T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» [PA] Vendo Giradischi Project genie rpm 1.3
Oggi alle 3:37 Da mastri81

» [PA] Vendo Amplificatore Harman Kardon HK680
Oggi alle 3:26 Da mastri81

» Mission LX-2
Oggi alle 0:58 Da Kha-Jinn

» Giradischi project essential II
Ieri alle 23:56 Da giucam61

» Diffusore triste, voglio provare
Ieri alle 23:53 Da giucam61

» Vu meter audio
Ieri alle 23:16 Da clipper

» DAC per Raspberry
Ieri alle 22:50 Da gabri65

» Dubbi su Bluetooth
Ieri alle 21:07 Da GP9

» FX 802 vs Bantam Monoblock vs Nad 325BEE
Ieri alle 21:06 Da pinkflo2

» player di rete denon o marantz , ne vale la pena?
Ieri alle 21:06 Da gabri65

» Continuo con il Rasp o lascio perdere?
Ieri alle 20:51 Da gabri65

» Sorgente in sostituzione del Raspberry+Hifiberry
Ieri alle 20:36 Da gabri65

» Emu 1212m pci ex
Ieri alle 17:42 Da franz 01

» Am Audio A5 850 euro
Ieri alle 17:41 Da franz 01

» Sony uhp h1
Ieri alle 17:11 Da Luca Marchetti

» Consiglio gruppi power metal
Ieri alle 17:10 Da pij

» Invertire Sx con DX
Ieri alle 16:45 Da hsh1979

» PS Audio Nuwave o M2tech Young
Ieri alle 15:52 Da alessioashtangi

» Consiglio per upgrade diffusori / upgrade impianto
Ieri alle 13:01 Da giucam61

» Aleph 2 classe A 100W di Nelson Pass - chi ben comincia
Ieri alle 12:58 Da neno_07

» aiuto miglioramento sala d'ascolto
Ieri alle 12:10 Da gubos

» problema audio con Thorens TD320MKii
Ieri alle 10:59 Da elmolewis

» Cerco pre prebby hv
Ieri alle 9:59 Da verderame

» [Vendo] Nad C316BEE €210
Ieri alle 8:47 Da Dreammachine

» Acquisto dussun dove ?
Ieri alle 8:43 Da chiccoevani

» Nuovo Douk Dac
Lun 16 Ott 2017 - 23:55 Da uncletoma

» Consiglio impianto per diffusori KEF Coda 70
Lun 16 Ott 2017 - 21:44 Da Kha-Jinn

» consiglio su impianto digital
Lun 16 Ott 2017 - 21:13 Da Piper

» rumore fastidioso da dove viene?
Lun 16 Ott 2017 - 21:04 Da MaxBal

» Topic'it, nuova applicazione mobile per il T-Forum
Lun 16 Ott 2017 - 20:27 Da Luca Marchetti

Statistiche
Abbiamo 11084 membri registrati
L'ultimo utente registrato è HeyGio'

I nostri membri hanno inviato un totale di 797320 messaggi in 51696 argomenti
I postatori più attivi della settimana
giucam61
 
clipper
 
Masterix
 
GP9
 
Kha-Jinn
 
erduca
 
gabri65
 
ftalien77
 
Luca Marchetti
 
uncletoma
 

I postatori più attivi del mese
lello64
 
giucam61
 
nerone
 
dinamanu
 
ftalien77
 
Masterix
 
Kha-Jinn
 
Albert^ONE
 
kalium
 
erduca
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15532)
 
Silver Black (15480)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9195)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 35 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 34 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

melopithymia

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Cerberus Shoal: Homb (1999)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cerberus Shoal: Homb (1999)

Messaggio  Artinside il Gio 25 Ott 2012 - 12:39

http://www.debaser.it/recensionidb/ID_14940/Cerberus_Shoal_Homb.htm


Cerberus Shoal: Homb
Di MorgueOfAbsinth


"Harvest" è lo straniante incipit che spalanca i cancelli di Homb, parto degli americani Cerberus Shoal, datato 1999; su un nero e rumoristico umore di fondo si stagliano progressivamente pugni di tastiera e borbotti elettronici, battiti sommessi ed inumani, uno sferragliare di catene acquatiche, liquide. La cacofonia chiamata a raccolta è solo apparente: ognuna di queste immagini strappate e percosse via da una pellicola inesistente è simile all'interno sanguinante e caotico di un corpo animale, un magma rossastro e disordinato che a distanza muta tunica e si rapprende fino a formare un'unità ipnotica. Passano le ore. Omphalos. Collegata con un cordone ombelicale alla precedente sorella, Omphalos gioca con un perenne ed evanescente sentiero post-rock che cresce in diametro e spessore, acquisendo stralci percussivi discreti ma suadenti, arricchendosi di felci sotto forma di chitarre che arpeggiano pulite, ignare e sottomesse ad un ritmico pulsare artificiale che sale da profondità pietrose per farvi ritorno dopo un timido sguardo al mondo esterno, terrorizzato da bieche incursioni di grassi ottoni. Il sentiero si allarga. Un'esplosione contenuta, segnalata all'osservatore da un accordo non troppo distorto e da un morente crescendo di tromba. Dal sentiero, o meglio, dai suoi bordi, occhieggiano rosse fauci. Il cammino non cambia, la leggera e sacra inquietudine dell'esordio non si placa, la dilatata atmosfera che regna su tutto non accenna a raccogliersi, a mutilarsi della sua stessa incapacità di rimanere rinchiusa dentro una croce. Siamo vicini alle capanne dei Godspeed, oppure a qualche fuoco acceso dai Boards Of Canada. Il limitare di un cerchio sacro è indicato dal ronzio di un flauto tribale e circondato da folletti - riverberi. Omphalos muore.

Ha inizio il trittico di Homb, Myrrh. Myrrh (Waft) si apre con distanziate ed eteree note di chitarra. Un cavaliere che transita fa scintillare i suoi speroni luridi, derubati subito da Cerbero per la perla Myrrh. Ancora dilatazioni, ancora post-rock, sacrale, pagano, elevato da un lentissimo flauto che sembra uscire dalle rughe perenni di un ghiacciaio, lontano, perso nella lava tiepida di un altrove indefinito, di un Eden perduto dove anche l'uomo partecipava della divinità. Due voci chiamano, sussurrano, ripetono un mantra, mentre la musica rimane ignara, non muta il suo corso, non bada al fragile ma deciso lamento, non vuole conoscere grumi nel suo dipanarsi dignitoso e religioso.

Lo scrosciare dei piatti apre Myrrh (Loop). L'inquietudine di "Harvest" torna. Ancora lamenti metallici; viene evocata una tromba alienata e ubriaca. Un loop di basso e tromba nasce dal nulla, si ripeterà lungo tutto il corso della pietra Myrrh, mentre una tromba incide solchi iberici di dolore e frammentazione, alzandosi dolce e malinconica a guidare l'ossessivo procedere della danza. Il loop si placa. E' un arpeggio lieto e funebre che accompagna ora la claudicante corsa della tromba, mentre l'ambient si fonde al suono di un grillo e al sibilo sottile di un muezzin senza fedeli che pretende attenzione. Folk magico, danza di wha-wha quasi impercettibili, mutazioni improvvise ma quasi attese. Il loop ritorna, accompagnato dalla batteria perentoria ed implacabile. Myrrh (Loop) muore. Un arpeggio che ricorda il lato folk degli Agalloch apre Myrrh (Reprise). L'impressione viene subito abbandonata quando un sitar pacato ma follemente saltellante inizia il suo viaggio fra le pieghe uterine di Homb. Di nuovo il muezzin intona sillabe, il canto sacrale di migliaia e migliaia di avi vissuti nel seno della terra prima dell'eterna corruzione. Ancora la tromba si sposa al metallico e nascosto rullo di percussioni di pelle di capra, tracciando le linee di un arazzo che parte da un fiordo per lambire stellate rive orientali. Il collegamento alle due sorelle Myrrh torna con una liquida e tremolante serie di accordi, disturbata da effetti discendenti e da una sensazione inquietante ma solare che ha una breve esistenza. Accordi lenti e distorti portano Myrrh (Reprise) a far da messaggera della fine di Homb. Tra terrori e vagiti elettronici Homb giunge al termine, dopo essere nato e cresciuto tra post-rock e folk, tra rumorismo ed ambient, sempre ineffabile e pervaso di un'aura sacra e misterica.




http://www.youtube.com/watch?v=rgaTIFUZM8E
avatar
Artinside
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 29.01.09
Numero di messaggi : 3182
Località : Sassari
Occupazione/Hobby : Arte Contemporanea
Impianto :
Spoiler:
Sorgente: Jvc xv-n680
Pre: Minimalist autocostruito
Amplificatori: Hifimediy Tk2050 alimentata in AC, Smsl sa-s1 Ta2020, Smsl sa-s2 Ta2024, Helder Audio Ta2024 , S I T amp Ta2024, Sure Ta2024, Sure "Octopus" Tpa 3123, Scythe sda1000, Gainclone Lm1875
Diffusori Esb xl5, Alix Project One
Ampli cuffie: Poppulse mini headphone amp
Cuffie: Grado - Alessandro MS1, Koss Portapro, Jvc ha-fxc51, Monoprice 8320, Jvc Ha-fx34, Awei es-q9, Xkdun Ck-700 etc, etc, etc....


http://www.gavinoganau.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum