T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» AIUTO nella scelta nuovo giradischi
Oggi alle 21:54 Da Mark F.

» Vinile vs CD vs mp3,pareri?
Oggi alle 20:57 Da giucam61

» ciò solo 200 euri.... le scinte e il cinesino.... oppure...
Oggi alle 20:52 Da fritznet

» Consiglio subwoofer attivo
Oggi alle 20:36 Da donluca

» [SS vendo] Pioneer PL 514 + Technics SL 3210
Oggi alle 20:20 Da Aunktintaun

» Nuovo Douk Dac
Oggi alle 19:51 Da fritznet

» CAIMAN SEG
Oggi alle 19:28 Da gubos

» Consiglio Produttore Cavi
Oggi alle 19:14 Da nerone

» Consiglio Diffusori
Oggi alle 18:45 Da Nico_ba02

» Domani è Black Friday.....
Oggi alle 17:54 Da uncletoma

» normalizzare il volume
Oggi alle 17:03 Da timido

» da diffusori a cuffie
Oggi alle 16:41 Da timido

» Mediaplayer WD TV
Oggi alle 15:37 Da rferrinid

» Am Audio A5 850 euro
Oggi alle 14:57 Da franz 01

» Pre-phono a valvole o resto come sto?
Oggi alle 12:17 Da sportyerre

» Chromecast Audio - Vostre opinioni ed esperienze
Oggi alle 12:05 Da ftalien77

» Grundig R1000 e cuffie Sennheiser 598 aperte
Oggi alle 12:04 Da ftalien77

» Ampli+DAC+bluetooth: Sabaj A2
Oggi alle 10:04 Da antbom

» "Specially mixed for you cassette player"... e FLAC 24/96!!
Oggi alle 9:36 Da ftalien77

» Audiolab 8000Q
Oggi alle 0:51 Da sound4me

» Consiglio Sostituzione FullRange
Oggi alle 0:07 Da giucam61

» AIUTO sostituzione laser Pioneer pd6500
Ieri alle 19:09 Da Massimo Peluso

» scelta diffusori da pavimento - klipsch r26 ??
Ieri alle 13:16 Da athxp

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Ieri alle 10:10 Da giucam61

» Diffusori da scaffale autocostruiti
Ieri alle 9:52 Da giucam61

» DSD Amanero + filtro passivo: il miglior DAC?
Ieri alle 9:42 Da embty2002

» Diffusori da scaffale autocostruiti
Ieri alle 6:31 Da marco55

» Subwoofer ripolo- Lo faccio o lascio perdere?
Ieri alle 6:13 Da Zio

» (BS) Yamaha A500
Mer 15 Nov 2017 - 23:08 Da solitario

» Sostutizione lampadine Grundig R1000
Mer 15 Nov 2017 - 20:51 Da ftalien77

Statistiche
Abbiamo 11148 membri registrati
L'ultimo utente registrato è poli65

I nostri membri hanno inviato un totale di 799805 messaggi in 51861 argomenti
I postatori più attivi della settimana
giucam61
 
ftalien77
 
lello64
 
fritznet
 
nerone
 
Kha-Jinn
 
Masterix
 
timido
 
andreavnc
 
sportyerre
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15533)
 
Silver Black (15495)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
fritznet (9278)
 
wasky (9229)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 77 utenti in linea: 3 Registrati, 0 Nascosti e 74 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

fritznet, gabri65, mascla

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Pagina 9 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Bi-amp

Messaggio  RiccardoRiccardo il Gio 11 Ott 2012 - 17:57


Non mi è molto chiaro il concetto. Io credevo che ci fosse semplicemente un passa basso per il woofer inferiore (180hz) ed un passa alto (2500hz) tra il tweeter ed il midwoofer.

In questo modo i due sistemi (woofer basso e Mid+tw) sono praticamente indipendenti.

Basta con un ampli amplificare il woofer basso e con l'altro amplificare mid +tw.
Il carico (a livello di impedenza) visto da ciascun amplificatore è più leggero, e avendo due ampli si può decidere la regolazione del volume di ciascuna sezione.

Nella prova di suono c'è scritto che sarebbe un reato non usare questi diffusori in bi-amp, quindi ci proverò (almeno per togliermi la curiosità) visto che a breve avrò a disposizione per qualche ora anche un altro amplificatore identico al mio Wink

RiccardoRiccardo
Novizio
Novizio

Data d'iscrizione : 05.10.12
Numero di messaggi : 13
Località : Cuneo
Impianto : Ampli Cambridge audio 540A
Lettore CD Cambridge audio 540C
Pre Cambridge audio 540P
Giradischi Project Debut III Carbon
Diffusori Indiana Line Musa 505
Cuffie Sennheiser hd 280 PRO

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Tasso il Gio 11 Ott 2012 - 18:02

@LakyV ha scritto:
Già provato...è non è' proprio il caso, per una bi-amplificazione passiva, gli ampli,per ovvie ragioni di compatibilità con i xover dei diffusori, devono essere uguali... I tagli di frequenza, la distorsione armonica,l'impedenza,se diversi per i due range di frequenze ( medio alti e bassi) manderebbero lo xover in crisi.... È si arriverebbe al clippaggio o alla protezione di uno dei due ampli, o di tutti e due!!!!
Se volete fare un bi-amping,dovete munirvi di due ampli uguali study study
??? Shocked Shocked Shocked ???
Oddio mi hai terrorizzato! Amplificatori che clippano o vanno in protezione!!! Già provato e non è proprio il caso?! Ma che prove hai fatto?! Shocked Shocked
Qui si parla di bi-amplificazione passiva orizzontale, quindi nessun problema ad utilizzare amplificatori diversi!! Addirittura c'è gente che usa un valvolare per i medio alti e uno stato solido per i bassi!
Inoltre, come ben spiegato da Suono, l'impedenza presa dai due morsetti separatamente risulta più facile da pilotare! Pensa un po'! Ok

Tratto dalla recensione di Suono:

Invece, analizzando le impedenze della sezione alta separata da quella bassa notiamo che, in biamplificazione, i finali si troverebbero in condizioni ancor più facili con modulo più alto (dell'impedenza aggiungo io) e meno impegnativo sia per la sezione alta che quella bassa.

Riccardo stai sereno che non succede niente! Ok Very Happy

Diverso sarebbe il discorso per una bi-amplificazione verticale, ma non perché va tutto in clippaggio o protezione, solo perché in questo caso avresti un amplificatore per il canale destro e uno per il sinistro e metterli diversi non avrebbe evidentemente senso.

Tratto dalla recensione di Suono:

Sul campo, accanto alle positive note relative all'ascolto tradizionale, da segnalare il fatto che non utilizzare il sistema in biamplificazione sarebbe un delitto!
In questo modo si riesce ad intervenire in maniera fine e costruttiva su quello che in alcuni ambienti può diventare il tallone di Achille del sistema, ovvera la gamma medio bassa che tende ad esagerare.


Il fatto che sarebbe un delitto non usare le Musa 505 in biamp mi sembra, in effetti, un po' esagerato!
Non ha senso spendere tanti soldi per raddoppiare i cavi e gli amplificatori su diffusori da 600€ la coppia...ma può essere che uno riesca ad arrangiarsi con "poco"...questo è il Tforum! Idea Ok

Riccardo fammi sapere!! Ok
avatar
Tasso
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 05.09.12
Numero di messaggi : 660
Occupazione/Hobby : E se mi viene bene, se la parte mi funziona, allora mi sembra di essere una persona. [G. Gaber]
Provincia (Città) : Il bosco deciduo
Impianto :
Spoiler:
AMPLI: Marantz PM7001 KI
SORGENTI: Marantz CD6003 / Raspberry Pi B+ - Durio Sound PRO - Moode Audio - IFI iPower 9V 2A
DIFFUSORI: Chario Constellation Cygnus
CAVI: Cavo Potenza Supra Ply 3.4S - Cavo Segnale Supra EFF ISL - Cavi Alimentazione Supra LoRad 2.5
CUFFIA: Beyerdynamic DT880 Premium 600 ohm
AMPLI CUFFIA: FiiO E09K - IFI iPower 15V 1.25A


Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Daniele Pucciarelli il Gio 11 Ott 2012 - 20:25

Ricordo che certe circuitazioni del crossover non consentono il BiAmpling, ma solo il BiWiring.
Quindi occhio a quello che viene dichiarato dalla casa madre. Wink

Ciao
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 660
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //

https://autocostruzione.altervista.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Tasso il Gio 11 Ott 2012 - 20:50

@Daniele Pucciarelli ha scritto:Ricordo che certe circuitazioni del crossover non consentono il BiAmpling, ma solo il BiWiring.
Quindi occhio a quello che viene dichiarato dalla casa madre. Wink
SI! Sono predisposte per il Biwiring e per il Biamping, vedi Technical features sul sito Indiana Line:
http://www.indianaline.it/musa-505/1881

Riccardo procedi per favore!!!! Wink
avatar
Tasso
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 05.09.12
Numero di messaggi : 660
Occupazione/Hobby : E se mi viene bene, se la parte mi funziona, allora mi sembra di essere una persona. [G. Gaber]
Provincia (Città) : Il bosco deciduo
Impianto :
Spoiler:
AMPLI: Marantz PM7001 KI
SORGENTI: Marantz CD6003 / Raspberry Pi B+ - Durio Sound PRO - Moode Audio - IFI iPower 9V 2A
DIFFUSORI: Chario Constellation Cygnus
CAVI: Cavo Potenza Supra Ply 3.4S - Cavo Segnale Supra EFF ISL - Cavi Alimentazione Supra LoRad 2.5
CUFFIA: Beyerdynamic DT880 Premium 600 ohm
AMPLI CUFFIA: FiiO E09K - IFI iPower 15V 1.25A


Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Daniele Pucciarelli il Gio 11 Ott 2012 - 21:01

@Tasso ha scritto:
@Daniele Pucciarelli ha scritto:Ricordo che certe circuitazioni del crossover non consentono il BiAmpling, ma solo il BiWiring.
Quindi occhio a quello che viene dichiarato dalla casa madre. Wink
SI! Sono predisposte per il Biwiring e per il Biamping, vedi Technical features sul sito Indiana Line:
http://www.indianaline.it/musa-505/1881

Riccardo procedi per favore!!!! Wink

Perfetto. Smile
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 660
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //

https://autocostruzione.altervista.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  sonic63 il Gio 11 Ott 2012 - 21:16

@Daniele Pucciarelli ha scritto:Ricordo che certe circuitazioni del crossover non consentono il BiAmpling, ma solo il BiWiring.
Quindi occhio a quello che viene dichiarato dalla casa madre. Wink

Ciao
non riesco a seguirti, se dietro un diffusore hai doppi morsetti sicuramente puoi pilotare le vie corrispondenti con ampli diversi.
Se il diffusore ha un crossover di tipo parallelo ed è possibile pilotare le vie con cavi separati è possibile anche amplificarle separatamente...o no ?
Hello

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5375
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Daniele Pucciarelli il Gio 11 Ott 2012 - 21:29

@sonic63 ha scritto:
@Daniele Pucciarelli ha scritto:Ricordo che certe circuitazioni del crossover non consentono il BiAmpling, ma solo il BiWiring.
Quindi occhio a quello che viene dichiarato dalla casa madre. Wink

Ciao
non riesco a seguirti, se dietro un diffusore hai doppi morsetti sicuramente puoi pilotare le vie corrispondenti con ampli diversi.
Se il diffusore ha un crossover di tipo parallelo ed è possibile pilotare le vie con cavi separati è possibile anche amplificarle separatamente...o no ?
Hello

No, non è scontato.
In pratica se il collegamento verso "massa" dei vari altoparlanti è in comune a livello di crossover, il BiAmpling non lo puoi fare. Il BiWiring si.
Per fare il BiAmpling C'è bisogno che ogni "gruppo di altoparlanti" da amplificare abbia entrambi i connettori elettricamente isolati ed indipendenti dai restanti "gruppi".

So che sarebbe strano non venisse fatto, ma non mi meraviglierei che qualche produttore di prodotti economici............ Rolling Eyes
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 660
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //

https://autocostruzione.altervista.org/

Tornare in alto Andare in basso

Confronto TESI - MUSA

Messaggio  RiccardoRiccardo il Mer 17 Ott 2012 - 16:18

Finalmente mi sono arrivate le I.L.Tesi 560, di “passaggio” a casa mia per 2-3 giorni ed ho quindi iniziato a fare un confronto con le Musa.

Le mie prime impressioni sono positive, suonano bene ma sono ben differenti dalle musa (ovviamente sono un’po’ cattivo perché dovrei valutarle solo dopo qualche decina di ore di rodaggio ma purtroppo non ne ho la possibilità né il tempo).

Le ho amplificate con il Cambridge audio 540 e anche con un Advance Acoustic MAP 101 (tra l’altro per il prezzo ridicolo non suona niente male, con 10 watt in classe A opzionale).

Le Musa eccellono, secondo me (nella loro classe di prezzo), per gli acuti caldi e non invadenti, sulle tesi invece il tweeter lo trovo leggermente aspro e molto più invadente, praticamente danno lievemente fastidio le ‘S’ (per esempio) soprattutto sulle voci femminili.
Mi piacerebbe però valutarle dopo il rodaggio, probabilmente questo ‘difetto’ verrà automaticamente attenuato.
Buona è la ricostruzione scenica, stabile e convincente (ma non come le musa) e buona è anche la tenuta in potenza (sanno fare la voce grossa quando serve).
Quindi, in linea di massima, sono inferiori alle musa su tanti aspetti eccetto proprio la sezione bassi, da subito molto più controllata, veloce e meno invadente (anche se mi sembra meno profonda).

Queste sono le mie prime impressioni, tra oggi e domani farò altre prove, tra cui anche la prova in bi-amp delle musa (appena ho un’po’ di tempo).
Purtroppo come avete capito dovrò fare la prova in bi-amp con 2 ampli differenti, alla fine non ho a disposizione un altro Cambridge Audio, ma ci provo ugualmente.

RiccardoRiccardo
Novizio
Novizio

Data d'iscrizione : 05.10.12
Numero di messaggi : 13
Località : Cuneo
Impianto : Ampli Cambridge audio 540A
Lettore CD Cambridge audio 540C
Pre Cambridge audio 540P
Giradischi Project Debut III Carbon
Diffusori Indiana Line Musa 505
Cuffie Sennheiser hd 280 PRO

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Daniele Pucciarelli il Gio 18 Ott 2012 - 15:45

@RiccardoRiccardo ha scritto:Finalmente mi sono arrivate le I.L.Tesi 560, di “passaggio” a casa mia per 2-3 giorni ed ho quindi iniziato a fare un confronto con le Musa.

Le mie prime impressioni sono positive, suonano bene ma sono ben differenti dalle musa (ovviamente sono un’po’ cattivo perché dovrei valutarle solo dopo qualche decina di ore di rodaggio ma purtroppo non ne ho la possibilità né il tempo).

Le ho amplificate con il Cambridge audio 540 e anche con un Advance Acoustic MAP 101 (tra l’altro per il prezzo ridicolo non suona niente male, con 10 watt in classe A opzionale).

Le Musa eccellono, secondo me (nella loro classe di prezzo), per gli acuti caldi e non invadenti, sulle tesi invece il tweeter lo trovo leggermente aspro e molto più invadente, praticamente danno lievemente fastidio le ‘S’ (per esempio) soprattutto sulle voci femminili.
Mi piacerebbe però valutarle dopo il rodaggio, probabilmente questo ‘difetto’ verrà automaticamente attenuato.
Buona è la ricostruzione scenica, stabile e convincente (ma non come le musa) e buona è anche la tenuta in potenza (sanno fare la voce grossa quando serve).
Quindi, in linea di massima, sono inferiori alle musa su tanti aspetti eccetto proprio la sezione bassi, da subito molto più controllata, veloce e meno invadente (anche se mi sembra meno profonda).

Queste sono le mie prime impressioni, tra oggi e domani farò altre prove, tra cui anche la prova in bi-amp delle musa (appena ho un’po’ di tempo).
Purtroppo come avete capito dovrò fare la prova in bi-amp con 2 ampli differenti, alla fine non ho a disposizione un altro Cambridge Audio, ma ci provo ugualmente.

Il BiAmpling con 2 ampli differenti vale "niente" ! A meno che tu non abbia un multimetro "true rms" con il quale tu possa misurare il voltaggio in uscita dei rispettivi stadi finali, al fine di renderti conto ( ed eventualmente bilanciare) le probabilissime differenze di tensione in uscita, con il solito segnale in ingresso. Infatti, ben difficilmente gli ampli avranno la identica sensibilità in ingresso.......

Se non hai i mezzi per "bilanciarli" più che "test" è una curiosità per sentire "che succede", e strettamente correlata alle rispettive sensibilità dei due ampli.......Niente di più.
Ciao Smile
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 660
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //

https://autocostruzione.altervista.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  wasky il Ven 19 Ott 2012 - 9:19

@Daniele Pucciarelli ha scritto:Il BiAmpling con 2 ampli differenti vale "niente" !
Ciao Smile

Estenderei il "Vale Niente" anche al Bi Ampling Passivo Laughing ne aveva scritto un articolo Giussani ma è down ormai Sad

Hehe

Edit Trovato nella cache di gugol

http://www.renatogiussani.it/Forum_Hi-Fi_Emotions/Area_Galileo/multi_ampli.htm

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Daniele Pucciarelli il Ven 19 Ott 2012 - 12:14

@wasky ha scritto:
@Daniele Pucciarelli ha scritto:Il BiAmpling con 2 ampli differenti vale "niente" !
Ciao Smile

Estenderei il "Vale Niente" anche al Bi Ampling Passivo Laughing ne aveva scritto un articolo Giussani ma è down ormai Sad

Hehe

Edit Trovato nella cache di gugol

http://www.renatogiussani.it/Forum_Hi-Fi_Emotions/Area_Galileo/multi_ampli.htm

Ok
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 660
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //

https://autocostruzione.altervista.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Stentor il Ven 19 Ott 2012 - 12:42

@Daniele Pucciarelli ha scritto:
Il BiAmpling con 2 ampli differenti vale "niente" !

E perché mai ? ...io ne sto approntando uno proprio così ...

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Stentor il Ven 19 Ott 2012 - 12:42

@wasky ha scritto:
@Daniele Pucciarelli ha scritto:Il BiAmpling con 2 ampli differenti vale "niente" !
Ciao Smile

Estenderei il "Vale Niente" anche al Bi Ampling Passivo Laughing ne aveva scritto un articolo Giussani ma è down ormai Sad

Hehe

Edit Trovato nella cache di gugol

http://www.renatogiussani.it/Forum_Hi-Fi_Emotions/Area_Galileo/multi_ampli.htm

Mah .... non tutti sono d'accordo ...vedi gli articoli su Suono che sostengono, suffragato da prove di ascolto ...l'esatto contrario di ciò che dice Giussani ..... Hehe

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Daniele Pucciarelli il Ven 19 Ott 2012 - 12:50

@Stentor ha scritto:
@wasky ha scritto:

Estenderei il "Vale Niente" anche al Bi Ampling Passivo Laughing ne aveva scritto un articolo Giussani ma è down ormai Sad

Hehe

Edit Trovato nella cache di gugol

http://www.renatogiussani.it/Forum_Hi-Fi_Emotions/Area_Galileo/multi_ampli.htm

Mah .... non tutti sono d'accordo ...vedi gli articoli su Suono che sostengono, suffragato da prove di ascolto ...l'esatto contrario di ciò che dice Giussani ..... Hehe

Il problema è capirsi! Smile Su Suono si utilizzava 2 amplificatori identici, il che è già un primo passo. Due ampli diversi, come capirai, devono essere "bilanciati" nel livello di uscita.
In ogni caso, ci sono amplificatori che con uno sfasamento prossimo a 90°, magari su 4 ohm di impedenza, vanno in protezione; questo perchè è una condizione "normalmente" non verificabile.
L'avvento delle protezioni non sarebbe una sfumatura timbrica, ma è una triste situazione che può constatare anche un sordo! e che potrebbe intendersi anche come una possibile difficoltà ad esprimersi anche in quegli ampli che NON vanno in protezione e che sembrerebbero infischiarsene.

Sarebbe interessante fare diverse prove del caso.....
Ciao


Ultima modifica di Daniele Pucciarelli il Ven 19 Ott 2012 - 13:02, modificato 2 volte
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 660
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //

https://autocostruzione.altervista.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Switters il Ven 19 Ott 2012 - 12:51

@Stentor ha scritto:E perché mai ? ...io ne sto approntando uno proprio così ...

Gli ampli sulle due vie hanno lo stesso guadagno? Come lo regoleresti il volume?

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  wasky il Ven 19 Ott 2012 - 13:52

@Switters ha scritto:Gli ampli sulle due vie hanno lo stesso guadagno? Come lo regoleresti il volume?

Serve sicuramente uno strumento di misura per tarare i livelli sul crossover elettronico Smile lo stesso vale anche per la taratura di un impianto HT con amplificatori di diversa potenza e gain in questo caso, ti affidi al test tone dell'AVR ma, sempre un mic e uno strumento "Calibrato" ti servono


Forse è questo il motivo che ferma gli appassionati nel passare ad una multiamplificazione attiva


_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  wasky il Ven 19 Ott 2012 - 13:54

@Daniele Pucciarelli ha scritto:In ogni caso, ci sono amplificatori che con uno sfasamento prossimo a 90°, magari su 4 ohm di impedenza, vanno in protezione
Ciao

Era proprio il problema dell'argomento di impedenza e rotazione della fase alla base dell'articolo di Renato Smile

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Stentor il Ven 19 Ott 2012 - 14:03

@Switters ha scritto:
@Stentor ha scritto:E perché mai ? ...io ne sto approntando uno proprio così ...

Gli ampli sulle due vie hanno lo stesso guadagno? Come lo regoleresti il volume?

con il crossover elettronico

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  wasky il Ven 19 Ott 2012 - 14:11

@Stentor ha scritto:con il crossover elettronico

Avete già deciso anche quello Bros ? Smile

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Dubbio in corso...

Messaggio  RiccardoRiccardo il Ven 19 Ott 2012 - 14:29

Scusate ma di tutti questi discorsi ci ho capito poco. In ambito CAR-AUDIO (passioni giovanili) è praticamente la normalità la multi-amplificazione (solitamente attiva).
Personalmente avevo addirittura una tri-amplificazione attiva, un ampli per medio e tw, un ampli per il doppio woofer e un ampli per il sub, tutti amplificatori di marche e potenze diverse.
L’unica differenza è che ogni ampli ha il suo “gain”, ossia la regolazione della sensibilità di ingresso, quindi probabilmente il problema viene già risolto in questo modo.
Se ho ben capito il problema in ambito hi-fi home è appunto la non possibilità di regolare la sensibilità di ingresso di due ampli diversi quindi ad ogni aumento del segnale di input corrisponde ad un aumento “diverso” di ciascuno dei due ampli…è corretto?

Ora vi descrivo la mia prova “rudimentale”: diffusori Indiana line musa 505, woofer inferiore collegato ad un ampli Advance Acoustic MAP 101 e woofer medio e tw collegati al Cambridge Audio 540A (amplificazione passiva quindi).

Attenzione: i due ampli sono completamente indipendenti, addirittura ho fatto una prova (folle) utilizzando un amplificatore collegato al woofer (medio) e tw del I.L. Musa 505 e altro collegato al woofer inferiore del I.L.Tesi 560 e tutto funzionava (suonava), perché mai dovrebbero andare in protezione gli ampli se uno non sa cosa fa l’altro essendo due sistemi differenti e non c’è nessun collegamento tra di loro?

La prova, semplice, è consistita nel dare potenza al woofer e tw e poi, ad un livello fermo di questi, ho dato potenza al woofer inferiore con l’altro ampli fino ad un livello che ho considerato “corretto” o almeno che mi appagasse…tutto ha funzionato senza problemi e con miglioramenti sonori che eventualmente vi potrò descrivere successivamente.

Ovviamente è piuttosto scomodo regolare di volta in volta i due volumi dei due ampli quindi questa prova si è limitata ad una prova in quanto tale.

Piuttosto sarei curioso di sapere se qualcuno ha già utilizzato dei crossover attivi e quindi abbia fatto bi-amplificazione attiva, credo molto più performante in quanto ciascun ampli lavora solo sul range di frequenze a lui dedicato.

RiccardoRiccardo
Novizio
Novizio

Data d'iscrizione : 05.10.12
Numero di messaggi : 13
Località : Cuneo
Impianto : Ampli Cambridge audio 540A
Lettore CD Cambridge audio 540C
Pre Cambridge audio 540P
Giradischi Project Debut III Carbon
Diffusori Indiana Line Musa 505
Cuffie Sennheiser hd 280 PRO

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  pallapippo il Ven 19 Ott 2012 - 14:42

@RiccardoRiccardo ha scritto:
Piuttosto sarei curioso di sapere se qualcuno ha già utilizzato dei crossover attivi e quindi abbia fatto bi-amplificazione attiva, credo molto più performante in quanto ciascun ampli lavora solo sul range di frequenze a lui dedicato.
In passato ho fatto qualcosa di più semplice, ma direi efficace.

Un'esempio di analoga realizzazione, ben descritta da Miclaud, la trovi qui.

http://www.tforumhifi.com/t25113-ta2024-all-estremo-the-bound-amp-by-tfan

Hello
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5164
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: SMSL M7;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Stentor il Ven 19 Ott 2012 - 15:13

@wasky ha scritto:
@Stentor ha scritto:con il crossover elettronico

Avete già deciso anche quello Bros ? Smile

Yes: utilizzerò il Synq DLP-6

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Stentor il Ven 19 Ott 2012 - 15:16

@Daniele Pucciarelli ha scritto:
Il problema è capirsi! Smile Su Suono si utilizzava 2 amplificatori identici, il che è già un primo passo.
Ciao

Infatti ....e io che dicevo ? Wink

Con due ampli differenti è ovviamente meglio la biamplificazione attiva .... io dovevo solo che non tutti pensano che l'amplificazione passiva valga nulla ....anzi ..suono la consigliava senza alcuna remora .....

In molti ampli HT tipo Onkyo ad esempio è prevista dalla fabbrica qual'ora non si utilizzino i back surround...

Questo contrasta molto con quanto affermato da Giussani ....intendiamoci non sto dando ragione a nessuno ...ma fino a prova contraria credo di più a chi ha anche fatto delle prove pratiche.

Io ad esempio la biamplificazione passiva l'ho fatta solo una volta con le Klipsch RB81 e un ampli HT Onkyo ....non mi sento di pronunciarmi ...posso solo dirti che a dispetto dell'ampli HT e del BD Panasonic come sorgente suonava imho bene ...

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Daniele Pucciarelli il Ven 19 Ott 2012 - 15:42

@Stentor ha scritto:
@Daniele Pucciarelli ha scritto:
Il problema è capirsi! Smile Su Suono si utilizzava 2 amplificatori identici, il che è già un primo passo.
Ciao

Infatti ....e io che dicevo ? Wink

Con due ampli differenti è ovviamente meglio la biamplificazione attiva .... io dovevo solo che non tutti pensano che l'amplificazione passiva valga nulla ....anzi ..suono la consigliava senza alcuna remora .....

In molti ampli HT tipo Onkyo ad esempio è prevista dalla fabbrica qual'ora non si utilizzino i back surround...

Questo contrasta molto con quanto affermato da Giussani ....intendiamoci non sto dando ragione a nessuno ...ma fino a prova contraria credo di più a chi ha anche fatto delle prove pratiche.

Io ad esempio la biamplificazione passiva l'ho fatta solo una volta con le Klipsch RB81 e un ampli HT Onkyo ....non mi sento di pronunciarmi ...posso solo dirti che a dispetto dell'ampli HT e del BD Panasonic come sorgente suonava imho bene ...

Allora OK!
Però se ti fidi di chi ha fatto prove pratiche devi sapere che, parlando con Giussani, mi raccontava che quando lavorava in ESB, multiamplificando in maniera passiva dei diffusori, aveva riscontrato dei problemi perfino con un ampli di prova marchiato SAE.....Ampli di riferimento della ESB degli anni '80. D'altra parte Renato può avere tanti difetti, ma non certo quello di parlare di cose che non ha provato. Anzi, parla solo di quelle che lui ha riscontrato.
Detto ciò, nessuno è infallibile! Ne lui, ne Suono.....
Percui la cosa più interessante da fare sarebbe prendere in seria considerazione tutto quello che si apprende da esperienze altrui, rivalutare il tutto con la Ns testa (se siamo in grado), e tirare le somme. Smile

Ciao !
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 660
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //

https://autocostruzione.altervista.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Daniele Pucciarelli il Ven 19 Ott 2012 - 15:46

@RiccardoRiccardo ha scritto:Scusate ma di tutti questi discorsi ci ho capito poco. In ambito CAR-AUDIO (passioni giovanili) è praticamente la normalità la multi-amplificazione (solitamente attiva).
Personalmente avevo addirittura una tri-amplificazione attiva, un ampli per medio e tw, un ampli per il doppio woofer e un ampli per il sub, tutti amplificatori di marche e potenze diverse.
L’unica differenza è che ogni ampli ha il suo “gain”, ossia la regolazione della sensibilità di ingresso, quindi probabilmente il problema viene già risolto in questo modo.
Se ho ben capito il problema in ambito hi-fi home è appunto la non possibilità di regolare la sensibilità di ingresso di due ampli diversi quindi ad ogni aumento del segnale di input corrisponde ad un aumento “diverso” di ciascuno dei due ampli…è corretto?

Ora vi descrivo la mia prova “rudimentale”: diffusori Indiana line musa 505, woofer inferiore collegato ad un ampli Advance Acoustic MAP 101 e woofer medio e tw collegati al Cambridge Audio 540A (amplificazione passiva quindi).

Attenzione: i due ampli sono completamente indipendenti, addirittura ho fatto una prova (folle) utilizzando un amplificatore collegato al woofer (medio) e tw del I.L. Musa 505 e altro collegato al woofer inferiore del I.L.Tesi 560 e tutto funzionava (suonava), perché mai dovrebbero andare in protezione gli ampli se uno non sa cosa fa l’altro essendo due sistemi differenti e non c’è nessun collegamento tra di loro?

La prova, semplice, è consistita nel dare potenza al woofer e tw e poi, ad un livello fermo di questi, ho dato potenza al woofer inferiore con l’altro ampli fino ad un livello che ho considerato “corretto” o almeno che mi appagasse…tutto ha funzionato senza problemi e con miglioramenti sonori che eventualmente vi potrò descrivere successivamente.

Ovviamente è piuttosto scomodo regolare di volta in volta i due volumi dei due ampli quindi questa prova si è limitata ad una prova in quanto tale.

Piuttosto sarei curioso di sapere se qualcuno ha già utilizzato dei crossover attivi e quindi abbia fatto bi-amplificazione attiva, credo molto più performante in quanto ciascun ampli lavora solo sul range di frequenze a lui dedicato.

In ambito Car chi assembla e setta l'impianto è di fatto il "progettista".
In ambito "home", se tu compri un diffusore progettato e deliberato per avere talune caratteristiche di bilanciamento sonoro, è ovvio che se poi vari il livello relativo delle vie utilizzando due ampli diversi (o con sensibilità diverse) quello che ascolterai non sarà più quel diffusore, ma un nuovo e sconosciuto oggetto che ne mantiene solo le sembianze! Percui potrebbe anche suonare in maniera per te più piacevole......come anche fare pena! Quindi non avrebbe senso di parlare di "miglioramento" sonoro cona tale coinfigurazione, se poi non si specifica in maniera precisa se le rispettive vie lavorano con la solita tensione in ingresso oppure con una a casaccio.....
Insomma, per dare un giudizio si deve mantenere dei capisaldi, altrimenti si parla del niente.
Per questo motivo, quando metti mano ad un oggetto già pronto per essere utilizzato in una certa maniera, potresti ANCHE stravolgerne le prestazioni.

Detto questo c'è ANCHE il discorso della tollerabilità/compatibilità elettrica dell'ampli con l'impedenza che si ritroverà ai capi quando lavorerà con il filtraggio PASSIVO proprio della singola via del diffusore........che se fortemente sfasata potrebbe anche farlo lavorare "male". Per questo motivo (strettamente tecnico) è preferibile la multiamplificazione ATTIVA. Che però non potrà mai replicare la curva elettrica del filtraggio passivo......

Insomma, A MIO PARERE, ci sarebbe da valutare caso per caso, tenendo conto della varie problematiche e delle caratteristiche degli apparecchi.

Ciao Smile
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 660
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //

https://autocostruzione.altervista.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: IndianaLine MUSA 505 - Prime impressioni

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 9 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum