T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» upgrade 2500 max
Oggi a 13:01 Da titonic

» R.I.P GREG LAKE
Oggi a 12:54 Da alfio quinza

» TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO
Oggi a 12:39 Da Angel2000

» Madame Butterfly
Oggi a 12:27 Da valterneri

» Una storia di cavi
Oggi a 12:25 Da Suono56

» El GORDO - una torre senza filtri, si può?
Oggi a 12:23 Da Angel2000

» Antenna FM
Oggi a 12:15 Da danout

» Cuffie bestbuy 150€ no amplificatore
Oggi a 11:50 Da bob80

» Diffusore bookshelf a due vie con woofer caricato in doppio carico Asimmetrico a vista (DCAAV)
Oggi a 11:45 Da ricky84

» Consigli per impianto 2.1
Oggi a 11:23 Da giucam61

» AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finale
Oggi a 11:01 Da giucam61

» Cavo ad Y RCA per Subwoofer
Oggi a 10:54 Da Masterix

» Collegare più sorgenti al T-Amp
Oggi a 10:51 Da CHAOSFERE

» Dac per Koss PortaPro?
Oggi a 10:48 Da lello64

» [NO] vendo pre+finale valvole classe A
Oggi a 8:23 Da gigetto

» Confronto tra Breeze full mod. vs Drok ta2024b pareri personali e riflessioni
Oggi a 0:33 Da RAMONE67

» Amplificatore per Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B, quale migliore?
Ieri a 23:52 Da giucam61

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Ieri a 23:43 Da CHAOSFERE

» L'ho fatto, le ho distrutte :D
Ieri a 21:08 Da zimone-89

» Daphile - Audiophile Music Server & Player OS
Ieri a 20:53 Da dinamanu

»  il trends tamp è oggi un oggetto superato?
Ieri a 19:18 Da alexandros

» Quale ampli per le mie Dynaudio M20
Ieri a 18:13 Da dinamanu

» AUDIOLAB 8000SE
Ieri a 16:31 Da Gabriele Barnabei

» Casse acustiche quali?b&w 684 o IL tesi 560?
Ieri a 16:26 Da rx78

» impianto entry -level
Ieri a 11:12 Da giucam61

» fissa lettore CD
Ieri a 10:54 Da giucam61

» jbl lsr 305 vs krk rokit 6 g3
Ieri a 8:41 Da luigigi

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri a 7:57 Da gigetto

» CAIMAN SEG
Ieri a 0:42 Da Zio

» (NA) Amplificatore Kingrex con DAC usb e uscita cuffie €270+ sped.
Ieri a 0:20 Da sonic63

» Daphile in ram
Mar 6 Dic 2016 - 23:58 Da ghiglie

» Aiuto lenco L75s
Mar 6 Dic 2016 - 20:36 Da Angel2000

» Ho preso le grado sr80e e vi porto un po' di impressioni
Mar 6 Dic 2016 - 19:02 Da dinamanu

» Alimentatore Muse i25w Ta2021 quale connettore?
Mar 6 Dic 2016 - 18:22 Da Tasso

» Messaggio per Valterneri NAD90
Mar 6 Dic 2016 - 18:05 Da enrico massa

» [to]Vincent sp 997 finali mono
Mar 6 Dic 2016 - 14:51 Da krell2

» OLD AKG K141 MONITOR E LITTLE DOT MK II V3.0
Mar 6 Dic 2016 - 14:47 Da sportyerre

» [AN] Teac UD-H01
Mar 6 Dic 2016 - 14:27 Da Masterix

» Player hi fi
Mar 6 Dic 2016 - 11:38 Da santidonau

» ultimo nato (mau 749 R.I.P)
Mar 6 Dic 2016 - 6:01 Da Tommaso Cantalice

» Alternativa a Volumio: Moode Audio!
Lun 5 Dic 2016 - 22:40 Da eddy1963

» Vendo 2XFostex FE83EN Euro 110 con enclosures bookshelf
Lun 5 Dic 2016 - 22:14 Da potowatax

» Amplificatore per chiudere il cerchio
Lun 5 Dic 2016 - 21:05 Da Sistox

» Giradischi - quesiti & consigli
Lun 5 Dic 2016 - 19:25 Da dinamanu

» nuove diva 262
Lun 5 Dic 2016 - 19:00 Da CHAOSFERE

» [NA] VENDO Monoblock Icepower 500a con Alimentazione Lineare + Cavi + Filtri di rete [700 euro)
Lun 5 Dic 2016 - 17:48 Da MrTheCarbon

» JRiver 22
Lun 5 Dic 2016 - 15:57 Da gigihrt

» Cd conviene ripararlo o....
Lun 5 Dic 2016 - 8:44 Da gigetto

» Quale cavo ottico per il CD?
Lun 5 Dic 2016 - 8:43 Da gigetto

» Cavi component Hama 1,5m.
Lun 5 Dic 2016 - 0:26 Da wolfman

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

76% 76% [ 148 ]
24% 24% [ 47 ]

Totale dei voti : 195

I postatori più attivi della settimana
CHAOSFERE
 
fritznet
 
lello64
 
dinamanu
 
rx78
 
giucam61
 
gigetto
 
savi
 
Angel2000
 
sportyerre
 

I postatori più attivi del mese
dinamanu
 
CHAOSFERE
 
lello64
 
Angel2000
 
giucam61
 
fritznet
 
rx78
 
gigetto
 
R!ck
 
natale55
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15483)
 
Silver Black (15375)
 
nd1967 (12784)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10217)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8493)
 

Statistiche
Abbiamo 10369 membri registrati
L'ultimo utente registrato è titonic

I nostri membri hanno inviato un totale di 769419 messaggi in 50060 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 64 utenti in linea :: 7 Registrati, 2 Nascosti e 55 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

bob80, fritznet, scontin, ssaandur, Stefynus, titonic, valterneri

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Furl  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  flovato il Lun 10 Giu 2013 - 16:55

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/10/vinile-puntine-valvole-analogico/621700/

Di Luca Morino:

Mi sono rituffato nella nicchia e l’emozione è stata grande.

Quale nicchia?

Quella del vinile, delle valvole, delle puntine, dell’analogico.

Fiera del disco a Torino. Arrivo allungando il passo e dopo un attimo mi ritrovo nel vortice ansiogeno del consumatore addicted. Quello, per intenderci, che entrava una volta nei negozi di dischi che non conosceva e “sfogliava” i vinili per capire se era un posto di rispetto o avevano solo la “solita roba commerciale”.

Di tutti i vinili che avevo ne ho fatti fuori una buona metà (con sommo rammarico ora, ovviamente) ma aggirandomi tra le bancarelle ritrovo un’emozione che non avevo mai più vissuto in anni e capitali di lire/euro/dollari/sterline/marchi ecc. ecc. spesi in cd. La copertina quadrata di cartone è un mondo parallelo, una connessione tra il compratore e l’artista che il cd non è mai riuscito ad attivare. Le rete e YouTube ci riescono nuovamente, a volte anche meglio, ma il cd no. Ho letto un sacco di stupidaggini qua e là, gente che dice che la musica è la stessa a prescindere dal supporto, che non ha senso spendere soldi per un oggetto scomodo e ingombrante che, tra l’altro, ti obbliga a stare continuamente attaccato al giradischi per mettere il lato B.

Balle. Non c’è conflitto, solo possibilità di scelta.

Il vinile ti fa entrare in un immaginario sonoro (e visuale) che implica SEMPRE una scelta: le compagnie telefoniche per esempio ti regalano giga di musica da ascoltare sul tuo nuovo smartphone. La musica non la scegli, te la danno loro pescando dai cataloghi digitali recuperati a costo quasi zero dalle case discografiche in liquidazione. Avvilente. Il mercato 2.0 ci ha convinti che è giusto spendere centinaia di euro per il contenitore (tablet, smartphone, lettore di mp3) ma non per il contenuto: la musica che ci metti dentro deve essere gratuita, come se pensarla, registrarla e produrla non avesse il benché minimo valore. Così ti ritrovi una giungla di cartelle di mp3 e finisci per non sapere nulla di chi, come e perché sia stata fatta quella musica. Ti limiti, quando va bene, a sapere “che numero è” la canzone che ti piace.

Non sono un nostalgico perché oltre ai download ho ripreso anche a comprare vinili di artisti attuali (l’ultimo di un duo elettronico americano/indonesiano, i Filastine) e sto pure producendo il mio primo “nuovo” vinile con la stessa euforia con cui pubblicai Soma la macia, il primo EP dei Mau Mau datato 1992.

Tornando alla fiera dell’usato: ho trovato molti “pezzi” italiani interessanti, come i primi 45 giri di Celentano, la Callas alla Scala in una registrazione del ’57 e un 16 giri del mitico Fred Buscaglione.

Musicisti, lavoriamo per i collezionisti del futuro!

flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Tasso il Lun 10 Giu 2013 - 20:59

Io non credo che il ritorno al vinile sia dovuto alla passione per la musica, ma che sia anch'esso pilotato.
Come mai improvvisamente spuntato album freschi di pubblicazione in vinile?
Amazon, come altri negozi online, ha dedicato un negozio solo al Vinile, la grande catena di elettronica Unieuro la settimana scorsa aveva indetto la campagna "Ritorno al Vinile", con giradischi e pre phono in offerta.
Non facciamo prendere in giro, che senso ha pubblicare album nuovi registrati in digitale, molto probabilmente a 24 bit e 96kHz, sul vinile?
Perché non pubblicarli direttamente a 24 bit 96kHz per gli appassionati e in MP3 o su CD per gli altri utenti non interessati alla qualità?

Quello che voglio dire è che vogliono vendere nuovi giradischi e dischi in vinile e con questo la passione per la buona musica non c'entra niente, è solo consumismo.

Voi cosa ne pensate? Secondo me è solo pilotaggio bello e buono...

Rolling Eyes IMHO Rolling Eyes


Ultima modifica di Tasso il Lun 10 Giu 2013 - 21:07, modificato 1 volta

Tasso
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 05.09.12
Numero di messaggi : 656
Occupazione/Hobby : E se mi viene bene, se la parte mi funziona, allora mi sembra di essere una persona. [G. Gaber]
Provincia (Città) : Il bosco deciduo
Impianto :
Spoiler:
AMPLI: Marantz PM7001 KI
SORGENTI: Marantz CD6003 / Raspberry Pi B+ - Durio Sound PRO - Moode Audio - IFI iPower 9V 2A
DIFFUSORI: Chario Constellation Cygnus
CAVI: Cavo Potenza Supra Ply 3.4S - Cavo Segnale Supra EFF ISL - Cavi Alimentazione Supra LoRad 2.5
CUFFIA: Beyerdynamic DT880 Premium 600 ohm
AMPLI CUFFIA: FiiO E09K - IFI iPower 15V 1.25A


Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Giovanni_14 il Lun 10 Giu 2013 - 21:03

Molto bella questa riflessione, e mi trovi perfettamente d'accordo.
Il vinile ha un fascino che mai e poi mai i cd hanno avuto ed avranno, ascoltare un vinile e oltre alle qualità sonore, tenere in mano la copertina, mi viene in mente "a trick of the tail" dei Genesis, pur non essendo una grande incisione, ha un sapore tutto particolare, e, ahimé, per noi 50enni, è un viaggio a ritroso nel tempo.
Oltretutto l'analogico ha un realismo nelle sonorità, sopratutto acustiche, a mio giudizio, che raramente si può riscontrare nel pur comodissimo digitale.
Vogliamo confrontare il fascino di un vinile che gira sul ns. Giradischi e il piacere del rito della pulizia del disco e della posa del braccio?
Mi alzo più che volentieri dalla poltrona per mettere il lato "b"
Complimenti Flovato per le tue osservazioni sempre molto interessanti.
Buona serata. Oki

Giovanni_14
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 10.04.11
Numero di messaggi : 464
Località : Sassari
Occupazione/Hobby : Musica e Sport
Provincia (Città) : Sassari
Impianto : Sorgente Giradischi Clearaudio Bluemotion, testina ortofon 2mred pre phono rega fono, pre a valvole da Tfan (che Dio lo benedica), Finale Monrio mc 25 e Diffusori B&W Matrix, cavi di segnale inakustik e di potenza neotech nf 1202

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  flovato il Lun 10 Giu 2013 - 21:14

@Giovanni_14 ha scritto:
Complimenti Flovato per le tue osservazioni sempre molto interessanti.
Buona serata. Oki

Purtroppo le osservazioni non sono mie Very Happy , io ho solo riportato il tutto alla vostra attenzione.

Questo é quello che ho postato sul Fatto:

Il fascino dell'analogico è impagabile ed il suono riprodotto dal vinile ha una timbrica ed una densità inarrivabile per la maggior parte dei sistemi economici di riproduzione digitale. Malgrado questo oggi la tecnologia digitale ha fatto enormi passi verso una riproduzione gradevole che fa il "verso" al mondo analogico. Esistono DAC NOS senza filtri digitali che offrono un piacere d'ascolto privo di quella freddezza ed asetticità che caratterizza l'ascolto dei bit. Purtroppo la musica analogica costa, un vinile varia da 20 a 60 euro, se consideriamo che con 10 euro al mese sono disponibili servizi streaming (vedi Spotify) con cataloghi di milioni e milioni di brani si fa presto a capire come andrà a finire. I ricchi potranno permettersi fascino e qualità di giradischi e dischi in vinile e al popolo fiumi di zeri ed uno senza dimenticare però che i master oramai sono tutti digitali... quindi se tanto mi da tanto la miglior "fedeltà" all'originale non potrà essere che digitale.  My two cents.

Hello

flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Albert^ONE il Lun 10 Giu 2013 - 22:00

Caspita se emoziona.....mi viene ancora la pelle d'oca quando metto su un vinile!

Il vinile ha un'anima,il cd è freddo. Smile

Albert^ONE
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.10.10
Numero di messaggi : 5357
Località : Lanciano(ch) Abruzzo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Tasso il Lun 10 Giu 2013 - 22:24

@flovato ha scritto:... senza dimenticare però che i master oramai sono tutti digitali... quindi se tanto mi da tanto la miglior "fedeltà" all'originale non potrà essere che digitale.
Hello
Esatto, il vinile non ha piú senso, se non spillare soldi a chi ne ha!
E adesso non ditemi che il master originale in digitale travasato su vinile suona meglio!
Non é mica vino! Laughing

Tasso
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 05.09.12
Numero di messaggi : 656
Occupazione/Hobby : E se mi viene bene, se la parte mi funziona, allora mi sembra di essere una persona. [G. Gaber]
Provincia (Città) : Il bosco deciduo
Impianto :
Spoiler:
AMPLI: Marantz PM7001 KI
SORGENTI: Marantz CD6003 / Raspberry Pi B+ - Durio Sound PRO - Moode Audio - IFI iPower 9V 2A
DIFFUSORI: Chario Constellation Cygnus
CAVI: Cavo Potenza Supra Ply 3.4S - Cavo Segnale Supra EFF ISL - Cavi Alimentazione Supra LoRad 2.5
CUFFIA: Beyerdynamic DT880 Premium 600 ohm
AMPLI CUFFIA: FiiO E09K - IFI iPower 15V 1.25A


Tornare in alto Andare in basso

a-ma-r-cord

Messaggio  Hoogo il Mar 11 Giu 2013 - 0:58

@Giovanni_14 ha scritto:Molto bella questa riflessione, e mi trovi perfettamente d'accordo.
Il vinile ha un fascino che mai e poi mai i cd hanno avuto ed avranno, ascoltare un vinile e oltre alle qualità sonore, tenere in mano la copertina, mi viene in mente "a trick of the tail" dei Genesis, pur non essendo una grande incisione, ha un sapore tutto particolare, e, ahimé, per noi 50enni, è un viaggio a ritroso nel tempo.
Oltretutto l'analogico ha un realismo nelle sonorità, sopratutto acustiche, a mio giudizio, che raramente si può riscontrare nel pur comodissimo digitale.
Vogliamo confrontare il fascino di un vinile che gira sul ns. Giradischi e il piacere del rito della pulizia del disco e della posa del braccio?
Mi alzo più che volentieri dalla poltrona per mettere il lato "b"
Complimenti Flovato per le tue osservazioni sempre molto interessanti.
Buona serata. Oki
I dischi tolti dalla copertina con più carica elettrostatica di un tubo della TV che quando li rimettevi dentro una volta su due finivano nell'incollatura della busta aprendola come una cozza; l'altra finivano dentro la busta antistatica del secondo LP. Il caso dei dischi doppi a busta unica: ben quattro facciate da girare, altro che telecomando!

Da cinquantenne dovresti ricordare la copri busta in carta da pacco di In Through the Out Door dei Led Zeppelin. Dentro quella c'era la copertina con il 33. Non so perché ma mi affascinava.

Hoogo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 01.04.13
Numero di messaggi : 2199
Località : scarificata dalla miseria
Occupazione/Hobby : Musica Cinema Fotografia Informatica Comunicazione
Provincia (Città) : GE
Impianto : Non specificato | Desktop: SMSL SD 398 + SMSL SA 80 + SoundMAGIC HP100 + B&W685 () Wireworld Ultraviolet + Wireworld Luna 7 + MonsterCable XP-HP | Mobile: Sony A865 + Sony XBA3 + un'altra dozzina.

http://www.flickr.com/photos/giannimaselli/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  p.cristallini il Sab 29 Giu 2013 - 22:51

@Tasso ha scritto:
@flovato ha scritto:... senza dimenticare però che i master oramai sono tutti digitali... quindi se tanto mi da tanto la miglior "fedeltà" all'originale non potrà essere che digitale.
Hello
Esatto, il vinile non ha piú senso, se non spillare soldi a chi ne ha!
E adesso non ditemi che il master originale in digitale travasato su vinile suona meglio!
Non é mica vino! Laughing

I master attualmente sono tutti digitali, ma immagino siano stati registrati con una definizione che noi utenti dell'hifi neanche la immaginiamo. Prova per esempio ad ascoltare uno stesso brano, registrato in digitale, prima con un cd (DDD ovviamente) o da pc e poi con un vinile....sentirai la differenza.

Per anni ho ascoltato solo cd, ultimamente associati a musica liquida da pc, con grande soddisfazione. Ultimamente ho effettuato un upgrade di giradischi e pre-phono. Attualmente ascolto più vinili che altro.
Trovo questo:
-vinile: suono naturale (basandomi sui miei ascolti dal vivo ovviamente), dinamico (differenza tra il "nero" del silenzio e i picchi musicali)
-cd/liquida: suono metallico (timbro di strumenti e voci), meno dinamico e più piatto.
Queste osservazioni valgono per la musica acustica (classica, jazz, vocale). L'elettronica è un mondo a parte in cui l'amplificazione appunto elettronica gioca un ruolo predominante rendendo inafferrabile il concetto di "naturalezza".

p.cristallini
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 26.06.11
Numero di messaggi : 2033
Località :
Impianto :
Spoiler:
# 1 - Principale - Thorens TD-160B + SME 3009 + Audio Technica AT F-7 MC. Thorens TD-145 MKII + Goldring 1042 MM. Lehmann Black Cube SE. Marantz CD-72SE (sola meccanica). PC + JRiver. Dac/Pre Peachtree Nova125. Finale Adcom GFA-555MKII. Magneplanar 2.7QR. Stanza della musica acusticamente ben trattata.
# 2 - Scrivania - PC + JRiver. DAC diy con WM8741 e TE7022. Ampli diy con TPA3116 ed ali Zetagi. Monovia diy con Tang Band W4-1337SD. Ampli cuffia Bravo Audio 1. Cuffia AKG701.
# 3 - Thorens TD166-MKV + Goldring 2200 MM + prephono Monrio ADN-N. PC + JRiver. DAC diy ES9018 e CM6631. Ampli Nad C320BEE. Monovia artigianali con Audionirvana Super 8" Cast Frame BVR + tweeter e subwoofer post.
# Rip vinili con Sound Blaster X-Fi HD.
# In panchina altri oggetti...



Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Hoogo il Dom 30 Giu 2013 - 0:16

Io continuo ad avere dubbi seri sul fatto che i dischi possano avere una dinamica maggiore dei CD. I numeri son mumeri e poi c'è la fisica del pick-up proprio in considerazione dei cui limiti di escursione è stata sviluppata la compressione della dinamica RIAA (che poi sarebbe la SIAE americana).

Sulla timbrica più o meno naturale, metallica et c. Ci sono centinaia di DAC, di pick-up, di pre phono per migliaia e migliaia di combinazioni, non me la sentirei di fare un discorso univoco.

Hoogo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 01.04.13
Numero di messaggi : 2199
Località : scarificata dalla miseria
Occupazione/Hobby : Musica Cinema Fotografia Informatica Comunicazione
Provincia (Città) : GE
Impianto : Non specificato | Desktop: SMSL SD 398 + SMSL SA 80 + SoundMAGIC HP100 + B&W685 () Wireworld Ultraviolet + Wireworld Luna 7 + MonsterCable XP-HP | Mobile: Sony A865 + Sony XBA3 + un'altra dozzina.

http://www.flickr.com/photos/giannimaselli/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  valterneri il Dom 30 Giu 2013 - 0:37

@Hoogo ha scritto:Io continuo ad avere dubbi seri sul fatto che i dischi possano avere una dinamica maggiore dei CD....
.... Sulla timbrica più o meno naturale.......
........ non me la sentirei di fare un discorso univoco.
Giusto!
Il problema è però che non piace ciò che è bello
ma piace ciò che piace.

Non si dovrebbe paragonare il CD al vinile,
ma il CD al master che ha creato il CD ed il vinile al master che ha creato il vinile.
Se lo poteste fare
scoprireste che la vittoria della trasparenza del CD è schiacciante.

valterneri
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.10.12
Numero di messaggi : 3608
Provincia (Città) : -
Impianto : -

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  LakyV il Dom 30 Giu 2013 - 0:50

Mi piace il suono del CD, come anche quello ancor più campionato del DAC.
Personalmente non li trovo "freddi" e ne anche privi o carenti di dinamica.
Ovviamente molto dipende dal tipo di registrazione, ma questo vale anche per il
Vinile.
Diciamo che quello che oggi dovrebbe essere un ormai "obsoleto" metodo di lettura, non lo è, il metodo di lettura meccanica del vinile ha ancora un grande fascino, il braccio, la testina,la puntina, il piatto stesso,hanno la capacità di attirare anche coloro che per motivi generazionali, non hanno potuto godere di tale riproduzione.
Non ho mai avuto un vero giradischi, e quest'anno a Natale, probabilmente, mi farò un bel regalo:gift: 

LakyV
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 10.06.12
Numero di messaggi : 2537
Località : San Benigno C.
Occupazione/Hobby : Cuoco per diletto!!!
Provincia (Città) : Torino
Impianto : Sorgenti:Cambridge 650C
Panasonic DVD/CD S42
PC HP-650 Intel core I3
Trasp: Hi-Face 1
DAC : Xindak DAC 5
DAC : SMSL TDA1543
Pre : Sonus Minus ( MOD. BY AAAVT )
Finale : TA 2022 ( work in progress)
Integrato ibrido TA2022 (BTL) 150watt ( BY Roberto Stella)
SMSL TA2020
diffusori: XTZ99.38
Potenza: QED-Anniversary
TNT Star (autocostruiti)
CAT5 (autocostruiti)
G&bl In Argento.
Segnale:
Cambridge S500
Siemens (autocos.semibil.)
Mogami 2534 (by Pirpabass)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  robertopisa il Dom 30 Giu 2013 - 6:22

La produzione del vinile è stata di alta qualità fino agli inizi degli anni 80 perché c'era un ritorno economico, poi è peggiorata, ho dei vinili a casa di mia madre che si sentono davvero male. Poi vanno puliti e occupano spazio. Il CD come supporto è terribile lo sappiamo tutti e poi i non addetti confondono il download digitale con gli mp3 mentre ho sentito a casa mia il Lynx Hilo di Federico / Grunter con un DSD ed era da urlo, anche perché registrato bene: questo è il punto debole di diverse registrazioni, per motivi di costo non sono più curate come una volta. Immaginate il lavoro di posizionamento dei microfoni etc quando la DG iniziò a registrare con von Karajan (erano emersi i suoi rapporti con i nazisti e quindi preferiva non esibirsi dal vivo per un po' dedicandosi alla qualità delle registrazioni delle sue esecuzioni).

Detto questo, il fascino del vinile è nelle sue distorsioni piacevoli, lo sentivo ultimamente su una bancarella a una fiera e certo non era fedele ma molto piacevole. È come il caffè molto zuccherato: a chi piace il dolce risulta il massimo ma non possiamo certo dire che uno possa capire se la qualità è arabica o meno... Personalmente lo prendo senza zucchero... Nell'ambiente domestico le riflessioni introducono ulteriori distorsioni che amplificano questo effetto, per cui il vinile risulta ancora più piacevole del digitale.

Purtroppo ci hanno fatto credere che il digitale è economico ma per sentirlo bene occorre spendere invece. In ambiente trattato e con un impianto opportuno, non credo che il vinile possa ottenere la stessa trasparenza del digitale durante la riproduzione domestica. In effetti però il fruscio del vinile non si riesce a riprodurre bene nel digitale Smile

robertopisa
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 08.04.10
Numero di messaggi : 1636
Provincia (Città) : Pisa
Impianto :
premi per vedere:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Orazio Privitera il Dom 30 Giu 2013 - 7:18

Thread spostato in un area più idonea.

Orazio Privitera
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 09.02.10
Numero di messaggi : 2831
Località : Catania
Occupazione/Hobby : Musica e hi-fi,Fotografia, lettura, e un debole per le Stratocaster
Provincia (Città) : alti e bassi, dipende dal giorno
Impianto : *

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Tasso il Dom 30 Giu 2013 - 8:46

@p.cristallini ha scritto:
I master attualmente sono tutti digitali, ma immagino siano stati registrati con una definizione che noi utenti dell'hifi neanche la immaginiamo.
La "definizione" di cui tu parli io la chiamerei risoluzione e sta proprio qui la differenza tra vinile e CD.
Come tutti sappiamo il vinile essendo analogico ha "teoricamente" risoluzione infinita, mentre il CD è campionato a 44 kHz 16 Bit, quindi "approssimato".
I master digitali originali sono registrati "solitamente" a 96 kHz 24 Bit, quindi sarebbe sufficiente pubblicarli così come sono e l'eccellente risoluzione del vinile sarebbe immediatamente pareggiata e sia i CD che i Vinili li butteremo via tutti.
Proprio qui sta il punto, perché non lo fanno?!
La risposta è perché hanno deciso di rilanciare il vinile, dato che un disco costa ben 20€!
E noi stiamo tutti a guardare elogiando, per assurdo, master digitali passati su vinile!!!
Anzi non stiamo solo a guardare, siamo talmente fessi e manipolati che abbiamo creato un volume di vendita del vinile pari a quello del 1987!! (Fonte TNT  Audio)
@p.cristallini ha scritto:
Per anni ho ascoltato solo cd, ultimamente associati a musica liquida da pc, con grande soddisfazione. Ultimamente ho effettuato un upgrade di giradischi e pre-phono. Attualmente ascolto più vinili che altro.
Trovo questo:
-vinile: suono naturale (basandomi sui miei ascolti dal vivo ovviamente), dinamico (differenza tra il "nero" del silenzio e i picchi musicali)
-cd/liquida: suono metallico (timbro di strumenti e voci), meno dinamico e più piatto.
Il vinile suona naturale per via della risoluzione "teoricamente" infinita e dinamico perché NON ha subito il Loudness!
I CD che dispongono di una maggior dinamica rispetto al vinile (unico loro pregio), hanno subito l'effetto Loudness e suonano come giustamente dici tu piatti e meno dinamici, come da manuale per il Loudness.Crying or Very sad

Tasso
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 05.09.12
Numero di messaggi : 656
Occupazione/Hobby : E se mi viene bene, se la parte mi funziona, allora mi sembra di essere una persona. [G. Gaber]
Provincia (Città) : Il bosco deciduo
Impianto :
Spoiler:
AMPLI: Marantz PM7001 KI
SORGENTI: Marantz CD6003 / Raspberry Pi B+ - Durio Sound PRO - Moode Audio - IFI iPower 9V 2A
DIFFUSORI: Chario Constellation Cygnus
CAVI: Cavo Potenza Supra Ply 3.4S - Cavo Segnale Supra EFF ISL - Cavi Alimentazione Supra LoRad 2.5
CUFFIA: Beyerdynamic DT880 Premium 600 ohm
AMPLI CUFFIA: FiiO E09K - IFI iPower 15V 1.25A


Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Hoogo il Dom 30 Giu 2013 - 11:22

@Tasso ha scritto:
Il vinile suona naturale per via della risoluzione "teoricamente" infinita e dinamico perché NON ha subito il Loudness!
I CD che dispongono di una maggior dinamica rispetto al vinile (unico loro pregio), hanno subito l'effetto Loudness e suonano come giustamente dici tu piatti e meno dinamici, come da manuale per il Loudness.Crying or Very sad
Questo passaggio credo di non averlo capito. Me lo spieghi meglio, per favore?

Hoogo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 01.04.13
Numero di messaggi : 2199
Località : scarificata dalla miseria
Occupazione/Hobby : Musica Cinema Fotografia Informatica Comunicazione
Provincia (Città) : GE
Impianto : Non specificato | Desktop: SMSL SD 398 + SMSL SA 80 + SoundMAGIC HP100 + B&W685 () Wireworld Ultraviolet + Wireworld Luna 7 + MonsterCable XP-HP | Mobile: Sony A865 + Sony XBA3 + un'altra dozzina.

http://www.flickr.com/photos/giannimaselli/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Tasso il Dom 30 Giu 2013 - 12:39

@Hoogo ha scritto:
@Tasso ha scritto:
Il vinile suona naturale per via della risoluzione "teoricamente" infinita e dinamico perché NON ha subito il Loudness!
I CD che dispongono di una maggior dinamica rispetto al vinile (unico loro pregio), hanno subito l'effetto Loudness e suonano come giustamente dici tu piatti e meno dinamici, come da manuale per il Loudness.Crying or Very sad
Questo passaggio credo di non averlo capito. Me lo spieghi meglio, per favore?
I CD hanno potenzialmente maggior dinamica rispetto al vinile:

CD-Audio
Lo standard utilizzato dai CD audio prevede di campionare con codifica PCM l'onda sonora, utilizzando una quantizzazione a 16 bit (che fornisce una dinamica di 96 dB) ed una frequenza di campionamento di 44100 campioni al secondo.
Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Compact_disc
Tra i contro del disco in vinile:
Il rapporto dinamico ottenibile è difficilmente superiore ai 45 dB.
Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Disco_in_vinile
Nonostante ciò grazie all'effetto Loudness:

Gli effetti
La pratica di aumentare il volume dei CD affinché suonino più forte dei CD concorrenti può portare a due effetti. Dato che esiste un massimo livello di volume disponibile su una registrazione (all'opposto di quanto avviene nella riproduzione, in cui il volume è limitato dalla capacità degli amplificatori e dei diffusori), "pompando" il volume complessivo di una canzone o di una traccia si crea un pezzo che uniformemente e complessivamente suona "forte" dall'inizio alla fine. L'intera canzone è stata, per così dire, appiattita contro il tetto massimo del volume. Ciò crea musica con una ridotta gamma dinamica (differenze minori tra le sezioni con un volume alto e quelle con un volume basso). In definitiva, la musica con una ridotta gamma dinamica è affaticante e insoddisfacente da ascoltare.
Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Loudness_war

Tasso
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 05.09.12
Numero di messaggi : 656
Occupazione/Hobby : E se mi viene bene, se la parte mi funziona, allora mi sembra di essere una persona. [G. Gaber]
Provincia (Città) : Il bosco deciduo
Impianto :
Spoiler:
AMPLI: Marantz PM7001 KI
SORGENTI: Marantz CD6003 / Raspberry Pi B+ - Durio Sound PRO - Moode Audio - IFI iPower 9V 2A
DIFFUSORI: Chario Constellation Cygnus
CAVI: Cavo Potenza Supra Ply 3.4S - Cavo Segnale Supra EFF ISL - Cavi Alimentazione Supra LoRad 2.5
CUFFIA: Beyerdynamic DT880 Premium 600 ohm
AMPLI CUFFIA: FiiO E09K - IFI iPower 15V 1.25A


Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Hoogo il Dom 30 Giu 2013 - 15:53

@Tasso ha scritto:
Gli effetti
La pratica di aumentare il volume dei CD affinché suonino più forte dei CD concorrenti può portare a due effetti. Dato che esiste un massimo livello di volume disponibile su una registrazione (all'opposto di quanto avviene nella riproduzione, in cui il volume è limitato dalla capacità degli amplificatori e dei diffusori), "pompando" il volume complessivo di una canzone o di una traccia si crea un pezzo che uniformemente e complessivamente suona "forte" dall'inizio alla fine. L'intera canzone è stata, per così dire, appiattita contro il tetto massimo del volume. Ciò crea musica con una ridotta gamma dinamica (differenze minori tra le sezioni con un volume alto e quelle con un volume basso). In definitiva, la musica con una ridotta gamma dinamica è affaticante e insoddisfacente da ascoltare.
Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Loudness_war
Chi scrive su wikipedia non garantisce la propria competenza. E' ridicolo pensare che il CD sia mixato diversamente dal vinile. Interessante anche tradurre la compressione ed il limiting con il termine 'pompato'. Da rotolarsi sul pavimento.

Poi, certo, il segnale non può superare 0db (1v se non erro) oltre va in clipping ed la distorsione digitale non è propriamente eufonica quanto quella delle valvole o di un nastro.

L'autore della pagina Wiki dimostra di avere capito il concetto ma poco di più.

Ciao.

Hoogo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 01.04.13
Numero di messaggi : 2199
Località : scarificata dalla miseria
Occupazione/Hobby : Musica Cinema Fotografia Informatica Comunicazione
Provincia (Città) : GE
Impianto : Non specificato | Desktop: SMSL SD 398 + SMSL SA 80 + SoundMAGIC HP100 + B&W685 () Wireworld Ultraviolet + Wireworld Luna 7 + MonsterCable XP-HP | Mobile: Sony A865 + Sony XBA3 + un'altra dozzina.

http://www.flickr.com/photos/giannimaselli/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  p.cristallini il Dom 30 Giu 2013 - 18:28

Io non ho ascoltato i miei vinili per molti anni. Credevo che non ne valesse più la pena e che la "superiore" tecnologia dei cd e della musica comunque immagazzinata in bit fosse migliore agli ascolti......fino a quando ho aggiornato il mio impianto analogico sostiutendo giradischi e pre-phono.
Le cose sono cambiate "da così a così" come suol dirsi.
E non è colpa del lettore cd, in quanto la qualità sonora dei cd è esattamente la stessa degli stessi pezzi rippati su pc. Il dac è lo stesso, ossia l'ottimo (secondo le recensioni) dac integrato nel mio ampli Peachtree.
E' solo una questione di ascolto. Non sto a considerare i master, in quanto non ho purtroppo possibilità di ascoltarli. Non è un fatto di numeri teorici, in quanto il mio apparato uditivo non sa se i bit sono 16 o 24, o i kHz 44 o 96. Sa solo che le vibrazioni emesse dai diffusori sono nettamente più simili a quelle emesse dagli strumenti e dalle voci ascoltati dal vivo, nel caso la sorgente sia il giradischi rispetto quelle che ascolto nel caso la sorgente sia il cdp o il pc. Anche a parità di brano, esecutore, registrazione ecc ecc.
E per me questo è diventato un problema....ho un sacco di cd...., anche se devo dire che negli ultimi 10 anni la qualità dei cd è migliorata!
Mi piacerebbe sentire l'opinione di molti amici del forum, in particolare gli scettici. Invito tutti a provare e paragonare le sorgenti. Chi ascolta solo cd o musica liquida, come facevo io, non se ne può rendere conto se non ascolta una sorgente analogica con una adeguata catena audio.
PS Tutto ciò a prescindere dalla comodità della musica digitale, dal gusto di maneggiare il cd o il vinile o il gusto delle regolazioni del giradischi; tutte queste ultime sono cose molto più soggettive della qualità della musica, che è anch'essa soggettiva ovviamente, ma credo di meno!
Altro PS Tutto ciò per me vale solo per la musica acustica (vocale, classica, jazz), in quanto la musica elettronica subisce già alla fonte una serie di elaborazioni per cui la similitudine tra ascolto dal vivo ed ascolto tramite catena audio hifi non è valutabile.

p.cristallini
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 26.06.11
Numero di messaggi : 2033
Località :
Impianto :
Spoiler:
# 1 - Principale - Thorens TD-160B + SME 3009 + Audio Technica AT F-7 MC. Thorens TD-145 MKII + Goldring 1042 MM. Lehmann Black Cube SE. Marantz CD-72SE (sola meccanica). PC + JRiver. Dac/Pre Peachtree Nova125. Finale Adcom GFA-555MKII. Magneplanar 2.7QR. Stanza della musica acusticamente ben trattata.
# 2 - Scrivania - PC + JRiver. DAC diy con WM8741 e TE7022. Ampli diy con TPA3116 ed ali Zetagi. Monovia diy con Tang Band W4-1337SD. Ampli cuffia Bravo Audio 1. Cuffia AKG701.
# 3 - Thorens TD166-MKV + Goldring 2200 MM + prephono Monrio ADN-N. PC + JRiver. DAC diy ES9018 e CM6631. Ampli Nad C320BEE. Monovia artigianali con Audionirvana Super 8" Cast Frame BVR + tweeter e subwoofer post.
# Rip vinili con Sound Blaster X-Fi HD.
# In panchina altri oggetti...



Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  daniele il Dom 30 Giu 2013 - 19:56

@Tasso ha scritto:
@flovato ha scritto:... senza dimenticare però che i master oramai sono tutti digitali... quindi se tanto mi da tanto la miglior "fedeltà" all'originale non potrà essere che digitale.
Hello
Esatto, il vinile non ha piú senso, se non spillare soldi a chi ne ha!
E adesso non ditemi che il master originale in digitale travasato su vinile suona meglio!
Non é mica vino! Laughing

l'affermazione in maniera assoluta non è molto corretta secondo me.
Il fatto è che col vinile si da la possibilità a molti che non possono permettersi un lettore cd coi fiocchi, di poter usufruire, grazie al preamplificatore fono mm o mc chesia dedicato, di uno stadio di uscita che nel 80% dei casi è di molto superiore rispetto alla media presente nei cd player di fascia medio bassa..diciamo, fino ai 600 euro.

Un preamplificatore fono molto economico come il cambridge 651 o il lehmann cube, permettono a parità di qualità di registrazione (mettendo che cd e vinile siano incisi partendo dallo stesso master) di ottenere una riproduzione migliore, sempre che il resto della catena sia equilibrata e all'altezza.

Il secondo fatto sul quale il vinile ha ancora senso è perchè molti master dell'epoca, vengono utilizzati (purtroppo) solo per riedizioni in vinile.
Ti faccio un esempio Gaucho degli steely dan in versione CISCO records, non esiste in CD e forse non esisterà mai, ma solo in vinile, e come Aja ce ne sono diversi di dischi.
sul fatto che i preziosi masters vengano riversati solo sul vinile...bè si...anche questo sarà forse per moda o non lo so...



daniele
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 09.09.08
Numero di messaggi : 1720
Località : Via della Povertà
Occupazione/Hobby : Desolation Row
Impianto : Nad c565 bee
Leak Stereo 20
PRE Croft Micro
DAC Lampizator
Spendor Ls3/5a


Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Hoogo il Dom 30 Giu 2013 - 20:29

@p.cristallini ha scritto:Io non ho ascoltato i miei vinili per molti anni. Credevo che non ne valesse più la pena e che la "superiore" tecnologia dei cd e della musica comunque immagazzinata in bit fosse migliore agli ascolti......fino a quando ho aggiornato il mio impianto analogico sostiutendo giradischi e pre-phono.
Le cose sono cambiate "da così a così" come suol dirsi.
Io trovo che i seguenti CD suonino in modo superlativo ma non ho un impianto 'reference' per fare il confronto con gli equivalenti 33. Se qualcuno lo ha mi piacerebbe conoscere la sua opinione.







A chi trova tracce di compressione nel CD di Dvořák pago da bere; come si dice.
-

Ps. Le raccolte delle middle ed earlier string di Beethoven sono incise bene tanto quanto le tarde.

Hoogo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 01.04.13
Numero di messaggi : 2199
Località : scarificata dalla miseria
Occupazione/Hobby : Musica Cinema Fotografia Informatica Comunicazione
Provincia (Città) : GE
Impianto : Non specificato | Desktop: SMSL SD 398 + SMSL SA 80 + SoundMAGIC HP100 + B&W685 () Wireworld Ultraviolet + Wireworld Luna 7 + MonsterCable XP-HP | Mobile: Sony A865 + Sony XBA3 + un'altra dozzina.

http://www.flickr.com/photos/giannimaselli/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Hoogo il Dom 30 Giu 2013 - 20:41

@daniele ha scritto:
Il secondo fatto sul quale il vinile ha ancora senso è perchè molti master dell'epoca, vengono utilizzati (purtroppo) solo per riedizioni in vinile.
Su questo c'è poco da dire. Anche per le cere ad incisione diretta; per i fortunati che le hanno comperate o ereditate ed ora le conservano.

Hoogo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 01.04.13
Numero di messaggi : 2199
Località : scarificata dalla miseria
Occupazione/Hobby : Musica Cinema Fotografia Informatica Comunicazione
Provincia (Città) : GE
Impianto : Non specificato | Desktop: SMSL SD 398 + SMSL SA 80 + SoundMAGIC HP100 + B&W685 () Wireworld Ultraviolet + Wireworld Luna 7 + MonsterCable XP-HP | Mobile: Sony A865 + Sony XBA3 + un'altra dozzina.

http://www.flickr.com/photos/giannimaselli/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Eulero il Mar 9 Lug 2013 - 17:47

Trovo interessante questa discussione.

Premetto che ascolto solo musica liquida, non di rado in alta risoluzione (anche se preferisco una risoluzione cd per un album ben registrato, piuttosto che l’alta risoluzione a prescindere).

Ho cominciato ad ascoltare musica con un impianto “serio” quando ero adolescente. Non posso ovviamente fare paragoni, né potrei pensare di virare al vinile oggi perché non avrei le condizioni per farlo. Tuttavia vorrei aggiungere al vostro dibattito un elemento. E’ giusto confrontare le caratteristiche dal punto di vista della qualità di riproduzione o di comodità o altro. Ma bisognerebbe fare anche una raffronto a parità di prezzo. Quando cominciai ad ascoltare musica (pardon impianti) non era infrequente che per la sorgente si spendesse quasi la metà della cifra stanziata per tutto l’impianto, spesso non meno di un terzo. Questo senza considerare  macchine lava dischi spazzole e rimedi antistatici, ecc. Ora capita sempre più spesso di vedere impianti in cui il valore del DAC non supera il dieci per cento del valore della catena.  Una volta bisognava comprare un giradischi, poi veniva il momento della scelta della testina. Venticinque anni fa spendere un milione di lire per una sorgente non era un acquisto da elite. Oggi siamo pieni di DAC economici. Voglio dire un Rega Planar di fine anni ottanta con una testina decente al tempo superava ampiamente il milione di spesa, che al cambio attuale supererebbero di corsa i mille euro di valore.
Con che cosa vogliamo confrontare questa sorgente oggi? Con un V-dac o con il mio Teac UD-H01? Sono degli ottimi DAC, ma non sarà che illusi dalla promessa dell’elettronica “miracolosa” a basso costo abbiamo trascurato la sorgente?

Queste poche righe nascono da un ragionamento che da tempo mi frulla per la testa.
Quando un paio di anni or sono e dopo un lungo periodo di astinenza audiofila ho deciso di comporre un impiantino nuovo, ho dato istintivamente un impronta alle mie scelte.
Alcuni giorni fa un po’ per aiutare un forumer che mi sembrava in difficoltà, un po’ per gioco, ho scritto una parte del mio pensiero in un post che ripropongo qui, ma di cui aggiungo il link alla discussione originale.

http://www.tforumhifi.com/t37397p45-la-resa-che-non-soddisfa

Una semplice formula ci fa capire quale sia la relazione tra qualità di ogni singolo componente e la qualità dell'insieme "catena". Una catena per la riproduzione audio può essere assimilata ad un insieme di tre componenti: sorgente, amplificatore e diffusori. Supponiamo di dare una valutazione delle qualità audio di ogni componente con un numero tra zero ed uno. Più il numero è vicino ad un più alta è a qualità del componente.
Avremo quindi ad esempio una qualità S=0.2 per la sorgente, A=0.7 per l'amplificatore, D=0.6 per diffusori/cuffie.
La qualità totale sarà espressa dal coefficiente q della tua catena:

q=SxAxD=0.2x0.7x0.6=0.084

Il coefficiente Sadness della tua catena sarà Q=qx100=8.4
Il coefficiente Sadness Q varia tra 0 e 100 ed un valore di Q=8.4 è un voto molto basso!

Questo vuol dire che pur avendo delle cuffie non male (D=0.6) e un amplificatore discreto (A=0.7) il risultato è penalizzante, soprattutto per la presenza di una sezione sorgente S=0.2. Se vuoi avere un risultato degno nulla può essere trascurato.
La formula è la più semplice possibile e nella versione base illustra l'interazione tra le componenti senza tenere conto di tanti altri fattori, che al momento mi sembrava superfluo introdurre.


Proviamo ora tornare tra i banchi di scuola e ad introdurre una formula leggermente più articolata:

q=sxS+axA+dxD

dove ogni termine S,A,D viene moltiplicato per un peso rispettivamente  s,a,d.

Per i pesi deve essere soddisfatta la relazione s+a+d=1

Supponiamo ora di voler acquistare un nuovo impianto e di volerci regalare una qualità di riproduzione q=0.7. Che componenti scegliereste?
Di S, A e D abbiamo già detto che rappresentano la qualità di riproduzione di sorgente, amplificazione e diffusori. Mentre s, a, d rappresentano i soldi da spendere in “percentuale” per ottenere la qualità cercata.

Quindi se dal mio punto di vista per ottenere lo stesso livello di qualità devo spendere il 10% per la sorgente, il 40% per l’amplificatore ed il 50% per i diffusori i coefficienti saranno in questo caso:

s=0.1
a=0.4
d=0.5

Quindi abbiamo imposto S=A=D=0.7 (stiamo supponendo che ogni componente sia dello stesso livello).
In questo caso utilizzando la formula della “media pesata” avremo:

q=sxS+axA+dxD=0.1x0.7+0.4x0.7+0.5x0.7=0.7

Supponiamo di aver individuato i nostri componenti, ma un vecchio zio ci chiede un favore ed a fronte di questo ci regala 500 euro. Abbiamo una ulteriore fonte insperata di denaro da spendere. Ora dove spendereste questa cifra se fosse da destinare ad uno solo dei tre componenti, tenuto conto che il budget iniziale era di 5000 euro?

Sappiamo tutti che raddoppiando la spesa di un componente audio non si raddoppia la qualità, ma in qualche modo tutti riconosciamo che esiste una relazione tra costo e qualità, anche se tutti ci illudiamo e giustamente speriamo che venga fuori un ammazza giganti dal costo irrisorio e dalle qualità superlative.

Con il budget iniziale di 5000 euro, secondo i pesi scelti dovremmo spendere:

500 euro per il DAC
2000 euro per l’amplificatore
2500 euro per i diffusori

E’ evidente che il maggior up-grade si otterrebbe mettendo i soldi dello zio sul DAC, poiché almeno in teoria, raddoppiando il prezzo del componente, dovrei riuscire a massimizzare il miglioramento, mentre invece sugli altri due componenti  i 500 euro rappresenterebbero rispettivamente un 25% ed un 20% di maggiore disponibilità sul prezzo di acquisto.
Tutto questo ragionamento, con evidenti e numerosi limiti, ci porta alla conclusione che un up-grade (una aggiunta di denaro di piccole proporzioni rispetto alla cifra totale) per dare il massimo dal punto di vista della qualità, andrebbe investita sul componente per cui abbiamo speso meno.
L’assurdo non troppo assurdo è che, pur avendo all’inizio deciso che per ottenere una qualità paragonabile agli altri componenti,  il DAC necessitava solo del 10% della cifra totale, proprio per questa scelta la logica mi dice che è il componente con maggiore bisogno di up-grade.

Non posso dire di essere completamente d’accordo con questo discorso, ma devo ammettere che pur non avendo un fascino particolare, aiuta a ragionare sull’aria fritta.
Che ne pensate di istituire un premio per il miglior ariafrittologo dell’anno? Partecipanti saranno solo gli iscritti al forum entro il 12/12/12 ed io mi candido! Laughing 

Sara la scimmia che sta circumnavigando il mio cervello per potermi convincere che devo cambiare il DAC? Don't know 
Sarò semplicemente stato pagato dai produttori di DAC? Mmm 

Per voi quali sono i pesi a, s, d che ritenete maggiormente validi nelle attuali condizioni di mercato, cioè in che percentuale ripartireste la spesa nel caso di un acquisto da fare nei prossimi mesi?

Ma soprattutto avete provato a fare una valutazione a parità di spesa tra digitale ed analogico?
E’ ovvio che nelle passioni il denaro quasi mai ha l’ultima parola.

P.S.
Per i costruttori di DAC che occultamente leggono il forum  questo è il mio IBAN:
IT 65465465465464654654654654654654654654  Hehe 

P.P.S
Vista la crisi in alternativa al bonifico va bene anche un DAC di valore almeno doppio/triplo del mio, per l’indirizzo di spedizione basta un mp grazie.

Triple P.S. Scusate la logorrea  Laughing

Eulero
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 16.03.12
Numero di messaggi : 483
Località : Bologna
Impianto : Musica: su Nas Synology DS112
Sorgente: Voyage MPD su Via Epia N800
Trasporto: HiFace 2
Dac: Teac UD-H01
Amplificatore: Naim Nait 5i
Diffusori: ProAc Studio 130

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  valvolas il Mar 9 Lug 2013 - 20:42

Ho visto che l'articolo iniziale che compare su un giornale a carattere generalista,io mi sono fatto l'idea per quanto conosca alcuni collezionisti di musica (gente da migliaia di cd) che valvole e giradischi nn siano piu' pane per i loro denti.L'appassionato puro di musica (spesso anche i critici) considera l'impianto uno ''strumento'' valvole e lp hanno delle problematiche che noi audiofili siamo disposti ad accollarci per la ricerca mai finita del suono perfetto loro no.I piu vecchi ricorderanno certamente gli sbattimenti per la conservazione del vinile che inevitabilmente dopo un po di ascolti frusciava,e sappiamo tutti bene che per ascoltare al meglio un valvolare va lasciato acceso almeno una mezzoretta,ha un certo ingombro,le potenze si faticano a tirare fuori e poi le valvole vanno cambiate dopo alcune migliaia di ore di ascolto,e la reperibilita' sei nn sei del ''giro'' nn e' ne facile ne' economica....La vedo dura una diffusione su larga scala,fuori dall'ambiente ns

valvolas
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 26.03.11
Numero di messaggi : 5253
Località : Lombardia
Provincia (Città) : Mi
Impianto : Valvolas minimalist classe A by Gigi6c/finale integrato valvolare 6L6-Ecc88 suitcase
by Gigi6c/pre-minimalist V4 /rotel ra-413/pre tube minimalist 6n6P/pretube bymau ecc88/Ecc82 pretty
casse:indiana line 11 50/national SB-22 alnico/Mayu 103 by Hell67 cavi:di tutto..autocostruito (senza la kriptonite di Urano)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  Albert^ONE il Mar 9 Lug 2013 - 20:46

Secondo me un buon ascolto con i vinili e le valvole è qualcosa di veramente magico. Smile

Albert^ONE
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.10.10
Numero di messaggi : 5357
Località : Lanciano(ch) Abruzzo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vinile, valvole e puntine… L’analogico emoziona ancora?

Messaggio  valvolas il Mar 9 Lug 2013 - 21:06

@Albert^ONE ha scritto:Secondo me un buon ascolto con i vinili e le valvole è qualcosa di veramente magico. Smile
 
Si il verbo che hai usato è ascoltare non sentire,che sono diversi nn per caso,cmq sia voglio vedere le persone comuni ma anche quelle appassionate di musica che si prendono tutto sto sbattimento,per avere un impianto hi-fi...
A me pare improbabile,io stesso ho ancora un 100naio di Lp tutti originali li conservo con cura perchè fanno parte della storia di ognuno di noi, ma nn riuscirei piu ad ascoltarli nel formato originale mi sn fatto le copie cd..
Vedo forse piu probabile il rilancio delle valvole ma poi una volta o l'altra scopriranno che nn sono eterne e che i ricambi nn si trovano dal droghiere.
ps nei primi anni 70 (gli ANNI D'ORO DELL'HI FI) gli impianti a valvole gia' si chiamavano esoterici,qnd ancora in europa alcune fabbriche le producevano per la ricambistica.

valvolas
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 26.03.11
Numero di messaggi : 5253
Località : Lombardia
Provincia (Città) : Mi
Impianto : Valvolas minimalist classe A by Gigi6c/finale integrato valvolare 6L6-Ecc88 suitcase
by Gigi6c/pre-minimalist V4 /rotel ra-413/pre tube minimalist 6n6P/pretube bymau ecc88/Ecc82 pretty
casse:indiana line 11 50/national SB-22 alnico/Mayu 103 by Hell67 cavi:di tutto..autocostruito (senza la kriptonite di Urano)

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum