T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» Botta e un mm
Oggi alle 20:35 Da enrico massa

» Diffusori per nad302
Oggi alle 17:29 Da SubitoMauro

» [CE] Vendo TPA 3116 2.1 con filtro passa basso per subwoofer
Oggi alle 16:25 Da didacus59

» Posizionamento induttanze
Oggi alle 14:42 Da mecoc

» Denon pma1500 vs Rega Brio
Ieri alle 23:39 Da SubitoMauro

» [GE + s.s.] Sistema Philips 2.1 MMS 430G/00
Ieri alle 19:59 Da sh4d3

» [SV] Fiio E17 + cavo custom SPDIF
Ieri alle 19:59 Da sh4d3

» [GE] CMoyy DIY potenziato - 60 € s.s. incluse
Ieri alle 19:58 Da sh4d3

» Brainpool - Junk (2004)
Ieri alle 15:24 Da Olegol

» Consiglio cuffie per gaming/film/musica
Ieri alle 14:10 Da Caius

» Amplificatore valvolare TH-102
Ieri alle 14:01 Da Charli48

» Bose wave sound touch music system 4
Ieri alle 12:15 Da Tankomicio

» multipresa
Ieri alle 11:50 Da SubitoMauro

» Consiglio ragionato per upgrade diffusori
Ieri alle 1:15 Da giucam61

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Ven 22 Giu 2018 - 20:38 Da kalium

» Dodocool DA106 di nuovo disponibile, con sconto
Ven 22 Giu 2018 - 18:35 Da Moisey92

» ciò solo 200 euri.... le scinte e il cinesino.... oppure...
Ven 22 Giu 2018 - 13:35 Da lello64

» Naim Nait 2 + Linn Index II
Ven 22 Giu 2018 - 10:20 Da herr1965

» Dac Raspberry I2s o Usb?
Ven 22 Giu 2018 - 10:08 Da gubos

» Bryan Scary: un caleidoscopio pop-prog
Ven 22 Giu 2018 - 0:07 Da Nadir81

» QUEEN! quali album preferite?
Ven 22 Giu 2018 - 0:04 Da Nadir81

» [VENDO] [ROMA/ITALIA] HiFiMan HE-400 (Cuffie) - 250€ spedizione inclusa
Gio 21 Giu 2018 - 22:49 Da donluca

» [VENDO] [ROMA/ITALIA] Perreaux SXH2 (Ampli cuffie) - 300€ inclusa spedizione
Gio 21 Giu 2018 - 22:48 Da donluca

» Canton Quinto 540 a 209 euro con garanzia
Gio 21 Giu 2018 - 21:19 Da lello64

» Autocostruzione cavi segnale/alimentazione
Gio 21 Giu 2018 - 13:53 Da SubitoMauro

» You Tube Music
Gio 21 Giu 2018 - 12:38 Da lello64

» [VENDO] Interfaccia USB MHDT labs USBridge 50 Euro
Gio 21 Giu 2018 - 12:07 Da blackhole

» Ottenere un canale mono da due stereo
Mer 20 Giu 2018 - 21:56 Da valterneri

» Brano tratto dal CD Audio B&W Audiophile Collection Vol. 2
Mer 20 Giu 2018 - 14:36 Da jimmix93

» [Vendo] Amplificatore cuffie Little Dot 1+ a 90 euro + s.s.
Mer 20 Giu 2018 - 13:48 Da Nadir81

Statistiche
Abbiamo 11699 membri registrati
L'ultimo utente registrato è MasticoBass

I nostri membri hanno inviato un totale di 814758 messaggi in 52905 argomenti
I postatori più attivi della settimana
lello64
 
SubitoMauro
 
Nadir81
 
giucam61
 
nerone
 
fritznet
 
Olegol
 
antbom
 
mumps
 
Pinve
 

I postatori più attivi del mese
lello64
 
SubitoMauro
 
Nadir81
 
nerone
 
antbom
 
fritznet
 
giucam61
 
sportyerre
 
mumps
 
GP9
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15631)
 
Silver Black (15543)
 
nd1967 (12810)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10302)
 
piero7 (9854)
 
fritznet (9619)
 
wasky (9229)
 

Chi è online?
In totale ci sono 45 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 45 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Pagina 5 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Selvag60 il Mar 12 Mag 2009 - 10:24

Io la sto provando da poco ( batteria yuasa 12v 10ah ) e probabilmente ancora non mi sono abituato alla sua resa o probabilmente il mio impianto non rende al meglio ( casse da 87db ) ma se devo essere sincero tutta sta differenza non riesco a notarla, diciamo qualcosina meglio ma non da dire differenza dal giorno alla notte o gridare al miracolo, mi devo concentrare per cogliere le sfumature, può anche darsi che sia il mio sistema uditivo a non funzionare a dovere quindi mi riservo di fare la prova "compagna" Laughing e vediamo che mi dirà............

Un saluto Gianluca
avatar
Selvag60
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 20.03.09
Numero di messaggi : 344
Località : Firenze
Occupazione/Hobby : Fotografia
Provincia (Città) : Ancora devo scoprirlo
Impianto : Sorgente: Trevi 3540- Amplificazione: Vincent sv 129-Soundmaster 30-Advance acoustic map 103-Trend TA 10.1-Sure tk2050 - Pre di Meral964-Diffusori:bluenote a6 -bluenote a4-Mosscade 502-Chario Hiper 1 - Kef Carlton III

Torna in alto Andare in basso

Batteria questa sconosciuta...

Messaggio  misticman il Mar 12 Mag 2009 - 11:29

Buongiorno,
purtroppo non ho trovato il modo per quotare in originale... cmq,
"Vedo che non hai capito cosa è una batteria al piombo."
fa molto piacere vedere una frase del genere come inizio di discussione, specialmente da un moderatore Smile

in ogni caso tanto x spendere altri 2 cent, so benissimo cosa è una batteria al piombo o alcalina, o al cadmio, etc.
Non ho parlato casualmente di resistenza interna della batteria, la risposta è contenuta sul msg dei fusibili un po' più su anche se non palese...
il comportamento al corto di un dispositivo generatore qualunque è funzione della sua resistenza interna, ha una variazione dinamica e quindi la generazione dei 100 amp, tanto per citare un numero già scritto, nn è un gradino che prosegue costante ad esempio, come qualcuno può pensare, non starò a ripetere tutta le teoria o le prove di misura è già tutto compreso nei testi "Olivieri e Ravelli" per chi vuole approfondire.
Lo spunto al corto istantaneo di un buon alimentatore può essere MOLTO più alto di una batteria anche completamente carica, perchè può essere "vista" una resistenza interna del generatore più bassa rispetto alla batteria (anche se poi può "sedersi").
La resistenza elettrica interna di una batteria la piombo è funzione degli elementi che la compongono, dello stato del liquido contenuto, della bontà delle connessioni interne, etc. e normalmente è quello che determina anche il prezzo a parità di capacità.

Per quello che mi riguarda una batteria sull'alimentazione di un Krell da 100+100Watt ad esempio non la metterei (e avrei anche dubbi su di un stabilizzatore, se nn iper), su di un T-amp magari si, quanto al Trend A. secondo me il suo alimentatore ORIGINALE va più che bene, non ho percepito variazioni sostanziali neanche alimentandolo con un alimentatore stabilizzato da laboratorio da 10amp.

Spero sia più chiaro adesso quello che intendevo dire...
avatar
misticman
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 16.02.09
Numero di messaggi : 62
Località : (PD)
Occupazione/Hobby : Come hobby questo
Impianto : amp. C21-M22, casse 2CE, CD 880, Cavi autocostruiti in AG + altro NAD, Trend A

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  pallapippo il Mar 12 Mag 2009 - 12:09

@Selvag60 ha scritto:Io la sto provando da poco ( batteria yuasa 12v 10ah ) e probabilmente ancora non mi sono abituato alla sua resa o probabilmente il mio impianto non rende al meglio ( casse da 87db ) ma se devo essere sincero tutta sta differenza non riesco a notarla, diciamo qualcosina meglio ma non da dire differenza dal giorno alla notte o gridare al miracolo, mi devo concentrare per cogliere le sfumature, può anche darsi che sia il mio sistema uditivo a non funzionare a dovere quindi mi riservo di fare la prova "compagna" Laughing e vediamo che mi dirà............

Un saluto Gianluca
Ciao.

Premesso che per quanto mi riguarda sono passato alla batteria non dall'alimentatore switching, ma dagli stabilizzati Zetagi, per cui non posso escludere che la "variazione" nel tuo caso sia diversa rispetto a quella da me constatata, ti consiglio di fare come avevo fatto io: utilizza esclusivamente la batteria per almeno un paio di giorni, poi riattacca l'alimentatore originale.

(E' stato solo in quel momento che io ho fatto Orrified ).

A quel punto trai le tue conclusioni (qualunque esse siano Smile ).

Hello
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5278
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; cavo usb: Audioquest Cinnamon;dac: SMSL M7;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.


cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor";
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.

distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Barone Rosso il Mar 12 Mag 2009 - 12:28

@misticman ha scritto:

La resistenza elettrica interna di una batteria la piombo è funzione degli elementi che la compongono, dello stato del liquido contenuto, della bontà delle connessioni interne, etc. e normalmente è quello che determina anche il prezzo a parità di capacità.

Per quello che mi riguarda una batteria sull'alimentazione di un Krell da 100+100Watt ad esempio non la metterei (e avrei anche dubbi su di un stabilizzatore, se nn iper), su di un T-amp magari si, quanto al Trend A. secondo me il suo alimentatore ORIGINALE va più che bene, non ho percepito variazioni sostanziali neanche alimentandolo con un alimentatore stabilizzato da laboratorio da 10amp.

Spero sia più chiaro adesso quello che intendevo dire...

La resistenza interna di una batteria al piombo è molto bassa e perfettamente lineare, questo mi sembra sufficiente per farne una fonte quasi ideale.

In un alimentatore switching c'è tutto il circuito di retroazione che deve reagire alle variazioni di tensione in uscita.
La stessa cosa c'è negli alimentatori lineari stabilizzati, anche in quelli fatti coi migliori transistor e opamp.
Tieni presente che il riferimento in tensione di solito è dato da uno zener, quindi un componente non lineare.

Le alimentazioni non stabilizzate hanno il problema che nessun condensatore riesce davvero ad eliminare ovvero l'oscillazione a 100Hz lasciata dal raddrizzatore.

Il problema delle battere è solo la ricarica e il prezzo per quelle più grosse, ma dubito fortemente che qualcuno arrivi a superare la media di 10w effettivi di dissipazione sui diffusori in un qualsiasi amplificatore.

Poi ci sono i Krell in classe A che solo per stare accesi si succhiano 500W, quindi in questo caso la batteria è meglio lasciarla perdere (per il solo fatto che si scaricherebbe troppo rapidamente).

Penso che il problema sia più legato al rendimento dell'ampli che alla qualità della fonte di energia.
Krell -> rendimento bassissimo: meglio la rete
Classe T -> rendimento molto alto: allora la batteria va bene.


Ultima modifica di Barone Rosso il Mar 12 Mag 2009 - 22:33, modificato 2 volte
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8036
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Selvag60 il Mar 12 Mag 2009 - 12:34

Grazie della dritta, quanto prima provo, inoltre mi succede una cosa strana, quando provo ad ascoltare un brano e immediatamente dopo lo riascolto cambiando alimentazione, la seconda volta mi sembra sempre di sentire leggermente meglio indipendentemente da quale alimentazione attacchi prima, solo in un caso ho notato davvero una notevole differenza a favore della batteria, evidentemente devo allenare il mio orecchio Smile

Un saluto Gianluca
avatar
Selvag60
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 20.03.09
Numero di messaggi : 344
Località : Firenze
Occupazione/Hobby : Fotografia
Provincia (Città) : Ancora devo scoprirlo
Impianto : Sorgente: Trevi 3540- Amplificazione: Vincent sv 129-Soundmaster 30-Advance acoustic map 103-Trend TA 10.1-Sure tk2050 - Pre di Meral964-Diffusori:bluenote a6 -bluenote a4-Mosscade 502-Chario Hiper 1 - Kef Carlton III

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Barone Rosso il Mar 12 Mag 2009 - 13:10

@Selvag60 ha scritto:Grazie della dritta, quanto prima provo, inoltre mi succede una cosa strana, quando provo ad ascoltare un brano e immediatamente dopo lo riascolto cambiando alimentazione, la seconda volta mi sembra sempre di sentire leggermente meglio indipendentemente da quale alimentazione attacchi prima, solo in un caso ho notato davvero una notevole differenza a favore della batteria, evidentemente devo allenare il mio orecchio Smile

Un saluto Gianluca

Forse è l'amplificatore che si è scaldato.
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8036
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Michele il Mar 12 Mag 2009 - 13:17

@Selvag60 ha scritto:Grazie della dritta, quanto prima provo, inoltre mi succede una cosa strana, quando provo ad ascoltare un brano e immediatamente dopo lo riascolto cambiando alimentazione, la seconda volta mi sembra sempre di sentire leggermente meglio indipendentemente da quale alimentazione attacchi prima, solo in un caso ho notato davvero una notevole differenza a favore della batteria, evidentemente devo allenare il mio orecchio Smile

Un saluto Gianluca

Psicoacustica: solitamente quando si passa da una situazione definita peggiore a una migliore le differenze che ci sono vengono percepite come minime se non addirittura assenti.
E' come se il nostro cervello tendesse a uniformare le situazioni.
Invece nella situazione opposta le differenze sono più marcate e percepibili, come se il nostro cervello abituatosi al meglio, faccia i capricci nell'adattarsi al peggio.
Tutto questo in linea teorica, poi ognuno ha le sue orecchie e la sua sensibilità Wink
Il consiglio di Pallapippo è ottimo!!!

Ciao Michele
avatar
Michele
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 08.02.08
Numero di messaggi : 560
Località : Roma
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Amp: Naim 140 + Naim 62; Casse: Aliante One SW Pininfarina; Sorg: Revox b226, PopPulse 707 modificato, Ariston RD80 con Grado gold. Ex T-ampista: senza rinnegare nulla ;-)

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Selvag60 il Mar 12 Mag 2009 - 13:31

Avendo letto qualcosa sulla psicoacustica può darsi che il mio cervello per contrastare questa suggestione ( cioè non voglio avere qualsiasi tipo di influenza ) determini un processo esattamente opposto, della serie che tenda ad appiattire la differenza che invece si dovrebbe percepire. Sono proprio curioso di mettere alla prova la mia compagna

Gianluca

P.S. Ma dopo quanto tempo il trends è a regime ottimale di funzionamento?
avatar
Selvag60
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 20.03.09
Numero di messaggi : 344
Località : Firenze
Occupazione/Hobby : Fotografia
Provincia (Città) : Ancora devo scoprirlo
Impianto : Sorgente: Trevi 3540- Amplificazione: Vincent sv 129-Soundmaster 30-Advance acoustic map 103-Trend TA 10.1-Sure tk2050 - Pre di Meral964-Diffusori:bluenote a6 -bluenote a4-Mosscade 502-Chario Hiper 1 - Kef Carlton III

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Michele il Mar 12 Mag 2009 - 13:53

@Selvag60 ha scritto: Sono proprio curioso di mettere alla prova la mia compagna

Gianluca

P.S. Ma dopo quanto tempo il trends è a regime ottimale di funzionamento?

Solitamente le donne hanno un orecchio incredibile rispetto a noi maschietti e pure audiofili.
La mia mi umilia ogni volta: riesce a trarre conclusioni, a cui io arrivo solo dopo ripetuti ascolti, solo passando nella stanza dove è sistemato l'impianto.
Il Trend fallo suonare almeno per una cinquantina di ore e poi goditelo Wink

Ciao Michele
avatar
Michele
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 08.02.08
Numero di messaggi : 560
Località : Roma
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Amp: Naim 140 + Naim 62; Casse: Aliante One SW Pininfarina; Sorg: Revox b226, PopPulse 707 modificato, Ariston RD80 con Grado gold. Ex T-ampista: senza rinnegare nulla ;-)

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Selvag60 il Mar 12 Mag 2009 - 14:04

Speriamo che la mia compagna riesca a cogliere in maniera inequivocabile la differenza.......per quanto riguarda il regime ottimale ( in effetti mi sono espresso male ) mi riferivo all'intervento di barone rosso che parlava di ampli scaldato e allora mi domandavo dopo quanti minuti è in condizioni ottimali di funzionamento, l'ampli è rodato da un bel pezzo perchè l'ho preso usato Wink

Gianluca
avatar
Selvag60
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 20.03.09
Numero di messaggi : 344
Località : Firenze
Occupazione/Hobby : Fotografia
Provincia (Città) : Ancora devo scoprirlo
Impianto : Sorgente: Trevi 3540- Amplificazione: Vincent sv 129-Soundmaster 30-Advance acoustic map 103-Trend TA 10.1-Sure tk2050 - Pre di Meral964-Diffusori:bluenote a6 -bluenote a4-Mosscade 502-Chario Hiper 1 - Kef Carlton III

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Michele il Mar 12 Mag 2009 - 14:12

Qui, però siamo a livello di onanismo cerebrale: credo che 15 minuti siano sufficienti.

Ciao Michele
avatar
Michele
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 08.02.08
Numero di messaggi : 560
Località : Roma
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Amp: Naim 140 + Naim 62; Casse: Aliante One SW Pininfarina; Sorg: Revox b226, PopPulse 707 modificato, Ariston RD80 con Grado gold. Ex T-ampista: senza rinnegare nulla ;-)

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  pallapippo il Mar 12 Mag 2009 - 19:26

@Michele ha scritto:Solitamente le donne hanno un orecchio incredibile rispetto a noi maschietti e pure audiofili.
La mia mi umilia ogni volta: riesce a trarre conclusioni, a cui io arrivo solo dopo ripetuti ascolti, solo passando nella stanza dove è sistemato l'impianto.
Embarassed Infatti... se rileggete in questo thread, la mia ha sentito al volo, sentendo una canzone, prima con la batteria, poi con gli alimentatori, quello che a me c'erano voluti 2 giorni per riuscire a capire...Idea ( Embarassed Embarassed Embarassed Embarassed ).

@Selvag60 ha scritto:P.S. Ma dopo quanto tempo il trends è a regime ottimale di funzionamento?
Nel mio caso, sarà sempre per il mio scarso orecchio... ma mi sembra che vada bene da subito.




Hello
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5278
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; cavo usb: Audioquest Cinnamon;dac: SMSL M7;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.


cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor";
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.

distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Selvag60 il Mar 12 Mag 2009 - 20:23

Confermo l'affermazione relativo alle donne, anche la mia compagna che si trovava nella stessa stanza dove mi ero messo a fare delle prove, senza sapere cosa stavo combinando e senza neanche tanta attenzione da parte sua ha sempre preferito l'alimentazione a batteria, ha definto il suono più arioso, io aggiungerei anche un pizzico più dinamico e definito

Un saluto Gianluca
avatar
Selvag60
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 20.03.09
Numero di messaggi : 344
Località : Firenze
Occupazione/Hobby : Fotografia
Provincia (Città) : Ancora devo scoprirlo
Impianto : Sorgente: Trevi 3540- Amplificazione: Vincent sv 129-Soundmaster 30-Advance acoustic map 103-Trend TA 10.1-Sure tk2050 - Pre di Meral964-Diffusori:bluenote a6 -bluenote a4-Mosscade 502-Chario Hiper 1 - Kef Carlton III

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Michele il Mar 12 Mag 2009 - 20:39

Hai visto che la donna funziona sempre!!!! Wink
Oramai, quando non voglio perdere tempo, chiamo la mia e risolvo in due secondi Hehe Hehe

Ciao Michele
avatar
Michele
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 08.02.08
Numero di messaggi : 560
Località : Roma
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Amp: Naim 140 + Naim 62; Casse: Aliante One SW Pininfarina; Sorg: Revox b226, PopPulse 707 modificato, Ariston RD80 con Grado gold. Ex T-ampista: senza rinnegare nulla ;-)

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  mobius il Mar 12 Mag 2009 - 21:54

@Michele ha scritto:
Solitamente le donne hanno un orecchio incredibile rispetto a noi maschietti e pure audiofili.
La mia mi umilia ogni volta: riesce a trarre conclusioni, a cui io arrivo solo dopo ripetuti ascolti, solo passando nella stanza dove è sistemato l'impianto.
Ciao Michele

Ecco un altro che scende in politica! Laughing

Scherzi a parte, ma potrei alimentare anche il fenice a batteria? Che devo comprare se voglio avventurarmi su questa strada, e sopratutto, quante volte dovrei ricaricare tutto? Non vi vengono le paranoie di sentire male perchè le batterie si stanno scaricando e fermate tutto per ricaricare?
avatar
mobius
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 27.12.08
Numero di messaggi : 498
Località : Napoli
Impianto : Sorgenti : Marantz CD-40 / Squeezebox 3
Ampli: Teac A-H01 / Fenice 20 / Trends 10.1 / Breeze TPA3116
Diffusori : Vienna Acoustics Haydn / Mosscade 502


Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  maurizio3929 il Mar 12 Mag 2009 - 22:04

@mobius ha scritto:
@Michele ha scritto:
Solitamente le donne hanno un orecchio incredibile rispetto a noi maschietti e pure audiofili.
La mia mi umilia ogni volta: riesce a trarre conclusioni, a cui io arrivo solo dopo ripetuti ascolti, solo passando nella stanza dove è sistemato l'impianto.
Ciao Michele

Ecco un altro che scende in politica! Laughing

Scherzi a parte, ma potrei alimentare anche il fenice a batteria? Che devo comprare se voglio avventurarmi su questa strada, e sopratutto, quante volte dovrei ricaricare tutto? Non vi vengono le paranoie di sentire male perchè le batterie si stanno scaricando e fermate tutto per ricaricare?

Per questo tipo di richiesta forse può venirti in aiuto il buon A. Gianelli, che sembra aver trovato un ottimo connubio tra Fenice 20 e batteria.
avatar
maurizio3929
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 02.07.08
Numero di messaggi : 1827
Località : Roma
Impianto : Impianto sempre aleatorio....

Amplificazione :
- S.M.S.L. 36 TA2024
Sorgente:
- Sony CDP-991
Diffusori:
- Boston Acoustics CS 26
Connessioni:
- Cavi di segnale autocostruiti.
- Cavi di potenza autocostruiti.

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  mobius il Mar 12 Mag 2009 - 22:14

@maurizio3929 ha scritto:
Per questo tipo di richiesta forse può venirti in aiuto il buon A. Gianelli, che sembra aver trovato un ottimo connubio tra Fenice 20 e batteria.

E no, non ho voglia di tenere acidi strani in stanza Wink Come detto altre volte sicuramente saranno innocui ma se si può evitare preferisco Smile
avatar
mobius
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 27.12.08
Numero di messaggi : 498
Località : Napoli
Impianto : Sorgenti : Marantz CD-40 / Squeezebox 3
Ampli: Teac A-H01 / Fenice 20 / Trends 10.1 / Breeze TPA3116
Diffusori : Vienna Acoustics Haydn / Mosscade 502


Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar 12 Mag 2009 - 22:15

@maurizio3929 ha scritto:
@mobius ha scritto:
@Michele ha scritto:
Solitamente le donne hanno un orecchio incredibile rispetto a noi maschietti e pure audiofili.
La mia mi umilia ogni volta: riesce a trarre conclusioni, a cui io arrivo solo dopo ripetuti ascolti, solo passando nella stanza dove è sistemato l'impianto.
Ciao Michele

Ecco un altro che scende in politica! Laughing

Scherzi a parte, ma potrei alimentare anche il fenice a batteria? Che devo comprare se voglio avventurarmi su questa strada, e sopratutto, quante volte dovrei ricaricare tutto? Non vi vengono le paranoie di sentire male perchè le batterie si stanno scaricando e fermate tutto per ricaricare?

Per questo tipo di richiesta forse può venirti in aiuto il buon A. Gianelli, che sembra aver trovato un ottimo connubio tra Fenice 20 e batteria.
Hello Mi avete chiamato?
Che strano, ero convinto di aver già risposto... Mmm
Ad ogni modo rimando all'impianto in firma, che parla da sè: in caso di compagne poco tolleranti, esistono anche batterie più piccole, purchè siano almeno 7 Ah. Wink

NB: l'abbinamento TA2024 - batteria è semplicemente la soluzione ideale! Oki
Eppure sono sempre più convinto di averlo già detto... devo preoccuparmi per la mia memoria? Mmm
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar 12 Mag 2009 - 22:18

@mobius ha scritto:
@maurizio3929 ha scritto:
Per questo tipo di richiesta forse può venirti in aiuto il buon A. Gianelli, che sembra aver trovato un ottimo connubio tra Fenice 20 e batteria.

E no, non ho voglia di tenere acidi strani in stanza Wink Come detto altre volte sicuramente saranno innocui ma se si può evitare preferisco Smile
Ah, allora ricordavo bene! Smile
Torno a ripeterti che il tipo di batterie che ti ho suggerito sono adatte all'uso in ambienti chiusi.
D'altro canto perchè mai avresti scelto d'inserire tale richiesta se già a priori vuoi riniunciare a darne un seguito?
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  mobius il Mar 12 Mag 2009 - 22:20

@Andrea Gianelli ha scritto:Ah, allora ricordavo bene! Smile
Torno a ripeterti che il tipo di batterie che ti ho suggerito sono adatte all'uso in ambienti chiusi.
D'altro canto perchè mai avresti scelto d'inserire tale richiesta se già a priori vuoi riniunciare a darne un seguito?[/justify]

Certo che ricorcavi bene! Le hai consigliate varie volte, mi riferivo a batterie non-per-auto, qualcosa di un pò più ortodosso o rassicurante insomma Smile
avatar
mobius
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 27.12.08
Numero di messaggi : 498
Località : Napoli
Impianto : Sorgenti : Marantz CD-40 / Squeezebox 3
Ampli: Teac A-H01 / Fenice 20 / Trends 10.1 / Breeze TPA3116
Diffusori : Vienna Acoustics Haydn / Mosscade 502


Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  maurizio3929 il Mar 12 Mag 2009 - 22:25

Dunque, potresti prendere in considerazione il Power Center di Audiomagus (un po' caretto), ma sempre di batteria si tratta; vedi tu:
http://www.audio-magus.com/category_s/5.htm
avatar
maurizio3929
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 02.07.08
Numero di messaggi : 1827
Località : Roma
Impianto : Impianto sempre aleatorio....

Amplificazione :
- S.M.S.L. 36 TA2024
Sorgente:
- Sony CDP-991
Diffusori:
- Boston Acoustics CS 26
Connessioni:
- Cavi di segnale autocostruiti.
- Cavi di potenza autocostruiti.

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  pallapippo il Mar 12 Mag 2009 - 22:28

@mobius ha scritto:
Che devo comprare se voglio avventurarmi su questa strada, e sopratutto, quante volte dovrei ricaricare tutto? Non vi vengono le paranoie di sentire male perchè le batterie si stanno scaricando e fermate tutto per ricaricare?

Va bene una tipo questa, 12V 7Ah.



Io la carico una volta alla settimana.



@mobius ha scritto:
E no, non ho voglia di tenere acidi strani in stanza Wink Come detto altre volte sicuramente saranno innocui ma se si può evitare preferisco Smile
Sono quelle per allarmi/gruppi di continuità, sigillate, adatte per l'uso in interni.


Hello
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5278
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; cavo usb: Audioquest Cinnamon;dac: SMSL M7;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.


cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor";
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.

distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar 12 Mag 2009 - 22:34

@mobius ha scritto:
@Andrea Gianelli ha scritto:Ah, allora ricordavo bene! Smile
Torno a ripeterti che il tipo di batterie che ti ho suggerito sono adatte all'uso in ambienti chiusi.
D'altro canto perchè mai avresti scelto d'inserire tale richiesta se già a priori vuoi riniunciare a darne un seguito?[/justify]

Certo che ricorcavi bene! Le hai consigliate varie volte, mi riferivo a batterie non-per-auto, qualcosa di un pò più ortodosso o rassicurante insomma Smile
Appunto, l'ho scritto esplicitamente e lo ripeto: esistono anche batterie più piccole, purchè siano almeno 7 Ah.
Queste sono adatte all'uso in ambienti chiusi.
Quella indicata dal buon Luca (pallapippo) ne è un esempio. Wink
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Barone Rosso il Mar 12 Mag 2009 - 22:35

@pallapippo ha scritto:
@mobius ha scritto:
Che devo comprare se voglio avventurarmi su questa strada, e sopratutto, quante volte dovrei ricaricare tutto? Non vi vengono le paranoie di sentire male perchè le batterie si stanno scaricando e fermate tutto per ricaricare?

Va bene una tipo questa, 12V 7Ah.



Io la carico una volta alla settimana.



@mobius ha scritto:
E no, non ho voglia di tenere acidi strani in stanza Wink Come detto altre volte sicuramente saranno innocui ma se si può evitare preferisco Smile
Sono quelle per allarmi/gruppi di continuità, sigillate, adatte per l'uso in interni.


Hello

Oki Oki Oki

Ottima.

Mi raccomando deve essere sigillata e non usare batterie per automobili (che non sono sigillate e poi finisci per respirare quello che contengono).
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8036
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  kingbowser il Mar 12 Mag 2009 - 23:03

le migliori mi sembra siano le yuasa, sempre di quelle piccole da gruppi di continuità e/o allarmi
avatar
kingbowser
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 14.04.09
Numero di messaggi : 1176
Località : Aosta
Impianto : iMac & PlayStation scph-1002, sure board TK2050, diffusori fulrange autocostruiti con TB W4 657B (da verniciare)

Torna in alto Andare in basso

Re: Esperienze batterie al piombo vs. alimentazione standard

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 5 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum