T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Oggi a 21:12 Da CHAOSFERE

» upgrade 2500 max
Oggi a 21:01 Da natale55

» cablaggio interno
Oggi a 20:57 Da CHAOSFERE

» R.I.P GREG LAKE
Oggi a 20:49 Da Docarlo

» Consigli per impianto 2.1
Oggi a 20:39 Da Saiph

» Madame Butterfly
Oggi a 20:03 Da schwantz34

» Cavo ad Y RCA per Subwoofer
Oggi a 18:39 Da Suono56

» (GE) Trasformatore toroidale 230 V~ 2 x 45 V 2 x 3.33 A 300 VA Sedlbauer.
Oggi a 14:44 Da scontin

» Antenna FM
Oggi a 13:37 Da fritznet

» Dac per Koss PortaPro?
Oggi a 13:22 Da mako

» TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO
Oggi a 12:39 Da Angel2000

» Una storia di cavi
Oggi a 12:25 Da Suono56

» El GORDO - una torre senza filtri, si può?
Oggi a 12:23 Da Angel2000

» Cuffie bestbuy 150€ no amplificatore
Oggi a 11:50 Da bob80

» Diffusore bookshelf a due vie con woofer caricato in doppio carico Asimmetrico a vista (DCAAV)
Oggi a 11:45 Da ricky84

» AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finale
Oggi a 11:01 Da giucam61

» Collegare più sorgenti al T-Amp
Oggi a 10:51 Da CHAOSFERE

» [NO] vendo pre+finale valvole classe A
Oggi a 8:23 Da gigetto

» Confronto tra Breeze full mod. vs Drok ta2024b pareri personali e riflessioni
Oggi a 0:33 Da RAMONE67

» Amplificatore per Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B, quale migliore?
Ieri a 23:52 Da giucam61

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Ieri a 23:43 Da CHAOSFERE

» L'ho fatto, le ho distrutte :D
Ieri a 21:08 Da zimone-89

» Daphile - Audiophile Music Server & Player OS
Ieri a 20:53 Da dinamanu

»  il trends tamp è oggi un oggetto superato?
Ieri a 19:18 Da alexandros

» Quale ampli per le mie Dynaudio M20
Ieri a 18:13 Da dinamanu

» AUDIOLAB 8000SE
Ieri a 16:31 Da Gabriele Barnabei

» Casse acustiche quali?b&w 684 o IL tesi 560?
Ieri a 16:26 Da rx78

» impianto entry -level
Ieri a 11:12 Da giucam61

» fissa lettore CD
Ieri a 10:54 Da giucam61

» jbl lsr 305 vs krk rokit 6 g3
Ieri a 8:41 Da luigigi

» CAIMAN SEG
Ieri a 0:42 Da Zio

» (NA) Amplificatore Kingrex con DAC usb e uscita cuffie €270+ sped.
Ieri a 0:20 Da sonic63

» Daphile in ram
Mar 6 Dic 2016 - 23:58 Da ghiglie

» Aiuto lenco L75s
Mar 6 Dic 2016 - 20:36 Da Angel2000

» Ho preso le grado sr80e e vi porto un po' di impressioni
Mar 6 Dic 2016 - 19:02 Da dinamanu

» Alimentatore Muse i25w Ta2021 quale connettore?
Mar 6 Dic 2016 - 18:22 Da Tasso

» Messaggio per Valterneri NAD90
Mar 6 Dic 2016 - 18:05 Da enrico massa

» [to]Vincent sp 997 finali mono
Mar 6 Dic 2016 - 14:51 Da krell2

» OLD AKG K141 MONITOR E LITTLE DOT MK II V3.0
Mar 6 Dic 2016 - 14:47 Da sportyerre

» [AN] Teac UD-H01
Mar 6 Dic 2016 - 14:27 Da Masterix

» Player hi fi
Mar 6 Dic 2016 - 11:38 Da santidonau

» ultimo nato (mau 749 R.I.P)
Mar 6 Dic 2016 - 6:01 Da Tommaso Cantalice

» Alternativa a Volumio: Moode Audio!
Lun 5 Dic 2016 - 22:40 Da eddy1963

» Vendo 2XFostex FE83EN Euro 110 con enclosures bookshelf
Lun 5 Dic 2016 - 22:14 Da potowatax

» Amplificatore per chiudere il cerchio
Lun 5 Dic 2016 - 21:05 Da Sistox

» Giradischi - quesiti & consigli
Lun 5 Dic 2016 - 19:25 Da dinamanu

» nuove diva 262
Lun 5 Dic 2016 - 19:00 Da CHAOSFERE

» [NA] VENDO Monoblock Icepower 500a con Alimentazione Lineare + Cavi + Filtri di rete [700 euro)
Lun 5 Dic 2016 - 17:48 Da MrTheCarbon

» JRiver 22
Lun 5 Dic 2016 - 15:57 Da gigihrt

» Cd conviene ripararlo o....
Lun 5 Dic 2016 - 8:44 Da gigetto

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

76% 76% [ 148 ]
24% 24% [ 47 ]

Totale dei voti : 195

I postatori più attivi della settimana
CHAOSFERE
 
fritznet
 
lello64
 
dinamanu
 
rx78
 
giucam61
 
schwantz34
 
gigetto
 
Angel2000
 
sportyerre
 

I postatori più attivi del mese
CHAOSFERE
 
dinamanu
 
lello64
 
Angel2000
 
giucam61
 
fritznet
 
rx78
 
gigetto
 
natale55
 
R!ck
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15495)
 
Silver Black (15375)
 
nd1967 (12784)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10219)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8495)
 

Statistiche
Abbiamo 10370 membri registrati
L'ultimo utente registrato è digiposta

I nostri membri hanno inviato un totale di 769481 messaggi in 50062 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 90 utenti in linea :: 8 Registrati, 1 Nascosto e 81 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Biagio De Simone, CHAOSFERE, lalosna, lello64, micio_mao, natale55, SGH, sportyerre

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Furl  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  ph250 il Sab 30 Mar 2013 - 13:35

Il titolo è volutamente provocatorio, in quanto personalmente ritengo che la vera autocostruzione, intesa come realizzazione di qualcosa dopo aver compreso i principi fisici che sono alla base del funzionamento di un apparecchio, abbia il grandissimo pregio di stimolare la conoscenza e l' approfondimento. Questo è già molto positivo.
Mi chiedo tuttavia se oggi, con la miriade di prodotti a basso costo disponibili sul mercato, abbia ancora un senso imbarcarsi nella costruzione di un apparecchio seguendo semplicemente un progetto, senza approfondire le basi teoriche e progettuali. Magari per prodotti dichiaratamente di alto livello, può averne, perchè si va a coprire la fascia di prodotti che economicamente sarebbero per me inavvicinabili e che non sarei nemmeno in grado di progettare, ma per prodotti entry level?
Tanto per fare un esempio, ha ancora senso costruire un single ended valvolare entry level con gli schemini che andavano di moda sulle riviste di 10-15 anni fa ?
Non conviene acquistarne uno già bello e fatto online spendendo la metà ?

ph250
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 13.02.11
Numero di messaggi : 191
Località : Terni
Impianto : Knopex ibrido+trombe autocostruite con ph250 largabanda

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  iperv il Sab 30 Mar 2013 - 13:53

@ph250 ha scritto:Il titolo è volutamente provocatorio, in quanto personalmente ritengo che la vera autocostruzione, intesa come realizzazione di qualcosa dopo aver compreso i principi fisici che sono alla base del funzionamento di un apparecchio, abbia il grandissimo pregio di stimolare la conoscenza e l' approfondimento. Questo è già molto positivo.
Mi chiedo tuttavia se oggi, con la miriade di prodotti a basso costo disponibili sul mercato, abbia ancora un senso imbarcarsi nella costruzione di un apparecchio seguendo semplicemente un progetto, senza approfondire le basi teoriche e progettuali. Magari per prodotti dichiaratamente di alto livello, può averne, perchè si va a coprire la fascia di prodotti che economicamente sarebbero per me inavvicinabili e che non sarei nemmeno in grado di progettare, ma per prodotti entry level?
Tanto per fare un esempio, ha ancora senso costruire un single ended valvolare entry level con gli schemini che andavano di moda sulle riviste di 10-15 anni fa ?
Non conviene acquistarne uno già bello e fatto online spendendo la metà ?


Io penso abbia ancora senso autoprogettare qualcosa, proprio per avere qualcosa di unico e di differente rispetto alle cinesate tutte uguali e tutte parimenti malsuonanti - mi riferisco in particolare ai single ended valvolari economici che semplicemente non possono suonare bene.
Per certi versi è ancora l'unico modo per ascoltare a certi livelli e spendere non troppo.

iperv
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 17.06.09
Numero di messaggi : 616
Località : Cava d'aliga - Scicli (Rg)
Impianto : Eterogeneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  valvolas il Sab 30 Mar 2013 - 18:20

E' (o dovrebbe) essere un hobby e come tale il senso ''concreto/pragmatico'' potrebbe non esserci.Secondo me la differenza tra il prodotto ''commerciale'' e quello autocostruito la fa spesso la non limitazione di costi legati al budget aziendale che perseguita i ''professionisti'' e in qlc caso (anzi spesso) anche l'inventiva dell'hobbista e appunto i vincoli ridotti al minimo,e proprio il fatto che per lui (l'hobbista)non è un lavoro ci profonde soluzioni ''quasi creative'' (un termine diverso nn mi viene) .A volte cn pochi euro (x modo di dire Laughing ) si tirano fuori macchinette difficilmente reperibili sul mercato.
Tralasciando (solo x un momento) la ''bonta''' del progetto ti faccio un esempio concreto anche se banale il ''progettista commerciale'' mette un trasformatore da 1A su un consumo da 0,75 A mette resistenze da 1W se occorrono di quella potenza,i cavetti sn commerciali a buon prezzo lui ha il prblm del budget e limiti di tempo lavorativi,l'hobbista se ci vuole un trafo da 1A ce ne mette uno da 1,5 le reistenze le alza x il rumore termico il cablaggio usa cio' che sa funzionare meglio a volte va sul materiale militare o di alta qualità e ci mette il tempo che vuole x affinare.In sostanza tt questi accorgimenti (ma anche un buon progetto) al risultato ''orecchiabile'' fanno la differenza.

valvolas
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 26.03.11
Numero di messaggi : 5253
Località : Lombardia
Provincia (Città) : Mi
Impianto : Valvolas minimalist classe A by Gigi6c/finale integrato valvolare 6L6-Ecc88 suitcase
by Gigi6c/pre-minimalist V4 /rotel ra-413/pre tube minimalist 6n6P/pretube bymau ecc88/Ecc82 pretty
casse:indiana line 11 50/national SB-22 alnico/Mayu 103 by Hell67 cavi:di tutto..autocostruito (senza la kriptonite di Urano)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  nidirex il Mar 2 Apr 2013 - 9:54

Secondo me è l'unica strada per coniugare conoscenze, passione e soddisfazioni auricolari/emotive (e anche un pò di sana competizione).

I circuiti a cui ti riferisci sono per lo più di provenienza cinese, su eBay se ne trovano a migliaia, ma in fatto di qualità (leggasi anche complementarietà, visto che parliamo di stereofonia) di componenti... beh... ci sarebbe veramente da discutere! Smile

nidirex
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 01.02.12
Numero di messaggi : 606
Località : Palermo
Impianto : my ears.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  Guitarfabius il Mar 2 Apr 2013 - 10:09

Personalmente ritengo che il "risparmio economico" stia venendo meno....
Rimane comunque la gioia di realizzare qualcosa da sé, anche riproducendo qualcosa progettato da altri, o l'arricchimento culturale derivante dallìinventare, provare, capire, modificare, riprovare.

io sono un grande fan del DIY

Guitarfabius
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 06.02.13
Numero di messaggi : 364
Località : La Spezia
Impianto : Arcam rDac
Cambridge Audio Azur650
Casse Totem Sttaf
Lettore Marantz "antico"

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  ph250 il Mar 2 Apr 2013 - 11:10

@Guitarfabius ha scritto:Personalmente ritengo che il "risparmio economico" stia venendo meno....
Rimane comunque la gioia di realizzare qualcosa da sé, anche riproducendo qualcosa progettato da altri, o l'arricchimento culturale derivante dallìinventare, provare, capire, modificare, riprovare.

io sono un grande fan del DIY

Sono totalmente daccordo, la crescita personale derivante dalla conoscenza, in ogni campo, è per me uno degli aspetti più straordinari ed importanti della Vita. E' per questo che mi piace l' autocostruzione. Sul lato del risparmio economico invece,ammesso ci sia mai stato, andiamo sempre peggio e forse esiste solo per una certa categoria apparecchi di elevato livello.

ph250
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 13.02.11
Numero di messaggi : 191
Località : Terni
Impianto : Knopex ibrido+trombe autocostruite con ph250 largabanda

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  Albert^ONE il Mer 3 Apr 2013 - 21:17

Ha senso perchè ti scegli il progetto da segiure e i componenti di buona e se possibile di ottima qualità,quello che propone il mercato è tutta robaccia con componenti infimi. Smile

Albert^ONE
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.10.10
Numero di messaggi : 5357
Località : Lanciano(ch) Abruzzo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  blues 66 il Mer 3 Apr 2013 - 21:42

Secondo mè Sìì ...Un saluto a tutti Gli autocostruttori Hello

Cinesate . quello che propone il mercato è tutta robaccia con componenti infimi.
I see
Io ho scelto , il Vintage Oki

blues 66
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 14.11.11
Numero di messaggi : 1626
Località : Legnano
Impianto : una volta avevo un bell ' impiantino
KENWOOD KA 7300 /Copland CSA14
Onkio DV-SP 800
Thiel CS 2/MA 700 Gold MkII
Cavi autonomi

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  belozoglu il Mer 3 Apr 2013 - 22:26

Ha senso, ha senso... solo un esempio su tanti: quando saranno distribuiti le spec finali delle Bergelmir, con 750 euro si hanno due casse da mila mila euro... ma ce ne è... Laughing

belozoglu
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 13.09.11
Numero di messaggi : 941
Località : Milàn, già Mediolanum, già Medhelan
Provincia (Città) : Uless
Impianto : fra 6 e 400 watt. su 8 Ohm, ne.


Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  hell67 il Mer 3 Apr 2013 - 23:26

@ph250 ha scritto:Il titolo è volutamente provocatorio, in quanto personalmente ritengo che la vera autocostruzione, intesa come realizzazione di qualcosa dopo aver compreso i principi fisici che sono alla base del funzionamento di un apparecchio, abbia il grandissimo pregio di stimolare la conoscenza e l' approfondimento. Questo è già molto positivo.
Mi chiedo tuttavia se oggi, con la miriade di prodotti a basso costo disponibili sul mercato, abbia ancora un senso imbarcarsi nella costruzione di un apparecchio seguendo semplicemente un progetto, senza approfondire le basi teoriche e progettuali. Magari per prodotti dichiaratamente di alto livello, può averne, perchè si va a coprire la fascia di prodotti che economicamente sarebbero per me inavvicinabili e che non sarei nemmeno in grado di progettare, ma per prodotti entry level?
Tanto per fare un esempio, ha ancora senso costruire un single ended valvolare entry level con gli schemini che andavano di moda sulle riviste di 10-15 anni fa ?
Non conviene acquistarne uno già bello e fatto online spendendo la metà ?
Don't know Don't know Don't know Mmm Mmm

hell67
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 28.04.11
Numero di messaggi : 2133
Località : vicenza
Occupazione/Hobby : musica e donne e donne e musica(lavoro come un matto)
Provincia (Città) : niente bassi
Impianto : amplificatore classe a autocostruito, fostex fe103en autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  Mr Phil il Dom 7 Apr 2013 - 13:07

E' arrivato prima l'uovo o la gallina? Hehe
Purtroppo a certe domanda non c'è risposta. Per quanto mi riguarda potrei dirti NO, se vuoi realizzare qualcosa che esteticamente non ti faccia litigare con tua moglie. Parliamoci seriamente farsi un pre che "suoni bene" ci vanno 20 €uro, inscatolarlo a dovere ce ne vanno un bel po di più. Se poi ci metti che in commercio trovi ageggi che hanno anche ingressi ottici e coax, decodificatori dolby e dts a quattro soldi e appunto esteticamente anche accattivanti, allora hai perso in partenza. Però potrei anche risponderti SI, se appunto con 20 €uro fai un buon pre e lo metti dentro una scatoletta da 5 €uro , con altri 100 €uro ti fai un ottimo ampli (almeno dalle recensioni di voi di Tforum, appena finisco vi dico se è vero Very Happy ).
Ti ritrovi ad ascoltare Musica co la "M" con soli 150 €uro, tralasciando per la felicità delle mogli la parte estetica, d'altronde la musica si ascolta con le orecchie e non con gli occhi.
Però alla fine abbiamo risposto alla domanda? Secondo me NO.
Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing

Mr Phil
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 07.08.12
Numero di messaggi : 594
Località : torino
Occupazione/Hobby : elettricista / e non solo
Provincia (Città) : TO
Impianto : autocostruito:
Pre BMM ampli THE WALL........Casse autocostruite Coral Reference Series Sistema 8 Cavi potenza FFRC
Ampli HomeTheatre JVC RX-8012R
Lettore CD Pioneer PD-104
DAC Aureon XFire 8.0 HD

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  ideafolle il Dom 7 Apr 2013 - 17:06

be'....secondo me si. finche e' un divertimento e voglia di sperimentare. e per come la vedo io il divertimento non e' solo i circuiti, ma un tutto l'insieme ...case conpreso . che poi siano bizarri o seriosi questo non conta , ma e' una cosa che hai creato tu ...magari in un momento di estro un po particolare Laughing ed autocostruire per me e' fare un qualcosa al meglio possibile con quello che in quel momento uno ha, ed comprare (ma oculato e mirato) il minimo indispenzabile e vedere quello che uno riesce a fare, insomma e' una sorta di sfida Surprised se no sarebbe troppo facile Hehe :hehe:comprare cheis gia fatti e kit da montare solo componenti Suspect e non e' per me. Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing
se poi diventa un qualcosa per lavoro ........BE' lasciamo perde Ironic non cie storia e nessun commento da fare ..hai perzo in partenza Crying or Very sad
ps . la spesa ,per come la vedo io va in secondo piano in particolar modo se lo realizi per te o per un amico Laughing Laughing Laughing Laughing

ideafolle
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.12
Numero di messaggi : 5429
Località : vicini.... vIcini
Occupazione/Hobby : contare gli eu.
Provincia (Città) : SON CHI' ....NE'
Impianto : ......... VEDI AVATAR.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  mau749 il Lun 8 Apr 2013 - 11:13

A parer mio, e lo dico per esperienza diretta, l’autocostruzione attraversa diversi momenti “storici”.

All’inizio la molla che spinge a cimentarsi con transistors, resistenze e condensatori è quasi esclusivamente quella del risparmio: il prodotto commerciale costa troppo…?... e allora io me lo faccio da me…

Alzi la mano chi, di quelli della mia generazione, non ha mai assemblato un kit di Nuova Elettronica !

Si comincia senza capire assolutamente nulla di quello che si sta facendo, si seguono pedissequamente le istruzioni con la tabella dei codici colore delle resistenze davanti agli occhi e tutte le volte ci si deve ricordare che le piedinature dei componenti si devono guardare da sotto…

Unico strumento di misura, e che tale resterà per molti anni, è il fido ICE 680 R … i più giovani si facciano spiegare di cosa sto parlando…

Poi, quando finalmente attacchi la spina e da quel coso viene fuori qualcosa che assomiglia ad un suono… beh,… sei la persona più felice del mondo ed orgogliosamente vai in giro a dire: “… senti come suona… questo l’ho fatto io…!”

Molti si fermano qui, altri, con molta presunzione, si sentono progettisti “arrivati” e cominciano a pensare di essere ormai maturi per affrontare sfide più importanti: si cercano schemi di apparecchi famosi sulle riviste (erano gli anni ’70, a quei tempi internet era ancora fantascienza ed i computer erano dei grossi scatoloni bianchi confinati in ambienti protetti e condizionati e che facevano a mala pena le quattro operazioni), si “studiano” i circuiti stampati, con i trasferibili e molta pazienza si realizzano, sporcandosi quasi indelebilmente le mani e rovinando parecchi vestiti con il percloruro ferrico.

Per i componenti, spesso reperibili solo in Giappone (erano quelli gli apparecchi che si copiavano) ci si ponevano pochi problemi… 2SK…2SJ…che roba sono… meglio i nostrani BC… BD… confidando in improbabili equivalenze.

Qualche volta l’aggeggio funzionava anche e nemmeno tanto male, contando sul fatto che l’unico giudice del risultato finale era un orecchio, il nostro, neanche tanto esercitato… ma tanto bastava per riempirci d’orgoglio e di soddisfazione.

Da questo momento in poi la strada è tutta in discesa, gli impianti si complicano fino all’inverosimile: bi-triamplificazione, crossover elettronici, led (i primi sul mercato) da tutte le parti per fare anche “vedere” la musica…

Passano una decina d’anni fra alterne vicende e nei quali cominci anche a sperimentare la costruzione dei diffusori… più facili da fare delle elettroniche anche perché da quelle scatole di legno con appiccicati, spesso a caso, gli altoparlanti, qualcosa viene sempre fuori…

Poi un bel giorno un amico ti presta un insignificante apparecchietto francese piccolo, brutto e nero…

In “una notte di mezz’estate” lo colleghi al tuo impianto ipertecnologico, metti sul piatto del giradischi un paio di “pizze nere” che conosci bene e… ti si apre un mondo nuovo… la musica ora ti avvolge e ti coinvolge suscitando emozioni mai provate…

Passi tutta la notte ad ascoltare, piano perché il resto della famiglia dorme, e ad ogni disco scopri qualcosa che non avevi mai sentito prima…

Finalmente all’alba di quel sabato prendi una decisione che si rivelerà fondamentale: “… vediamo com’è fatto dentro..”

Con molta cautela apri lo scatolotto e… “… porca miseria…!... non c’è quasi niente dentro… due valvoline, una manciata di resistenze e qualche condensatore… tutto qui…”

… il resto è storia recente…

Per rispondere alla domanda: si, decisamente si, l’autocostruzione conviene ancora!

P.S. Scusate, mi sono reso conto solo ora di avervi raccontato la storia della mia vita…

_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"

mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  lukyluke il Lun 8 Apr 2013 - 11:25

Per quanto mi riguarda autocostruire è a seconda delle applicazioni un hobby ed un modo per salvaguardare il portafogli. In questa visione si spazia dal recupero funzionale di "Rifiuti speciali" come computer rotti, TV ed apparecchiature elettroniche in generale, quindi con una funzione "economica" alla realizzazione di oggetti altrimenti inavvicinabili, Gaincard docet. Ma alla fine quello che conta è la soddisfazione personale, che non ha prezzo e prescinde spesso dal risultato effettivamente raggiunto. Mi è capitato di ascoltare oggetti creati da amici che soggettivamente ritengo suonassero male ma che per il loro costruttore erano delle meraviglie, (penso che specularmente la cosa si applichi a me) e tutto sommato avevano soddisfatto il principale requisito "l'hi-fun"

lukyluke
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 04.10.12
Numero di messaggi : 702
Località : Pont Canavese
Occupazione/Hobby : Automotive/Elettronica, fotografia, trekking... ecc...
Provincia (Città) : Torino
Impianto : vari..

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  parpas il Lun 8 Apr 2013 - 20:59

secondo me l'autocostruzione in genere (non solo di elettroniche) è sempre positiva, accresce conoscenze, ci ingegna, ci fa inseguire la nostra idea del bello, non posso fare a meno di costruire cose, anche se già lo faccio di mestiere non riesco a fermarmi neanche a casa Very Happy è uno sfogo creativo che se si è conosciuto non si può abbandonare

parpas
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 04.10.12
Numero di messaggi : 113
Località : Colleferro
Impianto : magiadischi Penny;
Radio a Galena

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  Mr Phil il Lun 8 Apr 2013 - 21:18

Ragazzi forse vi siete persi la domanda iniziale. Cito la domanda:

"Tanto per fare un esempio, ha ancora senso costruire un single ended valvolare entry level con gli schemini che andavano di moda sulle riviste di 10-15 anni fa ?
Non conviene acquistarne uno già bello e fatto online spendendo la metà ?"

Non si sta parlando se realizzare una cosa con le proprie mani ha senso. Anche a me piace costruirmi le cose. Si sta parlando se autocostruire ha senso per risparmiare. Secondo me come ha detto Fernando negli anni 80 aveva senso perchè farsi un ageggio elettronico di buon livello costava la metà che comprarne uno entry level. Oggi ci sono buoni prodotti al costo di un pacchetto di patatine Hehe Hehe

In rete ho visto dei valvolari esteticamente accattivanti che te li porti a casa e al massimo vai giù di abartizzazione. Si riesce da zero a spendere la metà e avere lo stesso risultato?

Mr Phil
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 07.08.12
Numero di messaggi : 594
Località : torino
Occupazione/Hobby : elettricista / e non solo
Provincia (Città) : TO
Impianto : autocostruito:
Pre BMM ampli THE WALL........Casse autocostruite Coral Reference Series Sistema 8 Cavi potenza FFRC
Ampli HomeTheatre JVC RX-8012R
Lettore CD Pioneer PD-104
DAC Aureon XFire 8.0 HD

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  parpas il Lun 8 Apr 2013 - 21:22

Ah bhè, allora la risposta è NO Very Happy

parpas
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 04.10.12
Numero di messaggi : 113
Località : Colleferro
Impianto : magiadischi Penny;
Radio a Galena

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  mau749 il Mar 9 Apr 2013 - 0:29

@Mr Phil ha scritto:Ragazzi forse vi siete persi la domanda iniziale. Cito la domanda:

"Tanto per fare un esempio, ha ancora senso costruire un single ended valvolare entry level con gli schemini che andavano di moda sulle riviste di 10-15 anni fa ?
Non conviene acquistarne uno già bello e fatto online spendendo la metà ?"

Non si sta parlando se realizzare una cosa con le proprie mani ha senso. Anche a me piace costruirmi le cose. Si sta parlando se autocostruire ha senso per risparmiare. Secondo me come ha detto Fernando negli anni 80 aveva senso perchè farsi un ageggio elettronico di buon livello costava la metà che comprarne uno entry level. Oggi ci sono buoni prodotti al costo di un pacchetto di patatine Hehe Hehe

In rete ho visto dei valvolari esteticamente accattivanti che te li porti a casa e al massimo vai giù di abartizzazione. Si riesce da zero a spendere la metà e avere lo stesso risultato?

Perché pensi che quello già bello e fatto, cinese o no, utilizzi schemi diversi?

A mio parere il discorso deve essere affrontato da un altro punto di vista.

Il ragionamento del risparmio credo debba essere inteso non in termini di costo ma in quello di qualità: a parità di costo ho un apparecchio "migliore".

Ci sono schemi, parliamo di valvole, che hanno sulle spalle cinquant'anni ed hanno ancora prestazioni difficilmente superabili e sono ancora migliorabili soprattutto considerando il grande salto di qualità che in questi anni ha fatto la componentistica "accessoria" e parlo di resistenze, condensatori, ecc.

Non credere che nell'ambito commerciale ci siano poi così tante novità da giustificare il prezzo, spesso sproporzionato all'effettivo valore, di certi prodotti.

In quanti apparecchi hai visto utilizzare i condensatori carta/olio, o quanti CCS hai visto in giro o quante volte il cinesino luccicante (e non) dal costo di un pacchetto di patatine ha utilizzato un led per polarizzare un tubo?

Ti fanno pagare il sovrapprezzo per un potenziometro ALPS... signori, al negozio sotto casa, se lo andate a comprare, costa 10 euro...

Oggi ci sono a disposizione dell'autocostruttore schemi "moderni" e validissimi, non si deve necessariamente copiare lo schemino che andava di moda sulle riviste di 10 o 15 anni fa...

In più l'autocostruzione ha il grande vantaggio di non avere vincoli di mercato legati alle mode del momento che a volte hanno solo funzioni estetiche.

Che senso ha utilizzare una raddrizzatrice 274 B su un pre che assorbe al massimo 10 mA... basta e forse suona anche meglio una 6X4 o una 5Y3... si... ma vuoi mettere quanto è bella la 274...

Se poi è l'estetica a fare la differenza alzo le mani... qui non c'è storia, hanno vinto loro...

Infine a riguardo dell'abartizzazione di certi prodotti avrei molti dubbi sul risultato finale... spesso converrebbe buttar via tutto quello che c'è dentro, tenere solo la scatola e ricominciare seriamente da capo...

_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"

mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  verderame il Mar 9 Apr 2013 - 13:58

Ha senso autocostruire?
Me la sono fatta anch'io questa domanda.
Occorre fare una premessa però, non avevo mai autocostruito nulla di "audiofilo" e con l'elettrotecnica sono praticamente a zero...
Ad un certo punto mi è salita la scimmia dell' autocostruzione anche se non sapevo se tentare un assemblaggio di un amplificatore o la costruzione da zero di diffusori acustici, facendo delle ricerche e tenendo conto due punti fondamentali che erano i costi e la difficoltà di esecuzione mi sono orientato sui diffusori.
Perchè?
Lasciando perdere le scarse conoscenze tecniche che mi avrebbero comunque penalizzato nell'esecuzione di un amplificatore ( ma forse col temnpo avrei imparato tanto...) mi è sembrato di capire che dal punto di vista economico non si ottengono grandi benefici visti i prodotti già belli e pronti a prezzi accettabili.
Sui diffusori acustici invece ho avuto l'impressione contraria ovvero di poter realizzare con una spesa contenuta qualcosa di ben suonante e concorrenziale con i prodotti di mercato, ho deciso quindi di provare a costruire dei "cloni" Rogers Ls3/5a, progetto semplice e veloce.
Con mio grande entusiasmo la costruzione ha avuto successo ( manca ancora la finitura del case ) ! Very Happy In pratica con poco più di 250€ sono riuscito ad assemblare dei diffusori davvero validi, non universali per via della contenuta resa delle basse frequenze ma eccezzionali per quanto riguarda la musica strumentale e vocale, le mie tesi 540 sotto a questo aspetto ne escono a testa bassa.
Prossimamente volevo cimentarmi in progetti un pò più ambiziosi come le BRS 130/R12 di Renato Giussani e quando disponibile il progetto le Bergelmir di wasky di cui molti sembra essere entusiasti.
A tal proposito vorrei chiedere una semplice domanda a chi ha avuto il piacere di ascoltare questi diffusori: a cosa le paragonereste? Per intenderci, le recensioni personali sui forum le ho lette, ma parlando di prodotti "finiti" e disponibili sul mercato dove si posizionerebbero? Avrebbero degli "avversari" diretti con i quali confrontarsi?
Tornando alla domanda iniziale a mio parere la validità dell'autocostruzione la si riscontra quando la realizzazione permette di ottenere risultati paragonabili a prodotti molto più costosi, contrariamente non avrebbe senso.
Sempre parlando di puro vantaggio economico, l'arricchimento e la goduria prodotto dall'autocostruzione non ha prezzo! Very Happy

verderame
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 07.01.13
Numero di messaggi : 453
Località : lombardia
Provincia (Città) : mb
Impianto : ampli: Galactron 2121 - Nad C352 - Ta2020 smsl - breeze
Full Statements diy - natalie p diy - rogers clone diy - periakusma diy
Pre: Galactron 2016
dac: asus xonar essence one - hiface two - cambridge dac magic 100 - cube prodigy - superpro 707
ampli cuffie: Bravo audio
Cuffie: AKG 550

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autocostruzione: Ha ancora senso ?

Messaggio  Mr Phil il Gio 25 Apr 2013 - 18:36

Forse mi sono espesso male....
Autocostruirsi un ampli o delle casse sicuramente come resa è migliore in rapporto qualità/prezzo a quello che si va a comprare bello e fatto non lo metto in dubbio. Io tutt'ora se guardate a sinistra sotto il mio avatar mi sono autocostruito alcune cose con grandissima goduria e soddisfazione e sto realizzando altre cose che se dovessi compralre gia fatte spenderei migliaia di €uri......Il fatto è che quando ma mia moglie le guarda non dice bravo caro che ti sei autocostruito ste cose ma bensì......"si vede che sono fatte artigianali" sue parole testuali.Hehe Hehe.....Lotto tutti i giorni per tenere in salotto le mie creazioni. Le cose so due o tengo le mie creazioni e lascio mi moje o viceversa Laughing Laughing Laughing
Questa è la mia creatura, se mi dite anche voi che fannpo schifo le smonto Crying or Very sad


Questo invece è un ampli a valvole visto in fiera a milano si chiama minimalist e costa 5000€

Mr Phil
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 07.08.12
Numero di messaggi : 594
Località : torino
Occupazione/Hobby : elettricista / e non solo
Provincia (Città) : TO
Impianto : autocostruito:
Pre BMM ampli THE WALL........Casse autocostruite Coral Reference Series Sistema 8 Cavi potenza FFRC
Ampli HomeTheatre JVC RX-8012R
Lettore CD Pioneer PD-104
DAC Aureon XFire 8.0 HD

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum