T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11755 utenti, con i loro 818716 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Condividi

descriptionDARK SIDE OF THE...FUTURE ...

more_horiz
http://www.discoclub65.it/disco-mix/archivio-mainmenu-45/5242-disco-mix-169-dark-side-of-the-future.html

"Ne abbiamo già parlato e non c'è niente di più noioso che ripetersi: ma cercare di capire quali siano le strategie delle case discografiche è argomento troppo affascinante per essere abbandonato. Dalla scorsa settimana in edicola, allegato a Repubblica o Sorrisi e Canzoni TV (in teoria sono gruppi concorrenti, ma una joint-venture non si nega a nessuno) è possibile acquistare i cd della discografia dei Pink Floyd a 9,90 euro in aggiunta al prezzo (in realtà l'edicolante si guarda bene dall'appiopparvi quotidiano a settimanale; si tratta solo di un escamotage per non pagare l'IVA). Primo ad essere pubblicato, in occasione del quarantennale, "The Dark Side of the Moon"; lo stesso cd in un qualunque negozio dei diciotto rimasti sulla penisola lo trovate a circa 20 euro, decino più, decino meno, perché la EMI (che per la cronaca è stata assorbita ufficialmente dal gruppo Universal, contraendo a tre il numero delle major esistenti) si è ben guardata dall'estendere l'offerta a chi in effetti avrebbe i titoli per venderla più di ogni altro. Pazienza, direte voi, la sorte dei negozianti non è affar nostro, i tempi cambiano e ormai la musica si compra in edicola. O sul web. O si ascolta sul web, perché l'irruzione di Spotify nelle nostre vite comincia a farsi sentire. Scaricando sul computer l'apposito programmino ci si trova catapultati come l'Alice di Tom Waits in un vero e proprio paese delle meraviglie, Tu digiti un brano ed eccolo pronto a suonare: gratis e per quante volte vuoi. Provate: ho trovato "Tago Mago" dei Can, gli Alunni del Sole, Luca Serà Micheli, che è un mio amico, Demis Roussos e anche una tribù di Pigmei che suona l'acqua come se fosse un tamburo. Se poi andate alla sezione radio trovate quella della Blue Note in cui potete fare la ricerca per anni, titoli, brani o gruppi; della Def Jam e della Matador, i consigli del Guardian, di Rolling Stone (americano, tranquilli) o di Quincy Jones. E un'apposita app vi fa scorrere i testi a mo' di karaoke, mentre ascoltate il brano. Tutto gratis. Certo, la qualità è quella che è, ma in una serata tra amici il divertimento è assicurato e senza dover tirare fuori un cd (o peggio un lp) dagli scaffali. Se poi volete svenarvi con 9,9 euro al mese (dev'essere una fissa questa del 9,9) avete alta qualità e possibilità di ascolto offline. Fantastico direte voi, se non fosse che dopo i primi momenti di esaltazione inevitabilmente finirete per accorgervi che la musica non c'è proprio tutta tutta. Ad esempio il primo dei King Crimson non si trova (e come si fa a fare a meno di "Song to the wind" cantata da Greg Lake); non c'è "Passion" di Peter Gabriel, né "To Each..." di A Certain Ratio. E non ci sono il secondo dei Led Zeppelin, il Sgt. Pepper e la sua banda di cuori solitari (i Beatles li trovate solo su iTunes, ma a pagamento ed è un'altra storia ancora), gli AC/DC di "Back In Black", i Radiohead di "In Rainbows", Joanna Newsom e Patti Smith. Insomma il sogno babelico di tutta la musica a portata di mouse ancora non si avvera e chissà mai se si avvererà. E ovviamente non vi aspettate di trovare "The Dark Side of the Moon", anche per quello, come per tutti gli altri dischi dei Pink Floyd, Spotify non ha i diritti. Vi tocca l'edicola o se siete proprio degli inguaribili romantici un bel negozio di dischi.

Questo articolo è dedicato a un ragazzo vestito di nero con un basso a tracolla e la ragazza al fianco, che sabato 16 marzo intorno alle ore 18.30 è entrato da Disco Club – negozio dal 1965 in Genova – chiedendo "The Dark Side of the Moon". Il titolare gli ha pazientemente spiegato che in questo momento lui non lo tiene perché in edicola si trova a 9,90. Lui ha sorriso e ha detto: " va bene, aspetterò quando riarriva".

descriptionRe: DARK SIDE OF THE...FUTURE ...

more_horiz
sunny

descriptionRe: DARK SIDE OF THE...FUTURE ...

more_horiz
Per chi fosse interessato al fenomeno delle "case discografiche vs. internet" suggerisco caldamente di leggere l'interessantissimo libro "La musica liberata" di Luca Castelli, ed. Arcana.

descriptionRe: DARK SIDE OF THE...FUTURE ...

more_horiz
Dark Side, con un po' di ricerca, si trova tranquillamente sotto i 7€ nuovo, e non a 20€.
CD fisico, in negozio virtuale...

(Io l'ho pagato 4 usato, ma sono tirchio).

descriptionRe: DARK SIDE OF THE...FUTURE ...

more_horiz
@Abulafia ha scritto:
Dark Side, con un po' di ricerca, si trova tranquillamente sotto i 7€ nuovo, e non a 20€.
CD fisico, in negozio virtuale...

(Io l'ho pagato 4 usato, ma sono tirchio).


Mmm Si.. ma quale? La cosa assurda di questo disco, e parlo solo dei formati digitali, è che ne esistono un boato di stampe/versioni!
Un CD fu stampato negli anno '80, una nuova stampa negli anni '90, ora c'è quella del 2011(Discovery Edition) uscita insieme alla "immersion edition" che contiene 6 CD, poi c'è la "original master recording", che spunta prezzi da panico, poi c'è quella in SACD...
Tanto è quello che ha venduto ed ha incassato questo questo lavoro che ve lo dovrebbero offrire al prezzo di costo dei materiali usati per farlo o poco più!
Insomma di fronte a cotanta speculazione, ma ascoltatevi la musica punto e non mi dite che... non sapete come fare! Hehe

descriptionRe: DARK SIDE OF THE...FUTURE ...

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum