T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio
Ti piace il nuovo stile del T-Forum?
Sì, meglio questo nuovo
46% / 26
No, era meglio quello vecchio
54% / 30
Ultimi argomenti
HelP! DAC!Ieri alle 23:46johnny99
ALIENTEK D8Ieri alle 20:36kalium
SurplusIeri alle 10:06gubos
POPU VENUS Ieri alle 8:31gigetto
Diffusori Elac.Dom 26 Mar 2017 - 15:48Lele67
Casse KEF LS-50 rovinate?Dom 26 Mar 2017 - 14:24Lele67
I postatori più attivi della settimana
8 Messaggi - 19%
7 Messaggi - 16%
7 Messaggi - 16%
4 Messaggi - 9%
3 Messaggi - 7%
3 Messaggi - 7%
3 Messaggi - 7%
3 Messaggi - 7%
3 Messaggi - 7%
2 Messaggi - 5%
I postatori più attivi del mese
285 Messaggi - 22%
250 Messaggi - 19%
142 Messaggi - 11%
142 Messaggi - 11%
113 Messaggi - 9%
85 Messaggi - 7%
82 Messaggi - 6%
70 Messaggi - 5%
68 Messaggi - 5%
62 Messaggi - 5%
Migliori postatori
Stentor (20392)
20392 Messaggi - 15%
DACCLOR65 (19630)
19630 Messaggi - 15%
schwantz34 (15499)
15499 Messaggi - 12%
Silver Black (15436)
15436 Messaggi - 11%
nd1967 (12803)
12803 Messaggi - 10%
flovato (12509)
12509 Messaggi - 9%
10260 Messaggi - 8%
piero7 (9854)
9854 Messaggi - 7%
wasky (9229)
9229 Messaggi - 7%
fritznet (8853)
8853 Messaggi - 7%
Chi è in linea
In totale ci sono 14 utenti in linea :: 1 Registrato, 0 Nascosti e 13 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

collazzoni

Vedere la lista completa

Flusso RSS

Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
dude
UTENTE DISISCRITTO
Data d'iscrizione : 01.06.09
Numero di messaggi : 1275
Località :
Impianto : (non specificato)

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Dom 13 Set 2009 - 9:43
@Andrea Gianelli ha scritto:
Eccomi, come promesso: i woofer Dynaudio sono prodotti dalla Morel (alcuni in esclusiva e quindi non disponibili per autocostruzione). Dal punto di vista legale Dynaudio NON potrebbe vendere woofer con suo marchio, poi si sa come talvolta vanno le cose...
Diverso il discorso per il tweeter: il T330 non è un tweeter Morel.
Questa è l'info che vi dovevo!
Leggo solo ora questa discussione, sinceramente dubito che morel produca altoparlanti per Dynaudio, sembra la classica chiacchiera da bar Laughing
Beccatevi sto pippone


avatar
audioman
Appassionato
Appassionato
Data d'iscrizione : 27.04.09
Numero di messaggi : 431
Località : Arzano (NA)
Impianto : .

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Dom 13 Set 2009 - 11:33
@dude ha scritto:
Leggo solo ora questa discussione, sinceramente dubito che morel produca altoparlanti per Dynaudio, sembra la classica chiacchiera da bar Laughing
Beccatevi sto pippone


Comunque sia, il disegno dei cestelli in pressofusione, il centratore, la lamiera che accoglie il magnete, il disegno degli altoparlanti, rendono chiaro che nascono dallo stesso progettista, è remota anche una eventuale scopiazzatura, in quanto quel tipo di altoparlante è unico e sicuramente coperto da copyright.
Quindi non è improbabile che la Morel produce gli altoparlanti per la Dynaudio o almeno alcuni tipi. IMHO Wink


dude
UTENTE DISISCRITTO
Data d'iscrizione : 01.06.09
Numero di messaggi : 1275
Località :
Impianto : (non specificato)

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Dom 13 Set 2009 - 12:10
@audioman ha scritto:
@dude ha scritto:
Leggo solo ora questa discussione, sinceramente dubito che morel produca altoparlanti per Dynaudio, sembra la classica chiacchiera da bar Laughing
Beccatevi sto pippone


Comunque sia, il disegno dei cestelli in pressofusione, il centratore, la lamiera che accoglie il magnete, il disegno degli altoparlanti, rendono chiaro che nascono dallo stesso progettista, è remota anche una eventuale scopiazzatura, in quanto quel tipo di altoparlante è unico e sicuramente coperto da copyright.
Quindi non è improbabile che la Morel produce gli altoparlanti per la Dynaudio o almeno alcuni tipi. IMHO Wink



Guardando le foto che hai postato non c'è un solo componente comune, il cestello è diverso, la membrana del woofer molto più piatta nel Dynaudio col caratteristico disegno, la calotta del magnete potrebbe essere simile, ma non è detto, magari ci vedo male io, ma non mi sembrano parenti Very Happy
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Lun 14 Set 2009 - 11:28
Hello Torno sull'argomento: 1) i woofer Dynaudio sono di produzione Morel, la quale vende anche al pubblico (in Italia attraverso S3 Shop, che ne è il distributore), mentre per Dynaudio realizza anche modelli in esclusiva, ossia non venduti al pubblico ma solo utilizzabili dalla casa danese e da essa non vendibili (almeno in teoria) come singoli componenti (salvo si tratti di ricambi); 2) tra i progetti Ciare vi sono anche i 3 vie a sospensione pneumatica, a mio avviso molto interessanti. Wink
dude
UTENTE DISISCRITTO
Data d'iscrizione : 01.06.09
Numero di messaggi : 1275
Località :
Impianto : (non specificato)

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Lun 14 Set 2009 - 12:06
@Andrea Gianelli ha scritto:
Hello Torno sull'argomento: 1) i woofer Dynaudio sono di produzione Morel, la quale vende anche al pubblico (in Italia attraverso S3 Shop, che ne è il distributore), mentre per Dynaudio realizza anche modelli in esclusiva, ossia non venduti al pubblico ma solo utilizzabili dalla casa danese e da essa non vendibili (almeno in teoria) come singoli componenti (salvo si tratti di ricambi); 2) tra i progetti Ciare vi sono anche i 3 vie a sospensione pneumatica, a mio avviso molto interessanti. Wink
Sono certo tu abbia ragione altrimenti affermazioni del genere sarebbero pericolose se non vere, però non capisco alcune cose
1) Questo S3 shop di cui parli sempre è l'importatore e distributore dei prodotti Morel in Italia o un semplice rivenditore?
2) S3 shop distribuisce anche i woofer Dynaudio?
3) Ogni volta che leggo qualcosa scritta da te mi pare poco credibile, perché? Laughing
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Lun 14 Set 2009 - 12:32
@dude ha scritto:Sono certo tu abbia ragione altrimenti affermazioni del genere sarebbero pericolose se non vere, però non capisco alcune cose
Questo è quanto mi hanno riferito gli amici di S3, costruttori e distributori delle amplificazioni Fenice, ex distrubutori Tripath per l'Italia, distributori delle valvole JJ e dei trasformatori Jensen. Qui trovi tutto: www.s3shop.it

@dude ha scritto:1) Questo S3 shop di cui parli sempre è l'importatore e distributore dei prodotti Morel in Italia o un semplice rivenditore?
Vedi precedente spiegazione.

@dude ha scritto:2) S3 shop distribuisce anche i woofer Dynaudio?
Mi sembra di aver già detto che i Morel fatti per Dynaudio non possono essere venduti al pubblico.

@dude ha scritto:3) Ogni volta che leggo qualcosa scritta da te mi pare poco credibile, perché? Laughing
Problema tuo.
avatar
b.olivaw
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 20.12.08
Numero di messaggi : 506
Occupazione/Hobby : Robot
Provincia (Città) : meteoropatico
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Dom 20 Set 2009 - 12:33
@audioman ha scritto:Comunque sia, il disegno dei cestelli in pressofusione, il centratore, la lamiera che accoglie il magnete, il disegno degli altoparlanti, rendono chiaro che nascono dallo stesso progettista, è remota anche una eventuale scopiazzatura, in quanto quel tipo di altoparlante è unico e sicuramente coperto da copyright.
Quindi non è improbabile che la Morel produce gli altoparlanti per la Dynaudio o almeno alcuni tipi. IMHO Wink

Franco, dalle foto si evince invece che sono due ap diversi.
In particolare i cestelli che richiedono costosi stampi non avrebbe senso farli diversi se davvero fosse lo stesso ap.
Entrambi posizionano la bobina all'esterno del magnete, questo li rende somiglianti.
Tutti gli ap costruiti con questa tecnica giocoforza si somigliano, anche gli Hi-Vi;
http://www.audioreview.it/documenti/tecnica/AR264_HI_VI_RESEARCH_ALTOP_NON_CONVENZIONALI.pdf

Naturalmente ciò non vuol dire che gli ap Dynaudio non siano fatti da Morel in Israele, portati in Danimarca, sostituiti i cestelli, rimossa la targa made in Israel, appiccicata la targa made in Denmark. Tutto è possibile.
panterone
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 21.11.09
Numero di messaggi : 53
Località : treviso
Occupazione/Hobby : Figlio di mamma Poste Italiane/aereomodellismo
Provincia (Città) : tipo paziente e incazzato
Impianto : Amplificatore serie t-amp: Muse, Casse: Indiana Line HC 206, lettore dvd Marvel & louis DX750

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Dom 22 Nov 2009 - 7:10
ciao ho letto quasi tutto il post ed intervengo. Ho anch'io ho avuto una grande esperienza in progettazione e costruzione di diffusori acustici, però confinata alle conoscenze ed ai materiali di 20 anni fa. Esistevano già allora i parametri sugli autoparlanti, però quando si seguivano i progetti presenti alla fine si otteneva dei risultati altalenanti, facendo un esempio se costruivo 3 coppie di diffusori acustici partendo dallo stesso progetto e usando gli stessi componenti ottenevo 3 sonorità differenti. Io dopo diverse prove ho giustificato questi risultati introducendo a me stesso il parametro TOLLERANZE che influenzava per un 20-30% nel progetto, che veniva inserito negli stessi parametri dei componenti e addiritura dopo varie prove avevo trovato la marca di condensatori che davano un suono più caldo rispetto ad altre. Dato che mi sembrate tutti così sicuri sull'affidabilità di queste indicazioni, suppongo che il ciclo costruttivo abbia fatto passi da gigante, tanto da prenderli come un dato certo. In sostanza partivo da un progetto base, che potrebbe rientrare negli attuali progetti, e poi con esperienza e tantissime ore di ascolto si tarava la sonorità. Praticamente e indicativamente tra progetto e realizzazione fisica del prototipo perdevo tra le 10-20 ore, mentre nella taratura almeno 80-100 ore. Quindi ottimizzavo il diffusore acustico con tutta la catena: sorgente, cavi, diffusori e ovviamente stagno con base di argento.
In sostanza mi sono reso conto che nel mercato vi erano già ottimi diffusori acustici, costruiti bene che avevano grandissime carenze nella taratura della sonorità e alla fine ne ho comprate e modificate, anche solo riprogettando il cross-over o addiritura facendo delle banali filtri di compensazione il suono si modificava platealmente. Semplicemente non è che i progettisti erano deficenti e io un genio è che erano piegati a esigenze di prezzo che per risparmiare o creare delle classi peggioravano volontariamente il suono. Comunque credo che non abbiano cambiato la filosofia in questo settore, anche se riscontro un nettissimo miglioramente della qualità.
Scusate delll'introduzione e spero di aver contribuito nella crescita.
Pechegno
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 16.09.09
Numero di messaggi : 95
Località : Prov. Lodi
Impianto : Cambridge Audio 640C V2 , T.A. 10.1 , Audio Analogue Puccini , Klipsch F3 , cavi TNT Shield e biwiring

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Lun 30 Nov 2009 - 13:55
@panterone ha scritto:
Semplicemente non è che i progettisti erano deficenti e io un genio è che erano piegati a esigenze di prezzo che per risparmiare o creare delle classi peggioravano volontariamente il suono.
straquoto, e c'è ancora chi non ha capito che vale per quasi tutti i prodotti commerciali sul mercato ! A ognuno la sua classe ! Prosit
Sciao!
avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5043
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Lun 30 Nov 2009 - 15:04
@panterone ha scritto:ciao ho letto quasi tutto il post ed intervengo. Ho anch'io ho avuto una grande esperienza in progettazione e costruzione di diffusori acustici, però confinata alle conoscenze ed ai materiali di 20 anni fa. Esistevano già allora i parametri sugli autoparlanti, però quando si seguivano i progetti presenti alla fine si otteneva dei risultati altalenanti, facendo un esempio se costruivo 3 coppie di diffusori acustici partendo dallo stesso progetto e usando gli stessi componenti ottenevo 3 sonorità differenti. Io dopo diverse prove ho giustificato questi risultati introducendo a me stesso il parametro TOLLERANZE che influenzava per un 20-30% nel progetto, che veniva inserito negli stessi parametri dei componenti e addiritura dopo varie prove avevo trovato la marca di condensatori che davano un suono più caldo rispetto ad altre. Dato che mi sembrate tutti così sicuri sull'affidabilità di queste indicazioni, suppongo che il ciclo costruttivo abbia fatto passi da gigante, tanto da prenderli come un dato certo. In sostanza partivo da un progetto base, che potrebbe rientrare negli attuali progetti, e poi con esperienza e tantissime ore di ascolto si tarava la sonorità. Praticamente e indicativamente tra progetto e realizzazione fisica del prototipo perdevo tra le 10-20 ore, mentre nella taratura almeno 80-100 ore. Quindi ottimizzavo il diffusore acustico con tutta la catena: sorgente, cavi, diffusori e ovviamente stagno con base di argento.
In sostanza mi sono reso conto che nel mercato vi erano già ottimi diffusori acustici, costruiti bene che avevano grandissime carenze nella taratura della sonorità e alla fine ne ho comprate e modificate, anche solo riprogettando il cross-over o addiritura facendo delle banali filtri di compensazione il suono si modificava platealmente. Semplicemente non è che i progettisti erano deficenti e io un genio è che erano piegati a esigenze di prezzo che per risparmiare o creare delle classi peggioravano volontariamente il suono. Comunque credo che non abbiano cambiato la filosofia in questo settore, anche se riscontro un nettissimo miglioramente della qualità.
Scusate delll'introduzione e spero di aver contribuito nella crescita.

Ma Panterone, vent'anni fa si usava già lo stagno all'argento?
panterone
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 21.11.09
Numero di messaggi : 53
Località : treviso
Occupazione/Hobby : Figlio di mamma Poste Italiane/aereomodellismo
Provincia (Città) : tipo paziente e incazzato
Impianto : Amplificatore serie t-amp: Muse, Casse: Indiana Line HC 206, lettore dvd Marvel & louis DX750

Re: Un ottimo progetto per diffusori da stands

il Lun 30 Nov 2009 - 16:21
@porfido ha scritto:
@panterone ha scritto:ciao ho letto quasi tutto il post ed intervengo. Ho anch'io ho avuto una grande esperienza in progettazione e costruzione di diffusori acustici, però confinata alle conoscenze ed ai materiali di 20 anni fa. Esistevano già allora i parametri sugli autoparlanti, però quando si seguivano i progetti presenti alla fine si otteneva dei risultati altalenanti, facendo un esempio se costruivo 3 coppie di diffusori acustici partendo dallo stesso progetto e usando gli stessi componenti ottenevo 3 sonorità differenti. Io dopo diverse prove ho giustificato questi risultati introducendo a me stesso il parametro TOLLERANZE che influenzava per un 20-30% nel progetto, che veniva inserito negli stessi parametri dei componenti e addiritura dopo varie prove avevo trovato la marca di condensatori che davano un suono più caldo rispetto ad altre. Dato che mi sembrate tutti così sicuri sull'affidabilità di queste indicazioni, suppongo che il ciclo costruttivo abbia fatto passi da gigante, tanto da prenderli come un dato certo. In sostanza partivo da un progetto base, che potrebbe rientrare negli attuali progetti, e poi con esperienza e tantissime ore di ascolto si tarava la sonorità. Praticamente e indicativamente tra progetto e realizzazione fisica del prototipo perdevo tra le 10-20 ore, mentre nella taratura almeno 80-100 ore. Quindi ottimizzavo il diffusore acustico con tutta la catena: sorgente, cavi, diffusori e ovviamente stagno con base di argento.
In sostanza mi sono reso conto che nel mercato vi erano già ottimi diffusori acustici, costruiti bene che avevano grandissime carenze nella taratura della sonorità e alla fine ne ho comprate e modificate, anche solo riprogettando il cross-over o addiritura facendo delle banali filtri di compensazione il suono si modificava platealmente. Semplicemente non è che i progettisti erano deficenti e io un genio è che erano piegati a esigenze di prezzo che per risparmiare o creare delle classi peggioravano volontariamente il suono. Comunque credo che non abbiano cambiato la filosofia in questo settore, anche se riscontro un nettissimo miglioramente della qualità.
Scusate delll'introduzione e spero di aver contribuito nella crescita.

Ma Panterone, vent'anni fa si usava già lo stagno all'argento?
Wink certo che si eravamo in pochi ad usarlo, ne tengo ancora qualche m.
comunque con i software incredibili e con l'hardware che verifica oggettivamente il suono il lavoro è diventato più veloce e alla portata di tutti coloro che hanno passione. meglio e molto meglio adesso, prima c'era una elite adesso è un lavoro di staff e tutti contribuiscono alla realizzazione, poi ho visto che c'è finalmente alla grande c'è l'interazione tra chi ascolta e chi progetto e sopratutto lo standard t-amp. non posso solo che apprezzare il tutto e da ciò non possono che venire eccellenti realizzazioni. Oki
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum