO

» DAC con I2S e DSD
Ieri a 21:26 Da mrcrowley

» Cavo ad Y RCA per Subwoofer
Ieri a 21:24 Da gianni1879

» Nuovo cd lettore+dac
Ieri a 21:08 Da mrcrowley

» Daphile - Audiophile Music Server & Player OS
Ieri a 20:45 Da dinamanu

» Collegare più sorgenti al T-Amp
Ieri a 20:41 Da giucam61

» OP AMP 627
Ieri a 19:24 Da sportyerre

» Fx-Audio D802
Ieri a 19:02 Da Angel2000

» Chiarimenti Per Impianto Audio! Help !
Ieri a 18:36 Da dinamanu

» Cavi segnale AudioOasi Air Straight VB
Ieri a 16:34 Da Enry

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri a 14:12 Da kalium

» AUDIOLAB 8000SE
Ieri a 12:08 Da Gabriele Barnabei

» R.I.P GREG LAKE
Ieri a 11:25 Da scontin

» Una storia di cavi
Ieri a 10:57 Da Angel2000

» Concerto Ian Paice - Pistoia, 8 dicembre
Ieri a 10:50 Da pallapippo

» AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finale
Ieri a 10:11 Da embty2002

» [VENDO] Vinili classica e altro da 4,90 € in su
Ieri a 6:29 Da savi

» [CB + s.s.] Vendo vinili: ampia scelta
Ieri a 6:12 Da savi

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Ieri a 0:36 Da CHAOSFERE

» Chi ben comincia...consigli
Gio 8 Dic 2016 - 23:23 Da p.cristallini

» RCF Stereo Amplifier AF 6181
Gio 8 Dic 2016 - 22:28 Da Aggeo

» cablaggio interno
Gio 8 Dic 2016 - 21:46 Da Angel2000

» (GE) Trasformatore toroidale 230 V~ 2 x 45 V 2 x 3.33 A 300 VA Sedlbauer.
Gio 8 Dic 2016 - 14:44 Da scontin

» Antenna FM
Gio 8 Dic 2016 - 13:37 Da fritznet

» Dac per Koss PortaPro?
Gio 8 Dic 2016 - 13:22 Da mako

» TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO
Gio 8 Dic 2016 - 12:39 Da Angel2000

» El GORDO - una torre senza filtri, si può?
Gio 8 Dic 2016 - 12:23 Da Angel2000

» Cuffie bestbuy 150€ no amplificatore
Gio 8 Dic 2016 - 11:50 Da bob80

» Diffusore bookshelf a due vie con woofer caricato in doppio carico Asimmetrico a vista (DCAAV)
Gio 8 Dic 2016 - 11:45 Da ricky84

» [NO] vendo pre+finale valvole classe A
Gio 8 Dic 2016 - 8:23 Da gigetto

» Confronto tra Breeze full mod. vs Drok ta2024b pareri personali e riflessioni
Gio 8 Dic 2016 - 0:33 Da RAMONE67

» L'ho fatto, le ho distrutte :D
Mer 7 Dic 2016 - 21:08 Da zimone-89

»  il trends tamp è oggi un oggetto superato?
Mer 7 Dic 2016 - 19:18 Da alexandros

» Quale ampli per le mie Dynaudio M20
Mer 7 Dic 2016 - 18:13 Da dinamanu

» Casse acustiche quali?b&w 684 o IL tesi 560?
Mer 7 Dic 2016 - 16:26 Da rx78

» impianto entry -level
Mer 7 Dic 2016 - 11:12 Da giucam61

» fissa lettore CD
Mer 7 Dic 2016 - 10:54 Da giucam61

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

76% 76% [ 148 ]
24% 24% [ 47 ]

Totale dei voti : 195

I postatori più attivi della settimana
CHAOSFERE
 
giucam61
 
fritznet
 
lello64
 
dinamanu
 
rx78
 
Angel2000
 
gigetto
 
schwantz34
 
p.cristallini
 

I postatori più attivi del mese
CHAOSFERE
 
dinamanu
 
lello64
 
Angel2000
 
giucam61
 
fritznet
 
gigetto
 
rx78
 
natale55
 
sportyerre
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15496)
 
Silver Black (15375)
 
nd1967 (12784)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10219)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8495)
 

Statistiche
Abbiamo 10376 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Mirko.atz

I nostri membri hanno inviato un totale di 769614 messaggi in 50075 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 73 utenti in linea :: 11 Registrati, 1 Nascosto e 61 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Anto73, brico, cele, CHAOSFERE, giucam61, lello64, mauretto, micio_mao, Mirko.atz, ninja77, stail

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Furl  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Pagina 17 di 18 Precedente  1 ... 10 ... 16, 17, 18  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Giancarlo il Dom 13 Apr 2014 - 17:18

Tornando in topic..
Misure di sensibilità di un diffusore a 8 ohm vs Parallelo/serie di 2 diffusori a 8 ohm.

Parallelo
Metodo di misura a tensione costante di 2.83v:
1 diffusore: 74dB @2.83v/1m (8 ohm) Vs 2 diffusori: 80dB @2.83v/1m (4 ohm)
Metodo di misura a potenza costante di 1w:
1 diffusore: 74dB @1w/1m (8 ohm) Vs 2 diffusori: 77dB @1w/1m (4 ohm)

Serie
Metodo di misura a tensione costante di 2.83v:
1 diffusore: 74dB @2.83v/1m (8 ohm) Vs 2 diffusori: 74dB @2.83v/1m (16 ohm)
Metodo di misura a potenza costante di 1w:
1 diffusore: 74dB @1w/1m (8 ohm) Vs 2 diffusori: 77dB @1w/1m (16 ohm)

Entrambi i metodi di misura della sensibilità (misura a tensione costante di 2.83v e misura a potenza costante di 1w) sono validi, ma ragionando a potenza costante di 1w, il confronto è immediato, mentre a tensione costante bisogna apportare le correzioni che dicevo alcuni post fa.

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Giancarlo il Dom 13 Apr 2014 - 21:29

@Fernando Micelli ha scritto:
Credo tu faccia confusione fra Sensibilità ed Efficienza.

E' un fraintendimento non da poco che spesso i costruttori di casse
hanno contribuito a creare e non sempre involontariamente.

Ma non ti preoccupare, non sei il solo.
...
La questione non potrebbe interessarmi di meno
e ancor meno avere o no ragione.

Non mi preoccupo.
Sul fraintendimento siamo d'accordo, anche se non siamo d'accordo su chi abbia frainteso.. Non sarò certo io e nemmeno tu, visto che non te ne può fregare di meno, a dirimere la questione in maniera definitiva.. questione che ha origini antiche, ovvero da quando si è passati dalle valvole allo stato solido..

C'è chi la pensa come te, ovvero che l'efficienza si misuri in dB @1w/1m, e chi come me, che invece crede che i dB @1w/1m siano sempre una misura di sensibilità fatta a potenza costante, e l'efficienza sia un numero puro (da 0--1) esprimibile anche in percentuale ( da 0--100%).
L'efficienza, tra l'altro, non compare quasi mai nelle schede tecniche.

E' curioso che Wikipedia a proposito della definizione di efficienza, riporti due definizioni diverse a seconda della versione in lingua inglese e italiana.

Versione inglese:

http://en.wikipedia.org/wiki/Thiele/Small (mancano le formule per problemi di formattazione)

• η0 - The reference or "power available" efficiency of the driver, in percent.

The expression ρ/2πc can be replaced by the value 5.445×10-4 m²•s/kg for dry air at 25 °C. For 25 °C air with 50% relative humidity the expression evaluates to 5.365×10-4m²•s/kg.
• A version more easily calculated with typical published parameters is:

The expression 4π2/c3 can be replaced by the value 9.523×10–7 s³/m³ for dry air at 25 °C. For 25 °C air with 50% relative humidity the expression evaluates to 9.438×10−7s³/m³.
• From the efficiency, we may calculate sensitivity, which is the sound pressure level a speaker produces for a given input:
A speaker with an efficiency of 100% (1.0) would output a watt of energy for every watt of input. Considering the driver as a point source in an infinite baffle, at one meter this would be distributed over a hemisphere with area 2π m² for an intensity of (1/(2π))=0.159154 W/m², which gives an SPL of 112.1 dB in reference to the reference pressure of 2e-5 Pascals.
SPL at 1 meter for an input of 1 watt is then: dB(1 watt) = 112.1 + 10*log(η0)
SPL at 1 meter for an input of 2.83 volts is then: dB(2.83 V) = dB(1 watt) + 10*log(8/Re) = 112.1 + 10*log(η0) + 10*log(8/Re)

E ora la versione italiana:

http://it.wikipedia.org/wiki/Parametri_di_Thiele_%26_Small

Efficienza 1W/1m
Efficienza (dBSPL). Esprime il livello di pressione sonora generata, in camera anecoica, applicando all'altoparlante un segnale sinusoidale generalmente alla frequenza di da 1 kHz, con la potenza di 1 watt. Un'alta efficienza permette a parità di potenza applicata di avere maggiore pressione sonora, ma generalmente altoparlanti molto sensibili richiedono grandi volumi di carico poiché hanno Cms e quindi Vas alte. Il valore medio di sensibilità si aggira intorno ai 90dB.[1]

La cosa che mi fa ridere è la nota conclusiva della versione in italiano:
" Nei cataloghi e nelle schede tecniche spesso le parole sensibilità ed efficienza vengono confuse. Conviene quindi fare attenzione più che altro al dato 1W/1m oppure 2,83V/1m."


Altre fonti che ritengo attendibili (sulle cose tecniche sono esterofilo. Si è capito?):

http://www.sengpielaudio.com/calculator-efficiency.htm
http://www.audioholics.com/loudspeaker-design/loudspeaker-sensitivity
http://www.klipsch.com/Education/speaker-sensitivity

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  SaNdMaN il Lun 14 Apr 2014 - 0:35

@Fernando Micelli ha scritto:
@Giancarlo ha scritto:
Secondo me le risposte giuste sono:
1) a=b
2) a=b
3) a<b
4) a<b
5) a<b
6) a<b
7) a=b

Credo tu faccia confusione fra Sensibilità ed Efficienza.

E' un fraintendimento non da poco che spesso i costruttori di casse
hanno contribuito a creare e non sempre involontariamente.  

Ma non ti preoccupare, non sei il solo.

Quoto  Ok 

SaNdMaN
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 29.09.11
Numero di messaggi : 5972
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Sorgente: Marantz CD60004
Trasporto: M2Tech HiFace Two
DAC: Musical Fidelity VDAC II -XMOS PCM5102 DAC - Cambridge Audio DAC100 - Behringer Ultramatch PRO CS4398 a trasformatori
HTCP Silverstone: JRiver con Dirac Live Room Correction
Preamplificatore: Gomez - Prebby HV - PrebbyHeadHV - PreFET
Finali: 2 Adcom GFA 555 - TPA3116 - Abletec 240 - TA 10.2
Diffusori: Focal Aria 906 - Dynaudio DM 2/7 - Cerwin Vega SL15
Cuffie: Grado SR325i - Sennheiser HD600
Ampli Cuffie: JHL class A - Prebby Head HV




Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Giancarlo il Lun 14 Apr 2014 - 1:02

@SaNdMaN ha scritto:
@Fernando Micelli ha scritto:

Credo tu faccia confusione fra Sensibilità ed Efficienza.

E' un fraintendimento non da poco che spesso i costruttori di casse
hanno contribuito a creare e non sempre involontariamente.  

Ma non ti preoccupare, non sei il solo.

Quoto  Ok 

Quoto anch'io  Ok (c'è confusione in giro..)

Quella indicata come dB @1w/1m è la sensibilità ponderata chiamata da alcuni anche efficienza e serve per poter confrontare correttamente le sensibilità di due diffusori aventi differenti impedenze!
Altrimenti confrontiamo le pere con le mele!
Ho trovato anche queste spiegazioni in italiano:
http://www.dibirama.altervista.org/tecnica/sensibilita-ed-efficienza.html
http://mariobon.com/Articoli_nuovi/427_SPL_ponderato.htm

Poi è logico che un diffusore più sensibile (in dB 1w/1m), sarà anche più efficiente (in %). Conoscendo l'una si si può calcolare facilmente l'altra e la formula è:

Efficiency = 10[(Sensitivity in dB – 112)/10]

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  SaNdMaN il Lun 14 Apr 2014 - 1:31

@Giancarlo ha scritto:
@SaNdMaN ha scritto:

Quoto  Ok 

Poi è logico che un diffusore più sensibile (in dB 1w/1m), sarà anche più efficiente (in %). C
Efficiency = 10[(Sensitivity in dB – 112)/10]

Appunto  Very Happy 

SaNdMaN
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 29.09.11
Numero di messaggi : 5972
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Sorgente: Marantz CD60004
Trasporto: M2Tech HiFace Two
DAC: Musical Fidelity VDAC II -XMOS PCM5102 DAC - Cambridge Audio DAC100 - Behringer Ultramatch PRO CS4398 a trasformatori
HTCP Silverstone: JRiver con Dirac Live Room Correction
Preamplificatore: Gomez - Prebby HV - PrebbyHeadHV - PreFET
Finali: 2 Adcom GFA 555 - TPA3116 - Abletec 240 - TA 10.2
Diffusori: Focal Aria 906 - Dynaudio DM 2/7 - Cerwin Vega SL15
Cuffie: Grado SR325i - Sennheiser HD600
Ampli Cuffie: JHL class A - Prebby Head HV




Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  valvolas il Lun 14 Apr 2014 - 2:13

@Giancarlo ha scritto:Fonte:
http://www.giannicornara.net/pages/pages_technotes/page_sens_eff.htm

"Le modalità correntemente utilizzate per dichiarare la sensibilità sono due:
       con riferimento alla potenza
       con riferimento alla tensione"

.....

"L'efficienza si definisce come rapporto fra la potenza acustica resa e la potenza elettrica fornita: essendo un rapporto fra potenze, quindi fra grandezze omogenee, l'efficienza è un numero adimensionale (un numero puro)."
E quindi non si misura in dB aggiungo io.



I due parametri però sono concettualmente diversi, e alla fine ci dicono due cose diverse, anche se correlate: l'efficienza ci dice quanta potenza elettrica viene convertita in energia sonora, quindi analogamente quanta energia elettrica si spreca, la sensibilità ci dice quanto suono si produce.
Sono due definizioni chiare uno è un numero puro,l'altro si misura in db.Mancherebbe quella definizione che definisce la sensibilita' in modo piu diretto,intuitivamente è facile capirlo (di solito) forse definirlo è un po meno semplice

valvolas
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 26.03.11
Numero di messaggi : 5253
Località : Lombardia
Provincia (Città) : Mi
Impianto : Valvolas minimalist classe A by Gigi6c/finale integrato valvolare 6L6-Ecc88 suitcase
by Gigi6c/pre-minimalist V4 /rotel ra-413/pre tube minimalist 6n6P/pretube bymau ecc88/Ecc82 pretty
casse:indiana line 11 50/national SB-22 alnico/Mayu 103 by Hell67 cavi:di tutto..autocostruito (senza la kriptonite di Urano)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  valterneri il Lun 14 Apr 2014 - 22:08

@fritznet ha scritto:il mistero s'infittisce  Pop corn 
Ciao Giancarlo e bentornato Fernando!

Che la mia assenza non vi sembri superbia, sono assente e deluso da me
e di me stesso, il forum è un'oasi..

Mi piace vedervi in contrasto,
che noia se giocassimo a scacchi tutti con le pedine bianche,
è difficile però seguirvi,
postate con troppi numeri, formule e troppi riporti di altri che scrivono in internet,
ma internet è una discarica a cielo aperto,
dispersiva e diseducativa.
Io ne sono disorientato. Dobbiamo usare parole nostre.

Vi lascio con quel che penso:

L'efficienza è l'energia utile uscente in rapporto all'energia totale entrante.
(watt acustici fratto watt elettrici)
In un solo altoparlante o in un sistema più complesso,
questo rapporto rimane stabile e uguale a se stesso, sempre e in ogni caso,
in qualunque modo uno o più altoparlanti uguali tra loro vengono collegati.

E ora una poesia per Fritznet,
perché è l'unico che ne tenterà la parafrasi:

Se nella mensa dei miei poveri
ho una pentola di minestra calda
e dodici piatti
è inutile disporne ventiquattro
nel vano tentativo d'aumentare la minestra
per sfamarne ancora.

La poesia s'intitola
"Vana speranza nel far la somma delle superfici radianti"

Per gli scettici ho un'altra storia (frequento i conventi):

Suor Celeste
la sera
prima di addormentarsi
controllava sotto al letto
per assicurarsi che non ci fosse qualcuno
e
non trovandoci mai nessuno
fece mettere due letti
per raddoppiare le probabilità.

Vi ricordate dei due topi che mi hanno azzannato le mani
mentre io tentavo di salvar loro la vita? E' questa la mia delusione.
Ma adesso fuori in terrazza si vede una straordinaria luna piena
che funziona senza elettricità,
è troppo bella per pensare grandi le mie frustrazioni. Ciao,
il mio micro pc bianco si sta scaricando.

valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3609
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  fritznet il Lun 14 Apr 2014 - 22:43

La luna si vede anche da qui, e fra qualche giorno, meteo permettendo, anche le Liridi  Very Happy 
Bella la poesia Valter, ma la storia di suor Celeste mi ha proprio fatto ridere.

Sei troppo drastico secondo me sulla rete, il paragone con la discarica è ingeneroso, a parte che le discariche, se gestite correttamente potrebbero diventare le miniere del futuro, in rete ci sono sì cose abbandonate, dimenticate, progetti incompleti e moltissima spazzatura, ma ho fiducia che potrà diventare uno strumento molto forte di crescita per l'umanità.

Dipende, come per tutti i media, dall'uso che se ne fa, e non solo da parte chi produce i contenuti, ma anche di ne usufruisce.

Pensa alla possibilità di tenere corsi di aggiornamento, seminari e conferenze ad esempio in ambito sanitario (medico ed infermieristico) in paesi molto vasti, dove viaggiare è difficile ( Africa ad esempio).

Inoltre non vedo questa contrapposizione tra la rete e la letteratura scientifica, nel senso che chi è interessato ad approfondire un argomento solitamente lo fa attraverso la lettura, nondimeno avere in rete testi e siti che divulgano, secondo me non è assolutamente un male, anzi.

La vera sfida dei tempi di internet, come sosteneva già una decina di anni fa Umberto Eco, non è "usare" l'informazione, siamo sommersi e bombardati da informazioni, e non solo dalla rete.

La vera sfida è imparare a scegliere tra le varie fonti.

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8495
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale


Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Giancarlo il Lun 14 Apr 2014 - 23:10

@valterneri ha scritto:
Ciao Giancarlo e bentornato Fernando!

Vi lascio con quel che penso:

L'efficienza è l'energia utile uscente in rapporto all'energia totale entrante.
(watt acustici fratto watt elettrici)
In un solo altoparlante o in un sistema più complesso,
questo rapporto rimane stabile e uguale a se stesso, sempre e in ogni caso,
in qualunque modo uno o più altoparlanti uguali tra loro vengono collegati.

Ciao Valter!

Di seguito cercherò di dare una mia semplice definizione generica di efficienza/rendimento.
L'efficienza o rendimento di un sistema deve essere inquadrato e visto in ambito di efficienza energetica e indica semplicemente quanto otteniamo rispetto a quanto spendiamo o se volete, in altre parole, ci indica se il sistema è ottimizzato e lavora con basse perdite.
Per il primo principio della termodinamica, l'energia non si crea e non si distrugge, per cui l'efficienza o rendimento di un sistema (e anche di un sistema di altoparlanti) sarà sempre <1 ed è un numero puro (senza unità di misura), e ancor più chiaramente esprimibile in % (0---100%).
L'efficienza non si misura direttamente con uno strumento, ma si calcola facendo il rapporto tra quanto otteniamo e quanto spendiamo.
Come vedi sulla definizione di efficienza siamo d'accordo.

Mi piacerebbe se e quando avrai tempo, che tu mi dicessi anche se concordi sulla definizione di sensibilità di un altoparlante, che cercherò di esprimere con parole semplici.

La sensibilità è la reazione di un sistema ad uno stimolo.
A parità di stimolo, quanto più grande sarà la reazione del sistema, tanto più grande sarà la sensibilità.
Nei trasduttori stimolo e reazione sono sempre due grandezze fisiche diverse, perchè i trasduttori "trasducono" ovvero ricevono energia in una certa forma e la trasferiscono sotto un'altra forma.
Ciò che otterremo da un trasduttore sotto forma di energia, sarà perciò di natura diversa da quella iniziale ricevuta in ingresso dal trasduttore stesso.
La sensibilità si misura direttamente con uno strumento (non si calcola) e ha senso solo se viene indicato esplicitamente il metodo con cui la misura è stata effettuata.

Detto questo passo alla definizione della sensibilità di un altoparlante:
La sensibilità di un altoparlante è il livello di pressione in dB (reazione) che l’altoparlante emette in camera anecoica a 1m di distanza a seguito di un segnale elettrico (stimolo) a potenza di riferimento 1W oppure a tensione di riferimento di 2.83Vrms
Nelle schede tecniche degli altoparlanti viene indicata a discrezione del costruttore con quali dei due metodi è stata fatta la misura di sensibilità semplicemente indicando dopo il valore in dB le diciture 1W/m o alternativamente 2.83V/1m.

Mi preme sottolineare che l’unità di misura della sensibilità è solo dB.
1W/1m oppure 2.83V/1m non sono unità di misura, ma indicano le condizioni di misura e il simbolo di frazione è solo un separatore. I due metodi di misura si possono scrivere anche come (1W, 1m) oppure (2.83V, 1m).

Sensibilità ponderata
E’ la sensibilità misurata con il metodo a potenza 1W/1m ed è utile per poter effettuare confronti di sensibilità di altoparlanti aventi diversa impedenza.
Infatti, se si confrontassero le sensibilità misurate con il metodo della tensione a 2.83V/1m, di due altoparlanti aventi diverse impedenze, avrei dei risultati di sensibilità falsati in senso migliorativo per l'altoparlante a minore impedenza.

E' quindi ovvio che per poter valutare quale altoparlante è più sensibile dovrò confrontarli a parità di potenza e non di tensione!

Per il confronto suddetto se ho a disposizione le sole sensibilità rilevate a 2.83V/1m, sarà quindi necessario fare la conversione a sensibilità ponderata usando i correttivi come già spiegato da me precedentamente (alla fine sono sempre 3dB che si tolgono o si aggiungono) o se si preferisce usando una comoda formula di conversione, da poter mettere in un foglio di calcolo Excel:
Sensibilità ponderata = Sensibilità con metodo a tensione 2.83V+ 10*LOG10( Impedenza /8 )

Se proprio non ne posso fare a meno e voglio conoscere l'efficienza di un altoparlante, avendone misurata la sensibilità ponderata, posso calcolarla con la seguente formula:
Efficienza = 10^[(Sensibilità ponderata – 112)/10]


Quello che ti chiedo caro Valter è:
Sei d'accordo con quanto da me scritto?
I dB espressi a 1W/m sono la sensibilità ponderata (come penso io) o l'efficienza?

P.S.
Mi raccomando non fare l'eremita e non scappare sulla rocca!! Mi fa piacere leggerti qui sul forum!

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Giancarlo il Mar 15 Apr 2014 - 9:26

@Giancarlo ha scritto:
La sensibilità  di un altoparlante è il livello di pressione in dB (reazione).....
Aggiungo alla definizione la parola sonora
La sensibilità di un altoparlante è il livello di pressione sonora.......

Che differenza c'è tra sensibilità e SPL?
La sensibilità di un diffusore è una misura di pressione sonora (SPL) standardizzata come detto sopra.
l'SPL (Sound pression level) è la pressione sonora in generale e quindi in qualsiasi condizione.
Sia la sensibilità che l'SPL si misurano in dB.

Nelle "misure" da me effettuate in maniera spannometrica avrei quindi dovuto sempre parlare più correttamente di SPL e mai di sensibilità, semplicemente perchè le misure di SPL da me fatte, non erano misure rigorose e fatte con i metodi di cui sopra (e quindi di sensibilità).
Ciò non toglie che, tutte le considerazioni da me fatte, fossero comunque secondo me corrette, perchè fatte confrontando diffusori in parallelo/serie mantenendo costanti la distanza e il livello di tensione (manopola dell'amplificatore fissa).

Spero che la differenza tra efficienza o rendimento e sensibilità di un diffusore sia chiara e qualora non lo fosse faccio un ultimo tentativo:
 
Di un altoparlante, ciò che normalmente si vuole sapere, è la sensibilità e quindi avere un'idea di "quanto forte suonerà" l'altoparlante collegato all'amplificatore o quanto sarà efficiente e ci costerà in bolletta?

Parlare di efficienza di un altoparlante è un ossimoro e sarebbe più opportuno parlare di inefficienza di un altoparlante..  Sad

Efficiency Percent  Sensitivity
0.2              20 %  105 dB
0.1              10 %  102 dB
0.05              5 %   99 dB
0.02              2 %   95 dB
0.01              1 %   92 dB
0.006           0.6 %  90 dB
0.005           0.5 %  89 dB
0.002           0.2 %  85 dB
0.001           0.1 %  82 dB

Per contro ha invece molto senso, ad esempio, parlare di rendimento (sinonimo di efficienza) in tutti i campi dove si parla di bilancio energetico, risparmio energetico e il primo caso che mi viene in mente è il pannello fotovoltaico.
E ricordatevi che il rendimento o efficienza non si misura, ma si calcola, ed è normalmente espresso in % e non in dB.

Tornando al nostro caso avremo quindi che un altoparlante avente sensibilità di 90dB (1W/1m) facendo un semplice calcolo (ho già dato la formula prima e non la rimetto) risulta avere un'efficienza dello 0.6%.
Questo significa che dandogli in pasto 100W ce ne restituisce 0.6W sottoforma di W acustici e tutto il resto vale a dire 99.4W finiscono in calore smaltiti dalla bobina mobile e attriti.
Ma a noi interessa sapere quanto forte suonerà, giusto?
Bene ora faccio un compitino.
Compito:
Collegato ad un amplificatore con dati di targa 100W rms /8ohm quanto forte suonerà un altoparlante da 8 ohm con sensibilità di 90dB 1W/1m?
Svolgimento:
Per prima cosa converto i W in dB
Amplificatore da 100W = 10*log(100) = 20dB di guadagno

A 1 metro di distanza in camera anecoica ho:
SPL=90+20=110dB
E a casa nostra?
Innanzitutto non ascolteremo mai ad 1m di distanza con 110dB di SPL!!!
E poi ognuno a casa sua avrà condizioni di ascolto diverse e quindi la risposta va data caso per caso. Per fortuna esistono dei simulatori che possono aiutare.
In ogni caso spero di avere dato un'idea di cosa significa parlare di sensibilità ed efficienza e perchè ha senso parlare dell'uno e dell'altro e in quali casi.

Dopo tutto questo sbattimento gratuito (spero di non aver commesso errori, perchè adesso non ho il tempo di rileggere e devo lavorare), sono graditi feedback.  Laughing

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  beppe61 il Mar 15 Apr 2014 - 10:55

Innanzitutto grazie Giancarlo per lo sbattimento che ti sei preso, ma almeno per quanto riguarda le differenze tra sensibilita' ed efficienza, la questione era gia' stata chiarita anche in altri 3d del passato, ma un ripasso fa' sempre bene.
Per quanto riguarda invece il nocciolo della questione, mi autoquoto.
@beppe61 ha scritto:Dopo aver letto quasi tutto, mi permetto di focalizzare un attimo la questione:
Nel caso si collegamento in parallelo di due altoparlanti (al netto di distanze di montaggio, caricamenti vari etc etc) e' da tutti affermato che il guadagno sia di 6 db.
Di questi sei db 3 sono dovuti al maggior wattaggio ricevuto grazie al dimezzamento dell'impedenza, e su questo anche Valter e' d'accordo, essendovi una maggiore forza elettromotrice che egli interpreta come l'unica responsabile dell'aumento di livello.
(questo vale anche per il collegamento in serie)

Quello che e' realmente da capire sono i 3 db dovuti all'aumento della superficie radiante (che dalle prove empiriche effettuate sembrerebbe confermato) e che probabilmente e' spiegato nello scritto di Linkwitz postato, ma che personalmente non sono in grado di comprendere (sopratutto la spiegazione matematica)  Embarassed

beppe61
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 11.07.10
Numero di messaggi : 1458
Località : .
Provincia (Città) : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Eulero il Mar 15 Apr 2014 - 11:19

L’acqua di uguale altezza non ha per se moto,  e per la convessa avrà moto quella, che è di altezza ineguale con tanta maggiore, o minore velocità, quanto l’inegualità fia di maggiore, o minore differenza, e questa è manifesta per la quarta.


Eulero
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 16.03.12
Numero di messaggi : 483
Località : Bologna
Impianto : Musica: su Nas Synology DS112
Sorgente: Voyage MPD su Via Epia N800
Trasporto: HiFace 2
Dac: Teac UD-H01
Amplificatore: Naim Nait 5i
Diffusori: ProAc Studio 130

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Eulero il Mar 15 Apr 2014 - 11:25

@valterneri ha scritto:L'efficienza è l'energia utile uscente in rapporto all'energia totale entrante.
(watt acustici fratto watt elettrici)
In un solo altoparlante o in un sistema più complesso,
questo rapporto rimane stabile e uguale a se stesso, sempre e in ogni caso,
in qualunque modo uno o più altoparlanti uguali tra loro vengono collegati.



Alle stesse conclusioni si perviene per il parallelo.
Tutti uguali questi toscani, dai tempi del De vulgari eloquentia.
Valter è evidente il parallelo?
Ci sono errori?

Eulero
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 16.03.12
Numero di messaggi : 483
Località : Bologna
Impianto : Musica: su Nas Synology DS112
Sorgente: Voyage MPD su Via Epia N800
Trasporto: HiFace 2
Dac: Teac UD-H01
Amplificatore: Naim Nait 5i
Diffusori: ProAc Studio 130

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Giancarlo il Mar 15 Apr 2014 - 11:58

@beppe61 ha scritto:
Quello che e' realmente da capire sono i 3 db dovuti all'aumento della superficie radiante (che dalle prove empiriche effettuate sembrerebbe confermato) e che probabilmente e' spiegato nello scritto di Linkwitz postato, ma che personalmente non sono in grado di comprendere (sopratutto la spiegazione matematica)  Embarassed

Innanzitutto grazie del feedback!
La questione può essere affrontata matematicamente come nello scritto di Linkwitz postato, ma questa è una strada estremamente difficile.
Bisogna passare da una cosa reale (l'altoparlante) a un modello matematico equivalente che conterrà all'interno tutte le caratteristiche fisiche dell'altoparlante.
Il modello matematico ci darà quindi la possibilità di fare una simulazione del comportamente reale dell'altoparlante.
Per potere affrontare la questione bisogna però avere delle conoscenze matematiche molto avanzate e bisogna sapere "maneggiare" con destrezza i numeri complessi, equazioni differenziali, integrali, etc.., conoscenze, che come dici tu, non hai.
E' quindi inutile seguire la strada matematica ed è meglio seguire quella empirica come ho fatto io.
Se vuoi farti un'idea tua l'unica cosa che puoi fare è fare un collegamento serie/parallelo e poi misurare l'SPL ottenuto a parità di condizioni.
E' chiaro che con due casse in serie ho misurato la stessa SPL che con una sola cassa, ma a metà potenza erogata dall'amplificatore?
E anche a "orecchio" due casse in serie a metà potenza, suonavano forte uguale ad una sola a potenza doppia.
Come è possibile?
L'unica cosa contestabile è che i diffusori sono altoparlanti all'interno di una cassa di legno e quest'ultima potrebbe alterare i risultati..
Resta da fare la prova degli altoparlanti senza cassa.
E allora lancio una "provocazione" raddoppiando il volume della cassa raddoppia l'SPL?

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  sportyerre il Mar 15 Apr 2014 - 12:17

[quote="Giancarlo"]
@beppe61 ha scritto:
... raddoppiando il volume della cassa raddoppia l'SPL?

Dipende dalla frequenza...

sportyerre
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 14.02.11
Numero di messaggi : 1293
Località : Milano
Occupazione/Hobby : R&D
Provincia (Città) : MI
Impianto : Fili di rame, 230V ENEL, Cyrus II + PSX, Pioneer BDP450, Thorens 166 BC +Cyrus Arm + Sumiko pearl, V-Dac II, DAC707, Velodyne CHT8, Cambridge Audio MinX11, Rega Ear MKII, Philips Fidelio X2, Superlux 681

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Giancarlo il Mar 15 Apr 2014 - 13:28

Vedo che la questione è ancora aperta..

Quando si parla di efficienza di un altoparlante quella è e quella rimane, su questo non ci piove, ma..
La cosa curiosa è però che due altoparlanti accoppiati acusticamente non si comportano alla stessa maniera di due altoparlanti distinti.
In altre parole, se presi singolarmente ogni altoparlante avrà una sensibilità.
Se li metto a debita distanza e li faccio suonare contemporaneamente i due sistemi si comporteranno come due sistemi isolati e la sensibilità finale sarà persino più bassa rispetto a quella del singolo perchè avrò distribuito il suono nello spazio, ad esempio in due camere diverse, e io la misura la faccio solo su una camera Hehe

Se però accoppio acusticamente due altoparlanti succede un fatto fisico che non si può trascurare, ovvero i due altoparlanti lavoreranno simultaneamente e in fase per cui le onde sonore che si creeranno nello spazio a loro di fronte è come se (passatemi il termine) si sommassero in ampiezza e alla fine ciò che si otterrà in termini di sensibilità sarà migliore (testato personalmente, ma con due casse), rispetto al singolo altoparlante.
E alla fine anche l'efficienza è migliorata.

L'energia non si crea e non si distrugge, ma si può concentrare.

Sono solo fenomeni fisici, che possono trarre in inganno, ma che spesso si verificano in natura e non vìolano il primo principio della termodinamica.

Pensate ad una lente (anche acustica), ad una leva..
Datemi una leva e vi solleverò il mondo! Anzi, datemi 1000 altoparlanti e vi sonorizzerò lo stadio con un TA2024.. Hehe

P.S.
Se avrò voglio proverò con due altoparlanti e non casse e vi farò sapere.

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  beppe61 il Mar 15 Apr 2014 - 14:53

@sportyerre ha scritto:
@Giancarlo ha scritto:

Dipende dalla frequenza...

In effetti le misure sui singoli altoparlanti vanno effettuate su quello che si chiama pannello a norme iec (cosi' mi sembra di ricordare) ed a seconda dei risultati ottenuti con questa procedura si procede a scegliere quale sia la "cassa" piu' adatta agli scopi del progettista (minore ingombro, tenuta in potenza, risposta alle basse frequenze etc etc).
Ma tornando alla questione iniziale, in effetti, risulta difficile anche a me, oltre che a Valter, credere che il semplice aumento di superficie radiante a parita' di potenza applicata possa creare una pressione sonora maggiore....
Ricordo la risposta al quesito che ha dato il via alla discussione:
un sistema di 16 altoparlanti collegati in serie/parallelo, la cui inpedenza sia quindi pari al singolo altoparlante avente 90 db di efficienza 1W/1m, che pressione sonora avra' applicando appunto 1 watt?
Risposta di Valter: 90 db perche' 1/16 di watt applicato su ogni singolo altoparlante del sistema daranno come totale una pressione simile a quella del singolo altoparlante con applicato 1 watt.
Risposta di Fernando: 102 decibel perche' vanno sommati i 12 decibel guadagnati grazie ai raddoppi di superficie radiante.......

Le prove empiriche effettuate sembrano confermare la seconda ipotesi,  Shocked (che istintivamente tendo a rifiutare  Suspect )


D'altronde anche il caricamento a tromba di un altoparlante ne aumenta l'efficienza (e la sensibiita') con conseguente aumento della SPL, e questo senza aumento del wattaggio fornito :mmm:ma se la superficie radiante e' caratteristica precipua per l'efficenza o la spl ottenibile, allora dovremmo avere tutti i tweeter parecchio meno efficenti dei woofer  Don't know

beppe61
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 11.07.10
Numero di messaggi : 1458
Località : .
Provincia (Città) : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Giancarlo il Mar 15 Apr 2014 - 19:52

E allora togliamoci il dubbio!

Altoparlanti e non casse in serie

Gli altoparlanti sono due vecchissimi altoparlanti ovali a 4ohm provenienti da vecchi televisori a valvole.
Dimensionalmente sono identici e anche il piccolo magnete a occhio è identico. Leggera differenza nella cupolina parapolvere.
Per sicurezza ho comunque "misurato" con lo pseudofonometro a 30cm e rumore rosa da youtube, ed entrambi mi hanno dato lo stesso valore di SPL (73dB) con la manopola a ore 10.

Ho quindi spento l'amplificatore e collegato gli altoparlanti in serie e.... non si sentiva quasi niente!
Solo un leggerissimo sibilo proveniente dall'amplificatore, quello tipico che si ha quando non c'è nessun segnale in ingresso...
Sta a vedere che..
..Avevo messo in pausa il video su youtube e me ne ero scordato.. Hehe Hehe Hehe
Ho fatto ripartire il video e..:

SPL=73dB a 30cm di distanza.

Di fare la prova in parallelo non ci penso proprio, visto che l'impedenza scenderebbe a soli 2 ohm e comunque il risultatato sarebbe scontato.

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  beppe61 il Mar 15 Apr 2014 - 20:22

@Giancarlo ha scritto:E allora togliamoci il dubbio!

Altoparlanti e non casse in serie

Gli altoparlanti sono due vecchissimi altoparlanti ovali a 4ohm provenienti da vecchi televisori a valvole.
Dimensionalmente sono identici e anche il piccolo magnete a occhio è identico. Leggera differenza nella cupolina parapolvere.
Per sicurezza ho comunque "misurato" con lo pseudofonometro a 30cm e rumore rosa da youtube, ed entrambi mi hanno dato lo stesso valore di SPL (73dB) con la manopola a ore 10.

Ho quindi spento l'amplificatore e collegato gli altoparlanti in serie e.... non si sentiva quasi niente!
Solo un leggerissimo sibilo proveniente dall'amplificatore, quello tipico che si ha quando non c'è nessun segnale in ingresso...
Sta a vedere che..
..Avevo messo in pausa il video su youtube e me ne ero scordato.. HeheHeheHehe
Ho fatto ripartire il video e..:

SPL=73dB a 30cm di distanza.

Di fare la prova in parallelo non ci penso proprio, visto che l'impedenza scenderebbe a soli 2 ohm e comunque il risultatato sarebbe scontato.

Allora, chiarisco un attimo la mia posizione, cosi' eviterai di mettere a rischio l'esistenza delle tue casse e degli altoparlanti che hai in casa:
Ogni rilevazione strumentale riportata qui ed in altri 3d passati ha evidenziato questo "guadagno" di 3 db (  3 db dovuti al raddoppio del wattaggio nel caso del collegamento in parallelo, mentre nel caso del collegamento in serie, che dovrebbe portare per il dimezzamento del wattaggio fornito ad un -3db di pressione ad una parita' di emissione).
Quello che mi domando e', visto che da tutti viene definito "guadagno per raddoppio della superficie di emissione", e Valter, ma non solo lui, negano, anche in maniera molto convincente, che cio' possa essere, a quale forza ectoplasmica possiamo attribuire questi risultati strumentali?
 Ironic

beppe61
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 11.07.10
Numero di messaggi : 1458
Località : .
Provincia (Città) : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Giancarlo il Mar 15 Apr 2014 - 20:35

@beppe61 ha scritto:
Allora, chiarisco un attimo la mia posizione, cosi' eviterai di mettere a rischio l'esistenza delle tue casse e degli altoparlanti che hai in casa:
Ogni rilevazione strumentale riportata qui ed in altri 3d passati ha evidenziato questo "guadagno" di 3 db (  3 db dovuti al raddoppio del wattaggio nel caso del collegamento in parallelo, mentre nel caso del collegamento in serie, che dovrebbe portare per il dimezzamento del wattaggio fornito ad un -3db di pressione ad una parita' di emissione).
Quello che mi domando e', visto che da tutti viene definito "guadagno per raddoppio della superficie di emissione", e Valter, ma non solo lui, negano, anche in maniera molto convincente, che cio' possa essere, a quale forza ectoplasmica possiamo attribuire questi risultati strumentali?
 Ironic
Lascia stare per un momento gli altri e dimmi tu cosa ne pensi.
A prescindere dalla serie/parallelo ti è chiaro che anche un confronto tra due altoparlanti diversi vedrebbe "vincitore" in generale quello a superficie maggiore?
Questo tipo di confronto però è più difficile da fare ed è più contestabile perchè varierebbero i parametri caratteristici degli altoparlanti.

Dai Parametri secondo Thiele & Small (la bibbia):

Sd - Superficie di emissione (cm2). Rappresenta convenzionalmente l'area del cerchio con diametro misurato a partire da metà della sospensione dell'altoparlante. Generalmente una superficie di emissione maggiore garantisce una pressione sonora maggiore a parità di escursione.

Giancarlo
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 31.08.10
Numero di messaggi : 929
Provincia (Città) : universo
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  fritznet il Mar 15 Apr 2014 - 22:38

Vero, ma è pur vero che negli AP reali il raddoppio di superficie di emissione comporta anche il raddoppio di tutti gli altri parametri, non è come mettere un motore uguale a spingere una membrana dall'area doppia.

Ad esempio tutte le perdite sia inerziali, di massa (sia della membrana che di carico acustico) in più da muovere, le resistenze di sospensione e centratore...
raddoppiano?
Credo di si.

E la parte di PE che va persa in calore, non raddoppia raddoppiando ad es. il numero di bobine?



fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8495
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale


Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Fernando Micelli il Mar 15 Apr 2014 - 23:19

@valterneri ha scritto:
bentornato Fernando!
Ciao Grande!

Credo che stasera ti batto alla grande: mi son suonato
il Requiem di Mozart!

E non con lo stereo!!!

Ma suonato, suonato!!! Smile 

Dai, con cosa controbatti?

Fernando Micelli
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 29.04.11
Numero di messaggi : 1310
Località : Maruggio (TA)
Impianto : Amplificatore Mosfet 250 + Casse 4,5 vie

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Biagio De Simone il Mer 16 Apr 2014 - 1:25

Con la lira naturalmente, come Nerone. Laughing http://www.klippel.de/measurements/measurement-overview.html
Io intanto fra un montaggio di mobile dell'ikea e il lavoro, mi devo pure occupare della spazzatura. Laughing Laughing

 http://www.klippel.de/uploads/media/Dynamical_measurement_SD_Klippel_Schlechter_01.pdf

A proposito di bibbia, forse potremmo chiedere a lui di farci qualche misurazione.



http://www.klippel.de/


Fernà, avevo carpito da un tuo discorso al telefono qual cosa del genere, ma come sai la mia memoria al momento è quella che è, e sul motore di ricerca avevo subito cercato Flipper e a parte  tutti i delfini del mondo con questo nome quando gli ho associato anche la parola suono sono andato a finire su gli studi a fini bellici che la marina americana aveva effettuato, Mmm  e mi son detto, questa informazione è una bomba , della serie "specializzazione in spazzatura." Hehe Hehe Hehe


Biagio De Simone
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 29.12.10
Numero di messaggi : 10219
Località : ............
Occupazione/Hobby : mi occupo di far avere piena consapevolezza ai B.M. delle loro reali possibilità.
Provincia (Città) : eccellente
Impianto : comprato al MEDIAWORLD, ma a me serve per ascoltare musica, non per guardarlo, peggio ancora mostrarlo.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  Biagio De Simone il Mer 16 Apr 2014 - 1:40

 Hehe Hehe Hehe 

Biagio De Simone
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 29.12.10
Numero di messaggi : 10219
Località : ............
Occupazione/Hobby : mi occupo di far avere piena consapevolezza ai B.M. delle loro reali possibilità.
Provincia (Città) : eccellente
Impianto : comprato al MEDIAWORLD, ma a me serve per ascoltare musica, non per guardarlo, peggio ancora mostrarlo.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Collegamento altoparlanti: SERIE o PARALLELO? diefferenze qualitative

Messaggio  beppe61 il Mer 16 Apr 2014 - 10:15

@Giancarlo ha scritto:
@beppe61 ha scritto:
Allora, chiarisco un attimo la mia posizione, cosi' eviterai di mettere a rischio l'esistenza delle tue casse e degli altoparlanti che hai in casa:
Ogni rilevazione strumentale riportata qui ed in altri 3d passati ha evidenziato questo "guadagno" di 3 db (  3 db dovuti al raddoppio del wattaggio nel caso del collegamento in parallelo, mentre nel caso del collegamento in serie, che dovrebbe portare per il dimezzamento del wattaggio fornito ad un -3db di pressione ad una parita' di emissione).
Quello che mi domando e', visto che da tutti viene definito "guadagno per raddoppio della superficie di emissione", e Valter, ma non solo lui, negano, anche in maniera molto convincente, che cio' possa essere, a quale forza ectoplasmica possiamo attribuire questi risultati strumentali?
 Ironic
Lascia stare per un momento gli altri e dimmi tu cosa ne pensi.
A prescindere dalla serie/parallelo ti è chiaro che anche un confronto tra due altoparlanti diversi vedrebbe "vincitore" in generale quello a superficie maggiore?
Questo tipo di confronto però è più difficile da fare ed è più contestabile perchè varierebbero i parametri caratteristici degli altoparlanti.

Dai Parametri secondo Thiele & Small (la bibbia):

Sd - Superficie di emissione (cm2). Rappresenta convenzionalmente l'area del cerchio con diametro misurato a partire da metà della sospensione dell'altoparlante. Generalmente una superficie di emissione maggiore garantisce una pressione sonora maggiore a parità di escursione.


Ciao Giancarlo, io penso esattamente quello che ho scritto!!!!   Very Happy  
Credo pero' di aver trovato  una spiegazione abbastanza sensata:


Prendiamo a questo un altoparlante (per semplicità di calcolo, ma possiamo immaginare un diffusore completo), con le seguenti caratteristiche: BxL (fattore di forza del complesso magnetico) di 10 T/M, Cms (cedevolezza meccanica delle sospensioni) di 0,10 mm/N, resistenza di 4 ohm.

Adesso colleghiamo un altoparlante solo al nostro ampli: vedrà un carico di 4 Ohm, ed immaginiamo di fargli sviluppare una potenza di 100 W. Secondo le leggi di Ohm, a 100 W su 4 ohm corrispondono una tensione di 20 Volts e una corrente di 5 Ampere.
Dato che è la corrente, e solo questa, a far spostare il cono dell'altoparlante, per sapere di quanto si smuoverà con 5A, valgono le relazioni
X (spostamento bobina)= F x Cms, dove F=I (BxL).
Sostituendo i valori, avremo che la bobina si sposterà di 7,5 mm, sviluppando una certa potenza acustica (a seconda del diametro dell'altoparlante).

Prendiamo ora 2 di questi altoparlanti, e poniamoli in serie, collegandoli allo stesso ampli, e chiedendogli di erogare sempre i nostri 100 W. A questo punto, su 8 ohm, avremo una corrente di 3,53 A ed una tensione di 28,3 Volts.
Come abbiamo fatto prima, determiniamo lo spostamento della bobina: ognuno dei due altoparlanti si muoverà di 5,25 mm (poichè la corrente che li attraversa è la stessa), che è come dire avere un solo altoparlante che si muove di 10,25 mm: bene, questo significa una pressione acustica di 3 dB più elevata rispetto a prima.

Se poi mettiamo 4 altoparlanti in serie, arrivando a 16 ohm, avremo tensione a 40 Volts e corrente di 2,5 A: con gli stessi calcoli di prima, avremo che ognuno dei 4 coni si muoverà di 3,7 mm, ossia come un unico cono che si muove di 15mm...ossia 6 dB in più rispetto all'altoparlante singolo.



La fonte e' una discussione di  altro forum, ma quanto detto dal forumer mi sembra interessante, e coinvolge anche quei parametri dell'altoparlante finora non considerati nello specifico.
Mi resta ancora il dubbio se esista un limite fisico al collegamento serie/parallelo di altoparlanti e se non vi siano errori nella spiegazione riportata.
 Hello

beppe61
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 11.07.10
Numero di messaggi : 1458
Località : .
Provincia (Città) : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 17 di 18 Precedente  1 ... 10 ... 16, 17, 18  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum