T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11751 utenti, con i loro 818596 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

Condividi

descriptionCavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
Ebbene si, in mezzo a tutto questo guazzabuglio io continuo ad ascoltare e sperimentare, del resto me ne frega poco (non me ne vogliate Smile ) e volevo condividere con voi questa piccola esperienza, e al contempo chiedervi lumi e opinioni.

Veniamo al dunque: ho messo a confronto sul mio lettore cd, in una prova a singolo cieco, due cavi di alimentazione, ambedue autocostruiti ed ambedue realizzabili con non più di 20€.

Il primo è un cavo da 2 poli da 1mm, calza in rame e schermo in alluminio, utilizzato collegando la calza dal solo lato presa a muro; il secondo è l'ormai arcinoto TNT-TTS , realizzato come da progetto utilizzando del cavo pirelli 2x1,5mm, calza e schermo.

Bene, le differenze tra i due cavi sono impressionanti. Ragazzi, io sono il primo ad essere scettico, e forse non vi dico nulla di nuovo, ma concedetemi l'onore di potere affermare che l'ho sentito con le mie orecchie!!!! il cavo di alimentazione può fare la differenza, una bella differenza....


Molto velocemente:
-rispetto al primo cavo, il TNT-TTS ha un'immagine molto più larga ed estesa, tutto si allarga lateralmente ed aumenta la percezione dell'effetto stereofonico, con una migliore messa a fuoco di tutto e in particolare della voce;
-la gamma bassa diventa più presente;
-i medi e le voci acquistano corpo;
-la gamma alta è più corposa e dolce.

Non prendetemi per visionario o succube della psicoacustica Laughing , sono certo di ciò che ho sentito perchè il test è stato condotto in singolo cieco, con mio padre che cambiava a suo piacimento il cavo e ogni volta, e dico OGNI VOLTA, sono sempre riuscito ad individuare quale cavo fosse collegato. Una differenza troppo netta, con il primo cavo tutto era più "sottile", se vogliamo....

Vorrei quindi i vostri pareri, esperienze, e da scettico vorrei provare a capire quale possa essere il motivo di questa enorme differenza, considerando comunque che entrambi i cavi a confronto sono validi seppure con una diversa geometri, ma continuo a non capacitarmi di queste enormi differenze....

inoltre va detto che potrebbero influire (secondo me):
a) la differente lunghezza dei 2 cavi (il primo è circa 1,20mt, il TNT 2,20mt);
b) la fase della spina....


a voi la palla!

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
ciao, li hai usati sull' ampli?
hai fatto prove x vedere se migliorano anche mettendoli alle sorgenti?
di tutto ciò che si é detto/scritto sui cavi mi son fatto l'idea che quello di alimentazione é quello che vale la pena tweakkare per primo, imho ovviamente
quando trovo il tempo farò la stessa cosa; é stato complicato?
Roberto

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@Roberto Demattè ha scritto:
ciao, li hai usati sull' ampli?
hai fatto prove x vedere se migliorano anche mettendoli alle sorgenti?
di tutto ciò che si é detto/scritto sui cavi mi son fatto l'idea che quello di alimentazione é quello che vale la pena tweakkare per primo, imho ovviamente
quando trovo il tempo farò la stessa cosa; é stato complicato?
Roberto

ciao, il cavo l'ho provato sia sull'ampli sia sul cd.
nel primo caso (usando un cavo standard però sul cd) non ho avvertito un miglioramento apprezzabile. viceversa, con il tnt sul cd, il miglioramento è stato incredibile Smile 
la costruzione del cavo è piuttosto semplice, è più difficile reperire il cavo adatto...oggi pomeriggio ad esempio abbiamo provato lo stesso cavo intrecciato ma realizzato con un altro tipo di cavo, non il pirelli ma un cavo schermato 2x1mm (non 1,5) e il risultato è stato altrettanto buono...è fondamentale però che il cavo sia schermato e soprattutto devi rispettare la lunghezza come da progetto TNT, quello fa la differenza, quindi acquista 10 mt di cavo , lo dividi in tre spezzoni uguali, due dei tre li usi per fase e neutro, e il terzo cavo della treccia lo usi come cavo di terra, avendo l'accortezza di tagliare la calza (e quindi non collegarla) lato apparecchio, e invece lato spina devi unire le 3 calze dei tre cavi e unirle a loro volta con il cavo che hai usato come terra....

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
"e da scettico vorrei provare a capire quale possa essere il motivo di questa enorme differenza"

parlavi del tuo lettore CD quindi proviamo ad analizzare il problema:

escludiamo il controller del motore, anche se gira piu' lento o veloce la riproduzione e' identica, il sistema altamente bufferizzato compensa anche una ditata sul supporto e non te ne accorgi se non insistendo energicamente

escludiamo il pik-up del laser e il controller della potenza del diodo (basta che sia in sinc con la traccia il sistema compensa benissimo eventuali oscillazioni anche meccaniche), eventuali difetti si traducono in silenzi e non e' il tuo caso

escludiamo il buffer di accumulo... si, siamo in digitale e i singoli bit letti dal supporto vengono accumulati come in un treno merci che entra in stazione e riparte quando ha riempito i vagoni... ma questo buffer e' circolare quindi non si esaurisce mai e tiene almeno 1 secondo di dati audio mentre in coda continua il processo di caricamento

escludiamo la logica del firmware... e' controllata da qualche quarzo e quindi non e' influenzabile

escludiamo il controllo di errore, se non si avvertono dei click o dei vuoti... la traccia e' leggibile

quindi fino a questo punto, parlando di un sistema digitale con buona immunita' al difetto e all'errore o funziona oppure e' silenzioso, e non e' il tuo caso

resta solo il DAC e lo stadio di uscita... me la sento di escludere il DAC perche' se legge dal buffer di accumulo pieno di dati anche nelle situazioni piu' disperate di sicuro non trova difetto nel cambio del cavo di alimentazione.

quindi il CD ha uno stadio di uscita pessimo (deve avere proprio un disastro di circuitazione) che dipende nella sua banda passante da piccole variazioni, impercettibili variazioni indotte da un cavo nel circuito di alimentazione.
Questo perche' le cose che dici di sentire dipendono dalla banda e dalla dinamica che le puoi influenzare solo da sensibili escursioni di alimentazione... non dalla modulazione della tensione di rete a 50Hz.

L'amplificatore non ha evidenziato il problema... forse e' costruito meglio

PS: ma se sei connesso in digitale... nemmeno questa analisi ti puo' aiutare, forse dovresti riprovare a fare il test in doppio ceco Smile

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
cuci vuoi fare una bella cosa che ti dico da mo'?Procurati un separatore 1:1 per le sorgenti difgitali ti fai mandare il trafo dai soliti costruttori senza fare un mutuo e te lo monti tu in una scatola ticino,o altro che ritieni estetico/ idoneo con qualche x2 a monte e a valle senti davvero la DIFFERENZA,senza spendere una fortuna.Ti sembrera' di aver cambiato lettore e/o pc,ti taglia tutto il rumore che entra e che esce dagli ali di ste cose digitali.avevo letto da qlc parte che gli switching in grande quantita sulla rete pubblica pare appiattiscano i picchi della sinusoide dei trafo ''cabina enel''

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
ti cito in copia incolla,ma non ho ragione di dubitarne 
''Ho notato che su questi dati influisce anche la forma d'onda della rete infatti non sempre è una sinusoide perfetta ma spesso, pur mantenendo il valore efficace del 230Vac entro le percentuali accettabili, è distorta sui picchi che vengono praticamente tagliati per un tempo dell'ordine dei 3 mS.
Pare sia dovuto ai tanti carichi di alimentatori switching che raddrizzando direttamente la tensione di rete assorbono picchi di potenza solo sul picco facendo saturare i trasformatori delle cabine di distribuzione che non riescono a mantenere il picco.''

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@valvolas ha scritto:
ti cito in copia incolla,ma non ho ragione di dubitarne 
''Ho notato che su questi dati influisce anche la forma d'onda della rete infatti non sempre è una sinusoide perfetta ma spesso, pur mantenendo il valore efficace del 230Vac entro le percentuali accettabili, è distorta sui picchi che vengono praticamente tagliati per un tempo dell'ordine dei 3 mS.
Pare sia dovuto ai tanti carichi di alimentatori switching che raddrizzando direttamente la tensione di rete assorbono picchi di potenza solo sul picco facendo saturare i trasformatori delle cabine di distribuzione che non riescono a mantenere il picco.''

ma quello e' il problema del residuo di CC che fa ronzare qualche toroidale di troppo. E' qualcosa che risolvi con il filtro di CC ma non e' il caso del cavo di cui parlava.

Cmq il filtro funziona, abbatte anche il ronzio di una lampada alogena che ho usato per provare l'efficacia, ronzio quasi annullato.
Ma siamo OT

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@cossaro ha scritto:
"e da scettico vorrei provare a capire quale possa essere il motivo di questa enorme differenza"

parlavi del tuo lettore CD quindi proviamo ad analizzare il problema:

escludiamo il controller del motore, anche se gira piu' lento o veloce la riproduzione e' identica, il sistema altamente bufferizzato compensa anche una ditata sul supporto e non te ne accorgi se non insistendo energicamente

escludiamo il pik-up del laser e il controller della potenza del diodo (basta che sia in sinc con la traccia il sistema compensa benissimo eventuali oscillazioni anche meccaniche), eventuali difetti si traducono in silenzi e non e' il tuo caso

escludiamo il buffer di accumulo... si, siamo in digitale e i singoli bit letti dal supporto vengono accumulati come in un treno merci che entra in stazione e riparte quando ha riempito i vagoni... ma questo buffer e' circolare quindi non si esaurisce mai e tiene almeno 1 secondo di dati audio mentre in coda continua il processo di caricamento

escludiamo la logica del firmware... e' controllata da qualche quarzo e quindi non e' influenzabile

escludiamo il controllo di errore, se non si avvertono dei click o dei vuoti... la traccia e' leggibile

quindi fino a questo punto, parlando di un sistema digitale con buona immunita' al difetto e all'errore o funziona oppure e' silenzioso, e non e' il tuo caso

resta solo il DAC e lo stadio di uscita... me la sento di escludere il DAC perche' se legge dal buffer di accumulo pieno di dati anche nelle situazioni piu' disperate di sicuro non trova difetto nel cambio del cavo di alimentazione.

quindi il CD ha uno stadio di uscita pessimo (deve avere proprio un disastro di circuitazione) che dipende nella sua banda passante da piccole variazioni, impercettibili variazioni indotte da un cavo nel circuito di alimentazione.
Questo perche' le cose che dici di sentire dipendono dalla banda e dalla dinamica che le puoi influenzare solo da sensibili escursioni di alimentazione... non dalla modulazione della tensione di rete a 50Hz.

L'amplificatore non ha evidenziato il problema... forse e' costruito meglio

PS: ma se sei connesso in digitale... nemmeno questa analisi ti puo' aiutare, forse dovresti riprovare a fare il test in doppio ceco Smile

Io credo che il miglioramento della riproduzione che cucicu avverte utilizzando uno dei cavi è dovuto alla sua maggiore capacità di filtrare i disturbi dà e verso il lettore CD e che vanno ad influenzare il suono prodotto dagli altri apparecchi.
L'azione di filtraggio del cavo avviene in tutti e due i sensi: sia dalla rete all'apparecchio che viceversa, l'azione del cavo risulta più efficace sul CD per una serie di motivi:
perchè maggiore è la sua sensibilità ai disturbi provenienti dalla rete,
perchè i disturbi che nella sorgente influenzano il segnale audio vengono successivamente amplificati sia dagli stadi di uscita che dagli apparecchi che seguono.
Perchè maggiore è la quantità e la "cattiveria" (scusate ma non trovo la parola giusta...mi verrebbe da dire "perniciosità") dei disturbi prodotti dalla sorgente rispetto a quelli prodotti da un'amplificatore.
Hello 

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@sonic63 ha scritto:

Io credo che il miglioramento della riproduzione che cucicu avverte utilizzando uno dei cavi è dovuto alla sua maggiore capacità di filtrare i disturbi dà e verso il lettore CD e che vanno ad influenzare il suono prodotto dagli altri apparecchi.
L'azione di filtraggio del cavo avviene in tutti e due i sensi: sia dalla rete all'apparecchio che viceversa, l'azione del cavo risulta più efficace sul CD per una serie di motivi:
perchè maggiore è la sua sensibilità ai disturbi provenienti dalla rete,
perchè i disturbi che nella sorgente influenzano il segnale audio vengono successivamente amplificati  sia dagli stadi di uscita che dagli apparecchi che seguono.
Perchè maggiore è la quantità e la "cattiveria" (scusate ma non trovo la parola giusta...mi verrebbe da dire "perniciosità") dei disturbi prodotti dalla sorgente rispetto a quelli prodotti da un'amplificatore.
Hello 

Ciao Ciro Smile 
anche io la penso così, mi sembra proprio un fatto di efficacia nel filtraggio...poi in fin dei conti tutti i cavi (per quanto sistemati bene) passano vicini gli uni agli altri, anche se ben distanziati si può creare una sorta di capacità tra i cavi di alimentazione o tra questi e i cavi di potenza e magari il TNT riesce a purificare la tensione che arriva al lettore e nello stesso tempo protegge gli altri cavi dai disturbi emessi dal lettore stesso....mi sembra l'unica spiegazione possibile senza perdersi in esoterismi vari e trucchi di magia Smile 

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@cucicu ha scritto:
@sonic63 ha scritto:

Io credo che il miglioramento della riproduzione che cucicu avverte utilizzando uno dei cavi è dovuto alla sua maggiore capacità di filtrare i disturbi dà e verso il lettore CD e che vanno ad influenzare il suono prodotto dagli altri apparecchi.
L'azione di filtraggio del cavo avviene in tutti e due i sensi: sia dalla rete all'apparecchio che viceversa, l'azione del cavo risulta più efficace sul CD per una serie di motivi:
perchè maggiore è la sua sensibilità ai disturbi provenienti dalla rete,
perchè i disturbi che nella sorgente influenzano il segnale audio vengono successivamente amplificati  sia dagli stadi di uscita che dagli apparecchi che seguono.
Perchè maggiore è la quantità e la "cattiveria" (scusate ma non trovo la parola giusta...mi verrebbe da dire "perniciosità") dei disturbi prodotti dalla sorgente rispetto a quelli prodotti da un'amplificatore.
Hello 
Ciao Ciro Smile 
anche io la penso così, mi sembra proprio un fatto di efficacia nel filtraggio...poi in fin dei conti tutti i cavi (per quanto sistemati bene) passano vicini gli uni agli altri, anche se ben distanziati si può creare una sorta di capacità tra i cavi di alimentazione o tra questi e i cavi di potenza e magari il TNT riesce a purificare la tensione che arriva al lettore e nello stesso tempo protegge gli altri cavi dai disturbi emessi dal lettore stesso....mi sembra l'unica spiegazione possibile senza perdersi in esoterismi vari e trucchi di magia Smile 
Premesso che hai fatto bene ad autocostruirti il cavo con poca spesa e tanta resa,
mettiamo che per assurdo sia cosi', cioe' che arrivi una alimentazione di rete piu' pura e sinusoidale, esente da ronzio e quantaltro.
Allora analizzando il circuito che ne deriva con conduttori schermati ottieni delle capacita' in parallelo tra fase/neutro e terra, invece i cavi intrecciati una parziale immunita' ai disturbi elettromagnetici oltre una piccola piccola induttanza in serie.
Altri parametri di poco conto e irrilevante influenza, forse una impedenza aggiunta alla rete che dovrebbe limitare la dinamica del genratore ideale... ma siamo a 50Hz quindi parliamo di bazzecole.

Quello che ho descritto sopra e' un comune filtro Schaffner da pochi euro montato sulle IEC, aggiungerne uno in serie male non puo' fare se il carico e' di pochi watt come nel caso del lettore CD.  

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
Aggiungere il filtro oltre al cavo intrecciato dici?

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@cucicu ha scritto:
Aggiungere il filtro oltre al cavo intrecciato dici?

no, dico che il tuo cavo ha semplicemente l'effetto di un filtro distribuito sull'intera lunghezza del conduttore. Se realizzi un filtro tipo questo...

http://www.fabriziosalvadori.com/filtro_di_rete.htm

ottieni lo stesso effetto di uno dei tanti cavi intrecciati... anzi direi che siamo su un livello di attenuazione del disturbo diversi ordini di grandezza superiore, spendendo pochi euro.

considero sempre i cavi di alimentazione come conduttori, i filtri dovrebbero esserci dentro il dispositivo elettronico e non fuori, spesso ci sono Smile... quasi sempre

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@cossaro ha scritto:
@cucicu ha scritto:
Aggiungere il filtro oltre al cavo intrecciato dici?
no, dico che il tuo cavo ha semplicemente l'effetto di un filtro distribuito sull'intera lunghezza del conduttore. Se realizzi un filtro tipo questo...

http://www.fabriziosalvadori.com/filtro_di_rete.htm

ottieni lo stesso effetto di uno dei tanti cavi intrecciati... anzi direi che siamo su un livello di attenuazione del disturbo diversi ordini di grandezza superiore, spendendo pochi euro.

considero sempre i cavi di alimentazione come conduttori, i filtri dovrebbero esserci dentro il dispositivo elettronico e non fuori, spesso ci sono Smile... quasi sempre

ok! e cosa ne pensi di inserire un filtro OLTRE al cavo intrecciato?
io avevo in mente questo dato che ho già tutti i componenti, induttanze comprese

http://www.audiocostruzioni.com/a_d/elettroniche/elettroniche-varie/filtro-rete-maurizio-daniele/filtro-rete-maurizio-daniele.htm

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@cucicu ha scritto:
@sonic63 ha scritto:

Io credo che il miglioramento della riproduzione che cucicu avverte utilizzando uno dei cavi è dovuto alla sua maggiore capacità di filtrare i disturbi dà e verso il lettore CD e che vanno ad influenzare il suono prodotto dagli altri apparecchi.
L'azione di filtraggio del cavo avviene in tutti e due i sensi: sia dalla rete all'apparecchio che viceversa, l'azione del cavo risulta più efficace sul CD per una serie di motivi:
perchè maggiore è la sua sensibilità ai disturbi provenienti dalla rete,
perchè i disturbi che nella sorgente influenzano il segnale audio vengono successivamente amplificati  sia dagli stadi di uscita che dagli apparecchi che seguono.
Perchè maggiore è la quantità e la "cattiveria" (scusate ma non trovo la parola giusta...mi verrebbe da dire "perniciosità") dei disturbi prodotti dalla sorgente rispetto a quelli prodotti da un'amplificatore.
Hello 
Ciao Ciro Smile 
anche io la penso così, mi sembra proprio un fatto di efficacia nel filtraggio...poi in fin dei conti tutti i cavi (per quanto sistemati bene) passano vicini gli uni agli altri, anche se ben distanziati si può creare una sorta di capacità tra i cavi di alimentazione o tra questi e i cavi di potenza e magari il TNT riesce a purificare la tensione che arriva al lettore e nello stesso tempo protegge gli altri cavi dai disturbi emessi dal lettore stesso....mi sembra l'unica spiegazione possibile senza perdersi in esoterismi vari e trucchi di magia Smile 

Si, è senz'altro così.
Se i cavi d'alimentazioni sono distanziati tra loro non ci dovrebbero essere problemi.
Se i cavi sono vicini e paralleli credo che la loro interazione avviene soprattutto attraverso campi magnetici.
Hello 

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@cucicu ha scritto:

ok! e cosa ne pensi di inserire un filtro OLTRE al cavo intrecciato?
io avevo in mente questo dato che ho già tutti i componenti, induttanze comprese

http://www.audiocostruzioni.com/a_d/elettroniche/elettroniche-varie/filtro-rete-maurizio-daniele/filtro-rete-maurizio-daniele.htm

un po' maniacale ma buono. Cioe' riconosco che mettere singoli filtri su ogni carico e' meglio che un filtro per una rete comune...

ma quanti disturbi avete nelle vostre abitazioni???? Sad Sad Sad 

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@cossaro ha scritto:
@cucicu ha scritto:

ok! e cosa ne pensi di inserire un filtro OLTRE al cavo intrecciato?
io avevo in mente questo dato che ho già tutti i componenti, induttanze comprese

http://www.audiocostruzioni.com/a_d/elettroniche/elettroniche-varie/filtro-rete-maurizio-daniele/filtro-rete-maurizio-daniele.htm
un po' maniacale ma buono. Cioe' riconosco che mettere singoli filtri su ogni carico e' meglio che un filtro per una rete comune...

ma quanti disturbi avete nelle vostre abitazioni???? Sad Sad Sad 

Io vorreo provare a tempo perso ma realizzerei un solo filtro per il cd....mi ritrovo delle induttanze da 1A da 330mH nn vanno bene immagino

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@cossaro ha scritto:
@valvolas ha scritto:
ti cito in copia incolla,ma non ho ragione di dubitarne 
''Ho notato che su questi dati influisce anche la forma d'onda della rete infatti non sempre è una sinusoide perfetta ma spesso, pur mantenendo il valore efficace del 230Vac entro le percentuali accettabili, è distorta sui picchi che vengono praticamente tagliati per un tempo dell'ordine dei 3 mS.
Pare sia dovuto ai tanti carichi di alimentatori switching che raddrizzando direttamente la tensione di rete assorbono picchi di potenza solo sul picco facendo saturare i trasformatori delle cabine di distribuzione che non riescono a mantenere il picco.''
ma quello e' il problema del residuo di CC che fa ronzare qualche toroidale di troppo. E' qualcosa che risolvi con il filtro di CC ma non e' il caso del cavo di cui parlava.

Cmq il filtro funziona, abbatte anche il ronzio di una lampada alogena che ho usato per provare l'efficacia, ronzio quasi annullato.
Ma siamo OT
L'esempio è per dare l'idea di cosa buttano indietro le ali switching,il senso è:intrecciare cavi metterci ferriti schermare serve a limitare noise/emi in ingresso ed in uscita.Partiamo dal fatto che sia meglio farlo SOLO sulle sorgenti,se non a togliere disturbi a cos'altro serve fare dei boa costrictor altrimenti?Qualche prova l'ho fatta in passato
e togliere emi è una cosa che so fare discretamente (ne sono uscito sempre io e mai il disturbo qualsiasi fosse),l'unica cosa che realmente serve per ripulire una alimentazione di rete (nei due sensi) è un separatore 1:1 purtroppo sappiamo bene che sugli stadi di linea non sono il massimo.Nei laboratori di misura TLC ad AF in gabbia,nessuno ha cavi twistati ma separatori spesso si...
Ho visto partire (da sole) macchine automatiche,a 30 mt di distanza x una sfiammata su una accensione che innescava e li NON puoi giocare/sbagliare perche' non è che senti male  i bassi li la gente ci rimette le mani,l'innesco,di quei filtri se ne sbatteva un separatore a ferro saturo,lo manda ''al mare''

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
quindi se ho capito bene mauri! su una linea di ali mi sconzigli di non mettere un separatore 1/1 o capito bene Laughing 

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz


Cosi a tempo perso ho realizzato questo filtro...devo ancora imscatolarlo avete consigli?
Ps le induttanze sono fatte in casa Very Happy 

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
non vedo la massa, la potevi usare come polo per l'ingresso e anche per l'uscita, poi non seriva riportarla al carico...

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@ideafolle ha scritto:
quindi se ho capito bene mauri! su una linea di ali mi sconzigli di non mettere un separatore 1/1 o capito bene Laughing 
sugli ampli no di certo,ho provato anche roba che costa e (pesante come me) non vanno bene soprattutto sui nostri ampli,ti ricordi quello di gigi a Pomezia che l'abbiamo dovuto scaricare  in due?Quegli affari li vanno benissimo sulle sorgenti digitali io ne ho uno vecchio e bacucco sul pc e sul cd,da quando l'ho messo mi sono tenuto qualche cavo intrecciato piu x forlclore che per altro.Si sente che ti pulisce tutto ma soprattutto NON rimandano piu indietro nulla.Se uno fa due conti filtri cavi etc....per poi avere un risultato parziale conviene comprarsene uno e assemblarlo dentro una scatola,poi non è mica detto che non puo' metterci anche un filtro di quelli in scatoletta metallica o qlc x2 o costruirsi il ''rettilario'' con i cavi ma il separatore è risolutivo,Sono d'accordo con Sonic quando dice che le migliorie alla fine
dipendono dall'alimentazione liberata dalle emissioni indesiderate emesse e ricevute che generano,mischiate alla modulazione poi una confusione nel suono non (o difficilmente) qualificabile,quindi a sto punto tanto vale affondare il coltello (pardon il saldatore) fino in fondo....

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@cossaro ha scritto:
non vedo la massa, la potevi usare come polo per l'ingresso e anche per l'uscita, poi non seriva riportarla al carico...

Se intendi la terra, l'ho collegata sotto la scheda, e la collegherò solo lato spina 230V dal momento che i miei apparecchi sono a doppio isolamento e quindi sprovvisti della connessione di terra, quindi sarebbe inutile collegarla anche lato "carico" giusto?

per quanto riguarda le induttanze, credo di aver fatto male i conti dato che le ho avvolte io, in quanto mi sono documentato un pò in rete e ho visto che per calcolare il numero di spire necessarie ad avere X mH occorre sapere almeno il valore AL di induttanza specifica del toroide. per ricavare questo valore ci sono delle tabelle e si usa un codice a colori che si riferisce al materiale di cui è fatto il toroide stesso. nel mio caso avevo dei toroidi modello T130 (ci sono risalito in base alle dimensioni che combaciano perfettamente) ma come colori non ho trovato riscontro essendo i toroidi completamente neri...potete aiutarmi?
qui il sito con le tabelle
http://www.pianetaradio.it/teoria/toroidi.htm

da cui sono risalito al modello di toroide in base alle dimensioni (in mm):
T-130 33.02 19.81 11.10 0.73

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
p.s secondo voi c'è un modo per sapere il valore di questa induttanza? ne ho 4 uguali...eventualmente si possono usare per lo schaffner? si tratta di un induttanza doppia che fa parte del filtro emi dell'alimentatore in foto (27V, 12A) in realtà il mio alimentatore è un pò diverso da quello in foto e ha in sequenza cap x2-induttanza-cap x2-induttanza-cap x2

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
@cucicu ha scritto:
@cossaro ha scritto:
non vedo la massa, la potevi usare come polo per l'ingresso e anche per l'uscita, poi non seriva riportarla al carico...
Se intendi la terra, l'ho collegata sotto la scheda, e la collegherò solo lato spina 230V dal momento che i miei apparecchi sono a doppio isolamento e quindi sprovvisti della connessione di terra, quindi sarebbe inutile collegarla anche lato "carico" giusto?

per quanto riguarda le induttanze, credo di aver fatto male i conti dato che le ho avvolte io, in quanto mi sono documentato un pò in rete e ho visto che per calcolare il numero di spire necessarie ad avere X mH occorre sapere almeno il valore AL di induttanza specifica del toroide. per ricavare questo valore ci sono delle tabelle e si usa un codice a colori che si riferisce al materiale di cui è fatto il toroide stesso. nel mio caso avevo dei toroidi modello T130 (ci sono risalito in base alle dimensioni che combaciano perfettamente) ma come colori non ho trovato riscontro essendo i toroidi completamente neri...potete aiutarmi?
qui il sito con le tabelle
http://www.pianetaradio.it/teoria/toroidi.htm

da cui sono risalito al modello di toroide in base alle dimensioni (in mm):
T-130 33.02 19.81 11.10 0.73
Se non conosci le caratteristiche del nucleo non puoi calcolare le spire necessarie, dovresti almeno misurare l'induttore dopo averlo avvolto per capire che cosa hai fatto.
Comunque io non mi preoccuperei più di tanto, il valore di induttanza non è critico, prova il filtro e vedi come và.
L'importante e che le induttanze su fase e neutro siano uguali .
A guardare la foto mi pare che manca qualcosa:
i condensatori verso terra stanno sotto alla basetta?
E credo ci vorrebbe almeno un terzo condensatore tra fase e neutro all'uscita del filtro.
Hello 

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
http://www.audiocostruzioni.com/a_d/elettroniche/elettroniche-varie/filtro-rete-maurizio-daniele/filtro-rete-maurizio-daniele.htm

ma copiare questo ?

descriptionRe: Cavi alimentazione a confronto: TNT-TTS , ditemi la vostra

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum