T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» rame con purezza 7N
Oggi alle 2:03 Da lello64

» corso di chitarra libro
Oggi alle 1:34 Da lello64

» Giradischi suona anche se collegato a stereo
Oggi alle 1:27 Da lello64

» scanspeak sta' un pezzo avanti!
Oggi alle 0:39 Da giucam61

» Project pre dac s2
Oggi alle 0:36 Da giucam61

» thorens td 160
Oggi alle 0:24 Da gaspare

» SMSL M7: il dac definitivo alla portata di tutti?
Ieri alle 23:42 Da Nadir81

» consigli su casse, ampli, dac..
Ieri alle 23:10 Da Kha-Jinn

» ASUS Clique R100, alternativa ai network player?
Ieri alle 21:55 Da bru.b

» musica dal pc
Ieri alle 21:47 Da 22b5g41b5dw

» aiuto, consiglio impianto, budget 7500.
Ieri alle 21:28 Da Albert^ONE

» Vendo coppia diffusori Grundig Box 1500 A Professional
Ieri alle 20:50 Da silver surfer

» Consiglio T Amp con bose + sub per locale pubblico
Ieri alle 19:09 Da blackpixie

» Canton CT-1000............ follia audiofila [mini-recensione]
Ieri alle 17:41 Da lello64

» ronzio amplificatore Pioneer
Ieri alle 15:19 Da vinse

» Acquisto giradischi
Ieri alle 14:07 Da Ivan

» [PN] Vendo alimentatore variabile ideale per lasse D o TA
Ieri alle 13:11 Da magistercylindrus

» Anniversario dei 10 anni!
Ieri alle 10:59 Da bonghittu

» migliore accoppiamento per le mie casse
Ieri alle 10:49 Da freeride

» Galactron pre + finale
Ieri alle 10:32 Da verderame

» Dodocool DA106 di nuovo disponibile, con sconto
Ieri alle 10:22 Da danilopace

» quale alimentatore già pronto all'uso per un TPA 3116?
Ieri alle 10:18 Da hivaru

» Problema stereo schneider
Ieri alle 0:15 Da MetalBat

» Alimentazione per una coppia di Super T-AMP
Ieri alle 0:10 Da MetalBat

» MR78 C33 e MC2255......quale trasformatore 220v 110v?
Ieri alle 0:00 Da franzfranz

» Pro-ject Xpression III: problema di "buzz"
Dom 18 Feb 2018 - 23:54 Da MetalBat

» Conferma casse Mission lx2 e consiglio amplificatore
Dom 18 Feb 2018 - 23:25 Da Kha-Jinn

» Automazione braccio girad
Dom 18 Feb 2018 - 22:31 Da valterneri

» [Vendo Na] Squeezebox - Logitech Squeezebox Classic (v3) - Nero - 70 Euro
Dom 18 Feb 2018 - 21:06 Da mobius

» Cavi potenza Neutral Cable Mantra 2 - Euro 200
Dom 18 Feb 2018 - 19:24 Da Enry

Statistiche
Abbiamo 11430 membri registrati
L'ultimo utente registrato è TheJumper

I nostri membri hanno inviato un totale di 807132 messaggi in 52375 argomenti
Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15551)
 
Silver Black (15512)
 
nd1967 (12810)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10287)
 
piero7 (9854)
 
fritznet (9356)
 
wasky (9229)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 27 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 27 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Le tre «età della musica» Ecco come cambiano i gusti musicali

Andare in basso

Le tre «età della musica» Ecco come cambiano i gusti musicali

Messaggio  flovato il Lun 20 Gen 2014 - 10:08

Dimmi che musica ascolti e ti dirò quanti anni hai. Perché i gusti musicali cambiano man mano che, crescendo, ci troviamo ad affrontare nuove sfide e la nostra personalità si struttura diversamente: i brani che amiamo infatti raccontano molto di noi e della nostra condizione psicologica che, inevitabilmente, muta negli anni. Lo spiega Jason Rentfrow del Dipartimento di Psicologia dell’università di Cambridge in uno studio pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology , per il quale ha raccolto i dati e le preferenze musicali di oltre 250mila persone nell’arco di dieci anni.

ADOLESCENTI – Un lavoro titanico, dunque, per cercare di capire come i gusti in fatto di musica si correlino alle caratteristiche di ciascuno di noi e, per la prima volta, se e come cambino dall’adolescenza alla mezza età. Il ricercatore ha innanzitutto suddiviso in cinque generi la musica ascoltata dai partecipanti (la “melodica-suadente”, quella “umile”, la “sofisticata”, l’”intensa” e la “contemporanea”), quindi ha valutato quanto fossero graditi nelle varie fasce d’età. «Esiste l’idea, supportata da diversi psicologi, che i gusti non si modifichino dopo l’ingresso nell’età adulta. Noi non ne eravamo convinti, sia sulla base dell’esperienza personale che di svariati studi in psicologia – spiega Rentfrow –. Per questo abbiamo cercato di capire se la musica che ascoltiamo cambi nel tempo, per adattarsi a bisogni sociali e psicologici che mutano negli anni». Dai risultati emerge che l’amore per la musica nasce durante l’adolescenza, come ci si poteva aspettare: qui si ha un primo “picco” di preferenza per la musica “intensa”(quella punk o metal) destinato a calare poi quando si diventa giovani adulti; da giovanissimi inoltre inizia un interesse per la “contemporanea” (pop e rap) che cresce linearmente per raggiungere il massimo nell’età adulta, prima dei 50 anni. «La musica è un mezzo semplice ed economico per stabilire la propria identità, come tentano di fare gli adolescenti – dice lo psicologo –. I ragazzi lottano per una propria indipendenza e si contrappongono perciò allo “status quo” rappresentato dai genitori e dalla società: la musica punk e metal, aggressiva e caratterizzata da suoni distorti e un ascolto ad alto volume, ha proprio le caratteristiche di ribellione che i ragazzi cercano per affermare la loro autonomia».

ADULTI – Superati i vent’anni la faccenda cambia e altri generi musicali si fanno spazio nella playlist: i giovani adulti, ormai soggetti autonomi, affrontano la successiva “sfida” della vita ovvero amare ed essere amati per quello che sono diventati crescendo. Cambiano perciò i gusti e si affaccia, accanto alla musica “contemporanea”, quella “melodica-suadente” del rythm and blues o dell’elettronica: il bisogno, ora, è ascoltare note ballabili o romantiche. «Questa musica rinforza il desiderio di intimità e fa da buon accompagnamento nelle situazioni in cui le persone si incontrano per intrecciare relazioni: feste, bar, club e così via – riprende Rentfrow –. Mentre nella prima “età musicale” vogliamo distinguerci, nella seconda vogliamo essere accettati dagli altri. Nella terza, quando si avvicina la mezza età, i bisogni e la psicologia sono ancora diversi e iniziano a dominare musiche positive e rilassanti».

MEZZA ETA’ – Così ecco crescere la preferenza per la musica “umile”, come il folk o il blues, e per quella “sofisticata”, dal jazz alla classica: la prima parla al cuore, di esperienze e sentimenti che a questo punto dell’esistenza la maggior parte di noi ha vissuto, mentre la seconda è espressione dello stato sociale e della cultura. «In questo periodo della vita abbiamo ormai acquisito risorse per esprimerci nella famiglia, nel lavoro, con ciò che possediamo – osserva l’esperto –. La musica resta un’estensione di noi stessi e di quello che siamo diventati, ma a questo punto vogliamo che rifletta il benessere che abbiamo raggiunto perché la “sfida” è dimostrare di aver conquistato un posto nella società e una preparazione culturale elevata: da qui la maggior preferenza per jazz e musica classica. D’altro canto si tratta di una fase della vita in cui lavoro e famiglia chiedono molto, per cui nella musica tanti cercano relax e calma, un’espressione più solitaria del proprio sé. Le tendenze che abbiamo individuato sono molto evidenti e derivano da un’enorme mole di dati: tutto questo dimostra come un’abitudine apparentemente “banale” come l’ascolto della musica sia in realtà correlata a molti aspetti psicologici e della personalità». I dati confermano anche la veridicità del vecchio adagio, secondo cui si nasce incendiari e si muore pompieri: da mezzo per auto-definirsi nell’adolescenza la musica diventa prima un veicolo sociale per incontrare gli altri e poi un’espressione più “solitaria” di sé. E inevitabilmente, in questo percorso, si “ammorbidisce”.

http://www.corriere.it/salute/neuroscienze/13_novembre_13/tre-eta-musica-ecco-come-cambiano-gusti-musicali-4398ea2e-4c57-11e3-b498-cf01e116218a.shtml
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum